Solitudine e speranza di un Pubblico Ministero

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

dalla pagina Facebook di Michele Ruggiero, Pubblico Ministero Trani

È davvero incredibile quanto talvolta ci si possa sentire soli nel fare il proprio dovere!

Ad un Pubblico Ministero – il magistrato promotore di giustizia nel sistema penale italiano – capita spesso di avvertire questa sensazione di solitudine nel corso di processi particolarmente delicati: delicati come le verità che in quei processi si tenta di fare emergere, dapprima durante le indagini, poi nel corso del pubblico dibattimento.
Verità che spesso restano sullo sfondo, perché lì è bene che restino...
Verità che finiscono esse stesse sotto processo rischiando la più grave tra le condanne, quella all’oblio.

Un processo decisamente "delicato" è quello celebrato a Trani e concluso ieri...in primo grado.
Un processo ormai a tutti noto, a carico di agenzie di rating accusate di avere decretato e divulgato una serie di declassamenti e giudizi negativi nei confronti della 'nostra' Repubblica Italiana nel secondo semestre del 2011 'manipolando il mercato', così calpestando la dignità del nostro Stato sovrano: perché – sia chiaro – subire continui declassamenti e stroncature come era capitato all’Italia in quello scorcio del 2011, passando agli occhi della comunità finanziaria internazionale per un Paese che avrebbe potuto non onorare i suoi debiti, era (ed è) una questione di dignità delle sue istituzioni e, prima ancora, del suo stesso popolo.

Una questione di “dignità nazionale”, anche se quelle stroncature fossero intervenute nel più rigoroso rispetto della normativa europea; figurarsi se, invece, si fosse dimostrato in un processo che quelle stroncature – sentenziate dai supremi giudici dei mercati, quali appunto le agenzie di rating – fossero maturate in spregio ai principi di legalità e trasparenza!

Ho condotto personalmente le indagini preliminari ed ho cercato di capire il come ed il perché di quella singolare sequenza di sonore bocciature: ad un magistrato, in fondo, non si chiede solo di sapere ma anche e, direi soprattutto, di capire.

Ho, dunque, iniziato ad investigare su quei ripetuti declassamenti decretati nei confronti dell'Italia e dell'Europa, misurandomi con la difficoltà di accertare fatti transnazionali complessi e maturati al di là dei confini del nostro Paese; all’esito delle indagini sono riuscito ad ottenere il rinvio a giudizio degli imputati.
Iniziato, quindi, il processo dinanzi al Tribunale, ho seguito ogni singola udienza dibattimentale avvertendo, ogni volta, una profonda ed amara sensazione di solitudine.

Sì, ho detto solitudine: un sentimento che mi assaliva non solo durante le udienze – mentre mi scontravo contro un autentico esercito di esperti avvocati e blasonati consulenti ingaggiando una serrata battaglia tra mille eccezioni, repliche, opposizioni e discussioni – ma anche al termine di esse; ed era proprio alla fine di quelle maratone dibattimentali che quel sentimento si faceva più forte: forse perché lo Stato, tecnicamente parte lesa da quei reati e perciò legittimato a costituirsi parte civile per azionare una pretesa risarcitoria nei confronti degli imputati, non era sceso in campo a lottare a fianco del Pubblico Ministero?

Devo, comunque, ammettere che tutte le volte in cui quell’amara sensazione mi pervadeva, un pensiero in fondo assai semplice giungeva in mio soccorso facendomi compagnia: quello che, nonostante la sproporzione tra le forze in campo all’interno dell’aula d’udienza e nonostante quell’inspiegabile assenza processuale dello Stato, lì fuori c'era tutto un popolo silenzioso che sentivo straordinariamente vicino; uomini e donne che lottavano nel lavoro di ogni giorno, faticando e rischiando, soli anche loro, forse molto più di me.

Era per quella gente semplice e silenziosa, il Popolo Sovrano, che dovevo farmi coraggio, resistere ed andare avanti in quell’ardua battaglia giudiziaria.
Se è vero – come qualcuno ha detto – che è impossibile vincere contro chi non si arrende mai, è altrettanto vero che in questo processo sapevo per certo che non avrei perso mai, come non avrebbe perso mai il mio Paese silenzioso, perché non ci saremmo arresi mai.

A tutti i miei fratelli d'Italia, piccoli e grandi, dedico questo enorme sforzo, con l'amarezza di non avere raggiunto - per ora - l'obiettivo, ma con la serenità che mi deriva dall’intima consapevolezza di aver fatto il mio dovere, tutto e fino in fondo.

Quando ci si impegna tenacemente per realizzare quello in cui si crede, si intraprende un cammino ed il risultato finale non conta più, diviene solo un trascurabile dettaglio.

Tutta la vita è un cammino: dovremmo affrontarla con determinazione, entusiasmo e fiducia, animati dallo stesso spirito di chi partecipa ad una staffetta e, dopo aver percorso il proprio tratto, passa nelle mani di un altro il testimone e con esso la Speranza.
Siamo anelli di una catena, siamo parte di un Tutto.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • pablo mirta Utente certificato 9 mesi fa mostra
    Hola Para la realización de sus proyectos tiene suficientes medios que ofrecemos préstamos hasta 50,000 euros con una tasa del 2% para su proyecto de viaje y la matrícula para la construcción en el extranjero negocios e inversiones sustantivas en varios comerciales de proyecto y construcción, así como otro hogar compra apartamento alquiler negocios proyecto y financiamiento por una suma de 1 millón Póngase en contacto con su servicio de correo de bancadiaccreditamento2017@gmail.com s
  • Cara Vedi Utente certificato 9 mesi fa mostra
    "Siamo anelli di una catena, siamo parte di un Tutto." Concordo con questa affermazione metafisica e concordavo anche con Grillo quando diceva che “Questo Paese lo possiamo cambiare solo insieme, non c’è alternativa” e aggiungeva “Se il tuo voto per il M5S è una semplice delega a qualcuno che decida al tuo posto, non votarci.” Concordavo talmente che non ho affatto votato M5S per delegare qualcuno che decidesse al mio posto, tantomeno il programma e la linea politica. L’ho votato perchè si definiva rivoluzionario, leaderless - orizzontale, senza capi né padroni, poi mi sono anche iscritta per partecipare alla e-democracy anti delega uno vale uno. Quel rivoluzionario metodo decisionale, basato sulla democrazia diretta, che il M5S era nato per Testimoniare e che, secondo le regole statutarie, attribuisce il ruolo di governo ed indirizzo Direttamente all’intelligenza collettiva condivisa in Rete, senza mediazioni, ognuno contando uno. Caro Garante, vedi, non è difficile a spiegare, o garantisci quelle rivoluzionarie regole statutarie e mantieni la parola attivando “La piattaforma, uno spazio dove ognuno veramente conterà uno” oppure, se continui a garantire decisioni calate dall’alto... non è difficile capire che certe tue frasi erano un niente, solo slogan che non serve più sentire. https://youtu.be/y0xLb4CZJWA
  • Monica. vi 9 mesi fa mostra
    Di Maio sarà il senso di colpa per avere votato il del sui minori? Ci sta. Senza consultare gli elettori. Consolati. Io sto male da due gg per il vostro voltafaccia.....notte notte
  • viviana vivarelli Utente certificato 9 mesi fa
    Per quel cecato morale di Massimo Trento e quel mentecatto di Chiarello Io direi che se la piantassero di fare i cretini sarebbe meglio Sono molto stanca e non sto bene, comunque sono andata lo stesso a fare volontariato e a trovare un'amica in ospedale Riepilogando: ho criticato quell'idiota di Chiarello che ha difeso il salvataggio di Minzolini e ha parlato di 'persecuzione' dei nostri poveri parlamentari paragonandola alla persecuzione degli ebrei!!!??? Poi ho criticato quell'idiota di Massimo Trento che ce l'aveva con i 5stelle e la loro legge a difesa dei migranti bambini, e ha parlato di 'puttanate' per coloro che cercano di aiutarli!!??? Non so cosa vorrebbe che si facesse con bambini piccoli senza genitori. Li affoghiamo? Li ammazziamo? li buttiamo in qualche deserto? Li usiamo come carne per polpette? Conclusione: uno mi ha dato di fascista e uno di comunista Un terzo, non richiesto, lo speudo Vincenzo, mi ha chiamato 'vecchiaccia' augurandomi una rapida morte Questo è il blog, che sta diventando sempre più un ricettacolo di spostati e dementi Cari signori, qui la parola non è fascista o comunista, le parole che vi riguardano sono 'idioti disumani senza cervello né coscienza' Ma andate a quel paese e speriamo che vi trattino come voi vorreste trattare i migranti bambini!!! Come belve.
    • viviana vivarelli Utente certificato 9 mesi fa
      se uno si permette di difendere Minzolini parlando di persecuzione ai parlamentari simile a quelle degli ebrei e se un altro si permette di dire che le associazioni che aiutano i bambini sono puttanate io mi permetto di mandarli a quel paese e di dire che o sono dei dementi o sono, nel secondo caso, delle belve non è giusto che uno dica queste idiozie e che gli altri tacciano e non abbiano alcuna reazione negativa nei loro confronti perché se ciò accadesse, i soggetti interessati potrebbero pensare di avere ragione punto
    • Alina 9 mesi fa
      Auguri di pronta guarigione a Di Maio
    • buuuuu 9 mesi fa mostra
      buu..brutti cattivi.... https://m.youtube.com/watch?v=V7BKD5kEzEc
    • Fabio T. Utente certificato 9 mesi fa
      Se offendi frequentatori abituali del blog non hai più un briciolo di ragione. Nessuno ti obbliga a risponder loro e siam mica con lo stampino. Poi fai come vuoi.
    • buuuuu 9 mesi fa mostra
      brutti & cattivi.. https://m.youtube.com/watch?v=V7BKD5kEzEc
  • Hélène 1993 Utente certificato 9 mesi fa mostra
    La vita è molto semplice se noi non cerchiamo di rendere complicato. Questo è così è rendere la vita più facile e aiuta voi di non perdere la speranza che il signor DelBARIO Alexio mette ha disposizione di coloro che possono pagare di nuovo e ha chiunque soddisfano le condizioni dei prestiti che vanno da 500 a 50.000.000 milioni di euro. Interviene anche per investimenti a breve termine, le risorse e a lungo termine al fine di aiutare a pagare i tuoi debiti. Signor DelBARIO è in relazione a una banca per facilitare e rendere sicure le transazioni. È in collaborazione con il Ministero delle finanze e dell'economia, che lo rende più affidabile. Si lascia una possibilità di dialogo tra le procedure di pagamento e tasso. Per ulteriori informazioni vi preghiamo di contattarci da E-mail: delbarioalexio@gmail.com
  • Cara Vedi Utente certificato 9 mesi fa mostra
    - Siamo anelli di una catena, siamo parte di un Tutto. - Concordo con questa affermazione metafisica e concordavo anche con Grillo quando diceva che “Questo Paese lo possiamo cambiare solo insieme, non c’è alternativa” e aggiungeva “Se il tuo voto per il M5S è una semplice delega a qualcuno che decida al tuo posto, non votarci” Concordavo talmente che non ho affatto votato M5S per delegare qualcuno che decidesse al mio posto, tantomeno il programma e la linea politica. L’ho votato perchè si definiva rivoluzionario, leaderless - orizzontale, senza capi né padroni, e mi sono anche iscritta per partecipare alla e-democracy anti delega uno vale uno. Quel rivoluzionario metodo decisionale, basato sulla democrazia diretta, che il M5S era nato per Testimoniare e che, secondo le regole statutarie, attribuisce il ruolo di governo ed indirizzo Direttamente all’intelligenza collettiva condivisa in Rete, senza mediazioni, ognuno contando uno. A questo punto, secondo la mia opinione, o il Garante attiva “La piattaforma, uno spazio dove ognuno veramente conterà uno” http://www.beppegrillo.it/2013/03/gli_esperti_e_l.html così che “si realizza la democrazia diretta e si mandano a casa i responsabili dello sfacelo”, oppure, se continua a garantire decisioni calate dall’alto, “a casa ci deve andare chi ha provato a fare la rivoluzione senza riuscirci. In mezzo non c’è niente, mettetevelo bene in testa.”
  • gatuso guisiippi () Utente certificato 9 mesi fa mostra
    Ciao Per la realizzazione dei vostri progetti che si cura di cui non hai abbastanza fondi, la soluzione è la signora Josina gomez offerte di prestito diversi per i vostri progetti prima fino a 50.000 euro con un tasso del 2% per il vostro viaggio e di project financing studi per le imprese di costruzione d'oltremare e fondo di investimento in commercio vari di progetto e costruzione e altre l'acquisto di auto a noleggio a casa e Appartamento acquisto e pronto per la salute e l'educazione dei vostri figli pronto sollievo per chiunque nel settore agricolo pericolo e affari milioni project financing Contattare il servizio di posta elettronica prestitobancario2017@gmail.com
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus