L'informazione italiana vergogna nel mondo

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
italia_vergogna.jpg

"Ieri mi trovavo a Washington. Dopo aver visto la Casa Bianca e visitato il Lincoln Memorial, ho fatto un salto al Newseum. Il Newseum è un museo interattivo dedicato all'informazione e al giornalismo, all'interno del quale sono conservati, cito da Wikipedia, "microfoni, macchine fotografiche, telecamere, macchine per scrivere, computer, cellulari e tutti gli altri mezzi di cui il giornalismo si è servito nel corso degli anni. Il settimo piano dell'edificio, un museo di oltre 23.000 metri quadrati, presenta quindici teatri e quattordici gallerie". Girando tra le sale arrivo a quella dedicata alla libertà di stampa. Un plastico enorme esposto in uno dei principali musei del mondo mi sbatte in faccia la verità: l'informazione in Italia non è libera. Siamo un'anomalia, gialli di vergogna:

italia_vergogna.jpg

vergogna_info.jpg

Tutti lo sappiamo, anch'io lo sapevo, ma vederlo così, in un museo ovattato, curato, in cui il mio Paese è brutalmente spogliato per rendere evidenti le sue sozzure, con persone per bene che osservano lo stesso plastico e scuotono la testa pensando "poracci" mi ha fatto venire un brivido di vergogna. Bisogna reagire, la situazione è molto peggiore di quella che percepiamo stando a casa." Daniele D., Lecco

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • ndrecchia 3 anni fa mostra
    Anche tzetze non mi sembra che faccia questa grande informazione. L'unico punto di riferimento in Italia è il Fatto di Travaglio. Il resto è nulla.
    • carla g. Utente certificato 3 anni fa mostra
      vorrei sbagliare ma travaglio mi sembra sempre di più un cavallo di troia, oppure sperava in qualche carica ch non è arrivata?
    • sei 10 3 anni fa mostra
      Il fatto quale travaglio chi?!?!?!?!
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus