Il governo delle PMI se ne frega

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

governo_pmi.jpg

"Un emendamento del M5S al Decreto del Fare prevede che al Fondo di Garanzia a favore delle piccole e medie imprese possono affluire contributi su base volontaria per essere destinati alla microimprenditorialità. Il provvedimento impegnava il Ministero dell’Economia e delle Finanze, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto, ad emanare un decreto per definire le modalità di attuazione e di contribuzione da parte di enti, associazioni, società o singoli cittadini. I novanta giorni sono passati ma, il Ministero dell'Economia e delle Finanze, fregandosene delle difficoltà finanziarie in cui versano le piccole imprese, non ha ancora fatto nulla. Questo Fondo di Garanzia rappresenta il principale strumento nazionale a sostegno dell'accesso al credito per le PMI italiane. Il meccanismo di funzionamento del Fondo genera un importante effetto leva in grado di agire da moltiplicatore delle risorse di cui dispone, basti pensare che con un euro di dotazione del fondo, al sistema imprenditoriale arrivano tra i dieci e i venti euro. Ogni risorsa aggiuntiva destinata al fondo, risulta essere un importante strumento per dare una boccata di ossigeno al sistema produttivo. Per la prima volta in Italia, il M5S ha deciso di fare con atti concreti e non con le solite chiacchiere. Se avessimo potuto versare al Fondo l'ammontare della nostra prima restituzione, pari a 1.569.951 euro, avremmo potuto finanziare le PMI per un ammontare che poteva variare tra i 15 a 30 milioni di euro. Il M5S, per il secondo restitution day, ha atteso invano l'emanazione del decreto attuativo. Con amarezza, a 8 giorni dalla scadenza della seconda restituzione, al M5S non è ancora data la possibilità di poter versare le eccedenze al Fondo. Per chi desidera maggiori informazioni: fondidigaranzia.it" Barbara Lezzi, M5S Senato

PS: Carlo Sgandurra non rappresenta il M5S al dibattito pubblico all'Istituto Italiano di Cultura sulla comunicazione. Nessuna richiesta in tal senso è stata inoltrata al gruppo di comunicazione M5S di Camera e Senato.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Max Stirner Utente certificato 4 anni fa
    Dopo la lettera di Grillo ai poliziotti, ecco cosa fa sapere la Polizia. Nessuno ve lo ha detto... "Ringrazio Beppe Grillo per la vicinanza che dimostra" In rete si leggevano solo articoli del tipo "I sindacati di Polizia contro Beppe Grillo". A giudicare dalle parole di Felice Romano, segretario del Siulp, la verità sembra altra. "Ringrazio Beppe Grillo per la vicinanza che dimostra, anche se nel modo tutto suo, ai poliziotti. I poliziotti sono abituati ad essere figli di tutte le opposizioni e orfani di tutti i governi. Ma voglio che sia chiara una cosa; i poliziotti hanno giurato fedeltà alla Repubblica, alle istituzioni e al popolo italiano". *********** Sembra la risposta dell’Oracolo di Delphi! “Ibis redibis, non morieris in bello” trad: Andrai ritornerai, non morirai in guerra. “Ibis redibis non, morieris in bello” trad: Andrai non ritornerai, morirai in guerra. Come vedete, basta spostare la virgola e il risultato si capovolge. Costoro ci coglionano! Hanno giurato fedeltà alle Istituzioni e al Popolo Italiano; quando le Istituzioni abusano dei loro poteri costituzionali contro il Popolo Italiano, che fanno? Di certo non stanno con il Popolo Italiano: dei tre soggetti sui quali hanno giurato, per costoro il Popolo è quello che conta meno di tutti. Hanno giurato anche di rinunciare all’uso della loro intelligenza? Vogliamo una polizia diversa! Pagata almeno il doppio, che faccia intelligence e questi spaccateste vengano riaddestrati per altri servizi, magari sociali. Comandi!
    • tino p. Utente certificato 4 anni fa
      la Polizia alla fin fine sono mercenari , vendono i loro servizi a chi li paga , nella fattispecie li paga lo stato privatizzato dei politici il resto è solo conseguenza
  • Nando Meliconi (in arte "l'americano") Utente certificato 4 anni fa
    IL GOVERNO DELLE PMI SE NE FREGA. Il Governo se ne frega dell'Italia e di tutti i suoi cittadini! Finanziano quello che che gli pare, quello dove hanno interessi. Io sono più pratico, anzichè chiedere l'elemosina a sti schifosi, preferisco muovermi! Mettiamo quei quattri spicci che ci sono rimasti in una unica banca, scegliamone una piccola e facciamola funzionare secondo le nostre esigenze. Lo può fare Banca Etica? No? Cambiamo banca! Se l'unione fa la forza, tutti noi in un unico posto, possiamo avere un "forte" potere contrattuale. Parlo di numeri, un milione di persone che spostano 500 euro, è un potenziale notevole! Basta aspettare la manna dal cielo, con questi piove solo merxa! ORGANIZZIAMOCI PER I CAXXI NOSTRI! CE LA COMPRIAMO UNA BANCA SE VOGLIAMO, COSÌ MAGARI SE SOPRAVVIVE! La sudditanza economico lavorativa è quella che ci tiene legati a strozzo, siamo capaci di organizzare delle contromosse? Io sono anni che propongo, Civic Company Comunali per il lavoro e tutti in una banca per i soldi! Se entriamo in concorrenza sono finiti, spariscono da soli. In uno stato di necessità, la gente accetta di tutto, anche di schiattare come a Taranto pur di lavorare, oddio, lavorare è una parola grossa, elemosinare per un tozzo di pane bussando sempre alle solite porte! Possono vietare a una banca di prestare soldi? Ecco, troviamo quella banca e mettiamoci i nostri maledetti soldi e facciamoli girare! Arrivederci e grazie. Nando da Roma, Uno del Blog.
    • mary dg 4 anni fa
      quoto! a chi necessita una banca ancora per generare la propria vita quelle a disposizione non van bene(forse salvo banca etica, con qualche punto di domanda perche' pure loro poveracci devono stare a fianco degli squali) comunque e' vero Beppe una nostra banca avrebbe gia' un bel po' di iscritti subito e si farebbe anche un lavoro su tutto il comparto green economy ma quello vero..non quello banfato oggi a Roma pieno di corruzione!-grazie Nando-
  • Antonio C. Utente certificato 4 anni fa
    Perché non avviare subito un accordo con la Banca Etica sull'apertura di un fondo per le piccole e medie imprese dove destinare i soldi che il M5S giustamente rifiuta? Cosa impedisce di farlo? Sarebbe un inizio e, soprattutto, avrebbe un effetto immediato. Lo so che è una goccia nel mare, ma meglio di niente.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus