Euro Fact Checking #fuoridalleuro

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
euro_Fat_C.jpg

Molti commenti richiedono delle precisazioni sui post dedicati all'uscita dall'euro. Da oggi ne vengono pubblicati periodicamente alcuni con le risposte.

1. Cosa sarebbe successo se non fossimo entrati nello SME?
I Paesi che fanno parte dell'Unione Europea e non hanno adottato l'euro sono cresciute di più
Non entrando nello SME e poi nell’Euro saremmo cresciuti di più. Prova ne sia il fatto che i migliori anni di crescita negli ultimi 20 anni si sono avuti dopo la temporanea uscita dallo SME nel 1992 quando svalutammo la Lira.

La crescita dei Paesi dell'eurozona (in blu) e dei Paesi UE che non hanno adottato l'euro (in rosso) dal 2007 al 2014 - fonte Eurostat
crescita_ue.jpg

2. Perché calcolare la decrescita dal 1997 e non dal 2002 quando è entrato l'euro?
Perché dal 97 il cambio era già fisso e solo nel 2002 è entrata in circolo la moneta unica

3. Il problema primario per le aziende è la pressione fiscale non l'euro (questo è risultato dalle risposte del sondaggio sulle imprese).
Euro e imposizione fiscale sono strettamente correlati. Con l'euro lo Stato non può stampare moneta e quindi si può agire solo in due modi:
- Più tasse: diminuzione competitività con le imprese europee e internazionali. Imprese che falliscono, delocalizzano e crollo del PIL
- Più debito pubblico: quindi aumento debito e interessi crescenti a scapito degli investimenti

4. Sarebbe meglio far cambiare le regole europee e Trattati che uscire dall'euro.
La richiesta di rinegozionare i Trattati è parte del nostro programma per il parlamento europeo. La risposta del Parlamento Europeo è stata ignorare ogni nostra proposta e in seguito di non concederci nemmeno le cariche nelle Commissioni (presidenze e vicepresidenze) a cui avremmo avuto diritto come gruppo, creando un pericoloso precedente per la democraticità del Parlamento stesso che diventa di fatto un governissimo europeo tra destra e sinistra escludendo le altre voci. Se di Fiscal Compact e Eurobond non si può parlare è necessario riprenderci la nostra sovranità monetaria

5. Se dovremo chiedere agli altri di finanziarci il problema rimarrà.
L'Italia ha un avanzo primario positivo per cui l'unico motivo puo' chiedere di essere finanziata è per pagare gli interessi sul debito pubblico esistente che sarebbe ridenominato nella nuova valuta e quindi i crediti dei Paesi esteri sarebbero svalutati del 30% circa nell'arco di un anno. Lo spread sarà tenuto sotto controllo dal fatto di avere la Banca d'Italia come prestatore di ultima istanza che quindi calmiererà i tassi. Inoltre con l’Italia che torna a crescere con la sua sovranità monetaria il mercato non avrà problemi a finanziare il nostro debito perché ciò che guida i rendimenti sui titoli pubblici è prima di tutto la sostenibilità del debito

6. La svalutazione della moneta è come fare una patrimoniale del 20%.
L'euro è stato svalutato del 10% rispetto al dollaro durante l'estate 2014, ma nessuno ha visto il suo patrimonio decurtato o la sua capacità di spesa limitata. Questo perchè se la moneta che si possiede è quella usata dove si vive il suo valore rispetto ad altre valute non è importante per la spesa corrente. L’unico caso di similitudine tra sovranità monetaria a patrimoniale è qualora il ritorno alla lira avesse forti impatti sull’inflazione che andassero ad erodere il potere d’acquisto. Questo non sarà il caso perché in Italia oggi soffriamo del problema opposto, la deflazione. Un po’ di inflazione non può che far bene alla sostenibilità del nostro debito pubblco.

7. Lo spread si impennerebbe e gli interessi sul debito aumenterebbero di molto.
Con la Banca d'Italia prestatore di ultima istanza i tassi sarebbero calmierati dalla Banca stessa che potrebbe in ogni momento decidere di comprare debito se i tassi aumentassero oltre una certa cifra.

8. L'uscita dall'euro corrisponde ad un default.
Default vuol dire non rispettare gli impegni presi per il debito. Il 94% del nostro debito pubblico è sotto legge italiana e quindi verrebbe ridefinito nella nuova valuta nazionale.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Dino Colombo. Utente certificato 3 anni fa
    .La Camusso dice a un giornale che Marchionne ha riferito che Renzi è stato messo lì dov'è da lui e altri Da marchionne ZERO denuncie PER DIFFAMAZIONE a Camusso. (Quindi ha detto la verità?) e altrettante ZERO denuncie di Renzi a Camusso. La Picierno del PD dice che la Camusso è stata eletta segretaria CGIL con tessere FALSE. ZERO DENUNCIE PER DIFFAMAZIONE della Camusso alla Picierno. (forse la Picierno ha detto la verità?) l'EFFIMERO ORFINI presidente del PD di Renzi, dice che marchionne ha detto una sciocchezza al riguardo. ZERO denuncie PER DIFFAMAZIONE di Marchionne a Orfini. Come mai?????? Se le avesse fatte Beppe Grillo anche la metà di queste affermazioni forse sarebbe già in gattabuia denunciato PER DIFFAMAZIONE da ognuno di questi personaggi. Figuriamoci se le avesse fatte UN POVERO CRISTO QUALSIASI. COMUNQUE TUTTE QUESTE LORO AFFERMAZIONI SONO GRAVISSIME. Qui qualcuno MENTE o dice LA VERITA' sugli altri. Questa NON DOVREMMO FARGLIELA PASSARE LISCIA. Spero che i nostri Parlamentari facciano una pioggia di interrogazioni per SAPERE COSA C'E' DI VERO O DI FALSO in queste affermazioni e in ognuno dei due casi SI SAPPIA COME STANNO VERAMENTE LE COSE. Ci hanno OFFERTO SU UN PIATTO D'ARGENTO un'occasione forse unica di pareggiare un pò di conti. NON FACCIAMOCELA SCAPPARE.
    • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
      Quando si attaccano fra di loro, in preda a una crisi di nervi, dicono la verità!
  • michele p. Utente certificato 3 anni fa
    Grillo e il M5S devono chiarire cosa vuol dire uscire dall'euro.. se ritorniamo alla ns moneta,ma sottostare a tutti i diktat dell'unione europea,sottoposti come "circolari ",ed essere trattati come pecoroni con tutte le normative che sfornano gli europarlamentatri da 20.000 euro al mese e 3 mesi all'anno di ferie : beh,a questo punto è meglio che il M5S raccolga tutte le considerazioni di tanti iscritti,che non vogliono essere comandati da banche,finanzieri e amici degli amici... se uscire dall'euro vuol dire tornare alla ns sovranità,sia nazionale che monetaria : allora dico :FUORI DALL'EURO E SUBITO !!! non possiamo tornare alla ns Lira e nello stesso tempo dipendere dalle normative del ca..o che sforna l'unione europea : è un controsenso !! voglio rivedere le ns automobili con la targa MI,TO,PA,Roma, ecc ecc.. dobbiamo tornare ad essere orgogliosi di essere ITALIANI, e dare ospitalità temporaneamente agli extracomunitari per lavoro,ma senza lasciare a casa i lavoratori Italiani..(questo non è razzismo). se uscire dall'euro vuol dire : ripristinare le frontiere; eliminare il mercato libero; tornare alla ns democrazia parlamentare; statalizzare le aziende che scappano all'estero come conigli e lasciano a casa migliaia di famiglie; ecc ecc allora fuori subito dall'euro !! saluti
  • Lino Viotti Utente certificato 3 anni fa
    Ma stando in Eurozona, un debito che lievita è grave (con la Lira e con una Banca Centrale Statale non lo sarebbe) perché porta all’allarme delle agenzie di rating, che porta all’allarme dei mercati di capitali che prestano a Renzi gli Euro, che porta a tassi più alti sui titoli di Stato, che porta a più debito. Che farà Draghi a sto punto? Si metterà a comprarci i titoli di Stato per far scendere i nostri tassi? Farà cioè la famosa Outright Monetary Transaction? Se lo fa, la Germania lo ammazza. Non lo farà. Renzi si ritroverà in una spirale di Deficit Negativi mortali, cioè di tutte quelle spese di Stato imposte dalla crisi dell’Eurozona e tagli vari ma che non risolvono nulla, non producono nulla e che aumentano il debito di Stato. Per prima cosa l’economia continuerà a contrarsi, come è già previsto per l’Italia dal FMI, Bloomberg, OCSE, Commissione UE, e quindi calerà sempre il gettito fiscale, che quindi va a ingrandire il debito. Renzi, poi, fra otto mesi si ritroverà l’implosione del sistema creditizio europeo, quando i test dei regolamentatori dell’EBA inevitabilmente mostreranno che alcune delle maggiori banche sono irrecuperabili. Da qui il terremoto delle piccole medio banche, fra cui quelle italiane sono quelle messe peggio d’Europa sia come buchi di bilancio che come capitale di copertura. Prometeia stima che solo per i prestiti insolventi le banche italiane siano scoperte per 150 miliardi di euro. E chi le salva? E con che soldi? No, Renzi, la sovranità monetaria non ce l’hai, non le puoi nazionalizzare. Che fai? Chiami Benigni?
  • Lino Viotti Utente certificato 3 anni fa
    la Germania e la Francia avevano progettato la distruzione dei paesi industrializzati del Sud Europa con l’adozione dell’euro, in particolare dell’Italia, perché era la Piccola Media Impresa italiana che aveva stroncato quella Tedesca, al punto che nel 2000, prima dell’euro, l’Italia era il maggior produttore e la Germania l’ultimo (dati Banca d’Italia). Oggi lo scenario si è ribaltato, puntualmente. E le imprese tedesche vengono a fare shopping da noi, perché «in quel comparto industriale abbiamo il miglior sapere al mondo». E, grazie alla trappola dell’euro, che ha «deprezzato l’economia italiana a livello albanese», i tedeschi comprano le aziende italiane a prezzi stracciati. Lo conferma un recente report del “Financial Times”: «Le piccole medie imprese tedesche si sono gettate in un’abbuffata trans-alpina, rendendole le più attraenti acquirenti straniere in Europa di aziende italiane». Le Ag.di Rating , il pareggio di Bilancio in Costituzione , la perdita di sovranità Nazionale e di Sovranità Monetaria , trattati vari firmati da N/S. rappresentanti corrotti e venduti al potere Bankario , truffa del Debito Pubblico con conseguenza della pressione fiscale insopportabile ,ecc. , ecc. , hanno fatto il resto. Ovvio: A noi la Germania ha proibito di avere una “banca pubblica” come la tedesca Kfw, . Una banca che, «barando sui deficit di Stato tedeschi, ha versato miliardi in crediti alle aziende tedesche». o come il Giappone che può permettersi un Deficit Sovrano più del doppio rispetto al N/S. ora, con la nostra economia retrocessa a condizioni da terzo mondo «proprio a causa dell’Eurozona voluta da Germania e Francia», la Germania e altre potenze vengono a rastrellare aziende italiane pagandole quattro soldi. Tutto previsto: era un piano preciso. Se cessi di immettere denaro nel sistema, proibendo allo Stato di spendere, vince chi bara – in questo caso la Germania, in cu lo Stato finanzia (di nascosto) le aziende .
  • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
    I dati dimostrano che l'euro non è un ostacolo alla crescita ma che il problema è il sistema politico italiano. Anche la Grecia ha l'euro ma: http://www.lastampa.it/2014/10/07/economia/grecia-la-cura-funziona-dopo-sei-anni-di-recessione-il-pil-riprende-a-crescere-IvCD72nzScF1Ifu9UnIWWN/pagina.html Anche il Portogallo ha l'euro ma: http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/economia/2014/03/26/Portogallo-alza-stima-Pil-2014-1-2-_10289764.html Anche la Spagna ha l'euro ma: http://www.ilpost.it/2014/08/05/spagna-ripresa-economica-riforme-rajoy/ NON CREDETE ALLE FESSERIE CHE CIALTRONI TRAVESTITI DA ECONOMISTI VANNO A PROFESSARE IN TRASMISSIONI TELEVISIVE SPAZZATURA COME LA "LA GABBIA". DIFFIDATE DALLE BALLE CHE RACCONTANO I CIARLATANI IN TV, IMPARATE A RAFIONARE CON LA VOSTRA TESTA. VOI NON SIETE AL LIVELLO DEGLI ELETTORI DEL Pd, SIATE SUPERIORI!
  • De Ma Utente certificato 3 anni fa
    Basta a fare "populismo" come la Lega. Queste cose vanno raccontate dove c'è un pubblico: la TV. E bisogna far capire all'UE (cittadini compresi) che questi trattati non sono di un UNIONE.
  • Ermanno B. Utente certificato 3 anni fa
    Con Podemos al 24% in Spagna Geert Wilders in Olanda UKIP Inghilterra 5Stelle Italia avremo/abbiamo, la forza di demolire questa €uropa delle banco-mafie.
  • Ermanno B. Utente certificato 3 anni fa
    I meraviliosi anni dell € ..... e al fame..... [...]per salvare le loro fabbriche di auto, intrappolati tra la disoccupazione di massa (27pc al culmine) e le nuove leggi sul lavoro che rendono molto più facile per i datori di lavoro richiedere orari flessibili. Un accordo raggiunto nel 2012 con la Renault taglia la paga dei nuovi lavoratori del 27.5pc, a circa 17.000 € l'anno. Joaquin Arias dalla federazione sindacale CCOO ha detto che i termini equivalevano a un ricatto. "
  • Ermanno B. Utente certificato 3 anni fa
    Quando uno Stato è legittimato a non ripagare il proprio debito estero http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=6&pg=8863 -COSI, E SE PER PURO CASO VI FOSSE SFUGGITO SALUTI.
    • Lino Viotti Utente certificato 3 anni fa
      .... Bravo , Giustissimo .OK !!! Bisognerebbe stracciare tutti i trattati internazionali vessatori che hanno firmato i nostri Politici venduti e corrotti al Potere Bancario ( molti dei quali non sono stati neanche eletti ). Poi , congelare il "Debito Pubblico " che è ormai risaputo essere una truffa organizzata dalle Ag. di Rating , rinegoziarLo in parte e non pagarLo in parte . Il Problema è che fin quando il partito unico PD-PDL avrà tutto il potere in mano ( informazione , comunicazione e conteggi dei brogli che fanno specialmente nelle Elezioni Nazionali ed Europee , risorse infinite messe a disposizione del Potere BanKario , ecc. ) NON cambierà mai niente!!! : Faremo la fine della Grecia ( ... anzi , peggio )
    • Lino Viotti Utente certificato 3 anni fa
      Il problema è che queste cose le conoscono solo Chi segue questo Blog . Le TV e mass media che controllano tutta l'informazione e che a Loro volta sono controllati dai dai Partiti di Governo camerieri del Potere Bancario : Non ne fanno accenno !!! Morale : La lingua batte dove il dente duole ( gira gira diciamo sempre la stessa cosa ) : Fin quando il M.5Stelle non si doterà di UNA TV indipendente per informare i Cittadini sulla verità delle cose sarà sempre e solo un Movimento di protesta fine a se stesso (... e a Beppe Grillo & Casaleggio ) e sarà sempre emarginato ed ininfluente .
  • Michele S. Utente certificato 3 anni fa
    Ho letto i commenti. Ho paura. Chiamate Bagnai.
  • Monica Montella () Utente certificato 3 anni fa
    Nel punto 5.....quindi i crediti dei Paesi esteri sarebbero svalutati del 30% circa nell'arco di un anno. Perchè non aggiungete che di conseguenza anche i redditi delle famiglie si saranno svalutati del 30% nell'arco di un anno mica solo i crediti dei paesi esteri. Perché citate solo quello che conviene dire a voi che sostenete di uscire dall'euro!
    • Michele S. Utente certificato 3 anni fa
      Crediti esteri -> si svalutano rispetto alla moneta che usano ogni giorno, quindi è una perdita considerevole PER LORO. PS. al blog, informando in questo modo perderete solo tempo.
  • Lenin Nicolaj (che fare) Utente certificato 3 anni fa
    lo sapete che l'isis nel califfato guadagna già tre milioni di dollari al giorno con i pozzi conquistati ? ... ^_^ chissà chi glie li da? ... chissà ... e magari quelli che blaterano contro l'euro ... mettono un "isis nel motore" ... pagato con dollari yankee finchè varranno qualcosa ...ma con le armi in mano ...
  • Lenin Nicolaj (che fare) Utente certificato 3 anni fa
    11 americani soldatini in quel di Vicenza .... altri 30 ne arriveranno ... per la "quarantena!" in casa nazi-leghista ! Ecco, per i nazi-scemi il problema è l'euro ! forza ebola - daje ! ... ce vorrebbe tabula rasa!
  • bilboa 3 anni fa
    @ Anti E. Roma, il tuo problema non è l'euro, nei hai altri ben più gravi.
  • Anti E. Utente certificato 3 anni fa
    Questo è un post puramente informativo, scritto con rigore scientifico su un fatto già accertato: il fallimento dell'euro. Serve solo per spiegare le ragioni tecniche di una cosa ovvia, e non per sindacare le ragioni di una tale scelta già ormai avviata ed irreversibile: l'uscita dall'euro quale punto fondamentale del M5S. Dunque perchè non bannate questi elementi che vengono solo qui per disinformare e confondere gli eventuali lettori che vogliono capire i meccanismi che ci hanno portato a questa sciagura? Leggete i loro ignobili commenti, specialmente quelli di un certo Paolo de Sanctis, che è venuto solo ad offendere gli italiani, la loro geniale operosità, ed a osannare le politiche genocide della Merkel e dei suoi accoliti...questi troll prezzolati, non devono avere spazio in un momento così delicato nel quale stiamo facendo la storia.
    • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
      Davvero pensi di assere avanti rispetto agli altri? Secondo me sei solo indietro rispetto alla media. Io scrivo su questo blog da anni e che un cretino qualunque mi definisca un troll perchè non sono d'accordo su un punto programmatico non mi fa piacere! P.S.: fai partire il referendum se ci riesci e anche se sono elettore del M5S voto contro in base alla mia idea! Se vuoi uscire dall'euro emigra, con grande sollievo del paese, che di coglioni ne vanta già anche troppi!
    • Anti E. Utente certificato 3 anni fa
      Sei un troll venuto solo a disinformare, su un post che era solo di approfondimento culturale su un tema già indiscusso. Il tuo disappunto vallo ad esprimere sul referendum che si svolgerà, qui siamo già un bel pezzo avanti se non te ne fossi accorto. Sono già tre settimane che tutto il movimento fa solo informazione mirata con linee guida già stabilite in direzione dell'uscita dall'euro. Il dado è tratto e non te ne sei accorto, ma magari tu segui le direttive di qualche altro movimento. Queste non sono solo le mie idee ma anche quelle di Beppe e di tutti. Se non ti sta bene, vota scelta civica, vedrai che con loro andrai d'accordissimo...
    • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
      L'anti e, chede che siano bannati gli oppositori all'uscita dell'euro, chi non la pensa come lui ... Questi soggetti sono indegni del movimento. Questo blog è uno strumento di democrazia e di libertà d'opinione. Libertà d'espressione per chi crede che i vizi siano prima italici e poi nella moneta.
    • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
      ... aggiungerei anche che se il M5S lascia spazio ad fanatici esaltati e ottusi come te si mette molto male.
    • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
      Se ti sei riconosciuto nei mali del paese oggetto delle mie riflessioni mi dispiace per te. Il problema sono quelli come la pensano come te non l'euro.
  • Nello R. Utente certificato 3 anni fa
    Bisogna stare molto attenti .... fuori dall'euro ,in Europa ,di paesi importanti c'è solo l'Inghilterra ... CAPITALE MONDIALE DELLA FINANZA E DELLA GLOBALIZZAZIONE... un paese ambiguo,braccio destro degli usa .. a volte credo che più che un paese europeo sia un stato mancante degli usa ,welfare a parte .. a volte quando il M5S parla di uscire dall'euro per competere sui mercati mondiali ... penso che siano imbeccati dai servizi di usa o cina l'italia ,pur sovrappopolata,ha 60 milioni di abitanti , come può competere con economie emergenti che vanno da un 200 milioni del brasile al miliardo e due di India e il miliardo e tre della cina non parliamo inglese e non parliamo spagnolo , le lingue più diffuse sul pianeta ... solo l'europa intera 742 Milioni di abitanti potrebbe tenere testa a queste nuove economie certamente non questa europa ... ma un'altra europa è possibile il problema italiano non è l'Euro è il debito pubblico e una amministrazione pubblica ARCAICA E PARASSITARIA di stampo fascistasovietico comune province stato oggi comune province regioni stato europa troppa gente vive di "politica" pesando su contribuenti e debito pubblico l'unico e vero problema di questo paese che rimmarrà anche dopo la reintroduzione della drakma .... pardon della lira
    • Anti E. Utente certificato 3 anni fa
      Ma che vuoi mettere l'economia e la produttività italiane a confronto con quelle della Svezia o della Norvegia?? Che producono quelli la, baccalà e stoccafisso?? Eppure non sono entrati nell'euro e non languiscono...così come non languisce il Giappone o la piccola Svizzera... Fuori dall'euro l'italia c'è già stata, quando fu costretta ad uscire dallo SME. Ci terrorizzavano pure allora e per impedirne l'uscita, Amato bruciò 90 mila miliardi di riserve finanziarie...poi l'uscita fu inevitabile, durò pochi mesi però, perchè appena si resero conto che l'Italia, sganciata dallo SME, spaccava l'ano a tutti, ci pregarono in ginocchio di rientrare. Studiate un poco di storia e di economia "vera" prima di scrivere corbellerie.
    • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
      Bravo Nello, sono d'accordo con te!
  • Anti E. Utente certificato 3 anni fa
    Infatti...i c0glioni ignoranti hanno votato "pressione fiscale" quale causa del fallimento delle imprese, senza tenere in considerazione o ignorando totalmente il fatto, che è la presenza stessa di questa moneta non sovrana a lasciare ai governi una sola via di uscita: l'aumento delle tasse!
    • Anti E. Utente certificato 3 anni fa
      Ragiono come i premi nobel, che avevano detto fin dall'inizio che l'euro sarebbe stato un disastro, e in più, al contrario di te, mi informo costantemente oltre ad essere io stesso un economista.
    • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
      Anti e, ragioni da idiota.
    • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
      La via d'uscita è il taglio del magna magna politico-corruttivo. L'efficientamento del sistema farebbe risparmiare e tagliare le tasse che si stia dentro o fuori dall'euro.
    • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
      Di via d'uscita c'è il tafgli del magna magna politico-corruttivo. L'efficientamento del sistema farebbe risparmiare e tagliare le tasse dentro o fuori dall'euro.
  • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
    Sono favorevole alla perdita di sovranità! Il popolo italiano per via del sistema politico che ha eletto si è dimostrato incapace di gestire la propria sovranità facendone un elemento vizioso anzichè virtuoso.
    • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
      Anti E, la differenza tra me e te è che io ragiono con la mia testa (visto che ne ho una funzionante) non ho bisogno di servirmi della la testa degli altri come fai tu.
    • Anti E. Utente certificato 3 anni fa
      Qui se c'è un incapace sei proprio tu, ma neanche solo di ragionare...
  • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
    In Italia c'è un sistema politico senza controlli che ha creato un apparato statale fuori controllo. Nessuno vuole essere controllato per continuare indisturbato a rubare risorse. Un esempio tipico è il sistema bancario nel quale le banche da controllare controllavano il sistema di controllo (la banca d'Italia). Questa pagliacciata grazie all'Europa sta per finire con la cessione della sovranità sulle banche alla BCE. Se la sovranità è di questo tipo è meglio perderla al più presto possibile!
  • Andrea Zanella Utente certificato 3 anni fa
    Dai che agli italiani va bene così, lasciamoli morire con la fiducia nel cuore, si meritano solo la fame che renzusconi li darà fino in fondo.
  • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
    ... Non è una moneta che ha rovinato l'Italia ma la malapolitica (che per decenni ha fatto gli interessi di pochi derubando le future generazioni, che ha fatto ingrassare i corrotti a danno del popolo)!
  • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
    Non è una moneta che ha rovinato l'Italia ma la malapolitica (che ha fatto per decenni ha fatto ingrassare i corrotti a danno del popolo)!
  • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
    Cari amici del M5S il problema dell'Italia non è la moneta ma la mancanza di moralità. Se il movimento non continua a battere fortemente su immoralità e corruzione, per seguire gli altri (i vecchi partiti) alla ricerca demagogica di consenso con il dibattito vile dello scaricabarile sull'euro, entra in contraddizione e perde credibilità! IO RINGRAZIO LA MERKEL PERCHE' SPACCANDO IL CULO AGLI ITALIOTI FA QUELLO CHE E' GIUSTO FARE! GLI ITALIOTI DEVONO ESSERE SVEGLIATI E RIEDUCATI ALLA CIVILTA' A SUON DI CEFFONI E LA MERKEL E' FIN TROPPO TOLLERANTE! IL POPOLO ITALIANO E' ALLO STREMO MA NON SI RIBELLA, RIVOTA I SOLITI IDIOTI E PER ME E' GIUSTO CHE SOFFRA!
    • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
      RIBADISCO CHE SE IL POPOLO ITALIANO RIVOTA PARTITI CHE NON HANNO MAI COMBATTUTO LA CORRUZIONE MA CHE LA FAVORISCONO E PROTEGGONO E' GIUSTO CHE SOFFRA! ... CHI E' CAUSA DEL SUO MAL PIANGA SE STESSO!
    • Anti E. Utente certificato 3 anni fa
      Quanto ti pagano a Bruxelles...un tanto a commento? Chi sei, un uomo di Mario Monti & C?? Studia un poco di economia gnurant'e scoprirai che l'Italia la faceva tremare la Germania prima che lo SME ci inchiodasse il cambio! Eravamo la prima potenza economica d'Europa e la quinta del mondo. La Germania ha aderito all'euro, solo a condizione che l'Italia vi fosse inserita anch'essa e per forza, perchè sapeva bene che il nostro paese se ne fosse rimasto fuori, l'avrebbe fatta a pezzettini...Se ti piace tanto la Merkel perchè non sfanculizzi a Berlino? Saremmo tutti più contenti.
    • Claudio Paolini 3 anni fa
      3100 miliardi € di interessi maturati in 30 anni,che l'Italia deve alle banche private per averci prestato i nostri soldi ...... se li avessimo stampato noi non avremmo questi debiti .... se non ci fosse il SIGNORAGGIO BANCARIO staremmo benissimo .... non scateniamo una guerra fratricida tra italiani altrimenti facciamo proprio ciò che l'attuale potere desidera .....
    • Matteo Vasirani 3 anni fa
      Soluzioni facili e indolori al declino italiano non ce ne sono. Il ritorno alla Lira non sarebbe indolore. Il fact checking dice che non abbiamo notato il deprezzamento dell'Euro rispetto al dollaro, perché la moneta che si possiede è quella usata dove si vive. Solo che con l'Euro "viviamo" in un mercato unico di beni e servizi di 300M di persone, abbastanza resistente a shock esterni, dove puoi comprare verdura spagnola, elettrodomestici francesi e auto tedesche con la stessa moneta. Con la Lira si vivrebbe veramente nella piccola Italia, senza materie prime, senza industrie visto il declino pluriennale in corso, e magari con il petrolio di nuovo in salita a 150$. Non si vuole ammettere che la situazione è disperata e che soluzioni facili non ce ne sono, per me questo é illudere la gente.
  • Matteo Vasirani 3 anni fa
    Guardate la media mobile de la crescita del PIL dagli anni 70, quando si cresceva intorno al 5%, fino alla crescita anemica di oggi https://weltview.files.wordpress.com/2014/10/decline-gdp-growth-edited.png Mi sembra che il declino italiano va avanti da 40 anni, con o senza Euro. Anzi, nei primi anni dell'Euro il declino ha rallentato, per poi accelerare di nuovo dopo la crisi del 2008.
  • Gian A Utente certificato 3 anni fa
    Per Fabry A. Le ho risposto al mio post iniziale di ieri. Avevo risposto, ma poi, non so perchè, la risposta non è apparsa. Sarà il mio pc perchè è la II volta che accade.
  • Aldo Masotti Utente certificato 3 anni fa
    Suggerisco riprendere o contattare Prof Paolo Savona sulle ricerche da lui fatte allora ed oggi sul tema
  • andrea cera Utente certificato 3 anni fa
    E così avete perso anche a Reggio Calabria...lo volete capire che gli italioti non vi vogliono....sono votati anima e corpo autodistruzione,lasciatei andare non c'è più niente da fare occupatevi solo degli iscritti all'm5s smettete di dare soldi alle pmi piuttosto dateli alle associazioni di volontariato e a chi vi sostiene apertamente.
    • Giovanni r. Utente certificato 3 anni fa
      me sa che ci hai ragione. non si può essre buoni con gli imbecilli, è un suicidio
  • napoleone . Utente certificato 3 anni fa
    mi pare che stiamo analizzando solo una parte del problema tralasciando altre fette importanti di temi che riguardano l'economia e l'outlook di un paese....è implicito che il non avere più la possibilità di stampare moneta può incidere negativamente sulla politica monetari..però è un conto la politica monetaria, e un altro è il controllo di assest strategici nazionali.. Per far stare in equilibrio moneta(che non può essere stampata all'infinito) servono politiche economiche che siano capaci di fare da supporto logistico all'economia stessa. L'aver perso il controllo su infrastrutture strategiche, quali autostrade,ferrovie,porti,areoporti,energia,ecc ha generato un "oligopolio"...che si è tradotto in maggior costo per i servizi..facendo mancare quelli che poi sono gli investimenti di adeguamento e il controllo delle tariffe. Un altro errore è che emerge sempre di più la concorrenza tra gli stessi paesi europei...spesso ci si lamenta della globalizzazione...ma in realtà l'assurdo è che tra i 28 paesi ue 28 hanno regimi fiscali diversi...(purtroppo l'italia ha il primato di tassazione sulle imprese)...va bene uscire dall'euro..ma è solo un primo passo..
  • Gianni F 3 anni fa
    O si fanno delle vere leggi anti-corruzione (ed è per questo che io voto M5S) per instaurare la meritocrazia e l'efficienza (almeno nella media europea) con dei veri deterrenti o non cambierà NIENTE anche uscendo dall'Euro. (se non peggio) Solo per fare un esempio a caso: gli appalti pubblici in italia COSTANO il 40 % in più della media europea. Vi sembra sostenibile un bilancio dello stato con un andazzo del genere? ? (e potrei fare altre decine e decine di esempi) E ALLORA DI COSA STIAMO PARLANDO ? Ma ci siete mai stati in Calabria o in Campania ? Perchè non vi entra in quella testa dura? Problema (voi direte) che c'era anche negli anni 60-70-80, quando l'Italia cresceva. E lì CASCA L'ASINO ! Infatti all'epoca la crescita era FITTIZIA, drogata dal continuo accumulo di debito pubblico. (altrimenti non ci sarebbe mai stata a quei livelli), a scapito delle (allora) future generazioni Debito che ora ci presenta il conto (con interessi altissimi da pagare ogni anno sul debito). Come la storia della formica e della cicala. Ora la festa è finita Con la svalutazione continua della liretta negli anni 70 - 80 (fatta anche a scapito del potere d'acquisto dei lavoratori dipendenti e pensionati che però gli garantiva lavoro a scapito delle future generazioni) non c'erano i paesi orientali (Cina, India) in pieno boom industriale e ora, anche con la svalutazione, la concorrenza sui bassi costi la vincerebbero comunque loro. Con l'entrata nell'Euro l'Italia ha avuto risparmi ENORMI da interessi sul debito e lì doveva aprofittarne per aggredire il deficit. Ma a Berluscolandia si continuava a rubare, sprecare e spendere. (e fare condoni fiscali) E gli italioti, muti. A tutti andava bene così.Gli UNICI che continuano ad andare male (guardacaso) sono Italia e Grecia, governate dalle classi dirigenti piu corrotte e mafiose d'Europa (fonte: Trasparency International) e, (sempre guardacaso), gli unici 2 paesi senza reddito di cittadinanza. Se continuate con la menata dell'Euro, adios
    • Anti E. Utente certificato 3 anni fa
      Ma lo sai cos'è almeno il debito pubblico? Drogato dal debito pubblico?? Ma che significa??? Il debito pubblico si ha quando lo stato spende a deficit, ma questo è una risorsa e non uno svantaggio. Se lo stato (anzi il governo) che chiameremo insieme A immette nell'insieme B (economia reale, ovvero tutti noi, insegnati, liberi professionisti, medici ,agricoltori ecc. ecc.) Immette dicevo, liquidità, si ha la spesa a deficit. Ma la moneta non la produciamo noi, l'unica entità che può farlo è il governo per mezzo della zecca, noi ci possiamo solo limitare a farla girare fra di noi. Poi attraverso le tasse il governo bilancia questo meccanismo e sottrae liquidità. Se immette liquidità 100 e tassa 100 ha realizzato il famoso pareggio di bilancio. Ma cosa rimane come valore di ricchezza nell'insieme B?? ZERO!! E' la povertà. La spesa a deficit dello stato è la ricchezza per un paese, ma è stata criminalizzata da chi ha tutto l'interesse perchè ci siano povertà e tensioni sociali, a vantaggio delle loro tasche. E adesso con l'euro ci hanno tolto definitivamente l'arma della spesa a deficit, che è stata la sola cosa che ci ha risollevato dalle macerie del dopoguerra. Il Giappone lo può fare, l'Inghilterra lo può fare, ma noi no. L'euro ci ha tagliato le palle, dobbiamo chiedere i soldi a Bruxelles per fare qualunque cosa. Ci hanno tolto la sovranità e la dignità per poterci spogliare di tutta la nostra ricchezza.
    • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
      Bravo Gianni F, Parole sante! Speriamo che le zucche vuote che sperano di rispolvere o alleviare i problemi cambiando una moneta ci pensino sopra bene!
    • luca zamarco 3 anni fa
      Il suo è uno sei post più difficili da controbattere e il motivo è semplice: tutto ciò che dice ha una base di evidente verità ma è viziato da mancate considerazioni su piani di discussione molto più elevati mescolando fenomeni diversi a livelli diversi . 1) gli appalti pubblici costano 40% più media europea. Risp la competitività del sistema risente in misura determinante dal cambio fisso, la differenza tra noi e la germania in competitività è vicina al 30% e questo dipende dall’euro. 2) Negli anni 60-70-90 la crescita non era fittizia, la crescita del debito pubblico è stato usato ad arte da una verso per sovvenzionare la crescita a debito e dall’altro come spauracchio per dividere banca d’Italia dal tesoro e spingerci dentro il sistema euro, il debito pubblico con la sovranita monetaria e il tesoro a determinare il tasso di rifinanziamento non è mai stato un problema. Lo è e lo diventerà sempre più a breve grazie all’euro. 3) le continue svalutazioni della liretta a discapito dei lavoratori. Risp le ricordo che negli anni 60-70-80 gli operi riuscivano a comprarsi la casa e a fr studiare i figli cose che non riescono a fare oggi. Ciò rende evidente che lei ha evidentemente torto.4) cina e india non sono i nostri mercati di sbocco e noi non siamo il loro. Bisogna capire e capire velocemente che ci hanno preso in giro, questo è un esempio semplice: il mercato per l’esport italiano è per 80% europeo e importiamo meglio importavamo per la stessa % circa. Non è l’India o la Cina il nostro competitor anzi grazie all’euro sovravalutato rispetto alla nostra economia siamo diventati molto più appetibili come mercato di sbocco per due motivi a) l’euro è sopravalutato b) l’euro è stabile e quindi moneta ideale per vedersi rimborsato un debito. Anche il resto che afferma è totalmente errato frutto della presa in giro subita ma non mi restano più caratteri.
  • Franz M. Utente certificato 3 anni fa
    La banca D`Itaglia cerca di salvare il salvabile vietando lo shortselling... he he he he too late!! Un bel -20% in ribasso e i PIDDIOti se la godono alla faccia degli azionisti minori che hanno perso tutto... ITALIOTI, PREPARATEVI A SGANCIARE LA GRANA!! Italy bans short selling on Monte dei Paschi as shares slump 20% Published: Oct 27, 2014 6:48 a.m. ET LONDON (MarketWatch) -- Italian market watchdog Consob on Monday imposed a temporary short-selling ban on shares of Banca Monte dei Paschi di Siena Spa BMPS, -21.50% as they sank 20% on the Milan stock exchange. The slide came after the lender was identified as one of 25 eurozone banks that failed the European Central Bank's stress tests, facing a capital shortfall of 2.1 billion euros ($2.66 billion). The shortfall marks the biggest capital gap of the lenders examined in the tests. Consob said the short-selling ban in Monte dei Paschi shares will be in place Monday and Tuesday.
  • Suggerimenti Windows Utente certificato 3 anni fa
    l' entrata nell' euro è stato un grande sbaglio. Sbaglio che non hanno fatto gli italiani ma quelle merde al potere per aumentare i loro guadagni. Dobbiamo uscire per non fallire. Se restiamo nell' euro falliremo, faremo la fine della grecia. Io sono per l 'immediato abbandono dell' euro. l adozione di questa moneta ci ha solo impoverito. Il non riprenderci al più presto la nostra sovranità monetaria ci condannerà
  • Lenin Nicolaj (che fare) Utente certificato 3 anni fa
    io mi immagino quei gobbi (perchè per anni sui libri a studiare merdate) usciti dalla bocconi o dalla sapienza o persino dalla normale ... e magari non saper nemmeno avere un'idea di un oggetto atto all'offesa, comunemente chiamata ARMA! ^_^ ... ALTRO CHE STAMPARE CARTA DA CULO ... DI ALTRO COLORE ... PRESTO SARANNO CAZZI VOSTRI (nostri) I cambiamenti dei paesi della zona Asia-Pacifico preoccupano gli esperti statunitensi: “La Cina supererà gli Stati Uniti come prima economia mondiale” Il processo complessivo di de-dollarizzazione avanza mentre continua la crescita dello yuan, che sta guadagnando sostegno non solo in Asia ma anche in Europa, e che presto potrebbe affrontare una battaglia con il dollaro per un riconoscimento a livello mondiale. Nello stesso tempo i cambiamenti nelle politiche dei paesi della zona Asia-Pacifico preoccupano alcuni esperti americani. Secondo il loro punto di vista, i tentativi di questi Stati di diversificare le loro relazioni “minacciano gli interessi americani”. http://www.informarexresistere.fr/2014/10/22/de-dollarizzazione-e-crescita-yuan-incubo-de-americanizzazione-per-gli-usa/ senza la copertura di "mamma america" che sta affondando ... avoja a stampà francobolli ... di valore !
    • Lenin Nicolaj (che fare) Utente certificato 3 anni fa
      ma quello che è più strano ... è che il Beppe lo sa - perchè ha o non ha una moglie di origini iraniane? quindi l'Iran è al centro del problema - visto che è circondata da usa, russia e cina ! Nel caso dell'Iran, sostiene Clark, la minaccia sarebbe molto più concreta visto che Teheran ha annunciato, per il marzo prossimo, l'apertura di una vera e propria borsa petrolifera alternativa alle uniche due ufficialmente riconosciute, il Nymex di New York e l'Internatonal Petroleum Exchange di Londra, una borsa appunto basata su di un sistema di scambi interamente basato sull'euro e tacitamente appoggiata da altri paesi produttori. Perché sia così grave lo spiega a chiare lettere lo stesso Clark: «Se la borsa iraniana prendesse piede, l'euro potrebbe irrompere definitivamente negli scambi petroliferi. Considerando il livello del debito statunitense e il progetto di dominio globale portato avanti dai neocon, la mossa di Teheran costituisce una minaccia molto seria alla supremazia del dollaro nel mercato petrolifero internazionale». http://www.disinformazione.it/crisiran.htm mentre a wall street quando durante la campagna elettorale delle presidenziali mc cain se ne uscì con 'rafforzeremo la flotta del pacifico in funzione anti cinese' i cinesi stettero zitti per una settimana poi uscì un comunicato con cui annunciavanoo che avrebbero comprato il petrolio con gli yuan.... a wall street ce so ancora le macchie de merda dei brooker che se cacavano sotto.... « IL POTERE POLITICO (ECONOMICO) STA SULLA CANNA DEL FUCILE » Mao ! il resto li lascio ai coglioni !
  • Alessandro P. Utente certificato 3 anni fa
    Dai commenti a questo post scritto chiaramente da un esperto devo dire che la lotta contro l'euro fa rima con lotta all'analfabetismo economico. Mancano completamente le più elemenari conoscenze di economia, quella scienza che la scuola italiana schiva ancora di più dell'educazione sessuale. Sarà una battaglia moooooooolto lunghissimissima quindi facciamoci forza e speriamo che col tempo almeno i concetti di base comincino a circolare nei neuroni italiani da troppo abituati a elaborare solo talk show e ideologie assurde infinitamente ripetute nei telegiornali.
    • Anti E. Utente certificato 3 anni fa
      Infatti...rimango allibito di fronte a tanta ignoranza. Vorrei vedere questi signori far fronte alle loro esigenze quotidiane, con il denaro preso in prestito dal loro vicino di casa...
  • Lenin Nicolaj (che fare) Utente certificato 3 anni fa
    pensa che oggi stavo ripassando la biografia non di un russo bolscevico o di un tupamaros dell'america latina - ma del terzo presidente degli usa più gettonato - una specie di "Lenin" per gli usa ! ROOSEVELT ! mentre gli italiani sono ridotti a fare da eco ... agli hitlerini del cazzo imbranati ... invece i nostri guai iniziarono proprio dalla morte prematura di Roosevelt ! l'ho notato da un post su FB di un profilo compagno che ne posta tanti a raffica ! ... cmq... oltre alla merda di truman , successore del Roosevelt ... l'altra traccia è la guerra del Kippur e l'austerity che ne seguì ... quando il barile schizzò da due dollari a otto dollari ! poi la banca d'italia divenne privata ... perchè se no avrebbe stampato "marchi tedeschi" come faceva hitler ! ^_^ se un coglione non sa unire la storia, le guerre con l'economia ... resta un "leghista" imbranato!
  • Lenin Nicolaj (che fare) Utente certificato 3 anni fa
    ancora con sta menata dell'euro ? ... ma chi le scrive 'ste stronzate ? ...
    • Lenin Nicolaj (che fare) Utente certificato 3 anni fa
      mmmm ... ma certo, in teoria hai una grandissima ragione ... se poi mi citi Marx , eeeh ! ma il Maestro tedesco non ha mai governato un cazzo, escluso pochi mesi una Comune in quel di Parigi nella quale non ebbe manco il tempo di ...rapporti internazionali .. ^_^ Preferisco Lenin e Stalin il suo degno erede , per capire ...l'economia...e anche la matematica (di cui sono estimatore ) e mi dice che la ragione è dalla mia parte . Basta vedere i grafici prima del 1974 , in seguito con il craxismo ... poi con il berlusconismo , poi con Prodi, ed infine con il ritorno del berlusca ! Senza che ricordo alle anime pie, che quella merda inetta di berlusconi fu commissariato DUE VOLTE ... per due volte subentrarono governi tecnici grazie a quel tanghero ! QUINDI DI COSA STIAMO PARLANDO ? evviva la matematica ,,, eeeh !
    • Alessandro P. Utente certificato 3 anni fa
      Tu sei sempre informato e conosci la storia ma l'economia è una materia diversa, dipende dalla matematica e richiede astrazione: vero che molti pseudoeconomisti su internet non ne sanno nulla ma a volte dobbiamo fermarci e chiederci cosa ne sappiamo noi. Una cosa importante dal punto di vista storico è la menzogna della classe politica europeista che ci ha spacciato per verità ideologie che non avevano alcuna base economica (anzi erano esattamente il contrario di quanto insegnato nelle università.. vd teoria delle aree valutarie ottimali). Marx dava per scontato che fosse lo stato ad emettere la moneta non un organo sovranazionale con pochissima legittimazione popolare (l'dea di regalare la sovranità monetaria non appartiene ad alcun filosofo o economista serio).
    • Lenin Nicolaj (che fare) Utente certificato 3 anni fa
      se tu sapessi la metà di quello che mi sono scordato saresti Einstein ! sai dove me li lego gli economisti fai da te sul portale ? al cazzo ... più coglioni io non li ho mai letti ! e glie l'ho detto anche di persona ...su FB sono scappati come conigli, perchè tanto valgono ! ed uno lo conosco pure fisicamente ! ... pensa che coglione!! ... adesso c'ha pure gli americani in casa con l'ebola ! ah ah ah ah !!!!!!
    • Alessandro P. Utente certificato 3 anni fa
      se tu avessi vagamente capito cosa c'è scritto non le definiresti str####te.
  • angelosolinas 3 anni fa
    "Un po’ di inflazione non può che far bene alla sostenibilità del nostro debito pubblco" Davvero??? E di grazia chi pagherebbe l'inflazione ? PERCHe' NON VIENE DETTO ? Semplice! L'inflazione l'ha sempre pagata SOLO E SOLTANTO chi vive di busta paga. Bella idea....! BOCCIATO!
    • Beppe A. Utente certificato 3 anni fa
      siamo in una crisi di deflazione da debiti mai vista prima nella storia (nemmeno in giappone). L'inflazione non la vedremo per un decennio nemmeno con il lanternino, ne' col ritorno alle monete sovrane
    • Alessandro P. Utente certificato 3 anni fa
      l'inflazione consiste nell'aumento dei prezzi dei beni di consumo del paniere istat e tali prezzi aumentano indistintamente per tutti verosimilmente assieme alle paghe e ai redditi: se il panettiere aumenta il prezzo del pane il panettiere guadagnerà di più. In tempi passati con alta inflazione ci fu anche un sistema che prevedeva aumenti per gli stipendi in modo da preservarne il potere d'acquisto e risolvendo questo falso problema. Attualmente con la deflazione il riequilibrio delle paghe avviene tramite LICENZIAMENTI o precariato.
    • Francesco Ragazzi Utente certificato 3 anni fa
      Negli anni '80 l'inflazione in Italia superava il 10% eppure in quegli anni la crescita era tale da consentire comunque un aumento del potere d'acquisto generale. Ricordo che in quegli anni in casa sono comparsi i primi elettrodomestici e ricordo un senso di serenità e fiducia nei confronti del futuro che adesso sono totalmente scomparsi. c'era all'epoca la sensazione che con l'impegno e la volontà comunque si sarebbe riusciti ad avere successo chi più chi meno. Adesso vedo giovani e meno giovani che come unica possibilità vedono l'emigrazione e negli anziani la rassegnazione. Erano altri tempi, però aumentare la competitività e l'occupazione vale secondo me l'aumento di qualche percento di inflazione. Adesso l'inflazione è bassa ma gli stipendi (per quelli che ne hanno ancora) sono congelati. La mia sensazione è che continuare su questa strada sarà una lenta agonia...
  • alex bardi 3 anni fa
    Ai tempi Prodi ci spacciava l'euro come la salvifica beatificazione della ns economia, non fossimo entrati sarebbe stata la fine. Devo dire che oggi vedendo i paesi che non sono entrati nell'euro il miracolo lo hanno ricevuto loro standosenen ben lontani. E nonostante tutto questo, dopo quasi 15 anni di disastro totale dall'ingresso nell'euro c'è pure gente che ha dubbi se restare o uscire, potere occulto dell tv a colori, effetti speciali sul popolino allevato a pane chiesa e stadio.
  • Dedoni herry 3 anni fa
    Buonasera a tutti Volevo esprimere il mio pensiero: Si parla dell euro si oppureno che la colpa della crisi sia o meno dell euro Secondo me l euro nn c'entra nulla perché i soldi l Italia gli produce ,vedi i 120 mld di evasione e i 60 mld di corruzione all anno,solo con queste due voci noi potevamo stare da signori invece chi ci governa e amministra male gestisce le entrate e invece di eliminare gli sprechi pretendono dalle solite persone e aziende sempre più soldi,strozzandole. Dovremmo ringraziar l Europa perché così anche se con difficoltà riusciamo a vedere la differenza tra chi ci amministra e gli amministratori degli altri paesi Con tutta la crisi che c non l Italia è il secondo paese in fatto di entrate in euro allo stato secondo solo all Germania che ha 20 milioni di cittadini in più. Loro però hanno servizi e tutto noi? Dove vanno a finire i ns soldi? È vero che da quando siamo in Europa e arrivata la crisi ma non per colpa dell Europa ma perché ci siamo messi a confronto con gli altri paesi europei che nn hanno i mali che abbiamo noi. Fossimo rimasti isolati forse stavamo bene ma solo perché nn ci saremmo confrontati le lacune nostre sarebbero rimaste in Italia isolate ,e bastava stampare moneta e fare svalutare la lira ogni volta che serviva per tappare i buchi di bilancio
    • Alessandro P. Utente certificato 3 anni fa
      Francamente gli oculisti tedeski non mi hanno aiutato a vedere nessuna nuova lacuna, anzi hanno sempre malandrinamente nascosto tutti gli argomenti economici su cui l'unione si basa. Io non ringrazio i paraculi tedeski che ci hanno forzato a usare una moneta unica con economie diverse poichè tutti gli economisti sapevano benissimo che questo avrebbe portato agli attuali disastri (la teoria delle arre valutarie ottimali era ben conosciuta a tutti gli economisti e i prodi molto prima di progettare l'unione). Per quanto riguarda la disonestà mi pare che i parlamentari europei tedeski siano esattamente identici ai nostrani lazzaroni che hanno sempre popolato il nostro maccheronico parlamento e le stime sulla corruzione non sono pesanti solo in Italia.
    • Marco Caporaletti 3 anni fa
      Dedoni, scusa ma hai bisogno che ti chiarisca un pò i conti. A-situazione attuale PIL = 1600mld (1520 legali + 120 evasione + 60 corruzione) B-tuo sogno PIL = 1600mld (1520 legali + 120 ex evasori + 60 non corrotti) pagherà meno tasse Tizio onesto ma più tasse Sempronio disonesto. Ora la situazione B è auspicabile certo, ma per il lavoro, la crisi di domanda e la CONCORRENZA internazionale cambia poco. Te la faccio più semplice, se ora la BMW se la compra Sempronio (evasore) dopo la BMW se la comprerà Tizio (onesto) ma noi abbiamo bisogno che venga comprata l'AlfaRomeo prodotta in Italia e non la BMW prodotta in Germania per sostenere le nostre industrie ed i nostri lavoratori. Quand'è che Tizio o Sempronio compreranno Alfa invece di BMW? Quando Alfa costerà 20000 e BMW 40000. Ti faccio un'altro esempio, Patrizia Terzoni ha scritto: "Sono amareggiata e incredula! Sabato sono andata a fare spesa. Limoni, mi servivano semplicemente dei limoni, logicamente italiani e non trattati, insieme ad altre cose. Ero al supermercato e... Limoni sfusi del Sud Africa, limoni in retina della Repubblica Dominicana, limoni biologici della Turchia. Ma gli italiani? Non mi son data per vinta e sono andata dal mio fruttivendolo di fiducia, convinta di trovarli li! - "Hai limoni non trattati?" - "Certo però sono Spagnoli!" Probabilmente il commerciante guadagna di più comprando un limone che costa 3,25 Rand del SudAfrica (=25€cent) che uno italiano che costa 50€cent. Se avessimo una moneta diversa dall'euro che si riallineasse col cambio per esempio un Fiorino = 0,50€ ed il nostro limome costasse sempre 0,50 Fiorini sarebbero 0,25€cent e sarebbe concorrenziale con quello del SudAfrica. Spero di essermi spiegato.
  • Gabriele M. Utente certificato 3 anni fa
    Punto 5 LA BANCA D'ITALIA NON E' CERTO UN'ESEMPIO DI TRASPARENZA PUNTO 6 IL RITORNO ALLA LIRA E' SICURO AUMENTO D'INFLAZIONE ( COME LO E'STATO DA LIRA /EURO ) MA SOPRATUTTO CI GUADAGNERA' CHI PRODUCE/ VENDE NON CERTO CHI ACQUISTA E BASTA CIOE' LA MAGGIORANZA, punto 7 CON LA LIRA NON ESISTE PIU' LO SPREAD!!!!PUNTO 8 SE SI VENDE IN MASSA I TITOLI OBBLIGAZIONARI ITALIANI INDIPENDENTEMENTE DALLA VALUTA C'E' IL FALLIMENTO ( E ALMENO NOI CHIAMIAMOLO IN MODO SEMPLICE) DA un semplice commerciante,attivista,iscritto, ciao a tutti
    • Gabriele M. Utente certificato 3 anni fa
      Simone ti dico da commerciante.. Prezzo in lire 1600 tradotto in € 1€( ai tempi) oggi 2€ tradotto in lire se va bene 5000 ( quelli onesti 4000) ELEMENTARE e aggiungo che a me andrebbe pure bene,at salut
    • Simone Gullotti Utente certificato 3 anni fa
      Gabriele M.... ma che cosa dici? Informati meglio! W l'uscita dall'euro...
    • Beppe A. Utente certificato 3 anni fa
      ??? http://www.formiche.net/wp-content/uploads/2014/01/1.png (anche per quelli che..svalutazione=inflazione)
  • Gabriele M. Utente certificato 3 anni fa
    Punto 4 appunto per questo NON E' DA RESPONSABILI E CREDIBILI DOPO SOLO 2 MESI DI ATTIVITA' DELL'EUROPARLAMENTO PASSARE DIRETTAMENTE AL PUNTO 7 DEL PROGRAMMA SOLO PERCHE' " NON SI PUO' PARLARE E NON CI HANNO DATO I POSTI CHE CI SPETTANO!!!!!IN FONDO IN EUROPA SIAMO MINORANZA NELLA MINORANZA
    • Gabriele M. Utente certificato 3 anni fa
      Caro Alessandro piu' propaganda di insistere su un referendum che non ..si ..puo'...fareeee..
    • Alessandro P. Utente certificato 3 anni fa
      Cioè tu vai in banca perchè il tuo conto è ingiustamente bloccato da due mesi e gli dici "non posso protestare dopo solo due mesi perchè sarei irresponsabile e poco credibile, grazie di tutto ciò che fate per me". Il ragionamento è assolutamente irrazionale e discende direttamente dalla propaganda europeista che subiamo. E secondo te quanti anni dobbiamo continuare a prenderlo nel #### prima di poter azzardare una critica al sacro dio euro? Ci siano dentro dal '97 e dobbiamo aspettare che finiscano di rubarci tutto?
    • Simone Gullotti Utente certificato 3 anni fa
      Gabriele... DOBBIAMO USCIRE PRIMA POSSIBILE!!
  • Gabriele M. Utente certificato 3 anni fa
    Sempre per il punto 1 LA CRESCITA NON E' IL BENE ASSOLUTO, E MI SEMBRA CHE ANCHE QUESTO ANDAVAMO DICENDO,PER ESSERE PRECISI
  • Franco Mas 3 anni fa
    Vedo con piacere che si danno risposte semplici a chi di noi è inesperto sui temi economici, e io sono tra quelli. Aggiungo, se ho capito bene, che se la Banca d'Italia stamperà moneta, non potrà essere privata ma nazionalizzata e rimarrà sotto il controllo dello Stato. Spero d'averci preso.
  • Gabriele M. Utente certificato 3 anni fa
    Punto 1, con la svalutazione sono sempre i pochi a guadagnarci( eccome hanno guadagnato nel 92,e' un dato di fatto!!!) fino al 92 le tasse erano( sono) sempre state alte L'AUMENTO DEI PREZZI DOVUTO ALLA SBALUTAZIONE PER LA MAGGIORANZA SON SEMPRE TASSE CAMMUFFATE...PUNTO 3 ALLORA E' SOLO COLPA DELL'EURO E NON DEI POLITICI/AMMINISTRATORI/DIRIGENTI PUBBLICI INCAPACI!!!! FINORA ABBIAMO RACCONTATO UN'ALTRA STORIA!!!!!!QUESTE LE QUESTIONI PIU'IMPORTANTI
  • manuele meluzzi Utente certificato 3 anni fa
    L'Euro doveva essere il simbolo di un'Europa unita ma non e affatto cosi anzi ora come ora siamo piu disuniti dell'italia stessa. FUORI DALL'EURO SUBITO
  • Roberto C. Utente certificato 3 anni fa
    Ebola : Australia sospende immigrazione dall' Africa . Loro si tutelano contro il dilagare della malattia... Noi ci teniamo in quarantena i possibili malati di Ebola, siano clandestini o militari USA poco importa, qui c' e' posto per tutti.
    • gian solo Utente certificato 3 anni fa
      NON CONTIAMO UN CAZZO
  • Beppe A. Utente certificato 3 anni fa
    La figura 1 e' forviante..mettere insieme i paesi a moneta unica vuol dire non evidenziare le discrasie fra paesi a economia forte (nord europa) che hanno realizzato surplus commerciali rispetto e a sfavore dei paesi a economia piu' debole (deboli rispetto alla moneta comune) In quel caso probabilmente i paesi core avrebbero un andamento in linea o superiore ai paesi no euro, mentre la linea dei paesi del sud europa sarebbe a livelli molto inferiori
  • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
    Per come la vedo io il popolo italiano, così com'è oggi, è inadeguato a rimanere insieme agli altri nel sistema europeo. Potrei fare l'elenco dei vizi e dei mali che rendono l'italiota inferiore agli altri e per i quali si è ridotto in una condizione d'inferiorità e sottomissione. Prodi e il nano sono le guide che il popolo si è scelto e di conseguenza è andato a sbattere e sta scivolando sempre più in basso. PER ME L'EURO E' UNA MEDICINA AMARA MA INDISPENSABILE PER RADDIZZARE LA SCHIENA AD UN POPOLO DI DEBOSCIATI. UN POPOLO CHE, INVECE DI METTERSI IN REGOLA (INIZIANDO A FARE LE COSE PER BENE) COME FANNO I VIRTUOSI, PREFERISCE CONTINUARE A FARSI DEL MALE E PREFERISCE USCIRE DAL SISTEMA PER CONTINUARE A DROGARSI DEFICIT E DEBITO PUBBLICO SENZA SUPERVISORI CHE GLI ROMPANO I COGLIONI! USCIAMO DALL'EURO PER TORNARE NEL PAESE DEI BALOCCHI!
    • Antonio F. Malavenda Utente certificato 3 anni fa
      Certo uscire dall'euro non basta fondamentale riformare la moralità del Paese. E per farlo bisognerà risolvere tantissimi problemi interni.
    • Gabriele M. Utente certificato 3 anni fa
      Ciao Paolo,concordo con tutti e due i tuoi commenti,che dici ps.siamo fuori dal movimento????
  • alvise fossa 3 anni fa
    Le buone proposte ci sono,manca solo uscire dall'euro
  • Antonio F. Malavenda Utente certificato 3 anni fa
    Sono un europeista convinto ed ingenuamente ero felice che tanti Stati avessero deciso di unirsi. Ma questa non é un'unione ma una sottomissione. Siamo stati conquistati tramite una guerra subdola ed il popolo Italiano é stato tradito da chi avrebbe dovuto difendere i suoi interessi. In altri tempi si sarebbe definito "alto tradimento" ed i colpevoli fucilati. Bisogna dare una scossa,un forte segnale e USCIRE DALL'EURO!
  • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
    L'euro è una moneta criminale! E' per colpa dell'euro se la politica si è spolpata il MPS e CARIGE. Se non ci fosse stato l'euro la banca centrale avrebbe stampato tanti soldini per coprire il magna magna dei vecchi partiti! Si sarebbe fatto altro deficit e debito pubblico ma nessuno se ne sarebbe accorto! Tanta salute per il sistema economico finanziario! CHE BELLO! I vecchi partiti potrebbero continuare a rubare a volontà tanto ci penserebbe la banca centrale italiota a stampare danè ... questa si che è finanza sana e virtuosa perfetta per il progetto economico finanziario serio col quale presentarsi alle elezioni. QUALSIASI COSA SUCCEDA NO PROBLEM! C'E' LA BANCHETTA CENTRALE ITALIOTA CHE, COME FACEVANO ALLA PARMALAT, STAMPA NUOVA CARTACCIA A RIPETIZIONE! PURTROPPO NON C'E' SOLO RENZI, ANCHE ALTRI NELLE DISQUISIZIONI DI POLITICA ECONOMICA SI RIVELANO DEI PEREGRINI.
    • Paolo De_Sanctis Utente certificato 3 anni fa
      Già fatto! Ma se le responsabilità vengono scaricate sull'euro non mi sta bene!
    • Antonio F. Malavenda Utente certificato 3 anni fa
      Quindi vota m5s ed aiuta a mandare a casa questi cialtroni e poi processarli per i loro crimini contro il popolo
  • Davide Marini 3 anni fa
    OHHHH! Così si deve fare! Rispondete alle mail ai commenti allargate il movimento al dibattito perché questo è il tema del secolo! Chi sarà ai banchetti deve poter informare con convinzione gli italiani impauriti dai media! Beppe dovreste anche fare insieme ad economisti indipendenti conferenze stampa incontri di approfondimento specificando che chi partecipa e da una mano lo fa per dare una mano anche se non è riscritto al m5s! Su questo tema non si possono fare errori! Aprite a chi ci sta! C'è di mezzo il futuro del paese quindi ci sono molte competenti persone pronte a schierarsi con noi per questa battaglia!
  • Gian A Utente certificato 3 anni fa
    Alle due modalità, aumento tasse o stampare moneta, ne manca uno: ridurre la spesa pubblica. Forse non è chiara la situazione ai più (non del blog, ovviamente). Il debito pubblico nasce per: clientelismo, corruzione, appalti gonfiati (Report di ieri sera), opere pubbliche inutili, partiti politici diventati ormai comitati di affari, enti inutili per le poltrone, dirigenze doppie triple e oltre, pensioni e privilegi assurdi di entità inspiegabile, parassiti che vivono alla mangiatoia - stato, e così via. E' vero che la sudditanza monetaria è un cappio al collo, ma intanto, se non risolviamo il nodo della spesa pubblica ormai fuori controllo, non se ne esce. L'Ue poi, che ci riprende per la finanziaria 2015, direi che se il problema sono circa 4 mld di euro, benissimo: è un terzo dei denari che inviamo alla Ue. Basta ridurre anche quelli. Perchè se c'è crisi interna, c'è crisi anche per i contributi che diamo alla UE.
    • Gian A Utente certificato 3 anni fa
      Dunque gli interessi sul debito sono circa 300 mld dal 2010 al 2013. Nel 2013 c.a 95. Ovvio che più è alto il capitale a mutuo e più alti sono gli interessi. Con sovranità monetaria, al di là di questioni di inflazione, cambio moneta interna con l'estero, import - export, rimane aperta l'escalation del debito. Che prima o poi l'oste ci metterà davanti. Per cui, se non si interviene in quelle anomalie che ho elencato sopra, non si fa molta strada. E' vero che altri paesi che hanno mantenuto la sovranità monetaria vanno meglio di noi, ma è un paragone che non regge: l'Italia è un paese tra i più corrotti al mondo (non solo d'europa). Oggi ci si scandalizza per Expo o Mose piuttosto che TAV in centro Italia (e qui le notizie sono in sordina, che combinazione!!! forse perchè ci sono nuovi cantieri in corso?); domani si parlerà di TAV in Valsusa o Terzovalico (porcata faraonica elevato a mille) con "fiumi di parole" di scandalizzati o giornalisti che si indigneranno sulle pagine di quotidiani o in salottini televisivi. Ma a devastazione e danno economico ormai fatti. Neppure chiudere la stalla quando i buoi sono scappati: perchè dove possono riaprono la stalla. Noi paghiamo questo. Questo è debito pubblico. E 'sta gente qua, che si crede chissà chi, e che invece è nominata dai soliti per firmare tutto. E' al comando delle forze dell'ordine che scaglia contro il cittadino che protesta per le opere assurde. E che per reati legati a appalti truccati, opere inutili, mazzete tipo Mose o Expo, sono previste "vacanze forzate" di qualche mese, magari mantenendo la carica pubblica (e percependo lo stipendio). Domando: ma con questi presupposti, dove vogliamo andare? Sento ora per radio che il giudice Boccassini chirisce apertamente che le infiltrazioni mafiose negli appalti al nord Italia ci sono, eccome! E un Presidente è chiamato a testimoniare (Tribunale penale, eh!) sulla trattativa stato-mafia. Mi ripeto: dove vogliamo andare???
    • Fabry A. Utente certificato 3 anni fa
      La parte del debito che fatichiamo a ripagare non è dovuta a fabbisogno nazionale che è ampiamente ripagato dalle nostre tasse (infatti "avremmo" un ottimo avanzo primario), ma è la spesa per interessi che è scoppiata dopo il divorzio tra Tesoro e Banca d'Italia nel 1981 e genera altro debito (ebbene sì, debito da debito). Per ottenere capitali (essendo l'euro una moneta non-nazionale) dobbiamo indebitarci attraverso titoli di stato. Con la riduzione della spesa pubblica non possiamo riavviare l'economia e certamente le esportazioni non aumentano se le aziende chiudono. Quindi continuiamo a prendere in prestito euro su euro ed a far crescere il debito per mantenere pensioni, cassa integrazione ed il sistema privilegiato e clientelare. Nessuno sviluppo per l'Italia nell'euro, è evidente, per fare fact checking basta aver vissuto in Italia da prima dell'ingresso nell'eurosistema. Uscirne non è oggi solo necessario, è anche la più grande opportunità per riscrivere la politica sociale ed economica di questo Paese.
  • alfonsina p. Utente certificato 3 anni fa
    A tutti quelli che hanno dei dubbi. RAGAZZI, PEGGIO DI COSÌ NON POTREMMO STARE, ALMENO NON AVREMMO PIÙ CHI CI COMANDA L'AGENDA.
    • Fabry A. Utente certificato 3 anni fa
      Semplice, ma efficacie ;-)
  • gianfranco rossoni 3 anni fa
    Diciamo che l'italia se amministrata bene potrebbe superare tranquillamente gli altri paesi,da noi c'è quasi tutto ma con l'euro dobbiamo comprare da altri....................ma che libero mercato è?.
  • GIUSEPPE C. Utente certificato 3 anni fa
    Noto con piacere che state facendo "i compiti a casa" in linea di massima da buon "sovranista" apprezzo l' analisi e trovo tutto corretto. Ora rivolgendomi ai più scettici è ovvio che non si possa sviscerare l' argomento in un post di 10 punti. Consiglio quindi un analisi più approfondita in una sezione specifica del blog, dove affrontare ogni singola parte del problema ma soprattutto citare gli economisti che vi partecipano... grazie. :-)
  • Marco Orso Giannini 3 anni fa
    Ottimo.....basta con la storia del referendum. Una volta al potere in un venerdi sera con le banche chiuse usciamo creiamo la BC svalutiamo e al lunedi riapriamo le banche. Davvero un pezzo ottimo. Marco Orso Giannini
  • Luigi E. 3 anni fa
    Il Fact Checking fatto su previsioni è un ossimoro!
  • Emilio P. 3 anni fa
    Più che un "Fact Checking" mi sembra un "Fuck Checking"
  • Stefano C. Utente certificato 3 anni fa
    in tutte queste spiegazioni c'è molto condizionale o molte previsioni che sono tutte da verificare. La Banca D'Italia potrebbe in ogni momento decidere di comprare debito se i tassi aumentassero oltre una certa cifra. La Banca D'Italia calmiererà i tassi. Sono cose che non è detto che vengano fatte. Anche lo stampare moneta non è una cosa che uno stato fa per i fatti suoi ogni volta che decide di farlo. Ci sono dei criteri precisi. non mi sembrano spiegazioni ne esaustive ne interessanti.
    • Johnny Gaspari Utente certificato 3 anni fa
      Anche le altre sono previsioni, ma abbiamo visto nel reale il sultato che c'è stato con l'euro. Che discorsi fai. Certo che sono previsioni, è ovvio, la palla d cristallo non ce l'ha nessuno, ma ora 2 sono le scelte, provare oppure restare e morire. Perchè le loro previsioni sono state tutte smentite dai fatti.
  • Daniele C. Utente certificato 3 anni fa
    Concordo con quanto scritto,peccato che italiani in generale(non tutti) sono molto molto paurosi,abbinati a quelli di sinistra che gli piace molto mettere tutto in comune,finirà che rimarremo in questa fottuta moneta decretando la fine dell'italia.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus