L'importanza di chiamarsi Francesco

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

importanza-francesco.jpg

L'importanza di chiamarsi Francesco. Nessun papa ha mai avuto il coraggio, perché di vero coraggio si tratta, di chiamarsi Francesco. Il santo che la Chiesa voleva bruciare come eretico, il poverello di Dio che si scagliò con il solo esempio contro la lussuria dei cardinali del suo tempo. Il M5S è nato, per scelta, il giorno di San Francesco, il 4 ottobre del 2009. Era il santo adatto per un MoVimento senza contributi pubblici, senza sedi, senza tesorieri, senza dirigenti. Un santo ambientalista e animalista. La politica senza soldi è sublime, così come potrebbe diventare una Chiesa senza soldi, un ritorno al cristianesimo delle origini. I ragazzi del M5S a Woodstock a Cesena nel 2010, si auto definirono i "pazzi della democrazia", così come i francescani erano detti i "pazzi di Dio". Ci sono molte affinità tra il francescanesimo e il M5S. C'è qualcosa di nuovo in questa primavera 2013, un terremoto dolce. Il nome Francesco scelto da papa Bergoglio, un gesuita di mamma genovese, è già molto, per ora mi può bastare, poi si vedrà. E' il primo papa "low cost". Stanno già scavando nel suo passato, dalle letterine di scuola delle compagne, alla sua vita prima di diventare prete, ai rapporti con la dittatura argentina, per trovare ogni più piccola ombra e questo me lo rende simpatico. Quali papi sono stati crocifissi dalla stampa mezz'ora dopo essere stati eletti?
Nel libro "Il Grillo canta sempre al tramonto" scritto lo scorso dicembre con Fo e Casaleggio quest'ultimo diceva "Non deve essere un caso che non esista un papa che si sia fatto chiamare Francesco. Noi abbiamo scelto appositamente la data di San Francesco per la creazione del MoVimento. Politica senza soldi. Rispetto degli animali e dell’ambiente. Siamo i pazzi della democrazia, forse molti non ci capiscono proprio per questo e continuano a chiedersi chi c’è dietro". Habemus papam. Per il momento il suo nome ci rallegra, speriamo che ci rallegrino presto anche le sue opere.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Fabrizio B. Utente certificato 4 anni fa
    L'attenzione ai poveri di Bergoglio in Argentina ha sempre avuto un carattere caritatevole e mai politico. A mio avviso si trattava piu' di marketing peronista che di vera sostanza. Penso che la curia abbia interesse a fare luce completa su quegli anni e dissipare ogni dubbio. Che partecipi in modo piu' attivo alla ricostruzione storica e non si arrocchi in posizioni difensive.
  • Ruggero R. Utente certificato 4 anni fa
    Concordo su tutto, ma è "papam", accusativo singolare maschile della prima declinazione.
  • pasquale r. Utente certificato 4 anni fa
    allora?
  • Massimo Marvulli 4 anni fa
    Errata corrige: papam
  • Roberto melosi 4 anni fa
    Siete unici come il nuovo papa
  • Vero Vero 4 anni fa
    Questo Papa mi piace, speriamo bene.
  • pier b. Utente certificato 4 anni fa
    Voglio togliermi la soddisfazione di essere il primo a dire a Francesco: VAFFANCULO!!!!!!!!!!!!!!!!! a te e a tutti i tuoi accoliti.
  • Michele bettiol 4 anni fa
    Onore al nuovo Papa e onore al movimento e alle sue idee di liberazione
  • Agnese Guerini 4 anni fa
    Mi piace... Agnese
  • aRMATA DEL BENE 4 anni fa
    PRIMO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ER FRUTTAROLO ME MA UN BAFFO.. SON FINITI I VECCHI TEMPI CHE TU ERI SEMPRE PRIMO!!!!!!!!!! OMUNQUE GRAN POST!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! W LAURA BOLDRINI
  • davide di porto 4 anni fa
    OK
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus