Manlio Di Stefano in Russia: Una politica estera differente è possibile

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Manlio Di Stefano, portavoce M5S Camera

Ne ha parlato la stampa di tutto il mondo e, in Italia, solo il Corriere della Sera.
Domenica ho avuto il piacere di rappresentare il M5S al congresso di Russia Unita, il partito di Putin. Erano presenti circa 40 delegazioni internazionali delle quali solo 10 hanno avuto parola, io sono stato il quarto in assoluto e l'unico italiano. Sinceramente ho apprezzato questo segnale. Noi, che ad oggi rappresentiamo solo una forza di opposizione, abbiamo avuto parola prima o al posto di vice presidenti di Parlamento e segretari di partiti di maggioranza.
Evidentemente in Russia hanno già capito che siamo prossimi al Governo se ci danno tutto questo peso e hanno apprezzato un lavoro onesto e sincero in questi due anni contro le sanzioni imposte dalla UE.
Qualcuno pensava che fossi andato a inchinarmi ai piedi del potente di turno come hanno sempre fatto i nostri politici, oggi in USA domani in Russia dopo domani chissà, invece no, sono andato a ribadire che il nostro unico obiettivo è difendere gli interessi nazionali italiani.
Per farlo dobbiamo immediatamente bloccare le sanzioni alla Russia e intraprendere un dialogo sull'antiterrorismo.
Credo abbiano apprezzato la fierezza e chiarezza con cui ho pronunciato la frase "noi non siamo né filo russi né filo statunitensi, siamo filo italiani" spiegando cosa significhi dover ristabilire una serie di relazioni, convenienti per l'Italia, interrotte per via della miope sudditanza a forze esterne.
Non ho potuto fare il video del mio intervento per questioni logistiche ma ho registrato l'audio e, in massima trasparenza, vi invito ad ascoltarlo.
Una politica estera differente è possibile, puntare ad una vera sovranità è possibile, serve solo una classe politica degna e fiera. Noi lo siamo. Ed è solo questione di tempo...

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Inca Tsato 1 anno fa
    parlando di "occupare militarmente": Quanti dei lettori presenti sono al corrente del fatto GLI USA HANNO BOMBARDATO, INVASO ED OCCUPATO MILITARMENTE LO STATO DI PANAMA'? Lo hanno fatto a bruciapelo, senza nessun preavviso al governo, unilateralmente, a sangue freddo, senza nessuna minaccia alla loro sicurezza nazionale o provocazione, nello stile di un sequestro di persona, con il solo preciso e unico scopo di impadronirsi del Canale. Lì, la loro solita manovra non aveva funzionato e sono intervenuti con una macchina bellica enorme. Dei miei amici del luogo lo hanno descritto come un'invasione in massa con uno spiegamento di forze aeronavali e terrestri sproporzionato, degno del D-day, caratterizzato da morti, abusi e violenze cruente sulla popolazione civile. Ma nessun media se ne è mai lamentato poi molto, sul piano internazionale, chissà perchè... FACCIO PRESENTE CHE CIO' ACCADDE NEL 1989, quindi un passato recentissimo, non del medio evo... Poi, dopo qualche anno se ne sono andati com'erano arrivati e senza subire nessuna sanzione di sorta. si sa, la legge è uguale per tutti ma per certi è "più uguale" che per altri..
  • Inca Tsato 1 anno fa
    la mia risposta a Nicola T. non è andata a buon fine, quindi la scrivo qui: Se l'Austria, con la violenza della propria forza economica preponderante, dovesse impadronirsi di tutti i media locali del Trentino e con una propaganda devastante, fomentasse il malcontento e un moto di distacco dall'Italia; quindi, parallelamente, corrompendo la politica locale, inserendo i propri ben pagati uomini di fiducia nel governo, eliminando "fisicamente" eventuali focolai di resistenza, facesse destituire il governatore del Trentino, per poi giustificare il tutto con un referendum dalla dubbia trasparenza, creato e pilotato ad hoc, in tutti i dettagli, per convincere il popolo affinchè tale regione fosse annessa all'Austria: no, non sarei affatto felice di accontentarli, anche se vincesse il "si". Questo è solo uno dei vari sistemi ben collaudati, pazienti e lungimiranti, sistematicamente utilizzati dagli USA per le proprie invasioni territoriali all'estero. Sembra la trama di un film ma non lo è. E ci sarebbe molto altro da dire sugli altri punti citati: seguono una logica simile che fa pensare ad un programma di espansionismo ben studiato, oltre che di appropriazione delle risorse energetiche altrui. Si, perchè, guarda un pò il caso, dovunque gli USA mostrano la loro presenza "umanitaria", in qualche Stato estero, sempre sacrosantamente supportata da tutti i media mondiali, in "quel posto specifico" si trovano risorse energetiche o strutture legate ad esse. Il petrolio in medio oriente, poi il gas in eurasia... Mi viene da pensare che, se un giorno si usasse il fotovoltaico invece della combustione, ci ritroveremmo gli USA a fare "interventi umanitari" nei paesi più soleggiati del mondo. Sono davvero molto umani...
  • Gino T. 1 anno fa
    Personalmente condivido in ogni particolare l’analisi sull’Ucraina e le posizioni del M5S in politica estera esposte da Manlio Di Stefano. L’unica cosa che mi manca è che le posizioni in politica estera del M5S non compaiano in nessun programma ufficiale del movimento. Inoltre l’analisi di Di Stefano pone anche una domanda: come comportarsi con un’UE che ha partecipato/indotto a un colpo di stato in Ucraina? Dopo il Brexit Grillo ha detto che non intende uscire dall’UE, OK! Quindi il M5S rimane tranquillamente in un’UE che contemporaneamente accusa di aver aiutato un colpo di stato!
  • marco iacovelli Utente certificato 1 anno fa
    sei stato in gamba
  • Carlo S. Utente certificato 1 anno fa
    Grazie Manlio, sono felice che Voi ci rappresentiate davanti al mondo, con queste parole e prese di posizione!! Basta appiattirsi come ci indicano i media servi!! Ragioniamo con il nostro cervello! W M5S!!! PS. i troll hanno stra-stra-rotto! (non da oggi)
  • Inca Tsato 1 anno fa
    Essere informati nei dettagli della reale situazione in Russia non è cosa facile. Ma senza addentrarsi troppo, volendo solo valutare "dall'esterno" l'espansionismo selvaggio praticato in tutto il globo dagli USA, dal dopoguerra ad oggi, confrontandolo con quello pressochè inesistente della Russia, è facile osservare chi dei due sia "l'invasore". Nello specifico, gli USA hanno letteralmente accerchiato la Russia fin sotto ai suoi confini. Ogni mezzo, lecito, illecito o amorale, è stato adottato a tal fine, destabilizzando governi per inserirvi i propri "uomini di fiducia", impadronendosi dei media locali, installando basi nato dovunque, dall'eurasia al kazakistan. Se la Russia avesse fatto una frazione minima di tutto ciò, sarebbe già scoppiata la 3a guerra mondiale, e l'avrebbero fatta scoppiare gli USA, non la Russia. Gli ormai pochi Paesi al mondo che ancora riescono a stampare la propria moneta "di Stato", senza passare per la cappella di qualche "banca centrale privata", controllata finalmente dai "soliti noti", sono sotto attacco dei media mondiali, boicottati dall'economia e minacciati di aggressione militare. La Russia è uno di questi... ("a pensar male si fa peccato ma... ci si azzecca quasi sempre")
    • Nicola T Utente certificato 1 anno fa
      Ma per entrare nella NATO non è necessario formalizzare la propria proposta di adesione? Quindi è necessaria o no la volontà di uno Stato sovrano che, liberamente, sceglie di aderire alla NATO? Perché ho letto su RussiaToday, vera informazione libera e non di regime come la nostra, che è sufficiente che un soldato NATO metta gli scarponi sul suolo di uno Stato per affiliarlo. Un po' come quando si giocava a rubamazzetto da ragazzi. Posso fargliela io una domanda, invece: se gli Stati Uniti annettessero una delle regioni settentrionali del Messico, occupandola militarmente, ci sarebbero le stesse proteste popolari (nulle) che ci sono state per l'annessione della Crimea? O la bandiera della pace è bella solo se fa da contraltare a quella americana? Inoltre, se il Trentino Alto-Adige dovesse indire un referendum sull'annessione all'Austria e vincesse il "sì", presumo Lei sarebbe ben felice di accontentarli. Così come se in Bangladesh votassero per un'annessione all'Italia sarebbe giusto, da parte nostra, farli diventare cittadini italiani. Giusto? Yankee Go Home, sempre. Mi raccomando. Saluti.
  • Emanuele S. Utente certificato 1 anno fa
    Mi fa ridere chi butta i suoi 2 centesimini su Putin senza sapere un'H sulla Russia, informati solo dai giornalini locali (che pescano a secchiate dalla CNN americana, unico vero vincolo di conoscenza loro). Ma vi rendete conto che in Crimea hanno fatto un referendum? Ripeto...un REFERENDUM, per poter stare con la Russia (diciamocelo, sono al 70% russi, non russofoni) e l'Ucraina dopo il voto popolare ha militarizzato la regione. Secondo voi la la Russia cosa doveva fare? Guardate bene chi ha cominciato l'escalation alla guerra. E per chi non lo sapesse, una settimana dopo, marines americani, e sottolineo americani, erano in Crimea con le divise dell'esercito ucraino. Queste cose alla CNN non ve le dicono, tranquilli. Chiedete poi ai cittadini russi se si sentono oppressi dal loro presidente. Vi mandano a fa...lo subito. Facile dire Russia cattivi, USA buoni, è dalla seconda guerra mondiale che ce la menano così. Intanto le schifezze più grandi le hanno fatte proprio quest'ultimi nella loro corsa al dominio mondiale, e voi dietro a leccargli il sedere. Dormite tranquilli ora.
    • Nicola T Utente certificato 1 anno fa
      Ripropongo il quesito già sottoposto ad un altro utente: se il Trentino Alto-Adige, tramite referendum, votasse per l'annessione all'Austria, o la Sicilia per l'annessione agli Stati Uniti d'America, dovremmo accontentarli? Vedere le nostre regioni occupate da eserciti austriaco ed americano sarebbe legittimo? Curioso come, quando si vuole denigrare l'Italia, si citi sempre la famosa classifica sulla libertà di stampa che ci vede al 77° posto; qualcuno può ricordarmi i0che posizione occupa la Russia? Faccio io, la 148. Ovviamente ora aspetto che qualcuno mi dica che queste classifiche sono fatte da Occidentali per gli Occidentali. Oppure valgono solo quando ci dicono quello che vogliamo sentire.
    • Gaspare Compare 1 anno fa
      diciamo che le morti dei giornalisti (l'esercito di soros(pace alla loro anima)),(possibili sacrifici della cia) fanno parte di una guerra sotterranea che cerca di infangare Putin e destabilizzare la Russia per continuare a sottometterla e neutralizzarla usarla come ai tempi dell'urss,renderla alla fame o narcotizzata con la "democrazia"esportata dagli usa come gia gli americani stanno facendo con l'europa(esempio la polonia che è uno degli ultimi soldatini della nato)(tra l'altro la Polonia come la Russia,l'Ungheria ecc almeno ha capito il progetto di distruzione attraverso l'immigrazione gestita dalla mafia giudaica bancaria) da circa settantanni.Se c'è qualcuno che stà riordinando il mondo quello è Putin e grazie a lui che possiamo smarcarci dal regime della ue (strumento di distruzione della vera Europa e mega assortimento di burrattini premier(grazie a Cameron per la Brexit))e costruire un mondo veramente solidale ed equo.
  • Alessio S. Utente certificato 1 anno fa
    quando leggo commenti del tipo:"mi avete fregato con la Raggi, ma non vi voterò più" mi viene da ridere... ormai i TROLL li riconosco dalle prime parole che scrivono. A parte questo, ottimo Manlio, forza M5S, avanti così!!!
  • Angelo Pante' Utente certificato 1 anno fa
    Di Chiara e Virginia gloriosa fu la sorte a trainare per prime, nocchiere responsabili, su un percorso di virtù. A dispetto dei menagramo, di ladri e delinquenti, dei bugiardi sempiterni andranno avanti oneste e determinate con il coraggio degli eroi a dispensare e gestire sempre con trasparenza speranze di riscatto- Vergogna per sempre a chi,malevolo e settario, con intento preconcetto le contrasta. Un affezionato pentastellato di 86 anni Angelo Pante via Garibaldi 44 Torino
    • Giovanni Giuffra Traverso Utente certificato 1 anno fa
      Mi par dolce sentire balbettìo di poeta, che al limite terreno del viver, s' appassiona e nel cuore ancor spera. Virtù, Signora nostra, emigrata d' Italia, orfani c' hai lasciato di molte servitù: peccati, vizi e mali abbondano fra noi; quali rimedi per noi efficaci - se non torni? Torna Italia, ritorna alla tua Patria vera: dal costato di Cristo sei nata e per i Santi sgorgata per l' Europa. Chi ti oblìa, t' inganna. Maria, Maria, salvaci. amen
  • Claudio Merli Utente certificato 1 anno fa
    Roba da matti. Definire gli accadimenti in Ucraina dal punto di vista del Cremlino mi pare uno scherzo. E di cattivo gusto. Il sig. di Stefano si approfitta del fatto che non possiamo scegliere i nostri rappresentanti in parlamento, ma solo nominarli. Parlavano in modo molto diverso della Russia 3 anni fa quando qualche burocrate 'nominato' del Cremlino faceva incetta di aziende in Italia, e visti i risultati (acciaio smantellato in Lombardia e Toscana) si può dire che avevano ragione. Ho votato Raggi, ma me ne sono già pentito.
    • Gino T. Utente certificato 1 anno fa
      Desidererei ricordarle che Yanukovich fu eletto democraticamente la tutta la popolazione dell’Ucraina e che tre mesi dopo il Maidan ci sarebbero state in ogni caso le nuove elezioni presidenziali. Me non le volevano! Devo anche ricordarle i 5 miliardi di dollari investiti in Ucraina di cui parla la Nuland! Investiti per cosa? Per scuole e asili?
    • Alessio S. Utente certificato 1 anno fa
      AHAHAHAHA "ho votato Raggi ma non mi fregate più" AAAAAAHAHAHHAHAHAA cambiate disco miei cari Troll, non potete scrivere sempre le stesse cose, dai!!!! Io dico che Manlio è stato bravo, forza M5S.
    • Natalino T. 1 anno fa
      Condivido il suo commento. Il M5S prima di parlarne di togliere le sanzioni dovrebbe capire chi è Putin ma purtroppo oggi fa figo essere amico di Putin.
  • Natalino T. 1 anno fa
    Ci andrei cauto con le smancerie a Putin. Come andrei cauto con le derive nazionaliste "io sono filo italiano" . Putin è un opportunista eccezzionale e le sue lusinghe sono insidiose. Per quanto riguarda I nazionalismi credo che siano pericolosi e anacronistici.
    • Nicola T Utente certificato 1 anno fa
      Concordo con Lei sulla cautela verso Putin. Completamente in disaccordo, invece, sui nazionalismi; su questo sono completamente d'accordo con Di Stefano. Ritengo ben più pericoloso ed anacronistico voler vivere in un Mondo in cui si è tutti uguali, dove le diversità vengono appiattite. Saluti.
    • Alessio S. Utente certificato 1 anno fa
      ...quindi lei avrebbe preferito che Manlio, davanti a Putin, si fosse messo a chattare col cellulare e l'espressione ottusa, piuttosto che prendere parola e parlare senza timore?! io dico: bravo Manlio, discorso chiarissimo!
  • Giovanni Giuffra Traverso Utente certificato 1 anno fa
    Sono felice per questa concretezza ed apertura che il Movimento 5 stelle mostra. Non sono un elettore M5s, ma se continuano su questa linea di chiarezza, concretezza, e soprattutto moralità, nessuno potrà togliergli il mio voto alle prossime nazionali. Che Dio, quello vero che ha un figlio di nome Gesù Cristo, vi aiuti!
  • giovanni comunque 1 anno fa
    italia paese nutrale, si facciano solo opere di bene. non bussare il campanello, grazie.
  • paksley 1 anno fa
    Faccio presente che se esistono sanzioni contro la Russia credo siano una conseguenza di quello che il Sig. Putin sta facendo in Ucraina e che ha già fatto in Crimea.. Aspettiamo la nuaova invasione della Polonia per capire veramente che tipo di personaggio sia??. Le premature morti di giornalisti indipendenti in Russia sono solo degli strani incidenti.. Credo che basti Salvini in Italia a usufruire delle sposorizzazioni della Russia..
    • andrea paoloni 1 anno fa
      Scusa, ma se ritieni che si debba capire che personaggio sia Putin, tu hai capito che personaggi sono quelli nelle cui mani siamo da decenni, quelli che ancora poco fa ci hanno imposto di partecipare a guerre per le quali hanno falsificato la realtà portando finte "prove" di pericolosità e che hanno causato almeno un milione di morti civili e la distruzione di un Paese? Quelli che, per ammissione del loro stesso Ministro degli esteri, sono responsabili della nascita dell'ISIS e che hanno esercito dislocato sul mondo intero? E che continuano ogni giorno ad uccidere gente comandando droni dai loro uffici lontani migliaia di miglia? ...e si potrebbe proseguire per un pezzo elencando nefandezze....
  • Silvio . Utente certificato 1 anno fa
    Avanti così! Questi sgovernanti hanno le ore contate. Bravissimi e sempre nell'interesse del popolo italiano.
  • Baby F. Utente certificato 1 anno fa
    Fuori dalla nato. Grazie Manlio
  • undefined 1 anno fa
    Difendere gli interessi nazionali? E come la mettiamo con ľ invasione dei clandestini e i soldi che ci costano? Questo argomento il m5s preferisce scordarlo, evidentemente. E poi Farage, dimmi con chi vai e ti dirò chi sei. Viva ľ Europa !
    • Pier 1 anno fa
      Gentile sig. Giuffra Traverso, che i clandestini siano un costo è una verità incontrovertibile ma asserire che noi italiani saremmo disumani se non accogliamo chi dobbiamo accogliere (i profughi) non lo è altrettanto. I costi bisogna ripartirseli fra le potenze che hanno creato le guerre nelle terre di coloro che scappano. E l'Italia dovrebbe sopportarli in minima parte, i costi dell'accoglienza, prima di noi ci sono Gran Bretagna e Francia, che destabilizzarono la Libia e Gheddafi durante il governo Berlusconi. Poi c'è Santa Madre Chiesa che è una potenza finanziaria mondiale la quale potrebbe accollarsi i costi di mantenimento e di rimpatrio dei profughi nei Paesi d'origine. una volta finite le guerre.
    • Giovanni Giuffra Traverso Utente certificato 1 anno fa
      Buongiorno, I clandestini non sono solo "costi", ma anzitutto persone, come me e come Lei, ma: senza patria, senza possibilità di lavorare in regola, senza amici, senza conoscenza della lingua; sono gli ultimi fra noi, e spesso i più sbandati. Ma se questa Italia è una nazione ancora cristiana, deve operare le misure adatte per accoglierli e integrarli, o perlomeno per rimpatriarli dopo avergli dato qualcosa - ciò che la vita gli ha spesso tolto: istruzione, salute, sicurezza. Se quest' Italia invece è una terra di persone che idolatrano il danaro, e ragionano delle persone col colore e la lingua diversi da loro in termini di costi e problemi, allora sì, siamo d' accordo: gli immigrati sono solo dei costi per tutti noi. E il costo è questo: la nostra disumanizzazione per attaccamento al danaro e la perduta virtù della carità cristiana. Saluti'
    • Pier 1 anno fa
      Tu, invece, vai con la TROIKA? Nel caso non lo sapessi, l'Europa è gestita proprio da questa ...
  • Aldo Masotti Utente certificato 1 anno fa
    @Adolfo ed altri : NATO / SI o NO Il problema non e' ne' politico , ne' militare ma economico: partecipare alla NATO ci propone una operativita' condivisa che ci consente di spendere "solo" il 1,5% del PIL in spese militari. Di cio' si e' lamentato sia Obama (alleati scrocconi) sia e' nei discorsi di Trump (revisione delle spese militari con gli alleati ).
  • pugnali lucio 1 anno fa
    Sottoscrivo parola per parola il discorso di Manlio.
  • Alessandro D. Utente certificato 1 anno fa
    Bravo Manlio Di Stefano, ottimo discorso, fatto da una forza politica, quale è il M5S, sempre più pronta a governare questo paese. Sono molto contento dei risultati che state ottenendo e questo sforzo vi ripagherà. Buona fortuna a tutti e grazie di cuore.
  • Fabio Bugli.2 () Utente certificato 1 anno fa
    Complimenti a Di Stefano per il coraggio dimostrato ad affrontare dei temi veramente spinosi, quali la situazione Ucraina e le reali motivazioni economiche che sono nascoste dietro le sanzioni. Sarebbe veramente utile riuscire a rendere più ampia la conoscenza di quanto fatto da te e dal movimento, confrontarsi con Confindustria e associazioni su questi temi. Sarebbe possibile forse approfittare della vittoria romana della Raggi per invitare a Roma Putin e Russia Unita? La stampa non potrebbe più nascondere quanto si sta producendo, e si potrebbero aprire piccoli canali commerciali diretti tra Roma e Russia senza passare per il governo italiano.
    • Claudio Merli Utente certificato 1 anno fa
      Mi avete fregato con la Raggi, dopo aver letto queste dichiarazioni sulla Russia, mi pento di averla votata!
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 1 anno fa
    In un' ottica di politica estera differente e' importante che il M5S elabori una posizione di massima apertura e amicizia verso tutti i popoli svincolata da vecchie e superate sudditanze. Resta ovviamente ferma la nostra appartenenza all'UE, mentre e' da discutere il ruolo, la composizione e le finalita' della NATO nonche' l'opportunita' o meno della sua prosecuzione, visto che la guerra fredda e' finita e non c'e' nessun pericolo di aggressione salvo quella del terrorismo internazionale. E contro di questo e' necessaria la collaborazione di tutta la comunita' mondiale e di tutti i Paesi che amano la pace.
  • Renata Di Giovannandrea 1 anno fa
    Grazie Manlio, grazie. Il tuo intervento mi ha fatto sentire orgogliosa di essere italiana e rappresentata da persone come te. Troppo spesso e da troppo tempo mi succedeva il contrario e come hai detto tu ... Finalmente filo italiani!
    • Claudio Merli Utente certificato 1 anno fa
      Delegazioni fatte solo di uomini? Lo so io che ci vanno a fare in Russia....
  • Rosa 1 anno fa
    Ottimo intervento, tutti gli imprenditori italiani devono vederlo e apprezzarlo. State seminando bene, aspettiamo i frutti.
  • Stefano Chirico 1 anno fa
    Pare che nell'Unione Europea, qualcuno di quell'ammasso di folli burocrati e tecnocrati che ci governano senza essere stati eletti da nessuno stia seriamente pensando di cancellare l'inglese dalle lingue ufficiali dell'UE, visto che il Regno Unito ha deciso di uscire dall'Unione. L'inglese è prima lingua di britannici, irlandesi, canadesi, eccetera, seconda lingua di indiani, sudafricani, eccetera, e lingua internazionale di riferimento per tutti gli altri in giro per il mondo, con la quale parliamo con russi, arabi, cinesi e via continuando, nonché tra i cittadini di tutti i 27 Stati dell'UE. Vogliamo tornare alla Torre di Babele? Personalmente, io renderei l'inglese la seconda lingua dei cittadini europei, come in India o in Sudafrica, con relativo obbligo di insegnarla, come si deve, e gratis, fin dall'asilo. Facciamo arrivare a questi tecnocrati di Bruxelles un segnale, chiaro e forte. Hashtag ‪#‎EnglishRemain‬
  • giorgio peruffo Utente certificato 1 anno fa
    Ho dato, sin dall'inizio, li voto al M5s e ne sono molto soddisfatto perchè mi sento rappresentato. Prima votavo per il partito che mi sembrava meno-peggio ma era sempre la solita fregatura: tutti ladri.
  • Aldo Masotti Utente certificato 1 anno fa
    Il taglio dell'articolo sul corriere non era proprio positivo. Faceva notare come il M5S sia un po' troppo ottimista nelle prese di posizione . E di controspalla c'era l'articolo che diceva che la Appendino si e' presa un bel "NO" sul muso per il cambio della presidenza della fondazione della banca .
  • Paolo r. Utente certificato 1 anno fa
    Discorso strepitoso. Ma ci sarà un video, magari nella tv russa. Spassibo, Manlio! спасибо, Манлия!
  • Alessandro Alfieri 1 anno fa
    Un abbraccio
  • Raimondo M. Utente certificato 1 anno fa
    Manlio, Manlio sovrana e fiere accettando la Commissione Europea? La BCE? Su non scherzare. Benevolmente non ignorate chi sin qui vi ha portato. I presuntuosi crollano perché abbandonati per loro colpa. Coraggio e ricominciamo dalla questione europa.
  • old dog 1 anno fa
    Grande M***** allacciare rapporti con tutti rispettando tutti x essere rispettati da tutti saluti ai monelli del blog ▌│█║▌║▌║ σℓ∂ ∂σg ║▌║▌║█│▌
  • old dog 1 anno fa
    se vedemu besughi ▌│█║▌║▌║ σℓ∂ ∂σg ║▌║▌║█│▌
  • old dog 1 anno fa
    sos saludos a tottu ▌│█║▌║▌║ σℓ∂ ∂σg ║▌║▌║█│▌
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus