Accertamenti fiscali nulli

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
tax_sib.jpg

"Attendevamo soltanto che venisse messo nero su bianco... e così è stato. Dopo la pronuncia della Corte Costituzionale sugli oltre 700 “falsi” dirigenti dell’Agenzia delle Entrate, è arrivata la prima sentenza della Commissione tributaria provinciale di Milano, che annulla l’avviso di accertamento fiscale firmato dal funzionario cui erano stati conferiti incarichi dirigenziali senza concorso pubblico in violazione della Costituzione. Se, da un lato, possiamo esultare per il risultato, dall’altro non possiamo fare a meno di rammaricarci del fatto che i cittadini per vedersi garantiti i propri diritti e per difendersi da un sistema tributario ed esattoriale iniquo e vessatorio siano costretti a rivolgersi alla giustizia, quando, invece, basterebbe che la politica avesse quel po’ di buon senso per capire che tutto l’apparato va cambiato radicalmente. A partire da Equitalia di cui il Movimento 5 Stelle chiede l’abolizione. I giudici, dichiarando la nullità di un avviso di accertamento arrivato ad un imprenditore e firmato da un soggetto privi di potere, hanno definitivamente sancito ciò che sosteniamo da tempo: le PMI e i cittadini devono essere supportati nelle loro attività e non costantemente messi in difficoltà. Per questo continueremo a dare loro spazio e voce e proseguiremo nella battaglia di civiltà per l’abolizione del mostro Equitalia". Carlo Sibilia, M5s Camera

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus