Ripartiamo dalle TV locali per dare valore all’informazione

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
tv_regime.jpg

"[...] Il presidente dell’Agcom Angelo Marcello Cardani, nonostante il suo stipendio di 300 mila euro annuali continua a servire il gruppo dei partiti che lo ha eletto e che ha in programma di cancellare le poche voci libere rimaste di radio e televisioni locali. Egli, oltre ad emanare continue delibere vessatorie se non liberticide, ha proceduto contro la legge affidando alle società private Audiradio e Audicom le indagini di ascolto quando la legge 249/97 stabilisce che a curarle deve essere la stessa Agcom tollerando incredibilmente che i telegiornali omettano la voce di importanti gruppi politici come il MoVimento 5 Stelle, o ne parlino solo per diffamarlo. [...] Nonostante la nostra regolare comunicazione testimoniata da questo scritto inviato a tutte le agenzie, era prevedibile il silenzio, in particolare quello del servizio pubblico della Rai e di altri mezzi disinformativi nazionali, assuefatti ormai da oltre dieci anni a ignorare le notizie quotidiane che interessano i cittadini, per inseguirne altre finte esplosive, peti di politici o altro, rivelandosi sempre di più al grosso pubblico come esempi di inutilità informativa. Sappiano le Radio e Televisioni locali supplire all’atteggiamento dei ladri di verità nazionali, informando convenientemente e correttamente i loro ascoltatori. [leggi tutto su La Cosa]" Mario Albanesi, presidente del Coordinamento nazionale Nuove Antenne (CONNA)

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • salvatore Leonangeli (s leonangeli) Utente certificato 3 anni fa
    Premetto che può essere una proposta vecchiotta e scontata;Quando una comunità si accorge che uno Stato pratica delle ingiustizie sui più deboli; o un azienda si arricchisce con la manodopera di bambini dei paesi poveri; mette in pratica un efficace strumento anche comunicativo: il "boicottaggio" dei suoi prodotti; Bene, possiamo pensare allo stesso strumento per quanto riguarda l'informazione nel nostro paese; boicottando quelle testate giornalistiche - anche On line - faziose e asservite alle famigerate lobby e agli interessi politici a loro collegati.in questo modo è possibile che anche i più "distratti" faranno attenzione a quello che gli "propinano" quotidianamente. A tal proposito, avrei già 4/5 nomi di testate. che ne pensate?
  • Franco Mas 3 anni fa
    Sì, certo, percorriamo tutte le strade disponibili, anche la compartecipazione con una tv locale può essere un'idea, ma ora c'è un gruppo di nominati con i quali è necessario instaurare un contatto e qualcuno dovrà spiegarci come. Stiamo attenti alle scelte, non possiamo mandare davanti alle telecamere gente impreparata o timida. C'è da lavorare, ma è ora di fare qualcosa.
  • Notizie informatica Utente certificato 3 anni fa
    Andate in tv a sputtanarli. Fate scelgiere agli elettori se andare in tv e dove. Dovete confrontarvi con loro e sputtanarli in ogni cosa. Se non ci andate farete vincere quella merda di lega. Gli italiani se non vi vedono in tv non capiranno che ci siete e che fate molto.
  • Rocco Monaco Utente certificato 3 anni fa
    Buonasera, Condivido in pieno la vera informazione sul Territorio la fanno le tv Locali anzi mi permetto di fare la seguente proposta per una" TV TUTTA A CINQUESTELLE" Facciamo tra tutti gli iscritti al movimento una Tv Nazionale tutta nostra con azionariato diffuso Popolare si puo' fare e so come fare "Parliamone" costerebbe pochissimo utilizzando anche la struttura della Cosa.
  • Lorenzo M. Utente certificato 3 anni fa
    Andate nelle TV che vengono GUARDATE! Non in quelle locali che guardano IN 4.
  • Luca M. Utente certificato 3 anni fa
    andate ovunque i tv accidenti!!!ma almeno vedo un primo passo..
  • annamaria villa 3 anni fa
    Esprimo un'opinione in riferimento a quanto scritto nel testo : ripartiamo dalle TV locali per dare valore all’informazione. Penso che il non aver tratto alcun insegnamento dalle delibere vessatorie abbia portato le Radio e le Televisioni locali a supplire all’ atteggiamento dei ladri di verità nazionali, informando convenientemente e correttamente i loro ascoltatori. Ma a parte questa, dove sono tutte le altre verità?
  • Lalla M. Utente certificato 3 anni fa
    Pinna (M5S): "Nel Jobs Act ci sono anche misure condivisibili" https://www.youtube.com/watch?v=s-LRu5FcglQ Roma (TMNews) - I deputati malpancisti del Movimento 5 Stelle (una trentina su 104) sono indotti in tentazione dal jobs act, un provvedimento che non voteranno solo per "posizionamento politico", ma che invece controfirmerebbero volentieri perché contiene "misure condivisibili". A dirlo in un'intervista a InPiù è Paola Pinna, deputata del Movimento 5 Stelle, "critica" nei confronti della linea Grillo - Casaleggio.
  • Gian A Utente certificato 3 anni fa
    Se è in palese violazione delle leggi, esistono le Procure della Repubblica. Esposti e denunce in prima battuta.
  • Marinella Sacchetti 3 anni fa
    Non facciamo il loro gioco, bisogna continuare con le regole che lo statuto fin dall'inizio e' stato approvato!!!
  • Emanuele l. Utente certificato 3 anni fa
    MALEDETTI VOI BUONISTI DEL CAZZO CAPACI SOLO DI LAMENTARVI CONTRO L UOMO CHE HA CREATO TUTTO QUESTO....IL M5S È BEPPE....SE VA VIA LUI LE PIAZZE SI SVUOTANO...SE VA VIA LUI LE MENTI SI APPANNANO...SE VA VIA LUI È FINITO IL SOGNO...L UNICO CHE CI POTEVA FAR VINCERE È BEPPE...ITALIANO ADESSO PIJATELA NEL CULO ED ESSI FELICE DI CIÒ CHE HAI FATTO
  • Rocco Iavicoli 3 anni fa
    È chiaro, le 300.000 euro annuali glie li danno appunto per servire quei mangiapane a tradimento dei politici che lo hanno messo lì, è un lacchè come tutti gli altri.
  • alvise fossa 3 anni fa
    PER ME' VA' BENE,AIUTIAMO LE RETI LOCALI A NON SCOPARIRE,PER COLPA DELLA PROSSIMA LEGGE AD AZIENDAM DEI PARTITI
  • old dog 3 anni fa
    Il M***** deve usare il mezzo televisivo anche se locale ma specialmente nelle elezioni regionali la tv locale può servire Mi verrebbe da dare un consiglio se possibile Beppe xchè non create un gruppo di parlamentari che vadano a fare informazione nelle loro regioni x aiutare i nuovi candidati a farsi conoscere La Gibertoni su sky l'hanno vista solo gli abbonati di quella rete Tv e son sicuro nemmeno tutti Forse è possibile x esempio provare a fare informazione dando l'appuntamento sul blog e dicendo Domani alle 20 su tele..... ci sarà la cittadina Taverna. Non so se è fattibile sempre vostro estimatore σℓ∂ ∂σg
  • arianna danzi 3 anni fa
    Ora a l'aria che tira su la7.. Due ex parlamentari m5s che parlano del movimento di come sia in caduta libera e della non democrazia al suo interno... Bah...vorrei tanto capire chi ha ragione...o se sono li solo per farsi pubblicità...
  • massimo x 3 anni fa
    A me sta benissimo. Anzi tutto sommato e' proprio la soluzione migliore
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus