Chi tradisce paga

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

fo_m5s_roma.jpg

Ora sono 232 i parlamentari transfughi, 307 i cambi di casacca. Alla Camera il gruppo misto, che non si è presentato alle elezioni, è il terzo gruppo per numero di deputati.

di Dario Fo

"[La sanzione per chi non rispetta le regole del M5S] è un atto di difesa contro i tradimenti di disonesti e infedeli, un deterrente del Movimento che evita di essere bastonato e cornuto ogni volta. E poi basta essere linciati: c'è qualcuno che vuole mettere in caciara ogni mossa dei 5 stelle, come quando si fa cagnara per isolare la volpe o il cinghiale durante la caccia. (La sanzione, ndr) E' un atto di difesa, una specie di gioco di comando verso eventuali disonesti che si affacciano ai 5 Stelle per poter avere un veicolo sul quale montare e, al momento buono, andarsene via, tenendosi però tutto il denaro guadagnato ogni mese, per poi cambiare e vestire i panni di un altro partito o movimento che magari, invece, difende pure il diritto di tenersi in tasca quei soldi.
Negli ultimi tempi sono molti i personaggi in cerca di visibilità e che saltano da una parte all'altra. Infliggere una multa è un deterrente perchè ci sono troppe persone che giocano basso e sfruttano il Movimento finchè gli fa comodo, firmando un contratto che gli mette in tasca dei quattrini, facendosi poi trainare da altri e andandosene nella cosiddetta 'zona dei maiali'. In certi Paesi europei, come Spagna e Portogallo, se cambi casacca politica è bene che te ne vai, che esci. Anche Franca, mia moglie, nel 2008 si era dimessa da senatrice del Governo Prodi, ma con dignità e non alla ricerca di un altro carrozzone, concludendo quella temporanea fase per cui si era momentaneamente prestata alla politica istituzionale e tornando a spendersi in battaglie culturali e sociali.

VIDEO L’intervento di Dario Fo a #Italia5Stelle

Questo provvedimento era stato già messo in atto dal Movimento con le elezioni Europee del 2014, ma nessuno all'epoca aveva detto niente, perchè due anni fa parlarne e creare polemica non avrebbe giovato a nessuno. Adesso di colpo c'è la caciara.
Io ho fatto il capocomico per anni e mi è capitato spesso di fare, assieme a Franca, dei contratti da attore ai tanti giovani che vivevano e studiavano a casa nostra, che in passato era una vera e propria scuola d'arte e di teatro. Contratti modesti, ma è quello che potevamo permetterci viste le lotte che portavamo avanti, come la riduzione di 1/3 del costo dei biglietti per uno spettacolo. Alcuni di questi ragazzi arrivavano dalle accademie ed erano già in parte preparati, altri erano arrivati a noi un po' per caso allettati dall'idea di salire su un palcoscenico. Li crescevamo nelle nostre stanze. Ma purtroppo alcuni, molti di loro, dopo aver imparato l'improvvisazione, la mimica e a muoversi a ritmo, tac! Ecco che ricevevano offerte da altre compagnie che gli dicevano 'ora che sei un attore se vieni con noi ti diamo il doppio'. E loro ci abbandonavano a vantaggio del nuovo e più consistente contratto. Se ne approfittavano, ci avevano traditi, infedeli, dopo aver sfruttato per i loro fini il nostro apprendistato. Queste persone, poi finite in nulla, non avevano nessuna morale e nessuna logica politica.
Esiste invece una moralità che determina una resistenza verso l'esterno necessaria a chi vuole fare l'attore. Stessa cosa vale per il politico. E chi se ne va per proposte migliori tradisce te maestro, te Movimento; ma è anche un tradimento verso il pensiero che divulgavi, il modo di essere, verso la lotta contro la speculazione e i furti di chi governa". Dario Fo, tratto dall'intervista a La Presse

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • mario bennato Utente certificato 1 anno fa
    hai perfettamente ragione, basta con il cambio di casacca altrimenti non si capisce più niente, se uno ha certi valori li deve portare avanti sino in fondo. vanno a casa e si ripresentano la prossima volta, ma è chiaro che interessano i soldi, Scilipoti e Razzi insegnano.
  • Libero pensiero autonomo 1 anno fa
    Sbagliato! Mettere una multa non è un deterrente corretto! Come sbaglia un padre che pensa di tenere in riga i figli a suon di sberloni: Differenza tra autorevolezza e autoritarismo. Completa mancanza di fiducia nei propri figli e di conseguenza mancanza del rispetto da parte dei figli. Sbagliato! Se c'è una serpe in casa, meglio scovarla e lasciarla uscire dalla porta aperta, piuttosto che tenersela in casa al guinzaglio. Pensateci!
  • Beppe C. Utente certificato 1 anno fa
    Un modo semplice ci sarebbe secondo me per eliminare definitivamente la piaga dei voltagabbana e sarebbe quello di eliminare quel gruppo misto, che a quanto ne so esiste solo da noi,e che è solo il buttatoio dei traditori che usano il M5S come cavallo di troia per accedere al mondo dorato della politica, se non si è più d'accordo con ciò per cui si è stati votati allora fuori dai coglioni. Ha ragione come sempre il grande Dario Fo.
  • lucressio C. Utente certificato 1 anno fa
    Dario Fo:un grande, sempre coerente in simbiosi con Franca Rame,grandi.
  • Franco iannucciello 1 anno fa
    Cari amici del MV5S il nostro Dario Fo a dato a voi tutti il MV5S tutto le sue esperienze di vita di lui è della moglie franca, per fare capire ché gli italiani sono bravi traditori senza ritegno, difronte. Hai Soldi 💰 è successo a Dario è la moglie franca insomma Dario Fo a fatto capire tutto!! è anche una vertimento al MV5S buona serata a tutti il MV5S grazie
  • M. Mazzini 1 anno fa
    Purtroppo l'Art.67 della Costituzione recita: " Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato". A me spiace che non vi siano argini a questa deriva democratica in cui, furbi e voltagabbana di ogni risma, si parano il culo con la carta costituzionale.
  • Canzio R. Utente certificato 1 anno fa
    Chi ,non può condividere certe cose?penso tutti o quasi.Ma,l'innominato,il cazzaro,moretti,anzaldi benigni,dorina bianchi,rondolino,ino..ino e i 184 traditori, che sotto il governo,incostituzionale del giuda,hanno cambiato partito ,pensate che siano d'accordo?ed indovinate un pò,dove questi 184"eroi"voltagabbana, sono andati quasi per intero a confluire?..esatto con il partito dei delinquenti ,che avendo la faccia come i..loro ..ROLEX..vogliono farci,anche la (solita) lezioncina, sulla morale ed il bon ton.
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 1 anno fa
    Come anche l'esperienza ci ha insegnato, e' estremamente difficile moralizzare un popolo che difetta di senso civico e di senso del bene pubblico. Anche il piu' onesto ha un pizzico di figlio di puttana, e' nel nostro dna frutto della nostra storia e della morale cattolica. Percio' facciamo bene a sperimentare nuovi antidoti, anche apparentemente eccentrici, finche' non troveremo quello giusto.
  • Antonio Maria Vinci Utente certificato 1 anno fa
    Il vincolo di mandato per le persone che hanno dignità è solo una postilla irrilevante e garanzia di serietà. Per gli avidi, egoisti e inaffidabili è invece un limite insostenibile. Del resto la politica italiana tutta perderebbe la propria influenza senza gli approfittatori e i corruttibili. E' normale che il PD, per attutire la caduta della propria credibilità e mascherare l'annichilimento interno, alza i toni nella speranza di continuare a confondere i distratti.
  • Giandomenico F. Utente certificato 1 anno fa
    Tanto poi li facciamo votare "per coscienza" che equivale a dire "fate come c***o vi pare"
  • laura p. Utente certificato 1 anno fa
    Non fa una grinza come si dice a Roma. Nessuno deve poter cambiare "casacca" senza rimetterci nulla ed alla faccia di chi lo ha votato.
  • GIUSEPPE CARPENTIERI 1 anno fa
    INVITO COME AL SOLITO A CERCARE LA CAUSA, CHE HA SPINTO IN QUESTO CASO IL M5S AD APPLICARE QUESTA UNA PENALE IN CASO DI CAMBIAMENTO DI CASACCA. LA VERA CAUSA E' LA CLASSE POLITICA DEL PASSATO E ATTUALE CHE SI FANNO ELEGGERE PER I LORO INTERESSI. NEL MOMENTO IN CUI I LORO INTERESSI VENGONO LESI CAMBIANO CASACCA NON CAMBIANO CASACCA PERCHE' VEDONO LESI GLI INTERESSI DEI PROPRI ELETTORI. OLTRE 250 I PARLAMENTARI CHE IN QUESTA LEGISLATURA HANNO CAMBIATO. GRAZIE A QUESTI CAMBIAMENTI CHE IL FIORENTINO CONTINUA AD ANDARE AVANTI. OLTRE ALLA PENALE ECONOMICA IO FAREI DECADERE IL DEPUTATO DALLA NOMINA SUBENTRANDO IL SECONDO ELETTO DELLA LISTA.
  • Giovanni Paolo Deriu 1 anno fa
    Invio un saluto a Dario Fo anche da arte del comune amico Donato Sartori che non sa ancora di questa mia Spero che l'operazione voltagabbana sia solo l'inizio,un preludio ad una operazione piu' importante che dovrebbe essere insita nel DNA di Grillo Casaleggio e del M5S:la proposta di modifica dell'art 67 della Costituzione Avrebbe dovuto far parte da tempo del programma del movimento Riporto ,estratto da un articolo pubblicato a puntate su formiche.net sul tema Pensioni(trattato non settorialmente ma come parte di un quadro complessivo comprendente le problematiche del Paese)una frase che ho scritto pensando ai 5 Stelle (A proposito :come mai in tutti questi anni,e soprattutto nell’ultimo decennio, nessun partito politico ha proposto una modifica dell articolo 67 della Costituzione che di fatto trasformi la delega in bianco di rappresentanza che col voto il cittadino attribuisce oggi all’eletto, in un mandato preciso che corrisponda per esempio col programma certificato dal suo partito di appartenenza:risulterebbero tra l’altro impossibili i cambi di casacca,circa 300 nell’ultima legislatura!) Un bravo costituzionalista potra' preparare facilmente un testo adeguato che tenga presente anche la possibilita' di un ripristino della delega in bianco in caso di evenienze straordinarie non prevedibili e non contemplate durante la campagna elettorale Se intesa come avvio di un progetto piu' nobile l'operazine voltagabbana acquisira' la valenza che spetta ad ogni operazione di rilievo Grazie per l'ospitalita' e per l'attenzione
  • Saverio Gpallav 1 anno fa
    Ben vengano i provvedimenti contro il cambio di casacca, malcostume italiano e pratica particolarmente grave in un parlamento già di per sé alterato nella sua rappresentatività a causa di una legge elettorale incostituzionale. È importante però distinguere il tradimento del programma elettorale con cui ci si è presentati alle elezioni dal voto di coscienza su temi etici. Bene ha fatto Grillo a riconoscere la libertà di coscienza sulle adozioni del figliastro.
  • Osvaldo Giovanni Siani 1 anno fa
    Pienamente d'accordo.Solo così,sarà possibile far nascere altri Di Maio,Di Battisti,acc.
  • giuseppe dell'acqua 1 anno fa
    Ecco perchè non si diventa premio Nobel per caso. Ottimo Dario!!
  • Angelo A. Utente certificato 1 anno fa
    Condivido pienamente ed aggiungo che, come avveniva nel vecchio PCI (per chi ha qualche anno come me lo ricorda benissimo), gli eletti delegavano il partito alla riscossione degli emolumenti ed era il partito che li stipendiava. E' una questione di moralità e di correttezza verso i cittadini che votano in primo luogo le idee ed il movimento e poi gli uomini che spesso sono emeriti sconosciuti. I tanti eletti che sono passati al gruppo misto hanno chiesto a chi li ha votati se condividevano il passaggio ?. Troppo comodo farsi eleggere e poi tenersi il malloppo in nome di un principio costituzionale ormai vecchio di 70 anni con un mondo radicalmente cambiato, anche nell'onestà e correttezza di chi fa politica. Fino a quando la politica SARA' IL MESTIERE PIU' REDDITIZIO QUESTA SARA' appannaggio di avventurieri e persone senza qualità.
  • ROBERTO C. Utente certificato 1 anno fa
    e come non essere d'accordo. basta i voltagabbana e chi sale sul carro del vincitore.
  • Marcello G. Utente certificato 1 anno fa
    Sono d'accordo. BraVo Dario. E grazie.
  • giuseppe g. Utente certificato 1 anno fa
    Propongo Dario Fò a Presidente Onorario del Movimento 5 Stelle.
  • Alessandro L. 1 anno fa
    Si, sono d'accordo al 1000/100. Sui sindaci e sugli assessori si può fare e, un documento del genere, firmato,a quanto sembra, è pure una cosa legale. E' illegale, invece, per i parlamentari e bisogna trovare una soluzione anche per quelli.
  • saverio battaglia 1 anno fa
    Una proposta al direttorio del M5S: "Tutti i candidati del M5S nei consigli comunali, nei consigli regionali, e in Parlamento devono firmare un documento notarile dove viene specificato che in caso di cambio di casacca devono dare le dimissioni dal loro mandato e qualora si rifiutassero incorrerebbero in una sanzione di 100 mila euro da evolvere in beneficenza".
  • Andrea Fabris 1 anno fa
    Concordo con il commento di Dario, anche perche' i problemi del "patto di Roma" sono altri. 1) Il fatto che direttorio o Grillo/Casaleggio possano espellere un candidato senza la preventiva richiesta di recall del terriotrio (per i parlamentari europei il recall era condizione necessaria) 2) Che gli "atti di alta amministrazione" debbano passare per un comitato di parere legale/tecnico centrale obbligatoriamente senza che si sappia: cosa si intende con "atti di alta amministrazione", da chi sia composto il comitato (da quello che dice la Taverna sembrerebbe coincidere con il direttorio) e se il parere espresso sia vincolante oppure no. Il comitato, in questo modo, potrebbe rappresentare una sorta di supervisor non eletto degli atti della giunta. 3) quanto pubblicato e' esteso anche agli altri comuni in odore di elezione oppure e' specifico solo per Roma? Nel secondo caso, perche'? Credo sia utile che venga fatta chiarezza su questi punti.
  • laura conti 1 anno fa
    Ottima cosa..fare politica,significa fare il bene comune, non è una professione,bensì una specie di missione in cui credere fino in fondo e non ci si può permettere di cambiare casacca per il proprio di interesse
  • saverio battaglia 1 anno fa
    Tutti i fuori usciti del M5S sono personaggi squallidi che hanno approfittato del primo treno disponibile per poi rientrare alla loro base,il PD. Questi vergognosi voltagabbana sono entrati nel M5S pensando di poter fare i loro porci comodi. Queste persone non conoscono il significato dei valori di dignità e di moralità. Sono d'accordo che tutti, parlamentari compresi del M5S, paghino la penale e siano espulsi se non viene rispettato il programma, perché automaticamente tradiscono il mandato dei cittadini.
  • Luca M. Utente certificato 1 anno fa
    benissimo!punto.
  • saverio battaglia 1 anno fa
    Solo i regimi nazisti si sciacquano la bocca di democrazia. Il PD, fino a prova contraria , è il partito che ha raccolto il peggio del peggio della politica italiana. Il PD che con Verdini e Berlusconi hanno distrutto la costituzione. Tutto il resto sono balle fasciste. Sono d'accordo con il Premio Nobel Dario Fo. Nessuno del M5S è stato mai costretto con la pistola alla tempia a candidarsi.
  • Pier luigi 1 anno fa
    per i "transumanti politici" e per il pd il vincolo di mandato non è altro che il"vinculo" di mandato a tutti gli italiani..ovvero libertà di contrattare con tutti per intascare più soldi senza renderne conto a nessuno
  • Antonino Marrara Utente certificato 1 anno fa
    Questo provvedimento va nel verso giusto vista l'assenza in Costituzione di regole come queste: ART.160 - COSTITUZIONE DEL PORTOGALLO Perdono il mandato i Deputati che: b) Non frequentino l’Assemblea o eccedano il numero di assenze stabilite dal Regolamento; c) Si iscrivano a un partito diverso da quello per il quale si sono presentati alle elezioni; d) Siano condannati in giudizio per delitti di responsabilità nell'esercizio della loro funzione in tale pena o per aver partecipato ad organizzazioni razziste o che perseguono l’ideologia fascista. Se i candidati del M5S sono persone oneste non avranno paura della sanzione, anzi sarà una bandiera. Il PD attacca questa regola perché può scardinare il sistema della casta di cui fa parte. Andate avanti così!
  • Roberto Congiu 1 anno fa
    Io credo che la sanzione potrebbe non risolvere il problema ma bensì aumentarlo; l'abolizione del voto segreto potrebbe essere la soluzione giusta. Roberto.
    • MASSIMO FURIOSI 1 anno fa
      Perchè, pensi che un voltagabbana si vergogni di votare apertamente in contrasto con il mandato di chi lo ha eletto?
  • Renato M. Utente certificato 1 anno fa
    Condivido! Certo è una misura che piacerebbe evitare, e non lo si fà a cuor leggero. Purtroppo si fà passare l'idea che la si metta in campo come atto costrittivo nei confronti dei nuovi eletti. Ma se il Parlamento, la politica, sono diventati un mercato delle vacche non è certo colpa del M5S. I nostri Padri Costituenti mai avrebbero potuto prevedere un tale mercimonio. Continuate così... non arrendetevi. Stanno facendo di tutto per reprimere la voce dell'onestà.
  • gabriele f. Utente certificato 1 anno fa
    Il vincilo di mandato è ora come ora necessario come deterrente e anche una sanzione per chi non ottempera al proprio ruolo. Chi ricopre un ruolo pubblico viene eletto da persone che votano per il programma proposto e quindi diventa il portavoce di una volontà popolare. Cambiare parere é immorale se finalizzato a rubare un posto pubblico ma è anche possibile ma solo se poi ti dimetti e perdi quei privilegi che hai acquisito, non puoi e non devi tradire le persone che ti eleggono per un ben preciso programma. Se ci fosse moralità ed onestà nella politica non avremmo bisogno di tutto questo: anni fa la parola data era sacra e vincolante, non occorrevano contratti o penali. Per me, che non sono più così giovane, vale ancora e apprezzo CHI la considera ancora un valore. Grazie sig. Dario. Un affettuoso abbraccio. uno di uno.
  • Terry E. () Utente certificato 1 anno fa
    Chi è davvero dissidente deve essere rispettato per come la pensa ma......deve uscire dal giro della politica ed eventualmente rientrare se verrà scelto dal partito nel quale si rispecchia altrimenti è uno schifoso opportunista e merita di essere penalizzato. Io personalmente se dovessi incontrare i traditori che con anche il mio voto siedono bellamente e comodamente su una poltrona di velluto e con un esagerato stipendio parlamentare,sputerei loro in faccia!!
  • pz 1 anno fa
    Concordo in pieno, chi governa o amministra nel nome di M5S deve sapere di rappresentare i cittadini, la cui voce si fa sentire attraverso i garanti Grillo e Casaleggio.
  • pancrazio marasco Utente certificato 1 anno fa
    Condivido in toto, aggiungo fate firmare le dimissioni in bianco così se fanno i pirla ci sono le dimissioni e vanno a casa....Sarebbe bello se si potesse far con ste carogne della società.
  • yujiza inesilio Utente certificato 1 anno fa
    ...cristallino! condivido e quoto.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus