Il Pd non vuole una legge sul consumo di suolo

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Massimo De Rosa

Siamo al paradosso. Durante questa legislatura la legge sul consumo di suolo, di cui sono stato primo firmatario è stata nell'ordine:

1. Dimenticata in un cassetto
2. Snaturata del suo significato al punto da diventare quasi una legge a favore del consumo di suolo, tacciabile di anti-costituzionalità
3. Approvata alla Camera con relativa promessa di sostanziali migliorie da apportare poi nel passaggio al Senato.
4. Persa nell'iter della calendarizzazione fra una Camera e l'altra.
5. Infine migliorata in alcune sue parti ma lasciata morire perché fuori tempo per questa legislatura.

Quella del governo e del ministero dell'Ambiente è stata la dimostrazione nei fatti del loro totale disinteresse nei confronti di un argomento, che invece dovrebbe essere al centro delle politiche ambientali di un paese in cui il 7,6% del territorio è cementificato e dove il consumo di suolo avanza al ritmo di tre metri al secondo. Dove la cementificazione è arrivata a minacciare le aree protette, i parchi naturali, ma soprattutto dove ancora si costruisce senza criterio in zone sismiche o ad altro rischio di dissesto idrogeologico. Un atteggiamento svilente nei confronti di cittadini e associazioni, come ad esempio Salviamo il Paesaggio, che hanno dedicato il loro attivismo a questa causa.

Eppure oggi ci tocca leggere dichiarazioni come quella del Sottosegretario di Stato del Ministero dell’Ambiente Silvia Velo, la quale dichiara: "La legge sul consumo di suolo diventi priorità per il PD". Ma come? In questi cinque anni per chi doveva esserlo? Il giochino è sempre il solito. A marzo si vota e questi pseudo-ambientalisti poltronari torneranno a promettere, sventoleranno programmi, indicheranno priorità. NON CREDIAMOGLI. Sono i fatti, non le parole a dimostrare come una legge capace di arginare realmente il consumo di suolo loro non l'abbiano mai voluta. Se veramente, come me, hai a cuore l'ambiente e questa battaglia non dimenticarti chi sono loro e cosa non hanno fatto e se puoi aiutami a raccontarlo a quante più persone possibili.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • pericle seneca () Utente certificato 28 giorni fa
    Ora che gli avanzi dei Verdi aiuteranno il PD siamo sicuri che se si comporteranno come ha fatto il loro leader Pecorario Scanio % C. il territorio finiranno di distruggerlo in poco tempo se l'elettore cade ancora nella trappola !
  • seneca pericle 28 giorni fa
    Non preoccupatevi ora cambia tutto con i Verdi che appoggiano Renzi ne vedremo delle belle ! Quei Verdi che sono stati così ben rappresentati da Pecorario Scanio & C. nella difesa del territorio (ma quello proprio! )
  • mario genovesi 28 giorni fa
    Il premier abusivo Gentiloni che vuole fare il bis e porta pure una discreta sfiga dice che è contento dell'impegno dei Verdi traditori passati al partito delle trivelle a fianco del partito appunto delle trivelle, della TAV, del TAP e già che ci siamo pure del MUOS. Sarà per via della sua gigantesca faccia da culo che quando apre lo sfintere che osa chiamare bocca gli escono i rumoracci.
  • Aberto O. Utente certificato 29 giorni fa
    Il PD, e non soltanto quello renziano, ma il PD così come si è presentato agli elettori, in tutte le sue varianti, negli ultimi 25 anni, ha sempre promesso una legge sul conflitto di interessi che impedisse a Berlusconi di concentrare su di sé ed i suoi famigliari la proprietà di televisioni, radio e giornali. Mai fatto nulla. Perchè? PERCHE' IL PD E' IL PDL E IL PDL E' IL PD. Non possiamo certo aspettarci di conseguenza che il PD approvi una legge che limiti il consumo del territorio, una legge contro la corruzione, che tagli i vitalizi, che tuteli i lavoratori, ecc. E' impossibile, perchè dire PD significa dire PDL. Appena il Movimento Cinque Stelle sarà al governo del paese, la prima cosa da fare, la più urgente, sarà approvare una legge sul conflitto di interessi copiandola da quella in vigore in Spagna. La seconda cosa da fare sarà annullare tutti i contratti sulla TAV e pagare eventualmente le penali. Il che sarà sempre meglio di buttare dalla finestra oltre undici miliardi di Euro in un'opera del tutto inutile e dannosa, soltanto per foraggiare mafie e massoneria.
  • roberto 29 giorni fa
    invece con la cementificazione di tor di valle il cinquestelle distrugge direttamente il suolo . ma come si fa a dire di essere contro il consumo di territorio e poi far approvare dalla raggi una cementificazione di un'area golenale del tevere dove neanche i romani avevano osato costruire? complimenti per la coerenza.
  • andrea iannuzzelli 29 giorni fa
    è un sito difficile,come parecipare . ma quali video, in italia la percentuale delle persone che come me vorrebbero entrare a far parte non ci riescono , forse troppo moderno. sono del meridione, scendete un po più giu vicino a noi.
  • Maria Luisa Vargiu 30 giorni fa
    Vorrei sbagliarmi ma ho la convinzione che se ai pseudo-ambientalisti poltronari venisse chiesta la definizione di ambiente, suolo, paesaggio, biodiversità e poco altro, chiederebbero senza imbarazzo la domanda di riserva !
  • gmt 30 giorni fa
    c'è un errore, sarà 76%, non 7,6%
  • id &as Utente certificato 30 giorni fa
    OT? Consumo del suolo e costituzione... il Bhutan Article 5 Environment 3. The Government shall ensure that, in order to conserve the country’s natural resources and to prevent degradation of the ecosystem, a minimum of SIXTY percent of Bhutan’s total land shall be maintained under forest cover for all time. The Constitution of The Kingdom of Bhutan pg. 11 pdf http://bit.ly/2kyRrwo
  • Augusto Giuseppe Merletti 30 giorni fa
    Sinceramente mi sembra un tema sul quale M5S non ha più diritto di avventurarsi. Dopo l'approvazione del nuovo megaquartiere a Roma legato allo stadio della Roma la tesi dello "zero consumo di suolo" non è più sostenibile da questo Movimento politico
    • Augusto Giuseppe Merletti 29 giorni fa
      Giuliano Barbieri la città di Roma ha già due stadi entrambi al centro della città. Il Flaminio è già fatiscente, l'Olimpico è destinato alla stessa fine. Dove è l'interesse pubblico nel realizzane un'altro in un'area di esondazione del Tevere. Forse bisognerebbe approfondire gli interessi di Unicredit su tutte le operazioni immobiliari romani che M5S non sta osteggiando in alcun modo
    • Giuliao Barbieri Utente certificato 29 giorni fa
      e cosa dovevano fare ? Non costruire lo stadio ?
  • Arturo Riccobono 30 giorni fa
    In un comune dove non vi è nessun incremento di popolazione,trovo folle la costruzione di nuovi quartieri residenziali.
  • ANNA TUZZOLINO Utente certificato 30 giorni fa
    Fanno loro le idee e i sani principi degli altri. Anche a Trino vc abbiamo il sindaco PD si dichiara amante della natura. E aveva in progetto la cocostruzione di un autodromo in una zona verde ..e in più è delegato SOGIN
  • Leo 30 giorni fa
    Se si vuole il recupero dei centri storici abbandonati al degrado bisogna limitare le autorizzazioni a nuove costruzioni edilizie.
    • Arturo Riccobono 30 giorni fa
      Sono assolutamente d'accordo. I centri storici vanno recuperati.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus