Livorno, la storia di Asa e gli interessi riversati sui cittadini

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Filippo Nogarin

Ogni volta che mettiamo il naso nei bilanci di una partecipata a Livorno scopriamo magagne incredibili. Questa volta è toccato ad Asa, la società che gestisce il servizio idrico integrato.

Nel 2003 quando era al 100% del Comune di Livorno, ha finito per accumulare oltre 60 milioni di euro di debiti. L’amministrazione, per evitare il default ha sottoscritto un finanziamento ponte da 49,7 milioni con l’istituto bancario Dexia Crediop, dopoché ha creato una nuova società, la Lirai, in cui ha scaricato tutti i debiti di Asa e l’intero patrimonio immobiliare dell’azienda. Questo per rendere Asa più appetibile e permetterne le privatizzazioni, arrivata puntualmente nel 2004.

Nessuno ha pensato di controllare il mutuo con la banca. Fino al 2013 quando lo stesso istituto di credito ha informato la Liri dell’esistenza di, all’interno del mutuo, di un derivato tossico occulto, che ha fatto lievitare gli interessi sul debito. Basti pensare che dal 2003 ad oggi i cittadini livornesi hanno pagato con le loro tasse 28 milioni di euro di interessi e rimborsato 14 milioni di euro di capitale. Mancano ancora all’appello 31 milioni di euro di capitale e una decina di milioni di interessi da saldare entro il 2023.

Fino al 2014 nessuno a mosso un dito per cambiare le cose. Poi siamo arrivati noi: negli ultimi due anni abbiamo lavorato in silenzio e ci siamo rivolti al Tribunale di Roma e, per la prima volta in Italia, abbiamo citato in giudizio l’istituto di credito, con l’obiettivo di rinegoziare i termini del mutuo e fare in modo di cancellare gli effetti del derivato tossico. Che per i cittadini livornesi significherebbe risparmiare in un sol colpo 20 milioni di euro.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Giovanni F. Utente certificato 6 mesi fa
    e cacchio a con l'h.
  • Cristian G. Utente certificato 6 mesi fa
    GLI ONESTI RAPINANO GLI AUTOMOBILISTI ROMANI A Roma è stata attivata la corsia preferenziale di via Portonaccio ma lo sapevano solo i Grillini. Multe a gogo per centomila Romani. L'assessore Enrico Stefano ideatore della trappola li prende per il culo dicendo che è tutto regolare la Raggi prevede un introito extra di 10 milioni di euro in multe e gongola. Arriva il M5S ,occhio al portafoglio
    • massimo m. Utente certificato 6 mesi fa
      Ciao Pdiota, guarda che qui non incanti nessuno e poi il portafoglio, nonché il tuo futuro, te l'ha già rubato da anni il tuo partito
    • Clesippo Geganio Utente certificato 6 mesi fa
      si si è colpa della Raggi anche la diaspora africana.
  • Michele B. Utente certificato 6 mesi fa
    Questa e tante altre operazioni positive nei comuni aministrati del M5S devono essere sbandierate a gogo durante l aprossima campagna elettorale.
  • Peter Vday1986 6 mesi fa
    Ci vuole un channel 5 stelle dai ragazzi la rete non basta dobbiamo ESPANDERCI !!!!! O NOI O LORO !!!!!!!!! ;-)
  • gianluigi f. Utente certificato 6 mesi fa
    Conferenza stampa immediata, i cittadini di Livorno devono sapere tutto, visto come vengono utilizzate le loro tasse. Nogarin racconta tutto quello che questo partito delinquenziale a combinato.
  • Gianfranco B. Utente certificato 6 mesi fa
    Purtoppo nesso, con precisione, quanta spazzatura finanziaria è nascosta nella pubblica amministrazione centrale e locale. Continueremo ad avere sorprese per molti anni ancora. Una cosa importantissima: nessuno pagherà per questi danni a scapito dei cittadini. Talelbano
    • Gianfranco B. Utente certificato 6 mesi fa
      errore: nesso = nessuno sa>
  • undefined 6 mesi fa
    La mafia ha cambiato strategia da quando hanno smesso di ammazzare. Questa è mafia 2.1, dalla serie, fottiamoci i coglioni degli italiani dormienti. Allarme allarme !!!! Stanno svuotando le casse comuni!!! Quali? Non sono mica le mie....
  • Clesippo Geganio Utente certificato 6 mesi fa
    esatto Dani, succede in 8070 comuni, 110 province, 20 regioni e in tutti gli Enti istituzionali governativi, spolpare saccheggiare rubare sono le parole d'ordine che uniscono la partitocrazia al governo di questo Paese, il resto è gossip per distrarre il popolicchio che lo piglia giornalmente in quel posto.
  • Dani Cap 6 mesi fa
    se questo accade a Livorno nulla vieta di pensare che avvenga in ogni singolo comune di Italia... ogni tanto penso alla ricchezza italiana, che è davvero oltre ogni immaginazione, ai flussi di denari che potrebbero convogliare in lavoro "onesto", servizi, cultura, scuola, formazione, università cura dell'ambiente, valorizzazione, energie rinnovabili, penso davvero a quanti miliardi di euro siano gettati al vento della corruzione e anche comunque dell'inettitudine e incapacità di chi dovrebbe fare il suo lavoro..... comunque correggete non si può proprio vedere Fino al 2014 nessuno A(!!!!!!!) mosso un dito per cambiare le cose.
  • Rosa 6 mesi fa
    Queste partecipate servono ai partiti per succhiare fuori i soldi pubblici. In quanto ai derivati penso siano in stretta simbiosi con il problema banche che stiamo vedendo. Un fallimento completo. Questa è una finanza criminale, sofisticatissima, come la gestione dell'euro e del debito pubblico. Per il salvataggio delle venete si usano i soldi dei cittadini a fondo perduto, poi pare che si porrà la fiducia, per fare approvare il decreto. Non permettono di discutere in aula gli emendamenti, nonostante il contratto lo abbia predisposto la stessa Intesa San Paolo e quindi neppure le clausole da essa stessa determinate.Si fa tutto a scatola chiusa.
  • Giacomo E. Utente certificato 6 mesi fa
    Scommetto che Vespa sta già pensando ad una puntata di Porta a Porta per farlo sapere agli italiani...con tanto di plastico ovviamente!! Se si è fortunati forse questa notizia sarà messa di spalla vicino all'oroscopo.. FORZA 5 STELLE
  • Clesippo Geganio Utente certificato 6 mesi fa
    oltre a raccontare con il mezzo televisivo il fatto di cronaca, è doveroso spiegare ai cittadini teledipendenti come si è arrivati a dilapidare i beni immobili e economici pubblici, semplicemente spiegando loro che le partecipate e quant'altro sono un invenzione della politica partitocratica che da decenni vara leggi leggine ddl per saccheggiare la ricchezza collettiva per favorire interessi privati di pochi amici collusi con i partiti politici. Questi cittadini messi di fronte a fatti inoppugnabili si renderebbero conto si sveglierebbero o incazzerebbero e voterebbero altro.
  • Clesippo Geganio Utente certificato 6 mesi fa
    è vitale per il M5S utilizzare la TV per diffondere queste informazioni, troviamo uno spazio in una rete RAI, oppure realizziamo un canale televisivo 100% M5S per raggiungere quella parte di teledipendenti che s'abbeverano di menzogne dai TG rai e mediaset.
  • Roberto R. 6 mesi fa
    Mi chiedo se qualche talk show della RAI dedicherà una puntata a questo, ennesimo scandalo delle amministrazioni piddine (quelle che "non-perdono" a macchia di leopardo)... ma scommetto di no...
  • Clesippo Geganio Utente certificato 6 mesi fa
    il cancro italiano... le partecipate sopratutto quelle con i consigli d'amministrazione sono invenzioni della partitocrazia per piazzare con lauti compensi i trombati alle elezioni comunali , provinciali, regionali, e politiche nazionali, in certi casi ci piazzano, figli, nipoti, mogli, amanti e amici per poter spolpare le casse pubbliche e le tasche dei cittadini fornendo servizi che potrebbero essere svolti semplicemente da un ufficio del proprio municipio. La mia domanda è sempre la stessa: possibile che i cittadini votanti PD FI ecc.. vessati da queste partecipate non abbiano capito della truffa attuata a NORMA DI LEGGE? Cittadini masochisti se continuano a votare PD FI e similari... forse cittadini che godono ad esser incu....?
  • Maurizio Perini 6 mesi fa
    Bravissimi !!
  • francesco s. Utente certificato 6 mesi fa
    Tutte le aziende, create per gestire i beni pubblici ,sono associazioni di assistenzialismo ,hanno solo bilanci in passivo, oltre a quello va aggiunto un direttivo corrotto che non ha nulla a che fare con la gestione aziendale.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus