La stampa italiana censura le notizie sul CETA: ecco le prove

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle Europa

Ecco il risultato della rassegna stampa del 25 gennaio 2017 inserendo nei criteri di ricerca la parola CETA.

Tutti i principali quotidiani esteri riportano la notizia dell'approvazione ieri al Parlamento europeo dell'accordo di libero scambio con il Canada (il CETA). Sui giornali italiani nemmeno una breve: notizia censurata. Eppure il CETA, votato ieri in Commissione Commercio Internazionale da Alessia Mosca (PD) e Salvatore Cicu (Forza Italia), è una minaccia per l'economia italiana e la salute dei cittadini.



Ecco la verità che vi stanno nascondendo.
Ecco le conseguenze di questo trattato sulla vita di tutti i cittadini:

L'AGRICOLTURA
- Il CETA permette al Canada di importare liberamente prodotti suini nel mercato europeo danneggiando così l'eccellenza europea dell'industria dei salumi e degli affettati. Nel 2014, nonostante il crollo dei prezzi nel settore europeo di carne suina, i prodotti canadesi veniva venduti a un prezzo del 25% più basso.
- Le pressioni competitive metterebbero a rischio le piccole e medie aziende a conduzione familiare.
- Il Canada è il terzo produttore mondiale di OGM e, di conseguenza, il mercato europeo sarebbe invaso da prodotti potenzialmente nocivi.

L'ECONOMIA
- La pressione della concorrenza comporterebbe la chiusura delle imprese locali e, di conseguenza, un aumento del tasso di disoccupazione.
- Il Canada è un grande produttore di grano, così come lo è l'Italia. Il basso costo del grano canadese porterebbe a una diminuzione del consumo del grano italiano. L'industria alimentare italiana ne verrebbe danneggiata.
- Alcuni settori (pensiamo alla pesca) saranno costretti a chiudere la produzione perché il Canada è molto competitivo. Questo porterebbe a un aumento della disoccupazione, e una forte migrazione della popolazione locale. Il vantaggio, però, è a favore delle multinazionali che possono permettersi economie di scala e costi di produzione più bassi.

LA SALUTE E L'AMBIENTE
- In Canada usano la ractopamina negli allevamenti dei suini (uno steroide già vietato in oltre 160 Paesi), i neonicotinoidi (pesticidi sistemici) e sin dagli Anni '80 gli ormoni nella carne bovina.
- Il CETA elimina le barriere commerciali e, pertanto, permetterebbe al Canada, un grande produttore di sabbia bituminosa, di esportare un enorme quantità di questo prodotto dannoso per l'ambiente. La sabbia bituminosa è uno dei combustibili fossili più distruttivi per l'ambiente.
- Un aumento nel commercio transatlantico porterebbe a un aumento delle emissioni inquinanti del comparto dei trasporti.

LA DEMOCRAZIA
- Con il CETA nascono le corti arbitrali. I governi non saranno più in grado di proteggere i propri mercati e prodotti. Le multinazionali potrebbero citare in giudizio i governi se dovessero essere imposte norme inique per i loro prodotti o restrizioni al commercio.
- Cittadini, comunità e associazioni sindacali non potrebbero più presentare ricorsi contro le imprese che violano le regole ambientali, le norme sul lavoro o sulla salute pubblica.

VI SEMBRA IL CASO DI CENSURARE QUESTE NOTIZIE?

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • .pablo portugal gomez Utente certificato 11 mesi fa mostra
    La ringrazio, signora. Anissa KHERALLAH ( developpement.aide@gmail.com per il vostro gentile aiuto oggi.All'inizio non avevo preso sul serio il vostro business, ma oggi quando ho visto il credito che ho voluto nel mio account , grande è la mia gioia e sinceramente chiedo scusa per aver dubitato di te e la tua abilità per aiutare le persone. Grazie e grazie per la vostra attenzione. Grazie a voi ho dovuto pagare i miei debiti .
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus