#Bancopoli: nessuno è innocente, risarcite i risparmiatori tagliandovi lo stipendio parlamentare

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Luigi Di Maio

Il caso Boschi è la punta di un iceberg che sconvolgerà la Seconda Repubblica dalle fondamenta come Tangentopoli ha sconvolto la Prima. E la boschi sarà il simbolo di questo collasso. Il motivo è semplice: oggi come allora l’intera classe politica è responsabile. Se nel 1992 è stato smascherato il sistema incestuoso delle tangenti tra partiti e grandi imprese, oggi sta venendo a galla il rapporto malato tra i partiti e il sistema bancario, a vantaggio esclusivo dei partiti, di qualche grande imprenditore e sulla pelle di centinaia di migliaia di risparmiatori. I fari sono puntati sulla Boschi, che nessuno ha idea di dove candidare (idea: candidatela in un collegio all'estero, in un paradiso fiscale), ma tutti sono colpevoli.

Nessun parlamentare del Pd, di Forza Italia e della Lega può sentirsi innocente di fronte a questo disastro sociale ed economico. Decenza vorrebbe che i parlamentari di questi partiti responsabili e in particolare modo quelli del Pd si tagliassero parte del proprio stipendio parlamentare per finanziare un fondo a favore dei risparmiatori truffati. La prima a dare l’esempio dovrebbe essere proprio la Boschi. È il minimo che possano fare essendo loro i colpevoli. E non è una cosa difficile da fare visto che noi lo facciamo da 5 anni per finanziare le imprese.

Il sistema, come spesso accade, crolla quasi all’improvviso. In soli tre anni abbiamo assistito a 7 crac bancari, e tutte e 7 le volte le banche sono state ripulite, spesso con soldi pubblici, mentre azionisti e obbligazionisti perdevano tutto o quasi. Stiamo pagando il fallimento di un intero sistema due volte: prima da risparmiatori e poi da contribuenti, come dimostra il fondo per le banche da 20 miliardi di euro che Gentiloni ha creato nelle prime settimane del suo governo. E la sensazione è che il peggio debba ancora venire.

In tutto questo il Partito Democratico ha colpe gravissime, come dimostra l’enorme conflitto di interessi che emerge dal caso Etruria-Boschi. Ma nessuno è innocente. Come dimenticare che le due banche venete da poco ripulite con 5,2 miliardi di soldi pubblici sono fallite sotto gli occhi dei governanti leghisti? Come scordare che Verdini, il jolly dei partiti, ha distrutto il Credito Cooperativo Fiorentino e ha ricevuto 7 milioni di euro da Veneto Banca garantiti da Berlusconi? E i fallimenti della vigilanza bancaria, infarcita di uomini di tutti i partiti? Non dimenticheremo nemmeno che il sostegno al governo da parte di Forza Italia in questi anni è stato fondamentale. Spesso indirettamente, tramite Verdini, ma qualche volta anche direttamente, come nel caso del voto favorevole al fondo da 20 miliardi per le banche. Non è un caso che il partito di Berlusconi oggi tenga un profilo basso, quasi inesistente, sulla vicenda Boschi.

Il sistema ha girato a meraviglia per anni. Le banche, spesso gestite da uomini vicini ai partiti, erogavano finanziamenti privi di adeguate garanzie a pochi imprenditori di grossa taglia, i partiti chiudevano un occhio e ricevevano in cambio il sostegno mediatico ed economico degli stessi imprenditori privilegiati. Il caso di MPS, la banca del Pd, è emblematico: tra i grandi debitori dell’istituto troviamo naturalmente De Benedetti, con i 600 milioni di euro prestati a Sorgenia e in gran parte non restituiti, e anche le coop rosse, rappresentate dall’Unieco di Reggio Emilia, oltre a decine di grandi imprenditori che non restituiranno mai quanto hanno ricevuto.

Quando la crisi finanziaria ha colpito a morte i bilanci di molte banche, facendo esplodere il bubbone dei crediti deteriorati, il marcio è venuto a galla, ma il sistema ha provato a difendersi scaricando i costi sui risparmiatori. Ad oggi, dopo 7 crac bancari, oltre 400 mila risparmiatori tra azionisti e obbligazionisti subordinati sono rimasti vittima di questo meccanismo infernale. È ora di fermarlo. Una volta per tutte.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • viviana vivarelli Utente certificato 29 giorni fa
    Il biotestamento è diventato legge.Aspettava da 8 anni,dalla morte di Eluana Englaro, e ha ricevuto un’accelerazione dopo il suicidio assistito di Dj Fabo,seguito poco dopo da quello di Davide,malato di sclerosi multipla.E'passato grazie a un’inedita maggioranza composta da Pd, M5S, Mdp e Sx italiana.La Lega,come tutti i baluba,ha votato contro La legge prevede che ogni persona maggiorenne e capace di intendere e di volere,in previsione di una propria futura incapacità di autodeterminarsi può,attraverso disposizioni anticipate,esprimere le proprie convinzioni e preferenze in materia di trattamenti sanitari Viene indicata una persona di sua fiducia che ne faccia le veci e lo rappresenti nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie.Le disposizione testamentarie devono essere redatte in forma scritta(o videoregistrate)e vincolano il medico a rispettarne il contenuto.Sono rinnovabili,modificabili e revocabili in ogni momento.In caso di emergenza possono essere modificate o annullate anche a voce.Saranno inserite in registri regionali Il biotestamento è una di quelle cose respinta a man bassa dalla Chiesa.Insieme alla regolazione delle nascite,i contraccettivi,la legge sull’aborto,il divorzio,l’accettazione dei gay, il loro matrimonio,la possibilità di adozione per una coppia gay,la parità di diritti per le donne,le donne sacerdote,la possibilità per le donne di salire di grado dentro la Chiesa,la punizione dei preti pedofili e la loro scomunica,il matrimonio dei preti,la concessione ai preti di avere una vita sessuale normale,la laicità dello Stato,il dovere di pagare le tasse come i normali cittadini,il dovere di non far pagare le bollette dello Stato del Vaticano all’Italia come gli Stati normali,il dovere di dividere l’8 per mille equamente fra le varie chiese senza privilegi… per queste e per altre sconcezze non mi sento di attribuire alla Chiesa di Roma una qualsiasi qualifica di civiltà.
    • flo egb 29 giorni fa
      In qualche caso, come in questo pare, “il nuovo che avanza e’ il vecchio che e’ duro a morire”. (Gandhi, Ogni giorno un pensiero, Editrice missionaria italiana, Bologna, 1975)
    • Nuovo che avanza 29 giorni fa mostra
      In previsione che...dispongo ..che . Inizia lei, sig.ra Vivarelli? Anzi non appena lo redige, per favore, lo pubblicizzi sul Blog il suo biotestamento. Io, modestamente, non intendo farlo anche perché sommessamente e da laico lo dico, non so come la penserò o se la penserò o se vorrò o meno mangiare e bere quando sarò in coma o con la distrofia o con altro...poi in base alla mia piccola esperienza non ho mai incontrato malati di tumore che vogliano essere aiutati ad uccidersi. Buona Domenica
  • vincenzodigiorgio 29 giorni fa mostra
    Scusa Max , ma perchè tutti questi ti chiamano insistentemente Ricca ? Se hanno scoperto la tua identità tanto vale ammetterlo , così la piantano .
    • Max Stirner Utente certificato 29 giorni fa mostra
      Lasciali fare, lasciali dire e non ti curare di loro? A te interessa?
  • Luigia Renzoni 29 giorni fa
    @ Oreste, il punto 4. del testo che mi hai linkato titola - I soggetti legittimati a richiedere l’accertamento giudiziale dell’insolvenza - e dice: “Se la banca non è stata ancora sottoposta a liquidazione coatta sono legittimati a richiedere la dichiarazione giudiziale di insolvenza i CREDITORI, il pubblico ministero, nonché i commissari straordinari, qualora sia in corso una procedura di amministrazione straordinaria; inoltre, lo stato d’insolvenza può essere dichiarato d’ufficio dal Tribunale.” ---- Così come mi pare evidente che la legge non Obbliga i CREDITORI di una banca in stato di crisi a chiederne l’accertamento giudiziale di insolvenza, mi pare altrettanto chiaro che nessuna legge, attualmente in vigore, prevede che le crisi bancarie vadano risolte col denaro pubblico dei contribuenti, come invece sta accadendo. Al contrario, la legge in vigore da Gennaio 2016, denominata bail-in, prevede l'esclusiva responsabilità e l’esclusivo coinvolgimento dei soggetti che hanno un rapporto diretto con la banca. Restano inevase la mie due domande: - quali interessi del popolo tutela il M5S quando NON SI OPPONE a procedure di salvataggio con denaro pubblico, PROPONENDO di attivare invece PROCEDURE FALLIMENTARI, previste dalla legge? - Visto il disavanzo del 16,19% nel Bilancio 2016, i deputati M5S hanno forse fatto male i conti, restituendo 484 mila euro che in realtà non erano eccedenze? Ciao!
    • Luigia Renzoni 29 giorni fa
      Oreste, avevo già aperto il PDF, ho letto con attenzione il passaggio che hai riportato, ... resta il fatto che non esiste nel TUB, o in altre leggi, una mezza riga che imponga il salvataggio delle banche con denaro pubblico.
    • oreste .. Utente certificato 29 giorni fa
      Daniela hai aperto il PDF? http://www.dirittobancario.it/sites/default/files/allegati/sabatelli_e._laccertamento_giudiziario_dello_stato_dinsolvenza_delle_banche_alla_luce_della_riforma_della_legge_fallimentare_2012.pdf […] Attualmente, però, la questione deve essere riconsiderata alla luce della riforma del diritto fallimentare, che ha conferito ad esso la qualità di jus superveniens rispetto alla disciplina delle crisi dell’impresa bancaria contenuta nel Testo Unico bancario; tale circostanza impone che – vuoi in ragione delle contrastanti indicazioni contenute nell’art. 80, 6° comma, Tub e nell’art. 194, ultimo comma, l. fall., vuoi per il principio della prevalenza della legge successiva su quella precedentemente emanata – nell’esaminare l’art. 82 si debba innanzitutto appurare quale sia la disciplina applicabile al caso concreto, qualora vi siano discrepanze fra la regolamentazione dell’accertamento giudiziale dello stato di insolvenza contenuta nel testo Unico bancario e quella dettata nella novellata legge fallimentare, e che si debba, inoltre, verificare se e in quale misura possono tuttora essere considerati validi i rinvii che l’art. 82 contiene alla legge fallimentare relativamente a parti che, direttamente o indirettamente (come è avvenuto per le disposizioni richiamate dall’art. 203 l. fall.), sono state oggetto di modifica da parte del legislatore della riforma. Come si vede, si tratta di interrogativi ai quali non è semplice dare risposta. …[..] Due @@
    • lo so io 29 giorni fa
      invece io so chi è il verme che si appropria dei nick altrui, nico, sei senza vergogna, P.S. (ilmionomeènessuno) non sei tu,tu sei un testa di cazzo imbroglione.
    • oreste .. Utente certificato 29 giorni fa
      PS....pss...pssss... devi farla tutta...e l'hai fatta fuori dal vaso ,per quanto mi riguarda... Gli unici contatti che ho avuto con max fu dovuto solo a bannature e dovetti cambiare i nick diverse volte,quindi stai dicendo delle fesserie...o perlomeno sei convinto di essere talmente furbo da mettermi nel giochino che ti sei fatto. Di solito a chi non è certificato non do molto spago,ma visto che mi hai chiamato in causa ti rispondo,pur sapendo che è tempo perso...visto le fisime che hai.... Da quello che ho notato tu non aiuti nessuno sei solo un disturbatore del Movimento. Ciao bello, riguardati ne hai bisogno!
    • Luigia Renzoni 29 giorni fa
      Nel TUB è specificato che le Banche sono Società di diritto Privato (S.p.A. o cooperative) che svolgono una attività imprenditoriale. Sono quindi IMPRESE PRIVATE A SCOPO DI LUCRO e come tali, se non hanno la liquidità necessaria per fare fronte ai propri creditori, sono soggette a PROCEDURA FALLIMENTARE. Se poi si vogliono invece rifinanziare con denaro pubblico, sta di fatto che non esiste nel TUB, o in altre leggi, una mezza riga che impone di farlo.
    • P.S. (ilmionomeènessuno) 29 giorni fa mostra
      Ciao Daniela, sono contento che dopo il mio intervento ti lasciano scrivere. Ti ricordi di me? Io conosco molte cose del mov, come vedi si sono consultati (come sempre), l'anziano Oreste Mori e l'adulto Ricca via email personali. Hanno deciso di non cancellarti e di darti retta ma è una FARSA!!!! Sono certo che hai capito quello che ti ho suggerito ieri, le 5 segnalazioni NON ESISTONO. Il censore è Ricca NON FARTI INGANNARE, dovresti cambiare gioco e discorsi. Il miglior modo per avere spazio nel blog è tenere Stirner per le palle, ora è abbottonato in previsione delle politiche. Se citi la sua vera identità lo metti sotto scacco, ricordatelo...SEMPRE. In onore dei vecchi tempi ti saluto e sappi che se ci sarà bisogno, entrerò nuovamente per aiutarti. Come ai tempi dell'Homme libre toujours tu chèriras la mer:))))))
    • oreste .. Utente certificato 29 giorni fa
      E' partito il commento inavvertitamente .. dicevo che probabilmente ci sarà 1° Da rivedere la riforma. 2° Rivedere il TUB che deve soccombere alla legge perchè in antitesi all'istituto del Fallimento previsto per le Società Private. Infatti il TUB prevede l'Intervento dello stato per salvaguardare gli Istituti di credito. Se il Movimento andrà al governo dovrebbe rivedere il tutto...al momento all'opposizione non può varare proprio nulla,poi teniamo conto degli interessi personali e di partito sulle banche, puoi capire che sarà dura.
    • oreste .. Utente certificato 29 giorni fa
      La riforma di Gennaio ...in poche parole è in contraddizione con il Testo Unico Bancario! E' una bella gatta da pelare!
  • vincenzodigiorgio 29 giorni fa
    Un governo ipotetico che volesse aggiustare le cose non potrebbe esimersi dal'instaurare un periodo lungo di giudizi e pene su coloro che stanno abbrutendo l'Italia . Costruire nuove e capienti carceri sarebbe necessario come il raddoppio delle pene e l'eliminazione dei tre gradi di giudizio per gli alti dirigenti dello Stato , politici e banchieri .
    • Vendesi appartamento a Empoli 29 giorni fa mostra
      Pittoreeeeee Vota Forza Nuova e vai sul sicurooooooo
  • mimmo f. Utente certificato 29 giorni fa
    Ma veramente DiMaio ha detto che non toccherà gli 80 euro dati come mancia da Renzi per vincere le elezioni europee ultime? Se fosse vero sarebbe il momento di fermare il futuro premier in questa folle corsa al "democrazia cristiana" , prima che sia troppo tardi fermatelo e fatelo rinsavire . Noi siamo i 5Stelle e le battaglie fatte contro Renzi e la sua politica devono essere sempre vistate dalla coerenza e dalla tenacia e non come hanno sempre fatto gli altri che combattevano il Berlusconismo ma non hanno mai abrogato le leggi ad personam approvate dai governi di centro-destra. Ora cerchiamo di rientrare sulla corretta via e sulle nostre idee e non rimpiangiamo l'elezione di DiMaio a candidato premier . Ove la notizia fosse una balla (fake news) scusate e avanti così .
    • mirino spoletta 29 giorni fa mostra
      infatti, De Mita capiva di politica e neppure lui avrebbe mai detto ti tolgo gli 80 euro, se no perdi le elezioni...e così via. ha ragione mimmo, Di Maio è la nuova DC.
    • Max Stirner Utente certificato 29 giorni fa
      ma finiscila! Tu capisci di politica? Dovrebbe dichiarare a quelli che percepiscono quei misera bili 80 € che appena sarà al governo glieli toglierà?. Ha detto che quegli 80 € saranno integrati in una politica che comprenderà altri interventi, perchè quella cifra da sola è una mancetta. accontentati di leggere e evita di tirare conclusioni
  • Max Stirner Utente certificato 29 giorni fa
    RACCOGLIERE VIDEO; RACCOGLIERE VIDEO; RACCOGLIERE VIDEO; RACCOGLIERE VIDEO Chi si ricorda che, negli ultimi 10 anni, moltissimi personaggi politici e pubblici si sono succeduti nelle varie reti televisive per dichiarare solennemente che il "sistema banche" italiano era solidissimo? Cercate tutti i video di quei cialtroni e immetteteli a raffica in rete! La rete serve a questo, a risvegliare ciò che i furfanti vorrebbero che fosse dimenticato. Fatto questo, vista anche l'età dei molti risparmiatori fottuti, non sarebbe male incollare qualche centinaio di manifesti, nelle città "martire", dove figurano i link in cui dimostriamo chi furono i "testimonials" del sistema bancario italiano "solidissimo". I criminali devono avere paura, terrore di mostrarsi in giro per le città! SE NON CAPITE QUESTO, NON SIETE PRONTI A GOVERNARE L'ITALIA.
    • Leggiti Paolo Barnard!!!!!! 29 giorni fa mostra
      La rete serve per schedare le chiappe agli sprovveduti che come te, lasciano dati sensibili in giro. Siete nella prigione che voi stessi, sostenete e progettate. Futura TECHNO-GLEBA!
  • Lina Orsi 30 giorni fa mostra
    Avetem visto le immagini della Raggi e della Boschi all'Opera di Roma: due super dive, una identica all'altra. Virginia era una di noi, ora è irriconoscibile, il potere le ha dato alla testa.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus