La bolletta elettrica sempre più cara

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

bollettaC_.jpg

"Con l’imminente riforma del tariffe di rete la bolletta energetica degli italiani dal 1 gennaio 2016 costerà di più e ingrasserà le tasche dei produttori e distributori di energia, svuotando quelle dei cittadini. Il doppio affondo, guidato dall'Autorità per l'energia e assecondato dal Governo, è perfettamente riuscito.
Da mesi il M5S denuncia e si oppone alla subdola manovra dello stesso Presidente del Consiglio che intanto annunciava tagli alla bolletta elettrica del 10%. Ora sappiamo che non ci sarà nessun taglio, ma solo aumenti per 20 milioni di utenti.
La riforma delle tariffe di rete farà soffrire le famiglie a più basso reddito, in costante ascesa nel nostro Paese (lo dice l’Istat). E implementerà un meccanismo folle: pagherà di più chi consumerà di meno. Contravvenendo a ogni principio dettato dal buon senso e dalle indicazioni europee per combattere i cambiamenti climatici.
Se da una parte l’Unione Europea chiede agli Stati piani di contenimento delle emissioni di CO2 nell’atmosfera e quindi, implicitamente, minori consumi energetici, dall’altra il Governo italiano porta avanti una riforma che produrrà un aumento dei consumi, scaricandoli sui cittadini più virtuosi, che spesso coincidono con i più poveri.
Se è questa la strategia italiana pensata da premier per la Conferenza mondiale sul clima a Parigi, allora non ci siamo. Il Governo avrebbe l’occasione di mettere il nostro Paese al centro di un cambiamento epocale. E invece si abbandona alle solite logiche a favore dei colossi del fossile.
La riforma dell’Autorità per l’energia – sostenuta dal silenzio del Governo – colpisce anche gli investimenti in efficienza energetica e nelle fonti rinnovabili: rendendo il conto più salato per chi ha consumi bassi e meno conveniente investire in tecnologie per il risparmio o l'autoproduzione, come il fotovoltaico o la cogenerazione. È facile prevedere una tempesta di ricorsi.
Vengono inoltre stabilizzati i ricavi dei distributori. L’esecutivo mette in cassaforte i bilanci in capo alle multinazionali dell’energia – Enel in testa – perché questa riforma sposta i costi di rete dalla quota variabile a quella fissa. In tal modo, viene superato il rischio di mercato essendo gli utili non più legati ai consumi ma a costi fissi per utenza elettriche che garantiscono così utili sicuri fino al 2030, quando scadranno le concessioni di gestione della rete. Più semplicemente, gli utenti pagano i costi di rete non più in base a quanto consumano, ma secondo il prezzo fissato per ogni utenza elettrica.
Una vera e propria truffa ai danni degli italiani. Per ostacolarla il M5S è impegnato in tutte le sedi competenti, compresa quella europea.
Energia pulita e a basso costo significa un ambiente più accogliente, tutela della salute e aumento dei posti di lavoro. Ma questo Governo probabilmente ha altri piani per gli italiani. " Gianni Girotto, M5S Senato

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Ciro E Utente certificato 2 anni fa mostra
    Se tutta Pubblicità presente in questo Blog la mandassero abbinata alla Bolletta elettrica con i proventi degli Sponsor si potrebbe dimezzare il conto da pagare
    • Luca M. Utente certificato 2 anni fa mostra
      nn ho capito,rispiega per favore?
  • Francesco . Utente certificato 2 anni fa
    curro' tommaso e' andato alla leopoloda , lo dicevo io che era un traditore
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 2 anni fa
      A dicembre dello scorso anno ha lasciato spontaneamente il Movimento per andare al gruppo misto e passare successivamente al DEM con questa dichiarazione: Voglio sentirmi sereno ed orgoglioso di lavorare per un progetto politico nel quale riconoscermi e attraverso il quale operare. Oggi questa condizione in M5S non c’è più. Quindi era già un traditore perchè aveva già votato a favore del bischero quindi è logico che sia andato alla leopolda,non si sa mai bisogna mantenersi la poltrona. Quindi non c'è nulla di scandaloso è coerenza piddina!
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 2 anni fa
      Per Ciro...click!
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 2 anni fa
      ASnche Fantinati quando ando a CL...era un traditore? Stappò loro le orecchie.!
    • Ciro E Utente certificato 2 anni fa mostra
      Uno nella vita non può fare sempre il Cameriere se gli si presenta un'occasione è giusto che la colga. Grillo non perde un gran che. Di Yes-man pronti a candidarsi nel M5S ne trova quanti ne vuole
    • Patty Ghera Utente certificato 2 anni fa
      Uno ci può andare anche per criticare. Non conosco il tipo, ma non è detto che chi assiste ad una propaganda politica, ne faccia parte.
    • andrea a44 Utente certificato 2 anni fa
      traditore carogna ommimmerda
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus