E se domani...

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

italia_pon.jpg

E se domani, alla fine di questa storia, iniziata nel 1861, funestata dalla partecipazione a due guerre mondiali e a guerre coloniali di ogni tipo, dalla Libia all'Etiopia. Una storia brutale, la cui memoria non ci porta a gonfiare il petto, ma ad abbassare la testa. Percorsa da atti terroristici inauditi per una democrazia assistiti premurosamente dai servizi deviati(?) dello Stato. Quale Stato? La parola "Stato" di fronte alla quale ci si alzava in piedi e si salutava la bandiera è diventata un ignobile raccoglitore di interessi privati gestito dalle maitresse dei partiti. E se domani, quello che ci ostiniamo a chiamare Italia e che neppure più alle partite della Nazionale ci unisce in un sogno, in una speranza, in una qualunque maledetta cosa che ci spinga a condividere questo territorio che si allunga nel Mediterraneo, ci apparisse per quello che è diventata, un'arlecchinata di popoli, di lingue, di tradizioni che non ha più alcuna ragione di stare insieme? La Bosnia è appena al di là del mare Adriatico. Gli echi della sua guerra civile non si sono ancora spenti. E se domani i Veneti, i Friulani, i Triestini, i Siciliani, i Sardi, i Lombardi non sentissero più alcuna necessità di rimanere all'interno di un incubo dove la democrazia è scomparsa, un signore di novant'anni decide le sorti della Nazione e un imbarazzante venditore pentole si atteggia a presidente del Consiglio, massacrata di tasse, di burocrazia che ti spinge a fuggire all'estero o a suicidarti, senza sovranità monetaria, territoriale, fiscale, con le imprese che muoiono come mosche. E se domani, invece di emigrare all'estero come hanno fatto i giovani laureati e diplomati a centinaia di migliaia in questi anni o di "delocalizzare" le imprese a migliaia, qualcuno si stancasse e dicesse "Basta!" con questa Italia, al Sud come al Nord? Ci sarebbe un effetto domino. Il castello di carte costruito su infinite leggi e istituzioni chiamato Italia scomparirebbe. E' ormai chiaro che l'Italia non può essere gestita da Roma da partiti autoreferenziali e inconcludenti. Le regioni attuali sono solo fumo negli occhi, poltronifici, uso e abuso di soldi pubblici che sfuggono al controllo del cittadino. Una pura rappresentazione senza significato. Per far funzionare l'Italia è necessario decentralizzare poteri e funzioni a livello di macroregioni, recuperando l'identità di Stati millenari, come la Repubblica di Venezia o il Regno delle due Sicilie. E se domani fosse troppo tardi? Se ci fosse un referendum per l'annessione della Lombardia alla Svizzera, dell'autonomia della Sardegna o del congiungimento della Valle d'Aosta e dell'Alto Adige alla Francia e all'Austria? Ci sarebbe un plebiscito per andarsene. E se domani...

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Mario C. Utente certificato 3 anni fa
    Si stanno tenendo in queste ore delle consultazioni in Veneto per conoscere la volontà dei cittadini veneti sulla possibilità di costituire una Repubblica Autonoma, un comitato per il SI ed un comitato per il NO hanno permesso ai cittadini di esprimere un voto ponderato. Il tutto sotto la censura dei media di regime nazionali, a differenza della stampa internazionale che ha riportato l'iniziativa, e nonostante ciò hanno espresso il loro voto in modo elettronico, fisico o telefonico ma comunque con un'identità certificata più di 1milione di veneti(su 3,8 milioni tot compresi bambini non votanti) a metà del referendum(terminerà venerdì 21 alle 18.00). Sebbene si dica che sia illegale(perchè non legittimato dalle istituzioni pubbliche anche se Regione Veneto ha votato una legge che permette un'iniziativa in tal senso). Invito il Movimento 5 Stelle a farsi portavoce dell'evento a prescindere dal merito del voto(ben venga se votassero tutti i veneti e vincesse il NO, se è ciò che vogliono i cittadini), Utilizzare l'esposizione mediatica per pubblicizzare la partecipazione popolare è uno dei nostri principi fondanti, per questo invito tutti coloro che risiedono in Veneto a collegarsi al sito www.plebiscito.eu ed esprimere la propria volontà! Viva la partecipazione popolare, viva la democrazia diretta, viva il Movimento 5 Stelle!
  • SEGNALO - Social news, Article marketing Utente certificato 3 anni fa
    Forza M5S
  • WORCOM forum Utente certificato 3 anni fa
    Grazie M5S
  • Giampero Parpeto 3 anni fa
    Hai ragionissimo!
  • Lorenzo . Utente certificato 3 anni fa
    Penso le ridividere l'Italia sia una cavolaia ! Finiamola di dire questa sconcerei !!!!!
    • Rudik G. Utente certificato 3 anni fa
      intanto non hai capito quel "se"... Un paese è unito se il governo, espressione di una cospicua maggioranza, agisce per mantenere e sviluppare gli usi e costumi individuati come aggregativi, fra questi puoi trovare la lingua, la moneta, la storia, la solidarietà fra conterranei. Negli ultimi anni questi valori sono stati costantemente affossati in nome di una presunta modernità, vedi l'uso dell'euro, dell'inglese, la valorizzazione di culture straniere, l'espressione di una maggioranza, ecc. Ora ti chiedo su quali basi pretendi di unire gli italioti? Ricorda che il nostro paese è cresciuto con grandi rivalità mai sopite.
    • Marco Bucciarelli Utente certificato 3 anni fa
      È stata una bischerata farla! Credi che le nazioni si possano "fare" cosí, soltanto perché lo decide un re?
    • Mariolino . Utente certificato 3 anni fa
      Non e' una farfalla manco per il cavolo. L' Italia non e' mai esistita ne mai esistera'. I saboia e la massoneria l' hanno unita territorialmente a suon di attacchi alle spalle, referendum farsa e massacri. Studia un po' di storia e lascia in pace la Pieris brassicae.
  • ruggero lazzari 3 anni fa
    E se domani nel M5S si cominciasse a studiare seriamente per capire, onestamente, quale o quali, fra tutte quelle storicamente esperite in 3000 anni, fosse-fossero le forme di convivenza, di governo, di istituzioni, di cultura attualmente più vicine ai cittadini? Molti territori italiani si identificano per lingue-dialetti, usi e costumi, mentalità comuni e queste dovrebbero rispettare, forse, le nuove forme amministrative-governative locali.......esprimono più italianità(per me umanità) i comuni, le provincie, le regioni o lo stato? Poi discutiamo se servano sovrastrutture sopra i comuni o non piuttosto libere associazioni di comuni e magari organi di coordinamento sovracomunali in cui le libere associazioni siano rappresentate......io sono per il municipalismo libertario(p.es vedi Murray Bookchin). Roger
    • Marco Bucciarelli Utente certificato 3 anni fa
      "Municipalismo libertario" è ottimo come programma. La pensano cosí anche la pagina f.b. "Toscanità, identità toscana" e il gruppo (praticamente non piú esistente) "Città-stato di Toscana". Nei liberi comuni di 700 anni fa eravamo molto piú vicini a codesto ideale di quanto non lo siamo oggi (ergo la storia va spesso indietro, invece di andare avanti).
  • Rudik G. Utente certificato 3 anni fa
    e se domani... uscendo dall'euro, non rientrassimo nella lira? In fondo distruggendo la lira hanno distrutto un simbolo dell'unità italiana. In fondo usando sempre più termini inglesi distruggiamo la nostra lingua, un'altro simbolo della nostra unità. Non è la lega che vuole dividere l'Italia, sono i fatti. Un matrimonio è bello fino a quando gli sposi si amano!
  • Anna Maria Graziano 3 anni fa
    Ma com'è possibile questo tiro e molla. Votiamo 5 stelle e poi Grillo spara delle cannonate che ci stordiscono. Così non va bene. "Creare pezzetti d'Italia, uscire dall'euro" o dare addosso ai migranti. Perché non ci battiamo per cose veramente importanti come la moralizzazione della politica, battersi per il lavoro, la scuola. Allora si che vi seguirà tanta, tanta gente. Ci sono parlamentari validi e non sprecateli. Anna Maria
  • Vinicio Busani Utente certificato 3 anni fa
    Quante baggianate
  • Lorenzo Serra 3 anni fa
    La soluzione non sono le macroregioni, a meno che davvero non si auspichi lo smembramento dell'Italia cosa che non mi troverebbe affatto d'accordo. La soluzione forse sta nelle "macroprovince". Con abolizione di regioni e province.
  • gilberto gamberini Utente certificato 3 anni fa
    se Maometto non va alla Montagna non è detto che la Montagna andrà sempre da Maometto.....in altre parole se l'Italia continua a parlare una sua lingua che non è quella degli italiani non è detto che gli italiani debbano sentirsi sempre più stupidi e frustrati perchè non la capiscono più .....gli italiani forse potrebbero cercare di crescere e vivere e svilupparsi per loro conto....
  • Francesco. P. Utente certificato 3 anni fa
    Dio mio.... ma cosa sta diventando questo movimento? tra i commenti c'è una violenza inaudita.... Ho paura.
  • Francesco. P. Utente certificato 3 anni fa
    A sto giro che cosa vi siete fumati? Cioè, le macroregioni? Dio non ho parole.... Per me le regioni devono sparire tutte.. insieme alle provincie.. la lombardia non è svizzera ma italiana.... l'Italia dovrebbe avere un governo centrale.. e le competenze devono essere trasferite dalle regioni e provincie, ai comuni.
  • Tony G. Utente certificato 3 anni fa
    Referendum...? annessione...? Troppo comodo! Prima il centro-nord si è abbuffato con i soldi del Sud (da 150 anni a questa parte, senza alcuna interruzione....) e ora vorrebbero pure la scissione? Eh no, cari miei, ora si sta uniti e lottiamo insieme per questa specie di Italia che resta; altrimenti TIRATE FUORI PRIMA IL MALTOLTO (che sarebbe enorme, se consideriamo pure le infrastrutture mai realizzate al sud, l'emigrazione forzata, ecc.) e poi ne parliamo pure! Ma cose da pazzi, soprattutto dette da certe persone che stimo profondamente.....!!
  • Martello B. Utente certificato 3 anni fa
    Probabilmente è quello che accadrà, questo squallido paese, questa nazione riluttante è malata nelle coscienze, un buon motivo per andare via senza voltarsi indietro sono proprio il nostro sistema di credenze, sudditanza superstizione religiosa, fottere il prossimo, queste sono le parole d'ordine dell'italico cittadino, le proposte di civiltà ci fanno ridere come utopie alle quali non abbiamo diritto, sembra di vivere nella macchina del tempo, siamo bloccati nel medioevo, ma fuori c'è un mondo che si trova nel 3° millenio, ci sono nazioni europee dove se dici "i politici sono ladri" ti guardano come un povero disadattato, invece qui stiamo a fare il tifo per un sistema che ha ormai escluso tutto ciò che è umano onesto e chiaro come la luce del sole.
    • Marco Bucciarelli Utente certificato 3 anni fa
      No, il medioevo era molto meglio di oggi! Almeno in quelle terre, come la mia, dove nel medioevo esisteva la democrazia diretta nei liberi comuni.
    • Jimmy K. 3 anni fa
      Quello che dici, seppur catastrofista, è in buona misura giusto, ma non c'entra un fico con la divisione, l'idea balorda e pericolosa delle macroregioni che non sfiora nemmeno il problema della corruzione e tantomeno con la secessione, alla quale qualche sfigato reietto legaiolo ha persino fatto eco. Bisognerebbe centralizzare molto di più, se vale per l'acqua e la sanità, vale anche per il resto. La frammentazione, le privatizzazioni portano solo salassi maggiori per i cittadini, abbattendo nel contempo la qualità dei servizi, oltre ad indebolire drasticamente il potere contrattuale di uno stato. A noi sembra di contare poco in Europa, ma contiamo molto di più della Romania. Il Lombardo-Veneto sarebbe una pozzanghera alla mercé dei poteri forti, non dissimile dall'Albania o il Montenegro, soggiogati dal malaffare straniero. La corruzione è una malattia sociale che investe tutte le zone d'Italia. Bisogna combatterla come le zanzare: disinfestazione locale e prevenzione dove è possibile, ma anche schiacciandole una ad una se e quando diventi necessario. Bisogna accettare di essere il "cretino" che paga le tasse e che chiede gli scontrini al bar. Se l'idraulico non ti rilascia la fattura e tu (non ce l'ho con te, il tu è generico) non dici niente per prenderti uno sconto, allora ti meriti di aspettare 6 mesi per una ecografia, ti meriti Berlusconi.
  • M.P. 3 anni fa
    BASTA!!! NON SE NE PUò PIù!!! SONO UN SOSTENITORE DEL M5S E NE RICONOSCO IL GRANDE VALORE PER L'IMPEGNO A CONTRASTARE QUESTA POLITICA ORMAI SOLO APPARENTEMENTE DEMOCRATICA. CREDO PERò CHE CON IL NUOVO PORCELLUM DENOMITATO ITALICUM, SI VOGLIA SOCCOMBERE LA POSSIBILITà DI DAR VOCE A 2/3 DEGLI ITALIANI. QUINDI L'UNICA STRADA DA PERCORRERE RIMANE L'INDIPENDENZA E USCIRE DA QUESTO STATO MANIPOLATO DA POCHI. I VENETI DA DOMENICA 16 MARZO A VENERDI 21, VOTERANNO IL REFERENDUM PER L'INDIPENDENZA DEL VENETO E LA NASCITA DELLA NUOVA REPUBBLICA VENETA, INIZIATIVA REFERENDARIA PROCLAMATA DA PLEBISCITO.EU SUL SITO www.plebiscito.eu. FORSE QUESTA RIMANE L'UNICA STRADA PERCORRIBILE PER RIAQUISIRE LA PROPRIA SOVRANITà ECONOMICA,POLITICA E SOCIALE, CHE L'ITALIA A ORMAI PERSO.
  • PROF MARCELLO PILI 3 anni fa
    CARO GRILLO ( II PARTE ) LA LEGGE ELETTORALE IN DISCUSSIONE E' UNA TRUFFA CON CUI SI VUOLE SOLO CANCELLARE LA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE ED E'REATO , E CANCELLANDO IL SENATO -PREVISTO DALLA COSTITUZIONE-PERCHE' LI' M5S PUO' CONDIZIONARE LA MAGGIORANZA O VINCERE. ANCHE ALLA CAMERA PUO' VINCERE , MA LI' SI E' PREPARATA LA SITUAZIONE DI UN BERLUSCONI SOTTOMESSO -PER CUI BERLUSCONI O PD-CHIESA CATTOLICA SONO LA STESSA COSA . E A QUESTO E' SERVITA LA VEEMENZA DEL CONDANNARE IL MAGGIOR CONTRIBUENTE DI ITALIA , SPINTI DALL'INTERNO PER QUEGLI UNICI PUNTI APPROVATI , CHE SONO IL PROGRAMMA DI RC E CI , CHE OPERANO COME TALI DENTRO IL M5S INSIEME A PRETOFILI ORGANIZZATI . NON CREDO CHE SI OTTIENE NULLA SE SI LASCIA ANDARE , PERCHE' TUTTE LE COSE SU CUI M5S HA TUTTO IL DIRITTO SI PROCEDE CON FARE MAFIOSO E SI IMPONE E BASTA. COSI' E' ORA DI PRENDERE ATTO CHE NESSUNA DEMOCRAZIA E' QUESTA E NESSUNO STATO MA CACAO -CAMORRA CATTOLICA ORGANIZZATA- . LO STESSO FONZI E' PROIETTATO DAL CAPO DELLA ITALIA O CHIESA BUONA ( A CHE ? A NON GIUDICARE QUANDO DEVE GIUDICARE ,CHI E' LUI PER NON GIUDICARE ? LASCIANDO I COMANDAMENTI ? ). L'ITALIA E' IN BALIA DEL MOSTRO CHIESA CATTOLICA CHE HA STABILITO CHE IL BENE DEGLI ITALIANI E' LA MORTE E STIAMO ANDANDO AL GALOPPO , CON QUEI SACRIFICI UMANI CHE ERANO LA REGOLA DEI SACERDOTI DELLA ETA' DELLA PIETRA E POI SEMPRE CAMUFFATA E PRESENTE NELLA IMPOSIZIONE SEMPRE E COMUNQUE CONTRO M5S , PER CUI INUTILE RIMANDARE A MAGGIORI RISULTATI ELETTORALI , PERCHE' COL FALSO LI POSSONO CANCELLARE COME FANNO GIORNALMENTE SU TUTTO . M5S HA GIA' VINTO LE ELEZIONI E C'E' ACCORDO DI NON RICONOSCERLO, PER CUI SPARISCE IL SENATO ? O SI FA OPPOSIZIONE SU UNA COSA FINO A OTTENERLA , OPPURE E' INUTILE TUTTO PERCHE' OGNI COSA SI FARA' ALLO STESSO MODO CON NOMINATI DI dio- CHE ABBIAMO VISTO COME VOLANO SOPRA LE COSE DEGLI UOMINI ,CON UNA LEGGE AL GIORNO, E NOMINATI DI BANALITA' INDIC E LA LEGGE E'REATO DI INADEM SENT C COST
  • Aniello Amici 3 anni fa
    Complimenti caro Beppe... a me queste parole mi fanno tornare in mente la Lega Nord... sei semplicemente un folle... parli tanto di rispetto della Costituzione e poi vuoi e prospetti un Italia divisa??? Complimenti davvero la coerenza è il tuo forte!
    • Antonio 3 anni fa
      Non hai capito un'acca di quello che ha scritto. Rileggiti il discorso, o continua a votare chi ti dà il biscottino.
  • Federico C Farsilson Utente certificato 3 anni fa
    Era ora che ci fossero spunti di riflessione come questo blog. Bisogna iniziare a non avere paura della discussione pacata e senza pregiudizi, e non accettare invece il pensiero unico. E' un dato storico di fatto che sull'unità d'italia, nobile forse negli intenti, si sono raccontate e si raccontano moltissime cose inesatte retoriche o proprio falsificate. Siamo liberi o ancora con tabù innominabili ?
  • Vincenzo Mazzotta 3 anni fa
    Ciao a tutti, uno vale uno e Beppe ha descritto uno scenario a lui consono. Io esprimo il mio come tutti gli altri attivisti. Per me l'Italia è unica e tale deve rimanere. Il problema della corruzione, le lobbies, la criminalità e le loggie massoniche non si risolve dividendo il Paese. Anzi si affronta con una politica nazionale e con politiche locali. E' fondamentale la collaborazione. Il rischio serissimo che si corre frazionando il Paese è creare lo stesso effetto avuto tra Nord e Sud nell'unificazione del Paese, perchè sappiamo benissimo che ogni zona può avere a seconda dei periodi rappresentanti istituzionali corretti o corrotti. Ripeto per me l'Italia è unica... Se ne esce tutti assieme dalla situazione in cui siamo. Vinciamo noi W M5S
  • tommaso Magistretti Utente certificato 3 anni fa
    Circa Salvini della Lega. Lo conosco personalmente. Gli ho scritto un messaggio perchè lui sosteneva che la Lega era l'unica vera opposizione in Parlamento. Gli ho detto che l'unica vera era il M5S e cosa aspettasse per creare un asse con il movimento nostro. Non mi ha risposto e mi ha bloccato sul suo FB dove non posso più scrivere come altri. Voi cosa ne pensate? Tommaso Magistretti
    • Giancarlo Fontana Utente certificato 3 anni fa
      Penso che se quell'"asse" fosse nato i responsabili sarebbero stati buttati fuori al volo, ma solo dopo essere stati dati in pasto alla "rete". Giusto o sbagliato che sia.
    • r.peressini 3 anni fa
      Lega Nord e M5S sono movimenti e non politica. La nostra politica è il nostro fallimento, non siamo in grado di gestire la Democrazia. Allora Grillo grida "tutti a casa" e io condivido, ma aggiungo anche i programmi della Lega: il Federalismo è sacrosanto. Io vorrei copiare la Svizzera che è federale.
  • Angelo P. Utente certificato 3 anni fa
    Nel post, "non si parla di nessuna secessione, né di nessun occhiolino alla lega, semplicemente, ha descritto uno scenario. Uno scenario possibile...." http://www.youtube.com/watch?v=hK6OIBS2jos Vito Crimi (M5S)
  • Lorenzo Ivaldi 3 anni fa
    Non vorrei essere nei panni dei deputati che dovranno rispondere di questa enorme minchiata, per cui ti meriteresti l' espulsione. ciao
    • Angelo P. Utente certificato 3 anni fa
      Prima di scrivere "minchiate", meglio comprendere il senso del post: http://www.youtube.com/watch?v=hK6OIBS2jos
  • emiliano c. Utente certificato 3 anni fa
    E se... la smettissimo di scrivere cazzate!! E se... la smettessimo di farci autogoal a continuazione!!!
  • lorella lisciani Utente certificato 3 anni fa
    L'autore di questo articolo, (molti dicono Grillo, ma non essendo firmato, non lo si può attribuire per forza a lui)ha voluto aprire un DIBATTITO. Certamente l'argomento è complesso, ma andrebbe sondato sotto ogni aspetto: politico, economico e sociale, per arrivare tutti quanti insieme a delle conclusioni, di qualunque tipo esse siano: vantaggi e benefici o perdite e danni. Poi quando la causa è chiara, agire di conseguenza. Sta di fatto che si è posta una visione, sulla quale TUTTI possono intervenire e dire le proprie opinioni. Questa per me è democrazia. Comunque ce ne fossero di persone che cercano di trovare una soluzione per farci uscire dalla caverna. Purtroppo non sempre chi cerca soluzioni come disse Platone, viene capito: Resosi conto della situazione, egli vorrebbe senza dubbio tornare nella caverna e liberare i suoi compagni, essendo felice del cambiamento e provando per loro un senso di pietà: il problema, però, sarebbe proprio quello di convincere gli altri prigionieri ad essere liberati. Infatti, dovendo riabituare gli occhi all'ombra, dovrebbe passare del tempo prima che il prigioniero liberato possa vedere distintamente anche nel fondo della caverna; durante questo periodo, molto probabilmente egli sarebbe oggetto di riso da parte dei prigionieri, in quanto sarebbe tornato dall'ascesa con "gli occhi rovinati". Inoltre, questa sua temporanea inabilità influirebbe negativamente sulla sua opera di convincimento e, anzi, potrebbe spingere gli altri prigionieri ad ucciderlo, se tentasse di liberarli e portarli verso la luce, in quanto, a loro dire, non varrebbe la pena di subire il dolore dell'accecamento e la fatica della salita per andare ad ammirare le cose da lui descritte.
  • mario sormani Utente certificato 3 anni fa
    viva il Medio Evo, il tasso di cambio tra confinanti, la gabella per andare a trovare il proprio partner nel paesino vicino, l'arresto per sconfinamento con impiccagione annessa, la tangente per attraversare il terreno del signorotto locale e le famiglie-clan con il loro seguito di servi e cortigiani. Ma andate a lavorare.......
    • massimiliano c. Utente certificato 3 anni fa
      Credo proprio che lei non abbia capito il senso del post, le consiglio di riprovare...
    • aunes a. Utente certificato 3 anni fa
      si lavorare... senza diritti,senza posti di lavoro,senza stipendio adeguato,senza 2 giorni di riposo spettanti al mese.... con obbligo di pagare contributi,per pagare i pensioni d'oro e il "pesante" lavoro dei parlamentari(che supera di 20 volte lo stipendio di uno che ancora lavora)il quale sta rappresentando il popolo.... e poi fascista è il m5s ....
    • alessandro caramzzi Utente certificato 3 anni fa
      Guarda, veramente questo Stato senza certezza del diritto, piena di norme fiscali retroattive, dove ogni ufficio decentrato dell'Agenzia delle Entrate o dell'Inps applica ed interpreta le norme come meglio crede, anche in maniera diametralmente opposta... E' peggio del feudalesimo! Te lo dico con cognizione di causa, sono tributarista... Forse il medioevo era fin meglio, almeno le gabelle erano certe, ma soprattutto almeno il vassallo riceveva la protezione del signore... Qui siamo servi della gleba, senza alcun beneficio!
  • id Utente certificato 3 anni fa
    Alfred Heineken in "The United States of Europe: A Eurotopia?" aveva già suggerito come dividere non solo l'Italia ma l'intera Europa http://goo.gl/9M5BIS
    • id Utente certificato 3 anni fa
      si proprio lui: Alfred Henry (Freddy) Heineken
    • Raffaele Trapasso Utente certificato 3 anni fa
      quello della birra?
  • Raffaele Trapasso Utente certificato 3 anni fa
    L Italia dovrebbe essere divisa in porzioni verticali. Un'Italia Costiera sul Tirreno. Un'Italia Appenninica nel mezzo. Ed un Italia Adriatica. Ci dovrebbero essere tre monete differenti per evitare che il debito contratto dalla parte Adriatica, da sempre parassita del sistema, sia trasferita alle 2 Italie più sane (Appenninica e Tirrenica). La regione Alpina dovrebbe essere frammentata e data in omaggio a Francia, Svizzera, Austria e Slovenia. Che sono Paesi civili dove tutto funziona meglio che in Italia (Adriatica) specialmente. Grazie per l'attenzione. Spero che un giorno La Rete possa votare questa idea.
    • ffoliott 3 anni fa
      Appoggio la tua mozione. Mi appello altresì al voto della rete per l'annessione all'Italia Tirrenica del Granducato Sovrano di Senigallia (GSS). Chiaramente sul versante adriatico, ma hanno sempre fatto il loro dovere e producono un'ottima crescia per non perlare dei cristaiat. Per l'appartenenza del Bianchello del Metauro mi rimetto nuovamente al voto di rete.
    • Raffaele Trapasso Utente certificato 3 anni fa
      Inoltre bisognerebbe chiarire che solo gli abitanti dell Italia Tirrenica avranno diritto di mangiare la Pizza. Perché è stata inventata a Napoli che è sul Tirreno. Stessa cosa per il Pesto. Mentre del Brodetto si può discutere (con un retevoto)
  • simone dragone 3 anni fa
    "Quello che invece è chiaro è lo schema ingenuo, che è tipico del dibattito degli ultimi vent’anni, che si applica ogni volta che si parla di smembramento del paese: non avendo la minima idea su come risolvere i problemi oggettivi dell’Italia, ci si inventa una divisione in tante piccole Italie che, per definizione, non hanno problemi, non hanno debito pubblico, hanno sistemi bancari perfetti, hanno titoli di stato che si vendono come quelli della Germania, non delocalizzano, non hanno disoccupazione, hanno una politica estera." http://www.ilpost.it/gianlucabriguglia/2014/03/10/larlecchinata-grillo/
    • Umberto P. Utente certificato 3 anni fa
      ...si torniamo indietro alle repubbliche marinare....ma va la
  • Gianfranco Mazzeo Utente certificato 3 anni fa
    Caro Beppe, L'hai sparata un'altra cazzata! Forse non hai capito che nel mondo di oggi "piccolo" è destinato a scomparire....se non vuoi essere schiacciato politicamente, economicamente, culturalmente e militarmente devi appartenere ad uno dei 5 blocchi continentali che si vanno aggregando: America (NORD+SUD), Europa (inclusa Russia in prospettiva perchè economicamente sono nani), India, Cina+Sud Est Asiatico, Resto del mondo sviluppato (Paesi Arabi, alcuni paesi africani ed alcuni paesi asiatici del Medio oriente). Se sei fuori da questo per te è Game Over. Tè capì? Ma come ti vengono in mente queste idee pseudo nazi-fasciste e Leghiste. Secondo me stai dando i numeri!
    • alessandro caramzzi Utente certificato 3 anni fa
      Guarda, io ci metterei la firma ad essere piccolo e schiacciato come la Svizzera o il Lussemburgo...
    • Peter Mussner Utente certificato 3 anni fa
      Piu i confini e i blocchi son grandi, piu forza e attrito cè fra i vari blocchi, invece piccole suddivisioni che si susseguiscono e dialogano tra loro scaricano questo attrito, vedi la svizzera che affida a ogni cantone le sue responsabilita, se ogni regione o macro regione italiana fosse indipendente e autarca, non ci dovremmo preoccupare di energia, cibo ecc.. che sono la base di una societa, poi ci sara lo scambio ovviamente, le nazioni scomparirebbero, perche ogni regione che si trova su un confine e un po de la e un po de qua, in tal caso non e un problema, l alto adige per esempio fa da ponte al tirolo che fa da ponte alla bavaria e cosi via... da regione a regione non si hanno problemi con la regione affianco anche se e di un altra nazione...come i colori, dal giallo al rosso ci sono tantissime tonalita diverse, se andiamo nella direzione dei mega blocchi, finiremo in una guerra
  • lenda 3 anni fa
    chi ha scritto questo post perchè non ha il coraggio di firmarlo? di sicuro è uno che porta una sfiga grande come una casa.
  • Lamberto 3 anni fa
    PERCHE' VI RISULTA FORSE CHE I CTTADINI SIANO UNICI ED INDIVISI? SOLO RETORICA L'ARTICOLO DELLA COSTITUZIONE CHE RECITA: L'ITALIA UNICA ED INDIVISIBILE. L'ITALIA SARA' ANCHE FATTA, E A ME PIACE COSI', MA PER FARE GLI ITALIANI TROPPO C'E' DA FARE ANCORA. MA LI SENTITE I COMMENTI DELLA GENTE? LI SENTITE I CORI BECERI ALLO STADIO? MA DI QUALE UNITA' VOGLIAMO PARLARE? NON FACCIAMO GLI IPOCRITI ED I FALSI PATRIOTI, QUI DI UNITO C'E' SOLO IL DEBITO PUBBLICO
  • alberto pancetti Utente certificato 3 anni fa
    be è una cosa allucinante pensare di divider el italia ....... comunque qui si sta dando di fuori... ma lo volete capire che non è il sisteema che non funziona , è la gente che cèèèèèèèè al massimo si potrebbero togliere le province , ma anche li avrei da discuterne , tu togli le priovince e il lavoro che facevano le province chi lo fa? altra gente assunta magari dai comuni e se tiri le somme....... togli i ladri e vedrai che i conti tornano
  • Angelo I. Utente certificato 3 anni fa
    Beppe Grillo, non farti ingannare dalle parole pacate ed elenganti che userò, solo per una questione di educazione, ma sono molto molto arrabbiato con le tue inutili e mortificanti sparate. L'Italia è una e indivisibile. Né tu né la lega cambierete questo dato di fatto. Gli italiani sono molto più coesi di quanto tu e qualche leghista possiate pensare. Chiedo inoltre RISPETTO per le decine di migliaia di vittime di tutte le guerre che l'Italia ha combattuto, anche se le guerre sono sempre inutili. La visita di Redipuglia l'anno passato è stato un brivido per me. Tutti quei giovani che hanno dato la loro vita per la patria devono essere rispettati da te come dai leghisti e da tutti gli italiani. Ora TACI e lascia parlare i giovani che hai portato in Parlamento che sono immensamente migliori di te.
    • Marco Bucciarelli Utente certificato 3 anni fa
      non hanno dato la loro vita. Sono stati mandati al macello, come pecore. Ecco che cos' è l' Italia: un gregge di pecore che si fanno mandare al macello. Altro che patria! Non esiste una nazione italiana, esiste soltanto uno stato italiano.
    • Peter Mussner Utente certificato 3 anni fa
      Siamo seri, ogni regione italiana a la sua lingua cultura, cucina ecc.. il sardo si sente sardo, l altoatesino altoatesino e il napoletano si sente napoletano, ci vogliamo tutti bene, e il discorso di grillo non e noi del nord e voi del sud, ma togliere il potere casinista centrale da roma e portare un po di potere in tutte le macro regioni, ogni una si puo autogestire, l italia rimane, italiani siamo, ma la gestione viene delocalizzata... vediamo l altoadige che a questa fortuna, perche lei si gestische da sola... ma si puo anche vedere oltre i confini nazionali e dialogare con l austria e cosi via, per esempio per interscambiare beni tra l austria e l italia chi ci mando adesso? invece con le macro regioni ci pensa per esempio l esponente dell alto adige adialogare con quello tirolese e cosi via, ci si capisce meglio e si tolgono le barriere.
  • vittorio h. Utente certificato 3 anni fa
    e cosa insegnano a scuola? La retorica e niente altro, mentre Renzi vuole dare solo più fondi alla scuola e nessuna parla di rivedere i programmi rimasti fermi dalla belle epoque!
  • Angelo P. Utente certificato 3 anni fa
    VITO CRIMI (M5S): "non si parla di nessuna secessione, né di nessun occhiolino alla lega, semplicemente, ha descritto uno scenario. Uno scenario possibile...." http://www.youtube.com/watch?v=hK6OIBS2jos
  • Gianfranco Piva Utente certificato 3 anni fa
    Sono d'accordo alla divisione amministrativa dell'Italia in tre parti. Primo per sradicare il potere politico-burocratico dei ministeri. Secondariamente è l'unica maniera per governare questo paese, ormai su l'orlo del baratro Forza Beppe.
  • GIANNI SOLIA Utente certificato 3 anni fa
    Ho letto attentamente il post e mi è piaciuto. Molti commenti invece li ho trovati fuori luogo (non mi riferisco qui ai coglioni troll del PD). Evidentemente il post in questione non è stato letto attentamente e non si è capita la sottile provocazione: e se domani svegliandoci da un sonno durato 150 anni guardassimo l'Italia ......? Mica possiamo sempre solo parlare alle casalinghe di Voghera (ma esistono davvero?) La strada è lunga ma possiamo farcela.
  • salvio manno Utente certificato 3 anni fa
    3 macro regioni è una ragionevole soluzione per togliere a Roma il potere partitocratico.
  • Guido Rossi 3 anni fa
    Ho già mandato questo commento, ma democraticamente non me lo avete pubblicato. Beppe sei ad Amsterdam? Hai esagerato con il fumo? prendi un caffè forte e torna in albergo. Se vedi per strada degli omini con la camicia verde che ti salutano, ignorali, domani non te li ricorderai.....
  • Pavel Lazarov 3 anni fa
    "A small-state world would not only solve the problems of social brutality and war; it would solve the problems of oppression and tyranny. It would solve all problems arising from power." Leopold Kohr in "The Breakdown of Nations" Il libro e' assolutamente illuminante !! Va letto pero' in inglese, perche' la traduzione del 1960 non e' ad altezza.
    • Marco Bucciarelli Utente certificato 3 anni fa
      Pavel: le traduzioni non sono MAI all' altezza. È una citazione eccellente! Se nel 1300 Siena e Firenze non fossero state due stati diversi, Dante non avrebbe potuto mettersi in salvo oltre confine (a Firenze era condannato a morte)! Freiheit fur Alles: cosí come l' hai scritto, non vuol dire molto... Corretto sarebbe Freiheit für Alle (=per tutti).
    • Freiheit fur Alles 3 anni fa
      Sono sempre le "Grandi Potenze" U.S.A., Russia, Cina(vedi Tibet)ecc.,che fomentano le guerre. E poi ci sono delle pseudo-potenze (Italia)che fanno il lavoro sporco per gli U.S.A.(vedi Afghanistan)con i voti determinanti del PD, quel partito che dovrebbe e ripeto dovrebbe difendere la classe operaia, ma che manda a morire i propri cittadini in Afghanistan. E che dire della Francia(guerra in Libia)dove un omuncolo Fattosi nominare King a vita dalla partitocrazia(Napolitano) ha fatto la corsa per ammazzare un po' di persone. Da chi è governata la lobby del commercio delle armi? Dalle grandi potenze.
  • Giorgio M. Utente certificato 3 anni fa
    "La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell'autonomia e del decentramento." Articolo 5 della costituzione italiana. Vorrei sottolineare "[...] una e indivisibile [...]"
    • Lamberto 3 anni fa
      PERCHE' TI RISULTA FORSE CHE I CTTADINI SIANO UNICI ED INDIVISI? SOLO RETORICA QUESTO ARTICOLO DELLA COSTITUZIONE. L'ITALIA SARA' ANCHE FATTA, E A ME PIACE COSI', MA PER FARE GLI ITALIANI TROPPO C'E' DA FARE ANCORA
  • Graziano Russetti 3 anni fa
    La civiltà europea, il mondo civile, l‘occidente o come diavolo vogliamo chiamarlo nascono: nelle piazze signorili: nelle agora del meridione della penisola: nei fori più repubblicani che imperiali. Oggi la sfida è la rete. In Italia e non altrove è nato un movimento che ha concretizzato le sue potenzialità politiche. Siamo capaci di una feroce autocritica, ma possiamo essere orgogliosi delle nostre naturali capacità espressive e realizzative. La cultura italiana nasce prima dell‘unità politica dell’Italia ed all’Italia sopravviverà. Non è questione di federalismo o centralismo. La funzione storica del movimento è conoscere la grammatica delle nuove tecnologie ed essere avanguardia per una nuova forma di partecipazione politica. Arricchire il popolo italiano di nuove libertà. E' la cultura che ci rende capaci di spendere in modo produttivo. La cultura nelle nostre mani, nei nostri testi e ipertersti. Unirsi non è un processo semplice, ma l‘unione è la nostra forza. La lega dei comuni nasce in funzione difensiva. L‘Essere legati l'uno con gli altri ci rende guerrieri e non mercenari. Il nostro modo di vivere, vestire, produrre, è apprezzato e imitato. Per competere e difendere le nostre originalità dobbiamo stringerci in una sola testuggine ed essere protagonisti nel mercato globale. Grida forte, grida forte, grida ancora più forte: ITALIANI!!! ITALIANI!!! I T A L I A N I!!!
  • Marco Bucciarelli Utente certificato 3 anni fa
    Finalmente! Ho aspettato per anni questo passo logico! Se si sostiene il diritto del popolo a decidere tutto tramite democrazia diretta, come si fa a negargli il diritto all’ autodeterminazione? Come si fa a riconoscere legittimità a un concetto di nazione non voluto dal popolo bensí imposto al popolo? Su come si svolsero i presunti plebisciti del 1860 (Centro-Nord), 1861 (Sud), 1866 (Veneto) e 1870 (Lazio) esistono non solo romanzi (Il Gattopardo) ma anche studi molto approfonditi (ad esempio quello di Nidia Danelon Vasoli intitolato “Il plebiscito in Toscana nel 1860”) dai quali si evince che il popolo non ebbe alcuna vera possibilità di scegliere. E come si fa ad accettare una Costituzione che dichiara “indivisibile” questa repubblica? Non è piú indivisibile neppure il matrimonio, perché dovrebbe essere indivisibile la repubblica? Perché mai i “coniugi” dovrebbero esser costretti a rimanere insieme per forza? Se il Movimento 5 Stelle metterà nel proprio programma l’ abrogazione di quell’ articolo della Costituzione, allora sarò dei vostri.
    • Marco Bucciarelli Utente certificato 3 anni fa
      Liliana, a me sembra che l' importante tu lo dica nelle tue prime righe: "LA DEMOCRAZIA DIRETTA PREVEDE NECESSARIAMENTE IL REFERENDUM PROPOSITIVO E NECESSARIAMENTE PREVEDE CHE SIA IL POPOLO AD AUTODETERMINARSI". Questo è l' importante e lo sottoscrivo. La massoneria è un fenomeno storico sorto come reazione allo strapotere della chiesa cattolica. Io disprezzo entrambi: preti e massoni. E tutti quelli che agiscono in segreto invece che alla luce del sole. Il bello della democrazia diretta era anche questo: che si faceva tutto alla luce del sole. Il popolo si riuniva in piazza e votava per alzata di mano. In certi cantoni svizzeri lo fanno ancora. Qui in Toscana lo si faceva nei liberi comuni trecenteschi.
    • Liliana V. Utente certificato 3 anni fa
      Parlo male della Massoneria inglese e di tutte le Massonerie, della loggia massonica p1, p2 (Un tal massone di nome Berlusconi ne fà parte), p3( un tal Verdini ne fa parte, quello che ha preparato la nuova legge elettorale Italicum identica al Porcellum anzi peggiorata nella forma e nella sostanza), della p4 ecc. Tutte le società segrete devono essere messe fuori legge. Lotta senza quartiere a tutte le massonerie.
    • Marco P. 3 anni fa
      Liliana non so se è il caso che tu ti metta a parlare male della massoneria, e in specifico di quella inglese, proprio su questo blog...
    • Liliana V. Utente certificato 3 anni fa
      LA DEMOCRAZIA DIRETTA PREVEDE NECESSARIAMENTE IL REFERENDUM PROPOSITIVO E NECESSARIAMENTE PREVEDE CHE SIA IL POPOLO AD AUTODETERMINARSI. L' UNITA' D'ITALIA E' UNA STORIA DI MASSONERIA. GIUSEPPE GARIBALDI COME GIUSEPPE MAZZINI ERANO MASSONI, COME LO ERA NAPOLEONE BONAPARTE (QUESTO E' UN DISCORSO CHE APPROFFONDIRO' QUANDO PARLERO' DELLA SERENISSIMA REPUBBLICA DI VENEZIA) GARIBALDI COMBATTE' CONTRO L'ARGENTINA ALLORA STATO UNITARIO CHE COMPRENDEVA L'URAGUAY. GARIBALDI COMBATTEVA AL SOLDO DELLA MASSONERIA INGLESE E GRAZIE A QUESTE LOTTE CHE L'URAGUAY DIVENNE UNO STATO INDIPENDENTE DALL'ARGENTINA. GARIBALDI CADDE PRIGIONIERO DEGLI ARGENTINI E IL GIORNO DOPO LO ASPETTAVA LA FORCA. SI SALVO' GRAZIE AL SIMBOLO MASSONICO CHE PORTAVA AL COLLO, NOTTETEMPO VENNE LIBERATO DAL MASSONE CHE LO AVEVA IN CUSTODIA. QUESTE COSE NON VENGONO SCRITTE NEI LIBRI DI STORIA.( GARIBALDI COMBATTE' ANCHE PER LO STATO DI RIO GRANDE DO SUD CHE DESIDERAVA L'INDIPENDENZA DAL BRASILE, L'OBIETTIVO NON VENNE RAGGIUNTO,MA LO STATO DI RIO GRANDE DO SUD OTTENNE UNA FORTE AUTONOMIA). LA MASSONERIA INGLESE SCELSE UNA CASA REALE MASSONICA I SAVOIA PER REALIZZARE I PROPRI MASSONICI DISEGNI IN ITALIA. I COSIDETTI " BRIGANTI" CHE I PIEMONTESI DOVETTERO COMBATTERE ALTRO NON ERANO CHE PATRIOTTI ( E FURONO MILIONI) CHE NON SI SOTTOMETTEVANO AI SAVOIA. LA STORIA VIENE SEMPRE SCRITTA DAI VINCITORI MA I VINTI NON DEVONO MAI DIMENTICARE L'ORGOGLIO DELLE PROPRIE LOTTE. ED E' TEMPO CHE LA VERITA' VENGA SCRITTA. MASSONI FUORI LEGGE PER SEMPRE QUESTO E' IL MIO DESIDERIO E LA MIA SPERANZA. I DISEGNI DELLA MASSONERIA DEI GIORNI NOSTRI( BCE, FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE,UE) CIOE' LA TROIKA SONO ANCHE PEGGIORI DI QUANTO REALIZZATO NEL PASSATO.
  • a.mencherini 3 anni fa
    Ok va bene, dividiamoci... ma quale italia torniamo? A quella del 14 secolo? Mi pare che la cartina indichi quella... O a quella del 19 secolo? Oppure alla regio romana? vabbe' decidete e poi fateme sape'^ Intanto mi date un aiutino: mi hanno ordinato dal Ducato di Milano una brenta di vino? sapete dirmi a quanti quartucci fiorentini corrisponde? Mi hanno chiesto quanti scudi costa? sapete se sul web c'e' un convertitore da scudi a fiorini? grazie per l'aiuto
  • Pasquale G. Utente certificato 3 anni fa
    Finalmente una parola di verità su cosa è stata ed è l'Italia unita
  • PIETRO B. Utente certificato 3 anni fa
    voglio rispondere all' autore e se domani si tornasse indietro nella storia. Ho l'impressione che l 'autore non potendo più gestire la realtà si rifugi nella storia per rilanciare se stesso e il m5stelle perche ormai ha capito che la propria storia come politico sia finita a costui voglio dire che la storia ha solo un verso e cioè in avanti e mai indietro.Quando ci si rifugia nel passato si ha paura del futuro .Un cieco non può guidare chi già ci vede male. Tanto si può sempre dare spettacolo e ad ogni biglietto fare pagare dalle 35 alle 70 euro l'avvenire è assicurato. Pietro prontofetente
  • gaetano frassica Utente certificato 3 anni fa
    Non sono d'accordo. Dopo la ns. storia di patrioti martiri che hanno dato la loro vita per L'ITALIA dobbiamo essere noi stessi degni discendenti di chi ci ha preceduto e far rinascere questa nostra ITALIA ripulendo tutti i centri di potere che l'anno portata alla rovina.Proviamo ad agire democraticamente, scacciamo i ladri e mandiamoli in galera facendo scontare tutta la pena inflitta dai giudici e confischiamo loro i beni a beneficio della povera gente.
  • Maria R. Utente certificato 3 anni fa
    Mi dispiace, ma questa volta non sono d'accordo: l'Italia deve stare unita! E' per questo che quelli della Lega non mi sono mai stai molto simpatici:per le loro idee seccessioniste. Non è certo ritornando indietro nel tempo che risolveremo i nostri problemi, dopo tutta la fatica che ci è voluta per unire l'Italia non dobbiamo di nuovo dividerla.
  • napoleone . Utente certificato 3 anni fa
    continuo a leggere commenti assurdi contro l'idea di una Repubblica Federale...questo significa non capire un piffero..la ns Costituzione prevede già le Regioni quali strumenti di Governo dei territori con capacità legislativa autonoma. La Germania è una repubblica federale-la spagna ha le autonomie..(vedi Canarie,baleari)Svizzera..ecc.. io la vedo una cosa moltoo positiva..specialmente se vogliamo stimolare buona politica..tutti si lamentano della iperburocrazia..per forza di cose se si mantiene un centralismo legislativo e amministrativo i processi decisionali saranno sempre lunghi e tortuosi..si chiama principio di "sussidiarietà" concetto nel quale si avvicina alla comunità la possibilità di intraprendere determinati indirizzi politici e di governo su materie che ora sono di stretta competenza del Parlamento e del Governo Nazionale. Un esempio potrebbe essere "l'istruzione" e cioè la possibilità di elaborare programmi di studio percorsi scolastici inferiori e superiori per renderli più "aderenti"alle esigenze del mondo del lavoro,cultura e scienza..nessuno può dire che l'istruzione gestita in toto da una Regione sia deleteria rispetto ai programmi determinati dai ministero.
  • Valentina Vlahovic Utente certificato 3 anni fa
    Dimenticavo: anche se ero una bambina, ricordo che la propaganda etnica e ustaša in Serbia e Croazia diceva le stesse cose che si raccontano in questo blog, parlava di gruppo Bildeberg, di signoraggio bancario, dei Rotschild, di sovranità monetaria, di dazi e di altre cazzate. Poi sapete quello che è successo, nemmeno le SS sono state capaci di simili brutalità. Hanno fatto credere aqlla gente che la colpa era tutta del vicino di casa, del cugino o del cognato (noi ex Jugoslavi, me compresa, siamo tutti imparentati fra diverse "etnie"), e mai di chi ci governava. Il risultato? Ora al posto di una nazione, allora forte, prospera e ricca, ci sono sei o sette repubbliche arretrate e miserabili ciascuna governata da un clan mafioso locale. Se è questa l'Italia che vi piace, accomodatevi. Al di là di tutte le retoriche nazionaliste, non credo, proprio per la presenza di potenti clan mafiosi come da noi, che una tranquilla repubblica federale come in Svizzera o in Germania, in Italia possa funzionare, e neanche credo che sarà permessa una secessione incruenta come in Cecoslovacchia. La mafia non si lascerà masi sfuggire questo grande affare, che voi spacciate come autodeterminazione dei Popoli, che è vero, esistono, ma ricordatevi, in mezzo c'è la mafia, che non c'è in Germania, Belgio, Svizzera o Gran Bretagna.
    • Mario S. Utente certificato 3 anni fa
      Mi viene il dubbio Valentina, che a scrivere cazzate megagalattiche sia tu, che tutto mi sembri meno che una autentica croata. Ma credo di poter attribuire le tue idee all'emigrazione forzata, che non può dare la giusta percezione di fatti e realtà che affondano le loro radici in decenni precedenti. Ritengo opportuno quindi non polemizzare oltre, proprio per dimostrare il rispetto che tu dici che io non ho nei confronti di popolazioni che hanno così tanto sofferto.
    • Valentina Vlahovic Utente certificato 3 anni fa
      @Mario s, a proposito del rispetto, tu oltre che scrivere cazzate extragalattiche, come quella della maggioranza degli Sloveni e dei Croati che non si sentono fratelli di Macedoni o Albanesi, che è la prova che voi vedevate la guerra dei balcani come un fumetto o un videogame, non credo che hai avuto rispetto non solo verso di me, che ho avuto lutti in famiglia, ma verso milioni di Jugoslavi e altri che sono stati vittime di guerre assurde come la nostra, come ad esempio quella fra Ebrei e Palestinesi... guerre falsamente fatte per motivi etnici o religiosi, in realtà guerre fra poveri, del popolo contro il popolo, di oppressi contro altri oppressi. Mai una guerra contro i mafiosi, i criminali e i mercanti di armi che su queste guerre diventsno multimiliardari.
    • Valentina Vlahovic Utente certificato 3 anni fa
      @Marios, Come si vede che non conosci niente della ex Jugoslavia. 1) Quando c'era il regime comunista, ovvero Tito, io non ero ancora nata. Quando ero bambina Tito non c'era più, la Jugoslavia era un paese di fatto capitalista, e ricordo che mio padre ogni estate ci portava a Venezia, o a trovare i miei parenti a Hannover, quindi non è vero che non potevamo uscire. Ricordo anche che gli Italiani venivano a fare la spesa da noi. 2) La Jugoslavia uscì dal blocco sovietico nel 1948, ovvero era un "paese non allineato", pure se rimaneva una dittatura comunista: è stata così fino alla morte di Tito, avvenuta nel 1980. 3) Per tua norma e regola, l'80% degli ex Jugoslavi parlava la stessa lingua, il Serbocroato. Il Sertbo e il Croato sono in realtà due forme della stessa lingua, e differiscono solo per l'alfabeto. In Bosnia, ad esempio, c'è gente nello stesso villaggio, che parla lo stesso dialetto, ma che scrive in due alfabeti differenti. Solo lo Sloveno, il Macedone e l'Albanese sono lingue differenti (anche se le prime due, di poco...) ma erano par4late da una minoranza, peraltro concentrata in alcune zone. 3) Poi spiegami una cosa: perchè dovrebbe essere scellerata una nazione formata da popoli differenti? Per la cultura Italiana ed occidentale può essere vero, tanto è vero che questa visione era all'origine del nazifascismo, ma ti faccio notare che in tutto l'est Europeo convivono serenamente popolazioni fra le più diverse possibili, Rom e Italiani compresi. Io stessa ho una nonna Italiana autoctona della Dalmazia da generazioni. 4) Hai ragione solo sul sistema ultracapitalistico mafioso che domina in quasi tutto l'est europa (e non solo), ma questo, se permetti, non è una nostra invenzione. La ex Jugoslavia storicamente era sicuramente più arretrata dell'Italia, ma quello che ha ricevuto dai suoi vicini sono solo questi esempi di regime, negli anni 30-40 fascista, oggi mafioso, tutti vostri prodotti d'importazione.
    • Mario S. Utente certificato 3 anni fa
      Con il dovuto rispetto...la prosperità che tu ricordi non era certo dovuta all'unione scellerata di popoli diversi per cultura e religione. Casomai era dovuta a un certo benessere diffuso seppure di bassissimo livello collegato al rigido sistema sovietico che per tua informazione si basava ugualmente sui dazi, sul blocco di immigrazione/emigrazione e quelle che tu definisci queste stronzate da nazionalisti...sono queste che vi hanno fatto sopravvivere proprio quando eravate un coacervo di popoli, il merito non era certo dell'unione forzosa tra etnie, era il sistema, che vi rendeva forti in qualche modo. E il sistema che garantiva da mangiare a tutti è caduto non certo per i nazionalismi di ritorno ma per il crollo globale in tutti i paesi dell'est. Ed è stato allora, quando non c'è stata più trippa per gatti, che vi siete resi conto che purtoppo non c'era assolutamente nient'altro che vi legasse se non una pseudoeconomia basata su dinamiche assolutamente chiuse (in ogni caso tutto da dimostrare quanto effettivamente da aborrire più del folle capitalismo). La nazione forse c'entra poco con tutto questo, nè credo che la media dei croati e degli sloveni la pensino come te e si sentano "fratelli" con un macedone o un albanese. La disgregazione cioè è stata una conseguenza, non la causa. Tu invece invertendo le due cose dai una chiave di lettura da eldorado del nazionalismo, che non ha molta ragione d'essere in verità e non funziona, nè in società comuniste nè in occidente, è un fatto provato oramai. Se state male oggi è perchè l'ipercapitalismo in cui siete piombati ha rivelato il suo vero volto, non perchè vi siete giustamente separati. Siete solo passati da un modello sbagliato ad un altro ugualmente sbagliato e da un'unione scellerata ad una (quella europea) ancora più scellerata.
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      Non tutti capiscono cosa è una guerra fratricida e pensano che sia solo un videogame. Hai perfettamente ragione, la mia solidarietà.
  • Andrea Brivio 3 anni fa
    Favorevolissimo alle 5 macroregioni...pure 3
  • Shiffer Adams Utente certificato 3 anni fa
    ormai la svalutazione monetaria non tiene più conto dell'effettivo bilanciamento tra valore complessivo delle riserve auree e valore di liquidità economica spendibile per una qualunque operazione commerciale non sottoposta a speculazione finanziaria ... La Borsa mondiale ha creato una sorta di "mostro inventa-soldi" che forgia dal nulla quantità inesistenti di credito non motivabili o compensabili da qualunque effettivo valore economico-monetario, aumentando perciò il disequilibrio nel sistema aureo, avendolo disallineato dai suoi valori originari senza alcun criterio di ragionevolezza la svalutazione di un sistema monetario non dipende più dall'effettivo andamento di un'economia reale, bensì dal suo binario di speculazione finanziaria ... in forza di ciò, anche aumentare il tetto di un debito nazionale, bypassando il tanto temuto "default" non costituisce altro che una sorta di mascheramento del fallimento finanziario, poiché sappiamo benissimo che tutti quei soldi su cui si sono creati crediti speculativi, non verranno mai risarciti nella misura in cui essi sono improvvisamente aumentati al momento della data di scadenza del loro assolvimento. Interi imperi nazionali e continentali che continuano a rigettare la monetina del debito nello stagno degli abusi finanziari, altro non fanno che creare altre "monetine del debito" anziché far dragare lo stagno stesso per recuperare quella originaria e restituirla ai suoi creditori, con altre dieci sue compagne (interessi sul debito) in poche parole, è un sistema marcio e non più controllabile perché l'economia si è globalizzata e così pure la finanza, ma i due sistemi, che all'inizio godevano di una relazione sincronica buona, sono talmente disallineati nei valori adottati in origine, che tentare qualunque tipo di riassestamento/riavvicinamento è oggettivamente impossibile ... esistono crediti inesistenti,perché si sono formati debiti inesistenti, ossia non giustificati da reali debiti di natura economico-produttiva
  • Valentina Vlahovic Utente certificato 3 anni fa
    Mi chiamo Valentina Vlahovi, e sono nata, come capite dal cognome, in un Paese che non esiste più, che è proprio dietro il vostro naso, nel caso ve ne foste dimenticati. Non c'è bisogno di ricordarvi quello che è successo, vi posso dire solo che se sono qui e non al mio Paese natio è perchè qualcuno come l'autore di questo post aveva trovato la soluzione dividendoci. Io avevo 12 anni quando sono fuggita, e mai più ritornata, dal mio Paese. Da bambina ho già visto dei morti per strada, crani sfondati, corpi spappolati, cosa che voi nemmeno avete la minima idea, mi sento male solo a parlarne... Vi ricordo che nel nostro Paese si parlava la stessa lingua, e c'era più similitudine fra uno Sloveno e un Macedone che fra un Piemontese e un Siciliano. Io ho avuto anche dei morti in famiglia, la mia famiglia ha perso tutto, non possiamo mai più tornare lì, anche se lo desideriamo tantissimo, abbiamo perso anche la nostra identità (sono figlia di un Montenegrino e di una Croata). Ancora non riesco a capire, che dopo il nostro esempio, tutte le nazioni dell' "occidente civile" si ostinano a volersi dividere, specie quelle, come Italia, Spagna e Gran Bretagna, molto omogenee dal punto di vista etnico, linguistico e religioso. Dopo il flop della lega e degli indipendentisti meridionali, speravo che certe follie fossero finite nel dimenticatoio, del resto, l'Italia ha una storia di Civiltà e progresso superiore a quella della "barbarie slava", o no? E invece, la nostra "barbarie zigana" ha contaminato anche voi, Patria della grande Civiltà Rinascimentale, del Diritto, delle Arti, delle Lettere e del Sapere Scientifico. Finchè succede fra gli Slavi del sud, dominati per quasi un millennio dai Turchi e usciti dal medioevo solo il secolo scorso è comprensibile, ma che succeda in Italia, Culla della Civiltà e del Pensiero Europeo e Occidentale...
    • Marco P. 3 anni fa
      fosco, fosco... te lo porti dietro col tuo nome il significato di quello che dici. Un altro difensore di scippatori con la teoria del complotto, come Berlusconi e tutti i colpevoli. Come ti chiami, Fosco Ghedini? Quando vi pizzicano a rubare soldi pubblici prima negate, poi cominciate con le accuse di complotto. Ma perchè non accettate la galera con dignità: persino alcuni camorristi vi danno lezioni di dignità andandosene in galera dove meritano di stare, invece di accusare qualcuno di complotto. La Lega ha rubato come e peggio dei socialisti e dei mafiosi di Forza Italia, senza dimenticare gli indagati del PD, e ce ne sono. Quindi finiscila con la tua diarrea complottista, che non se la beve nessuno. In galera chi ruba e confisca dei beni fino a coprire il maltolto e le spese legali. Io i suv e le barche ai figli di bossi non le voglio pagare.
    • fosco 1. Utente certificato 3 anni fa
      il flop di lega nord e degli indipendentisti del meridione è stato voluto da molto in alto, non certo dai piccoli scandali. Inoltre quello che è passato come concetto è che la separazione fosse un'idea della gente del nord, mentre invece molte persone del sud stavano iniziando a capire che per sconfiggere il clientelismo mafioso l'unico sistema è tagliare i viveri ai clan e fare in modo che la gente onesta venisse votata. Quando il tuo capomafia non è in grado di imbucarti in qualche posto a spese dello Stato vedi come voti la gente onesta del posto...in fondo era la teoria di Miglio.Ma è stato fatto passare tutto un altro messaggio.
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      Valentina ha perfettamente ragione e tu Gianfranco sbagli. Il rischio è il medesimo che c'era in Iugoslavia. Lo stesso. Si inizia così, con la propaganda politica e seminando odio. La colpa della mala-amministrazione inoltre e' di chi gestice la tua regione, provincia, comune... perchè lo Stato centrale è stato ucciso dalle modifiche costituzionali del 2001. Questo la lega lo sa bene, ma non te lo dice. E' grazie a loro e alla sinistra con complicità della destra se viviamo una condizione difficile.
    • Gianfranco C. Utente certificato 3 anni fa
      Pubblicare un posto come quello che stiamo discutendo non significa assolutamente fare accadere cose simili al tuo paese.Con tutto il dispiacere che ho avuto e continuo ad avere capisco la tua angoscia ma da noi le cose, come avrai capito funzionano diversamente o non funzionano affatto. Una divisione economica, un distacco dallo stato centrale che sta distruggendo tutto e sta massacrando la gente in modo diverso dal tuo, ma lo sta facendo di fatto togliendoci la speranza, quella di un futuro diverso. Se perdi la speranza tutto è perduto e in uno stato corrotto e colluso come il nostro è necessario realizzare qualcosa di molto importante. Forse una divisione economica e politica prima che accada peggio che nel tuo paese. La solidarietà a Valentina.
    • Nicola D. 3 anni fa
      Cara, carissima, Valentina ti esprimo tutta la mia ammirazione per quanto detto. Gli italiani che parlano di secessione, di separazione, di autonomia territoriale, ecc. hanno ancora la pancia piena; naturalmente è tutto strumentalizzato da chi dividendo "ìmpera". Li vorrei proprio vedere dietro le barricate a sgozzarsi a vicenda, o vedere le loro donne stuprate e i loro bambini sbudellati. Questi non hanno capito di essere burattini nelle mani di burattinai che fanno fallire gli stati per accaparrarsi le eccellenze a quattro soldi. Giocano col fuoco e prima o poi si scotteranno; i giovani, quelli più infervorati di odio fra nord e sud, credono che tutto si risolva come nei videogames. Vedessi in certi blog che brutta bestia è l'antimeridionalismo senza distingui. La lezione di quanto è successo nel "tuo" ex Stato non è servita a nulla, purtroppo. Grazie per il tuo commento, spero che in tanti lo leggano e riflettano.
  • Gabriele Mannelli Utente certificato 3 anni fa
    No Beppe io non sono d'accordo. Le macroregioni saranno solo la prossima schifezza. Eliminiamo le regioni e lasciamo sono stato centrale con ministeri ben organizzati e moderni e i comuni che in Italia sono da sempre quelli che più rappresentano i cittadini.
  • Lorenzo Pazzini 3 anni fa
    La penso così anch'io. responsabilizziamo il sud a gestirsi da solo così vedrai che le tasse cominciamo a pagarle pure loro e non a vivere di sussidi e con i soldi del nord. Credo che sia un punto interessante da mettere nel programma. I ragazzi del movimento a sud potrebbero fare un ottimo lavoro come in sicilia.
    • Valentina Vlahovic Utente certificato 3 anni fa
      Anche quando c'era la Jugoslavia era così, gli Sloveni e i Croati si lamentavano delle tasse che andavano ai Macedoni e Serbi, da loro considerati fannulloni, ignoranti, puzzolenti e mafiosi. Quando in realtà erano loro che li facevano lavorare per quattro soldi, evadevano le tasse e inquinavano le loro terre. E io sono anche Croata.
    • Michele Balzano 3 anni fa
      Caro Lorenzo Pazzini vorrei ricordarle che il maggior numero di imprese, attività e industrie in Italia sono localizzate al Nord!!! Quindi il grosso Dell'evasione fiscale comincia da lì. Il suo post è del tutto inopportuno e fuori luogo! Saluti
    • Valentina Vlahovic Utente certificato 3 anni fa
      20 anni fa dicevano così anche dei Serbi e dei Bosanski. Poi si sa come è andata a finire. Sono nata in Croazia.
  • Shiffer Adams Utente certificato 3 anni fa
    in poche parole, bisogna fare questo per uscire dalla crisi (una balla della Trojka, perché la svalutazione del dollaro è stata superata dagli USA aumentando il tetto del debito più volte ed avendo potere di conio monetario, gestendo l'inflazione, cosa che in Italia non è possibile, perché fa parte di una dittatura bancario-monetaria, l'€uro appunto) ... 1) USCIRE DAL "FISCAL COMPACT" (ritrattarlo non è sufficiente, cercherebbero comunque altre soluzioni per rispalmare il debito italiano con nuovi vincoli bancari allucinanti) 2) SUPERARE LA SOGLIA DEL 3% SENZA CHIEDERE IL PERMESSO AL FMI/BCE 3) USCIRE DALL'€URO (anche se è più complicato) O INTRODURRE UN SISTEMA CON DOPPIA MONETA (rispolverando la Lira per i mercati interni e le transazioni nazionali, e l'€uro per chi investe, compra o per le transazioni internazionali) ovviamente tutto questo non sarà possibile senza alcuna autorizzazione del governo, vincere i referendum non basterebbe ... ma ci sarebbe una soluzione efficace da percorrere ... FAR VINCERE LE PROSSIME ELEZIONI (SPERIAMO VENGANO FATTE AL PIU' PRESTO) AL M5STELLE E PORTARLO AL GOVERNO ... l'idea delle Macroregioni è senz'altro un'ipotesi percorribile, il federalismo è l'unica strada per uscire dai continui ricatti economico-finanziari della Trojka, ma occorre coordinarsi coi maggiori partiti dell'UE che remano in questo senso ... trovare la collaborazione di altri movimenti e gruppi politici in Europa, perché senza una riforma del Parlamento Europeo in senso federalista non se ne uscirà mai fuori ... è l'Europa il primo problema dell'Italia, ormai decidono tutto a Bruxelles, non a Roma
  • Filippo lazzarin 3 anni fa
    La consultazione popolare si svolgerà sotto monitoraggio internazionale sul seguente quesito: “Vuoi tu che il Veneto diventi una Repubblica Federale indipendente e sovrana? SÌ – NO” Il comitato referendario Plebiscito2013 ha dato il via al piano operativo per l’indizione del Plebiscito Digitale per l’indipendenza del Veneto. Il dispositivo, corredato da relazione ed allegati, viene diffuso in questi giorni presso tutti i Comuni e le Province del Veneto per la sua approvazione. Il quesito sul quale saranno chiamati a pronunciarsi tutti i cittadini del Veneto non lascia spazio ad alcun dubbio: “Vuoi tu che il Veneto diventi una Repubblica Federale indipendente e sovrana? SÌ – NO” In seguito descriviamo alcuni punti cardine che caratterizzano la proposta. Il Plebiscito Digitale si svolgerà in tutti i Comuni del Veneto, grazie alla predisposizione e inizializzazione della piattaforma internet preposta. Il Plebiscito Digitale ha caratteristiche che lo rendono in questo momento l’unica soluzione percorribile per poter dare la voce ai cittadini veneti su una questione fondamentale che riguarda il loro futuro, nel pieno rispetto della legalità e con grandi vantaggi per la sua realizzazione. Esso si basa infatti sui seguenti punti cardine: è nel solco della piena legittimità internazionale, rispetta il diritto interno dello stato italiano, è a costo zero per la pubblica amministrazione, la sua economicità libera risorse da destinare alla comunicazione verso i cittadini, ha un piano operativo ben definito e già avviato, è una soluzione innovativa e segue il metodo Bertolissi, la piattaforma digitale sviluppata potrà essere utilizzata anche per altri scopi a costi limitati. Di seguito si fornisce il dettaglio per ciascun punto elencato. QUANDO SI VOTA Le operazioni di voto avverranno precisamente domenica 16 marzo dalle ore 7 alle ore 22 e
  • Salvatore Romano 3 anni fa
    Sono un convinto sostenitore M5S...Ma quando sento Beppe Grillo parlare come un leghista di M E R D A, quando sento cori fascisti cantati da rappresentanti M5S...Che schifo. Grillo facci capire cosa vuoi esattamente, esci allo scoperto.
  • giuseppe fazio 3 anni fa
    Ora che hai esercitato il tuo diritto di esprimerti, hai il dovere di spiegare il senso del tuo post. Non mi risulta che nel programma del movimento ci siano le macro regioni (forse mi sbaglio?) allora che senso ha spiazzare sempre tutti. Un elettore M5S.
  • RitaChiara Serino 3 anni fa
    Io non ho da inviare un commento ma bensì una richiesta di aiuto, non so più cosa fare e a chi rivolgermi tutti mi dicono di denunciare quando mi sta accadendo ma non ho la possibilità di rivolgermi ad un legale, vorrei tanto che qualcuno desse ascolto a questo grido di aiuto. Lavoro negli appalti Ferroviari insieme ad altre5 colleghi abbiamo perso il lavoro ma solo a causa d'ingiustizia e soprattutto a compromessi che ci sono tra Aziende Sindacati e Ferrovia. Vi prego di ascoltarmi e per quanto possibile darmi una mano, vi supplico non siate insensibili altrimenti nessuno deve poi meravigliarsi se una persona disperata arriva a compiere gesti estremi.
  • Gino Nakamura 3 anni fa
    Molto più semplicemente per far rinascere l'Italia basta fare 2 cose. 1) Abrogare tutti i codici (penale/civile/fiscale ecc.) e tutte le leggi in vigore, costituzione compresa. Tabula rasa. 2) Adottare in toto quelle di un paese civile (scegliete voi quale) impedendo alla classe politica italiana di peggiorarle. Questo sarebbe già un bell' inizio !!!
  • r.peressini 3 anni fa
    Si Beppe, la penso come te. Ti avevo già detto di sognare una alleanza con Salvini. La Lega da 24 anni parla di federalismo, bisogna realizzare e non solo parlare e se vogliamo una sola Italia ci vuole ancora un altro Benito, del quale si parla solo della guerra e non di tutto quello che prima lui ha fatto!
  • Christian 3 anni fa
    Quello delle autonomie è uno dei punti importanti per realizzare una democrazia funzionante. Non a caso è stato inserito nei principi fondamentali della Costituzione Italiana. Quindi Grillo, contrariamente a quanto suppongono molti dei commenti, sta facendo un discorso che promuove il il dibattito sul buon funzionamento dello Stato Italiano. Io non saprei se dovrebbero essere Regioni o Macroregioni, comunque appofondisco il discorso su autonomie e sovranità in un post del mio blog, contestualizzandole alla reagione veneta. http://freeetiology.blogspot.it/2014/01/rinnovamento-delleconomia-veneta.html
  • Domenico Faccio 3 anni fa
    E poi Il Regno delle due Sicilie si allea con gli Arabi, Roma con il Papato, Il lombardo-Veneto con gli Asburgo, Il Piemonte fa tornare i Savoia... non è che la liberalizzazione delle droghe leggere è già arrivata in Liguria? Un costante elettore M5S
  • Alberto L. Utente certificato 3 anni fa
    Prima di lanciare un post per favore non fumare roba pesante
  • Alessandro D. Utente certificato 3 anni fa
    Sono d'accordo!! certo una bella botta!!! ma solo dopo il ritorno della sovranità monetaria!
  • fosco 1. Utente certificato 3 anni fa
    Mmmm...strano che dei massoni adesso si mettano a dire che l'unità d'Italia non va. Non lo sapevate, che sarebbe stato un disastro? Serviva la lega Nord o la liga veneta 150 anni dopo per capire che sarebbe stato meglio che i muratori fossero murati vivi veramente, con le loro idee malsane? Serviva che proseguissero il disastro con l'utopia europea? Ve ne siete accorti ora che l'unità di razze popoli religioni diverse sotto una certa ègida di pseudo pacifismo è pura follia e non li realizzerete mai? O siete solo alla frutta prima ancora di incominciare?
  • gino pispolo Utente certificato 3 anni fa
    Onestamente mi sembra una cosa ridicola, difficilmente realizzabile e di scarsa utilita'. Una sparata elettorale da circo tipica di autonomisti falliti e leghisti revanscisti. Visto che ci siamo torniamo direttamente alle tribu'. Mi sembra che il M5S stia fallendo miseramente i suoi obiettivi e con le paranoie di qualcuno vanifichi il lavoro di tanti parlamentari
    • Federico C Farsilson Utente certificato 3 anni fa
      L'Italia della cartina era ricchissima, opulenta, piena di arte e cultura. Si stava proprio bene, e ben lo sapevano gli eserciti europei che si davano guerra proprio qui. Che cosa cresce nei paesi del nord ?
  • Filippo Cerasi Utente certificato 3 anni fa
    A TUTTI I GIORNALISTI: per capire questo post dovete guardare sto video: https://www.youtube.com/watch?v=ZsGyOVRryeY
  • metiX 3 anni fa
    Seguo il M5S anche se non mi convince molto, troppa differenza tra ciò che si dice (dem.diretta, un voto vale uno, ecc.)e ciò che si fa (espulsioni, toni prescrittivi, decisioni dall'alto), un po' le critiche che muovo a Renzi (dice una cosa e ne fa un'altra...). Ma mentre su Renzi penso che dietro abbia dei poteri forti che ne condizionino le scelte su Grillo e Casaleggio mi pongo il problema e non capisco... Nell'ultimo periodo, politicamente, mi sembra stiano distruggendo il movimento, annientare la critica è una precondizione per indebolirlo e creare scissioni, ma a chi giova? Ai nemici del movimento? O ai suoi due leader? In che senso ai suoi due leader? Purtroppo proprio il M5S mi ha portato a pensare male, a fare dietrologie, a cercare connessioni tra cose diverse ed eterogenee. Poniamo il caso che Grillo e Casaleggio si siano accorti che non c'è speranza, che le cose non si cambiano, che la partita è persa...a questo punto hanno un grosso problema, ammetterlo e soccombere di critiche o provocare l'autodistruzione. La sortita di oggi sul secessionismo (ricordiamoci che la padania è un'invenzione, non è un popolo perché non ha nemmeno una lingua comune, se qualcuno conosce la lingua della padania lo esterni perché non c'è) è una scivolata? Ma i due leader sono molto intelligenti e non lasciano nulla al caso...E allora? Appositamente ci si butta nel secessionismo senza che questo sia stato riconosciuto uno dei punti programmatici del Movimento, perché? Non è che i due leader si sono "venduti"? Sapete quanti soldi vale il disarmamento del M5S? Spero proprio di no, sarebbe un peccato "mortale", il Movimento non sarà perfetto ma non merita di essere annientato. Teniamo le antenne dritte e soprattutto chiediamo conto di queste scelte altrimenti, "chi comanda" ha solo bisogno di persone pronte a pigiare il bottone "giusto" quando i due capi decidono, ma non è questa la forza del movimento è esattamente la sua debolezza
  • Sergio Ghirardi 3 anni fa
    Secondo me c'entra tantissimo: http://barraventopensiero.blogspot.it/2014/03/i-topi-il-formaggio-la-grana-e-lo.html
  • Angelo Lussiana 3 anni fa
    ...forse qualche possibilità di proporsi come regioni autonome, Stato delle due Sicilie, Stato delle Venezie e Friuli, non certo Regni, ma annessioni... ma chi ci vuole? alla Svizzera? Ma se hanno appena votato uin referendum per dire "Basta italiani a lavorare da noi!" Il piemonte e la Valle d'Aosta alla Francia? quella catena d'Alpi divide e non solo geograficamente... tanto vale azzerare i codici, far affidamento solo su una persona di polso e ricominciare... Grillo esci allo scoperto altrimenti taci per sempre!
  • Nicola D. 3 anni fa
    Ci sei riuscito Beppe, è quello che volevi; che si ritornasse ad affollare il blog con ben cinque pagine di commenti e che i media ne parlassero. E’ tutta una provocazione, vuoi risvegliare il senso unitario, è chiaro, non avrebbe senso un “Movimento 5 Stelle” con parlamentari da nord a sud. E non avrebbe senso un’alleanza con altri movimenti che hanno contribuito ad impoverire ed umiliare, non solo gli italiani tutti, ma persino la propria gente col tornaconto di mire secessionistiche “mai volutamente realizzate” e realizzabili o di velleitarie annessioni ad altri Stati; ma, purtroppo, c’è chi segue ancora i vari pifferai che si avvicendano. Spero che si mettano da parte gli sterili antagonismi da nord a sud che fanno bene solo alla plebaglia dei partiti, sindacati e consorterie varie. Solo uniti potremmo liberarci del marcio che impera da nord a sud, poi si vedrà. Forza M5S, siate esempio di unità, perché uniti siete riusciti in così poco tempo a far più opposizione voi che altri da 30 anni a questa parte (ma loro fingevano e fingono).
  • nicola c. Utente certificato 3 anni fa
    qui si sta a sparare a casaccio , ma a chi vengono in mente queste idee?
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      A qualcuno che ha bevuto forte...
  • Evey D. 3 anni fa
    Premetto che il mio voto al M5S sarà confermato anche alle prossime europee, ma invito caldamente lo staff e Beppe Grillo a concentrarsi sui punti del programma del M5S approfondendo e discutendo insieme casomai alcune questioni aperte come il ruolo dell'Italia nell'Europa, le politiche economiche e industriali con cui contrastare la deriva ultra-liberista e la perdita continua di posti di lavoro, la difesa del nostro patrimonio pubblico contro gli scellerati progetti di privatizzazione e svendita, e così via. Di carne al fuoco ce n'è tanta, e tutto ci serve tranne che lanciare proposte mai concordate nè discusse che creano divisioni interne agli attivisti e all'elettorato servendo su un piatto d'argento alla stampa argomenti sui quali attaccare il M5S, stavolta non senza un briciolo di verità purtroppo... Ma vogliamo vincere o no??? Troppi autogol si stanno susseguendo negli ultimi tempi oscurando il lavoro dei nostri ragazzi in parlamento. Dalla battaglia sulla Banca d'Italia stiamo perdendo colpi in continuazione a causa di esternazioni fuori luogo e di una gestione poco accorta delle questioni interne, che fanno solo il gioco dei nostri detrattori. Vi prego, ritroviamo lo spirito originario che ci ha portati al 25% per andare ancora oltre... A riveder le stelle.
  • Augusto B. Utente certificato 3 anni fa
    Il programma ha i suoi punti fermi sui quali non si discute. Non è un problema di voti perché qualcuno si allontanerà e altri si avvicineranno a seconda degli argomenti. La forza e la coesione nel M5S è data dai principi irrinunciabili mentre affrontare temi che esulano dal programma è utile per prendere posizione su argomenti che prima o poi si dovranno affrontare. Arrivare in extremis come si è fatto sul reato di clandestinità è sbagliato. Per quanto attiene al post sono contrario a mantenere l'organizzazione dello Stato per quello che è. E' troppo evidente che il tessuto sociale dell'Italia è in via di disfacimento. Si ai punti del programma, no al dogma dell'infallibilità di Beppe e Casaleggio, si a discussioni sui vari temi che possono andare dall'organizzazione dello Stato al fine vita, dalle unioni civili alla politica fiscale e a tutto quanto non è incluso nel programma. In alcune occasioni Beppe non mi ha convinto in altre è stato bravo. Questa volta è stato grande ad aprire una discussione perché un Movimento che ambisce a governare deve avere una linea e un obiettivo su tutti gli aspetti che regolano la vita dei cittadini.
  • luca canton 3 anni fa
    Da Veneto...mi sento ORGOGLIOSO che la Causa dell'Indipendentismo sia abbracciata da il Leader del M5S!!....ma ATTENZIONE!!....i Veneti sono in piena decadenza, più di ogni altra popolazione ci sentiamo ABBANDONATI!!!....se lo Stato italiano si fosse dimostrato presente almeno nelle calamità che negli ultimi anni ci hanno colpito, forse ci avrebbe tenuto ancora al guinzaglio!!...Ora i Gruppi di Indipendentisti stanno stringendo le fila e aumentano sempre più i consensi!!!...hanno indetto un Referendum (non so se vi risulta...ma fareste meglio a pubblizzarlo, se tenete veramente a questo)..., la Lega sta tornando su i suoi passi...Miglio starà ridendo nella sua tomba!!!....finisco dicendo che solo collassando completamente questo Paese potrà fare questo passo!!!...altrimenti resteranno solo parole al vento!......"Serenissima Giornata a tutti"!
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      Lo Stato italiano? Il Veneto, guarda un po, ne fa parte! Le colpe vanno ricercate in chi male amministra la Regione, perchè con le modifiche del titolo V da oltre 10 anni si gode di maggiore autonomia. Anziche' votare PD, PDL e partiti vari, bisognava aprire gli occhi e cantarle a tutti quanti. Italia una e indivisibile.
  • kar Ma Utente certificato 3 anni fa
    Da Abruzzese terrone, tornare ai Borbone mi andrebbe bene, ma il problema sarebbe che eleveremmo a potere legittimo la camorra, piuttosto! Oggi non ha senso parlare di secessioni, semmai sarebbe stato necessario un buon federalismo alle origini, quando il Sud era uno Stato sano e dignitoso...Oggi sarebbe il colpo di grazia per noi, visto lo strapotere anche militare della criminalità.
  • giuseppe c. Utente certificato 3 anni fa
    Sinceramente penso che la nostra cara e vecchia Italia abbia bisogno di poche cose ma ben fatte:stato,regioni,comuni.accorciare troppo la cosiddetta catena di comando porterebbe ad ulteriori guasti alla democrazia.bisognerebbe snellire solo dove c'è da snellire e organizzare meglio tutto.Ad esempio:parlamento;sarebbe opportuno inviare tre persone da ogni provincia(storica ma non più esistente fisicamente) dal risultato delle elezioni,due di maggioranza ed uno di minoranza,perché ogni persona conosce il proprio territorio…..che ne sa un romano della sardegna ed un sardo del lazio?ogni regione a parte i problemi classici e cronici comuni a tutti ha delle problematiche territoriali specifiche……regioni:stesso discorso.comuni:idem.più trasparenza e bilanci appesi scritti nei quotidiani,per strada e in rete per chi sa usare il pc,perché non dimentichiamoci che l'informatica non è ancora un bene gratuito e aperto a tutti così come le reti che si pagano.tutto il resto deve venire di conseguenza:fuori dalle cariche pubbliche chi è condannato in via definitiva o fuori chi può inquinare prove prima dei processi.giustizia rinnovata,pene certe,magistratura rinnovata che c'è parecchia gente da mandare in pensione!!!!controlli dove servono e non a caso,fisco e leggi più leggeri e comprensibili.banche più controllate e meno potenti.sanità pubblica sul serio e con i tagli dove servono(lo sapete che l'Italia ha un gran numero di persone che lavorano in amministrazione e per contro infermieri e dottori che non riescono a coprire i turni per mancanza di personale??)non ci vuole tanto,solo più volontà e organizzazione.potrei continuare ma tra poco mi mancano i caratteri……..avrei tante altre cose da dire……chi è d'accordo con me alzi la mano…...
  • Lucio Bernetti 3 anni fa
    A mio avviso, il blog di Grillo sta anticipando un argomento che sarà di fondamentale importanza. Ai più (?) non sarà sfuggito il fatto che la tassazione si sta spostando da centrale a locale. Ci sarà sempre più una relazione tra quanto e cosa si paga e la relativa prestazione di servizi. Le amministrazioni locali che fino a due o tre anni or sono spendevano e spandevano a piacimento devono fare i conti con le ristrettezze e soprattutto con il fatto che non possono indebitarsi. I bilanci di molte amministrazioni sono vicini al default a causa delle partecipate e pertanto dovranno essere prese decisioni draconiane. La disomogeneità dell'Italia che non sono riusciti in 150 anni a colmare si paleserà in tutta la sua evidenza e difficilmente reggerà all'impatto. Non c'è più il salvagente nazionale e l'Europa non guarda tanto per il sottile e non dovrebbe conoscere clientelismi. Pertanto argomento centralissimo e di prossimo contrasto tra i partiti tradizionali ed il M5S rivoluzionario.
  • Luigi Camerlingo 3 anni fa
    Nn c'è 2 senza 3.... Errore n1: andare alle consultazioni senza andarci veramente. Nn voglio dire che avresti dovuto scendere a compromessi n'è tanto meno governarci assieme, ma solo ascoltarlo x 5 min. Errore n2: cacciare i senatori in preda all'ira x ben 2 volte,facendo finta di interpellare noi attivisti. Errore n3 perdere ancora consensi cn la cavolata secessionista..!!!! Caro Beppe, poiché nn credo che tu sia uno sprovveduto ne tantomeno credo che questo incubo secessionista sia tutta farina nel tuo sacco... Ci spieghi x favore xchè stai facendo di tutto x perdere consensi..??? Questo è un paese già in rovina fatto di gente che soffre e i ammazza, x favore nn giocare anche tu con noi che ti avevamo scambiato x il Masaniello che poteva salvarci.... Non giocare con la vita degli Italiani.. Salvaci veramente oppure lasciaci al nostro destino..!!! Luigi
  • Quinto Ario 3 anni fa
    Pensiamo alle elezioni Europee sul serio, e non a queste affermazioni senza senso. Ti cito la costituzione della nostra amata Patria. Art. 5 La Repubblica Italiana è una e indivisibile... da un elettore 5s Viva l'Italia
  • Vittorio Battistini 3 anni fa
    Concentriamosi sulle cose da fare e cerchiamo di essere propositivi e concreti e lasciamo perdere la storia, così ci pigliano tutti in giro e perdiamo di credibilità. Dobbiamo lavorare da dentro le istituzioni cercando di cambiarle in meglio, ma questo è il mio paese e non mi voglio arrendere, ho votato 5 stelle perchè credo in un movimento pulito che possa avere un effetto positivo contaminando gli uomini e le donne che fanno una politica partitica confusionaria e stagnante. Cerchiamo di essere diversi, con questo post si và nella direzione contraria. Bisogna essere propositivi e dialoganti, bisogna usare la pazienza e non i proclami solo così gli rosicchiamo il terreno da sotto i piedi, non serve a niente abbaiare alla luna, serve solo a mettere in cattiva luce il movimento che è fatto di brave persone che vogliono credere in un cambiamento e si impegnano seriamente sul territorio. Vittorio Battistini
  • Dario J. Utente certificato 3 anni fa
    Premesso che se avessi potuto scegliere nel 1861 avrei evitato l'unità d'Italia e avrei combattuto contro l'invasore Piemontese. (Lavorando di fantasia e potendo fare un paragone, le condizioni socio-economiche e il progresso tecnologico e il tessuto imprenditoriale del territorio meridionale erano di gran lunga migliori delle attuali.) Sinceramente dopo 150 anni tornare indietro mi sembra una cagata disumana.. in quanto il problema non sono l'unità o la costituzione delle macro regioni, ma il riuscire ad estirpare il cancro che devasta l'Italia.. la classe politica e i poteri del lobbismo che la consumano giorno dopo giorno, in modo inesorabile. Quindi continuate con il lavoro da certosino che state facendo, intransigenti e incazzati in parlamento. Non mettiamoci anche noi a fare dei danni per un pugno di voti in più.
  • caterina ottomano (caterina ottomano) Utente certificato 3 anni fa
    Un post superficiale, qualunquista, evidentemente scritto a scopo elettorale in vista delle elezioni europee. Non è questo lo spirito del Movimento che conoscevo e in cui avevo creduto.
  • GIOVANNI FAZIO 3 anni fa
    ciao, volevo dirti che in passato io t'ho votato, mi hai deluso. se domani invece ti facessi un'altra bella nuotata sullo stretto per rinfrescarti le idee per sparare meno stupidaggini? ho visto il dibattito con Renzi, complimenti per l'arroganza dimostrata. Meglio Renzi!
  • Daniele . Utente certificato 3 anni fa
    e questa uscita invece con chi é stata concordata? I votanti, o gli iscritti sono d'accordo? oppure é solo una strizzata d'occhio ai leghisti in vista delle elezioni europee? eh?? Aldilá del semplice fatto che pure io credo vada data possibilitá agli altoatesini di decidere da chi essere governati...ma questi post BOUTADE mi pare di aver capito a che servono in realtá: a far parlare del blog, cosí i curiosi accorrono e le numerose pubblicitá aggiunte negli ultimi tempi segnano buoni profitti. Questo blog é da tempo che non parla piú di buoni argomenti, ma solo a vanvera e con cattiveria contro tutto e tutti. Anche commentare é fondamentalmente inutile, e personalmente questo sará il mio ultimo commento, dopo anni e anni di presenza sul blog. Saluti.
  • Mario B. Utente certificato 3 anni fa
    IL DISCORSO DELLE MACROREGIONI CI POTREBBE ANCHE STARE MA BISOGNA VEDERE A QUALE SCOPO, COME FUNZIONEREBBERO E SOPRATTUTTO SE POI FOSSERO SCAMBIATE COME "SECESSIONE". La cosa che va fatta il più presto possibile invece è eliminare lo SMEMBRAMENTO di funzioni per creare posti "politici" e ridurre i posti di Cinsigli e Giunte Comunali nonché eliminare le province. Per abbattere la spesa pubblica è necessario abbattere il numero di politici e snellire la burocrazia: bisogna mettere mano alle aziende partecipate che sono contenitori senza fondo; bisogna abbattere TUTTI i privilegi politici e non, dando alla pensione la sua reale entità e cuioè quella di garantire una vecchiaia serena e non ricca-sfarzosa. Proprio sulle pensioni d'oro e di platino o sui vitalizi va mesa mano e se si stabilisce che la pensione minima deve essere di 1000,00 euro al mese è necessario farlo con la massima che francamente non può essere superiore alle 4-5mila euroal mese. Sarebbero milioni di euro che potrebbero permettere a molti di scegliere di andare in pensione prima di morire perché è osceno parlare di "aumento di prospettive di vita" cosa ampiamente discutibile. La popolazione tende all'invecchiamento soprattutto perché nascono sempre meno bambini e non solo (come vogliono fare credere) perché ci sono più anziani. Non sono tantissimi gli statali ma quello che emerge di più è che sono distribuiti male: sono troppi in alcuni settori e pochi in altri. Bisogna aiutare i giovani a trovare lavoro e se la spesa pubblica viene drasticamente ridotta è possibile introdurre possibilità d'investimento per creare posti di lavoro. Se si continua a non abbattere le innumerevoli poltrone politiche, costosissime, e affidate ad uso e consumo degli amici degli amici, a beneficio di qualcuno e scapito della collettività, c'è poco da fare e l'unica cosa che rimane è un insopportabile bal bla bla.
  • antonio sechi Utente certificato 3 anni fa
    caro Beppe, questo post fa proprio schifo, mi dispiace ma questo ultimo periodo è da suicidio politico, cerchiamo di ponderare meglio le parole. non stiamo facendo una bella figura.
    • Giuseppe F. Utente certificato 3 anni fa
      Sono pienamente d'accordo!!!!!!
  • cimbro mancino Utente certificato 3 anni fa
    questo post (con tutto il mio rispetto) è una cagata pazzesca!!!!!!!!!!!!! per questo non cambio idea sul M5S l'importante è che questo post resti solo una sparata tanto per riempire la pagina di un giorno .
  • francesco terranova 3 anni fa
    Caro Grillo tu hai convinto tanti Italiani che questa classe politica poteva essere cambiata. Molti di noi hanno creduto nel tuo programma e nelle tue idee. Ora però mi trovo in totale disaccordo con quello che dice nel post. Come ho già commentato da altre parti non è l'ITALIA che va cambiata ma parte degli Italiani (che principalmente stanno a Roma). Tu sei quello che hai dato una grossa spinta in questa direzione. Se cerchi una eventuale alleanza con la Lega, perchè ti sei reso conto che da soli sarà molto dura andare a governare questo Paese da soli, anche se lo spero vivamente, potevi farlo in altro modo. Il discorso federale si può anche affrontare ma prima dobbiamo mandarli a casa.
  • guido ligazzolo Utente certificato 3 anni fa
    intervento che mi trova in assoluto disaccordo e semplicemente da stroncare. Andatevi a fare un giro che é meglio!!
  • Stefano P. Utente certificato 3 anni fa
    La proposta personalmente mi sembra non convincente nè nel merito nè nel metodo. Nel merito, da un lato si vuole frammentare il paese, dall'altro si vuole unirlo in macroregioni globali ad uso e consumo della finanza mondialista. Entrambe le proposte a mio avviso hanno piedi d'argilla. Nel metodo, un Movimento serio ha programmi che porta avanti e non buffonate tipo "E se domani" oppure, mah, "facciamo un referendum". Per fare policita ci vogliono idee, e ci vuole un preciso progetto per il futuro. Su questioni chiave le domande e le provocazioni sono inutili, ci vogliono risposte. E anche i "facciamo un referemdum" hanno un minimo di senso se poi i promotori hanno una posizione definita, come era nel caso dell'acqua pubblica. Stefano P
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      Io invece apprezzo il suo commento per intero, pensa un po...
    • Doriano B. Utente certificato 3 anni fa
      Insomma, vuoi un menù da cui scegliere, senza pensare con la tua testa. Sono anni che andiamo avanti così, aspettando "che qualcuno dia le risposte". Potevi limitarti a dire che l'idea non ti piace, il commento sarebbe stato apprezzato meglio.
  • Giuseppe F. Utente certificato 3 anni fa
    Carissimo Grillo, ti ho votato avendo una gran fiducia in te e tutto il movimento, ma con gli ultimi sviluppi e le tue idee in riferimento a " E SE DOMANI..." Ho cambiato completamente opinione....... Io l'Italia la voglio unita e non frammentata. C'è gente che si è sacrificata per unirla. Hai perso il mio voto!
    • caterina ottomano (caterina ottomano) Utente certificato 3 anni fa
      Con questo post superficiale e puramente disfattista anche il mio voto è perso
    • Doriano B. Utente certificato 3 anni fa
      Sì? Allora mi spieghi meglio?
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      qua non si parla di federalismo, ma di macroregioni ben altra cosa
    • Doriano B. Utente certificato 3 anni fa
      Il federalismo (non proposto, solo accennato) è amministrativo, non politico o sociale.
  • maria grazia manca Utente certificato 3 anni fa
    Dopo le cagate enormi sullo Jus Soli lette su questo Blog questa è quella che fa traboccare il vaso e stavolta il mio voto te lo sei proprio giocato. Potevi benissimo parlare delle macro-regioni (discorso che riesco a condividere) senza pensare questa frase: > Ora te ne puoi andare a fanculo tu, casalino e casaleggio con tutto lo staff. Buona Lega a tutti!
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      l'intero discorso è da bocciare, a parer mio
    • Doriano B. Utente certificato 3 anni fa
      Quale frase?
  • Angelo Dettori 3 anni fa
    permettetemi di di dire ; una cagata pazzesca ! Caro Beppe , quando scrivi un articolo , aspetta almeno 48 ore prima di pubblicarlo , magari cambi idea. W m5s! PS Consiglio un post alla settimana , pensato bene , e lascuare fare il movimento al movimento. Grazie.
    • Doriano B. Utente certificato 3 anni fa
      Io consiglio ad Angelo di motivare le sue affermazioni.
  • luca cappilli Utente certificato 3 anni fa
    Riguardo la lombardia che puo diventare svizzera meglio presentiamo un unico conto visto che in svizzera ci sono piu soldi italiani che circolano nel mercato interno quanti soldi nostri ci sono in svizzera?
  • luca cappilli Utente certificato 3 anni fa
    PER ME POTETE FARE QUELLO XHE PIU SI RITIENE GIUSTO PER IL CITTADINO E IL SUO TERRITORIO L'IMPORTATE CHE TUTTO SI SVOLGA IN DEMOCRAZIA nel rispetto del popolo sovrano SENO' SCAFFUNI
  • jurijivago 3 anni fa
    Il problema è un altro, come dicono i soliti piddini decerebrati e falsamente intellettuali. Il problema è prima storico, poi antropologico e da ultimo culturale. STORICO: alla caduta dell'Impero Romano si formarono i cosiddetti Regni Romano barbarici, tra i quali quello dei Franchi (francia). Mentre questi regni si tramutarono prima in Stati Unitari Nazionali, e subito in Imperi, perchè cercarono gli "spazi vitali", il rinascimento (ma da che?) italiano vide la disgregazione sociopolitica. Furono costituite Signorie e Comuni, con valvassori, valvassini e valvassetti (come oggi).ANTROPOLOGICO: l'espressione geografica chiamata Italia è abitata da una miriade di popoli diversi, che parlano dialetti diversi, che hanno una visione della vita differente perchè giunti da diverse zone del mondo con le cosiddette Invasioni Barbariche. Per questo noi abbiamo un campanilismo esacerbato, che vede santi, martiri e squadre di calcio ovunque. Siamo abituati ad aspettare i cambiamenti "da fuori", perchè è sempre stato così! L'ultimo arrivò con lo sbarco USA in Sicilia. Disse bene B. Mussolini:"governare gli Italiani non è difficile, è inutile". E detto da lui che era un dittarore...CULTURALE: la cosiddetta "classe dirigente" italiana, tecnica e politica, formata da cialtroni e camerieri, fornita di lauree acquisite al tempo del 18 politico, non è ASSOLUTAMENTE in grado di pianificare, organizzare e gestire un agglmerato di 60 milioni di persone, e per giunta italiani. Siamo troppi, misti ed individualisti. Ben venga allora il discorso di 5 stati (Padania, Romania, Napoletania, Sicilia e Sardegna) federati tra loro. S'eviterebbe, soprattutto, il concetto scellerato della "grande potenza" sognato da taluni idioti che si è andato coltivando dal 1870, la quale comporta un dispendio di denaro enorme. Vi ricordate quando davamo i soldi all'India della Signora Indira Gandhi. La fame in India si diceva, e quella ci costruiva le bombe atomiche con le quali oggi ci tiene in scacco. Pensate
  • giovanni faraone Utente certificato 3 anni fa
    Possibile che nessuno si ricorda che il nano con la lega, aveva raccolto il 40% di consensi e che proprio oggi PD E PD-L devono decidere come fotterci (vi ricordo che sono pronti ad inserire il 37%) meglio, con una la legge elettorale costruita ad hoc contro di noi? Penso che piuttosto che niente è meglio piuttosto e che è meglio una nazione di stati federati (USA docet) che funzioni che una nazione con un unico stato (tra l'altro inevitabilmente indirizzato al declino, continuato ad essere gestito da banditi!
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      tu puoi fare gli stati federati quanto ti pare, che se a capo c'è un mascalzone, i soldi ce li rimetti lo stesso. Le regioni vanno bene così, bisogna solo spodestare gli amministratori criminali e mettere gente onesta.
  • Giovanni Pierini 3 anni fa
    Secondo me sarebbe meglio ch tu non tocchi l'unità d'ITALIA se non vuoi perdere consenso....... Viva l'Italia
  • ffoliott 3 anni fa
    Ma si. Aboliamo la Costituzione. Così, senza far troppe storie. Questo una sfuocata reminiscenza borbonica me la regala. Si. Mi sento in sintonia con l'idea di cancellare il Risorgimento italiano, la Resistenza, la Costituente. Che ci frega? Ora abbiamo Casaleggio e Grillo che si occupano di noi. Ci faranno tutti benestanti, reddito di cittadinanza, internet gratis. Oppure W i Savoia, una delle due. O Grillo o gli Asburgo. Non esistono altre opzioni. Intanto Zeppolo Renzi se la ride perchè è anche per articoli demenziali come questo che nonostante il PD internamente sia a pezzi, lui sta salendo nei sondaggi a spese del M5S. Ride e fotte, mentre qui si teorizza un ritorno al Regno delle due Sicilie per acclamazione. Da un lato peccato che Cicciolina non si presenti alle europee, perché sarei stato tentato quest'anno... Beppe, piantala di farneticare o Zeppolo fa le scarpe anche a te. Quello non scherza, non è timido come Bersani, ti fa il kuletto. Continua coi sorrisini e magari fa approvare qualche leggina. E' più giovane, più carino, parla italiano, inglese e francese mentre tu Beppe nemmeno le quattro anglofonie più comuni in rete sai biascicare. Svegliati e risfodera il programma M5S, basta con espulsioni e articoletti demenziali. Il programma, Beppe. Il programma. Altrimenti si potrebbe sospettare che si sia solo voluto DISINNESCARE i movimenti che già esistevano, non abbracciarne le istanze. Che fossero tutte promesse di Pinocchio fin dall'inizio, insomma. Dico Pinocchio ma questo articolo mi ha ricordato più il gatto e la volpe. Il gatto sparge fuffa sul campo dei miracoli, mentre la volpe, più pragmatica, mette al sicuro le monete d'oro. D'altra parte il bunker per la III guerra mondiale costa caro, mica vorremo finire tra i 6 miliardi che ci rimettono la pelle, no? Ma chissà: forse se fanno i bravi, gli iscritti di prima generazione al M5S saranno inclusi nel miliardo di eletti al nuovo mondo. Se fanno i bravi. Gaia. Fuffa e influencers per tutti.
    • Paolo Goito 3 anni fa
      @franco G, chiudi il beccuccio, influencer da 1 euro al giorno, Emilio Fede dei poveri, venduto senza un quattrino. E mettiti l'anima in pace, tanto tu non entri manco a cannonate nei programmi ad alto profilo dei tuoi capi, sei un expendable, manodopera a costo zero, interamente sacrificabile. manovalanza a pappagallo, o obbedisci o vieni "espulso dal movimento", cioè qualcuno ha il potere di esiliarti dai tuoi stessi ideali e quel potere glielo dai tu...
    • Simona Diodato Utente certificato 3 anni fa
      @franco g. Te invece le minchiate hai diritto di spararle così, live? Probabilmente fai parte di quel miliardo di privilegiati....buon per te
    • Franco G. Utente certificato 3 anni fa
      Quanta inutile ironia! O non sei arrivato mentalmente a percepire il messaggio, oppure hai bisogno di rileggerlo cercando di carpirne le grandi verità. Mi dispiace potevi ragionare a fondo prima di scrivere queste stupidaggini.
  • Aldo Petrocchi 3 anni fa
    C'è un confine invisibile, culturale, che divide l'Europa in due e che, disgraziatamente, passa dentro il nostro Paese, dividendolo a metà. Il Nord, che è Germania, e il Sud, che è Grecia. Tre quarti dei nostri guai nascono nel 1861, con la sciagurata idea di unificare il non unificabile. Cavour probabilmente lo aveva intuito, ma Mazzini, Garibaldi e Vittorio Emanuele no, ed è iniziata una Storia sbagliata e tragica. L'unificazione generò l'idea che fossimo diventati una potenza, che poteva competere con gli altri grandi Stati, portandoci ad infilarci in guerre coloniali dalle quali siamo regolarmente usciti con le ossa rotte ed a partecipare a due guerre mondiali delle quali non c'era alcuna reale necessità, ma tutte e due in qualche modo generate dalla ricerca dello 'spirito nazionale' mai realmente realizzatosi. Lo Stato unitario, per tenersi insieme, ha finito per affidare la cosa pubblica alla parte del Paese che meno aveva il senso dello Stato. Pensavano, i Padri fondatori, con l'unificazione, di sviluppare il Sud, è successo il contrario. Il Sud non si è sviluppato e il Nord, è storia di adesso, è entrato in crisi. Il Regno delle Due Sicilie alla lunga ha vinto. La politica e l'amministrazione della cosa pubblica sono state egemonizzate dalla cultura borbonica,del tutto priva di senso della collettività, con le sue clientele e familismi, e le mafie, fino allora un fenomeno di portata limitata, sono cresciute a dismisura, grazie all'aggancio con le economie sviluppate del Nord del Paese. La Grecia è storicamente uguale al nostro Sud, ma non ha mafie, perchè non ha un Nord da mungere. Come se ne esce? Secessione? Parola pesante e foriera di altre brutture. Meglio un più realistico Federalismo severo, evitando l'uso di termini ambigui come 'solidale', facile tettoia per i soliti furbi. Lo Stato si occupa di sicurezza e poche altre cose, tutto il resto a gestione locale. Hai 100 spendi cento. Niente rimborsi dallo Stato centrale. Solo così se ne può uscire.
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      Mi dici in quale regione vivi? Così ti dico quali politici e amministratori locali rubano e poniamo termine al discorso che i mali nascono con il 1861 e che l'Italia e' diversa da nord a sud
  • Angela 3 anni fa
    Scusate se non mi attengo ai contenuti del post, ma siccome se ne parla molto in questi giorni, vorrei riflettere su che cosa, oggi, mi offende come essere umano donna. Beh... mi offende la violenza IN GENERE più che di genere e in special modo quella perpetrata a danno dei più deboli, vale a dire quelli che non si possono difendere perchè senza mezzi (la gente comune), piccoli (i bimbi), poco istruiti (molti nostri anziani e padri), non rappresentati (gli extracomunitari), poco furbi, meno vigorosi (i malati e le donne), ecc.. Il sessismo? E'anche quell'uomo che fa credere a una che è la sacerdotessa nel ruolo che ricopre quando in realtà è solo la sacrestana (con tutto il rispetto per i sacrestani)
    • Angela 3 anni fa
      Il discoso in realtà è più generale e riguarda il fatto che nella nostra società alcune volte si attribuisce un ruolo alla donna per moda, per bella immagine o perchè fa modernità e non perchè è normale che sia così. Questo per dire che oggi il sessismo è più subdolo di ieri...
    • Lucio P. Utente certificato 3 anni fa
      Ma così togli ogni responsabilità alla Boldrini! Non è un uomo che le fa credere di essere una sacerdotessa, ma è lei a credersi tale, in un suo delirio di onnipotenza! Usa ed abusa di questo potere per prevaricare e per propagandare la sua distorta visione personale della realtà.
  • Massimo S. 3 anni fa
    Caro Beppe, io credo che la idea del federalismo é meglio lasciarla perdere e te lo dice un'ex leghista dei primi tempi quando la lega era contro la pertitrocazia e i salotti romani, poi sappiamo tutti com'è andata a finire... Strizzare l'occhio alla lega nord per avere anche l'utile alleanza per sbattere fuori il pd e quei quattro straccioni di alleati, ti costerebbe forse una buona quantitá di voti del sud, che sono un nutrito numero in percentuale dei 5 stelle,di gente che odia i leghisti da sempre. Il gioco, Beppe forse non vale la candela, bisogna farcela da soli e ce la possiamo fare. Oggi alla Gabbia (grande conduzione di Paragone) c'era Giorgio Sorial che all'ennesima provocazione del piddino di turno sulle espulsioni nel movimento, quando ha capito della gaffe perché stava provocando la replica di Sorial sulle 520 espulsioni fatte dal nell'arco di questi anni dal pd ha cominciato a sovrapporre la sua voce per non lasciarlo parlare... che spettacolo!Hanno una paura dannata del M5S. É con questi argomenti che bisogna zittire quei corrotti.
  • Jack B. Utente certificato 3 anni fa
    Fantastico. Grande Beppe! Ovviamente i voti in piu' che questa discussione portera' andranno educati... C'e' tanto lavoro da fare. Presto anche i piu' scettici si convinceranno. PS: Continuo ad insegnare l'italiano ai miei figli, augurandomi che un giorno, anche loro, ti possano essere grati quanto lo sono io.
  • john f. Utente certificato 3 anni fa
    Renzie, santo protettore delle scuole.
  • jb Mirabile-caruso 3 anni fa
    G. Napolitano: "Come il razzismo, anche il sessismo - se da ………………………..volgare battuta per la strada o da bar - sale ………………………..nelle sfere politiche rappresentative, se si ………………………..esprime nel Parlamento, se si diffonde ………………………..legittimato da fonti irresponsabili diventa un ………………………..virus duro da estirpare"………………………….. A fare questa dichiarazione è stato il nostro Giorgio Napolitano, il "Capo della Partitocrazia" che ama viaggiare sotto le mentite spoglie del "Capo dello Stato". Il nostro caro "Capo" è da noi conosciutissimo per "esternarsi" quando un vero Capo dello Stato starebbe in silenzio, e misteriosamente "ammutolirsi" quando, invece, un vero Capo dello Stato parlerebbe con dovizia di particolari. Come, appunto, nel caso del processo Partitocrazia-mafia di Palermo, a cui il nostro Napolitano ha omertosamente dichiarato di non avere nulla da dire. Che strano, però, questo nostro Napolitano!: vede Parlamentari Cinque Stelle al posto di mulini a vento, e non vede la mafia che "si esprime nel Parlamento" tramite la sua benamata Partitocrazia!!! Forse, ad una età avanzata come la sua, sarebbe scelta molto saggia per una Nazione avere una Legge Costituzionale che si occupasse di controllare, almeno annualmente, l'integrità intellettuale del suo Presidente!
  • john f. Utente certificato 3 anni fa
    Caro Beppino, è da un pò che ti vedo un pò sbiadito, ogni tanto una martellata sul dito, ma l'importante è discuterne e tirare le somme e se il risultato è buono, bene per tutti senò ognuno per se e Dio per tutti.Il federalismo fatto per bene non è cosa errata.Quello voluto dalla sega nord non va bene.Macroregioni o microregioni non cambi nulla.Puoi fare pure una sola regionona , ma non concludi niente finchè non si risolvono problemi tipo MAFIA, LAVORO, PREVIDENZA, TRASPORTI, ISTRUZIONE, CORRUZIONE, INDUSTRIA ED ALLA FINE : E U R O .Saluti.
  • Marco Ias 3 anni fa
    E gia il TG1 parlava di intese con la lega!! I giornali di regime godono sulla menzogna e sulle disgrazie del paese. Avanti cosi'. Grazie M5S.
  • Antonino Cappellani 3 anni fa
    Ciao a tutti, e mi rivolgo a tutti per chiedervi ma voi lo sapete che l'Italia è la CORPORATION REPUBBLICA ITALIA registrata alla S.E.C.( Security and Exacange Corporation equivalente della CONSOB Italia)dal 1933?? altri 193 paesi sono iscritti alla SEC e seguono tutti quanti una legge sovrannazionale che è la bibbia dei rapporti commerciali tra questi paesi la UCC (Uniform Commercial Code) I padri costituenti quando hanno scritto la Costituzione (?? la definirei uno statuto societario di una SpA ) NON POTEVANO NON SAPERE tanto è vero che articolo 10 recita Articolo 10 L'ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute. Queste diritto internazionale é UCC. Sappiate che OPPT con UCC ha PIGNORATO inconfutabilmente tutti i 194 paesi nel Dicembre 2012, Italia compresa, tutto il sistema bancario mondiale e tutto il sistema finanziario mondiale. La truffa dell'euro è ben poca cosa rispetto alla truffa che è stata organizzata con frode e con il tacito assenso nei confronti di tutti gli abitanti della terra. SE CREDETE CHE QUESTE SIANO FANDONIE STIMOLATE LA VOSTRA CURIOSITA E DOCUMENTATEVI. SAPERE E' POTERE. SONO NOTIZIE INCREDIBILI CHE APRONO NUOVI PARADIGMI .
    • Paolo P. Utente certificato 3 anni fa
      Te l'avevo detto di non sospendere le pastiglie!!!
    • Simona Diodato Utente certificato 3 anni fa
      ...con scappellamento a destra o a sinistra?
  • lorella lisciani Utente certificato 3 anni fa
    Il federalismo non si limita obbligatoriamente al superamento dello Stato nazionale verso l’alto. Può essere anche un movimento verso il basso allo scopo di ottenere la massima autonomia possibile delle collettività pubbliche infra-statali. Keynes si è pronunciato molto presto in favore di questa evoluzione, e sosteneva che essa era divenuta necessaria a causa della prevedibile crescita delle funzioni assicurate dal potere pubblico. Poco tempo dopo, completerà il suo pensiero su questo punto in un passo in cui traspare chiaramente l’idea dell’autogestione, nel senso che degli individui, o delle imprese, che hanno degli interessi comuni si incaricano di difenderli collettivamente. «Penso che, in molti casi, la più opportuna unità di controllo e di organizzazione si situi ad eguale distanza fra l’individuo e lo Stato moderno. Inoltre, io penso che il progresso consista nello sviluppo e nel riconoscimento di organismi semiautonomi all’interno dello Stato. Questi organismi avrebbero come orientamento della loro attività l’interesse pubblico, così come sono in grado di concepirlo, le loro decisioni sarebbero esenti da ogni considerazione di carattere privato, sebbene occorra ancora per un certo tempo — prima che l’altruismo degli uomini abbia raggiunto un livello un po’ più elevato — lasciar posto ai differenti interessi di alcuni gruppi, di certe classi o di certe associazioni; infine, sarebbero degli organismi che, nei limiti loro assegnati, godrebbero di un’ampia autonomia per condurre i loro affari, ma si troverebbero in ultima istanza sottomessi alla sovranità della democrazia, personificata dal Parlamento». (Continua nella discussione)
    • lorella lisciani Utente certificato 3 anni fa
      Nella continuazione del paragrafo citato, Keynes fa riferimento alle corporazioni del Medioevo. Press’a poco nella medesima epoca, in Francia, un movimento apertamente federalista come Ordre Nouveau valorizzerà allo stesso modo la parola «corporazione».[13] Nei due casi, si tratta di evocare una forma di organizzazione economica più cooperativa, meno individualista dell’impresa capitalistica. In conclusione, il profilo di Keynes presentato ne Il Federalista rischia di dare di questo autore una immagine per lo meno ingannevole. È vero che non è mai stato dichiaratamente federalista, è inoltre vero che in circostanze ben precise egli ha cercato delle soluzioni puramente nazionali alle difficoltà del suo paese. Ma resta il fatto che quando si è posto il problema dell’organizzazione economica del mondo — particolarmente in materia monetaria — ha proposto delle istituzioni di tipo federale; resta, infine, che i suoi tentativi di definire un decentramento dei rapporti economici adeguato alla società del suo tempo lo pongono su posizioni molto vicine a quelle dei suoi contemporanei federalisti.
  • lorella lisciani Utente certificato 3 anni fa
    “Dobbiamo inventare una nuova saggezza per una nuova epoca. Nel frattempo, se vogliamo veramente fare qualcosa di buono, dobbiamo apparire eterodossi, importuni, pericolosi, ribelli nei confronti di chi ci ha preceduto.” John Maynard Keynes
  • Francesco Pinna 3 anni fa
    io sono dell'idea che una cosa della quale l'Italia NON ha bisogno, ora più che mai, è quella di fomentare ulteriormente a nuove divisioni territoriali. Questi ultimi vent'anni terribili, si sono basati sul principio di mettere gli uni contro gli altri, i lavoratori contro gli imprenditori, il nord contro il sud, creare sempre fazioni tra poveri appoggiate astutamente da l'una e l'altra parte politica in modo da potersi spartire tutto l'elettorato disponibile garantendo così la continuità del sistema. Allo stesso modo non condivido, ora, questa uscita sulle macroregioni, non nell'idea in sè, che potrebbe anche essere fonte di una buona discussione, ma è la tempistica che è sbagliata...obiettivo principale del movimento è prima di tutto spazzare via questa casta, che è alla fine il vero, grande problema dell'Italia ed è la causa del malfunzionamento delle istituzioni...da qui e solo da qui bisogna iniziare a cambiare il paese, cercando di portare un livello accettabile di competenza e onestà nelle istituzioni..non abbiamo bisogno, ora, di macroregioni, ma di persone in gamba che gestiscano le istituzioni (e di conseguenza il paese) nella maniera migliore possibile. Solo dopo che avremmo affrontato questo step potremo essere in grado di fare ulteriori considerazioni e apporre eventuali miglioramenti al nostro sistema politico. Questa è la mia idea. Buona fortuna a tutti i 5 stelle!
  • PROF MARCELLO PILI 3 anni fa
    CARO GRILLO L'ITALIA DISUNITA MI PORTA AL PASSAPORTO PER ANDARE AL MARE , E NO VORREI MAI SEMBRARE COME I FIGLI DEI BARBARI CHE VENGONO IN ITALIA ( COL PASSAPORTO INFATTI ) PER UN PO' DI SOLE . CHI NON AFFRONTA QUESTA SITUAZIONE COME E' ,CIOE' LASCIANDO FARE UNA LEGGE ELETTORALE ESATTAMENTE UGUALE A QUELLA CENSURATA E CONDANNATA DALLA CORTE COSTITUZIONALE SENZA ALZARE LE VANGHE E ANZI FACENDOSI PRENDERE IN GIRO DA NUOVI E SPIAZZANTI FESSI ARGOMENTI DI EQUITA' DI GENERE , CHE SAREBBE DISEQUITA' DI MERITO , O VOGLIAMO METTERE ANCHE LE QUOTE DELLE SARCERDOTESSE ? QUANTO FEMMINICIDIO E' VENUTO DOPO L'USO FEMMINILE PER TOGLIERE BAMBINI AI PADRI E CASE AI PADRI IN STRADA , SUPERATA LA CATEGORIA DEI NATI E CRESCIUTI SENZA ALCUN PROBLEMA CON LE SORELLE , CHE ERANO LIBERE PRIMA E MAI NESSUNO LE CONTROLLAVA E VIVEVANO SOLE A MILANO SENZA PROBLENI E ORA SI FINGE CONQUISTA USCIRE LA SERA PER IL CINEMA , FINO A QUELLE COSE PERICOLOSE CHE HO VISTO A NEW YORK IN CUI QUANDO IO USCIVO DAL CENTRAL PARK RAGAZZE IN TUTA ENTRAVANO , ED ERA SBAGLIATO ? COSI' SIAMO A MADRI CHE UCCIDONO 3 FIGLIE , PADRI CHE UCCIDONO I FIGLI ,MARITI LE MOGLI E FIGLI , MA SI CONTINUA A DISCUTERE , E NON SI PUO' PIU' DISCUTERE MA FARE E FARE BENE . COME ANCHE NON SEMBRA FATTO BENE QUELLO DI ANDARE ALLE EUROPEE SENZA AVERE TROVATO LA SOLUZIONE A QUELLO CHE IO AVEVO DETTO DOPO LE ELEZIONI DI FEBBRAIO IN CUI SI ERA VISTO CHE LA SCELTA ERA PENOSA E PERICOLOSA , ORA MANIFESTATASI. SE NON C'E' UNA SCELTA MIGLIORE , MOLTO MIGLIORE CHE PERO' NON APPARE ANCORA ED E' TARDI , SI RIPETE IL SOLITO RITORNELLO DI FURBI CHE CON 100 VOTI DI AMICI O COMPARI DI RC O DI CI O DI CHI VOLETE VANNO ALL'ASSALTO DELLO STIPENDIO , IN PIENA DISPONIBILITA' DI CAMBIARE BANDIERA DOPO . CHE NE E' STATO DEI DOCUMENTI DELLA RAI ? NIENTE ? PERCHE' APPOGGIARE SOLO CIO' CHE ERA LA VECCHIA POLITICA DI PROPAGANDA DI RC E CI ? QUELLO SI E' FATTO E IL RESTO E' GIOSTRA CONTINU
  • Gianfranco C. Utente certificato 3 anni fa
    Prima di poter fare commenti su questo post sarebbe doveroso che ognuno facesse alcune considerazioni personali. Cosa è diventato oggi questo nostro Paese. Cosa è rimasto dei buoni intenti dei suoi fondatori? Gli amministratori di questo Paese hanno volutamente lasciato grandi diversità nello sviluppo. L'hanno fatto coscientemente. Le fabbriche più importanti sono state vendute agli stranieri che le hanno trasferite lasciando la gente senza lavoro secondo la loro convenienza, mentre altri marchi si sono spostate per convenienza all'estero con la complicità di chi ci governava; questa frammentazione di idee, di pensieri e di culture non può più essere fermata a causa della cattiva gestione della cosa pubblica, della corruzione e del malaffare. Popolo che combatte contro se stesso per garantire a quelle poche migliaia di privilegiati la possibilità di continuare a vivere sulle spalle della gente comune. Ma si può immaginare un assurdo di questo tipo? Milioni di persone che non rappresentano la casta ma anzi ne sono fortemente danneggiate, difendono la casta stessa permettendogli di vivere agiatamente e sopratutto senza responsabilità nei confronti della Nazione. Certo che vista la situazione da parte di questi parassiti privilegiati ci vedono come stupidi insetti senza un briciolo di intelligenza, sudditi senza idee e senza onore. Proprio a causa dell'immoralità nella quale ci hanno portato questi ricchi privilegiati non credo che esistano molte alternative ad un rivoluzionamento organizzativo di questo Paese in fallimento. E' necessaria una scossa radicale che riesca a sbriciolare le fondamenta del cattivo affare. Non vedo molte alternative alla Grecia. Se continuiamo così giustificando i governi che via via si alterneranno spremendoci sempre di più tra pochissimo tempo potremmo pentirci seriamente per non avere avuto il coraggio di fare una scelta dolorosa ma necessaria.
    • Patrizio V. 3 anni fa
      Ma perchè non avete il coraggio di dire che questo articolo è delirante, ridicolo e tralaltro completamente in antitesi con il programma del M5S? Che cavolo ti sforzi di interpretare questa non breve serie di idiozie? Sono fesserie, vaniloquio. Ditelo e fatela finita di slurpare sederi. O basta che qualcuno che nemmeno si firma ma ha l'aria di avere un alto grado perchè può scrivere articoli sul blog, si abbandoni a deliri senza senso, perchè il resto dei baciapile si scapicolli a cercare di interpretare l'eresia per dimostrare che sotto sotto ha un significato e persino un valore?
  • Gian Luigi Naritelli Utente certificato 3 anni fa
    Regioni o macroregioni poco cambia. E' importante invece non inviare più nemmeno un'euro a Roma, centro di sperpero e di interessi privati. Tasse e tributi spesi il più vicino possibile a dove vengono prodotti, rendendono conto al centesino a contribuenti ed utenti dei servizi pubblici. 180 MLD la spesa per stipendi del servizio pubblico. Cominciamo da li; Sì servizi pubblici NO dipendenti pubblici.
    • Marco P. 3 anni fa
      a Gian Luigi Naritelli da Marco Parisi (il quale non è un troll ma un essere umano e possiede un nome). Tu i soldi a Roma invece li dai anche se vorresti tenerteli mister zero senso civico, perchè l'Italia non è il tuo personale porcile, ma una nazione dotata di costituzione rigida. Vai pure a cercarti il significato. Non siete convincenti tu e quattro altri ignorantelli di provincia se pretendete di cambiare le regole senza consultarvi con nessuno. Non funziona così, per fortuna. E Roma non è più sperperona della regione Lombardia, hai presente? Milano 2, Formigoni, Locatelli, discarica di amianto, tangenti, Pirellone, clinica Santa Rita... Suona familiare? Milano ladrona e centro di interessi privati, non solo Roma o Napoli. Informati, non ignorare. E nemmeno vogliono mollare i vitalizi d'oro sti ladri lumbard, vergogna dell'Italia tutta intera. Tu hai comprato suv e barca ai figli di Bossi, con i soldi tuoi, lo vuoi capire? Più vicini di Roma forse, ma ancora più affamati. Allora non diamo un centesimo nemmeno a Milano, ok? L'Expò se lo facciano a spese loro, offerte pubbliche. Con due sacchi di patatine, un cartoccio di lupini e due bottiglie di aranciata se la dovrebbero cavare. Un bell'Expò sobrio, eh? Anzi non paghiamo proprio le tasse, addio città, addio servizi, chissene frega, l'importante è che nessuno tocchi i tuoi spiccioli. Così i veri faccendieri stappano una bottiglia alla tua salute, mentre la sanità pubblica fallisce e tu dovrai spendere 2500 euro per una TAC in una clinica di loro proprietà. Finiamo stile USA, le assicurazioni che decidono quale delle due dita che hai appena perso in fabbrica puoi farti ricucire e quale invece non è coperta da assicurazione. Scegli: indice o medio? Capisco che se nessuno ti dice nel dettaglio cosa dire e pensare entri in confusione, ma almeno leggi, studiati un po di economia o diritto costituzionale invece di inneggiare come un tordo all'evasione fiscale come fa la criminalità organizzata. Sei imbarazzante.
    • john f. Utente certificato 3 anni fa
      I servizi pubblici chi li fa, la buonanima della minkia? Azz, mi fa piacere e sei pure attivista? A faccia ro cazz'.
    • Gian Luigi Naritelli Utente certificato 3 anni fa
      x il troll senza nome: legga bene; rendendo conto ai contribuenti ed agli utenti dei servizi pubblici. Nessuno sperperatore escluso, che si chiami Trota, Formigoni, Alemanno, Veltroni, il mafioso di Arcore, D'Alema, Monti... Rispondano tutti personalmente dei danni fatti. Lo stesso per i futuri amministratori.
    • Marco P. 3 anni fa
      quindi il problema è solo Roma... il trota infatti è il tipico coatto romano, Formigoni è di trastevere, se non sbaglio. Ma vai a studiare o al cesso disinformatore di professione, influencer a pagamento dei miei ciondoli. La Lombardia è la regione campionessa di corruzione in Italia, lo sanno anche i ciuchi informati almeno prima di starnazzare la tua propaganda secessionista.
  • Jimmy K. 3 anni fa
    e se domani chi scrive questi articoli demenziali si premurasse anche di firmarli come fanno tutti i giornalisti-bloggers che si rispettino? Almeno così, affrancando la presente lettera aperta contenente il mio vaffankulo, potrei indicare con precisione il destinatario.
    • Jimmy K. 3 anni fa
      Caro Daniele B. varazze, scusa per la risposta tardiva non avevo visto il tuo post. Io lo so benissimo com'era l'Italia prima del risorgimento, tu lo ricordi? Borboni, Savoia, Asburgo, perfino i turchi di quando in quando e stato pontificio ciascuno col proprio esercito. Le famiglie nobili principalmente straniere comandavano e mangiavano il nostro pane, insomma, il resto degli italiani obbedivano, quelli che non morivano di fame, intendo. Se è quella l'Italia della quale sei nostalgico, i duchi e i granducati, il vaffankulo vale anche per te, trombone monarchico dei miei stivali
    • Jimmy K. 3 anni fa
      "La conversazione è feconda soltanto fra spiriti dediti a consolidare le loro perplessità." Emil Cioran Non nutrirti di certezze altrui daniele; di quelle certezze rischi di morire, o peggio ancora di sopravvivere e farci l'abitudine. Io non citerei quel mentecatto semialfabetizzato di Fabri Fibra, specie se intendi parlare di velocità mentale. E' un argomento che chiaramente Fibra non conosce e non merita di affrontare. Sarebbe come se io pretendessi di tenere una conferenza di astrofisica. Bisogna accettare i propri limiti, io di astrofisica conosco solo l'ABC e Fibra è un imbecilletto da jukebox di Ostia lido. Dammi retta, capisco che non possiamo essere tutti geni, ma non esibire quel genere di citazione in pubblico, non ci fai una bella figura. Poi c'è Cioran, indubitabilmente un calibro fuori scala, anche se qualche fan del pop-rap-crap italiano tipo tormentone estivo potrebbe scambiare il nome di Cioran per una merendina al cioccolato...
    • Daniele T. Utente certificato 3 anni fa
      Ci troviamo sul Blog di Beppe Grillo, io ho dedotto già da anni che quando un articolo non è firmato appartiene al Blogger in questione. Difatti, ogniqualvolta venga postato un articolo che non sia di Beppe Grillo è puntualmente firmato. "Gente Veloce mentalmente, gente lenta, la piramide questo rappresenta" -F.Fibra-
    • Daniele B. Utente certificato 3 anni fa
      E se domani andassi a vedere come l'Italia sia stata fatta col sangue di chi non ne aveva bisogno e stava molto meglio prima, forse capiresti che queste ipotesi non sono poi tanto remote.
  • piero 3 anni fa
    C'era una ottima idea da realizzare. Ha prodotto 163 parlamentari. Dovevano e devono veicolare,con comportamenti esemplari,l'onestà. E contagiare pesantemente tutte le formazioni politiche. Il paese è in ginocchio e questi diversivi sembrano disorientare e fuorviare un bacino elettorale mica da poco. Si sta inquinando il messaggio originale che era arrivato forte e chiaro.
  • Mario C. Utente certificato 3 anni fa
    BEPPE mi hai piacevolmente sorpreso sono pienamente d'accordo con te! Autodeterminazione dei Popoli, secoli e secoli di storia contro questo imperialismo sabaudo(che ha detto nascere l'Italia) oggi in mano al "napolitanico"... federalismo subito
    • john f. Utente certificato 3 anni fa
      e figurati, tutte le osterie piene di mbriaghi.
  • Pierluigi 3 anni fa
    Ritornando di nuovo vassali di Stati certamente ci ripotrterà ad essere quello che eravamo prima del 1861. Un paese invaso e depredato da altri. In questo momento abbiamo bisogno di essere più Stato, magari con una Dirigenza diversa, che abbia a cuore la Costituzione e la capacità di realizzarLA a partire dal art. 1. Bisogna essere Stato Italia Forte per rigettare tutti i trattati "criminali" come il Fiscal Compact e obbligare la BCE a stampare denaro per gli Stati Membri. Più Stato
  • devis mandreoli Utente certificato 3 anni fa
    Salve a tutti, forza M5S. Vi ringrazio anticipatamente se avrete la pazienza di leggere questo post. Sinceramente non capisco quelli che non condividono le lotte che animatamente e con passione, questi eroi si stanno battendo per una giusta causa, anzi, per la madre di tutte le battaglie contro chi corrompe e ha atteggiamenti prevaricanti e mafiosi. Sappiate che la politica ha due facce, una pulita che viene puntualmente mostrata nei TG, di cui sarebbe meglio non dilungarsi troppo, che si sviluppa dietro le quinte di un Paese ormai allo sbando, tenuto insieme credo solo per fare pagare le tasse sempre agli stessi, noi cittadini vessati che sputano sangue tutti i giorni per uno stramaledetto pezzo di pane. Siamo stanchi e quasi annoiati, a sentir parlare di rimborsi, scontrini per il sushi, mutande verdi, auto blu, F35, Tav, ponte sullo Stretto, Muos, e chi piu' ma ha piu' ne metta. Badate che di questo passo, andremo avanti poco, all'improvviso ci sveglieremo da questo incubo e sprofonderemo nell'abisso, l'Italia fallira'. I Furbetti se ne saranno gia' andati e ci lascieranno affondare nel letame. Anche le imprese, le fabbriche se ne vanno, cosa faremo quando tutto sara' finito? Ribadisco che questa e' la madre di tutte le battaglie, ci stiamo avvicinando alla resa dei conti, dove chi paghera', comunque non sara' mai chi sta svuotando un ancora ricco e bellissimo Paese, essi se ne andranno con le tasche piene ed i sorrisi beffardi stampati in faccia. L'Italia e' stata faticosamente riunificata centinaia e centinaia di anni dopo la caduta dell'Impero Romano. Certo che un'Italia cosi' concepita, andrebbe amministrata da uomini onesti, senza macchia e senza paura, uno Stato come questo non ha piu' ragione di esistere, andrebbe rifondato, oppure meglio che si divida prima della sua implosione. In questo modo sopravvivera' solo chi si rimbocchera' le maniche e non quelli che invece sambra facciano di tutto per distruggere quel poco che si puo' ancora salvare.Grazie M5S
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      Devis, condivido il tutto tranne un fatto: io sono per l'Italia, una e indivisibile. Se il M5S ha deciso di includere la sua frammentazione nel programma, magari come desiderio di Casaleggio che ha strane visioni del futuro e del mondo, vado a votare altro movimento o partito, persino i dissidenti che non mi sono mai piaciuti. Grillo dovrebbe essere chiaro, onesto, far sapere prima che intenzioni ha.
  • Lucio P. Utente certificato 3 anni fa
    http://www.youtube.com/watch?v=56z0LzFcnxM#t=642 E’ un vero spasso questo video del discorso ufficiale di NAPOLITANO al Quirinale per la FESTA DELLA DONNA, in cui ha ATTACCATO IN MANIERA VIOLENTA E DIFFAMATORIA IL M5S, GRILLO, IL BLOG E TUTTI I SUOI UTENTI. Dino Risi e Comencini avrebbero avuto materiale a iosa per girare il seguito di “MOSTRI” e “NUOVI MOSTRI”: LA BOLDRINI, GRASSO, il presidente della corte costituzionale Silvestri (quello della lista Anenone), MINISTRE, SHOWGIRL, ATTORUNCOLI, SUORINE, VIGILESSE, TANTI LABBRONI RIFATTI, TROMBONI E TROMBONE, CARIATIDI E MUMMIE DI OGNI FATTURA! Ecco una parte del discorso, con tanto di esilaranti e farseschi momenti di voce rotta dalla commozione, ormai parte del repertorio istituzionale del Monarca Giorgio: “La modernità mette a disposizione di PERSONE PERICOLOSAMENTE AGGRESSIVE strumenti inediti. Alle aggredite, in quanto donne, non si fanno mancare insulti e minacce a sfondo sessuale. Non bisogna minimizzare questi episodi tanto più gravi quanto più colpiscono avversarie in politica, e comunque donne nelle istituzioni (e ne abbiamo avuto in Italia ESEMPI IGNOBILI COME GLI INSULTI E LE MINACCE CONTRO LA PRESIDENTE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI ALLA QUALE IN QUESTA OCCASIONE RINNOVO LA MIA SOLIDARIETÀ). Come il razzismo anche il sessismo se da volgare battuta per la strada o da bar sale nelle SFERE POLITICHE RAPPRESENTATIVE, se SI ESPRIME NEL PARLAMENTO, se, USANDO BLOG E SITI, SI DIFFONDE LEGITTIMATO DA FONTI IRRESPONSABILI diventa un virus duro da estirpare.” Quando il Re non avrà più il suo scudo istituzionale dovrà essere giudicato senza alcuna attenuante per tutto il male che sta facendo all’Italia…
  • Sandro Da Ciampino 3 anni fa
    Dopo questo post è ufficiale; sei completamente fuori di testa.
  • Lucio D. Utente certificato 3 anni fa
    Non mi piace sentir parlare di secessione nel m5s mi auguro che questo post non siano parole di Beppe.
  • Pasquale G. 3 anni fa
    Il discorso storico-politico-sociale é lungo...tuttavia, allo scopo sarebbe utile consultare l'ultimo studio della Società Geografica Italiana, commissionato dal Governo Letta per l'assetto istituzionale; dalle attuali 20 regioni e 110 province occorrerebbe passare a 36 "microregioni" o "macroprovince" che altro non sarebbe se non l'assetto istituzionale "classico" (dall'Impero Romano agli Stati preunitari). Pertanto, non una suddivisione dello Stato artefatta, ma un'aggregazione di popoli e storia comuni che rafforzerebbero lo Stato Centrale, vedasi Stati Uniti, Svizzera, Germania, etc etc...
  • Vito Cartolano 3 anni fa
    Eccolo Grillo il ligure, che non vuole più pagare i conti di Campania, Calabria e Sicilia. Ti rammento che i Mille sono partiti dalla Liguria, per andare a sfottere il Regno di Napoli, che se stava tranquillo per i fatti suoi. Nelle sue farneticazioni Grillo dimentica di dire che gli Staterelli preunitari erano sempre alla mercè di qualche superopotenza del periodo. E per quanto sia brutta la nostra storia (ma è meno brutta di quella dei tedeschi,dei greci, degli yugoslavi), da 150 anni non siamo più i domestici di nessuno. Maledetto il giorno che per far contenti comunisti abbiamo fatto le regioni. Maledetto il giorno che per far contenta la Lega, abbiamo fatto il Federalismo fiscale. Sopprimere le Regioni e il Federalismo, questo dovremmo fare, altro che macroregioni. Da retta a me: meglio litigae coi calbresi, piuttosto che farsi mettere i piedi in testa dai francesi o dagli inglesi. Meglio avere a che fare con Cosa Nostra, piuttosto che farsi terrorizzare da qualche mafia bulgara, colombiana.
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      Approvo il tuo discorso Vito
    • Jimmy K. 3 anni fa
      Bravo Vito. La tua lucidità sembra quasi un lume in questi tempi bui. Ti faccio i miei complimenti. Jimmy
  • lorella lisciani Utente certificato 3 anni fa
    STAZIONI TRENI ITALIA - SVIZZERA !!! (100 metri 2 mondi) . https://www.youtube.com/watch?v=GwlHcbOyYYM Chi vuole tutto questo?
  • Marco G. 3 anni fa
    A chi ha scritto questa idiozia di post, come tutte le altre idiozie su uscita dall'euro, immigrazione clandestina e altre stronzate berluscoleghiste similari, vorrei semplicemente consigliare di leggere il programma del M5S. Io l'ho letto. Chi scrive queste stronzate probabilmente invece ha letto i programmi di Forza Italia,Alleanza Nazionale e Lega Nord. Mi chiedo a che ca**o debba servire votare M5S se poi questi invece di attenersi rigorosamente al proprio programma vanno dietro alle stronzate berluscoleghiste, magari per attirare i voti di quelli che fino a ieri votavano PDL, cioe' i maggiori responsabili della situazione disastrosa dell'Italia. Contenti voi...
  • Luca Donati 3 anni fa
    Grillo smettila di sparare cagate a destra e a manca o mandi a puttane il movimento 5 stelle. Togliti di mezzo dalle decisioni politiche e rimani da supervisore senza influenzare le decisioni. Rischi di stravolgere le idee di milioni di persone
    • Roberto Famà Utente certificato 3 anni fa
      Forse stravolgerà la tua ma non certo la mia di idea. Posso essere in disaccordo e continuare a votare il M5S. Tu invece non ti sei neppure certificato in questo blog. Pensa te...
  • mario scollo 3 anni fa
    Mi pare che ci sia soltanto la secessione mentale di Grillo dal movimento, ma qualcuno ha chiesto a Grillo se è autorizzato a sparare cazzate ogni giorno. Ma secondo lui chi ha voluto, a parte le migliaia di morti degli eroi risorgimentali a volere l'Italia liberata dal nazifascismo? E sempre secondo questo grande provocatore si può dimenticare tutto? Forse, una cosa è volere uno stato democratico, correttezza e non corruzione, regole chiare e trasparenza della Pubblica Amministrazione e del privato sottaciuto, altra cosa è innescare una possibile divisione del popolo italiano, pericolosissima che ci potrebbe indurre in una guerra civile senza fine. Grillo smettila di dire CAZZATE!
  • Nino F. Utente certificato 3 anni fa
    L'ennesimo post a minchia del caro leader, che danneggia il movimento dando l'idea della schizofrenia che annebbia la sua mente. Non ne azzecca una da qualche mese a questa parte, e i suoi parlamentari ormai non riescono a seguire le strategie, ammesso che ve ne sia una. Eppure i sondaggi sembrano dargli ragione. Urge potente elettroshock, e camicia bianca con maniche annodate dietro... Personalmente credo ancora nel progetto, ma sarà veramente dura votare ancora M5S alle prossime europee. Che qualcuno lo fermi, per favore
  • mariangela t. Utente certificato 3 anni fa
    CAro Beppe, purtroppo il domani è oggi. A Roma giocano come ai tempi di sagunto, il piazzista ogni volta che apre la bocca spende 10 mld che non ha , una serie di increduli inconsapevoli incapaci di muoversi stanno a guardare. La storia non si ripete mai uguale, oggi la globalizzazione iompone ancor più la necessità di dover decidere il proprio destino, superando la logica capitalistica e qualunquistica. Ora per vivere bene basta una patata ben coltivata ed un telefonino quando serve. L'America minaccia la guerra alla Russia, noi che siamo poco più che ua delle portaerei che solcano il Meditteraneo( abbiamo sul nostro territorio marines, caccia, missili, bombe atomiche!!!, pronte all'uso). Vogliono a tutti i costi che ci schieriamo, che contiamo quanti militi abbiamo da far marciare contro. Ma in che cavolo di Stato siamo privi di potere, due o tre persone comandano. E' Ora che ci riprendiamo la nostra responsabilità. Il federalismo non serve a niente, è un ripiego per mantenere la classe dirigente corrotta e incancrenita alla poltrona, tanto poi il PCI-PD con la sua gestioen centralizzata, la DX con il suo nazionalismo che ha riempito di morti ossari e tome anonime di militi. Occorre che ci diano un referendum propositivo, occorre che il popolo possa democraticamente pacificamente decidere e non fuggire come facevano gli ebrei con Mussolini o Hitler, per salvarsi.
  • Claudio Pierantoni Utente certificato 3 anni fa
    Finchè avranno, xfactor, il grande fratello ed il campionato di sere A gli italiani non ci penseranno neache alla rivoluzione.
    • Claudio Pierantoni Utente certificato 3 anni fa
      Ma magari in Italia una buona volta ci fosse una rivoluzione che rifondi la Repubblica. Meglio il far-west che l'immobilismo eterno, la morte lenta, il tengofamilismo.
    • Salvo C. Utente certificato 3 anni fa
      il teatro dell'opposizione che non risolve alcun problema e che ci guadagna dallo sfascio totale... bravi a tutti quei fanatici che lo inseguono. bravi !!!
  • Alex Picconatore Utente certificato 3 anni fa
    Ciao Beppe, l'idea di ritornare a 160 mi fa molto ribrezzo e paura, le macro regioni stile Lega mi sà di ridicolo. Dal mio punto di vista l'Italia la possiamo strutturare come vogliamo, ma deve rimanere unica ed indivisibile. Decentralizzare i poteri? Immagina cosa succederebbe al sud, mafia, camorra e ndragheta faranno festa... Evitiamole queste assurde ipotesi, certi poteri devono essere centralizzati, altri competenze magari si possono localizzare nel territorio. Io lascerei temi secessionisti temi alla Lega. Lavoriamo per unire ulteriormente questo popolo che ha un'unica identità che va preservata e sopratutto facciamo tutto il necessario per non perdere la sovranità nazionale, fortemente minacciata dall'europeismo estremo. Ciao.
  • andrea marastoni 3 anni fa
    ...Ma io vorrei sapere cosa centra una cartina dell'italia del cinquecento con la città di Latina che invece è stata fondata nel 1932 dal Duce
  • Maria Y. Utente certificato 3 anni fa
    Se ho capito Beppe, tu parli di Federalismo. Io sono d'accordo, "dividere per unire". Prima di permettere che Italia si spacchi stupidamente, sarebbe bene decentralizzare il potere. Poi sulla maniera di dividere l'Italia e sulle regole si può ragionare, e una proposta interessante...
  • lorella lisciani Utente certificato 3 anni fa
    Siete a conoscenza di persone emigrate in Svizzera,o negli Stati Uniti che dopo una vita trascorsa lontano dalla propria patria, sia tornato a godere del "O SOLE MIO" ?
    • lorella lisciani Utente certificato 3 anni fa
      Io invece non ne conosco nessuna. Il mio quesito comunque intendeva dire di persone che tornano, non per vedere l'ultima volta l'Italia, ma per lasciare quel paese che gli ha dato una dignità.
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      Ne conosco parecchi, gente che è tornata qui per morire sul suolo Patrio, e stare l'ultima volta tra parenti e amici.
    • lorella lisciani Utente certificato 3 anni fa
      Effettivamente uno lo conoscono in tanti: RAZZI. Ma lui ha capito dove si fanno i Caxxi suoi! Meditate gente, meditate.
  • red tiger 3 anni fa
    Come vi avevo già preannunciato il movimento 5 stelle è imploso come tutti quei movimenti sorti solo per frenare possibili rivolte in uno stato di grave disagio sociale. Si dissolverà pian piano. Però una cosa la voglio dire a Grillo and company: non siete serviti ad un c.! Grillo finiscila di spare idiozie. L' italia non può uscire sola dall' euro e vergognati di essere per un' italia divisa, non rispetti che ha lottato ed è morto per tenerla unita. E a voi bambinetti dell' asilo del movimento che fate scaramucce crescete santo Dio! Viva la rivoluzione! viva la libertà! viva l' italia unita e forte che ci sarà! Viva quei pochi valorosi che ci salveranno spazzando via il marciume di adesso! a loro va tutta la mia stima.
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      Michele quando uno dice sciocchezze, bisogna fermarlo per tempo. Grillo, se è lui che ha scritto questo post, ha detto sciocchezze e tu che lo difendi, pure. In questo momento il M5S sta portando danno all'Italia. Nessun applauso quindi, ma tirata di orecchi.
    • Nico C. Utente certificato 3 anni fa
      ...provocatori come te nel blog, che vanno e vengono ce ne sono...eheh....19.. se vuoi fare azione, percorri tutte le sere 4 o 5 km a piedi, vedrai che ti fara' bene... Ciao
    • teodora a Utente certificato 3 anni fa
      Michele vergognati, se conosci la vergogna. Scalmanati come te non possono stare in un movimento civile.
    • michele bertè 3 anni fa
      il marciume sei tu come tutti quelli che buttano merda addosso a grillo. Se l'italia ha un movimento dalla parte dei cittadini è solo merito suo. Se abbiamo ancora speranza è solo merito suo. E' la gente ignorante come te che ha rovinato l'italia ed auguro a te e a tutti quelli che hanno i tuoi stessi deficit mentali tutto il male possibile. sparati
    • Salvo C. Utente certificato 3 anni fa
      bravo!
  • ffoliott 3 anni fa
    Perché non proporre direttamente un referendum per auto annetterci tutti alla Svizzera? Senza più dogana gli evasori non dovranno sudare a riempire cofani auto di contanti rubati a noi. Perché poi la Svizzera dovrebbe prendersi la Lombardia della corruzione e del malaffare calabrese (ormai calabro-lombardo), di rimborsopoli, dei Formigoni, dei trota? O il Veneto dei Tosi, dei Giacino e delle tangenti? Da decenni si prende già i nostri soldi in nero senza prendersi i mafiosi e i corrotti. Chi glielo fa fare? Per favore basta random-minchiate, che già mi girano i penduli per Zeppolo Renzi... Ma chi è il genio che ha scritto questo articolo delirante? Se lo scopo era sfilare gli ultimi voti ai legaioli, mi va benissimo, ben inteso. Tutti voti guadagnati. Chiudesse bottega la Lega con i suoi ladri e il seguito di terroni del nord, ignoranti che, mentre trota e Co. si comprano barche coi nostri soldi, urlano in piazza senza nemmeno sapere cosa cavolo stanno urlando. La Lega ha fatto solo male all'Italia, compari di Berlu e Forza Mafia per 20 anni, rubando il possibile e l'impossibile, riciclando danaro sporco della n'drangheta e riempiendosi le tasche. Borseggiatori che vorrebbero prendersi il nord Italia e uscire dall'Euro infischiandosene di 2 mila miliardi di debito insoluto, contratto anche da loro. Certo è facile così, facciamo una società, dividiamo gli utili, io rubo ciò che posso e le spese le paghi tutte tu. Dividere l'Italia fa comodo solo alla piccola minoranza che pur contando poco in termini elettorali vorrebbe prendersi il potere al 100%. Gente che a malapena vince le elezioni condominiali, ma dopo aver assunto il controllo del proprio pianerottolo, già sogna di annetterlo alla Svizzera per condividerne i vantaggi fiscali. Io sono diverso. Il mio dentista non ci prova nemmeno. Lo so che pago il 20% in più, ma lui mi fa la caxxo di ricevuta altrimenti lo denuncio per evasione fiscale e la pulizia dentale va a farla a San Vittore. Altro che Svizzera.
  • cristiano cimino Utente certificato 3 anni fa
    Non sono d'accodo con questo post. Ci sono interpretazioni diverse. Puoi essere piu' chiaro?
  • Karola 3 anni fa
    Io proporrei di dividere l'Italia in due:in una parte ci vanno a vivere tutti coloro che votano ancora per i partiti; nell'altra parte invece tutti coloro che sono del M5S. Scherzo naturalmente, però non è una cattiva idea. E' dura, è dura, chissà quanto tempo ci vorrà fintanto che gli italiani capiranno come stanno le cose. Mah, speriamo in meglio, dobbiamo essere ottimisti e non disperare;io credo che il bene vince sempre sul male.Armiamoci tutti di tanta pazienza e non molliamo mai.Vinciamo noi.
    • giorgio d. Utente certificato 3 anni fa
      Propongo l'esilio di Beppe Grillo non solo dal Movimento ma anche dall'Italia Unita.
  • Davide Longoni Utente certificato 3 anni fa
    Purtroppo, credo che questo sia uno dei post peggio scritti da Grillo (o forse da qualcuno per suo conto?? ). Comunque il senso in qualche modo si intravede. La Nazione italiana é, per Costituzione, fondata sulle Regioni. Ma le Regioni in senso costituzionale non sono mai state fatte partire. Esiste, sì, la geografia delle regioni. Esiste il Parlamento Regionale, e le varie istituzione burocratiche. Ma non esiste la politica, fiscale e non, delle regioni. Questo é il danno fatto da chi ha governato l'Italia fino ad oggi. NON HANNO APPLICATO LA COSTITUZIONE. E penso che Grillo si riferisca a questo, ovvero ad un vero piano di realizzazione delle Regioni in termini politici e istituzionali, non solo geografici. Ovviamente quando il dito indica la luna, la maggior parte delle persone guarda il dito, e così succede che i giornali e telegiornali accomunino il post di Grillo alle logiche scissioniste di Lega e varie altre realtà locali (soprattutto Trentine). I leghisti stiano tranquilli, non ci sono margini per un'alleanza nemmeno (e soprattutto) con loro. L'Italia é UNA, ma deve essere gestita dalle Regioni e non da Roma. Il governo centrale deve sovrintendere alla sicurezza Nazionale e alla armonizzazione delle politiche fiscali in modo che le regioni povere siano aiutate a svilupparsi dall'interno, e diventare ricche come le altre. Come fare? Beh, con tutte le buone "menti" che abbiamo a disposizione nel Movimento, un modo lo troveremo. L'importante é VINCERE.
    • freiheit fur alles 3 anni fa
      NON HANNO MAI APPLICATO LA COSTITUZIONE; Che dice TUTTE LE REGIONI SONO AUTONOME. Alcune regioni hanno "un' autonomia speciale." Ci sono dei DIRITTI NATURALI come ad esempio il diritto all'AUTODETERMINAZIONE DEI POPOLI, e si tratta di un OBBLIGO GIURIDICO INTERNAZIONALE. L' Autodeterminazione dei popoli è prevista dalla CARTA dell'ONU DEL 26 GIUGNO DEL 1945.LA CARTA DELL'ONU O DELLE NAZIONI UNITE E' UN VERO E PROPRIO TRATTATO INTERNAZIONALE. L' Autodeterminazione dei popoli è inoltre sancita dalla DICHIARAZIONI DEI DIRITTI UNIVERSALI DELL'UOMO del 10 dicembre 1948,e dal PATTO di NEW-YORK DEL 19 DICEMBRE 1966. Grillo è coerente con il programma del movimento 5 stelle che prevede il REFERENDUM PROPOSITIVO, ed è coerente con l'applicazione della costituzione.
  • guido buschettu 3 anni fa
    "La sostanza del commento di Grillo sull'unità d'Italia può essere letto in modo esaustivo nel Libro " L'Identità Ferita" di Massimo Viglione edizioni Ares. Vi suggerisco di leggerlo.... troverete argomentazioni molto interessanti."
    • Bob Pialla 3 anni fa
      Bravo Guido, e con chi volevi farla la federazione? Borboni, Asburgo, Savoia e stato pontificio insieme in un unica federazione? Chinaglia centravanti e in porta ci mettiamo Woody Allen? Ma perché non studi un pò di storia prima di intingere la penna nel calamaio? O forse dimentichi chi c'era in Italia prima dell'unità. Ci sono passati tutti, spagnoli, francesi, austriaci e perfino i turchi. Comandavano tutti, tranne gli italiani. E' questo che vuoi? Io una federazione con tutta sta gente non la vorrei proprio. Già malsopporto i miei vicini di casa e la puzza di cavolo lesso che arriva dalla loro finestra, figuriamoci i francesi col burro fritto e il pane sotto l'ascella...
    • guido buschettu 3 anni fa
      L'unità d'Italia fu fatta con solo 8 morti, ma l'anno dopo ci furono decine di migliaia di morti in quanto inizio la guerra civile. Sicuramente Mazzini Cavour e Garibaldi se avessero adottato una confederazione di Stati avrebbero evitato una rivoluzione continua sino alla 2°guerra mondiale e tuttora questa divisione permane all'interno della società Italiana.
  • Alberto 3 anni fa
    E' una fotografia molto veritiera di come molti di noi percepiscono la situazione. Da qui a parlare di secessione, indipendenza ecc... siamo lontani. E non è determinante; adesso è importante condividere questa visione trasversalmente per arrivare ad un cambiamento VOLUTO DA TUTTI. Non dobbiamo fare gli errori della Lega che ha solo causato strappi.
    • Salvo C. Utente certificato 3 anni fa
      Bravo ... cominci ad emigrare, che di cretini questo paese ne ha già troppi!!!
  • lorella lisciani Utente certificato 3 anni fa
    Di quante persone siete a conoscenza che dalla Svizzera o dagli Stati Uniti, sono venuti ed emigrare in Italia?
    • fufu 3 anni fa
      Sono venuto e me ne vado
  • alex 3 anni fa
    più leggo i commenti di questo blog e più mi rendo conto che gli italiani non conoscono la storia. Concordo in PIENO ottimo GRILLO. potremo riprenderci l'italia solo se prima riconosciamo un'indipendeza culturale e storiaca, che trae la propria forza dalle diversita dei popoli. Repubblica di Venezia durò 1200 anni contro i 153 anni della repubblica italiana https://www.youtube.com/watch?v=dlDbeFQCM94
    • Tacco 3 anni fa
      Se è questione di durata, le 30 dinastie dell'antico Egitto sono durate quasi 3000 anni abbracciando interamente l'età del bronzo (un periodo affascinante, ma poco utilizzabile dal punto di vista dell'analista moderno) e schiavi a parte, parrebbe inverosimile ispirarsi ad un'organizzazione politica di 5000 anni fa basata sulla monarchia a discendenza divina. Il Pleistocene poi, appena precedente a noi in senso strettamente geologico, è durato due milioni e mezzo di anni, ma anche i Neanderthal o Cro Magnon più evoluti erano ancora un pò troppo pelosi per rappresentarmi politicamente.
    • enzo z. Utente certificato 3 anni fa
      Erano altri tempi, non serve a niente paragonare la repubblica di Venezia di allora con l'Italia odierna. Sono due epoche completamente diverse in tutto, soprattutto riguardante la cultura.
  • enzo z. Utente certificato 3 anni fa
    Beppe, l'Italia é una Nazione medio-piccola, basterebbero 100 intelligenze a governarla (altro che 1000). É per intelligenze, sxo sia alla portata di tutti di cosa intanda. Non corrotti, non Pduisti, non mafiosi, ecc. Noi siamo un popolo, peró io sono un siciliano e non voglio essere governato da un calabrese (con tutto il rispetto dei calabresi), per un semplice motivo, perché vi sono spesso realtá differenti. È CHIARO QUESTO. Se se vuole risparmiare sui costi della politica, si faccia una riduzione di: parlamentari, consiglieri regionali, consiglieri comunali, ecc. ecc. Va bn l'accorpamento dei comuni (solo quelli piccoli) ma le regioni, no!!! Beppe, cmq, sono sicuro che non c'é malafede nelle tue parole, ma nn bisogna strafare, sarebbe giá un MIRACOLO portare una semplice legge elettorale (equa per tutti) in porto. Pensare una rivoluzione del genere é quantomeno FANTAPOLITICA.
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      Enzo, condivido il tuo post.
    • Salvo C. Utente certificato 3 anni fa
      una legge elettorale che m5s non vuole votare eh... per inciso !!!
  • Franco Ciancimino 3 anni fa
    Finalmente torniamo a parlare di politica. Ipotesi interessante quella di spacchettare l'Italia tornando indietro di 160 anni. Poi dai regni e dalle repubbliche autonome passeremo alle città-stato, come nell'antica Grecia, poi i quartieri ed i rioni, come succede nei palii cittadini da Nord a Sud dello stivale. Fino a che ciascuno non si chiuderà nella sua casetta, in una stanzetta poco illuminata, con un computer, ad inveire contro il mondo ed a sfogare le proprie frustrazioni, senza alcuna fiducia negli altri ed ignorando ciò che di buono c'è. E mentre tutti si aprono ed i confini diventano interplanetari, il grande pioniere della democrazia e delle società del futuro vuole tornare indietro. È finita, Beppe torna a casa, dai un bacio a tua moglie, telefona ai tuoi figli e goditi la pensione.
    • giorgio d. Utente certificato 3 anni fa
      MERAVIGLIOSAMENTE IN SINTONIA CON TE!
    • Jimmy C. 3 anni fa
      Alessandro, se i movimentisti fossero tutti fessacchiotti come te, sarebbe bene che chiudesse veramente bottega il M5s. Ma grazie al cielo tu sei solo un altro quaquaraquà che minaccia la gente nascondendosi dietro al monitor, con i movimenti non hai niente da spartire. Sai quanti siete, brulicate anche su Youtube, bulli online, bruttini e sfigati là fuori. Niente di nuovo sotto al sole
    • alessandro moriconi 3 anni fa
      E se domani qualcuno ti venisse a cercare a casa? Così magari eviti di scrivere minchiate del genere
  • lorella lisciani Utente certificato 3 anni fa
    LA PENTOLA DI MARIO E ANGELA – La situazione attuale dell’eurozona rassomiglia a quella di una cucina affollata e chiassosa. Sul fornello c’è una pentola a pressione che sta cuocendo un succulento brasato: i paesi periferici dell’UE, cioè Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia e Spagna (in sigla: PIIGS, maiali). Dentro c’è un po’ di tutto: i lavoratori a cui vengono tolti i diritti attraverso le “riforme strutturali”, le piccole imprese che chiudono, le imprese più grandi in odore di acquisizione da parte dei capitali del “centro” dell’Unione europea. E sono proprio questi capitali i commensali che aspettano di mangiare il brasato cotto a puntino da due chef di eccezione: Angela Merkel e Mario Draghi. Ma c’è un problema. La pentola a pressione ha la valvola difettosa e per giunta il manometro rotto. Mario ed Angela, procedendo a tentoni, devono evitare un doppio rischio: se la pressione è troppo alta la pentola potrebbe esplodere, se è troppo bassa la carne rimarrà cruda. Così ogni tanto aprono la valvola per far sfiatare il vapore, ma non troppo e soprattutto quasi sempre all’ultimo secondo prima che la pressione faccia saltare il coperchio. In altri casi invece alzano la fiamma sotto la pentola. Come se non bastasse, i commensali mostrano tutta la loro impazienza e mandano di tanto in tanto degli emissari in cucina a protestare, il più chiassoso dei quali è il governatore della Bundesbank Jens Weidmann. Riusciranno Draghi e Merkel nella loro impresa? LA DEFLAZIONE – Se nella prima fase della crisi dell’eurozona la Germania ha imposto l’austerità ai paesi periferici, ora il nuovo mantra sono le “riforme strutturali”, vale a dire liberalizzazioni, privatizzazioni e riforme del mercato del lavoro (a sfavore dei lavoratori, si intende). Entrambe le misure però stanno avendo come effetto la deflazione, cioè la riduzione dei prezzi, effetto della riduzione dei salari e del crollo della domanda nei paesi deboli. Continua nella discussione.
    • lorella lisciani Utente certificato 3 anni fa
      In questo caso si tratterebbe di una deflagrazione improvvisa, che potrebbe iniziare con l’uscita di un paese periferico dall’euro, seguito a ruota da tutti gli altri, in modo scoordinato e senza nessun paracadute. L’ALTERNATIVA – Lo scenario alternativo non è però più rassicurante perché significa che Draghi e Merkel riusciranno a “cuocere” la pietanza: i paesi periferici. Ciò a cui si assisterebbe in questo caso è quindi non solo una crisi alla giapponese, con bassissima crescita dell’eurozona, ma la continuazione della divaricazione tra “centro” e “periferia” e l’acquisizioni delle grandi imprese dei paesi periferici da parte di quelle degli Stati dominanti, peraltro già iniziata. Una sorta di colonizzazione insomma, favorita dai processi di privatizzazione e liberalizzazione. Che una situazione del genere possa durare ininterrottamente è difficile da immaginare. Mentre le aree povere degli Stati nazionali godono dei trasferimenti fiscali, infatti, le periferie europee non hanno alcun sostegno dai paesi forti. Anche in questo caso si ripropone quindi la possibilità di una rottura. Ma a quel punto potrebbe essere la stessa Germania a dichiarare finita l’esperienza della moneta unica, dopo aver incassato i suoi dividendi, per non pagarne gli inevitabili costi. E tutto questo avviene mentre la politica sembra non avere alcuna idea su come togliere la pentola dal fuoco.
    • lorella lisciani Utente certificato 3 anni fa
      Tolta di mezzo la spesa pubblica e il consumo privato, l’unica fonte di domanda rimangono le esportazioni, ma per recuperare la competitività perduta rispetto alla Germania la deflazione dovrebbe aggirarsi intorno al 20%, e di questo passo ci vorrebbero decenni. La deflazione (o comunque un aumento dei prezzi ridotto rispetto a quello atteso) ha però un effetto collaterale potenzialmente catastrofico, quello di aumentare gli interessi reali e quindi aggravare la posizione dei debitori. Austerità e tendenza deflattiva rendono così insostenibili i debiti per imprese e famiglie (ma lo stesso discorso può estendersi ai governi) e quindi le sofferenze bancarie aumentano vertiginosamente. Con quali risultati? GLI SCENARI - Se le banche incominciano a fallire a causa dei debiti non rimborsati dai debitori insolventi, la pentola dell’euro è a rischio. Finora le contromisure sembrano insufficienti: il fondo salva-stati è troppo piccolo e i farraginosi e discutibili meccanismi dell’unione bancaria e della vigilanza BCE, recentemente approvate, non convincono gran parte degli esperti, anche perché lasciano fuori dalla lente dell’eurotower le casse di risparmio tedesche. Nonostante l’abbassamento dello spread, insomma, la crisi dell’euro non è affatto passata. Del resto i mercati che oggi segnalano maggiore fiducia nella tenuta dell’area euro chiedendo tassi di interessi nominali meno onerosi, sono gli stessi che per un decennio hanno creduto che Grecia e Germania presentassero gli stessi rischi. In questa situazione Merkel e Draghi si muovono sul filo di un rasoio e il terrore per la deflazione manifestato dalla BCE ne è la dimostrazione. Un errore di valutazione, un intervento in ritardo o un nuovo shock esterno potrebbero quindi scombinare i piani e riportare le lancette dell’orologio al 2011, cioè ad un passo dalla deflagrazione dell’euro.
  • marco volpe Utente certificato 3 anni fa
    E se domani... il Movimento dovesse portare avanti un progetto di questo tipo smetterò immediatamente di essere attivista e di votare il Movimento. Queste sono le stronzate della Lega Nord, ne fossi stato interessato l'avrei votata in passato. Viva L'Italia unita. Un'Italia non governata più da questa classe politica, ma ripulita per mezzo del Movimento. Ma mai divisa. Viva l'Italia.
  • claudio d. Utente certificato 3 anni fa
    Evvai!!! Ancora due o tre di questi post e di uscite come quelle di questi ultimi giorni e il M5S sarà fatto da Grillo, i suoi consigliori e quei tanti suoi acefali seguaci che non sanno far altro che osannarlo, acefali come tutti i tifosi religiosamente fedeli che, in quanto tali, non hanno mai esercitato alcun senso critico nella loro vita, del tutto simili ai loro analoghi degli altri schieramenti politici. Ma la base vastissima dell'elettorato, quella il M5S la perderà. Peccato! Ancora una volta gli Italiani avranno dimostrato di valere molto di più dei pagliacci che salgono sui palchi a blaterare di politica, di essere capaci di esprimere una grande voglia di cambiamento, senza trovare portavoce validi ed affidabili. La domanda sorge spontanea: ma Grillo, ci fa o ci è? Mi viene anche il dubbio che qualcuno lo minacci o lo paghi per disintegrare il Movimento che ha creato. Troppo pericoloso per la politica italiana ed europea. Io sogno una formazione che riesca ad attrarre la brava gente, che in Italia credo/spero superi il 25% del M5S, in cui il capo non sia il proprietario di un blog ma uno democraticamente eletto e che non faccia il capo ma qualcosa di simile ad una guida. Insomma sogno un Movimento senza Grillo, che i cazzi suoi se li è fatti e se li fa urlando battutone ad effetto. Mentre la gente langue. Mentre la gente si dibatte nel tentativo di aggregarsi attorno ad un nucleo che possa mandare veramente tutti a casa, a cominciare dai pazzi visionari. Ma se Grillo rimarrà quello che sta dimostrando di VOLER essere, sarà stato un'altra cocente delusione per tutti quelli che non hanno mai votato per interesse personale ma sono sempre andati alla ricerca di un'alternativa qualificata e qualificante per il Paese. Peccato! Forza Grillo, stai facendo un grande favore a Renzi, Berlusconi e compagnia bella! Il loro più grande alleato o...un utile idiota.
    • Jimmy K. 3 anni fa
      Sono d'accordo con tutto quello che hai scritto, tranne il fatto che i movimenti li abbia "creati" Grillo. Nemmeno per idea, sarebbe gravissimo un revisionismo a breve termine fatto così. I movimenti esistevano già da molto prima. La Casaleggio Associati insieme a Grillo li ha solo assorbiti e indrizzati attraverso i meetup, il blog e l'attività di marketing-influencing online della quale Casaleggio è specialista. Il fatto di intestarseli è avvenuto gradualmente, piano piano a passi successivi, c'è un azienda privata proprietaria del marchio che gestisce un partito adesso. I movimenti sul territorio ci sono ancora, ma il controllo è ormai al partito come si è chiaramente visto ultimamente. Chi dissente, dicono, "é fuori dal movimento". In verità dai movimenti nessuno può cacciare nessuno perché nessuno ne è proprietario, i dissenzienti sono semplicemente espulsi dal partito M5S. Il trucco consiste nel chiamare un partito privato gestito da un azienda a scopo di lucro "movimento". Muoviamoci da questa consapevolezza per capire meglio cosa succede.
  • cosma d. Utente certificato 3 anni fa
    Come al solito sono tantissimi interessati ai post di Grillo(?). Piu' leggo questi post e piu' sono persuaso che gli italiani sono pronti per un dittatore.
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      Attualmente i dittatori sono un migliaio e si chiamano parlamentari. Meglio uno, no?
  • OPS Roma 3 anni fa
    Ci siamo avviati su una strada senza ritorno, vale a dire che il diritto pubblico viene sostituito con quello privato, meglio definito Commerciale.
  • emilio ramponi 3 anni fa
    ITALIA una sola indivisibile senza regioni senza province senza governi inutili ma fatto da 60 milioni di condottieri veri forti e uniti.
    • Baldazzi 3 anni fa
      60 milioni di condottieri veri forti e uniti ? E le gonadi non le conti ?
  • lorella lisciani Utente certificato 3 anni fa
    E se molti. . . prima di scrivere senza alcuna cognizione di causa, avessero aspettato il post dopo questo, avrebbero capito qualcosa di più. . .forse! Forse Grillo voleva sondare a che stadio di incoscienza siamo. Purtroppo signor Grillo è sconsolante sapere che molti sono allo stadio "piatto". I miei interventi, sia quello di stamane, sia l' altro nell' E se oggi, concordano e sperano a pieno nella sua visione "avanzata".
    • lorella lisciani Utente certificato 3 anni fa
      Quando ho fatto un commento l'ho sempre firmato. Nome cognome e luogo. Perchè non ho nulla da nascondere. Neanche i miei familiari. Anche se non c'entrano nulla!!!
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      lorella, la corruzione unisce chi? i tuoi famigliari? Perchè la corruzione è reato e chi non la combatte sono solo i mafiosi. Vivi in una famiglia di mafiosi tu?
    • lorella lisciani Utente certificato 3 anni fa
      A parte la corruzione, che unisce e rinsalda una parte dell'Italia,(degli italiani) non conosco molti altri motivi che ci stanno unendo.
    • giorgio d. Utente certificato 3 anni fa
      Ma chi c...o pensa di essere per sondare sulle cazzate. Pensi a risolvere propositivamente i problemi degli ITALIANI senza dividerli. Se no vada tranquillamente in pensione, non abbiamo bisogno di lui.
  • Lady Dodi 3 anni fa
    Cari Ragazzi, che poi vi lascio e mi dedico al Fiscal Compct, dovete sapere che LE STRADE DELL'INFERNO SONO LASTRICATE DA BUONE INTENZIONI. Mi riferisco a quel migliaio d'idealisti che volevano l'Italia unita. Parlo di un mazzini, non certo di un Cavour il cui piccolo Regno era sull'orlo della bancarotta. Lo stesso sta avvenebdo per l'Europa Unita. Dopo la guerra, esausta , distrutta , e annichilita l'Europa , quattro Belle Persone, con nobilissimi intenti, hanno sognato un'unione per il fututo e per sempre. . Quell'Europa che invece è diventata una matrigna. Lascio a voi le conclusioni, ma tenete sempre presente che il Meglio è nemico del Bene.
  • Enrico Posillico 3 anni fa
    Beppe Grillo ha definito l'Italia un'arlecchinata di popoli ventilando la possibilità di creare delle macroregioni sulla falsariga dei precedenti stati preunitari. In primis la Repubblica Veneta ed il Regno delle due Sicilie. sono d'accordo sulla pluralità di popoli o, meglio, nazioni che abitano la penisola italia, concetto peraltro già ben espresso dal Metternich al Congresso di Vienna nel lontano 1815 quando definì l'Italia una "espressione geografica". Tale l'Italia è rimasta malgrado i 150 anni e passa di pseudo unità durante i quali l'ex Regno delle Due Sicilie ha avuto il ruolo di colonia da sfruttare dopo essere stato depredato, saccheggiato, privato dei suoi uomini migliori costretti ad emigrare e ridotto nello stato pietoso in cui attualmente versa. Ben venga quindi la divisione (meglio la secessione) in macroregioni sulla base della nazionalità ma tenendo conto di quali criteri? Intanto è bene definire il concetto di Nazione. Una nazione è tale quando i suoi abitanti sono uniti da una stessa lingua, dagli stessi costumi e tradizioni, dalla medesima storia. Se il sottoscritto, di nazionalità napoletana, si esprimesse in "lingua napoletana" sarebbe certo di essere compreso da Civitella del Tronto fino a Reggio Calabria perché unica è la radice linguistica dall'Abruzzo alla Calabria, unici sono i costumi e le tradizioni, unica è la storia per oltre 900 anni. Ragionamenti analoghi sono validi per il Veneto, la Sicilia, la Sardegna,la Toscana e la Liguria. Al di là della nazionalità il vero problema di queste ipotetiche macroregioni è l'assetto economico delle stesse che deve prevedere un meccanismo che consenta alle singole regioni di partire su un piano di parità assicurando a tutte le medesime potenzialità indipendentemente dallo stato attuale di produttività. Una equa ripartizione delle risorse in rapporto al numero di abitanti potrebbe essere una possibile soluzione del problema
  • Lady Dodi 3 anni fa
    Scusate l'ignoranza, volevo segnalare col bollino verde un commento che approvavo, ho schiacciato voto commento e mi sono usciti quattro bollini rosii. Il contrario di quel che volevo. Poi con "discussione" mi sono scusata con l'interessato ma, come si fa ad approvare col verde?
    • GIANNI SOLIA Utente certificato 3 anni fa
      come vedi ti ho votato verde! Non capisco il tuo problema.
    • paolo g. Utente certificato 3 anni fa
      Eccola scesa nel blog l ultima ultras fan grillina, con quoziente intellettivo pari a un girasole che sparge commenti a cazzo ma che alla fine della storia non sa nemmeno dare una preferenza a un post. Eccellente mr Burns!
  • Domenico Orsini 3 anni fa
    E così il M5S, da me votato, si ridurrebbe in sintesi ad un movimento secessionista? Peccato....
    • Maria Y. Utente certificato 3 anni fa
      Tutto il contrario, Beppe parla di Federalismo, non di scissione. Decentralizzando il potere.
    • Alessandro B. Utente certificato 3 anni fa
      IL POST ERA CHIARISSIMO! un altro esempio palese di come la stampa giochi a spararci a zero. Non aver afferrato il concetto del post lo posso capire dal "semplice utente" ma non da un giornalista pergiunta "magari" laureato! Il titolo richiama già i vecchi titoli dei post dei giorni scorsi su Ucraina e Sarajevo... L'immagine è quella dell'italia del 1850: il testo... ma dimmi un pò te dove stà in tutto questo la "seccessione"!?
    • udino 3 anni fa
      Se Grillo vuole dividere L'talia , sicuramente non avrà il mio voto .
    • Giovanni Bellingeri Utente certificato 3 anni fa
      Perché "secessionista" ? Non mi pare
    • Lady Dodi 3 anni fa
      Credo lei non abbia capito.
  • Lady Dodi 3 anni fa
    Per Vincenzo LoMBARDO se mi legge. Guardi che succede esattamente il contrario! Chi vuol dominare un altro Stato HA ASSOLUTO BISOGNO che sia UNITO! L'esempio più recente è l'Ucraina. Non vede il terrore UE, USA che si divida? E' molto più facile con un solo pupazzo ad hoc, comandare! Altro esempio l'Irak, se si fosse diviso in tre come ERA diviso in tre: Sciti al Sud, Curdi al Nord e Sunniti al centro, col cavolo che ne avrebbero avuto ragione! Del resto Saddam era stato messo apposta lì per ....essere comandato e finchè è servito.
  • Matteo V 3 anni fa
    A ruota libera. L'inseguimento opportunistico del consenso senza alcun pensiero politico e strategia di lunga durata. E così fa il comunista per prendersi i voti dei comunisti, il fascista per prendersi i voti dei fascisti e ora il leghista per sottrarre consensi anche alla Lega. Non è nulla di tutto ciò, è chiaro. Politicamente non è nulla. Le sue esternazioni sono solo gli stramazzi di un webvenditore che non ci ha mai capito niente né di politica né di economia (di quest'ultima soprattutto). Quello che sa fare è soltanto il teatrante, il buffone (in senso letterario, non offensivo) e per farlo sa che deve strizzare l'occhio al pubblico pagante. Poi non importa se per farlo bisogna gettare fango e menzogne su Dante, su Boccaccio, su Manzoni, su Mazzini, su Garibaldi, su millenni di storia, sul passato glorioso, l'unico che ci tiene per ora in vita (non ancora per molto). Quell'Italia che Grillo infama si è rialzata dalle macerie della guerra ed è diventata in pochi decenni la sesta potenza economica mondiale. Ora è ridotta a strisciare dalle banche straniere a causa di quelli come lui, come Renzi, come Berlusconi, che di economia politica non capiranno mai niente.
    • Giovanni Bellingeri Utente certificato 3 anni fa
      "Ora è ridotta a strisciare dalle banche straniere a causa di quelli come lui, come Renzi, come Berlusconi, che di economia politica non capiranno mai niente." Come se Grillo avesse partecipato, in qualche modo allo sfascio della sesta economia mondiale .... e come?
  • Lady Dodi 3 anni fa
    GABRIELE SCOLLO, e se domani......mio nonno avesse le ruote..... Cosa vuol dire e se domani l'Europa si unisse? Non se n'è accorto che ci sono cosucce come l'Ucraina e non solo e che questa Europa , in genere, non piace nemmeno a se stessa? Non è che io sia contraria ( sempre meglio dei politicanti italiani!) ma non mitizziamo ridicolmente le cose! Speriamo anzi, non venga mai fatta come è stata fatta l'Italia!
  • Lady Dodi 3 anni fa
    E che altro poteva dire STEFANO P; essendo di....Roma?! Quanto all'altro STEFANO, non può evitare le lenzuolate che fanno passare la voglia di leggerla?
  • Paolo Galante 3 anni fa
    Stare nel Movimento è un viaggio in treno, un viaggio faticoso, scomodo, in una carrozza di terza classe verso un luogo che è nei mie pensieri da tanto tempo. Sembra ancora lontano ma ci arriveremo. Non tutti.A volte il treno rallenta, si ferma. Scende uno che conosco.Lo chiamo: “Senatore, che fa, si ferma qui?”.Dice che non c’è democrazia. Dal finestrino vedo scorrere all’indietro veloci come pali del telegrafo figure di uomini e donne che hanno abbandonato il vagone perché non c’e la poltrona di velluto rosso, solo sedili di legno. Addio Senatore! Questo è il viaggio della Speranza, è il mio treno e per me passa solo questa volta.
  • Gabriele Scollo 3 anni fa
    ma prima di scrivere ste boiate Grillo non lo chiede il consenso della rete? e se domani l'Europa si unisse come un unico Stato e la si smettesse di trincerarsi dietro confini immaginari sempre più piccoli? basta con quest'ignoranza!
    • Giovanni Bellingeri Utente certificato 3 anni fa
      il parere "personale" di Grillo equivale al tuo e al mio ... non abbiamo bisogno di alcuna accettazione da parte della rete
  • Gianfranco C. Utente certificato 3 anni fa
    Tutto il discorso concettuale non fa una sola grinza. IL sistema così come è non funziona assolutamente. Non ha senso. Milioni di cittadini ignari litigano contro loro stessi per difendere i privilegi di poche migliaia. Tasse e aliquote non sono più sostenibili considerato che avrebbero soltanto lo scopo di continuare a permettere quelle poche migliaia di reggere il loro lusso e i loro privilegi. La democrazia non è più tale, non esiste e non si vede alcun senso logico nel continuare in questo sfascio. E' già una guerra di sopravvivenza personale per cui cosa potrebbe cambiare se diventasse una sorta di gestione regionale al 100%? Davanti al peggio che è qui davanti ai nostri occhi cosa può accadere ancora di meno? Se la lega riesce a trovare la vera propria dignità originale e se il M5S riesce a fare combaciare le stesse idee, anche quasi simili, accettabile qualunque soluzione purchè questi ladroni siano messi in condizione tale da dileguarsi. Non era questa l'Italia di Garibaldi e neanche di Bixio, quindi che accada ciò che deve accadere.
  • Simone B. Utente certificato 3 anni fa
    FUORI I TROLL DEL PD DAL BLOG!
  • Giulio C. Utente certificato 3 anni fa
    Non capisco. Non capisco 2 coserelle. UNO VALE UNO 1)Grillo, con i post devi parlare alla casalinga di Voghera come all'intellettuale. Ti rendi conto che i voti di milioni di persone che non hanno tempo per capire post come questo valgono quanto quelli degli intellettuali? L'unico ' uno vale uno' purtroppo riguarda un aspetto che sembra che tu non conosca. Un po' grave per chi dice di volere mandare tutti a casa. Avevi cominciato bene. Raggiugiamo la casalinga (tutto il rispetto) con Di Maio, Di Battista, Morra ... sparandoli nell'unico strumento che sono in grado di usare: la Tv. Avevi di nuovo acceso le mie speranze. Ma se la comunicazione è un post come questo non potrai altro essere che un perdente e la gente non vota per un perdente. Il nostro 25% incorniciamolo, non lo vedremo mai più. COMIZI A PAGO 2) TE LA DO IO L'EUROPA I comizi sono gratis da che mondo è mondo. Un comizio a pagamento non lo farebbe neppure il più ingenuo dei politici. Poveri i nostri voti ps blog INUTILE PER NOI CHE SCRIVIAMO ,come scrivessimo SU UN MURO imbrattato DOVE chi può risponderti è SOLO UN ALTRO IMBRATTATORE DI MURI. In accordo con , l'imbrattatore di muri delle 11.24, Pietro Melis
    • Lady Dodi 3 anni fa
      Guardi che Grillo non ha bisogno dei suoi "suggerimenti", dati i risultati, non Le pare?
  • Stefano 3 anni fa
    SEGUITO... Mi spiace constatarlo, ma troppo spesso l'Italia non e' una, forse sara' perche' storicamente siamo sempre stati divisi, ma quasi nessun cittadino ha una sensazione di unitarieta', per gli italiani prima di tutto viene il comune, poi la regione e solo per ultima la nazione, in quasi tutti gli altri stati e' l'opposto. In ogni caso, le proiezioni probabilistiche a lungo termine prevedono che inevitabilmente si spezzeranno in due sia l'Italia che l'Europa stessa, il che' devo dirvi un po' mi dispiace considerando tutti i nostri antenati che sono morti come mosche per ottenere una Italia unita ed una Europa unita. Sembra che le guerre, a conti fatti, non abbiano mai avuto senso di esistere, prima ci spariamo, poi diventiamo "amichi" e fabbrichiamo le radioline insieme e poi rilitighiamo... tutta energia sprecata... Considerate che invece di andare su Marte ancora continuiamo a perdere tempo con quesioni di lana caprina... Saluti, STEFANO
  • Stefano 3 anni fa
    Il concetto di Federalismo non sarebbe sbagliato, tuttavia la sua applicazione. almeno in Italia, di fatto aumenta gli sprechi dovuti all'aumento dei centri di costo e alla conseguente mala gestione perche' qualunque occasione per depredare le risorse pubbliche non viene sprecata, al Sud, al Centro ed al Nord, su questo siamo tutti d'accordo purtroppo. Per contro pero' degli amministratori locali sono piu' informati delle varie situazioni locali, va conciliata una formula bilanciata bene che concili queste esigenze opposte. C'e anche da dire che a rigore il concetto di federalismo si concretizza quando vari Stati separati si uniscono insieme e NON quando uno Stato Unitario si spezza in piu' parti... Il programma della Lega sembra spesso abbastanza buono ma si limita ad una proiezione territoriale parziale (sebbene alquanto grande). Riguardo al Centro, spesso vengono identificate con Roma o i Romani delle persone poco serie e responsabili della mala gestione: nello specifico c'e' da dire che il parlamento e' composto quasi interamente da persone non romane, del nord o del sud e che i romani farebbero volentieri a meno di tutta questa confusione generata da questi signori nella propria citta'.. Limitatamente solo gli impiegati dell'amministrazione pubblica potrebbero avere qualche problema di spostamento se si decentrassero le amministrazioni. Ma probabilmente in citta' piu' piccole vivrebbero senz'altro meglio. L'idea delle macroregioni non sarebbe del tutto sbagliata, ma piu' che da un punto amministrativo forse andrebbe fatto piu' dal punto di vista economico e logistico e non dovrebbe limitarsi solo al territorio italiano ma estendersi anche agli stati confinanti, come gia' avviene in alcune parti d'europa e del mondo. SEGUE...
  • Pino S. 3 anni fa
    Si parla tanto di decentramento di abbattimento dei costi, e allora perché non facciamo riprendere la sanità al governo ricreando il Ministero della Sanità e non sciogliamo le Regioni delegando tutto il resto agli Enti territoriali? Quale migliore scelta di risparmio il decentramento dei poteri politico-amministrativi a livello locale. Le Province, i Comuni e le Circoscrizioni sono la maggiore e migliore espressione del decentramento, le Regioni quello più costoso. Presidenti di Provincia, Sindaci, Presidenti di Circoscrizione e Consiglieri sempre a stretto contatto con il territorio, con la gente e con i problemi a 360° (attività produttive, cittadini e territorio); senza rimborsi elettorali, senza VITALIZI, con mensilità risibili al confronto di quelle percepite dai Consiglieri e dagli Assessori Regionali, a volte, alcuni Sindaci, Assessori Comunali o Consiglieri espletano il loro mandato solo per spirito di servizio SENZA PERCEPIRE NEANCHE UN RIMBORSO SPESE o IL GETTONE DI PRESENZA . Questi Enti sono importanti e fanno veramente da trait-d’union tra lo stato e i cittadini sempre più anziani e bisognosi di non essere abbandonati a se stessi, vedi la conformazione geologica dell’Italia.Forse sono un sognatore ma io la vedo in questa maniera.
  • L'Altro Sud 3 anni fa
    Pensare ad una diversa strutturazione dello Stato italiano è un atto di concretezza e intelligenza politica. Per noi meridionali l'unità italiana è stata una vicenda storica drammatica di vera colonizzazione e di discriminazione sociale a dir poco feroce. Dunque, un plauso da L'Altro Sud a Beppe Grillo se continuerà a battersi su questo tema che non potrà che far convergere le nostre strade. Bravo e avanti così. presidenza de L'Altro Sud-UDS
  • Stefano P. Utente certificato 3 anni fa
    NO L'Italia è UNA ed Indivisibile . Migliaia di persone hanno dato la vita per questo fine , a ragione o torto, per fini nobili o meschini . Tornare indietro di duecento anni è Insensato . Invece di superare i problemi con le suddivisioni , dovrebbero essere superati con le unioni ... Perchè L'Italia non può fare come ha fatto la Germania dopo la Reunificazione ? Perchè dobbiamo sempre essere sotto l'indice di accusa delle altre nazioni e sotto il ditino ammonitore dei tedeschi ? Perchè dobbiamo sempre essere l'ultima ruota del carro?
    • francesco luigi cavalli Utente certificato 3 anni fa
      come qualunque stato, anche l'italia dovrebbe riflettere le necessita' e la volonta' dei popoli che abitano sul suo territorio. Che cosa significa che DEVE essere INDIVISIBILE? Sono i popoli liberi che decidono mediante il voto che cosa DEVE o NON DEVE essere. L'infame stato italiano e' stato creato con guerre, violenze e sopraffazioni di ogni tipo: per quale motivo non si puo' pensare che la volonta' popolare possa porvi rimedio? Per ottemperare agli interessi di una galassia di (euro)burocrati parassiti, con i loro ministeri, strutture, uscieri, pensioni ed avanzamenti di carriera? Non sono mica loro a produrre le risorse che consumano, farebbero bene a pensarci....
    • emanuele g. Utente certificato 3 anni fa
      Giustissimo. Tiriamo fuori un Po di orgoglio nazionale , ce l hanno persinonazioni del 3 mondo. BHo io gli italiani nn li capisco davvero forse che nessuno ci ha insegnato bene cosa vuol dire essere un popolo fiero. Qualcosa nn ha funzionato
    • Lady Dodi 3 anni fa
      E chi l'ha detto? L'ha forse ordinato il dottore?
  • leonardo g. Utente certificato 3 anni fa
    A QUELLI CHE SONO DA GILETTI DITE CHE COME è STATA FATTA UNA LEGGE TRUFFA PER DARE IL VITALIZIO HAI POLITICI SI DEVE FARE UNA LEGGE PER ABBOLIRE TUTTI I VITALIZI ALTRO CHE DIRITTI ACQUISITI , ALLORA PURE LA PENSIONE AGLI OPERAI ERA UN DIRITTO ACQUISITO, IVAN SCALFAROTTO DEL PD E UNO STRONZONE PARLA IN UN MODO MA RAZZOLA MALE IL PEZZO DI MERDA
    • Lady Dodi 3 anni fa
      Giletti è una cosa mostruosa. Non so se un programma così in un Paese civile...
  • leonardo g. Utente certificato 3 anni fa
    chiedete A QUEL COSO DEL PD CHE è DA GILETTI ADESSO COME HA VOTATO PER RIDURRE GLI STIPENDI HAI POLITICI
  • libera p. Utente certificato 3 anni fa
    Che schifo Rai 1, che schifo Giletti, viscido... trasmissioni demenziali, prese in giro agli italiani che ci cascano, poveri voi!! Quanta stupidità!! Che schifo la Rai... che schifo la televisione in genere. Ogni scusa è buona per screditare il Movimento 5 Stelle, quante menzogne... Bastardi.. perché Beppe ed il movimento fanno così paura?
  • luigi di pietro Utente certificato 3 anni fa
    Per me L'Italia e' tanta piccola che la si puo' governare con un governo cetrale. Senza le regioni Per far questo bisogna che gli italiani votino gli onesti, ed imparano a camminare eretti.
  • libera p. Utente certificato 3 anni fa
    Il M5S combatte per togliere l'Italia dalle mani dei soliti partiti che hanno distrutto l'Italia. Chi scredita e diffama il M5S l'ho detto e lo ripeto, è scemo o corrotto. Mi piacerebbe guardare in faccia queste persone. Farebbero una figura meschina, li smonterei pezzo per pezzo... perché sono persone disinformate, ignoranti, false, stupide, soprattutto cattive e sicuramente hanno grossi problemi esistenziali.
    • Jimmy K. 3 anni fa
      JAWOHL MEIN FUHRER ! Credere, obbedire, combattere.
    • Enrico Di Giambattista (agawolf) Utente certificato 3 anni fa
      Scemo o corrotto sarai tu.
    • Simona Diodato Utente certificato 3 anni fa
      Vai avanti, coraggio: li metteresti in campi di concentramento, provvederesti alla loro rieducazione o alla creazione di una pura razza stelliana. Ok, ma queste cose le hanno giá fatte, mi spiace dirti: sempre fallite. Proviamo con la libertá di pensiero, ti va? Uno vale uno, ma mica solo nel M5*. Altrimenti si tratta di setta, non di movimento. E di dittatura, nel momento in cui andasse al potere. Tranqui, non accadrá: i sogni si monetizzano molto meglio delll'amara realtá....
    • teodora a Utente certificato 3 anni fa
      Accidenti che violenza! Ti autodefinisci e non sei consapevole delle cavolate che butti fuori. Tutti sono ignoranti. Tu sei l'unica che sa tutto. Sei anche modesta! Ma che fai nella vita?
  • john 3 anni fa
    ...Badate che non è stata detta una oscenità, e cmq è più una provocazione. Una cosa è certa, l'Italia non è governabile, siamo al 3 mandato senza consultazioni elettorali. Siamo daccapo in altre parole,anzi peggio, immaginatevi un paese estero che si veda continuamente ad interloquire con un ministro diverso ogni 3 mesi...e questa sarebbe solo la parte comica...quanta gente continuerà a perdere il posto di lavoro... quante aziende andranno in Romania a godere degli aiuti europei pagati da noi Italiani... quanti suicidi? Insomma così non va gente,è ovvio, occorre una sferzata di vitalità...una ventata di aria fresca,un grande cambiamento radicale. Se sia la strada giusta non lo so e non credo che lo sia, ma una repubblica federale sarebbe meglio sicuramente di una farsa di repubblica centralizzata come siamo noi ( o voi) attualmente.
  • A. B. 3 anni fa
    http://bisantium.wordpress.com/2014/03/09/beppe-e-i-borbone/
  • libera p. Utente certificato 3 anni fa
    Beppe Grillo e il M5S non hanno distrutto l'Italia, questo è certo, sfido chiunque a dichiarare il contrario. Se non è stato il M5S chi rimane? Vi sembra normale che Renzi massone, condannato per danno erariale, imposto in modo anticostituzionale, prenda accordi con Berlusconi, un altro condannato e insieme dettino legge agli italiani? Chi ha distrutto l'Italia? Chi ha votato i politici che hanno distrutto l'Italia?
  • john f. Utente certificato 3 anni fa
    Con queste considerazioni del post, la stampa di regime ha già classificato il movimento come secessionista, al soldo della lega, anti italiano. Preferirei che certi argomenti non venissero riesumati dal cimitero della storia italiana. NON DOBBIAMO GUARDARE AVANTI?
  • wiwa la parre 3 anni fa
    ----I puntini sugli i:i:i:i:i:---- chi racconta puttanate e' un puttanone/a chi racconta cazzate e' un cazzaro/a chi spara bugie, gli s'infila il naso chi non compie il proPio dovere e' sdotato chi non segue le regole e' e sara' sregolato chi non capisce stipidisce chi non conosce ,proposce chi lavora lo'gora chi non lavora tra'vasa chi trasmette rimette chi sconquassa rinquazza l'esagerazione porta mascalzone (evitare i chi cazz..pleas) ---ma Si'..in fondo in fondo siaMo StaTi tutti un po' …. ---e chi piu' Ne' ha ,,per carita' non c'e' ne Metta.--- WiWa l'Italia Ecce/o l'L'Italiani
  • vincenzo lombardo 3 anni fa
    Ormai sei allo sbando. E al servizio dei criminali che tendono a spezzettare gli stati per meglio controllarli e dominarli. Una delusione totale. Spero che altra gente di sinistra come me prenda le distanze da questo duo demente ed autoritario. Corri, la Lega ti aspetta. Chi di favvanculo ferisce di favvanculo perisce.
  • teodora a Utente certificato 3 anni fa
    Beh, ormai, è tutto chiaro!
  • Mario Falcon Utente certificato 3 anni fa
    Caro Grillo sinceramente mi sono stufato di scrivere sempre commenti che non hanno mai un riscontro. Ho inviato il mio curriculum per partecipare alle prossime elezioni europee, ed anche in questo caso nessuna risposta!!!! Infatti le mail che mi giungono oramai neppure più le leggo. Sono davvero rammaricato per questo atteggiamento del movimento, sul quale ponevo fiducia. Così continuando caro Beppe mi sa che la tua percentuale calerà di non poco. Non te lo auguro di certo ma rifletti sul modo di gestire la rete e quindi i tuoi seguaci.
    • leonardo g. Utente certificato 3 anni fa
      MA CHE VUOI FARTI ELEGGERE ALLE EUROPEE COSI SENZA AVERE MAI FATTO NIENTE? MA SIAMO FUORI STE COSE NON LE FANNO NEANCHE IN FORZA ITALIA LORO PER FARSI ELEGGERE MINIMO DEVONO FARSI INCULARE DA BERLUSCONI E FEDE E QUELLI DEL PD LO SAI QUANTI POMPINI DEVONO FARE ? NEL MOVINENTO 5 STELLE ALMENO PARTECIPA ALLE RIUNIONI NON TI PARE OPPORTUNO?
    • Alessandro B. Utente certificato 3 anni fa
      Il riscontro te lo do io: anche io ho inviato il curriculum a mille ditte ma non mi cacano neanche per un posto da...: ma ti credi che nel movimento siamo solo io o te? Piuttosto: se vuoi fare qualcosa, esci con i tuoi amici e discuti con loro di quello che si scrive realmente sul blog: ché e non quello che passa per le televisioni! Capisco per il "semplice utente" ma, per un giornalista, dire che questo post propone la seccessione, o il giornalista è fatto... o è ancora una volta in malafede.
    • libera p. Utente certificato 3 anni fa
      Ti rendi conto di quello che stai dicendo? Non hai mai seguito l'attività del M5S se parli così. Hai mai fatto attività? Sei iscritto al Movimento? Da quanto tempo? Conosci i parlamentari del M5S della tua regione? Li hai mai contattati, hai fatto parte del gruppo? Non stai partecipando ad un concorso, pensa e rifletti prima di arrabbiarti e parlare a vanvera e tu vorresti candidarti a che cosa? mah!
    • Alessandro B. Utente certificato 3 anni fa
      Il riscontro te lo do io: anche io ho inviato il curriculum a mille ditte ma non mi cacano...: ma ti credi che nel movimento siamo solo io o te? Piuttosto, se vuoi fare qualcosa di utile, esci con i tuoi amici e parla loro di quello che si discute realmente sul blog: chè e non quello che passa per le televisioni! dire che c
  • teodora a Utente certificato 3 anni fa
    “...non rispondere ma clicca...” Quel saputello che dà questi suggerimenti, pensando di essere il padrone del Blog, si rende conto di quale visione del medesimo Blog offre continuamente? Uno è scomparso. Ma restano altri “padroni”….Povera Italia! Che magnifica DENOCRAZIA!
    • Pietro S. Utente certificato 3 anni fa
      A mio parere libera ha letto il post in modo giusto, la verità è che tu sei in malafede.
  • Simona Diodato Utente certificato 3 anni fa
    Ciao Beppe. É improvvisamente sparito il mio post. Che strano. Colpiva nel segno, giusto? Ora, ti spiacerebbe ripubblicarlo o spiegarmi perché l'hai tolto? Perché non ci fai un post, e provi a distruggermi, invece di distruggere le tracce? Grazie Beppe : uno vale uno, e siccome il mio voto purtroppo l'hai preso, fino alle prossime elezioni mi dovrai sopportare.... Brutta cosa, la democrazia, eh?!...non quella diretta, of course: quella la controlli come ti pare. Ultima cosa: quanto costa venire ai tuoi comizi?
    • film giavisto Utente certificato 3 anni fa
      cara simona io sono un ex schizzo di merda che sbagliò a votare a febraio 013 e dalla sicilia ti dico: se c'è da rimboccarsi le maniche e ripartire io ci sarò.... ma senza più "megafoni" a dettare legge
    • Simona Diodato Utente certificato 3 anni fa
      Ciao Emanuele. È stato tolto. Mi fa piacere che altri commenti taglienti siano rimasti: il mio no. Chiedilo a chi l'ha pure commentato...ahiahi positivamente. Troppo lungo per ripubblicarlo, eppoi se devo essere sincera sto per arrendermi, vincerá la Beppecrazia...qui, la Renzicrazia al governo, la Berlusconocrazia prima... Mi sto arrendendo: italiani siamo e italioti moriremo. Mi rimane l'energia per un solo V. Lo dedico a Grillo, il primo che me l'ha fatto esplodere dentro, ahimé proprio lui il primo e più che legittimo destinatario. Lui e Casapoundleggio, la persona più sintetica -non nel senso di breve- e immune ai sentimenti che abbia mai visto e conosciuto. Ragazzi, qui va tutto rifondato, prima regola: nessun capo, nessun Grillo parlante. Chi ha davvero la forza di ricominciare un percorso di orgoglio, identitá, costruzione, liberazione, affrancamento, in questo mare azzurro su cui dolcemente galleggia lo sguardo avido di Beppe Grillo? Azzeriamo e ripartiamo? Le basi erano quelle giuste, gli scopi deviati e devianti di chi pure le ha poste, no. Ma l'Italia va cambiata, non fermiamoci ai piccoli interessi di Grillo, Casaleggio e Associati (ehm, letterale...). Chi ha il coraggio di ricominciare dal punto in cui Grillo si è perso e ha iniziato a fotterci? Non smetterò mai di ringraziarlo per averci ispirato né mai abbastanza di detestarlo per averci reso contatti pubblicitari da rivendere. Se qualcuno ha davvero voglia di cambiare l'Italia, beh, lo dica chiaramente. Io, e moltri altri, siamo pronti.
    • Emanuele M. Utente certificato 3 anni fa
      Rispondo a Simona Diodato di Milano. Se scorri la paggine dei commenti troverai molti commenti taglienti tra cui il mio a pagina uno in cui dico chiaramente che Beppe ha detto una stronzata. Tu sei sicura di averlo postato il tuo commento? Dubito fortemente che sia stato cancellato. Invece di chiedre di rimetterlo perché non lo riposti tu?
    • marco duspiva 3 anni fa
      Io credo che sia necessario tornare a una situazione politica antecedente il 1970, articolando l'impianto istituzionale solo su 3 livelli: Stato centrale, Province (come organi intermedi, eventualmente dotati di autonomia amministrativa sul modello di quelle virtuose di Trento e Bolzano, e sottoposte alla vigilanza di un Prefetto) e Comuni. Tutto il resto va eliminato. Le regioni ci costano 180 miliardi/euro l'anno (di cui 80mld di sola spesa sanitaria alla mercè della politica). La sanità va sottoposta al controllo del Ministero dell'Interno (e dei Prefetti su base provinciale).
  • Luca 3 anni fa
    Io ero leghista oggi assai pentito , ma ero in buna fede credevo davvero che il decentramento federale sarebbe servito a migliorare economicamte la nazione , il federalismo non quella idiozia della secessione. La lega e'infiltrata e per me finita ipocrita e politicante pericolosa. Il progetto di creare 3 macro regioni aveva un senso negli anni 90, prima dell'euro oggi sarebbe il gioco della Germania , smembrarci in tanti pezzetti e venderci ai saldi . Idem per l'Italicum che ora si propone di togliere il senato e'follia pura, peggio e'il gioco di Bruxelles. Perché proprio ORA?! Da tagliare sulla spesa pubblica ci sarebbe molto di più , perché? Semplice qui l'obbiettivo non e'tagliare i costi ( senato irrisorio rispetto a 6 milioni di statali) ma indebolire la nazione già svuotata di potere politico fiscale monetario, per DISTRUGGERLA definitivamente . In quest'ottica parlare di macro regioni all'interno del sistema euro e'un suicidio nazionale. Eventualmente prima usciamo e poi se ne ridiscute eventualmente .
  • pietro maugeri 3 anni fa
    Ma che cazzo dici ..... e poi non mi pare sia nel programma del M5S !!!!
  • Daikus 3 anni fa
    L'unificazione dell'Italia, progetto nato dalla massoneria inglese e italiana, attuata dai piemontesi è stata una debacle su tutti i fronti: il dazio è stato pagato salatissimo, con fiumi di sangue dalle regioni meridionali. Ricordate quel campione della medicina del tempo chiamato Lombroso? Bene, i piemontesi l'avevano mandato giù per dimostrare che gli abitanti indigeni di quelle terre fossero tutti criminali e briganti affetti da malformazioni genetiche, quindi con il proposito di farne, di quelle terre, una grande selva o colonia tipo "Apache". Pensate che sia cambiato molto, tranne il fatto che, oggi, il Piemonte e qusi tutto il Nord sia falcidiato dalle fabbriche e sia disseminato da cadaveri eccellenti di imprenditori. Il riscatto di Mongiana: una porzione di terra borbonica dove le fabbriche erano fiorenti e dove esisteva il più grande centro metallurgico dell'ottocento. Il progetto, nuovamente massonico, di oggi trova la regia, ieri, dei piemontesi e di altri accoliti, oggi dalla combriccola europea annidata a Bruxel... Attenzione, quindi, a non ritrovarci domani recintati come la selva degli Apache!!
    • freiheit fur alles 3 anni fa
      GIUSEPPE GARIBALDI COME GIUSEPPE MAZZINI ERANO MASSONI, COME LO ERA NAPOLEONE BONAPARTE (QUESTO E' UN DISCORSO CHE APPROFFONDIRO' QUANDO PARLERO' DELLA SERENISSIMA REPUBBLICA DI VENEZIA) GARIBALDI COMBATTE' CONTRO L'ARGENTINA ALLORA STATO UNITARIO CHE COMPRENDEVA L'URAGUAY. GARIBALDI COMBATTEVA AL SOLDO DELLA MASSONERIA INGLESE E GRAZIE A QUESTE LOTTE CHE L'URAGUAY DIVENNE UNO STATO INDIPENDENTE DALL'ARGENTINA. GARIBALDI CADDE PRIGIONIERO DEGLI ARGENTINI E IL GIORNO DOPO LO ASPETTAVA LA FORCA. SI SALVO GRAZIE AL SIMBOLO MASSONICO CHE PORTAVA AL COLLO, NOTTETEMPO VENNE LIBERATO DAL MASSONE CHE LO AVEVA IN CUSTODIA. QUESTE COSE NON VENGONO SCRITTE NEI LIBRI DI STORIA.( GARIBALDI COMBATTE' ANCHE PER LO STATO DI RIO GRANDE DO SUD CHE DESIDERAVA L'INDIPENDENZA DAL BRASILE, L'OBIETTIVO NON VENNE RAGGIUNTO,MA LO STATO DI RIO GRANDE DO SUD OTTENNE UNA FORTE AUTONOMIA). LA MASSONERIA INGLESE SCELSE UNA CASA REALE MASSONICA I SAVOIA PER REALIZZARE I PROPRI MASSONICI DISEGNI IN ITALIA. I COSIDETTI " BRIGANTI" CHE I PIEMONTESI DOVETTERO COMBATTERE ALTRO NON ERANO CHE PATRIOTTI ( E FURONO MILIONI) CHE NON SI SOTTOMETTEVANO AI SAVOIA. LA STORIA VIENE SEMPRE SCRITTA DAI VINCITORI MA I VINTI NON DEVONO MAI DIMENTICARE L'ORGOGLIO DELLE PROPRIE LOTTE. ED E' TEMPO CHE LA VERITA' VENGA SCRITTA. MASSONI FUORI LEGGE PER SEMPRE QUESTO E' IL MIO DESIDERIO E LA MIA SPERANZA.
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      Massoneria? Ma che dici? La lega italica esisteva già duemila anni fa, e se non fosse per l'unione sempre presente tra popoli italici, oggi l'Italia sarebbe gestita da turchi, spagnoli, slavi, francesi, greci... e di certo si parlerebbero mille lingue diverse e i problemi sarebbero gli stessi se non peggiori. Ora e sempre viva l'Italia unita, e, chi non è daccordo, porti le sue terga altrove!
    • Lady Dodi 3 anni fa
      Mi deve scusare, non sono pratica e ho schiacciato per approvare e mi è uscito il rosso che credo sia sbalgiato. So bene storicamente come sono andate le cose e lei ha ragione a ricordarlo.
  • teodora a Utente certificato 3 anni fa
    "LIBERA" di manifestare tutta la sua ridicola saccenza, di apostrofare con grande facilità chiunque. Forse quando scrive, rispomde ai dettati dello specchio in cui è riflessa la propria immagine. Quando la carta di musica finisce nelle mani del ciabattino-pappagallo, che musica può sciorinare? Quali le convinzioni personali, oltre al pappagallismo asservito?!
  • Vincenzo Mannello Utente certificato 3 anni fa
    Che palle...! Stavolta vedo un Grillo che spara a zero verità nascoste da re Napolitano e sudditi. Ma quale unità d'Italia,quale stato costituzionale ! La Costituzione dice...cazzate emerite,perlopiù,o vuote parole. Le costituzioni sono fatte per essere abolite o cambiate. Magari con le brutte. Coraggio Grillo,continua sulla strada della reale rivoluzione. Devi solo convincere i tuoi deputati a seguirti anima e corpo. Fuori,nelle piazze,verremo in tanti : giovani,anziani,vecchi,donne e bambini. C'è un popolo pronto alla rivoluzione. Bisogna solo farglielo capire.
  • Luca M. Utente certificato 3 anni fa
    Non so se Beppe stia scherzando o meno. Se è tutto vero e non ritratta quanto detto vorrei ritirarmi dal M5s come iscritto certificato. Non ritengo di avere idee vicine anche lontanamente con questo post per cui non ha senso rimanere nel M5s. Luca Maletta Napoli
  • Ettore M. 3 anni fa
    L'Italia non può sopravvivere come stato unitario semi-centralizzato perché il continuo trasferimento di risorse fiscali dalle produttive e responsabili regioni del nord alle improduttive ed irresponsabili regioni del sud per compensarne il residuo fiscale (gettito fiscale - spesa pubblica) fortemente negativo, sta portando l'economia del centro-nord al collasso. L'unico modo in cui l'Italia può sopravvivere come entità politica è di trasformarsi in una confederazione dove le regioni, elevate a stati confederati, diventino titolari di tutti i poteri statali ad eccezione della politica estera e della difesa e dell'esclusiva autorità impositiva sui propri cittadini, concordando poi tra loro (le regioni) la percentuale marginale delle proprie entrate da girare allo stato confederale per svolgere le due uniche competenze residue rimaste. Ovviamente ogni regione dovrebbe avere il proprio debito pubblico, la propria banca centrale ed emettere i propri titoli di debito,autofinanziandosi senza trasferimenti solidaristici per evitarne il fallimento in caso di malagestione. Se infine la Confederazione Italiana uscisse dall'eurozona, allora ogni regione-stato dovrebbe battere la propria moneta per evitare di replicare su scala più piccola il disastro dell'eurozona (moneta unica per economie molto diverse). Questo sarebbe l'assetto ideale per i popoli italiani che concilierebbe la loro necessaria indipendenza economica ed amministrativa con l'unico motivo razionale che abbiano mai avuto per unirsi: la difesa militare comune contro popoli esterni allo spazio geografico italiano.
  • egle faro Utente certificato 3 anni fa
    QUELLO CHE HO LETTO E', PURTROPPO, STRAORDINARIAMENTE, PAUROSAMENTE VERO.
    • ferdinando z. Utente certificato 3 anni fa
      bò puo esseere fattibile,,bisogna sentire esperti
  • massimo costantino 3 anni fa
    Ci sono persone che per fortuna hanno un passo in più e quindi risultano più avanti delle persone normali..Grillo (e non Beppe per tutti.)é uno di queste persone e bisogna farsene una ragione.La critica in questo caso non deve esistere.
  • Enrico Di Giambattista (agawolf) Utente certificato 3 anni fa
    Come già detto Grillo vuole governare sulle macerie, anche quelle della stessa Italia unita. Magari, se non lo espelle prima, potrà così concedere a Pizzarotti il titolo di duca di Parma. Perchè non tornare allora al feudalesimo? #GrilloVergognati
    • Lady Dodi 3 anni fa
      Perchè lei e il suo probabilissimo PD su cosa volete governare? Cosa credete ci sarà fra poco? Le macerie che "le vecchie glorie" hanno provocato, e che adesso cercano disperatamente qualche scemo che ne condivida la responsabilità
  • Agostino Bruzzone Utente certificato 3 anni fa
    Io credo che l'Italia, con la I maiuscola sia Una! Per essa i nostri Padri e le nostre Madri hanno dato tutto, anche la vita! Non e' un vago concetto geografico, l'Italia e' nata per ovviare all'oppressione dei popoli. Coloro che hanno lottato per l'Italia hanno dato la vita per la Liberta', per la Giustizia e per l'Indipendenza! Se i politici oggi sono corrotti e' perche' eleggiamo dei corrotti! Basta votare per cambiare! Perche' non votiamo persone valide? Chi vota quelli che hanno dichiarato che Ruby era figlia di Mubarak? Chi vota quelli che ci raccontano frottole evidenti? Purtroppo molti Italiani, eppure io conosco persone oneste e lavoratrici che non sono cosi', queste persone sono la forza del nostro paese e per loro dobbiamo preservare la nostra Nazione. Se Mameli fosse vivo, sarebbe ancora oggi a Roma, lontano dalla casa e dalla famiglia, lontano dagli agi e dalla sicurezza che la sua nascita gli consentiva, a battersi politicamente, democraticamente e se fosse il caso caso anche con un fucile in mano; lottando contro forze schiaccianti senza speranza di vittoria, ma certo che l'esempio e il sacrificio porteranno alla liberta'! Egli pur dilaniato da dolori atrocifu sempre pronto a spendere l'ultimo suo alito gridando "W l'Italia" e con il Suo Inno noi rendiamo conto a Lui e a tutti i suoi compagni di lotta. Queste sono le persone che hanno fatto il nostro Paese! Non i crassi, Non i berlasconi, Non i daletra o gli altri sgorbi che hanno depredato la nostra eredita' grazie al nostro superficiale voto. Di persone come Mameli dobbiamo essere orgogliosi e per queste dobbiamo lottare. W l'Italia! W la Liberta'!
    • pippovic54 3 anni fa
      Guarda che gli ideali unitari, sono andati disattesi (eufemismo) da subito! Mazzini, Pellico e Garibaldi, erano repubblicani! Hanno dato il territorio "conquistato" (obbligatorio le virgolette, vedere la Storia) ai Savoia(!?)che ne hanno fatto solo un espansionismo territoriale in chiave monarchica (più introiti per la casa reale e relativa corte), e fregandosene altamente di come sono arrivati a "possedere" un territorio così vasto, con l'aiuto dei "cugini " francesi. Le battaglie di "indipendenza"(?)al nord (alleati francesi e prussiani contro austroungarici nelle cui armate avevano soldati di leva veneti, friulani, dalmati) e le stragi di popolazione al sud, come a Pontelandolfo e Casalduni (prego leggere un po' di Storia che non sia solo quella impartita dai "vincitori"), renderanno chiaro il concetto che NON si può invocare la voce dei morti a scusante di chi rivendica l'indissolubilità dello Stato Itagliano (gl voluto), perché rispondo di andare a chiedere ciò ai morti delle due fazioni in lotta ed ai loro pronipoti. Mio bi-bis-nonno è morto ucciso dal (oggi) fuoco "amico". Cosa devo pensare? Che mio bi-bis-nonno era un coglione o che ha dovuto combatter a fianco degli austriaci perché era in quell'esercito? Per la cronaca, la tua tanto cara Patria, NON ha mai vinto una guerra: nè quelle d'indipendenza, nè quelle successive. Poi vallo a dire ai discendenti dei morti di Pontelandolfo e Casalduni. Vi rendete conto del bel lavoro cerebrale hanno fatto con questa retorica patriottarda? Comincia a fare letture serie e non istituzionalizzate. Auguri, ne hai bisogno,
  • pierlugi zampino 3 anni fa
    Premetto che ho votato e voterò M5S e capisco che è provocatorio questo post però consiglio di non prestare il fianco a polemiche e a orrendi paragoni con lega nord. Premetto ancora che anche io penso che la storia di Garibaldi sia una buffonata e molto distante dalla verità i primi campi di concentramento sono stati fatti al sud durante l'unificazione d'italia da parte dei savoia; però ripeto queste affermazioni mostrano il fianco ai media che non vedono l'ora di etichettarci come simili ai leghisti. Se poi l'intento di Grillo è di affossare il movimento bè ci sta riuscendo
  • libera p. Utente certificato 3 anni fa
    L'Italia è una repubblica democratica, democrazia significa governo del popolo. Il M5S è un movimento che rispetta la democrazia lascia decidere ai cittadini, non impone niente, contrariamente a come agiscono normalmente i politici italiani di turno. Lo stesso Napolitano agisce fregandosene degli italiani. Tutto ci viene imposto, vedasi Monti, Letta, Renzi e persino Berlusconi ancora, fanno accordi e continuano a prenderci per il naso.. nessuno di quelli che stanno sputando veleno contro Beppe si lamenta di questi fatti?
  • ORAZIO T. Utente certificato 3 anni fa
    Da siciliano non sono d'accordo. Posso capire se è solo una provocazione. In Sicilia in più di 60 anni i nostri politici hanno fatto solo macerie. L'unica possibilità e il commissariamento. I nostri politici sono solo parassiti, del bene comune non hanno nessun interesse. vedi Crocetta, promesse e solo promesse.
  • libera p. Utente certificato 3 anni fa
    Suggerisco di leggere la risposta di Beppe alle vostre domande sul mini post di questo blog. Ricordatevi che Beppe da solo non può salvare l'Italia, non fa miracoli.. ciascuno di noi è responsabile del proprio operato. Troppo comodo "armiamoci e partite".. Lui suggerisce poi, siamo noi italiani che dobbiamo decidere cosa scegliere, se stare con la mafia o buttare fuori questi criminali di politici lottando tutti insieme, votando per il M5S!! Beppe è un uomo coraggioso che da molto fastidio ai poteri forti, gli stessi che per mezzo dei politici loro servi ci vogliono portare via l'Italia..
  • Giosuè Quadrini 3 anni fa
    Soprattutto bellissima la cartina del 1400 mentre si sta parlando dell'Italia preunitaria.
  • Enrico P. Utente certificato 3 anni fa
    La Repubblica Genovese non puo' e non deve esistere in un macroregione con la Lombardia o i Piemonte altro che Lega i confini ai GIOVI
  • Gigi S. 3 anni fa
    Stiamo rasentando il ridicolo... Abbiamo un paese sull'orlo di una crisi di nervi, debito pubblico galoppante, inflazione, famiglie che non arrivano a fine mese, oligarchi che non fanno niente per il popolo e.. e... e tu esci fuori con 'sta minchiata della divisione dell'Italia in macroregioni per raccattare quattro voti leghisti? Togliti da davanti al computer, alza il culo e fai davvero qualcosa di utile per la gente, perchè scrivere queste puttanate non aiuta e non riempie la pancia ai disoccupati e ai pensionati. Se vuoi perdere tutto il buono che hai conquistato sinora sei sulla strada giusta. Uno vale uno? Il mio voto - dopo questa stronzata - non lo becchi più. W L'ITALIA
  • Dario Giovanni Giussani Utente certificato 3 anni fa
    L'Italia è unica e indivisibile, così recita la nostra Costituzione, e così secondo me deve restare. Lo dobbiamo alle migliaia di Italiani che hanno sacrificato la loro vita per questo obbiettivo. Sicuramente si deve ragionare su autonomie o statuti speciali, anche perchè dovrebbe valere la regola o tutti o nessuno, ora non è così ci sono regioni che hanno regole diverse dalle altre e questo non è giusto.
    • Luigi Asuni (asugi) Utente certificato 3 anni fa
      Il fatto che migliaia di persone si siano "sacrificate" per questo obiettivo, non vuol dire che questo obiettivo sia una cosa buona... io non devo niente a costoro. Si legga "Terroni" di Pino Aprile, ad esempio, poi vediamo chi deve a chi...
  • Giorgio Tomaso 3 anni fa
    Ben venga la Repubblica di Genova che non ha mai firmato l'annessione all' Italia !! Ogni terra, ogni contrada torni alle sue tradizioni, alla SUA moneta e se proprio le vogliamo dare un nome chiamiamola LIRA !!
  • UOMINI SIATE E NON PECORE MATTE… Utente certificato 3 anni fa
    E SE..., queste considerazioni fossero state fate in tempi non soapetti..., perchè ORA? Provocazione o ripensamento, cambiamento di strategia o sondaggio, analisi sociale oo test individuale, che pensare? Devo rivolgermi all'Oracolo per avere una risposta?
    • libera p. Utente certificato 3 anni fa
      leggiti il post gnurant!
  • Giovanni B. Utente certificato 3 anni fa
    Lord Blog:versione verde lega pre risorgimentale.
  • libera p. Utente certificato 3 anni fa
    L'Italia è allo sfascio totale, in mano a criminali che italiani scemi o corrotti ancora tengono in carica. Politici burattini manovrati da potenti che vogliono impadronirsi degli stati, tra cui l'Italia.. Come si fa a non capire tutto ciò, perché prendersela con Beppe, splendida persona onesta? Perché tanta rabbia sul M5S? Sono gli unici che combattono questo sistema politico lercio e mafioso. Evidentemente chi lo diffama e lo insulta è tra quella categoria italiani scemi o corrotti e collusi che tengono in carica quei politici burattini e criminali.. servi dei padroni..
  • Joseph G. Utente certificato 3 anni fa
    Condivido non poco la descrizione della situazione italiana storica e la necessità di pensare ad uno Stato diverso. Basta leggere l'articolo "Il risorgimento: la Rivoluzione dimezzata" presente sul blog sul quale scrivo di già da qualche mese...www.comunitainfermento.wordpress.com. Quello che non condivido è la soluzione: Resuscitare i vecchi stati preunitari vuol dire ricommettere lo stesso errore di averne fatto uno solo e centralizzato. La Sardegna non ha niente a che spartire col Piemonte ad esempio. La soluzione presente nel primo articolo del blog (perché questo blog?) prevede: Aumento dell'importanza delle comunità locali; potenziamento vero delle regioni attuali che più o meno rappresentano culturalmente la popolazione ma non politicamente visto la pochezza delle competenze. Il tutto a danno dello Stato centrale di cui comunque salverei l'integrità con compiti residuali. Lo sforzo fatto dai patrioti di liberare i mille popoli d'Italia è stato reso vano dalle scelte fatte successivamente in quanto li ha resi troppo legati ad un centro, è vero non straniero, ma con tante problematiche simili alla situazione precedente.
  • UN EX ELETTORE 3 anni fa
    E' vero questo blog NON SERVE A NIENTE (SONO DACCORDO) SERVE SOLO A LUI per SPARARE LA PRIMA CAZZATA CHE GLI VIENE IN MENTE. E OVVIAMENTE NESSUNO LO PUO' ESPELLERE E NESSUNO PUO' ESSERE IN DISACCORDO PERCHE LUI HA CREATO IL MOVIMENTO E QUINDI NOI POVERI CITTADINI DOBBIAMO SORBIRCI TUTTE LE MINCHIATE CHE SCRIVE. GRILLO VAI A FARE IN CULO... NON CI RAPPRESENTI +. TI ABBIAMO VOTATO PERCHE PENSAVAMO CHE POTEVI GOVERNARE AFFERMANDO LE IDEE IN CUI NOI CITTADINI CREDEVAMO E INVECE TI SEI MESSO IN UN ANGOLO DEL PARLAMENTO A SBRAITARE SENZA CHE NESSUNO TI SENTE. ORMAI GLI ALTRI PARLAMENTARI SI SONO MESSI I TAPPI ALLE ORECCHIE E QUINDI HAI VOGLIA DI CAMBIARE L'ITALIA SOLO SBRAITANDO.
    • maurizio b. Utente certificato 3 anni fa
      agli ex elettori dico senon c'era grillo non avreste potuto sfogarvi con nessuno .Ringraziatelo....MENTRE IO VI DICO, EX ELETTORE DEPRESSO MASTURBATI NEL CESSO . SLOGAN MOLTO DI MODA NEGLI ANNI 60
    • Pietro S. Utente certificato 3 anni fa
      Vi state cagando addosso, ecco la verità.
    • libera p. Utente certificato 3 anni fa
      Perché prima di parlare non ti informi? Si capisce lontano un miglio che sei di una ignoranza infinita, brutta cosa l'ignoranza.. non sei d'aiuto a nessuno.. forse solo al politico del pd a cui hai dato il voto per poter lavorare qualche giorno o qualche mese..
    • Giorgio Fiandrino Utente certificato 3 anni fa
      Ma se sei un ex elettore perchè continui a leggere?
    • Paolo G. Utente certificato 3 anni fa
      ehi ex elettore, ritorna serenamente nella fogna dalla quale 6 uscito. Qui non ti vogliamo.
    • libera p. Utente certificato 3 anni fa
      stupiPDo
    • Toto A. Utente certificato 3 anni fa
      Vai a prenderlo nel culo. Cordialità
  • Giovanni Pianca 3 anni fa
    L'Italia e gli italiani rimarrebbero, cambierebbe solo la geografia politica. Per chi lo stato unitario non è un tabù ma un carrozzone ottocentesco e che magari preferisce il rinascimento al risorgimento, sarà facile intuire i vantaggi in materia di democrazia diretta e di controllo del territorio da parte dei cittadini. Non si può fare una Svizzera con 60 milioni di abitanti, ne mantenere il centralismo fra regioni economicamente eterogenee. Questa è la realtà poi scegliete voi su che pianeta abitare...
  • Maurizio TBC 3 anni fa mostra
    STAI VANEGGIANDO, CONTINUA COSI' E PERDI ANCHE IL MIO VOTO. MA CHE CAZZO DICI? TI RENDI CONTO CHE STAI DICENDO CHE TUTTO QUELLO PER CUI HAI LOTTATO E TI ABBIAMO VOTATO LO VUOI BUTTARE NEL CESSO? E CHE CAZZO! BASTA CO STI SLOGAN, RIMBOCCATI LE MANICHE, FALLE RIMBOCCARE ANCHE A QUELLE 4 MEZZE TACCHE CHE HAI MANDATO IN PARLAMENTO E VEDIAMO DI MUOVERCI. QUI SI MUORE DI FAME, LA GENTE E' NELLA MERDA E SI CONTINUA A CAZZEGGIARE... LA VOGLIAMO SMETTERE O NO? ALLA FINE UN BEL VAFFANCULO TE LO BECCHI PURE TU, AVVISATO!
    • libera p. Utente certificato 3 anni fa mostra
      gnurant
    • Toto A. Utente certificato 3 anni fa mostra
      TBC stà per tubercolosi ????? io credo che tu abbia qualche virus tisico nel cervello o di quel che ti rimane sempre se lo hai mai avuto, inoltre sei fra quei vermi che dicono di aver votato 5* ed invece hai sempre votato pd o qualche altra merdata simile alla tua faccia. Cordialità
  • libera p. Utente certificato 3 anni fa
    Beppe e se oggi ti rompessi le palle di tutti questi coglioni e trogloditi di italiani che ti criticano e che non muovono un dito perché aspettano la tua bacchetta magica, non mi meraviglierei!! Grazie Beppe per il tuo coraggio, un abbraccio!! Sappi che lotto con te e per fortuna siamo in tanti!! W il M5S!!
    • Simona Diodato Utente certificato 3 anni fa
      Non ti meritiamo. Beppe: vattene. (Fuori dalle palle)
    • libera p. Utente certificato 3 anni fa
      c'è l'imbarazzo della scelta in fatto di mafiosi, corrotti o trogloditi: forza Italia , PD, scelta civica Sel e company. Il M5S non è un partito, non è colpevole di aver distrutto l'Italia. Sono gli italiani che devono decidere , ognuno decide con la propria testa, o con i mafiosi o con Beppe!!
    • Giovanni B. Utente certificato 3 anni fa
      E se i trogloditi e co...ni i fossero gli altri?
  • Giorgio Fiandrino Utente certificato 3 anni fa
    L'Occidente (significa la terra della sera) è al tramonto. Abbiamo vissuto fino ad ora sulle spalle del resto del mondo, da ora in poi, il resto del mondo vivrà sulle nostre spalle. Pensate alla Cina di 60 / 70 anni fa, L'India... La natura, ciò che nessuno ha pensato e creato, se ne infischia delle beghe umane, se il cibo non basterà per tutti, se inquineremo le acque rendendole non bevibili, se eroderemo i terreni trasformandoli in deserti, gli uomini si trasformano in assassini per la sopravvivenza. Questo tempo è solo l'inizio, continuate pure uomini con la vostra ingordigia di danaro, producete, consumate, buttate, inquinate. La tecnica bellica dell'occidente, ci ha difeso dalla guerre in casa, ma non dall'assedio economico, guerra che ha gli stessi effetti solo senza sangue. Siamo assediati, non dagli eserciti come vogliono farci credere nelle TV, ma da chi ci ha copiato un capitalismo sfrenato e lo ha trasformato in spietato. Se l'Europa non cambierà e continuerà questa inutile guerra interna atta a creare nuovi equilibri di difesa contro popoli più numerosi, più preparati di noi, ci ritroveremo in mutande prima del tempo. Se il denaro fino ad oggi è stato il generatore di ogni fine, è arrivata l'ora di cambiare strada, Kant sognava che l'uomo fosse inteso come fine e non come un mezzo, ai me oggi, l'uomo è un mezzo ed il denaro è un fine. Oggi tu che leggi sei solo un mezzo, sei solo un transito di denari, ciò che guadagni lo ridai totalmente indietro attraverso i supermercati, se devi essere un transito di soldi non ti è concesso di accumularne. Chi tenta di uscire dal cerchio magico muore.
  • vito renna 3 anni fa
    Ora Grillo sta esagerando, se davvero vuole aiutare gli italiani a cambiare il paese ed a renderlo migliore, non è andando dietro la lega che riuscirà, ho inizia ad accettare un'alleeanza con punti certi, altrimenti perderà consenso, ed a vincere sarà come sempre il delinquente abituale. Sulle macro regioni l'ha sparata così grossa che probabilmente allontanerà cittadini dal suo movimento. In ultimo, se, ed è vero, questa è una finta democrazia, lui cosa sta facendo per renderla vera? non speri di vincere alle prossime elezioni, se va bene manterrà la sua percentuale di voti ma non vincerà, l'unico che sicuramente vincerà sarà il delinquente abituale.
  • giuseppe s. Utente certificato 3 anni fa
    Le donne e gli uomini del M5S stanno cambiando le Istituzioni. Non penso che sia un problema di strutture ma di persone al vertice delle Istituzioni. Persone spinte da giuste motivazioni ed oneste. Detto questo penso, piuttosto, che si dovrebbe snellire l'assetto istituzionale abolendo definitivamente le Provincie accorpando più Comuni e riducendo i poteri delle Regioni accentrandoli a livello statale. Penso che quanto scritto nel post, anche considerando il momento storico sia inopportuno e metta in difficoltà quanti nel Movimento sono nelle Istituzioni. Ciò non toglie che si possa avviare una seria discussione all'interno del Movimento. Giuseppe Lecce.
    • Ezio Bigliazzi Utente certificato 3 anni fa
      Beppe è un grande! Si scateneranno polemiche, battute, articoli giornalistici, vignette Vauriane, chi più ne ha più ne metta. Risutato? Il Popolo comincia a non poterne più dei giornali e della TV menzoniera. Ne parlano troppo e solo a sproposito, finiranno per non essere ascoltati. A riveder le stelle.
  • pietro nico 3 anni fa
    E se domani fossimo più italiani? Non siamo mai stati un popolo.... Orgogliosi di appartenere e sovrani della nostra libertà.... Delegittimare, questa è la chiave di volta.... Riformare la società partendo dal basso... Basta politburo'e false idee del liberismo,nonchè delle forme di società ideali etc. Abbiamo bisogno di costruire una idea di essere e dell'agire per il bene comune, con poche regole e certezze. Non si può tornare indietro, ma è possibile una società più giusta e sana, in grado di un lascito al futuro. Costituire un programma che scuoti la società dal fondamento e in primis: abolizione del denaro e della proprietà privata,condivisione dei benefici della natura e risanamento della stessa,stop ai conflitti sociali e alle guerre...stop alle ingerenze ecclesiastiche e allo strapotere massonico delle banche e della finanza.etc, etc,
  • Rosa Anna 3 anni fa
    Fra il serio e il faceto Il guaio che tutti hanno detto che le parole sono le intenzioni, vedi la lega, non aspettavano altro per tirare su i calzoni Le parole colpiscono più delle pietre, e nel ruolo che ti sei assunto non puoi giocarci con leggerezza sempre Te lo ripeto questa volta l'ai fatta fuori dal vaso Se era un ologramma alla William Shakespeare È stato di cattivo gusto scrivere .........Il castello di carte costruito su infinite leggi e istituzioni chiamato ITALIA scomparirebbe. ........... Se solo avessi usato il vocabolo STATO anziché Il nome della patria Tirare in ballo la Bosnia con tutti i suoi morti Abbiamo scherzato ma non troppo o un po' troppo? Pensaci Questo è l'organo ufficiale del movimento cerca di suonare i tasti giusti
  • FERDINANDO GALLOZZI 3 anni fa
    Caro Grillo, i nostri problemi sono altri e la tua terpia finirebbe per aggiungere benziana al fuoco. Con il rischio di una devastante guerra in Europa, nel suo cuore stesso, che comporterebbe la perdita di milioni di vite europee, con l'invasione in atto di moltitudini di extra comunitari che stanno destabilizzando la nostra convivenza civile nel nome del buon cuore a tutti i costi. Nel bel mezzo di una crisi di valori devastante che ha fatto di noi un popolo di imbroglioni e di avocati che ci speculano sopra Grillo non trova di meglio come soluzione di dividere il popolo italiano gettandolo ancora una volta in lotte fratricide e odi che hanno avvelenato la nostra penisola per secoli. Caro Grillo, la tua terapia è pericolosissima, devastante e quasi criminale.
    • Ezio Bigliazzi Utente certificato 3 anni fa
      BENZIANA? "Sumite materiam vestris qui scribitis aequam Viribus" Se volete scrivere, scegliete un argomento pari  alle vostre forze.
  • libera 3 anni fa
    il Post parla di AUTODETERMINAZIONE.. di LOCALIZZAZIONE ..di IDENTITA', ..NON di SECESSIONE come ha sempre "idealizzato" la Leganord.. se hai identità riesci a scambiare le TUE IDEE ..i tuoi prodotti ecc con quelli di altri... perchè sono DIVERSI..hanno una STORIA da raccontare.. puoi CONDIVIDERE le tue esperienze e CRESCERE .. se invece sei OMOLOGATO.. sei SCHIAVO dei poteri forti eccessivamente centralizzati...vedi la Quirinalizzazione del Parlamento!... vogliono centralizzare perchè hanno paura del RISVEGLIO... se sei addormentato senza COSCIENZA, non sei LIBERO di ESPRIMERTI ..di INFORMARTI e quindi di scegliere.. e a quel punto sei realmente ALIENATO e separato! ..e quindi non hai più NULLA da scambiare!! .. cominci ad odiare chi ti sta accanto ..che alla fine ..guarda un po', è diventato COME TE...un automa! spunti di riflessione http://www.cem.coop/attform/materiali/materia2
  • Gian Paolo ® 3 anni fa
    A che serve commentare sul blog? Me lo domando da un po' di tempo... Ogni tanto, i post di Beppe, o gli stessi interventi di chi commenta, mi stimolano la voglia di dire la mia, è vero. E quindi ci ricado ;-) Ma, alla fin fine, a che cosa serve? È come gettare un sasso nell'acqua: gli effetti dell'azione durano il tempo di uno splash. Certo, mi rendo conto che il blog è di Beppe, non nostro. Serve a lui per comunicare le sue idee a noi. Ma non serve per interloquire. I blog servono anche per scambiarsi le idee. Quando uno commenta, sta dicendo qualcosa al blogger, e questo di solito gli risponde. Qui non accade nulla di tutto questo. Naturalmente, non pretendo che Beppe possa rispondere personalmente a tutti - e poi la maggior parte dei commenti non lo richiede o non lo merita - ma se mettesse in piedi uno staff col quale interloquire, darebbe una risposta a questo attuale sentirsi ignorati. Allora scrivere un commento non sarebbe soltanto l'occasione per ritrovarsi come avventori di un bar che fanno quattro chiacchiere fra loro, ma getterebbe le basi per qualcosa di costruttivo in cui chiunque di noi possa dire la sua. Io vedo che i frequentatori più assidui stabiliscono un contatto fra loro, si ritrovano e si scambiano le opinioni. Ma manca il rapporto col blogger (o con una sua squadra di portavoce), che è la cosa più importante. Un cittadino non dovrebbe aver soltanto la possibilità di gettare un sasso nell'acqua, ma avrebbe diritto di cooperare costruttivamente con tutti quelli che vogliano riformare questo Stato. A parer mio.
    • Antonio Caracciolo 3 anni fa
      A che serve scrivere commenti sul blog unico e ufficiale del Movimento? In effetti, per chiunque è arduo leggere 2000 commenti usciti in poche ore. Io ne scrivo ormai uno al ritmo giornaliero di commenti. Ma non li scrivo per essere necessariamente letto. Se penso di avere qualcosa di dire, un pensiero che varrebbe la pena condividere, allora lo scrivo e lo lascio in Archivio. Chi dovesse mai essere interessato a leggere un libro sulla materia trattata dal post, allora avrà di che leggere, se tutti o la maggior parte degli inserzionisti si attiene al tema. Se qualcuno di noi si distingue per originalità e omogeneità qualitativa, allora forse lo staff potrebbe fare così utile nel predisporre una pagina per ogni inserzionista. Se i miei o tuoi commenti, nel loro insieme, formano un pensiero elaborato e sistematico, allora questo potrebbe essere un criterio di lettura... Ma è una cosa a cui deve pensare lo Staff e se non ci ha pensato finora, vuol dire forse che hanno intravisto delle controindicazioni.
    • danilo m. Utente certificato 3 anni fa
      scrivere nel blog non risolve i problemi. Sono però sicuro che nella vostra città ci sono tante cose da fare. Provate a farne una, anche piccola e portatela a termine. Questo è il movimento.
    • Giulio C. Utente certificato 3 anni fa
      Lo stesso ho scritto io 2 giorni fa. INSISTIAMO. Il blog così è inutile per NOI che scriviamo.
    • pier p. Utente certificato 3 anni fa
      Non posso darti torto! Anch'io avevo fatto (più volte) la tua stessa richiesta...rimasta inevasa ! Saluti Pier
  • Jan Niedzielski Utente certificato 3 anni fa
    LEGGO SUL FQ CHE VOGLIONO METTERE LA MORDACCHIA AL WEB, MA MAGARIII, CI TOLGANO PURE QUESTO SVERSATOIO, SFOGATOIO DI RABBIA ED ESASPERAZIONE! IO DICO SI SBRIGHINO A FARLO, CHE DALLE PAROLE, SI POSSA PASSARE AI FATTI, MA SI CHIUDANO LA VALVOLA DELLA PENTOLA A PRESSIONE ITALIOTA, SONO IO A PREGARLI DI FARLO, DA DOMANI MATTINA, IMMEDIATAMENTE, COSA STANNO ASPETTANDO! NELLA CLOACA DOVE LE MANIFESTAZIONI DI PIAZZA SCIVOLANO ADDOSSO ALLA KASTA CHE "SE NE FREGA" TOTALMENTE, QUEST'ENNESIMA CONDIZIONE DI DEPRIVAZIONE, CI COSTRINGERÀ A TROVARE AGORÀ ALTERNATIVE, MAGARI PIÙ REALISTICHE E CONCRETE, DOVE CONTANDOSI FISICAMENTE, MAGARI QUEL PRURITO ALLE MANI, DIVERRÀ SEMPRE E PIÙ INSOSTENIBILE! LE RESTRIZIONI UL LINGUAGGIO DEL WEB COLPIRANNO I MENO ALFABETIZZATI PRATICAMENTE QUELLI CHE GENERALMENTE SONO GIÀ PIU INCLINI A FARSI PRUDERE LE MANI, NON AVENDO SUFFICIENTE REPERTORIO DI CONOSCENZE E APPUNTO LINGUAGGIO! STRANGOLERANNO, CHI GIÀ HA POCHE ARGOMENTAZIONI, E MAGARI PER QUESTO INDULGE IN SPROLOQUI ANCHE VOLGARI, DA BARETTO! LO FACCIANO, MA SI METTANO LA MORDACCHIA AL WEB, CI COSTRINGANO AD USCIRE DAL VIRTUALE, CI SARÀ DA RRRIDERE!
  • Carlo Zaccaria Utente certificato 3 anni fa
    Beppe finalmente ha spiegato meglio il senso del post qui a fianco...NESSUNA SECESSIONE...SOLO MACROREGIONI ITALIANE CON PIU' POTERI DECISIONALI MA SEMPRE SOTTO UN UNICA NAZIONE.. ITALIA..Per PARODOSSO TRE MACROREGIONI UNISCONO DI PIU' CHE VENTI MESSE INSIEME NON VI PARE??
    • tommaso Magistretti Utente certificato 3 anni fa
      http://www.youtube.com/watch?v=H6mrT4_Kucs Giova riascoltare questo grande uomo, poi tradito da Bossi
  • Giuliano S. Utente certificato 3 anni fa
    Maggiormente ci frammentiamo, e più si disperdono le nobili iniziative. Le macroregioni debbono essere assimilate cerebrarmente, dalla moralità ed eticità del popolo Italiano, che e stato fin troppo diviso da interessi di potere. L'italietta deve essere unita, innanzi tutto dalla volontà politica degli Italiani, che si bevono ogni stronzata che la mamma dei Mass media propina per loro. L'evoluzione vera, non frammenta, ma semmai unisce un popolo da sempre diviso per soli interessi economici,di burocrazia, di mafia e di stato!
  • d'ambruoso s. Utente certificato 3 anni fa
    preparano la patrimoniale, ritirate i soldi dalla banca, se potete vendete i bot, cercate di difendervi, stanno studiando la patrimoniale e colpirano al solito chi ha meno, chi ha quattro soldi e due bot , certo non colpiscono i ricchi che hanno i soldi all'estero o investiti tutti in quote societarie, colpiranno noi, i soliti poveri cristi RITIRATE I SOLDI DALLA BANCA E DALLA POSTA, STANNO PER METTERE LA PATRIMONIALE , AFFOSSIAMO IL SISTEMA, DIFENDIAMOCI, NON CONSUNIAMO PIU' CHE VERRANNO TEMPI PEGGIORI DI QUESTI, COMPRIAMO IL MINIMO INDISPENSABILE, COLPIAMO INDUSTRIALI E SFRUTTATORI, COMMERCIANTI COMPRRESI, QUELLI CHE IL PRIMO GENNAIO DEL 2002 FECERO L'EQUAZIONE 1.000LIRE = 1euro E CE LO MISERO IN CULO, CHI NON RICORDA LE SCARPE PASSARE DA 50.000LIRE A 50EURO , OVVERO A QUASI 100.000LIRE? E COSI' AUMENTO TUTTO, I COMMERCIANI SONO NOSTRI NEMICI, NEMICI DI CLASSE, ABBATTIAMO I CONSUMI, NON CI FACCIAMO INGANNARE DA RENZIE CHE VUOLE ELEMOSINARCI CON 30EURO E POI CI TASSERA' PER 300. RENZIE FIGLIO DI PUTTANA IO TI ODIO E TI MALEDICO.
    • domenico r. Utente certificato 3 anni fa
      sicuramente sei il solito garantito con stipendio statale che non ha capito niente di chi te lo ha messo a quel posto con il cambio lira/euro. il piccolo commercio guadagnava molto di più con la lira. in quel periodo le attività non chiudevano come invece succede adesso. questo ti dice qualcosa????
    • Luigi N. Utente certificato 3 anni fa
      o sei scemo o sei un cojone...la tua analisi è populista del cazzo e non sai che il piccolo commercio è l'unica fonte sicura di reddito per questi bojiardi che ci governano,la grande distribuzione (tutta di proprietà partitica) dichiara il falso da 30 anni i bilanci sono tutti gonfiati con finte fatturazioni e grazie a quelli come te prolifica e continua a distruggere anche piccoli artigiani...E' proprio vero l'italiota come te merita quello che ha!!!!
  • un tuo ex elettore 3 anni fa
    E SE DOMANI TI MANDASSIMO A FARE IN CULO ESPELLENDOTI DAL MOVIMENTO COME TU HAI FATTO CON I TUOI SENATORI? E SE DOMANI TI MANDASSIMO A FARE IN CULO PER LE IDEE BALORDE CHE STAI SDRIVENDO SUL TUO BOOG? I TUOI PARLAMENTARI NON POSSONO ESPRIMERE LE LORO IDEE MENTRE TU TUTTE LE CAZZATE CHE TI VENGONO IN MENTE KE SCRIVI NEL BLOG. BELLA DEMOCRAZIA. SIAMO PASSATI DALLA PADELLA DEI VECCHI POLITICANTI ALLA BRACE DI QUELLI DICONO DI ESSERE I NUOVI. BEPPE... VAI A CAGARE... NON SEI PIU' CREDIBILE... E PERTANTO SEI ESPULSO DAL TUO STESSO MOVIMENTO. UN TUO EX ELETTORE... NON MI RAPPRESENTI PIU'.
    • libera p. Utente certificato 3 anni fa
      meglio perderti che trovarti, unisciti a quei farabutti che sono stati espulsi...
  • paoloest21 3 anni fa
    nuovo post
  • libera p. Utente certificato 3 anni fa
    Italioti trogloditi!!! Meglio aspettare gli artigli dei potenti che vogliono far morire e/o scappare la gente per impossessarsi degli stati resi allo sfascio dai politici loro servi e burattini? Difendiamo l'Italia, uniamoci, impariamo altre civiltà, culture, buttiamo fuori quegli assassini di politici e tutta la classe di parassiti servi del potere, giornalisti, mass media, ecc.. Salviamoci finché siamo in tempo, non esiste sinistra o destra, ci stanno prendendo in giro, lo volete capire? Fidiamoci di Beppe è una persona pulita, onesta, non ha interessi personali, altrimenti non rischierebbe la vita a combattere questi bastardi di collusi, corrotti e mafiosi!!
  • dante de santis 3 anni fa
    Essendoci oramai in Italia 60 milioni di presidenti del consiglio, ognuno dà la sua idea, su cosa potrebbe andare bene affinchè la nostra nazione si possa rialzare. L'uno vale uno, serve anche a questo. Essere in dissenso o 'accordo con Grillo è relativo. Il problema è: Cosa c... facciamo per non fare ammazzare la gente disperata? Ad ogni suicidio vi è un fallimento dello stato. E questo stato è fallito già 1400 volte; solo che i nostri politici e quella specie di presidente fanno finta di non sapere nulla, presi come sono a fare gli interessi dei gruppi della massoneria mondiale al quale ormai sono legati mani e piedi. Le macroregioni, sarebbero un'altro modo per ridurre di centinaia di miliardi le spese faraoniche del sistema... e null'altro. Chi ha colto altro nelle parole di Beppe come sempre è in malafede. In fede Dante.
  • Carlo Zaccaria Utente certificato 3 anni fa
    Va bene, sul post se oggi,, a fianco, Beppe ha precisato meglio il concetto...menomale..NESSUNA SECESSIONE...più semplicemte macroregioni italiane per snellire burocraticamente lo Stato (e qui ha ragione da vendere) ed in più per dare piu' possibilità di gestione dei servizi in genere ma sempre sotto un unica bandiera quella italiana...bene, precisare ed argomentare meglio è servito a chiarire le idee a molti..addirittura questa proposta serve a sminuire spinte disgregatrici già in atto..l'esatto contrario quindi di quello che molti temono..mi sembra una proposta ed un 'idea di Beppe da prendere in seria considerazione...
  • paoloest21 3 anni fa
    o.t. dal ffatto di oggi zagrebelsky dixit: ""La classe dirigente – intendo coloro che stanno nelle istituzioni, a tutti i livelli – è decaduta a un livello culturale imbarazzante. La ragione è semplice: di cultura politica, la gestione del potere per il potere non ha bisogno. Sarebbe non solo superflua, ma addirittura incompatibile, contraddittoria."" ps parla della classe dirigente attuale... praticamente un plagio professore, ma son buono.. :)))
    • paoloest21 3 anni fa
      ciao alfredo, buona domenica!
    • Alfredo E. Utente certificato 3 anni fa
      Buona domenica Paolo concetto scritto e riscritto sul blog. Eggià, noi siamo oltre :)))
  • Johann Gruber 3 anni fa
    Le solite farneticazioni italiote del grUllino pagliaccio di corte: Il solo fatto che fa proprie le idiozie dei nazi(onali)sti altoatesini (Süd-Tiroler Freiheit, Freiheitlichen e compagnia brutta) la dice lunga e lo squalifica del tutto.
  • Dino catania 3 anni fa
    Italia una nazione MAI esistita con un inno massonico e bandiera massonica. Con questa bandiera sono stati massacrati, nel nome di una falsa unità, milioni di Italiani e tantissima gente di altri popoli.Italia una nazione NATA NELLA MENZOGNA NELL'IPOCRISIA E NEL SANGUE ! NOI MERIDIONALI NON DIMENTICHEREMO MAI LA GUERRA CHE NEL 1863 EBBE INIZIO PERCHE NON SI VOLEVA L'ANNESSIONE DEL REGNO DELLE DUE SICILIE ALLA NEONATA FALSA ITALIA ! NOI MERIDIONALI NON DIMENTICHEREMO MAI IL MASSACRO NEI LAGHER ITALIANI (VERGOGNOSAMENTE NESSUNO NE PARLA MAI NEMMENO NEI LIBRI DI STORIA) COME QUELLO DI FENESTRELLE DOVE FURONO MASSACRATI BRUTALMENTE TANTISSIMI MERIDIONALI CHE SI RIBELLAVANO all' Unità d'Italia dai Savoia(1863).. DI CUI 6564 arresti, 54 paesi rasi al suolo, 512 condanne a morte,Stupri, fucilazioni anche di vecchi, donne e bambini e 1 MILIONE DI MORTI !!! NESSUNO RICORDA QUANDO NEL terremoto di Messina del 1908, un terremoto devastante DISTRUSSE quasi tutta la citta'.. IL GOVERNO ITALIANO AVEVA AVANZATO LA PROPOSTA DI RADERE AL SUOLO LA CITTA' INVECE DI RICOSTRUIRLA!!! QUESTA SAREBBE L'ITALIA?? IO MI VERGOGNO DI ESSERE ITALIANO !!! ARIDATECE IL REGNO DELLE DUE SICILIE .. LA TERRA CHE UNA VOLTA ERA LA PIU' RICCA DEL MONDO SOCIALMENTE - CULTURALMENTE.. Potrei continuare ma non c'e' piu spazio !!! AAA BAST4RDIIIIII!!!
  • Daniela M. Utente certificato 3 anni fa
    ooops, stamattina mi è venuta così per caso una riflessione che vorrei condividere con voi... ..se volete. Perchè ho scelto di condividere il percorso "rivoluzionario" del m5s? Democrazia Diretta non sono due parole buttate lì a caso: forse significa l'esatto contrario della delega a qualsiasi "governante"? (che si farà sempre gli interessi propri), Forse significa partecipazione diretta e consapevole alla "res publica", forse significa onestà e responsabilità PROPRIE (se voglio una res publica onesta e responsabile) Forse che devo essere proprio io IL CAMBIAMENTO CHE VOGLIO VEDERE NEL MONDO? Buonadomenica ...riflessiva, bloggaroli! E.. un abbraccio forte forte! ^__^
    • Alfredo E. Utente certificato 3 anni fa
      Buona Domenica Claudio ricordarsi SEMPRE che l'Università della vita è una strada in salita... :))
  • vincenzo cutolo 3 anni fa
    Ve la ricordate la vecchia canzone di Mina “E se domani ...”? Grillo ora ne rispolvera il titolo, per aggiornare con furia iconoclasta la sua precedente visione politica. Finora egli ci aveva abituati al netto e totale rifiuto di un dialogo con gli altri partiti, a una scelta radicale e assoluta che lo aveva spinto - e lo continua a spingere - ad espellere dal suo Movimento chiunque manifestasse o manifesti segni di cedimento o divergenza rispetto alla sua “linea” (una linea di rigetto dell’idea stessa di comunità politica, intesa come società dialetticamente diversa, chiamata a vivere i suoi intrinseci ideali e le sue amare contraddizioni, le nobili aspirazioni e le squallide corruzioni, il suo male e il suo bene connaturati alla natura umana). Ed egli evidenziava, nella sua scelta isolazionistica, l’aspirazione a una società di “puri”, di anime belle che avrebbero – da sole - condotto l’Italia alla palingenesi. Oggi Grillo va oltre. Il suo rifiuto non va solo all’idea di comunità politica, ma all’idea stessa di comunità nazionale. Epigono forse non consapevole della Lega di Bossi, oggi egli riprende il motivo di Mina e chiede: “E se domani quello che ci ostiniamo a chiamare Italia e che neppure più alle partite della Nazionale ci unisce in un sogno, in una speranza, in una qualunque maledetta cosa che ci spinga a condividere questo territorio che si allunga nel Mediterraneo, ci apparisse per quello che è diventata, un'arlecchinata di popoli, di lingue, di tradizioni che non ha più alcuna ragione di stare insieme?”. Aggiungendo e ricordando che “la Bosnia è appena al di là del mare Adriatico. Gli echi della sua guerra civile non si sono ancora spenti”. Poi prosegue nel canto: “E se domani i Veneti, i Friulani, i Triestini, i Siciliani, i Sardi, i Lombardi non sentissero più alcuna necessità di rimanere all'interno di un incubo dove la democrazia è scomparsa …?”. E sentenzia che “per far funzionare l'Italia è necessario decentralizzar
  • paoloest21 3 anni fa
    o.t. buondì! a modena succede nel piddì... dal ffatto di oggi... ""“..I sostenitori del mio avversario hanno finanziato sistematicamente il voto dei cittadini extracomunitari munendoli della somma occorrente per votare. Ma non solo. Nelle settimane precedenti al voto hanno pagato dei pranzi. Voglio andare fino in fondo a questa storia, non credo di nuocere al mio partito"" giovgio questa est gente poco seria stia attentissimo, già ha commesso qualche sbaglio , non perseveri!
  • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
    Tutte le Opinioni sono VAlide. Quelle dei Troll acidi, cattivi, Venduti e dei grillini leccaculo, compresi. Quelli dei Saggi e dei Folli, di ogni Colore della Pelle e Casacca. Dei Disturbatori e degli Offensivi. Serve a farne l'Analisi MAtematica di quel che si chiama Italia. VAlutazioni finali, dopo opportuno Vaglio e Sintesi. Forse , Microrepubbliche per Affinita'? Elettive e non. Ad esempio, una Microrepubblica di Sadici e MAsochisti, di CAnnibali ed autolesionisti, etc. Una di Donatori di Sangue e VAmpiri, etc. Una di Equitalia a tassar gli Avari... Ciascuno sarebbe in cuor suo Contento.
  • Ermes V. Utente certificato 3 anni fa
    Più che l'eventuale ridiscussione dell'unità d'Italia, la domanda che più fa riflettere è: "Quanto è unita l'Italia dopo 153 anni?". Perchè appare chiaro che i governi che si sono succeduti da allora hanno ben presto smesso di credere nei valori in cui credettero coloro che hanno lottato e combattuto per l'unità d'Italia. Le istituzioni hanno una grave responsabilità nel non aver insegnato i valori e gli oneri che l'Italia unita aveva e ha. Il dilagare della corruzzione ovunque si parli del denaro pubblico non ha portato alcun bene all'unità d'Italia. Se tutti i cittadini italiani vengono chiamati a pagare una tassa per ricostruire un'area colpita da un disastro naturale, è un bene; se questa tassa rimane dopo decenni, e non c'è stata ricostruzione, la gente si sente presa per il culo. Quanti soldi sono stati chiesti a tutto il paese per finanziare ad esempio un eterno cantiere incompiuto ad infiltrazione mafiosa come l'autostrada Salerno-Reggio Calabria? Tutt'oggi neppure un caffè costa uguale da Nord a Sud, per non parlare delle tasse: a prescindere dalla POSSIBILITÀ di pagarle, il rispetto delle imposizioni dello Stato è una cosa che viene interpretata in una varietà di modi, lungo il paese. Lo Stato è gravemente mancato ovunque fosse necessario insegnare - e soprattutto dimostrare - che l'Italia unita è una cosa giusta. È inevitabile che la gente prima o poi si deprima e perda fiducia sull'effettiva utilità di una Italia unita. E la colpa non è di Grillo o di questo post, nel far notare l'argomento, ma di chi in questi 153 anni ha calpestato gli ideali e i fondamenti di chi ha cercato di unire questo paese. La ridda di insulti e bestemmie nei commenti a questo argomento non sono altro che la dimostrazione di quanto, attualmente, la cultura in Italia sia più rara dei metalli preziosi.
  • libera p. Utente certificato 3 anni fa
    Questo post significa che dovete smetterla di parlare a vanvera se non ne avete capito il senso... Accorpare non significa separare, significa mettere insieme, è l’esistenza e l’espressione di interessi condivisi, una vasta area geografica risultante dall'accorpamento di più regioni, ritenute omogenee sotto qualche aspetto. Un metodo di cooperazione collettivo rispetto alla concezione burocratico-amministrativa delle politiche pubbliche.
  • Francesco M. Utente certificato 3 anni fa
    spero sia solo una provocazione, perchè come obiettivo è una cazzata Io come elettore M5S non la condivido e non l'ho vista nel programma e comunque non lo vorrei. Perch? Perchè non cambierebbe nulla stante così le cose, anzi amplificherebbe i problemi (invece di averne uno a livello nazionale questo si moltiplicherebbe x n macroregioni. Ma non dovevamo abolire le provincie? Io sarei per accorpare alcune regioni e per limitarne drasticamente certe competenze. Si dovrebbe andare verso la direzione nazionale (centralizzazione) di molte attività che ora sono esclusiva competenza regionale compresa quella sanitaria. Chi ha scritto questo post? Non c'era altro di cui parlare?
  • marino marquardt Utente certificato 3 anni fa
    BASTA CAZZATE! E se, e se, e se... Basta con queste cazzate che si perdono nel tempo! La gente, gli elettori, i sostenitori M5s vogliono che si lavori al programma e non che si tirino fuori proposte a lunga scadenza. Queste sortite fanno soltanto perdere consensi al M5s. Sono un giornalista e sono a conoscenza anche dei sondaggi riservati in possesso dei partiti. Le troppe chiacchiere stanno erodendo consensi. Questa strategia sadomaso è semplicemente suicida. E ciò mi addolora.
    • Stefano Chincarini 3 anni fa
      Ma tu cosa fai oltre a scrivere cavolate? O forse questo è il tuo lavoro? Giornalista... ma se non sei in grado di capire il senso di una provocazione... torna alle elementari.
  • GIANLUIGI MARINONI 3 anni fa
    Bravo Grillo, questa volta condivido. Le strade per tentare di salvare questo paese ripugnante, paese volutamente scritto in minuscolo, sono a mio parere solo due: 1)le macroregioni storiche e con larga/larghissima autonomia; oppure il processo contrario, vale a dire 2) Abolizione delle Regioni, un obbrobrio per lo sperpero criminale del denaro pubblico cui si sono sinora dedicate e creazione di Distretti o Macroprovince rigidamente controllati dallo Stato Centrale. Attenzione, esiste però una conditio sine qua non alla neo centralizzazione: la capitale di questo Stato deve essere spostata a Milano o Torino. Declassare Roma deve essere il punto prioritario di questo processo di ristrutturazione dello Stato. Roma è una città immonda e indegna di essere la capitale di qualsivoglia Stato. I governatori dei Distretti siano nominati direttamente da Milano o Torino e la Sicilia ad es. sia divisa in due Distretti con presenza massiccia dell'esercito. Altrimenti non vedo altra soluzione che le macroregioni grillino/leghiste e ognuno se ne vada per la sua strada.
  • luca cappilli Utente certificato 3 anni fa
    Non pubblicate niente su franceschini o altri nessuno ne adesso ne mai
  • Max Della Serietà Utente certificato 3 anni fa
    Infine I comizi sono gratis da che mondo è mondo. Un comizio a pagamento non lo farebbe neppure il più ingenuo dei politici. Poveri i nostri voti
  • teodora a Utente certificato 3 anni fa
    Il mondo è bello perché è vario. Mettiamola così. Poi, ognuno ne trae le proprie conclusioni, nel rispetto della libertà di pensiero, che non può, a seconda dei quarti di luna, indurre ad istintive, quanto opportunistiche, “valutazioni” d’ovazione o di facile, sconsiderata “condanna” da parte di “propone”. La pervicace, automatica, impulsiva conclusione di collocazione nel “trollismo” è SOLO mera ossessione.
  • Max Della Serietà Utente certificato 3 anni fa
    Sinceramente non capisco. Grillo, con i post devi parlare alla casalinga di Voghera come all'intellettuale. Ti rendi conto che i voti di milioni di persone che non hanno tempo per capire post come questo valgono quanto quelli degli intellettuali? L'unico ' uno vale uno' purtroppo riguarda un aspetto che sembra che tu non conosca. Un po' grave per chi dice di volere mandare tutti a casa. Avevi cominciato bene. Raggiugiamo la casalinga (tutto il rispetto) con Di Maio, Di Battista, Morra ... sparandoli nell'unico strumento che sono in grado di usare: la Tv. Avevi di nuovo acceso le mie speranze. Ma se la comunicazione è un post come questo non potrai altro essere che un perdente e la gente non vota per un perdente. Il nostro 25% incorniciamolo, non lo vedremo mai più.
  • Simona Diodato Utente certificato 3 anni fa mostra
    Proviamoci. 5 macroregioni. Partiamo dal Sud. 1) Mafialand (Sicilia) Essendo terra di Mafia e Regione a statuto speciale non è aggregabile. I siciliani sarebbero spacciati ma la prima macroregione è fatta. I rapporti economici di questa macroregione con le altre continuerebbero ad essere intensi. Niente tasse, bolli, burocrazia. Niente politica, ovviamente. Non avevo mai pensato a QUESTO modo di eliminare la casta. Geniale 2) Sardaland (Sardegna) Questa era facile: fomentiamo le spinte disgregazioniste per sottolinearne l'esistenza. Il commercio del mirto salverá l'isola. 3) Ndranghet-world (Calabria, con l'estensione Basilicata e Molise: non le ha mai cagate nessuno, cos'è: iniziamo adesso??!!; Lombardia: solo per sancire lo stato di fatto, no?) Prima legge approvata: legalizzazione del traffico internazionale di cocaina. Calabrese estremo diventa lingua nazionale. Grillo e Salvini: più soppressata per tutti. 4) Sacra Corona Unta (per via dell'olio). Puglia Giá circolano voci di secessione nel Salento, che Casaleggio immagina di dominare inondandola di fumi dell'Ilva 5) Ca'morra (Campania) Saviano viene consegnato dall'ex stato-casta-centralista. 6) Italia (Lazio) A Roma tutto continuerá tutto ESATTAMENTE come prima, con la sola differenza della totale ingovernabilitá (capita, nelle guerre civili), pressione fiscale raddoppiata (il minifederalismo attuale questo ha prodotto), minor controllo e nessuna responsabilitá 7) CentRenzi (Toscana, Umbria) Nota anche come la Macroregione del Fare Finta Affari Veri 8) Terre del Centro Nord (tutte le restanti regioni eccetto Lombardia - Ndranghet-world - e Liguria) Una Padania con la sindrome di Down in costante guerra intestina tra regioni a statuto speciale e totale impossibilitá comunicativa tra popoli dai dialetti differenti. Ottima la grolla di culatello. 9) Beppeland (Liguria) Presidente: B. Grillo. ogni giorno una nuova improvvisata populistica inconcludente sparata a pagamento Sono 9 anzichè 5. Che faccio, lascio...?
  • Antony Mars Utente certificato 3 anni fa
    Caro Beppe, dopo tanti proclami, non sarebbe forse il momento di provare a fare delle proposte concrete per il bene del paese? Invece pensi solo a lanciare delle provocazione mediateche in stile Mourinho.... Sembra che il Movimento 5 Stelle sia sempre alla caccia di voti stile vecchia DC... Tutti insieme si può fare senz'altro qualcosa di più!
    • Stefano Chincarini 3 anni fa
      Ma tu cosa fai oltre a scrivere cavolate? O forse questo è il tuo lavoro?
  • Paolo B. Utente certificato 3 anni fa
    ..si rischia di "bruciare qualcosa"? ...si le poltrone della casta. ***** Eposmail
  • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
    Con una FAttoria degli Animali recintata, basta una sol LoRenza dal NAstro Azzurro in Capo a coglionare ed uccellare le pecorelle smarrite. Con dieci Microrepubbliche, il divertimento sarebbe Decuplicato. (Ironico). Dieci Prostitute per me, posson Bastare... http://www.playmusic.it/musica/2250/10-ragazze-per-me-lucio-battisti/
  • salvatore iapichella 3 anni fa
    Salve Signori, certamente bisogna riflettere su questa provocazione del Sign.Grillo.Sicuramente lui non vuole dividere questa Italia,perchè si sente credo,più italiano di tutti noi messi insieme.Il fatto di accorpare le regioni in macroaree in modo da ridurre i costi della politica la vedo una buona idea.Alla fine ci sarebbero meno palazzi e i territori sarebbero rappresentati in ogni caso dai suoi rappresentanti. Il fatto secondo me più interessante sarebbe il ridimensionamento delle attività dello Stato a partire dall'attività imprenditoriale che il politico di oggi reclama.Oggi ci sono migliaia di aziende gestite dallo Stato compresa la Sanità e questi politici si divertono a nominare Manager e responsabili solo perchè osannano un partito:clientelismo.Il clientelismo si è reso schiavo del Lobbysmo:cito il caso De Benedetti e Berlusconi,ma se ne potrebbero citare tanti altri.A mio parere lo Stato deve solo legiferare,questo è il suo compito e rappresentare le macroregioni all'estero.Legiferando esso assicura che i rapporti di diritto fra le persone venghino svolti nel giusto verso senza favorire nessn altro.Poi per il resto si lascia lla libera attività spirituale e associativa del singolo individuo decidere.Ad es. è inutile che io mandi i miei figli nella scuola pubblica dove si mettono in fila a cantare la canzoncina al premier.Dove il preside o l'insegnante di destra o sinistra guardano mio figlio come figlio di colui che non è delle stesse idee e non fa parte della compriccola.Forse è meglio che ognuno di noi fossimo liberi di scegliere gli insegn. per i nostri figli e assieme a loro condividere un percorso educativo.E' inutile che io vadi in una banca ormai multinazionale dove non mi danno un prestito perchè il mio territorio è a rischio Mafia e quindi poco sicuro.Forse sarebbe meglio che dei gruppetti ci riunissimo e fare la banca per il nostro territorio,la quale di sicuro conoscerebbe i problemi della gente e gli darebbe dignità...e tanto altro ancora...
  • luigi francia Utente certificato 3 anni fa
    È SPAVENTOSAMENTE MAFIOSA L'IMPOSIZIONE della legge elettorale di Renzi e Berlusconi. La trattativa dello stato con la mafia è considerata la trattativa criminale perché essa è una trattativa con i criminali: ora è il turno degli italiani che fanno la trattativa con i criminali, i due, contrariamente ai mafiosi non ancora condannati, sono ben chiaramente già condannati. La truffa è politica e religiosa. Quando sono sempre i rappresentanti dello stato a fare i cerimonieri di papi e prelati, sempre a fianco gli uni agli altri, la truffa dovrebbe essere ben evidente. I poveri ci devono sempre essere, ed anche sempre di più, perché la Chiesa diversamente non avrebbe più nessun argomento da portare avanti nella storia. Fino a quando i poveri saranno gli sventurati della Terra, la Chiesa non potrà mai perire. La bigotteria, l'ipocrisia dei presidenti e delle presidentesse fanno vomitare anche chi nello stomaco non ha più niente perché ha già vomitato tutto per lo schifo della indegnità dei falsi profeti, soprattutto dei civati, delle bindi e della banda. Noi non sapremo mai che cosa disse napolitano a mancino; neanche sapremo mai che cosa disse napolitano a Berlusconi per farlo dimettere.Quattro indegni giornali pagati con i soldi dei poveri, e dieci stazioni televisive pagate da canone e pubblicità con donne denudate e kinder cioccalato per la buona salute dei bambini, una massa di esaltati ed ubriacati delle proprie spavalde carriere, hano decisamente maturato gli italiani all'argomentazione la più breve, saltando con politica disinvoltura gli aspetti decicivi del discorso per giungere velocemente alla copulazione retorica della loro opinione spavalda - patentata d'un pezzo di carta che nonvale più della carta- con la logica che è logica soltanto perché sono state saltate le tappe della giusta argomentazione. L'Italia è dominata da quella cultura scellerata che gli scellerati hanno piantato a fondamento degli stati. Già d
  • Matteo V. Utente certificato 3 anni fa
    Troppa carne al fuoco. Si finisce per far bruciare qualcosa.
  • Canzio R. Utente certificato 3 anni fa
    E se domani..... ,non ci fossero più questi partiti,le loro lobby,le loro televisioni, giornali, sostenuti sempre dal "loro" onnipresente clero, sicuramente,vivremmo in un'Italia pulita da"sogno" e potremmo ricominciare a dire con orgoglio da SUD a NORD sono italiano. Dobbiamo "lavorare" per restare uniti non per dividerci.Questi miserevoli personaggi che ci hanno e ci stanno governando,hanno fatto e stanno facendo del tutto per dividerci,con le loro continue ingiustizie ci hanno in maniera subdola messi uno contro l'altro, per renderci,più litigiosi e "inoffensivi".
  • OPS Roma 3 anni fa
    Caro Beppe, al fine di rendere qualche servizio utile al Paese, perchè non s'inizia a fare un elenco di enti inutili siti nella Pubblica Amministrazione, vedere chi presiede il consiglio ed i loro componenti, passando poi ai sindaci. In tal maniera intanto pubblichiamo,essendo inutili, i vari componenti parassiti che li presiedono ed i loro compensi. Così potremmo sapere i nominativi che dalla politica sopravvivono o fanno parte del cimitero degli elefanti.
    • OPS Roma 3 anni fa
      Ho trovato intanto i componenti della Cassa Depositi e Prestiti. Interessante per i compiti che svolge e dei personaggi che la compongono.
  • Robergo de Simone Utente certificato 3 anni fa
    pensare alle macroregioni è il sogno di molti ma l'inutilità più totale. Decentralizzare il potere significa solo creare nuove bocche da sfamare come ampiamente dimostrato in questi anni. Andatevi a vedere la spesa pubblica prima e dopo l'avvento del regionalismo. L'Italia ha bisogno di snellire di semplificare e di far gestire i soldi con meno passaggi possibili. Ecco che bisogna diminuire i comuni annullare le province e dare alle regioni solo una funzione di sportello per i cittadini altro che leggi regionali consigli governatori ecc. Se in una determinata area del paese ci fosse una particolare esigenza deve essere il parlamentare rappresentante di quell'area ad occuparsene segnalarla al governo e far fare una legge ad hoc per quell'area tutto fatto in un contesto di monocameralismo e di un parlamento che abbia decisioni rapide. Legge Elettorale: PROPONETE CHE ALL'ATTO DELLA PRESENTAZIONE DELLA COALIZIONE VENGA INDICATO IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO I MINISTRI E I SOTTOSEGRETARI TUTTI PRIMA!!!!!!! NON DOPO PRIMA !!! Così da lasciare agli elettori valutazioni elogi e critiche
  • Antony Mars Utente certificato 3 anni fa
    Gia' facciamo fatica a farci valere in Europa e nel resto del mondo (si veda caso Marò in India) come un'unica nazione, immaginate voi se dovessimo dividerci...
    • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
      Alla spicciolata, ci si potrebbe confondere... Ora, additati ovunque. Il paese delle Vergogne. Ribaltate.
  • Claudio C. Utente certificato 3 anni fa
    Questa è una mia risposta ad un commento di un caro amico qui sul Blog ... la ripropongo a tutti ed intanto ... Buona Domenica ... Voglio sperare che a scrivere i troppi commenti "contro" siano stati tutti gli "infiltrati" che notoriamente bazzicano 'sto Blog ... voglio sperare che i veri 5* abbiano capito o tentato di capire il post ... chissà se a costoro (ed alla "mandria" di giornalisti, vabbè chiamiamoli pure così, tanto per intenderci, che hanno commentato immediatamente "pro domo ...") sarà d'aiuto il post di stamattina (posizionato a fianco) ... Il mio commento l'ho scritto ieri sera alle 22,46, appena letto il post, e qualche dubbio sulla mancata comprensione dei molti "se" contenuti nel post l'ho subito segnalato (e non ci avevo riflettuto a lungo)... Il significato delle parole è importante ... le reazioni a caldo non sempre sono quelle giuste ... ponderare è meglio ... Il problema non è la suddivisione dell'Italia ... Il problema sono gli Italiani ... (e Cavour e D'Azeglio sono morti già da un po' ...) (^_^)
    • Claudio C. Utente certificato 3 anni fa
      Ma ora devo andare ... ci "risentiamo" stasera ...
  • Antony Mars Utente certificato 3 anni fa
    E se domani... O ancora meglio oggi, invece di "sfasciare" un'altra cosa, pensiamo a come aggiustare le cose che non vanno bene?
  • Giuseppe Flavio Utente certificato 3 anni fa
    A me sembra che questo post sia una bella provocazione che ha lo scopo di far pensare a problemi che innegabilmente esistono. E dei quali innegabilmente nessuno ha la soluzione in tasca. Quanto ai commenti Europa sì, Europa no; euro sì, euro no; industrie del nord rapinatrici del sud, ecc.. ecc.. beh, la storia non è certo il piatto forte della cultura di massa, che piuttosto si nutre di una serie di slogan buttati qua e là dalle TV e dalla carta stampata (quasi tutti di regime). Quindi giudicare:- "IL M5S vuole la secessione...!!! mi sembra estremamente semplicistico, imprudente nonché fuori della realtà.
  • libera p. Utente certificato 3 anni fa
    Idea interessante la macroregione, l'autonomia sarda per me è anarchia totale, soldi pubblici in mano ai soliti politici, amici e parenti, Sardegna allo sfascio totale, nessun controllo!! Amministrazioni pubbliche che fanno il bello e il cattivo tempo... basta!! Sardegna in mano alla casta, ai massoni, alla mafia...Questo vale anche per il resto d'Italia. Accorpando regioni si potrebbe arginare il magna magna perché l'una controllerebbe l'altra, significherebbe sviluppare affinità, aprire la mente a nuovi concetti di sviluppo intelligente e sano, condividere e difendere il territorio da chi vuole portarcelo via...
  • Anti Idiologia 3 anni fa
    Nonostante tutte le pratiche di "sfollamento del consenso", messe in atto da Beppe e da Gianroberto,con lo scopo evidente di "mollare la politica" perché evidentemente meno produttiva, economicamente, delle aspettative iniziali con Beppe che torna a fare spettacoli a pagamento sfruttando la campagna elettorale, cosa inaccettabile dal punto di vista etico e che èun assist a porta vuota all'avversario) ci sono ancora tanti che non si rendono conto che "non ci arrenderemo mai" è uno dei mantra ormai dismesso nei fatti... Per chi ha creduto nel M5S, nelle votazioni dal basso, esiste oggi un'unica alternativa, appoggiare idissidenti, che ci hanno creduto fino all'estreo sacrificio personale con tanto di gogna mediatica, ed appoggiare una forte coalizione di partiti non inciuciati con la casta. Come, ad esempio, Demorazia Atea, che sarà ilnuovo "nuovo che avanza" che già sta sottraendo non pochi voti ai delusi dagli inaccettabili autoritarismi di beppe e gianroberto.
  • Domenico Cacciato Utente certificato 3 anni fa
    X FABRIZIO ELEONORI... TU STAI AL M5S COME IL LUPO STA AL POLLAIO! BEPPE E CASALEGGIO HANNO REALIZZATO UN SOGNO PER TUTTI! OGGI ED IN FUTURO IL MOVIMENTO È REALTÀ! LUCACACCIATO
  • Patrizio Bolgan Utente certificato 3 anni fa
    É nel nostro programma? Non ricordo
  • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
    L'Italia , rispecchia la sua condizione di Donna. Da Signora a Prostituta. BAsta legger Leopardi. BAsta uno sguardo al PArlamento: mai così tante e conclamate puttane, a rappresentar i sessi. Sin un Puttaniere pregiudicato che non vuol andar in Galera. Voi vi sentite orgogliosi d'esser figli di questa roba? Di Squartatori di Vite?
    • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
      Ti Ringrazio, faro' tesoro della tua Preparazione. Diventero' come tu vorrai.
    • Bruno Iannotti 3 anni fa
      Sei proprio un'ignorante. Rifletti prima di dare fiato alla bocca. Sciocco
  • Andrea B. Utente certificato 3 anni fa
    Mi dissocio completamtne sono in pieno disaccordo se si continuerà su questa linea nn voterò più il movimento.Io ho la sensazione che mentre i cittadini parlamentari lavorano come matti e acquistano punti arrivano post come questi e tutto il lavoro fatto, la credibilità raggiunta, crolla.Mi chiedo è scientifico questo ???Cioè scrivere cose del genere per creare sconcerto tra gli indecisi, nn acquisire altre adesioni al movimento, perchè nn si sa come gestire un numero ancora più grande di elettori,mi chiedo è scientifico???
    • igor m. Utente certificato 3 anni fa
      forse non ti sei accorto che l'italia è già divisa economicamente socialmente e culturalmente,il post è semplicemente una riflessione e se tutto cio' ti preoccupa tanto da non voler piu' votare il movimento allora significa che non avresti dovuto votarlo dal principio. cordiali saluti :-)
  • Rita L. Utente certificato 3 anni fa
    Sostenere che gli stati federali siano una idea leghista è come sostenere che la prospettiva l'abbia inventata l'architetto fuksas.
  • kiks1 3 anni fa
    a grillo... e basta co ste cazzate...
  • Fabrizio Eleonori Utente certificato 3 anni fa mostra
    Una cosa così, purtroppo, l'avevo già vista su questo blog prima che il M5S diventasse opzione elettorale: si parlava degli splendori economici del Regno delle Due Sicilie alla vigilia dell'invasione garibaldina, in rapporto al'indebitamento del Regno di Sardegna, che poi sarebbe stato l'invasore definitivo. Per dare maggior credito alla ricostruzione criminalizzante dell'unità italiana, si ospitava la voce di qualcuno dell'oscena e grottesca setta dei neoborbonici. Trovando il turpiloquio una soluzione ancora più sterile del fatto stesso di postare questo mio commento, non trovo parole abbastanza forti per esprimere una distanza dalle farneticanti osservazioni del post di Grillo. Sono un elettore del M5S, molto convinto, ma anche molto attento alla qualità ideale dei contenuti di programma propugnati. La questione importante che mi piacerebbe segnalare non è tanto che io o altri possiamo smettere di riconoscere quest'alternativa, ma quanto indecente sia la sparata di affermazioni così pesanti sulla base di considerazioni storiche così catastroficamente approssimative e deformi: il danno estremo non verrebbe dalla perdita di elettori, ma paradossalmente proprio dall'eventuale affermazione di tali demenzialità nel programma del Movimento, o, peggio del peggio, da una loro ultima (benché fortunatamente molto remota) realizzazione. A Beppe Grillo si deve senza dubbio la creazione di un movimento che mi ha dato una prospettiva concreta di oppormi a un sistema di cose disastrosamente immorale e ha portato in parlamento persone sorprendentemente capaci e combattive. Ma negli ultimi tempi assume sempre più spesso le caratteristiche di una mina vagante. Beppe Grillo è probabilmente la più grave minaccia per la sopravvivenza del Movimento.
  • Domenico Cacciato Utente certificato 3 anni fa
    REGNO DELLE DUE SICILIE SÌ...MA PRIMA MANDIAMO A CASA O IN GALERA LA CLASSE POLITICA COLLUSA E I MAFIOSI CHE STANNO A PIEDE LIBERO!...OGGI CARO BEPPE NON CI SONO PIÙ I NOBILI AL COMANDO DEI SUDDITI PURTROPPO OGGI CI SONO LE FAMIGLIE DI MAFIA MODERNA CHE COMANDANO GLI SCHIAVI!QUELLA MEDIA BORGHESIA MAFIOSA CHE PRETENDE RISPETTO SUCCHIANDOTI IL DESTINO!...MAFIA CHE SI È PERSA UN TRENO ANTICO!!OGGI IL REGNO DELLE DUE SICILIE NON PUÒ ESISTERE!NON VOGLIO FAR POLEMICA CON TE BEPPE ANZI SAREBBE MOLTO BELLO SOTTO MOLTI PUNTI DI VISTA DIVIDERE L'ITALIA IN DUE O IN TRE NE RICONOSCIAMO I MOTIVI!MA IL PROBLEMA REALE A MIO MODO DI VEDERE STA PROPRIO NELLA MAFIA DEL III MILLENNIO!...CON MOLTE REGOLE ANTICHE CHE NESSUNO DI LORO RISPETTA!OGGI HANNO SOSTITUITO QUELLO PER CUI COMBATTEVANO "I NOBILI"!QUEI NOBILI CHE TUTTO POTEVANO PERCHÉ POTENTI MA CHE DOVEVANO STAR MOLTO ATTENTI AI BEATI PAOLI!OGGI ANZI ALMENO DAL 1950HANNO FATTO SOLDI A PALATE CON LA COCA VENDUTA IN AMERICA E CONTINUANO ANCORA ADESSO NEL MONDO!UNA DOMANDA:MA CHI SI BATTE OGGI AL SUD E IN SICILIA AL FIANCO DEI PIÙ DEBOLI???I BEATI PAOLI NON CI SONO PIÙ!CI VORREBBE UN SUD MILITARIZZATO PER SRADICARE L'ERBA CHE ORMAI NON CRESCE PIÙ VERDE IN SICILIA MA BLU!CI VORREBBE UNA COSCIENZA CONDIVISA AL SERVIZIO DEGLI ALTRI!L'ITALIA DIVISA CON I SOLDI A NAPOLI PIUTTOSTO CHE A PALERMO VORREBBE DIRE SOLO UNA COSA CON LA SITUAZIONE ATTUALE...VI DIAMO I SOLDI, FATE CIÒ CHE VOLETE MA RIMANETE NELLA VOSTRA TERRA!IO SONO PER UNA ITALIA LIBERA ED ANCHE PERCHÉ NO PER UN REGNO DELLE DUE SICILIE LIBERO DA NOBILI E MAFIOSI...SONO ANCHE PER COMBATTERE I PREPOTENTI E GLI INCAPACI MA QUESTO ADESSO E DOVREMMO PENSARCI PRIMA BEPPE PERCHÉ POI SAREBBE TROPPO TARDI!IL SUD ED IL POPOLO SICILIANO HA PAGATO TANTO ALMENO DAL1847-48 AD OGGI!NON UCCIDIAMO COSÌ TANTO PER FARE...LA SPERANZA DELLA GENTE ONESTA DEL SUD!!!PER FARE BISOGNA PENSARE E PENSARE BENE PER FARE MEGLIO SI PUÒ! GRAZIE BEPPE PER QUESTO SOGNO DIVENTATO REALTÀ!GENTE PARTECIPAZIONE!
  • pier p. Utente certificato 3 anni fa
    Leggo moltissimi commenti contrastanti ! Anch'io non mi aspettavo un post così.... Magari siamo noi a non capire bene il significato e le utilità per il paese. Quello che conta (o dovrebbe contare) sono i VOTI alle prossime elezioni. Questo post, AIUTA? Io non so..se qualcuno mi vuole rispondere, garzie. Pier
    • pier p. Utente certificato 3 anni fa
      Non sono arrabbiato...anzi! Ti ringrazio per una risposta condivisibile e per"il credo politico". Resta il fatto(purtroppo), che senza la forza necessaria, il cambiamento di questa italia marcia, sarà difficile da ottenere.
    • Antony Mars Utente certificato 3 anni fa
      E' per me insolito rispondere ad un commento di un altro utente su di un blog o di un forum, spero che non ti arrabbierai per questo, ma mi chiedo, può davvero contare solo la raccolta dei VOTI? Cioè si può scrivere un post (indipendentemente dal contenuto del post) solo per la raccolta dei voti alle elezioni? Dunque non importa se Grillo, Casaleggio o chi che sia, scrive una cosa perchè ci crede o perchè la reputa importante, conta solo raccogliere voti? Alla fine la forza del Movimento mi pare sia la diversità dagli altri partiti... O forse mi sbaglio??? O forse il movimento non è così diverso dagli altri partiti per i quali contano solo i voti alle elezioni??? Modello parole tante e fatti pochi?
  • Alfredo E. Utente certificato 3 anni fa
    "Il popolo, nella misura in cui questa parola designa una particolare frazione dei membri dello Stato, rappresenta la parte che non sa quello che vuole" G.W. Friedrich Hegel www.beppe.siempre
  • Giorgio G. 3 anni fa mostra
    così si fa oggi, non domani, opposizione in Italia, così si governerà domani se....
  • spuseta 3 anni fa
    Mi sembra che ormai solo l'uscita dall'EURO possa darci qualche speranza di sopravvivenza, tutti quelli che hanno i BOT ci rimetteranno qualcosa ( io non ne ho)ma alla fine ci guadagneranno tutti, ma sopratutto i meno abbienti che sono la maggioranza. Quelli che si oppongono sono quelli che hanno capitali liquidi o titoli italiani ( i piu' ricchi).
    • Beppe A. Utente certificato 3 anni fa
      @anti idioligia trovami un solo paese che ha recuperato sovranita' monetaria e ha visto pagare i debiti (nazionali) dei suoi cittadini in moneta estera. Lex monetae:tutti i debiti vengono convertiti nella nuova moneta divenuta legale Art. 1277 Debito di somma di danaro I debiti pecuniari si estinguono con moneta avente corso legale nello Stato al tempo del pagamento e per il suo valore nominale. Se la somma dovuta era determinata in una moneta che non ha più corso legale al tempo del pagamento, questo deve farsi in moneta legale ragguagliata per valore alla prima.
    • Anti Idiologia 3 anni fa
      guarda che i bot in euro li devi ripagare in euro! Quindi ci rimetteranno, al limite, quelli che si compreranno lavaluta della nuova moneta nazionale che la vedranno deprezzarsi del 90% in due anni! Io, dal canto mio, mi tengo gli euro! Come faranno anche beppe e gianroberto! Col cazzo che li cambio in nuova moneta nazionale di una nazione che, si apprende oggi, si vuole pure smembrare.... Tale nuova moneta nazionale, destinata a frazionarsi ancora in moneta dello stato pontificio, del regno delle du sicilie, del ducato pizzarottiano dissidente di parma, del lombardo venetoetc etc... finirà come comubsustibile per l'inverno valendo di più come potre calorico che come poter di acquisto di combustibili!
    • Beppe A. Utente certificato 3 anni fa
      l'euro e' una moneta a difesa del capitale, e' quindi logico che oggi chi lo difende siano coloro che lo rappresentano (o ne sono servitori come i politici e l'informazione), cioe' banchieri finanzieri monopolisti e industriali che possono permettersi la mobilita' dei capitale e dei fattori di produzione (vedi delocalizzazione) come il della valle, Montezemolo, farinetti, marchionne e la stessa confidustria
  • Giorgio G. 3 anni fa
    dobbiamo aprire una trattativa con le regioni a statuto speciale del friuli, sardegna e sicilia possiamo lasciare autonomia finanziaria a francesi e tedeschi ma non ai friulani, sardi e siciliani avranno autonomia nei loro pochi macro comuni, come tutti
    • salvatore D. Utente certificato 3 anni fa
      Io sarei dell'idea si della separazione, per esempio delle due Sicilie e per essere provocatorio, non l'annessione all'Europa che è stata fallimentare ma alla Russia come la Crimea. Sicuramente non staremmo peggio.
  • Pino S. 3 anni fa
    Ci ridia i nostri VOTI. Penso che con questa affermazione lei sig. Grillo abbia premuto il tasto "AUTODISTRUZIONE". Non ho mai letto nei suoi programmi una sola riga dedicata alla secessione, pertanto, Lei, in base alle regole da Lei dettate al Movimento, sarebbe a rischio ESPULSIONE, perchè le sue idee sono contro la linea del Movimento e soprattutto contro l'unità d'ITALIA-QUESTIONE CARA AGLI ITALIANI E SOPRATTUTTO A GRAN PARTE DEGLI ELETTORI. Mi dispiace ma i voti delle nostre famiglie sono andati. VIVA L'ITALIA UNITA NO A QUALSIASI TIPO DI DIVISIONE.
    • domenico r. Utente certificato 3 anni fa
      ma quando la finite di tacciare per Pddini tutti quelli che ragionano sulle cose invece di accettare il Verbo come fate voi che vi siete bevuti il cervello!!!!!
    • andrea a44 Utente certificato 3 anni fa
      non'ai capito niente .la tua risposta e tipica di coloro che tranciano secco senza approfondire il discorso, e questo modo di ragionare e abbastanza diffuso tra noi plebaglia tantè che subito scatta la minaccia non voto più. perqui la persona che si rompe le palle per farci uscire da questo stato miserabile in qui siamo dopo anni di battaglie si rinnega in una frase o una battua. e se non ci fosse stato che avresti fatto . e se si stanca e taglia la corda che fai. vorrei dire tante altre cose ma e meglio di no. ciao
    • Avnt. Grd. Utente certificato 3 anni fa
      Idem per i voti della mia, per i voti di tutti quelli che questa mattina al Bar commentavano la notizia e immagino idem anche per le loro famiglie.
    • Rita L. Utente certificato 3 anni fa
      ma guardi che qui non si è affatto parlato di italia divisa! Quando mai differenziare e rispettare le necessità regionali porterebbe alla divisione? E' la politica inciuciata di roma che divide, caso mai! Ma purtroppo lei è inconsapevole e ciecamente piddino.
    • elisabetta deste 3 anni fa
      non ha proprio capito niente ,mi dispiace per lei ,ma soprattutto per chi le vive accanto
  • Andrea Pirro 3 anni fa mostra
    Caro Beppe, seguo il Blog fin da quando l'hai creato. Mi entusiasmava, poi l'ho mollato nel periodo della nascita del Movimento 5 Stelle. Ora ricordo perché lo mollai: ogni giorno una nuova inconcludente sortita. Come adesso: un giorno: espulsioni di parlamentari con insulti; un altro: dimissioni di parlamentari accompagnata dall’accusa di essere parassiti; un altro: assemblea di parlamentari con psicodramma; un altro: il Movimento 5 Stelle è diviso; un altro: e se domani dividessimo l'Italia? Beppe: i partiti autoreferenziali hanno portato il Paese in rovina? Un'opposizione di tal fatta non ne frenerà la corsa verso la povertà. La gente non ci giudica per gli stipendi dimezzati dei nostri parlamentari, ma per la capacità di assumere la responsabilità del governo del Paese, per l’onestà delle nostre proposte per uscire dalla crisi, fossero anche dure e impopolari. Andrea Pirro.
    • Andrea Pirro 3 anni fa mostra
      Brava, cosa costruisci coi tuoi sospetti? Bada che il sospetto, la delazione, l'emarginazione, sono tipici dei regimi dittatoriali. Alla base della Democrazia c'è il rispetto dell'opinione altrui. Andrea.
    • Rita L. Utente certificato 3 anni fa mostra
      sono quasi certa che sei uno dei parlamentari giustamente espulsi da noi elettori o un suo parente o per lo meno uno dei loro cari amici del pd. E non hai capito niente del movimento.
  • Mauro Bernardini 3 anni fa
    Finalmente!! Sono anni che voglio far notare il controsenso dell'italia unita! Grande Beppe
  • Ben Monaco 3 anni fa
    Non immaginavo che negli infiniti commenti scritti senza riflessione ci cascassero anche i TG e i giornalisti di varia "stampa". La chiave era il titolo "E se domani..." il resto doveva essere interpretato come una visione futura per un controllo e sviluppo diretto della "macroregione", diminuire costi e sprechi ma, come già commentato, con regole ben precise. Oggi la precisazione "E se oggi..." ai vari "commentatori" e spero che anche questo post venga commentato dai TG e dai vari giornalisti.
    • Ben Monaco 3 anni fa
      Infatti sul post "E se oggi..." non diranno probabilmente nulla.
    • Giovanni 3 anni fa
      I TG sono pilotati e governati da quattro capibanda politici....il blog dovrebbe specie in previsione delle europee a badare a quel che si scrive ....Beppe ultimamente sta servendo su un piatto d'argento argomenti che stanno svuotando il m5s dei voti degli ultrasessantenni che pur non leggendo il blog erano pronti a coprirei di voti ( gli over 65 sono la maggioranza di chi va alle urne).... Se Beppe non cambia timbro alle europee prenderemo il 7% e sarà la fine del m5s! È anche la sua perché se domani non prendi i voti qualcuno t presenta il conto.....
    • Rita L. Utente certificato 3 anni fa
      i tg dicono quello che hanno loro detto di dire.
  • Giorgio G. 3 anni fa
    il progetto Berluskoniano dell'abrogazione del SOLO senato per avere mani libere al governo non deve diventare vostro ABBIAMO UN PROGETTO ALTERNATIVO SIAMO OPPOSIZIONE COSTRUTTIVA si al bicameralismo, no alle regioni, province e si a macro comuni, MA MACRO, due o tre per provincia E SI ALL'EUROZONA, a queste condizioni
  • spuseta 3 anni fa
    Con l'abitudine che ci siamo presi in 60 anni, manca la ricorrente svalutazione della lira che abbassava il debito pubblico e quindi gli interessi sullo stesso. La svalutazione aumentava il PIL e abbassava il debito, ora con l'euro succede il contrario, non ci va molto a capirlo, non ci andava molto anche nel 2000 da parte dei nostri geni statisti.
  • enrico 3 anni fa
    Penso che il post odierno di Beppe sia una bella e intelligente RIFLESSIONE sullo stato comatoso dello STATO: il ns Paese da 150 anni è ostaggio di classi di potere che hanno fatto di tutto per mangiarselo, per fare i propri affari a spesa del paese, per arricchirsi in un sistema senza regole e leggi (anche se ce ne sono anche troppo per i fessi), in un clima continuo di SCONTRI DI CLASSI IDEOLOGI E SERVIZI SEGRETI. Dopo 150 anni di sonno profondo di un groviglio di popoli diversi contrapposti egoisti e diffidenti, non abbiamo ancora scoperto di essere seduti su una bomba ( debito pubblico in continua evoluzione!) che ci porterà alla fame totale se a governarci saranno ancora e sempre coloro che vi ci hanno portato. Beppe lo dice da diversi lustri, ma è passato come lo spasso di un bravo comico. Uscire da questo maledetto incantesimo è urgente e necessario per salvarci, ma se e quando lo capiranno gli italiani seri, onesti allora si potrà cambiare le persone che ci governano e difendono la COSAPUBBLICA, bene di tutti. Il guaio è che, come sempre, il Paese è diviso, non in 20 regioni, ma in due pezzi: chi sta troppo bene e chi troppo male. La storia umana ne è piena e sappiamo che si cambia solo quando è la maggioranza a volerlo. CI RIUSCIREMO? ESSENDO OTTIMISTA DA 70 ANNI, DICO: CI CREDO POCO!! PURTROPPO!!! CCCC
  • dario a. Utente certificato 3 anni fa
    O.T. ma se tra 20 anni le 100 personalità politiche migliori del mondo saranno donne italiane che faremo , ne lascieremo fuori 50 per far posto ai maschi ? e i gay ? non hanno diritto al loro 3% in parlamento ? e i trans ? e le lesbiche ? MERITOCRAZIA , altro che cazzate sessiste . se fossi donna sarei indignata di sapere che sono in parlamento grazie ad una legge e non per i miei meriti . italia senza speranza.
  • Enzo Altieri Utente certificato 3 anni fa
    Quando si dichiarano certe cose bisognerebbe farlo con molta attenzione e cogliendo soprattutto l'attimo giusto! Beppe, diacimoci la verità, non sei un diplomatico e Casaleggio, beh, tutto si può dire tranne che sia un esperto della comunicazione! Detto ciò voglio sottolineare che per me Beppe resta pur sempre un grande e Casaleggio di sicuro una brava persona. La Comunicazione, quella con la C maiuscola la deve organizzare uno davvero bravo! State sbagliano tutto nel metodo e non nel merito. Se si vuole raggiungere la maggiornaza per governare bisogna utilizzare IL SISTEMA conosciuto dall'italiota medio e poi, una volta dentro, allora si che si può cambiare tutto. Voi due volete fare qualcosa di NON FATTIBILE o che qualora dovesse riuscire occorrerebbero almeno 10 anni, perchè somntare i poteri e i partiti NON E' UNA COSA SEMPLICE, ANZI! Ciao Beppe, umilmente ti saluto con il mio cuore tra 5 stelle.
  • a b 3 anni fa
    ERA ORA!!! complimenti a Grillo che FINALMENTE l'ha capita. ed a tutti gli abitanti nella penisola italica. .. non abbiamo più futuro a tenere unita questa italia che NON ESISTE! .. riprendiamoci la nostra cultura, la nostra economia, la nostra forza, il nostro sapere, il nostro alzare la voce in europa, i nostri soldi.. .. via tutti i politici da roma.. basta mandare soldi aumma aumma.. ogni regione si terrà le PROPRIE RISORSE.. VIVA LA SECESSIONE!! Addio italia..... ..
  • Andrea Jagher 3 anni fa
    "Can che abbaia non morde" si usa dire. Spero anche voi, come la lega, non andiate avanti a parlarne per più di 20 anni senza concludere niente. L'Alto-Adige, senza tante dichiarazioni roboanti, è quasi uno stato autonomo di fatto.
    • Andrea Jagher 3 anni fa
      Questo, ben inteso, se vuoi fare Politica e non demagogia da quattro soldi come la lega.
    • Andrea Jagher 3 anni fa
      Dato non capisci il linguaggio figurato, eccoti una "parafrasi" di Machiavelli: se vuoi i fini devi anche volere i mezzi, se nò fai solo brutta figura o finisci peggio di prima.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      No, no: han proprio parlato le bombe, altro che fatti..... http://www.carabinieri.it/Internet/Arma/Ieri/Storia/Vista+da/Fascicolo+20/04_fascicolo+20.htm
    • Andrea Jagher 3 anni fa
      Han parlato i FATTI una volta sola. Poi si è capito con chi si aveva a che fare. Con la lega han parlato le parole e si è subito capito che erano solo sbruffoni e logorroici.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Infatti, ha usato le bombe.
  • Giorgio G. 3 anni fa
    volete vincere alle europee ? abbinate la riforma istituzionale dei macro comuni, no alle province e alle regioni, alla permanenza nell'eurozona, il senato regionale resti pure al quel punto non seguiamo renzie su quella via che è un pacco umano, l'abrogazione del senato isolata non ci serve gli italiani tanto non lo mollano l'euro non hanno mai avuto una moneta forte se la terranno stretta
  • Daniele . Utente certificato 3 anni fa
    Da notare che se si fa un post dove si deve ragionare,arriva massimo a 500 commenti,quando invece c'è un post che può suscitare polemica può arrivare anche a 1600,ad ogni modo la gentile clientela si legga il post affianco.
  • vito asaro 3 anni fa
    beppe,non scherzare con queste cose.gli stati italiani preunitari non avevavo sovranita.le grandi monarchie europee li consideravano moneta di scambio,territori nei quali dirimere le loro questioni.noi abbiamo bisogno di un'italia unita,gestita secondo i principi del m5s(che comunque sono da sviluppare)e,soprattutto,sovrana.cacciamo gli invasori.mettiamo al loro posto persone preparate e oneste che,comunque,avranno poteri limitati in quanto sempre sotto il controllo del popolo,cambiamo il significato della parola denaro,ridistribuiamo bene ed in modo giusto il frutto del lavoro e tutto sarà risolto.
  • lorella lisciani Utente certificato 3 anni fa
    La Svizzera è uno Stato federale dell'Europa centrale, composto da 26 cantoni. La Svizzera è un paese alpino senza sbocco al mare, il cui territorio è geograficamente suddiviso tra il massiccio del Giura, l'Altopiano e le Alpi svizzere, e occupa una superficie di 41.285 km². Confina a nord con la Germania, ad est con l'Austria e il Liechtenstein, a sud con l'Italia e ad ovest con la Francia. Due terzi degli 8 milioni di abitanti si concentrano sull'Altopiano, dove si trovano le maggiori città: Zurigo, Ginevra, Berna, Basilea e Losanna. Le prime due sono piazze finanziarie internazionali e vengono anche spesso considerate come le città aventi la qualità di vita più elevata al mondo, mentre Berna, come capitale de facto,[7] è il centro burocratico e politico della nazione e sempre qui, nel Palazzo Federale (ted Bundeshaus, fr Palais fédéral), vi è la sede del Parlamento e del Governo svizzeri.[8] Con un reddito pro-capite pari a 80.275 $ (2013), la Svizzera è uno dei Paesi economicamente più prosperi al mondo. Due terzi della forza lavoro sono attivi nel settore terziario e circa un terzo nel secondario. La Svizzera è suddivisa in tre regioni linguistiche e culturali: tedesca, francese, italiana, a cui vanno aggiunte le valli del Canton Grigioni in cui si parla il romancio. Il tedesco, il francese, l'italiano sono lingue ufficiali e nazionali. Il romancio è lingua nazionale dal 1938 ed è parzialmente lingua ufficiale dal 1996. Alla diversità linguistica si aggiunge quella religiosa con i cantoni protestanti e i cantoni cattolici.Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Forse in molti li abbiamo invidiati, perchè sono un modello che per tanti motivi non riusciamo nemmeno lontanamente ad eguagliare. Eppure noi potremmo avere molto di più, con il nostro insuperabile paesaggio, la nostra somma cultura, la nostra storia pluri secolare, unica al mondo. Ma non basta avere, bisogna essere migliori.
  • Gilda Caronti Utente certificato 3 anni fa
    non esistono culture nazionali, ognuno ha la propria e dà vita a piccole aree relativamente omogenee...per quanto si voglia dividere l'Italia, le culture rimarrebbero disomogenee. E d'altronde, che importanza ha? la rivoluzione urge in tutto il mondo, l'unica ragione per partire da un posto piuttosto che da un altro, consiste nel fatto che in quel posto per avventura ci troviamo Ora urge demolire non l'Italia che è un modo di dire, ma lo Stato italiano, che invece é una maledizione ben attuale e concreta. Se poi in questo processo di autoliberazione la repubblica si dividerà , resterà come é, o si accorperà con altri posti, non è neanche l'ultimo dei problemi, non é proprio un problema.(Paolo Ranieri)
  • Paolo P. Utente certificato 3 anni fa
    Ma se poi dal Piemonte voglio andare al mare a Varazze, devo avere il passaporto? E oltre alla coda al casello, dovrò farla anche alla frontiera?
    • Paolo P. Utente certificato 3 anni fa
      L'importante fare in fretta...
    • Rita L. Utente certificato 3 anni fa
      se ti ci mandiamo noi 5stelle poi arriverai prestissimo... ;)
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      ...e nessuna coda: si fa prestissimo....
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      No, sarà un po' come andare affanculo: non serve alcun passaporto.
  • Roberto S 3 anni fa
    DISSI! Finalmente qualcuno a cui dare il mio voto, pensai. E infatti così feci e così mi impegnai a diffondere tra i miei conoscenti questa nuova opportunità per riformare il nostro paese. Qualcuno colse il suggerimento, qualcun altro no, ma non importa, dissi. La coerenza, l'onestà ecc, avrà il sopravvento e trionferà, dissi. Poi giunsero le espulsioni. Anche questa è da digerire, dissi: nell'interesse generale di un fine superiore utile alla gente, dissi. E poi, d'altra parte non sono andati via esponenti di spessore come Di Battista e Morra e quindi siamo ancora in una botte di ferro, dissi. OGGI sento sta STRONZATA delle macro regioni. Un ripristino del granducati e dei regni. BENE! Ero di sinistra, poi passato al centro sinistra, poi da voi. Non intendo passare alla lega! Ne accogliere le loro assurde idee. Spero in una smentita altrimenti farete a meno del mio voto e di altri. Come dice Grillo "pochi ma buoni". Sarò lieto di passare tra i non buoni.
  • Giorgio G. 3 anni fa
    volete sapere dove vi state accartocciando ? nella polemica sull'euro una ristrutturazione istituzionale convincente di questo paese implica la permanenza nell'eurozona no all'euro, o ni, dà il via alle strumentalizzazioni sulle macroregioni da questo punto di vista è coerente ma non fa i vostri interessi, che sono l'abrogazione di province, regioni e l'istituzione di macrocomuni se si vuole vincere in europa, altrimenti tutte le fantasie sono legittime tanto non cambierà nulla, anzi..peggiorerà
  • emanuele g. Utente certificato 3 anni fa
    Secondo me questo paese ha più bisogno di orgoglio nazionalistico pur accettando che ci siano delle differenze tra Nord centro e Sud. Ma la strada giusta è sentirsi orgogliosi del proprio paese questo dovrebbero insegnare! Noi siamo un miscuglio di popoli fieri con una grande storia alle spalle puntiamo su questo. Nel mio piccolo cerco sempre di comprare italiano perché girando l Europa mi sono stancato di essere deriso in quantoitaliano e nn vado certo a finanziare l economia di un altro paese di str...! Tutte piccole cose che fanno grande un paese! Smettiamola con i complessi di inferiorità riprendiamoci la dignità e crediamoci
  • Giorgio G. 3 anni fa
    è scritto male e si presta a strumentalizzazioni bastava scrivere no alle province e alle regioni si a macro comuni e a Salvini sarebbe venuto un coccolone
  • carmine quintiero Utente certificato 3 anni fa
    Basta con queste sparate, non roviniamo tutto un pò alla volta sono un 5s convinto, anche con gli espulsi ma con certe affermazioni non rimarra niente neanche
  • galantino santoro Utente certificato 3 anni fa
    Il discorso l'abbiamo capito ma ci sono momenti giusti e sbagliati per dire le cose
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      ..Galantino, pardon...
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Queste firme con tanto di località di provenienza, sanno tanto di nomi prelevati da elenchi telefonici o servizi on-line sulla richiesta di dati su titolari d'impresa: sul fatto che il signor Galantini, fabbricante di protesi dentarie, ne sappia qualcosa, ho qualche dubbio....
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      ma fatti 'na dentiera.....
  • Giorgio G. 3 anni fa
    andiamo eh, finchè si scherza ok decentrare è giusto, sono i livelli di decentramento che non vanno bene servono macro comuni non macro regioni, le province e le regioni micro o macro sono morte
  • alfredo bedin (canbarbin) Utente certificato 3 anni fa
    sono d'accordo. rivedere il sistema italia e la sua organizzazione a partire dall'alta burocrazia, non può fare solo che del bene. ad esempio,tutte le sciocchezze sui piccoli comuni, al di là del fatto che cmq. serva una lezione da parte di germania e francia sulla gestione delle comunità locali, è stato solo un modo per sviare gli enormi problemi creati dalla connivenza tra i dirigenti dei maggiori partiti politici e l'alta dirigenza dello stato e dei grandi comuni come roma. come si dice da noi:" tanto paga sempre Pantalone".
  • antonella b. Utente certificato 3 anni fa
    E' UN VERO PECCATO CHE NON CI SIA PIU' IN TELEVISIONE UNA TRASMISSIONE COME QUELLA CONDOTTA DAL MAESTRO MANZI: NON E' MAI TROPPO TARDI! IMPARERESTE DI NUOVO IL SIGNIFICATO DELLE PAROLE! COSA CHE A MOLTI, QUI SOPRA, SFUGGE! PECCATO!
    • Monica R. Utente certificato 3 anni fa
      E' purtroppo uno dei rischi e limiti del web. Può capitare che chi scrive usi una frase poco chiara o non approfondita, oppure che chi legge non presti attenzione o dia un'interpretazione diversa da quella dello scrivente. Sono sicura che se la stessa cosa Beppe l'avesse spiegata di persona avremmo tutti percepito subito il suo vero messaggio. Comunque, basta prendersi un attimo di tempo e rifletterci su, e magari chiedere chiarimenti, prima di sparare sentenze. Chi ha cervello lo usi. Ciao Antonella! :)
    • elisabetta deste 3 anni fa
      posso anche capire i commentatori del blog che possono aver frainteso ,ma i giornalisti che per mestiere dovrebbero soppesare le parole ..... hanno gli occhi iniettati di sangue per questo non "vedono "
  • galantino santoro Utente certificato 3 anni fa
    E perchè no le città Stato? Sono abruzzese, conosco persone siciliane e venete e voglio continuare a sentirli come me: italiani.
  • Andrea Molteni (nembo1972) Utente certificato 3 anni fa
    Bah! Così, di getto, questo post mi pare un po' una boiata. Primo perché, se si sente l'esigenza di prendere esempio dal passato, l'Italia è stata unita per 2000 anni sotto l'impero romano e non vedo perchè il riferimento dovrebbe essere quello dei granducati. Secondo perché, in realtà, trovo questa logica davvero stucchevole, soprattutto per un movimento che ha l'ambizione di andare "oltre" e di mettere in campo delle idee nuove di società e dei modelli nuovi di sviluppo. Credo che l'evoluzione tecnologica, in primo luogo la rete e i mezzi di trasporto, ci consegnino ormai un destino ineluttabile: un mondo dove idee e persone tenderanno ad amalgamarsi sempre più e dove le barriere e le frontiere avranno sempre meno senso. Se, ancora oggi, non capiamo che le culture diverse sono in primo luogo un valore aggiunto e non un pericolo di contaminazione che distruggerà la nostra significa che siamo ancora, sempre, eternamente, all'anno zero del pensiero. Io capisco che c'è una logica di guerra, di campagna elettorale permanente e che, per "abbattere il sistema", a volte si ceda alla tentazione di utilizzare tutte le armi possibili, però c'è un limite a tutto. Pensare che il problema sia l'architettura istituzionale e che l'introduzione di macroregioni risolverebbe tutti i problemi che ci affliggono mi sembra più sciocco che banale. Penso invece, e l'ho già scritto in altre occasioni, che il movimento abbia un senso maggiore se esce dai confini nazionali e prova a costruire una politica comune con altri soggetti (occupy wall street, indignados, ecc.) che preveda il superamento, o quantomeno la riorganizzazione, degli organismi sovranazionali esistenti (FMI, ONU, NATO, WTO) e che, in realtà, decidono della nostra vita ben più di quanto non facciano i governi e i parlamenti nazionali. Dividere, separare, rimpicciolire, significa tendere all'individualismo e abbandonare la logica di comunità e dei benefici che da essa possono derivare ad ogni singolo individuo.
  • Avnt. Grd. Utente certificato 3 anni fa
    Beppe, io ti ho sempre seguito, ti ho sempre sostenuto e ho anche votato il M5S. Questa deriva, però, è veramente preoccupante! Ti rendi conto che stai distruggendo il tuo stesso MoVimento? I valori che guidavano i cinque stelle prima di questo cambiamento di rotta erano esemplari: tutela dell'ambiente, parlamento pulito, riforme per stimolare il lavoro e la crescita, reddito di cittadinanza, ecc. Ma ora? Vuoi che l'Italia esca dall'Europa ma sai che questo ci distruggerebbe. Vuoi che l'Italia abbandoni l'Euro ma sai che questo non è possibile (per uscire dal trattato di Maastricht serve il consenso di tutti i Paesi aderenti). Ora vuoi tornare anche all'Italia divisa? Dopo 150 anni di fatica, guerre e morti per cercare di fare dell'Italia un Paese unito? Onestamente, sono sempre più stupito da quello che sta succedendo in questi giorni al MoVimento che ho votato e questa volta non è colpa dei giornalisti o dei mass-media: è colpa di una direzione di partito (perché tu, Grillo, ormai non sei più solo un "megafono") assolutamente disastrosa. Tu stai cercando di attrarre i voti della Lega e di alcune frange estremiste e questo mi fa sinceramente schifo e paura.
    • Avnt. Grd. Utente certificato 3 anni fa
      L'ho letto e sinceramente, questa cosa non mi fa meno schifo. Un conto è accorpare le regioni, un conto è parlare di Stati nazionali. Questa cosa, comunque, non faceva parte del programma sulla base del quale molti elettori hanno votato M5S. Tutto questo puzza di inciucio con la Lega o di tentativo di raccogliere elettori da quelle file. Io non ci sto minimamente, sono deluso e anche un po pentito.
    • Daniele . Utente certificato 3 anni fa
      Leggiti il post affianco.
  • antonio l. Utente certificato 3 anni fa
    RITWITT LIBERA, SCUSAMI NON SAPREI SCRIVERLO MEGLIO DI COSI --------------------------------------------- Ho l'impressione che tra coloro che scrivono su questo blog ci siano anche extraterrestri. Adesso cerco di comunicare con loro: da quale pianeta arrivate? Forse non vi hanno informato che l'Italia sta morendo per colpa di italiani idioti o corrotti che hanno votato e continuano a votare sempre gli stessi politici criminali. Forse non vi hanno informato che esiste un movimento di cittadini onesti che si chiama Movimento Cinque Stelle. Dovete sapere che questo movimento lotta contro le ingiustizie, contro le ruberie dei politici, contro la mafia ecc. ed è per questo molto scomodo al punto che viene combattuto e boicottato in tutti i modi. Sappiate, che al governo abbiamo un condannato per danno erariale, di nome Renzi, figlio di un gran maestro della massoneria. Questo Renzi ha preso accordi con Berlusconi, altro condannato massone. L'Italia è ostaggio di questi due condannati che hanno avuto l'ordine, da parte di potenti che gestiscono l'economia mondiale, di impoverirla così che possano appropriarsene.... Come si sta da voi? libera p. Commentatore certificato 09.03.14 00:37| --------------------------------------------- franco rosso
  • domenico r. Utente certificato 3 anni fa
    Vuoi dire che ogni macroregione avrà un altro presidente, un altro governo, altri funzionari, altri burocrati che scriveranno leggi diverse secondo convenienze di quel potere, ecc. ecc. Quando fai queste sparate almeno sii convincente e non lasciare a noi, poveri illusi, di trarre conclusioni che dovrebbero giustificarle. Almeno dacci la possibilità di decidere, con referendum, il nome di questi altri stati. Propongo al posto di Regno delle due Sicilie, che dovrebbe essere il mio Stato, "Regno di MaDraCaScu" (Mafia Drangheta, Camorra, Sacra corona unita) che in modo significativo rappresenterebbe la nostra realtà. Credo che il Sud ci guadagnerebbe. Già immagino le prime leggi. Legalizzazione del traffico di droga, del traffico di rifiuti pericolosi, del contrabando di qualsiasi genere di prodotto, sfruttamento intensivo di tutte le risorse del nostro sottosuolo, punto di sbarco legalizzato di clandestini da ogni parte del mondo, ecc. ecc. Finalmente saremo noi a essere i primi esportatori di tutto questo ben di dio verso gli altri Stati; aumenteremo il PIL a tre cifre. A pensarci bene mi stò convincendo che forse per il sud sarebbe la soluzione migliore.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Quando non si vuol capire, comunicare è davvero difficile.
  • emanuele g. Utente certificato 3 anni fa
    In America ci sono gli stati federali, ma i cittadini si sentono orgogliosi di essere americani e si sentono uniti dalla stessa bandiera! Noi lo saremmo????? Il paese x il quale tanti hanno dato il sangue va amato ad ogni costo.... Poi possiamo anche fare gli stati uniti d italia ma la bandiera è una! W l italia
  • dario a. Utente certificato 3 anni fa
    buongiorno blog , una provocazione , abbiamo già tre apparati parastatali perfettamente funzionanti , -al nord imprenditori con tutto il loro giro di tangenti che bene o male producono lavoro. -al sud le varie mafie che in certe aree hanno di fatto sostituito ( in meglio ) lo stato. - al centro la chiesa che fa affari con entrambe le categorie sopra citate. buttiamo a mare lo stato centrale che serve solo a riscuotere tributi e lasciamo amministrare l' italia a chi DI FATTO già la amministra . italia senza speranza.
  • 3mendo 3 anni fa
    Penso sia doveroso segnalare questo altro episodio per marcare come quella zona sia troppo esposta ad attacchi. I nostri Marò devono tornare a casa e l'India deve smetterla di comportarsi come il governo italiano! Eh sì, perché ora quello che stiamo passando noi cittadini italiani, lo passa questo governaccio con l'India che fa gli stessi giochi di espedienti infimi. Leggete e diffondete. Come dissi: quella zona è da sempre così: http://www.adnkronos.com/IGN/News/Esteri/Sventato-attacco-dei-pirati-a-nave-italiana-nellOceano-Indiano_321307714664.html Ne approfitto per fare i complimenti ai nostri rappresentanti che si sono trovati sconti in ristoranti o pizzerie da parte dei gestori e del personale: questo è un grande segno di condivisione oltre che di quella fiducia che MAI bisogna tradire!
  • giorgio palmeri Utente certificato 3 anni fa
    Io faccio parte del regno di sicilia. Sarebbe il modo per darlo definitivamnete in mano alla mafia. I politici meno autonomia hanno qui in Sicilia, meno danno possono fare.
  • Paolo Scelsi 3 anni fa mostra
    E se Grillo la smettesse di dire cazzate come questa, assolutamente non presenti nel programma di m5s e se invece di parlare di catastrofi imminenti (settembre 2013 è passato e nulla è successo)o di soluzioni palingenetiche, continuasse a parlare di onestà, coerenza e senso civico (cose molto più difficili da realizzare), quanto sarei più contento ! Oppure facciamo la gara a chi prende più voti ? E adesso che fai? Mi cacci ?
    • dario a. Utente certificato 3 anni fa mostra
      per essere cacciato devi prima entrarci ^^
  • teodora a Utente certificato 3 anni fa
    Che brutta cosa è la presunzione. Non tollera la libertà di pensiero, spinge all’insulto istintivo, alle più stupide congetture senza fondamento alcuno. Decreta impulsivamente giudizi avventati ed autosanna le proprie barriere S'impari la riflessione e il rispetto, prima di sparare a zero su chiunque non armonizza con i prpri impulsi. Io vivo sulla terra e di esperienze di vita ne ho fatto a iosa, c'è chi è esperta della vita sulla luna tanto bene da attribuirla a chiunque non rifletta i propri limiti!
  • Giorgio G. 3 anni fa
    del domani non v'è più certezza, e allora... se, ma, mi, mo, pa, vrooom,,vroommm..
  • immagina nuovi orizzonti 3 anni fa mostra
    il movimento, il blog sono un marchio di proprietà, io e Voi siamo i consumatori.
  • Marcella . Utente certificato 3 anni fa mostra
    Ma vi mettete a far concorrenza alla Lega? Quelli sono voti persi per sempre se le motivazioni non cambiano. Basta con queste cretinate. A Varese subiamo da 20 anni la dittatura degli analfabeti di ritorno e se voi vi appropriate delle loro idee ormai seppellite, perderete voti come loro.
  • Giorgio G. 3 anni fa
    in un modo o nell'altro la storia la vuole fare :-) oggi richiamandosi alla storia del passato
  • giorgio soriano Utente certificato 3 anni fa
    Un piccolo inciso, premesso che il regno delle 2 sicilie era il piu' ricco dell'europa e fu saccheggiato dagli unni italici facente capo alla massoneria mazzini/cavour,il debito pubblico oggi esistente ha origini da allora. Nel senso che per la guerra di annessione( solo economica del sud) all'Itlia i nordici si indebitarono con le banche inglesi. Detto cio' anche se... non vedo proposte in merito, sarei propenso ad uno spezzatino italico a patto che i nordici restituiscano il maltolto usurpato nella seconda meta' dell'800
    • dario a. Utente certificato 3 anni fa
      buongiorno giorgio , perdonami ma credo che i nordici il maltolto lo stiano restituendo ormai da 160 anni , poi vedila come vuoi , ciao
  • Andrea R_ Utente certificato 3 anni fa mostra
    E se domani non sapessi più quale minchiata inventarti pur di far parlare di te?
  • Carlo Macciò 3 anni fa
    Quanto descritto da Grillo (almeno per ciò che riguarda la Sardegna) sta già concretizzandosi in un progetto preciso e definito di "annessione" alla Confederazione elvetica. I sardi si stanno ferocemene stancando di una classe politia inutile, parassita, incapace ed inetta. http://www.cantonmarittimo.org/
  • Daniele Saladino 3 anni fa
    Finisco col dire che in una quartina di Nostradamus c'era scritto che la Toscana darà guerra al centro e la vincerà (Interpretazione).... Se questo accadrà, se il nostro paese tornerà un insieme di statarelli allora questa nazione per me scomparirà per sempre, il nostro popolo sarà preda delle barbarie e dell'ignoranza del nostro modo di vivere.... Alla fine sarà la vecchia corrotta politica che vincerà perché il progetto che ho sempre sentito della Lega e insieme al Pdl era quello di disunire il popolo in modo che chi viveva in certe regioni sarebbe rimasto più ricco e quelli di altre regioni sarebbero rimaste più povere e abbandonate al suo destino..... Non era la frase del M5S questa "Nessuno deve rimanere indietro....."
  • Daniele Saladino 3 anni fa
    Non so cosa pensare ma alla fine questa notizia mi crea un grande disagio, sono morti migliaia di persone per unire una nazione e ora qualcuno pensa di volerla disunire, la cosa che mi fa rabbrividire e che il nostro popolo in tutti questi ha conservato sempre la cultura da contadinotto ignorante, ha sempre litigato con il vicino invece di rispettarlo di sentirlo un fratello della stessa cultura, un italiano, ma forse il vero problema non è il governo, la corruzione, e i politici, il vero problema siamo noi che ci scanniamo per una partita di calcio, solo perché siamo laziali, romani, milanisti o altro, questa cultura governa il nostro modo di vivere il nostro modo di pensare, siamo un popolo che non ha mai sentito l'identità italiana nel cuore e nella mente. Se guardo come è il nostro modo di vivere da piccoli borghesi o da piccola classe operaia capisco perché siamo ridotti, giustifichiamo la nostra nefandezza assumendo lavoratori in nero, a stage mal pagati solo con la scusa della frase "se no non c'è la farei ad arrivare a fine mese...." in realtà se a suo tempo invece di starcene a casa a mangiare e vederci la partita di calcio fossimo scesi in piazza per impedire a leggi come quella "biagio" o altre riforme come quella della fornero di entrare in vigore nel nostro paese forse questa situazione non ci saremmo mai arrivati. Adesso cosa si discute per risolvere il problema frantumare un paese solo perché non si è in grado di risolvere il problema della politica.... Forse gli italiani si sono dimenticati che prima quando eravamo dei comuni, ogni nazione estranea che gli prudevano le mani veniva e ci occupava, oppure che eravamo soggetti ai capricci di nobilotti più spesso stranieri che italiani. Ormai penso che questa proposta sia l'ennesima dimostrazione che sta vincendo l'ignoranza del popolo italiano e non la luce della cultura civile dei documenti costituzionali.
    • CLAUDIO P. Utente certificato 3 anni fa
      Il Feldmaresciallo Radetzky, comandante in Capo dell’esercito imperiale in Italia, alla vigilia della guerra del 1848, disponeva, infatti, di circa 70-75.000 uomini, suddivisi in 61 battaglioni di fanteria, 36 squadroni di cavalleria e 108 batterie. Gli italiani formavano 24 battaglioni di fanteria, ed erano il più numeroso contingente nazionale del suo esercito, pari al 33% del totale, ossia un soldato su tre delle truppe di Radetzky era italiano. Sottolineo italiani morti poi nelel varie guerre per difendere altri confini. La storia purtroppo la scrivono i vincitori.
  • Paolo B. Utente certificato 3 anni fa
    POST A FIANCO : -------------------------------------------------- E se oggi... i post del blog fossero commentati per i loro contenuti e non con fantasiose e interessate valutazioni. E se oggi... gli Stati federali esistono ovunque e funzionano, come gli Stati Uniti e la Svizzera. E se oggi... accorpare le Regioni in cinque macroregioni omogenee può migliorane il loro funzionamento e diminuire i costi e gli sprechi. E se oggi... distribuire più poteri gestionali alle macroregioni non significa secessione. E se oggi... un'Italia federale può mantenere comunque poteri centrali come gli Esteri e la Difesa. E se oggi... decentrare può servire a disinnescare spinte di disgregazione dello Stato che sono già in atto... -------------------------------------------------- ***** Eposmail
    • domenico r. Utente certificato 3 anni fa
      ma perchè dovete giustificare tutto. non si può lanciare una idea a metà e poi vedere l'effetto che fà e quindi agire di conseguenza. vi rendete conto del disorientamento che resta nelle menti delle persone che dovrebbero votarci. avete il coraggio di dire le cose come sono in realtà e non fare solo i tifosi.
    • Paolo B. Utente certificato 3 anni fa
      ..per quelli che non vogliono capire è tempo perso, ma chi non capisce..con pazienza cercherà e vorrà capire...ed il ns compito è di spiegare . Eposmail
    • antonella b. Utente certificato 3 anni fa
      Paolo è fatica sprecata, se non capiscono, peggio per loro...
  • la Solita 3 anni fa
    tanto per seguire il filo del post: e se domani ogni italiano decidesse di volere nei posti di"comando" cittadini capaci di rappresentarli e, soprattutto ,consapevoli della loro missione in Parlamento,liberi di agire per il bene del popolo senza allacci lobbistici o altro.E se domani la "piovra",che avvinghia col suo potere economico del malaffare ,ormai ,tutte le regioni d'Italia ,perdesse la sua forza perché non riuscirebbe più ad imbrigliare nessuno ,i confini non avrebbero più senso.L'Italia sarebbe libera dai suoi lacci e confini!E se domani ogni nazione riuscisse a decidere del proprio destino senza intromissioni esterne ,allora sì ,che il mondo riuscirà ad avere pace!I confini non risolvono i problemi ,il buon senso sì!Statevi bene...
  • oreste m****** Utente certificato 3 anni fa
    Visto che anche stamane ci sono parecchi troll(consiglio di clikkarli senza rispondere): Alcuni tipi di messaggi e attività associati all'azione del troll: •L'invio di messaggi intenzionalmente sgarbati, volgari, offensivi, aggressivi o irritanti. •L'invio di messaggi con contenuti senza senso, detto in gergo informatico flood (come: semplici lettere, emoticon, testi casuali) •L'invio di un numero di messaggi, anche se non particolarmente provocatori o insensati, tale da impedire il normale svolgimento delle discussioni. •L'invio di messaggi volutamente fuori tema (con frasi come: "come sviluppo la mia pagina web?", in un forum nel quale si parla di musica). •L'invio di messaggi contenenti errori portati avanti con finta convinzione (con frasi come: "Così è la vita è certamente il miglior film di Roberto Benigni, checché ne diciate!"). •L'invio di messaggi a scopo di disinformazione e critica insensata. •Il perorare intenzionalmente e con tensione un'argomentazione basata su un errore difficile da dimostrare o su opinioni potenzialmente verosimili, facendosi seguire nella discussione dalla comunità. •Il pubblicare contenuti di disturbo come suoni, immagini o link a siti offensivi, sovente mimetizzandoli come innocui. •Lo svelare trame di film o libri senza avvertire. •Lo sbagliare deliberatamente e ripetutamente i nomi (di persone o cose) o regole grammaticali per irritare gli altri utenti. •L'attribuire a tanti l'opinione di uno, vittimizzandosi e non rispondendo nel merito, spingendo possibilmente altri utenti a prendere le proprie difese (con frasi come: "vi siete coalizzati contro di me"). •Il ridicolizzare o denigrare ripetutamente gli interventi di un utente "concorrente". •Lo scrivere deliberatamente messaggi enfatici su un dato argomento divertendosi alla spalle di chi corrobora poi la propria fasulla tesi. •Il portare avanti tesi opposte a quelle dichiaratamente discusse nella comunità, con argomentazioni vaghe, imprecise e prete
  • Alfredo Bonfiglio 3 anni fa
    E' da molto tempo che volevo proporre ciò che stò per scrivere ma credevo che i tempi non fossero maturi. Ora forse sì. Tenendo presente che si può fuggire da una nazione, regione città, ecc. che esistono i divorzi, che si può cambiare condominio, che è possibile evitare di frequentare persone che non ci "piacciono", che si "può" cambiare posto di lavoro e che molte nazioni si sono già divise .. mi chiedevo, e vi chiedo: nel caso in cui la popolazione alle prossime elezioni nazionali continuasse a votare, in maggioranza, le stesse persone (qualcuno potrebbe dire "ovvio tra intrecci di interessi, raccomandazioni, parentele, mafia ecc.") cosa vogliamo fare? Vogliamo ancora attendere il "grande botto" di questa nazione? E anche se non ci fosse questo "grande botto" vorreste continuare a vivere in questo modo? con questa "legalità"? Allora propongo questo: dividiamoci dal resto d' Italia. Si potrebbe cominciare in maniera semplice trasferendosi in città e paesi di una o più regioni (da scegliere) far aumentare lì il nostro peso. Organizzarsi lì per la nostra vita, il nostro lavoro, le nostre banche ecc.. Utopistico? può darsi. Ma di certo non è violento e successivamente, se fosse il caso, si potrebbero fare referendum per scindersi o rendersi autonomi dalla nazione. Ripeto forse è utopistico, ma su una cosa sono certo se continuo a vedere che la situazione non cambia in questa nazione farò di tutto per andarmene, non so se ci riuscirò ma di sicuro ci proverò. Quasi non mi interessa più dove, purché fuori dall' Italia. Ho dei figli e penso a loro (io ormai sono "finito"). Ovviamente, ripeto, se non si vinceranno le prossime elezioni nazionali. Se avete proposte opposte o diverse fatele ma, per quanto mi riguarda, dialogherò solo con chi non usa nickname e scrive senza turpiloqui.Un abbraccio a tutti voi, anche a coloro che non sono d' accordo.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Beni benìus in Sardigna, inzadus,.....
  • Roby 3 anni fa
    Putin che fà quasi scatena la terza guerra mondiale e quelli lo candidano per il Premio Nobel per la Pace. Ma che cavolo di mondo schizzofrenico, allora non è solo l'Italia messa male, è tutto il mondo che è marcio.
  • Dino . Utente certificato 3 anni fa
    Grillo basta con le cazzate, stai distruggendo il movimento che hai creato! Giusto che questa Italia non va ma la secessione non è una soluzione, le soluzioni sono le unioni fatte però con criterio e serietà. Il vero problema è il controllo è inutile demandare come alle regioni, si da la possibilità di corruzione e si alzano i costi tutto va invece regolato da un governo centrale. Giusto eliminare le regioni come sono attualmente causa del debito pubblico, e fare ad esempio 3 macro regioni con potere però di disbrigò delle pratiche correnti senza poter legiferare.
  • Leopoldo Leopo Utente certificato 3 anni fa
    E se domani .... potessi pagare il 19% di tasse in Italia? Non è domani che potrai pagare il 19% di tasse, E' GIA' REALTA OGGI CHE PUOI PAGARE IL 19% DI TASSE IN ITALIA. I dipendenti pagano il 50%. Le aziende (e liberi professionisti) pagano il 50%. TU VUOI CONTINUARE A PAGARE IL 50% O Vuoi pagare il 19%? http://www.umarcocali.com/2014/03/ecco-come-pagare-il-19-di-tasse-sulla.html
  • ALBERTO FERRETTI 3 anni fa mostra
    E bravo Cecco Beppe Imperatore delle Cinque Terre, grande comico rancoroso, grande paragnosta, che sei riuscito ancora una volta ad attirare l'attenzione di tutti sul tuo, si fa per dire, BLOG, rispolverando un interesse sul sito che ormai stava scemando. Con questa ennesima trovata, probabilmente suggerita da qualche esperto pubblicitario, il tuo Blog sta nuovamnte esplodendo, così come la pubblicità ed il conto delle partecipate del tuo "caro" amico guru. Ma chi pensi di fregare?
  • Roby 3 anni fa
    La parola dossier che usa Fonziee, mi da ai nervi, basta sentire il linguaggio di questo signorino che ti viene il nervoso alla testa. Poi dice che lui li studia ma che studi se stai sempre sui social e in giro a presenziare il nulla. Boh vedremo in quanto tempo il tuo ego si sgonfierà.
  • emilio marini 3 anni fa
    GLI ITALIANI SEMBRA CHE CAPISCANO,POI IMPROVVISAMENTE RIDANNO PROVA CHE NON è COSì,QUESTO POST è QUANTO DI PIù VERO SI POSSA DIRE SULLA DISASTROSA SITUAZIONE ITALIANA,L'AVEVA CAPITO BOSSI 30 ANNI FA CHE IL PROBLEMA DELL'ITALIA ERA UNA UNITà CHE NON PUò CONVIVERE,è TENUTA INSIEME SOLO PER INTERESSE DEPREDATORIO E PUNTUALMENTE I FARABUTTI DI TURNO RIESUMANO LE STORIELLE DELL'UNITà E DEL RAZZISMO PER EVITARE CHE GLI ITALIANI SI SVEGLINO,L'ITALIA è SEMPRE STATA UNA GRANDE FAMIGLIA DOVE IL PADRE LAVORA ED IL FIGLIO FANCAZZISTA MANGIA TUTTO,SECONDO VOI CHI POTREBBE DIFENDERE A SPADA TRATTA L'UNITà DELLA FAMIGLIA? SVEGLIAMOCI GENTE,GUARDIAMO AL FUTURO E NON RESTIAMO SEMPRE AGGRAPPATI ALLE CAGATE CHE CI HANNO INCULCATO PER SECOLI,LA MAFIA SENZA IL NORD è MORTA E MORTA LA MAFIA MUOIONO ANCHE LORO....STI PORCI.
  • Fabio B. Utente certificato 3 anni fa
    Caro Beppe, fatti curare!! Sei la rovina di questo paese e meriti di sfasciare il movimento con le ignoranti infamie che sciovini troppo spesso non punito. Questo post è l'esacerbazione di una propensione all'elitarismo che hai mostrato molto bene nei mesi precedenti. "Fuori le mele marce!". Con simili prospetti geopolitici italiani taglieresti le "mele marcie" del sud e delle regioni in difficoltà. Una simile propensione all'elitarismo e di repressione del dissenso (fuori chiunque non concorda!) mi ricorda preoccupanti antecedenti nella storia d'Europa e d'Italia. D'altro canto, se si è giunti al fascismo ne movimento, si può benissimo fare un ulteriore passo indietro e tornare al Medioevo come il post suggerisce.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      "Sciorini", non "sciovini"; " marce", non "marcie"; "prospettive geopolitiche", non "prospetti geopolitici", empty pumpkin....
  • antonella b. Utente certificato 3 anni fa
    SU SU RAGAZZI! MUCH ADOO FOR NOTHING! LEGGETEVI IL POST A FIANCO! E PIANTATELA DI FARE LE VERGINI OFFESE Sembrate la Boldini che si offende per un epiteto poco educato e non punisce severamente chi picchia una donna! COME MI DICEVA SEMPRE IL MIO PROFESSORE A SCUOLA: LEGGETE BENE IL TESTO! Buona domenica agli amici del blog.
    • domenico r. Utente certificato 3 anni fa
      antonella b. ma chi sei l'avvocato giustificatore di Grillo?
    • Alfredo E. Utente certificato 3 anni fa
      Good morning great star, sense of humor? only for cleaver men/women... A nice sunday :)))
    • Daniele . Utente certificato 3 anni fa
      renato epic troll
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Allora, impara a leggere....
    • Renato Vecchia 3 anni fa
      Beppe eri la mia unica speranza, ora me l´hai fatta perdere leggendo lárticolo,peccato
  • Aldo B. TN 3 anni fa
    PENSO CHE UNA ITALIA SUDDIVISA IN FEDERAZIONI O MACRO-REGIONI AGGREGATE DA COMUNI IDENTITA' STORICO-CULTURALI SIA UNA DEGNA SOLUZIONE. UNA RISPOSTA DEGNA PER TOGLIERE LA CENTRALITA' DI UN PARLAMENTO ROMANO SEMPRE PIU': 1)EXTRATERRESTRE 2)FUORI DALLA REALTA' DEI BISOGNI DELLA GENTE 3)OPPORTUNISTA PER UNA ITALIA DEI LORO COMODI 4)MANGIATOIA PER INGORDI AFFARISTI 5) HABITAT DEL MALAFFARE NON SI TRATTA DI DIVIDERE L'ITALIA MA SOLO DI SUDDIVIDERLA COME DEL RESTO SONO GIA'SUDDIVISE IN FEDERAZIONI ALTRE NOTE NAZIONI: SVIZZERA,BELGIO, GERMANIA...DOVE LE COSE FUNZIONANO BENE! CAPISCO I COMMENTI PSEUDO-TERRORIZZATI DI COLORO CHE TEMONO DI USCIRE DA UN SISTEMA FOSSILE PALEOPOLITICO... I MEDIA SIN DAL PRIMO DOPOGUERRA CI HANNO INEBRIATO I NEURONI SEDANDOLI DENTRO UN SONNO IPNOTICO DA CUI DOBBIAMO RISVEGLIARCI: GRILLO E' COLUI CHE CI STA SCHIAFFEGGIANDO PER FARCI APRIRE GLI OCCHI! CREDO CHE GRILLO HA MESSO UNA CARTINA STORICA DI UNA VECCHIA ITALIA PER INVITARCI A RIPENSARE UNA PLANIMETRIA INTERNA DEL NOSTRO STIVALE IN CHIAVE PIU' MODERNA E VICINA AL CONCETTO DI MACRO-REGIONI. QUESTO PORTEREBBE A GOVERNARE IL PAESE CON UN PARLAMENTO CENTRALE RIDOTTO DI MOLTO NEL NUMERO DEI PARLAMENTARI E CON I RIMANENTI PARLAMENTI SECONDARI DELLE MACRO-REGIONI: CANCELLEREBBE IN UN SOLO COLPO UN SUPER-AFFOLLAMENTO DI PARLAMENTARI, CONSIGLIERI REGIONALI E PROVINCIALI INUTILI RIDUCENDO DI MOLTO GLI UFFICIOPOLI E I PALAZZOPOLI LOCALI CON UN RISPARMIO DELLA SPESA PUBBLICA ENORME! PENSO CHE GRILLO NON VUOLE UNA SECESSIONE TIPO LEGHISTA MA UNA SEMPLIFICAZIONE GEOGRAFICA MODERNA PER UNA ITALIA CHE STIA AL PASSO COI TEMPI!..UN CONCETTO DIREI SUPERIORE PER UN MOVIMENTO A 5 STELLE SUPERIORE NEL CONCEPIRE IL FUTURO.
    • pier p. Utente certificato 3 anni fa
      Potresti anche aver ragione! Ma con i voti alle elezioni, come si metterebbe?
  • carlo 1. Utente certificato 3 anni fa
    Ma che facciamo,per far sfregio alla moglie ci tagliamo i coglioni?Considero il post una prvvocazione perché se fosse vero il contrario veramente s'è toppato e questo è preocupante.La salvezza non può venire dalla disgrecazione o dalla divisione ma dallo sforzo di unità d'intenti e poi che facciamo ai ladri di stato, a quelli regionali ,a quelli provinciali e comunali aggiungiamo anche quelli macroregionali.I popoli si devono unire,unire tutti contro il vero ed unico potere che distrugge la loro vita:il danaro.I "politici" non contano una mazza,le nazioni non contano una mazza,gli stati sono solo una masturbazione della mente,reali sono solo i popoli da una parte e il potere finanziario dall'altra.La finanza prolifera grazie alle dementi divisioni tra i popoli e quanto questi piu sono divisi tanto più prolifera.Un'accozzaglia di pennivendoli e parolai al soldo dei finanzieri soffiano continuamente il vento della divisione e solo imbecilli dal cervello bacato vi aderisce e cerca di fare il lavoro sporco.Il mondo era meglio quando c'era la Jiugoslavia e l'Unione sovietica oppure oggi?Al disastro della globalizzazione capitalistica si deve rispondere solo con la globalizzazione dei diritti e dei doveri dei popoli.Se le leggi sul lavoro e sull'impresa fossero uguali dappertutto allora non ci sarebbe bisogno di delocalizzare o di emigrare ed ognuno potrebbe sciegliere liberamente e non pressato dal bisogno dove vivere e questo sarebbe grande indice di libertà e non d'oppressione.Occorre lavorare per l'unità politica a cominciare dall'Europa ove l'euro anziché unire ha diviso.Uscire dall'euro,fare l'unità politica e poi la moneta unica che corrisponde all'unità delle leggi uguali per tutti gli stati membri è la strada da perseguire altro che divisioni.Se il post è stato uno scherzo si prega di non ripeterlo altrimenti si perdono consensi e si va alla malora.
    • Turi Migliore Utente certificato 3 anni fa
      quanto sei generico! Nell'articolo si faceva un bilancio oggettivo, e dunque ineccepibile su ciò che quest'unità ha prodotto in 150 anni. Ed effettivamente è un bilancio vergognoso, soprattutto se si pensa a dove siamo arrivati! Con un popolo di lobotomizzati che riesce a scegliersi il presid del consiglio più improbabile del mondo, e solo quando viene (quasi) arrestato, si riesce a metterlo da parte. Ma ecco che pur conscio, ci ricasca di nuovo con un 2° venditore di pentole! Ma daaaiii, ci dev'essere più di un qualcosa che non funziona in un popolo del genere! Non sono per una divisione, perché non è questo ciò di cui si discute, ma per riflettere se sia possibile rattoppare all'infinito una popolazione raffazzonata alla meno peggio negli ultimi 150 anni. Personalmente credo alla necessità di un nuovo, autentico Risorgimento, dove si rimpasta tutto e si riedifica ex novo un'Italia "Altra".
  • franco satta Utente certificato 3 anni fa
    Gran Bretagna : unita, Francia: unita, Germania: unita, Spagna: unita, Italia: medioevale, frantumata, popolata da italioti (italiani idioti).
    • Monica R. Utente certificato 3 anni fa
      Non è tutto così. L'Inghilterra si chiama UK, United Kingdom, perchè sono più regni La Germania è una repubblica federale
  • francesco m. Utente certificato 3 anni fa
    Comunque volevo dire a Grillo che sbaglia quando dice che il Presidente ha 90 anni, NE HA SOLO 89 e nemmeno compiuti. Li compie il 29 giugno. E NON COMPRATE LE PENTOLE di Renzi. Van bene solo per fare le ribollite.
  • Monica R. Utente certificato 3 anni fa
    Altro che provocazione, Beppe ci fa una proposta seria e ponderata. Pensateci bene, è l'unico modo per riportare il cittadino al centro della vita polica, legata al suo territorio. Roma è troppo distante per molti, i giochi sono diversi e incomprensibili. Scateniamo questo terremoto sotto i piedi di king Jeorge, vediamo quel che succede. Avanti, non spaventiamoci, restiamo sempre tutti italiani.
    • Monica R. Utente certificato 3 anni fa
      Oreste!!! Smack :)
    • oreste m****** Utente certificato 3 anni fa
      ecciao Monica!
    • Monica R. Utente certificato 3 anni fa
      Ciao ragazzi. Anch'io in un primo momento ero rimasta sconcertata, ma dopo lunga riflessione ho capito che Beppe è sempre fin troppo avanti, altro che comico, porca boia! Vuoi mettere gestire i problemi di un'area più limitata e con l'aiuto dei nostri bravi rappresentanti? Forza M5S, se capiamo questa e restiamo uniti non ci ferma davvero più nessuno
    • oreste m****** Utente certificato 3 anni fa
      Ciaooooo stelline!!!!! Ieri giornata bellissima mi ha ripagato di una settimana di tensione politica. L'inc....ra è passata! Buona domenica!
    • antonella b. Utente certificato 3 anni fa
      Bravissima! ci rendiamo conto cosa capisce la gente?
    • francesco m. Utente certificato 3 anni fa
      Fantastica Monica.
  • Giorgio G. 3 anni fa
    dopo la Rivoluzione è arrivata la Restaurazione Di Maio reuccio delle due sicilie Crimi luogotenente per la Lombardia Taverna, Regina de Roma e stato Pontificio Veneto, non c'avemo nisciuno ancora Piemonte, ai francesi per punizione Ducati de parma piacenza gustalla modena e reggio emilia, nun vi vole nisciuno, andate a rompere i coglioni altrove.. gli garberebbe tanto ma tanto tanto :-)
  • pierandrea cappelletti 3 anni fa
    Beppe Che Czz dici? Così da l'impressione di avere le idee parecchio confuse. C'è già abbastanza confusione Non aggiungiamone dell'altra Dai Czz Non esporre il fianco Ciau
  • francesco m. Utente certificato 3 anni fa
    La suddivisione in stati o regioni la fanno in molti. Da chi lo fa a livello lillipuzziano come gli Svizzeri a quelli che invece lo fanno a livello brobdingnagniano come gli Stati Uniti d'America o il Canada. Se si ritiene che sia preferibile una nuova dimensione territoriale o anche se si vuole semplicemente cambiare un poco si proceda pure con queste regioni "storiche". Riconsegnamo anche Roma al Papa e così il decreto si fa il salva roma con le offerte dei fedeli e senza il contributo delle guardie svizzere che, una volta che il Vaticano si allarga, non si troveranno più a loro agio.
  • oreste m****** Utente certificato 3 anni fa
    Buongiorno blog e buongiorno stelline. Bellissimo post Beppe. Nonostante ci siano sempre i soliti troll che volutamente fraintendono credo che questo commento sia azzeccato per far capire agli Italioti che per riprenderci il "nostro Stato" bisogna partire dal basso,tanto dal basso che bisognerà gettare tutto ciò che è parvenza di democrazia(che ci hanno fatto credere) a cominciare dalle Regioni e dalle Provincie. Bisogna ritornare all'Italia dei Comuni. Dove ogni cittadino vota chi conosce,magari il vicino di casa;dove ogni problema del comune viene condiviso con il Sindaco e i suoi cittadini;dove le tasse vengono applicate solo ai residenti del Comune;dove i servizi,strade,la polizia,i pompieri ecc.ecc. vengono nominati dai cittadini. Non ci serve un governo centralizzato che da ordini e fa scempio del denaro pubblico. Riappropriamoci del nostro potere: quello di determinare la politica peri cittadini e non per le caste. Ps: A proposito è passato il messaggio "votare questa legge elettorale perchè si garantisce il 50% alle donne? Assomiglia tanto a quei decreti approvati: Imu e femminicidio! Attenzione Italiota,attento te lo stanno mettendo in.....!
    • antonella b. Utente certificato 3 anni fa
      Buona domenica Oreste! quando si dice che bisogna ripartire dalla scuola, si deve intendere dalle elementari perchè la gente ha perso il senso critico e di comprensione primaria delle parole!
    • oreste m****** Utente certificato 3 anni fa
      Elena vai tranquilla prima avevi letta-maio adesso c'hai Renzi,non sei contenta?
    • Elena Amandola Utente certificato 3 anni fa
      Siete matti, no anzi no, seguite il pifferaio magico senza capacità di discernimento, gli "altri" sono tutti ITalioti, voi aprirete il parlamento come una scatoletta di tonno. Non avete neanche un pensiero nella vostra testa che potete chiamare vostro. Siete ipnotizzati
  • brimban brimnbelluroiurest Utente certificato 3 anni fa
    « Lo stato italiano[del Regno d'italia] è stato una dittatura feroce che ha messo a ferro e fuoco l'Italia meridionale e le isole, squartando, fucilando, seppellendo vivi i contadini poveri che scrittori salariati tentarono d'infamare col marchio di briganti. » (Antonio Gramsci in L'Ordine Nuovo, 1920) - per la immaginaria guerra del brigantaggio, alcune stime parlano di centomila morti. altre solo di 8000 mila - nel sacco di genova del 1849 l'esercito piemontese di la marmora uccise oltre 400 genovesi. l'agiografia italiota spaccia i moti di genova del 1849 come rivolta dei patrioti italioti che volevano che i savoia riprendessero la prima guerra di indipendenza contro l'austria. in realtà, tutto ciò non ha senso altrimenti perché l'esercito piemontese avrebbe massacrato oltre 400 genovesi che avrebbero sostenuto la causa dell'espansionismo savoiardo su tutta la penisola italiota. molto probabilmente la rivolta genovese era il tentativo dei genovesi di restaurare la repubblica di genova, che era stata annessa con la forza al regno savoiardo dopo il congresso di vienna del 1815. ecco perché l'esercito piemontese sparò sui rivoltosi genovesi. vittorio emanuele II in una lettera a la marmora tacciò i rivoltosi genovesi di "vile e infetta razza di canaglie" - nei moti di milano del 1898 l'esercito regio di bava beccaris prese a cannonate le barricate dei milanesi. alcune fonti riferiscono di oltre 300 morti fra uomini, donne e bambini
  • Elena Amandoola 3 anni fa mostra
    E se votassimo l'espulsione di Beppe Grillo?
    • oreste m****** Utente certificato 3 anni fa mostra
      Ma tu non puoi votare! Sarebbe come dire "armiamoci e partite"! Ma va a cagare!
    • Davide B. Utente certificato 3 anni fa mostra
      Si, bravo espelliamolo dall'essere fondatore dell'unico gruppo di persone che ci rappresenta! Sei talmente superficiale che dai sostegno ai tuoi aguzzini...
  • ALBERTO FERRETTI 3 anni fa mostra
    E BRAVO CECCO BEPPE, GRANDE COMICO RANCOROSO, SEI RIUSCITO ANCORA UNA VOLTA A PRENDERCI TUTTI PER IL C...., RISPOLVERANDO UN INTERESSE CHE STAVA SCEMANDO. IL TUO BLOG STA NUOVAMENTE ESPLODENDO, COSI' COME LA PUBBLICITA' ED IL CONTO DELLE PARTECIPATE DEL TUO GURU. AUGURI E BUON APPETITO.
  • Francesco L. Utente certificato 3 anni fa
    Per chi ieri, non avesse capito il post “per domani”, guardi il post di oggi: http://www.beppegrillo.it/2014/03/e_se_oggi.html
  • alfonso zanini Utente certificato 3 anni fa mostra
    "E se domani" te ne andassi via?? Uno vale uno Grillo,vattene via,stai letteralmente polverizzando un moto di nove milioni di voti. Cordiali saluti da "uno che vale uno"-
    • Toto A. Utente certificato 3 anni fa mostra
      Rimbambito !!! tu vali meno di zero. Cordialità
  • nicola solia 3 anni fa
    Beh, Beppe questa tua ipotesi non è probabile e tanto meno è auspicabile, non vedrei miglioramenti nel ripristinare il regno di Sardegna (magari con a capo quei sifilitici dei Savoia) o il regno delle 2 Siciilie (capitanato dai borboni o dalla camorra)...Poi c'è anche il piccolo particolare che io (come tanti altri) mi sento ITALIANO. Mi sa che con questo post l'hai fatta proprio fuori dal vasino, vai dal medico e fatti controllare la prostata.
  • Giorgio G. 3 anni fa mostra
    ha inserito la retromarcia, ora siete indietro come questa cartina geografica
  • giuseppe 3 anni fa
    Buon giorno a tutti. Nonostante i loro tentativi di distruggere il movimento, ogni giorno è un giorno in più per il M5S ed uno in meno per la casta.
  • Giorgio G. 3 anni fa
    il vostro portavoce ha invertito la marcia, gli è presa la fissa dei pochi ma coesi porta avanti il suo programma
  • Alberto Sciretti 3 anni fa
    Penso da molto tempo che sia l'unica soluzione concreta per mettere sotto controllo la spesa pubblica impazzita e quindi il futuro degli Italiani. L'Umanesimo e il Rinascimento non sono figli di uno stato fanullone, centralista, corrotto e pieno di burocrati. La magia creativa, la scintilla geniale dell'economia, nasce dal rispetto delle diversità (vedi TAV Val di Susa) non dalla standardizzazione centralista di quel modello Andreottiano, Stato Mafia. L'attuale debito pubblico inumano rompe il patto generazionale con le generazioni future, compromettendone il futuro. Detto questo devo parimenti constatare che Beppe Grillo ha perso un'altra occasione per ricordare che di questo periodo unitario, il peggior periodo di annichilimento delle anime prende il nome di Fascismo, leggi razziali, etc. Quindi se dopo questi bei discorsi, mi strizzate l'occhio a quelli di CasaPound, anche voi di quali valori siete portatori?
  • Giorgio G. 3 anni fa
    già oltre 1600 commenti su questa cosa mi parrebbe un'esagerazione
  • Andrea 3 anni fa
    ..bell'idea, davvero.. Se Grillo non sa stare un attimo in silenzio e riflettere prima di parlare.. ..questo tentativo di farsi amica la lega mi fa schifo. ..già le posizioni sull'euro non sono convincenti, se ora ci si mette a parlare di secessione mi sa che..........
  • MM 3 anni fa mostra
    A Grillo: Cambia Pucher ....
  • orlando g. Utente certificato 3 anni fa
    pensate ora al potere che hanno i cittadini;ZERO un gruppo di bastardi burocrati e politici maiali corrotti decidono che uno stato deve fare la guerra ad un altro e questi cittadini ,poveri coglioni,si ritrovano a morire x decisioni che nemmeno hanno potuto discutere. a chi piace questo? chi può decidere x me se io debbo andare ad uccidere un altro individuo? lo stato? e lo stato chi è? i politici? e i politici chi li ha eletti? i cittadini? chi pensa ancora che uno stato centrale, come è impostato il ns adesso, possa fare gli interessi diversi di tante regioni con caratteristiche ed esigenze peculiari diverse? chi pensa che si possa eleggere ancora oggi un deputato come la bindi in calabria e che questa conosca i problemi della calabria? alla bindi che cosa può fregare della calabria? ma la bindi è solo un esempio di come questo stato centrale degenerato, che conosciamo oramai da + si 70 anni,non abbia mai risolto i problemi del popolo ita e delle sue regioni se non in virtù di clientelismo,corruzione e parassitismo. qualcuno può affermare il contrario? allora si può pensare ad uno stato federale,su modello svizzero per esempio,che rappresentato da persone del suo territorio,sappiano richiedere e rispondere direttamente ai loro concittadini? ci sentiremmo meno italiani x questo? non penso. non sono un leghista e la lega ha dimostrato alla fine di che gente era fatta.si è distrutta da sola. ma il pensiero che uno stato federale fatto di quante macro-regioni non so, che possa tagliare le gambe allo stato centrale di roma e di tutti i suoi centri parassitari e clientelari,tutto questo può essere solo un bene. chi pensa che questa italia così gestita e impostata possa risolvere i problemi enormi di corruzione imperanti, senza riformare la forma stato-cittadini allora è destinato ad avere grandi delusioni. anche questo è un segno di cambiamento e non vuole dire che una regione sarà lasciata indietro rispetto ad un altra.
  • Domenico Orsini 3 anni fa mostra
    E così il M5S da me votato si ridurrebbe, in sintesi, ad un movimento secessionista? Peccato .....
  • Giorgio G. 3 anni fa
    ai Garibaldini, dopo 200 anni spesi per fare gli italiani a prima vista come disse il più noto: "son fatte le macroregioni non resta che di fare i macroregionali" con la Padania fini a skifio e vabbé sono manie di piccolezza, pazienza ci vuole :-)
  • WILMA PRATO Utente certificato 3 anni fa
    Grazie Beppe x averci ricordato il solito vecchio problema" L'Italia e' fatta, ora facciamo gli Italiani" Purtroppo in questi anni noi ci siamo dimenticati di essere un popolo e di avere una dignità', e' ora che ci svegliamo, ci tiriamo su le maniche e cominciamo a lavorare e combattere per creare gli Italiani. A riveder le stelle!
  • franca s. Utente certificato 3 anni fa
    Che tristezza pensare a tutti quelli che hanno sofferto o sono morti durante le guerre del Novecento per un Paese ridotto così!
  • Barbara R. Utente certificato 3 anni fa
    E se oggi facessimo l'Italia, dal momento che siamo nati Italiani? Sono di Torre Annunziata, non sono borbonica, odio i lestofanti che hanno depredato la nostra Italia, ma sono nata e cresciuta in Italia. Del Regno delle Due Sicilie, francamente, me ne infischio. Bando alle ansie da prestazioni. Azzera la paura di vincere. Vinciamo noi. Ce la facciamo.
  • tiziana perazzoli 3 anni fa
    mi vergogno caro beppe di aver anche solo pensato,non sapendo alle ultime elezioni,di dare a te il mio voto pensavo fosti una persona diversa ma sei come tutti quei politici che vuoi mandare a casa e noi come i soliti pecoroni pronti dietro a seguire una nuova linea,una nuova idea,ti abbiamo dato il voto e ti abbiamo messo la convinti che forse qualcosa di buono ne sarebbe nato,ed invece stai solo rovinando ancor di piu quel che rimane di questa nostra povera italia VERGOGNATI,stai tradendo la fiducia di tutti quegli elettori che ti hanno dato il voto e non parlo di quelli estremisti che pendono dalle tue labbra ma di coloro che mai si permetterebbero di scriverti come sto facendo io su un blog mi hai deluso una prima volta al confronto con Renzi non lasciandolo parlare e oggi con questa storia delle macro regioni,non siete nemmeno capaci di votare leggi e decreti che fanno parte del vostro programma fate solo ostruzionismo dite che volete cambiare ma mi sa che volevate come tutti arrivare su quelle poltrone mi spiace MA SONO ALQUANTO DELUSA DI TE DEL MOVIMENTO 5 STELLE E DI TUTTE LE PAROLE CHE DAL PULPITO SONO FORTI E CREDIBILI MA NELLA REALTA DEI FATTI SONO SOLO LE PAROLE DI UN COMICO CHE NON SA PIU COME ANDARE AVANTI BUON LAVORO
    • luca I. Utente certificato 3 anni fa
      E' questione di pubblicità. La casaleggio è un'azienda che deve fatturare e questi post deliranti non fanno che aumentare i numeri di contatti e quindi soldi. Fra qualche giorno uscirà un post che spiegherà che tutto ciò era ironico ma intanto i click ci sono stati. E' un grande business.
    • ALBERTO FERRETTI 3 anni fa
      HAI PERFETTAMENTE RAGIONE.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Empty Pumpink's Movement ???
  • Monica R. Utente certificato 3 anni fa
    Beppe, cazzarola, sei andato a riesumare una mappa del 1494, quando Colombo stava ancora in America! Ti propongo invece la divisione del 1843, così io me ne sto in pace nel Ducato di Parma e tu ti ciucci il Regno di Sardegna. Che ne dici? http://it.wikipedia.org/wiki/File:Italia_1843.svg
  • Giuseppe Agostino Romano Utente certificato 3 anni fa
    Caro Beppe Le provocazioni a volte servono. A volte fanno perdere di vista obiettivi molto più importanti. Paragonare l'Italia al federalismo tipo USA è una grande cavolata. L'Italia non è l'America ed i problemi della nostra penisola derivano da malcostumi vari. Se non si cambia la gente possiamo fare le rivoluzioni che vogliamo ma finirà tutto come prima. Solo un pò più in piccolo. Concentriamoci sugli obiettivi importanti (reddito di cittadinanza, fuori gli indagati dal parlamento, ecc. ecc.). Le rivoluzioni da facciata lasciamole agli altri.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Non credo si tratti di "facciata": se il Sistema è al collasso, è evidente che le cose, così come stanno, non vanno bene: un restringimento a 4/5 regioni con mini parlamenti aventi ampi poteri riguardo le politiche economiche e sociali (col divieto di "sforamenti" a carico degli altre Regioni), comporterebbe un rapporto diretto ed immediato tra il territorio governato ed i cittadini che voterebbero in maniera assai più responsabile: qui, invece, i manigoldi che hanno provocato dissesti finanziari e favorito ogni sorta di ruberìa, qualora vengano "trombati" vengono "riallocati" in qualche altra carica da qualche altra parte del Paese......
  • andrea cera Utente certificato 3 anni fa
    Grande Beppe ma la divisione dobbiamo farla tra chi continua a votare pd/pdlecc. E noi dell'm5s....
  • F F (thats all folks) Utente certificato 3 anni fa
    Per tutti i trollini del "PDexmenoelle" e della nuova forza tania e ncd e quì quò quà vari. Ripostovi questa massima che vi si addice proprio. E' un po maschilista ma però è consona al vostro stato di pipparoli sparaseghe usamano che dir si voglia. Beppe Grillo vi ha spiegato, e bene, la funzione della pucchiacca. Ve l'ha filmata, vi ha dato, nei decenni trascorsi, valenti lezioni sul suo corretto utilizzo, ve lo ha ripetuto in molte diverse maniere ... ma voi no, lungi dal comprendere ciò che vi si è spiegato anche in sanscirito continuate imperterriti a massacrarvi di pugnette. Più Beppe cerca di spiegarvi le meraviglie di copulare in maniera corretta, di usare la pucchiacca nelle sua giusta maniera, più voi, imperterriti, continuate con questa pratica innaturale di usare la mano per il pisello. Noi, poichè buoni, vi si avverte ancora sul rischi do cecità con questa insana pratica. Insomma se un giorno, cechi, verrete a piagnucolare su questa verità inoppugnabile (cioè che usar bene la pucchiacca è meglio che farsi le pugnette) noi, purtrroppo e con le lagrime agli occhi, vi si dirà: "Ma noi ve l'avevamo detto". P.S.: questa è ovviamente una metafora (spiego per i trollini che molte volte prendono letteralmente il ragionamento sopra ...) transumatela sulle ca22ate che dite e forse, solo forse, capirete qualcosina. Questa è la via dei piccoli passi per passare, appunto, da coglione a imbecille. Buona domenica coglioni .... * * * * * Al resto del blog, buona domenica MOVIMENTISTI a 5 STELLE!!!
    • F F (thats all folks) Utente certificato 3 anni fa
      Simona vai in mona ... Oltre che a faan culo pD menoexellara che altro non sei! Bleha che schifo una ex cummunista ...
    • Alfredo E. Utente certificato 3 anni fa
      Uelà Simona certo che in fatto di finezza lo metti nel c..o a tutti. Complimenti!!!
    • Simona Diodato Utente certificato 3 anni fa
      Tua mamma ancora si cura le emorroidi, visto che per metterti al mondo la pucchiacchia non l'ha usata.
    • antonella b. Utente certificato 3 anni fa
      good morning boys! i'm so pleased to meet you! italians are not english, they've not sense of humor! eh eh eh
    • Alfredo E. Utente certificato 3 anni fa
      Ciao Francè finalmente una ventata d'aria fresca. Mai visto una serie così di caxxate e banalità. Stavo afissiando... :)))
  • Giacomo C. Utente certificato 3 anni fa
    L'italia non esiste né è mai esistita. È un'accozzaglia di tradizioni, vocazioni, indoli, talenti, pregi e difetti tutti diversi tra loro. Prima dell'unificazione coatta promossa dai piemontesi con un immane spargimento di sangue, solo il 2% della popolazione parlava italiano, in modi talmente diversi da rendere ardua la comunicazione. Anche i tratti somatici degli italiani del sud e del nord erano totalmente diversi tra loro. Parlare di nazione pensando all'italia è semplicemente un falso. La Lombardia, con il passaggio dei piemontesi ad est del Ticino, fece un salto indietro di 200 anni nell'amministrazione della cosa pubblica e nell'ottusità della burocrazia. Carlo Cattaneo, appena visto l'andazzo, andò volontariamente esule nell'amata Svizzera e non fece mai più ritorno in questo scempio di paese, nonostante fosse stato eletto due volte deputato. L'italia è una merda da abolire tout court. Non ammetterlo vuol dire essere schiavi della fanfara da sussidiario. Vuol dire non riuscire a vedere oltre questa spaventosa gabbia di infelicità, reciproca ostilità e disperazione. Liberi tutti.
    • giangreco alessandro Utente certificato 3 anni fa
      Ernesto Galli della Loggia sono decenni che ne scrive. E' un dato di fatto non siamo un popolo.
  • rosario parisi 3 anni fa
    Per favore Grillo chiarisca se vuole una italia unita nella solidarietà sociale e nella lotta contro l'impero europeo o vuole spaccare la nazione nella speranza che illombardo veneto ce la faccia a stare al passo con l'Europa. Se si deve votare per i cinque stelle alle europee, vogliamo sapere esattamente cosa vogliono fare sulla nostra unità nazionale. Quindi chiarimenti richiesti anche ai cinque stelle. Grazie.
  • Alessandro Sasso Utente certificato 3 anni fa
    Il 16 e il 17-21 Marzo in Veneto votazione elettronica per il Referendum per l'indipendenza del Veneto nella forma di Repubblica federale indipendente e sovrana ( Risoluzione n° 44/2012 del 28/11/2012 della Regione Veneto). www.plebiscito.eu
  • faufer 3 anni fa
    Difficile leggere un post più senza senso di questo, le situazioni si migliorano dall'interno specialmente anche per l'Europa, credere che generare macro regioni possa migliorare la situazione è pura utopia, sinceramente su queste stronzate e pensieri di stupidità inaudita è impossibile pensare di seguire il movimento. Pubblicare queste minchiate vuol dire non avere assolutamente una linea politica. Sono stati pubblicati i 7 punti per le europee e adesso qualche cerebroleso viene fuori con questa buffonata, ma cerchiamo di avere una linea politica e cerchiamo di fare un cammino logico smettiamola di sparare stupidaggini un giorno si e l'altro pure.
    • Giacomo C. Utente certificato 3 anni fa
      cerchiamo di fare un cammino logico: i poveri del nord si svenano e il sud e roma sperperano.
  • Angelo Calafiori Utente certificato 3 anni fa
    Non so se sia il caso discutere di questi argomenti, che mi trovano perfettamente d'accordo, parliamone dopo, prima mandiamo a casa questi inetti.
  • Paolo B. Utente certificato 3 anni fa
    ..diciamo che l'unica pulce nell'orecchio è l'immagine di garibaldi con il volto di Beppe, sullo sfondo di un discorso che è stato fatto ultimamente... Cozza un pò .....col post. ***** Eposmail
  • Michele Borrielli 3 anni fa
    continuo a pensare che un post come questo andava meglio studiato, nel senso letterale della parola, con studiosi di storia che utilizzano tutte le fonti, non solo quelli dei cosiddetti vincitori, ma tutte le fonti, riguardo alla conquista dell'Italia da parte del regno di sardegna incluse quelle cattoliche, e con uno sguardo a ciò che accadeva, che è accaduto e che sta accadendo nel pianeta negli ultimi tre secoli (influenza delle superpotenze e della massoneria, ad esempio). Per quanto riguarda l'italia a mio parere occorrerebbe ritornare allo spirito del 1848 che nella primavera 1848 vide stato della chiesa, granducato di toscana, regno delle due sicilie uniti militarmente contro l'Austria per liberare lombardi e veneti dal dominio straniero. Il passo successivo (se non si fosse persa quella guerra) poteva essere una unione volontaria, e non sanguinosa come quella della conquista dell'Italia da parte dei Savoia. Idee come quelle attuali leghiste delle macroregioni sono un prodotto di scarto di circostanze storiche ed ideologie prima liberal massoniche e poi fasciste, e poi ancora di vario tipo tragicamente sbagliate, come la assurda affermazione "Fatta l'Italia, bisogna fare gli Italiani" del ministro dell'istruzione liberal-massonico e poi fascista Mantini tanto infondata quanto fuorviante e contraria alla realtà CHE ESISTEVA GIA' DA SECOLI LA CONSAPEVOLEZZA DELLA ITALIANITA' peraltro MOLTO pre 1848, basta pensare a quello che scriveva Dante nel purgatorio "Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di provincie, ma bordello!", e ai tumulti dei romani quando, nel 1377 urlavano a gran voce la scelta di un papa gradito, gridando nelle piazze "Romano lo volemo, o almanco italiano" ("Romano lo vogliamo o, almeno, italiano". In conclusione, no a stereotipi leghisti (macroregioni) a mio parere di basso spessore culturale e politico, sì ad una Italia federale da studiare bene insieme,anche a partire da regioni depoltronizzate.
    • Michele Borrielli 3 anni fa
      preciso meglio la parte relativa al 1848, a mio avviso fondamentale: infatti in essa si rileva che soldati del regno delle due sicilie combatterono nel 1848 insieme ai piemontesi uniti [insieme allo Stato della Chiesa ed alle truppe del granducato di toscana] contro l'Austria non molti anni prima di essere attaccati dagli stessi piemontesi e sconfitti nel 1861): cronologia storica parziale: - 23 marzo 1848. Il Regno di Sardegna dichiara guerra all'Austria per andare in soccorso di lombardi e veneti, sostenuto da una Coalizione di Stati italiani (Stato Pontificio, Granducato di Toscana, Regno delle Due Sicilie con a capo il Regno di Sardegna) e volontari contro l'Austria. - 23 aprile 1848. La Coalizione passa il Ticino, gli austriaci si ritirano verso il quadrilatero (Peschiera, Mantova, Legnago, Verona). - 29 aprile 1848. Papa Pio IX (Stato Pontificio) si ritira dalla Guerra contro la cattolica Austria, ma Durando (comandante delle truppe pontificie) non obbedisce. - 30 aprile 1848. Battaglia di Pastrengo. Vittoria Coalizione. - 6 maggio 1848. Battaglia di Santa Lucia (Verona). Vittoria Coalizione. poi la guerra viene persa, con ritorno allo status quo ante... E se si tornasse allo spirito della primavera del 1848 (in termini di unità di intenti e di unione tra i popoli, non di guerra, ovviamente)?
  • filippo t. Utente certificato 3 anni fa
    In Italia ormai non c'è più il tempo per cambiare le cose......siamo falliti, commissariati e delegittimati....chi ha governato il paese lo lascia povero e lacerato, nelle mani di quei poteri forti e occulti, che se potessero risolvere i loro problemi con 100 milioni di morti, non batterebbero ciglio perchè non succedesse; anzi un leggero ghigno gli solcherebbe il viso...
  • emmanuela courlios Utente certificato 3 anni fa
    ricordo che il regno delle due sicilie, prima dell'unione di Italia, era una ricca nazione e all'avamguardia, successivamente depredata delle sue ricchezze per la nuova industralizzazione del nord. Dividere l'Italia in macroregioni è, invece, un'ottima idea, e comunque sarebbe solo a scopo amministrativo e saremmo tutti uniti sotto lo stesso tricolore. Si chiama federalismo e anche gli stati uniti d'America è una nazione federalista con un forte senso di nazionalità. Dividere l'Italia in macroregioni non vuole dire dividerla, ma rinforzarla e liberarla da politiche centraliste che sotto il nome del "mezzo giorno" hanno rubato e distribuito soldi in mani sbagliate. Non so se questo articolo è una provocazione o una proposta, è comunque un idea da studiare. Buona domenica M5S
  • Kilian Karmelo Pileggi Utente certificato 3 anni fa
    L'unità d'Italia del 1861 non è stata altro che una farsa per mascherare una vera e propria "colonizzazione" del Sud Italia. Non dimentichiamo tutte le fiorenti industrie del Sud Italia, chiuse e smontate per essere trasferite al Nord, non dimentichiamo che il Regno delle Due Sicilie possedeva la terza flotta mondiale mercantile, non dimentichiamo i paesi cancellati dalla cartina geografica dai 120.000 carabinieri inviati al Sud per sopprimere il "Brigantaggio", che non era altro che una rivolta patriottica contro i padroni Savoia, formato anche da padri di famiglia che non sapevano più come dar da mangiare ai propri figli. L'emigrazione cominciò proprio in quel periodo ed il motto era "o briganti o emigranti". Non voglio mettere in dubbio la buona fede di Garibaldi, ma aver "consegnato" il Meridione a Vittorio Emanuele II è stata proprio un gran caz****!! Non voglio neanche mettere in dubbio l'onestà e l'integrità del Nord di oggi, ma anche loro, come noi meridionali ,siamo solo stati vittime di eventi storici che hanno solo portato ad una catastrofe. Ma non tutto è perduto, il mio sogno è "La Repubblica delle Due Sicilie".....e se domani......
    • UOMINI SIATE E NON PECORE MATTE… Utente certificato 3 anni fa
      Ben venga la "revisione" storica, se fosse stata detta la verità nelle scuolefin dagli albori di questa infame Patria non saremmo a questo punto. Bisognerebbe che molti italiani si dessero da fare per studiare la storia, non farsela raccontare, ITTAAALLLLIIIIIAAAAAAANNNNNNNNIIIIIIII IIIGGGNNNOOORRRAAANNNTTTTIIIII
    • Giacomo C. Utente certificato 3 anni fa
      Bravo. Sei un meridionale intellettualmente onesto. Meno male che ce ne sono ancora.
  • conti laura 3 anni fa
    Anche per me si tratta di una provocazione e non per far parlare la stampa bensì per destare "le belle addormentate" coscienze di noi italiani che stiamo per farci trascinare ancora una volta dalle doti affabulatorie del mediatico e machiavellico personaggio, più che persona, fiorentino.
  • UOMINI SIATE E NON PECORE MATTE… Utente certificato 3 anni fa
    E' Inutile continuare ad analizzare e sintetizzare il presente col futuro, se le basi di partenza dello stato di cose è alterato o falsificato, tutte le ipotesi si riveleranno errate, e nel profondo sappiamo che è vero. Bisogna che la verità esca fuori solo allora potremo gettare le basi per la costruzione del futuro.
  • Tintorri Luciano 3 anni fa
    Io voglio l'Italia unita,io voglio aiutare ed essere aiutato io voglio amici non nemici io voglio ridere non piangere io voglio un eguaglianza di diritti(pensioni,lavoro,parità tra uomo donna,ecc ecc ecc) io voglio parità d'informazione io voglio persone(politici)seri(il presidente che dice basta poi raddoppia,Renzi che dice stai tranquillo e poi gli fa le scarpe io voglio persone coerenti io voglio vera democrazia io voglio VIVERE non voglio......
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      "interpretato", pardon.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Sì, vorrei levarmeli dai coglioni anch'io.... (perdonate la grevità dell'espressione, ma essere educati verso dei volgari cialtroni, potrebbe essere interpretata come una malintesa forma di cortesia che non intendo avallare).
    • andrea cera Utente certificato 3 anni fa
      Io invece voglio liberarmi degli italioti che continuano a votare chi ha ridotto questo paese in un cumolo di macerie
  • Carlo M. Utente certificato 3 anni fa
    In effetti L'Italia,voluta da quei figli di p...ana di Mazzini-Garibaldi-Cavour o meglio ancora voluta dalla massoneria (veri e propri criminali), non è mai esistita davvero. Hanno solo tolto tutte le ricchezze al Regno delle Due Sicilie facendo nascere un fenomeno nuovo che a sud non esisteva: l'emigrazione.I popoli comunque sono rimasti sempre divisi. Dividi et Impera diceva qualcuno. Fino a qualche anno fa noi meridionali dovevamo spostarci al nord se volevamo sopravvivere, adesso grazie all'euro all'unione europea neanche più questa è possibile.
  • M Capone 3 anni fa
    Il sud e' stato grande quando è stato indipendente. Io non ci vedo niente di male ad essere più indipendenti . Un esempio: oggi la Basilicata e' la regione più povera d'Italia.domani, gestendo le riserve petrolifere direttamente,diventerà più ricca di veneto e Lombardia . Per non parlare del turismo oggi penalizzato dall assenza di vie di comunicazione decenti( la tratta Napoli Bari diretta oggi non esiste). Chi si avvantaggerebbe dalle macro regioni sarebbe soprattutto il sud
  • Alessandro Polese 3 anni fa mostra
    Le macroregioni? Ma cosa avete nel cervello? Non avete altro da fare? Chi dei due capibastone ha partorito l'ennesima minchiata?
    • Wiu@m@o - Utente certificato 3 anni fa mostra
      nel cervello c'è sicuramente + pappa che nel tuo
  • Wiu@m@o - Utente certificato 3 anni fa
    Una cosa è certa dopo la totale abolizione delle province e l'accorpamento dei comuni + piccoli e' necessario suddividere lo stato italiano in macroregioni tipo la macroregione del Nord che arriva fino alla pianura padana il centro che arriva fino a Roma compresa e il Sud da Napoli in giu'+ le isole oppure: la regione dell'Italia del Nord poi la regione dell'Italia a Est dell'appennino e la regione ad ovest dell'appennino poi il sud + le isole. Riorganizzazione necessaria da mettere in agenda
  • alberto ferretti 3 anni fa
    Cecco Beppe, il nuovo imperatore, re di Liguria e principe di Savoia, L'Italia s'è desta, le truppe cammellate marciano su Roma e presto sul tuo regno non tramonterà più il sole. Mi chiedo ancora come abbiamo fatto a votarti? Un consiglio, fatti dare una controllatina ai neuroni e trova un buon psicoterapeuta per ritrovare te stesso e le cause che ti hanno ridotto in queste condizioni. Evita per un lungo periodo guru e maghi ed ascolta lo zio del trota, che sembra interessato all'evolversi della tua malattia. Sono fiero di poter riabbracciare la famiglia dei Medici, nel Granducato di Toscana e spero tanto che Papa Francesco, cacci i mercanti da Roma e trasformi lo Stato Pontificio in un Paradiso. Ciao Cecco Beppe, abbi cura di te e riguardati, mi preoccupi.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Seconda balla e malevola interpretazione: Beppe (lo chiamo per nome non per piaggerìa berluscona) ha detto "con voi non sono democratico" (ed il senso della frase è chiarissimo)....
    • ALBERTO FERRETTI 3 anni fa
      Quando non la pensano come voi, pensate sempre che i post siano a pagamento. Avete la coda di paglia? O come il Vostro guru, non siete democratici? In molti abbiamo votato il M5S, per il cambiamento e per mandare a casa questa classe politica corrotta. Se il rimedio è tornare al 1861, buona prosecuzione.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Certi commenti, se autentici e non dettati da una contropartita in danaro (come sembra per tantissimi di questi), danno l'impressione che la zucca vuota, sia il principale problema dell'Itagliano.......
    • andrea cera Utente certificato 3 anni fa
      Caro Alberto il tuo nome scritto in minuscolo nel tuo post la dice già lunga su di te.....come hai fatto a votarci me lo chiedo anch'io se ti capiterà ancora non sbagliare più la crocetta falla da qualche altra parte .grazie
  • Rinaldo S. Utente certificato 3 anni fa
    Nei discorsi fra cittadini (in piazza e nei consessi politici, non di partito) ho trovato una soluzione che mette tutti d'accordo senza inventarsi altre soluzioni di problematica portata. I cittadini votano per il Sindaco del Comune. I Sindaci eletti votano per il Governo centrale con deleghe nazionali. Perchè? La risposta degli interpellati sta nel fatto che il Sindaco eletto sta nel territorio dove tutti lo conoscono e lo possono controllare. Con le buone o con le cattive .....
  • francesco cavalli 3 anni fa
    l'unica democrazia vera, quella diretta, e' possibile solo in realta' piccole (la Svizzera e' composta da 26 stati). Gli stati devono riflettere le esigenze dei popoli, e non viceversa. Lo status quo originato da guerre e atti di imperio non puo' essere un valore se non per gli (euro)burocrati parassiti. Non credo ai miei occhi - e' una vita che non voto, forse la prossima volta sapro' chi appoggiare. Saluti dalla Santa Russia.
  • NIcola E. Morelli Utente certificato 3 anni fa
    Per favore Beppe, se vai su questa strada ti lascio andare da solo, prenditi pure i voti della lega, se vuoi, non avrai piú il mio, e quello di quanti hanno pensato che questo movimento fosse una cosa piú seria dellínseguimento a quelli che la dicono piú grossa. Cordiali saluti.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      You don't understand 'na minchia.
    • vanwynsberghe ann 3 anni fa
      Ma queste sono solo considerazioni ipotetiche, non e' una parte di programma! Saranno sempre i cittadini a decidere, ricordi? Rilassati!
    • F F (thats all folks) Utente certificato 3 anni fa
      O almeno inizia dalle sciocchezze invece che passare direttamente alle ca22ate.
    • Luca M. Utente certificato 3 anni fa
      per favore però ragiona prima di dire cazzate!!!
  • paolo z. Utente certificato 3 anni fa
    Anche nella Repubblica di Venezia anzichè nel Regno delle due Sicilie la corruzione, il nepotismo e le tasse, non mancavano di certo.È per questo motivo che gli italiani vorrebbero far sparire tutti gli stati e diventare esclusivamente cittadini europei con le stesse leggi, la stessa burocrazia e, sopratutto, con gli stessi diritti. Essere parte di una Europa forte ed unita e democratica rappresenta la sola speranza di continuare ad esistere e non essere fagocitati dal blocco sovietico anzichè da quello asiatico.
    • Claudio . Utente certificato 3 anni fa
      BRAVO. Una precisazione: solo 100 km ci separavano dal blocco sovietico....ma 70 anni di stronzate di sinistra ci costringono in quel blocco......che NON esiste più. Un bel paradosso!
  • Carletto 3 anni fa
    Leggendo i commenti a questo post mi assale la meraviglia e lo stupore. Bravo Beppe hai colto nel segno le disparità che ci sono al'interno della Nazione sono evidentissime, e che solo questo popolo di italidioti quale siamo non riusciamo a cogliere. Sono calabrese, e sapere che con questa legge elettorale porcellona sono stati eletti in Calabria Scilipoti, D'Attorre, la Bindi che calabresi non sono, mi getta nello sconforto più totale. Che cazzo sanno questi tizi dei problemi storici che abbiamo in Calabria? Le regioni, i comuni, le province, le comunità montane, le aziende ospedaliere e sanitarie, etc... solo foraggio per i partiti. Hai ragione, Beppe, la bandiera non ci unisce più, nemmeno quando gioca la nazionale di calcio. Voglio salutare e ringraziare i portavoce alla Camera Parentela e Barbanti(che conosco di persona) e tutti gli altri eletti in Calabria per il M5S per il legame che mantengono con il territorio ed i meetup.
  • divisi parcellizzati 3 anni fa
    E dopo le macro regioni le micro provincie e le nano città Grillo ti ho votato ma sei fuori come un balcone bisogna lavorare per unire questo paese non per dividere Hai ragione nel dire che la classe politica e' in mano ad un 90 enne e ad un venditore di pentole ma la soluzione non è dividere ulteriormente gli italiani che sono già divisi nei loro condomini e nei loro appartamenti!!!
    • V. M. Utente certificato 3 anni fa
      4/5 regioni o 20 non cambia nulla se non si persegue un obiettivo comune. Ognuno per conto proprio verrà schiacciato come un moscerino dai poteri forti. E le poltrone si possono diminuire anche lasciando tutte e 20 le regioni. Continuo a non capire l'utilità di questa cosa.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Più divisi in 4/5 regioni od in 20 regioni, secondo te?.....
  • Paolo B. Utente certificato 3 anni fa
    ..se devo dire una cosetta, BEPPE sarà tutto quello che volete, ma NON è certamente uno che si adagia sugli allori...cercando rendite da posizione. Gli piace ......CAVALCARE LA TIGRE. Scusate se è poco. ***** Eposmail
  • GIOVANNI I. Utente certificato 3 anni fa
    Ma se domani , gli Italiani andrebbero al voto , e dopodomani tutti questi infami che hanno abusato della fiducia dei cittadini , andrebbero via , chi in galera e chi ad Antigua. Se domani uomini e donne prenderebbero posizione riformando e blindando con leggi ANTICORRUZIONE , TUTTI i settori dello stato che in questi anni hanno distrutto il nostro paese . Non possono vincere contro la maggior parte della popolazione ., Sono poche persone che alla prima rivolta seria spariranno . POSSIAMO FARCELA e 20 anni che aspettiamo , ora che si può VINCERE ,l'Italia avrà il suo ruolo NEL MONDO come Nazione di cultura , terra agroalimentare e detteremo legge su come il Mondo debba mangiare e vestire .
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      "andassero" al voto,"prendessero" posizione; sul fatto che alla prima rivolta seria, questi possano/vogliano scappare, non ci metterei la mano sul fuoco, tanto radicata è in essi la convinzione d'essere al di sopra di tutto e di poter facilmente controllare con la polizia e l'esercito qualunque sommossa popolare: però, sono certo del fatto che basti un solo carro armato davanti Montecitorio per provocare un fuggi-fuggi generale......
  • Stefano Carboni 3 anni fa
    (null)
  • maurizio righi 3 anni fa
    caro Beppe il "e se domani " non può tornare ad essere come ieri ricorda che l'unione fa la forza -un treno con venti vagoni ha una motrice in capo che tira i vagoni seguono ma se ,come oggi accade uno duo tre o troppi vagono si bloccano il treno non va più bisogna riparare i vagoni o toglierli dal convoglio. quando noi oggi constatiamo con sorpresa che un dirigente e tutti uguali prendono 80-100 mila euro al mese e poi passano da iuna ditta all'altra con liquidazioni di vari milioni di euro diciamo ma come è possibile permettere ciò è maledettamente esagerato è un furto per la ditta che dirigono che ovviamente ha bilanci in passivo e licenzia gli operai cioè coloro che la tengono in piedi a solo 1000-1500 euro al mese che cosi si trovano senza il minimo per vivere --- e cosa ne diciamo di questa paglacciata di inps istituto nazionale previdenza sociale che obbligas a venti anni di contributi spesso onerosi per poi a 65 67 anni ti fornisce vuna pensione de meno di 500 euro. ma cosa e chi aspettiamo per riportarla alla decenza e inoltre vai a vedere quanti hanno perso proprieta di famiglia tolte dal sistema retribuito attuale --- tu artigiano ,commerciante devi pagare annualmente giustamente un contributo minimo 3000 euro. va bene ma se la tua ditta va male e tu disperato aspetti a chiuderla per onore del lavoro e quindi dici non riesco a pagare il contributo annuale e va be pensi vorra dire che non percepirò la pensione! nooooo annualmente cio che non sei riusciro a pagere te lo ritrovi con un100% maggioredi mora interessi etc per cui se per tre anni non riesci a pagare ti ritrovi un debito di 20.000 euro che tiviene ad attaccare con equitalia-gerit ingiunzioni con pignoramanti fino a toglierti ciò che possedevi di famiglia e avrebbe dovuto a 65 anni servirti per vivere . quindi così come è oggi l'istituto non è previdenza sociale ma sfruttramenti individuale ciò creato per assistere il cittadino lo distrugge.questo schifo va cambiato
  • luxveniente 3 anni fa
    A questo potere satanico, mondialista, globale, eterodiretto dalla nazione che per prima ha attuato un modello di società tenuta insieme soltanto dall'adorazione ossessiva del denaro e della pornografia, ( il vitello d'oro dei nostri tempi), si può rispondere solo con la distruzione degli stati. Macroregioni, piccole comunità, dove il potere non degenera in interessi malavitosi, dove ognuno possa essere chiamato a valutare e decidere, per impedire che i pochi "capi" del mondo possano tramare tra loro, ingannando i popoli con le guerre umanitarie, i diritti dell'uomo e tutte le barzellette che ci hanno raccontato. Prima che sia troppo tardi. Ma credo che sia troppo tardi...
  • V. M. Utente certificato 3 anni fa
    Fatemi capire. Si dice un gran bene dei gruppi di acquisto, perchè tutti assieme si riescono a spuntare condizioni favorevoli. Se c'è una cosa che non ha funzionato negli ultimi anni è stata la protesta divisa per categorie: gli operai da soli, gli studenti da soli, i pensionati da soli, i giovani da soli, gli imprenditori da soli, ecc ecc. Niente più solidarietà. Gli effetti sono sotto gli occhi di tutti. Anzi, lorsignori hanno avuto vita facile nel mettere gli stabilizzati contro i precari, i giovani contro gli anziani, i lavoratori contro i disoccupati, una generazione più anziana contro quella più giovane..... E adesso? Dovremmo dividere il paese, ognuno per conto suo? Ognuno da solo a lottare contro la UE, contro le lobby internazionali, contro quel mostro che è la finanza? Sinceramente non capisco. E se invece di parlare di divisioni, si cominciasse a parlare di unioni? Per esempio di tutti i PIIGS, e mandare a quel paese il resto della UE? Mah....non ci capisco più niente.
    • Terry E. () Utente certificato 3 anni fa
      E se .....invece di avere 20 regioni ne avessimo la metà ? Saremmo più uniti con meno poltronifici.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      E' stato il "leit motiv" del ventennio berlusconiano: dividere, dividere, ed ancora dividere...
  • renzo d. Utente certificato 3 anni fa
    come sempre, Beppe vede più in là di tutti. Si tratta di una provocazione ? bene, farà discutere e ciò è positivo; e SE NON fosse una provocazione ? mi divertirò un sacco a leggere i commenti della solita stampa asservita al potere, e ad ascoltare i commenti in TV dei soliti cervellini di gallina.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      E' ovviamente, una provocazione, la prospettiva distruttiva di una situazione dalla quale sembra non vi sia possibilità d'uscita, con il Paese saldamente nelle mani dei cialtroni che l'hanno portata al collasso...
  • Gianfranco Incarnato 3 anni fa
    Ipotesi suggestiva, ma non nuova. E se valesse il suo esatto contrario? Il decentramento o le scissioni più o meno pilotate non danno alcuna garanzia e l'esperienza anzi ci dice che la proliferazione dei centri decisionali favorisce il caos. Malgoverno a km zero? Dov'è il beneficio? Nei suoi momenti migliori, il ns sistema istituzionale era piuttosto centralizzato. La classe dirigente era nuova, formatasi in anni di esilio e, soprattutto, sottoposta a forte controllo, non fosse che per via della contrapposizione est-ovest. Il controllo democratico e' andato scemando per farsi complicità, emulazione. Il problema dunque sussiste: darsi un'alternativa, verificabile, praticabile. Conquistare, attraverso il consenso, il potere centrale e mettere in campo un diverso modo di governare e' strada lunga e faticosa, ma la ricerca di scorciatoie o la fuga dalle responsabilità non è sinonimo di successo. Calma e gesso, mi verrebbe da concludere. GfI
  • Piero Nuciari 3 anni fa
    Non capisco il motivo per cui ogni volta che si ottengono ottimi risultati di visibilità sulle televisioni grazie alla fatica e all'impegno dei nostri rappresentanti in Parlamento, puntualmente escono articoli del genere ben sapendo che i giornali che sono cotro (praticamente tutti) non stanno aspettando altro per dare addosso al M5S. Ma chi è che si occupa di comunicazione?
    • Paolo B. Utente certificato 3 anni fa
      ...come in una azienda che appena fai un prodotto te lo copiano,...nel momento che ti fermi la concorrenza ti risucchia taroccandoti. Mentre gli altri ti rincorrono...bisogna già elaborare strategie più avanzate. Solo così si potrà trainate e staccare tutti gli altri che si troveranno..... IMPREPARATI. ***** Eposmail
  • michele merola 3 anni fa
    In Italia c'è bisogno di una Rivoluzione, non di una Restaurazione, il post di Beppe può essere una riflessione non la soluzione dei mali dell'Italia.
  • Paolo B. Utente certificato 3 anni fa
    ...PIU' si GLOBALIZZA è più il cittadino diventa un moscerino. Più si globalizza, e più pochi eletti ti telecomandano a distanza, senza neanche il cittadino sappia da dove arrivano gli ordini e chi li ha dati. Certo che avvicinando di più i confini del perimetro di una amministrazione di zona ...le cose dovrebbero funzionare meglio. Però vedo che in qlc regione d'italia (e quindi non e questione di microzona) c'è qualcuno che guadagna il doppio di Obama....anche su questo fronte bisogna agire....! Oltre a rassettare...i perimetri amministrativi bisogna rassettare anche la mentalità delle persone. ***** Eposmail
  • Claudio Pros 3 anni fa
    I padovani (Euganei) non sono mai stati “veneti, se non per il periodo di due secoli in cui vennero colonizzati con la violenza delle truppe mercenarie! (al pari di bergamaschi, valsuganotti, friulani, polesani, bellunesi, ecc. che veneti non sono e non sono mai stati…) Il nostro simbolo non è di certo il leone marciano di ispirazione assiro-babilonese, ma il Carro euganeo. Il nostro parlare pavano venne calpestato e represso dai veneziani e impedito in tutte le sue forme; la situazione economica dell’epoca era delle più miserrime. I nostri antenati si liberarono del giogo veneziano e ballarono di gioia sulle piazze alla loro caduta fallimentare. Non vogliamo recuperare “identità” che non ci appartengono e non ci sono mai appartenute! Noi non seguiamo affatto i siti costruiti ad arte dal leghisti-venetisti che ci raccontano una storia e una lingua aliena come, e al pari, degli UFO. Le Regioni (ordinarie o speciali) devono essere abolite tutte; frutto dell’accordo spartitorio DC-PCI hanno contribuito in primissima persona all’accumularsi dello spaventoso debito pubblico di cui paghiamo (a mala pena) gli interessi sugli interessi (con grande gaudio del sistema bancario)
  • Luca M. Utente certificato 3 anni fa
    Buona domenica blog!!qui caffè a 5 stelle!!!
    • Francesco L. Utente certificato 3 anni fa
      ciao Luca! Buona Domenica anche a te! Oggi, gran sole su tutta la Macroregione Nord :)
  • roberto 3 anni fa
    temo che adesso ritornino in campo i monarchici con i loro amici clericali per la difesa della nazione e dai grillini haha ha ha si perché i partiti sono oramai impresentabili
  • Carlo Zaccaria Utente certificato 3 anni fa
    Mah.. penso che prima di sparare a freddo un' idea del genere bisognerebbe aprire un dibattito serio e sopratutto capire gli effetti di un eventuale suddivisione in macroregioni..eppoi cmq bisogna precisare: macroregioni federali ma italiane o macroregioni distinte in 3 singoli stati per esempio? una differenza non da poco ma cmq bisognerebe capirne bene gli effetti...le idee prima di spararle ( a freddo) bisogna precisarle bene...a me sembra qualcosa messa su per spostare l'attenzione del dibattito sui cinque stelle...male o bene purchè se ne parli in televisione...non è un modo brillantissimo di fare politica..è iniziata la gara per le europee ..e mi sembra che qui si segua il solco già tracciato da vecchi politicanti: la gara a chi la spara più grossa...mentre i 5 stelle dovrebbero essere quelli che si distinguono per buone idee e con po di sale in zucca nella testa..ma non voglio biasimare Beppe...ci troviamo di fronte ad una classe politica senza cervello, arroccata che ha poco o niente di dire concretamente e con un presidente della Repubblica che nel giorno della festa della donna si è messo a fare campagna elettorale...monito contro il blog..alla sua età penso nn abbia mai acceso o usato un pc o cmq sappia davvero che cosa sia un blog..
  • Stefano Bernini 3 anni fa
    E se domani... Te ne tornassi a fare il comico?
    • Luca M. Utente certificato 3 anni fa
      e se...intanto cominci tu?
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Farebbe bene, per la propria famiglia e la propria tranquillità (e 'fanculo ai milioni di testa di minchia che preferiscono alla democrazia partecipata, un sistema marcio e corrotto)....
    • Antonio* °Cataldi (capisc'a me) Utente certificato 3 anni fa
      Purtroppo Renzi gli ha rubato il posto..... Capisc'a me
  • armando giordano 3 anni fa
    Non sono d'accordo, per fare l'Italia sono morti tanti italiani e non è giusto disconoscere gli atti di eroismo fatti da queste persone. Sono d'accordo invece di mandare a casa i partiti e tutto quanto ruota intorno a loro. Con i soldi che avanzerebbero si potranno costruire posti di lavoro produttivi altro che parassitismo.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Allora, non voglio continuare ad onorare un massacro.
  • Alberto Scanferla 3 anni fa
    scusate ho letto molti commenti, il discorso è lungo e articolato , il problema dell' Italia , oggi è che che tra interessi di Mafia , Camorra, Corrotti , Vaticano , tutto si fa tranne che cercare la strada dello sviluppo e del benessere, che non è impossibile , prima di tutto , via 40000 pensioni regalate agli amici degli amici con legge mancia , riduzione del 50% dei stipendi di tutti dirigenti e quadri di enti pubblici e partecipazione pubblica , investimenti sul mad sin italy , via enti enti inutili , tassazione per piccole e medie imprese del 20% come in Austria , Olanda , Svizzera , con l'eccellenza e il know how che abbiamo in italia , spacchiamo il culo a Tedeschi e Francesi che ci hanno rubato quote di mercato e aziende, ma finchè il fabbisogno degli asini che fanno politica è di 800 miliardi /anno , non ci sono risorse per sbassare tasse e fare prodotti e servizi da vendere al mondo , ci sono 70000000 di persone nel mondo che hanno forti attese per il made in Italy, regolamentando i tanti laboratori cinesi , abbassando il costo della manodopera , ma non dei salari che vanno raddoppiati , si potrebbe essere una della maggiori potenze economiche mondiali ma ai nostri capi Europei non piace e pilotano ladri mafiosi dei nostri politici in modo da frenare la nostra domanda interne ed esportazione , prima ci liberiamo dei ladri Pd Pdl meglio è meglio , e l'autonomia delle macroregioni è giusta se fatta non con doppioni di competenze enti all'italiana per dar sedie ai soliti noti , ma in un sistema sostenibile , leggero e mobile , basta assistenzialismo , comuni con centinaia di migliaia di dipendenti per avere consenso , spazio all'iniziativa privata che crea occupazione e benessere diffuso ,
  • mario di genova Utente certificato 3 anni fa
    i politici,non lo stato,non hanno fatto niente per tenere unito il paese che lo hanno usato per i propri tornaconti e non difendendo o promuovere tradizioni locali.il termine esatto è 'politicanti' in quanto usano la politica per se stessi e non per il popolo.
  • Ferdinando Coppotelli 3 anni fa
    Magari! Io sono a Roma....ridadeci lo stato Vaticano, avremmo il governo più progressista e attento ai bisogni della gente che si possa avere, camperemmo di turismo e di pedaggi per far passare le merci dal nord al sud e viceversa, godendoci le nostre bellezze!
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Poi, magari, arriva la Santa Inquisizione....
    • paolo z. Utente certificato 3 anni fa
      Ti ritroveresti solamente Putin che dà la benedizione da S.Pietro al posto del Papa.
    • francesco polimeno 3 anni fa
      LO STATO VATICANO AVEVA RIDOTTO ROMA AD UNA FOGNA. ROMA E RINATA DOPO L UNITA D ITALIA....
  • Gaetana A. Utente certificato 3 anni fa
    Questo commento è rivolto allo staff: è faticosissimo scrivere sul blog, s'inceppa tutto o al contrario, non funziona il mouse, si blocca, scompare quello che ho scritto ecc. Anche leggere i commenti altrui è faticoso. Succede solo quando scrivo sul blog. Tranne per quest'ultimo!! Siete voi che controllate??
  • Viviana Vi Utente certificato 3 anni fa
    Copio Ovviamente il nuovo disegno non accorperebbe le regioni che sono già grandi ma creerebbe una divisione regionale migliore di quella di adesso che penalizza le regioni più piccole, conserva privilegi ormai obsoleti, e penalizza indifferentemente il sud. In questo modo sarebbero avvantaggiate regioni oggi dimenticate come la Basilicata, il Molise o le Marche. Se poi entra nelle differenze campanilistiche non se ne esce più Dal punto di vista micro Trecase di sopra è nemici di Trecase di sotto Le macroregioni non dividono l'Italia Semmai la uniscono aumentando i diritti delle realtà locali oggi disertati a favore o del nord o di Roma Attualmente la tendenza dei partiti è accentratrice e romanocentrica Lo stesso patto di stabilità e la tendenza al presidenzialismo sono un freno alle autonomie regionali che pure sono previste dalla Costituzione
  • Gaetana A. Utente certificato 3 anni fa
    Torno adesso da una splendida Agorà a Catania con i deputati nazionali, regionali, anche una consigliera comunale del M5S,ho il cuore gonfio di ammirazione verso questi giovani e le difficoltà in cui si trovano a lavorare ogni giorno e nel contempo la loro passione, la competenza nel preparare anche un dossier su ogni argomento da discutere nelle varie commissioni e la frustrazione nello scontrarsi con l'inadeguatezza altrui. Torno e leggo questo post di Beppe Grillo. Non capisco!!! Se è una provocazione , se è un avvertimento al governo , lui sa bene l'uso che ne faranno tutti i media" Grillo come la Lega, Grillo vuole separare l'Italia , l'Unità italiana faticosamente raggiunta nell'Ottocento è a rischio" ecc.ecc. bla, bla, bla. E allora?? Che significa? Dobbiamo veramente rifare tutto? Ormai tutte le regioni siamo accomunate dalla crisi che ci ha travolto, nord come sud, impossibile creare delle macro regioni; se all'interno di un piccolo consiglio comunale le lacerazioni sono eclatanti, figuriamoci tra regioni diverse, gli interessi non saranno mai comuni e fatalmente il sud, sempre svantaggiato da secoli di sudditanza al nord soccomberà. Grillo rischia anche di separare i suoi elettori, quelli di sinistra da quelli di destra, i delusi dalla Lega dai nostalgici del separatismo siciliano. Dovremmo totalmente rivedere le politiche economiche della nostra Sicilia e, fatalmente, privilegiare il turismo??No! No! E' solo una provocazione!Preferisco crederlo!
    • giuseppe s. Utente certificato 3 anni fa
      Sono completamente d'accordo con lei. Il movimento 5 stelle sta facendo un ottimo lavoro in Parlamento per migliorare le istituzioni. Un post come questo, per come e' stato formulato mi sembra inopportuno. Inizierei a migliorare quanto fatto (o non fatto) con le Province: abolendole. Giuseppe
    • antonella b. Utente certificato 3 anni fa
      leggiti il post a fianco ...
  • Giovanni D. Utente certificato 3 anni fa
    IO COSTITUIREI TRE MACROREGIONI PER OMOGENEITA' PIU' O MENO ECONOMICA E STORICO CULTURALE.. NORD CENTRO SUD.. CONFEDERATE.. COME LA SVIZZERA.. ELIMININANDO PROVINCE ED ACCORPANDO PIU' COMUNI POSSIBILI.. CON TRE CAPOLUOGHI DI REGIONI.. MILANO ROMA NAPOLI.. UNA CAMERA ALTA PER LE FACCENDE DI INTERESSE NAZIONALE.. ED UNA BASSA PER LE REGIONI.. CON SEDE A ROMA.. CHE RESTEREBBE LA CAPITALE DELL'ITALIA INTERA.. BASTEREBBE PRENDERE IL MODELLO SVIZZERRO E COPIARLO PIU' O MENO UGUALE.. NON C'E' ALTRO MODO PER RENDERE L'ITALIA GOVERNABILE SBUROCRATIZZATA.. ABBATTENDO COSTI E CORRUZIONE.. PER SUO CONFORMAZIONE GEOPOLITICA LA NOSTRA PENISOLA CHE COLLEGA LA SVIZZERA ALLA TUNISIA.. DEVE ESSERE FEDERALE.. DA CIO' NE TRARREBBERO VANTAGGI TUTTI.. RESPONSABILIZZANDOSI.. SOPRATTUTTO IL SUD.. QUELLA DI BEPPE E UNA MEZZA PROVOCAZIONE MA NIENTEAFFATTO PEREGRINA.. LUI HA VISTO COME SEMPRE LUNGO...
  • Nicola P. Utente certificato 3 anni fa
    La Repubblica Italiana, come entità politica, al momento è tenuta insieme dalle pressioni internazionali: dall'Europa, dall'Euro , dalla NATO, dagli USA e da altri poteri (anche interni e anche malavitosi) che hanno interesse a tenere l'Italia così com'è. Ma che poco o nulla hanno a che vedere con gli interessi dei popoli che abitano la penisola. Tra l'altro, storicamente, l'Italia è nata non per l'interesse del così detto popolo italiano ma per dare un regno ai Savoia (e un serbatoio di truppe per ulteriori guerre espansionistiche - si noti che, tanto per fare attualità storica, il Regno di Sardegna intervenne nella Guerra di Crimea a metà ottocento) si tratta, quindi, da sempre di uno stato artificiale. La disgregazione della Jugoslavia in modo violento o della Cecoslovacchia in modo pacifico hanno avuto origine dal crollo dell'URSS. Ovvero dell'entità politica straniera che costringeva assieme popoli che non avevano nulla da spartire, se non i confini. Con l'occidente molto forte dubito che l'Italia possa disgregarsi, se in futuro venissero però a mancare le pressioni che la tengono insieme (cambio della politica estera USA oppure crollo dell'Euro) potrebbe disgregarsi. Visto il nostro amore per la violenza (non siamo Cechi) probabilmente con una serie di guerricciole locali. Personalmente, pur non sperando nella fine dell'Italia, sarei ben felice di vivere sotto la bandiera Francese, stato che confina con la regione nella quale vivo.
  • Tukko67 aka (acronik-nauta) Utente certificato 3 anni fa
    Grande Beppe ! Non smettere mai di costringere la gente a riflettere, svegliali, fagli perdere il vizio di nutrirsi si notizie e opinioni predigerite che i TG gli propinano. E grazie per il lavoro svolto. Forza M5S
  • Lalla M. Utente certificato 3 anni fa
    Alessandro Di Battista Dopo aver fatto una splendida agorà a Firenze assieme a Massimo Artini e a centinaia di cittadini abbiamo passato il sabato sera a Scandicci, in piazza, a parlare di politica, di idee, di progetti, di euro, di sovranità monetaria, di sovranità alimentare, di MES, di Fiscal Comapct, di marò, di politica estera. Abbiamo parlato di corruzione, di lavoro, di reddito di cittadinanza. Abbiamo parlato dell'abolizione dell'IRAP, di conflitto di interessi, di trattativa Stato-mafia, di Napolitano, di Costituzione. Abbiamo parlato dei diritti dei disabili, della scuola pubblica, di turismo, innovazione, sovranità energetica. Abbiamo parlato dei contratti con Gazprom stipulati da B. e Putin. Abbiamo parlato della guerra in Afghanistan, abbiamo persino parlato del mullah Omar. È stato una serata bellissima, un po' freddina (anche se c'era abbondante vin brulé) ma con un cielo stellato. Mi sono reso conto della totale discrepanza che c'è tra le tematiche che i cittadini vogliono trattare e quelle propinate dagli organi di stampa. Credetemi, agli italiani non interessa più quel banale gossip politico che riempie pagine di giornali o titoli di TG. Dobbiamo volare alti, questo dobbiamo fare. La strada è giusta e il popolo informato che piano piano sta nascendo fa davvero paura. Buona notte. Ci si vede domani (domenica) mattina ad Empoli e pomeriggio a Siena. Maggiori dettagli nel link. #vinciamonoi http://www.alessandrodibattista.it/i-miei-appuntamenti-del-fine-settimana-firenze-scandicci-empoli-e-siena/
  • Michele Rinella 3 anni fa
    Bisogna stare attenti alle provocazioni di Grillo , leggerle con le finalità che vuole raggiungere. L'Italia va destrutturata perchè per come è fatta politicamente non regge più: 20-21 regioni( alcune con regime speciale,qual è il numero?), province inutili, prefetture che andavan bene nel periodo bellico, piccolissimi comuni che andrebbero accorpati, enti comprensoriali messi per lucrare, etc. Una macchina politico-economica elefantiaca che serve solo a far crescere la spesa pubblica. Il ritorno alle macroregioni potrebbe essere un modo valido per abbattere il potere burocratico e stanare i burocrati -politici romani. Non dimentichiamo che un tempo esistevano l'Emilia-Romagna, l'Abruzzo-Molise, Puglia-Basilicata, etc. Per caso vi è qualche presidente di regione che si vergogna di essere chiamato governatore, presiedendo un lembo di terra? tutti si arrogano diritti e privilegi di re e principi : allora si torni all'Italia pre unità !
  • maurizioo v. Utente certificato 3 anni fa
    ....e se da domani andassimo a cercarli? Armati dalla pazienza avuta per troppi anni,cercarli ,trovarli e APPENDRLI cosa ne dite:io sono ai domiciliari...ANDATE AVANTI VOI E POI ci troviamo.A parte gli scherzi ,non avrei pietà,povera italia,dove i gendarmi sono più DELINQUENTI dei pregiudicati,dove tutti RUBANO ,dove il capo dello stato crede di essere il MONARCA.STRONZO APRI GLI OCCHI E VEDI QUELLO CHE HAI VOLUTO FARE CON LA MERDA PI§ GRANDE,MAFIOSO DI MERDA:
    • maurizioo v. Utente certificato 3 anni fa
      dimenticavo :la figurina del VIGLIACCO che scappa davanti ad un giornalista che gli pone una domanda!!!(mitica)/(poi dice che non si ricandida mai più) re giorgio Prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr.
  • mario di genova Utente certificato 3 anni fa
    grillo divide ciò che i savoia hanno unito,solo per propria convenienza loro ! stesso tornaconto per il gruppo bilderberg in l'europa e stessa convenienza per le lobby e multinazionali colla globalizzazione.vecchio sistema che tira a depredare di risorse i popoli nuovi pieni colla scusa della civilizzazione progresso.come dimostra la storia,dopo tanti,quando non c'è più niente da prender si lascia il popolo libero al suo destino che il più della volte è guerra civile.
  • Agostino Corvino 3 anni fa
    E se domani cosa? Io non ho votato il movimento per dividere l'Italia. Io e i miei paesani (italiani) abbiamo votato perché contro il sistema di governo attuale. Beppe ti sei rincoglionito?
  • luxveniente 3 anni fa
    UN DEPUTATO SVIZZERO SCRIVE A RENZI: ”LA SVIZZERA NON PRENDE LEZIONI DI DEMOCRAZIA DALL’ITALIA, CORROTTA E DISTRUTTA”. giovedì 6 marzo 2014 SVIZZERA – Aldo Pedroni, deputato del Canton Ticino al Gran Consiglio, scrive al Premier Renzi: … http://www.mattinonline.ch/lettera-a-renzi-italiani-rispettate-e-comprendete-il-voto-svizzero-questa-e-la-democrazia/
  • nike di samotracia. . Utente certificato 3 anni fa
    Analisi grammaticale. SE: congiunzione che introduce una proposizione dubitativa. Ci sono ben 5 "se domani...". Se domani trovassi una testa sarei intelligente...(e non è detto, occorre veder quale...) Finiamola con gli attacchi gratuiti a Beppe, è una provocazione, restiamo uniti e mandiamo A CASA questa classe politica pirata!
  • Antonio Cantele 3 anni fa
    Un post scritto al contrario, dove la logica sta verso la fine. Un passaggio a centro area per la lega, troppo teso e solo apparentemente all'altezza giusta, di fatto impossibile da sfruttare per dei brocchi assoluti (nella migliore delle ipotesi) come i leghisti attuali. Ok, facile cascarci (io ci sono cascato alla grande) soprattutto se si legge dopo una giornata di lavoro o di pensieri per chi il lavoro non ce l'ha. MA SIAMO SICURI CHE QUESTO E' IL MOMENTO GIUSTO per dare in pasto a giornali e televisioni una riflessione cosi palese e ovvia solo se analizzata attentamente??? Masse di ingenui idioti hanno votato per anni un partito guidato da bastardi chiamato lega grazie a riflessioni del tutto simili usate 20 anni fa soprattutto con lo scopo di portare un paio di sfaccendati da circolino cronico (bossi e maroni) ad uno status migliore... con l'unica conseguenza tragica di aver allattato un facocero di partito che ha partorito e offerto al resto dei politicanti di merda di questo paese una legge elettorale che ha fatto la LORO fortuna personale e continua a farla. OVVIO che quella sia la strada da seguire! OVVIO e confermato un po' in tutto il mondo dove le cose funzionano! MA PRIMA DI TUTTO SERVE PRENDERE ROMA e dal CENTRO riorganizzare in modo moderno il territorio (e c'e' tutto nella riflessione, MA SOLO VERSO LA FINE), E CON CAZZATE di post come questo, roba da PALCO e divertimento "sublime" per chi e' troppo sicuro di potersela giocare anche di tacco con l'intelligenza e soprattutto la pazienza di leggere e rileggere di chi e' stanco o con troppi pensieri "lati" , NON CI SI ARRIVA PIU'! Grillo! QUESTE SONO CAZZATE (il gesto) E TU LO SAI BENISSIMO! PERCHE' L'HAI FATTO?
  • Nicole Kelly 3 anni fa
    Per quello che era il Regno di Napoli, cioè il sud escluso Sardegna e Sicilia (che avrebbero diritto e vantaggi da una loro indipendenza), sarebbe solo un affare riprendersi una totale autonomia da uno stato flagellato dalla burocrazia di stampo savoiardo, cioè militarizzata e tesa a difendere solo lo status quo. E questo oltre ai vantaggi di tipo economico: popolazione composta sopratutto da giovani, condizioni di vita migliori, prato verde per cui si possono innestare le attività nuove digitali di cui c'è un gran bisogno nella stessa Europa dove mancano 700mila informatici. Affare fatto, Grillo! Ritirate le vostre truppe di occupazione e andatevene ASAP. Però prima mollate l'oro che quel cornuto di garibaldi, figlio di una troia ligure, ci ha rubato e che sta ancora in bankitalia.
  • Marcello reddavide 3 anni fa
    Lasciate la Toscana da sola non annettiamola al Lazio e al papà re altrimenti ci ritroviamo renzi
  • Viviana Vi Utente certificato 3 anni fa
    Copio Si è parlato di leghismo, ma a torto. Si dimentica che la democrazia diretta si collega al pensiero no global e al localismo, rispetto e valorizzazione delle realtà locali. Si pensi alla Svizzera. La Svizzera è uno dei pochi Stati a struttura federale del mondo, 25 su 192 stati aderenti all’ONU (ma il suo federalismo non ha nulla a che vedere con quello auspicato dalla Lega). In Europa solo Germania e Austria sono veri Stati federali.Di abitanti la Svizzera ne ha 8 milioni, è uno dei Paesi più ricchi al mondo e ha molte più differenze interne e difficoltà di base di noi: 4 lingue ufficiali e molti dialetti, molte etnie, 5 religioni maggiori e altre minori, 3 zone culturali diverse, 26 cantoni sovrani con spiccate differenze, 74 montagne sopra i 4000 m. e il 22,7% di immigrati, più di ogni Paese europeo, noi ne abbiamo l’8%, per cui la Svizzera ha quasi il triplo di immigrati di noi.Non mi pare che tutte queste particolarità rispettate nel sistema dei cantoni tolgano compattezza alla Svizzera. Del resto le macroregioni sono uno dei modi per applicare più agevolmente la democrazia diretta. Ed è chiaro che potrebbero trasformare il Senato in una camera di rappresentanza locale, mentre non si capisce a quale miglioramento porterebbe la sua abolizione secondo le intenzioni di Renzi.
  • Mario Saccà 3 anni fa
    Grillo, ora capisco perché vanno via dai gruppi parlamentari! Vai a dire queste cose a Genova, dallo scoglio di Quarto..magari anche i pesci ti faranno una pernacchia!
  • Marco Stankowsky 3 anni fa
    Beppe è stanco. Da quando ha vinto le elezioni e si è trovato di fronte la responsabilità di far fruttare i 9 milioni di voti presi, non si diverte più. Volete mettere le belle sparete nei comizi di piazza. Come ai suoi spettacioli tutti che ridono ed applaudono. Per mesi si è arroccato sull'immobilismo più assoluto ripetendo che lui "Con questi politici non tratta". Ma non basta. Ogni giorno le pressioni aumentano ed allora da un mesetto circa ecco la grande trovata. Distruggere tutto. Distruggere il giocattolo. Ed allora Beppe, paladino della democrazia dell'uno vale uno, si trasforma in un novello Mussolini. Espelle dileggia minaccia. Poi addirittura si trasforma in Bossi prima maniera inneggiando allo stato federale. Tra un po ci dirà che lui "ce l'ha duro" e avremo raggiunto il culmine. E tutto per perdere alle elezioni Europee e poter dire basta.... Che tristezza
    • Terry E. () Utente certificato 3 anni fa
      Il tuo commento è delirante,ma come puoi pensare una cosa simile?!
    • Paolo B. Utente certificato 3 anni fa
      ...forse è la tua testa che si è indurita....mettila in ammollo che si ammorbidisca.. Eposmail
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Brigata "50 centesimi".
    • Tukko67 aka (acronik-nauta) Utente certificato 3 anni fa
      Che tristezza il tuo commento
  • Nicola da Mantova Utente certificato 3 anni fa
    Giuro che se in questo momento ci fosse un referendum per l'annessione all'Austria, io voto SI!
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Io, al massimo, per San Marino......
  • Gedeone M. Utente certificato 3 anni fa
    Direi una provocazione o comunque uno spunto su cui riflettere , non lasciatevi prendere subito dalle emozioni , cè da pensare .I media tanto trovano sempre da parlare male di grillo e del movimento e di Casaleggio .
  • Francesco Maria Senatore 3 anni fa
    Provocazione, solo leggendo attentamente si capisce che lo stile sottende una idea nuova di federalismo. Peró perché dare sempre occasione di strumentalizzazione agli strilloni del regime? Possiamo trovare anche una forma diversa di comunicare? Dobbiamo maturare più consapevolezza nei nostri mezzi e non agire sempre con modi da ribelli che poi la gente, quella vera, non capisce. FORZA M5S!!!
  • Tukko67 aka (acronik-nauta) Utente certificato 3 anni fa
    Mi piacciono le reazioni a questo post: Vanno dall'inorridito all'entusiasta passando per riflessioni di varia natura. Io sono convinto che vada letto in chiave provocatoria, anche perché lo stato come lo intendiamo è già caduto. Non temete, Grillo non è diventato leghista, sta solo ventilando un ipotesi, neanche tanto lontana dalla realtà, su come potremmo ritrovarci se continua questo stillicidio istituzionalizzato
    • paolo z. Utente certificato 3 anni fa
      Probabilmente Grillo ha della Svizzera una visione paradisiaca ma, se facesse un giretto a Lugano, si renderebbe conto che anche lì hanno un sacco di problemi. Si sono dovuti vendere persino le riserve d'oro....
    • UOMINI SIATE E NON PECORE MATTE… Utente certificato 3 anni fa
      E' quello che penso anch'io, ma mi accorgo che i pregiudizzi quelli che danno le certezze fasulle, pippe mentali, sono duri a morire, sono stati idealizzati, ma è pura fantasia costruita poi su basi sabbiosee instabili. Anche diffronte alla realtà disastrosa la si nega con risposte che non hanno ne testa ne coda.
  • Andrea p 3 anni fa
    Questo post certifica che la Boldrini ha ragione da vendere a dichiarare il m5s EVERSIVO.cmq vedrete che grillo smentirà questa dichiarazione,bollandola come provocazione.non vedo l'ora di andare a votare x ridimensionare i 5s
    • Andrea p 3 anni fa
      Attenti che vi espelle..ripetete sempre le stesse cose,etichettando sempre chi nn la pensa come voi piddini o peggio pro-berlusca.siete penosi. Auguri fantascientifici per il vostro governo
    • paolo b. Utente certificato 3 anni fa
      anche io non vedo l 'ora , ma quelli che te pagano non tanto !
    • Salvatore Manganaro (smanga75) Utente certificato 3 anni fa
      se non capisci il post fai bene.
  • giuseppe pagnotta 3 anni fa
    spero (ne sono sicuro) che questo articolo rappresenti una provocazione per i nostri politici e giornalisti da strapazzo.
  • Michele Sacchi 3 anni fa
    Io spero si tratti solo di una provocazione personale dell'autore, perché altrimenti sarebbe una grossa delusione!
  • UOMINI SIATE E NON PECORE MATTE… Utente certificato 3 anni fa
    O.T Riassumendo, le promesse di matteuccio sono: Entro febbraio: leggi elettorale OFF causa pizzini e impegni a Treviso BOCCALONE Entro marzo : riforma del lavoro. Entro aprile :riforma sulla pubblica amministrazione. Entro maggio :riforma fiscale. matteù non dimenticarlo... per la seconda mancano 22 giorni, datti da ffare!!! paoloest21 22.02.14 14:15
  • Alfredo E. Utente certificato 3 anni fa
    Buon giorno Blog Ho letto una marea di commenti. In molti ci ho ritrovato le solite banalità, retoriche, qualunquismi che sono diventati il segno distintivo di un Paese che, nonostante i tanti problemi, rimane fermo, statico, accontentandosi dei tanti bla,bla, chiamati cazzeggi. Il mio commento?? Lo affido a un mio concittadino, ei fu - purtroppo -, Giorgio Gaber che nel 2003 scrisse questo: (il testo è lungo e probabilmente terminerà nei sottocommenti). Io non mi sento Italiano ma per fortuna o purtroppo lo sono Mi scusi Presidente non è per colpa mia ma questa nostra Patria non so che cosa sia Può darsi che mi sbagli che sia una bella idea ma temo che diventi una brutta poesia Mi scusi Presidente non sento un gran bisogno dell'inno nazionale di cui un po' mi vergogno In quanto ai calciatori non voglio giudicare i nostri non lo sanno o hanno più pudore Mi scusi Presidente se arrivo all'impudenza di dire che non sento nessuna appartenenza E tranne Garibaldi ed altri eroi gloriosi non vedo alcun motivo per essere orgogliosi Mi scusi Presidente ma ho in mente il fanatismo delle camicie nere al tempo del fascismo Da cui un bel giorno nacque questa democrazia che farle i complimenti ci vuole fantasia Questo bel Paese pieno di poesia ha tante pretese ma nel mondo occidentale è la periferia Mi scusi Presidente ma questo nostro Stato che voi rappresentate mi sembra un po' sfasciato E' anche troppo chiaro agli occhi della gente che è tutto calcolato e non funziona niente Sarà che gli Italiani per lunga tradizione son troppo appassionati di ogni discussione Persino in Parlamento c'è un'aria incandescente si scannano su tutto e poi non cambia niente Mi scusi Presidente dovete convenire che i limiti che abbiamo ce li dobbiamo dire Ma a parte il disfattismo noi siamo quel che siamo e abbiamo anche un passato che non dimentichiamo Mi scusi Presidente ma forse noi Italiani per gli altri siamo solo spaghetti e mandolini Allora qui mi incazzo son fiero e me ne vanto
    • Claudio C. Utente certificato 3 anni fa
      Ciao Alfredo ... mattiniero vedo ... Buona Domenica ... Voglio sperare che a scrivere i troppi commenti "contro" siano stati tutti gli "infiltrati" che notoriamente bazzicano 'sto Blog ... voglio sperare che i veri 5* abbiano capito o tentato di capire il post ... chissà se a costoro (ed alla "mandria" di giornalisti, vabbè chiamiamoli pure così, tanto per intenderci, che hanno commentato immediatamente "pro domo ...") sarà d'aiuto il post di stamattina (posizionato a fianco) ...
    • antonella b. Utente certificato 3 anni fa
      Visto Alfredo quando dicevo che spesso qui si sente parlare " arabo "? Il livello cognitivo si è abbassato drammaticamente e bisogna spiegare le cose come ai bambini dell'asilo... Buona domenica!
    • Alfredo E. Utente certificato 3 anni fa
      gli sbatto sulla faccia cos'è il Rinascimento Questo bel Paese forse è poco saggio ha le idee confuse ma se fossi nato in altri luoghi poteva andarmi peggio Mi scusi Presidente ormai ne ho dette tante c'è un'altra osservazione che credo sia importante Rispetto agli stranieri noi ci crediamo meno ma forse abbiam capito che il mondo è un teatrino Mi scusi Presidente lo so che non gioite se il grido "Italia, Italia" c'è solo alle partite Ma un po' per non morire o forse un po' per celia abbiam fatto l' Europa facciamo anche l'Italia Io non mi sento Italiano ma per fortuna o purtroppo lo sono. Sono passati dieci anni, è successo qualche cosa? Nooo, oh per bacco!!! Italiani, D I S C I U L A T E V I ! ! ! www.beppe.siempre
  • Viviana Vi Utente certificato 3 anni fa
    Nel coro sordo dei conformisti non c'è storia, scienza, arte, creatività, nulla che faccia muovere in avanti il genere umano. La società ipnotica http://masadaweb.org/2014/03/08/masada-n-1521-8-3-2014-la-societa-ipnotica/
  • luciano p. Utente certificato 3 anni fa
    molti di voi vogliono un Grillo che vi racconti le balle dei politici. Non volete prendere atto della realtà; OK affonderemo come il Titanic nelle menzogne
  • Corrado Toscano 3 anni fa mostra
    Se cosi succedesse sarebbe come buttare il bambino con l'acqua sporca, fermo restando che il disastro è stato compiuto, non mi pare che dividere ancora una volta l'Italia sia una soluzione ai suoi problemi, personalmente credo ad una Italia unita e solidale da nord a sud isole comprese, le soluzioni esistono, devono solo essere proposte, approvate ed applicate, la causa di tutto questo marasma è il nord che fin dall'unificazione ha usurpato il sud di tutto quanto, facendo nascere la questione meridionale ancora irrisolta, lo sappiamo bene come I Savoia hanno preso I soldi ipotecando il resto d'Italia, allora perchè spezzarla ancora.. vincerebbero ancora loro, l'antipolitica, non perseguite il disegno leghista delle macroregioni, sarebbe un fallimento ed un tradimento, specialmente per il sud che con la questione meridionale è stato volutamente lasciato indietro a favore del nord, non ci dimentichiamo che prima dell'unità d'Italia il sud era più industrializzato del nord, la prima ferrovia è nata a Napoli, e i cantieri di Castellamare di Stabia ancora oggi attivi, poi come oggi sta facendo la Germania con gli stati del sud, il nord ha applicato le sue regole decise solo a nord ed è successo quello che la storia in parte ci dice perchè se la dicesse tutta il sud dovrebbere esplodere in una rivoluzione, questa si armata per riprendersi tutto quanto gli è stato rubato, I leghisti gia stanno già festeggiando, dareste a quell partito che abbiamo visto come agisce una forza che non potrebbe mai avere, permettendogli di condividere idee che non gli appartengono e voi le loro idee che non appartengono al M5S, stavo proprio oggi decidendo di iscrivermi al M5S ma penso che non sia ancora il momento e dopo quanto letto passerà ancora tempo, è come se avessi visto la mia fidanzata che avrei dovuto sposare presto, in compagnia del mio peggior nemico in atteggiamenti sconvenienti... Potrei dire in alto I cuori ma penso sia meglio auigurarvi buona fortuna
    • Omar Di 3 anni fa mostra
      Mi dispiace ma devo fare alcune puntualizzazioni....sono stati i Savoia a depredare il sud e non tutto il nord genericamente e se la maggioranza dei veneti è per la separazione il leghismo centra poco...
  • Antonino S. Utente certificato 3 anni fa
    Mmmmm, ok. Leggendo qua e là si capisce che quest'articolo è una provocazione. Si rischia cioè di finire come la Jugoslavia. Per chi chiede che Grillo possa chiarire al più presto, credo che non possa farlo perché perderebbe l'effetto oratorio. Comunque sia, mettiamo che Grillo dica qualcosa di leghista, ma che me frega a me! Tanto poi le votazioni online le facciamo noi...
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      E comunque, un vero democratico, non può essere neppure lontanamente sfiorato dall'idea che una comunità non possa recedere da qualunque patto od unione in modo pacifico ed accettato dalla maggioranza dei propri cittadini, con l'assunzione delle responsabilità derivanti da una tale azione, ed il non capirlo, significherebbe il Medioevo, la guerra: l'autodeterminazione, deve essere un principio garantito a tutti i popoli!
    • Antonino S. Utente certificato 3 anni fa
      Ho parlato di Jugoslavia come esempio. Se ne potevano certamente riportare anche altri. Quanto alla Cecoslovacchia credo che sia un caso isolato.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Ma quale Jugoslavia? Là, vi fu una secessione unilateralmente dichiarata e per gretti motivi economici: l'immediato riconoscimento da parte del Vaticano, degli USA e dei più potenti Stati europei decretò la guerra (alla quale pure sciaguratamente partecipammo): avresti potuto parlare dell'esperienza Cecoslovacca, che portò ad una divisione di comume accordo e senza alcuna tensione politica e militare ( ma è sempre meglio spaventare per non cambiare, piuttosto che rivedere un "patto" unitario imposto con la forza.....)
  • Ivan Cerè 3 anni fa
    Questa proprio no. Una involuzione leghista é il significato che si è alla frutta. Le tue battaglie per la Sicilia e la Sardegna sono svanite? Hai bisogno di rincorrere quei disperati della Lega? Mi sembra che il movimento sia giunto alla fine
    • Terry E. () Utente certificato 3 anni fa
      Stai sereno,il movimento gode ottima salute.
  • Lalla M. Utente certificato 3 anni fa
    "L'Italia in 30 anni ha pagato 3.100 miliardi di euro di interessi sul debito" http://www.nocensura.com/2013/07/litalia-in-20-anni-ha-pagato-3100.html Spesa pubblica: "ce lo chiede l'Europa" VS "finanziamento pubblico" http://www.nocensura.com/2013/12/spesa-pubblica-ce-lo-chiede-leuropa-vs.html "Quei 100 miliardi all'anno di interessi che nessuno sembra vedere..." http://www.nocensura.com/2013/09/gli-interessi-sul-debito-pubblico.html "L'unico vero motivo della crisi: la sovranità monetaria, che hanno svenduto alle banche..." http://www.nocensura.com/2013/09/lunico-vero-motivo-della-crisi-la.html Magistrato di Pescara denuncia la truffa del debito pubblico! http://www.nocensura.com/2014/02/magistrato-di-pescara-denuncia-la.html Meloni: "la politica deve interessarsi al signoraggio": OK, QUANDO? http://www.nocensura.com/2014/02/meloni-la-politica-deve-interessarsi-al.html Questa non è una "contro manovra" ma solo "distrazione di massa" http://www.nocensura.com/2014/01/questa-non-e-una-contro-manovra-ma-solo.html ***** "Una raccolta di articoli per capire le origini della crisi e la situazione internazionale..." http://www.nocensura.com/2013/05/una-raccolta-di-articoli-per-capire-le.html *****
    • Lalla M. Utente certificato 3 anni fa
      ^_^
    • Beppe A. Utente certificato 3 anni fa
      e pensare che potremmo prendere i soldi direttamente dalla bce al tasso attuale dello 0,25% pagando un minimo di interessi sul debito, visto che i trattati europei lo consentono. Ma l'europa e' dei banchieri, e da li' si passa
    • marino masi 3 anni fa
      Brava! Tu ai capito il vero problema! Quando la maggioranza degli Italiani sarà come Te???
  • Lalla M. Utente certificato 3 anni fa
    Pietro Ancona LEGGERE http://triskel182.wordpress.com/2014/03/08/un-patto-scellerato-che-fara-crollare-tutto-fabrizio-desposito/ “Un patto scellerato che farà crollare tutto” (Fabrizio d’Esposito). FormicaRino Formica. Pericolo “fascismo”. Ma cosa farà Giorgio Napolitano con il pastrocchio che assomma e intreccia Italicum e riforme costituzionali? Rino Formica è stato socialista, ma non craxiano. Disse che “la politica è sangue e merda”. Oggi ha 87 anni ed è un grande amico del capo dello Stato. Stessa generazione. Per questo motivo le sue letterine al Foglio di Giuliano Ferrara (oggi uscirà la terza in tre giorni) vengono lette e decifrate con particolare cura. Il quesito di partenza, nella sua dirompenza, è inversamente proporzionale alla brevità delle missive: “Napolitano sa che è un golpe?”. Quella del golpe è un’immagine grave, forte. Il patto scellerato Bierre… Bierre? Berlusconi e Renzi. Dicevo: il patto scellerato Bierre sta smontando pezzi di Costituzione con le relative garanzie. Anche Mussolini fece lo stesso. Due ducetti al posto di uno. Mussolini, a Statuto Albertino invariato, trasformò il regime monarchico-costituzionale in regime fascista. Qui sta accadendo la stessa cosa. Andiamo verso un regime. Con una sola differenza. Il duce aveva un gigante del diritto che si chiamava Alfredo Rocco, oggi ci sono Maria Elena Boschi e Denis Verdini, ha capito? Certamente. Per lei la chiave di tutto è la manomissione del 138, l’articolo della Carta che regola la procedura per cambiare la Costituzione. Nel 1997, con la Bicamerale, e nel 2013 sinistra e berlusconiani si sono messi d’accordo per modificare il 138 ma prevedevano comunque il referendum. Adesso per abolire il Senato, rivedere il Titolo V e tutta la seconda parte della Costituzione non c’è più il referendum. La nuova dittatura della maggioranza, anzi dei due terzi. Avremo una sola Camera in cui Renzi e Berlusconi, uno al al governo, l’altro all’opposizione, potrebbero demolire tutta la Cos
    • Lalla M. Utente certificato 3 anni fa
      Avremo una sola Camera in cui Renzi e Berlusconi, uno al al governo, l’altro all’opposizione, potrebbero demolire tutta la Costituzione. Si sta aprendo un’autostrada pericolosissima. Ma lei ha sentito cosa dice Famiglietti? Chi è Famiglietti? È un deputato del Pd. Nel dibattito sulla legge elettorale ha detto cose di inaudita insensibilità democratica, fuori dalla grande tradizione della cultura di sinistra. Se non si apre un dibattito ci ritroveremo di fatto in un regime. Si potrà abolire la fiducia, anche di una sola Camera, e decidere per una decretazione d’urgenza senza l’approvazione della nuova assemblea. Basteranno i due terzi, cioè un altro patto scellerato Bierre. Ne ha parlato con Napolitano? Lei è indicato nel cerchio magico del presidente. La mia generazione non ha un’idea clanistica della politica. Clanistica? Nel senso di clan, logge. Tra persone intelligenti, con una lunga storia politica, non c’è bisogno di parlare ogni cinque minuti. Questa è un’altra differenza tra noi e loro. Quale? Noi avevamo una visione. Fissate le linee guida, sapevamo come comportarci. Questi parlano cinquanta volte al minuto perché hanno le convenienze al posto della visione. Sono improvvisatori. Gli avversari intelligenti non mi spaventano, gli improvvisatori sì. Sono plagiabili da tutto, anche da una realtà che non capiscono. Bierre. Il Pd non esiste più, esiste Renzi che è solo avventura. E la destra è ancora in mano a Berlusconi. Mi chiedo se i loro patti segreti includano la successione a Napolitano. Sospetti giustificati? I partiti prima sono andati da lui strisciando perché impotenti a compiere un atto costituzionalmente previsto come l’elezione del nuovo capo dello Stato. Poi? È arrivato Renzi e ha rovesciato la frittata. È stato lui a dire che questo Parlamento eleggerà il successore di Napolitano. Berlusconi gli ha risposto nella campagna elettorale per le regionali sarde, dicendo che adesso non rivoterebbe Napolitano. Quindi il capo dello Stato si
  • vincenzo m. Utente certificato 3 anni fa
    Magnifico il commento di "Aldo B. TN", ore 05:49 : "..Ripensare una planimetria interna del nostro stivale in chiave più moderna e vicina al concetto di macro-regioni. Questo porterebbe a governare il Paese con un Parlamento centrale ridotto di molto nel numero dei parlamentari e con i soli parlamentini secondari delle macroregioni.....semplificazione geografica moderna per un'Italia che stia al passo coi tempi ! " CONDIVIDO totalmente !!!!
  • Aldo . Utente certificato 3 anni fa
    con queste bestialità di stampo leghista ti sei giocato il mio voto...ma pensa ai problemi veri della gente e non a queste asinate ..se salvini ti da ragione hai capito che hai sbagliato tutto.. Probabilmente hai visto che tutte le promesse fatte non le puoi mantenere se si resta sempre fuori da tutto..e stai seguendo la linea di una sciocchezza al giorno pur di far parlare i giornali...ma questa è proprio mostruosa..hai già comprato le canottiere e i sigari?? chi farà il trota Crimi?
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Uno che ti dà ragione, lo può fare anche per inseguire gretti interessi personali....
    • Julio De Liso Utente certificato 3 anni fa
      No, tu hai solo votato M5S per attendere chi risolve i tuoi problemi. I problemi si risolvono affrotandoli di persona e partecipando una rivoluzione va fatta con partecipazone materiale o morale. Il discorso di questo post e' stato pure mal interpretato ed ha provveduto a definire una distinzone tra chi si adopera per la fine della casta e chi attende la pioggia che cada.
  • Alberto 3 anni fa
    Le cose nelle regioni non vanno affatto bene....non è un problema di struttura ma di sostanza....di persone ...di sistema da cambiare.
  • Michele . Utente certificato 3 anni fa
    perchè, ti sembra che a livello regionale le cose vadano meglio? Anche nelle tanto decantate regioni della efficienza? Puoi cambiare come vuoi gli assetti dal punto di vista amministrativo, ma se non cambi la mentalità, le cose rimarrebbero immutate. Istituzionalmente io vedrei meglio una sistemazione in micro-regioni, abolendo così anche le province.
  • Lalla M. Utente certificato 3 anni fa
    questo articolo vuol dire rischio iugoslavia e basta
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Perchè "rischio Jugoslavia", e non " possibilità Cecoslovacca?".....
    • Bob Caprai Utente certificato 3 anni fa
      Anche io ho avuto la tua stessa chiave di lettura, mi sembra che gli altri commenti lo interpretino in altra maniera. Speriamo che Beppe chiarisca presto
  • Giuseppe 3 anni fa
    E se domani, in ragione delle sperimentate "vicinanze logistiche" con Fratelli d'Italia (Fuori dall'Euro), Forza Italia,(Fuori dall'Europa),Lega("macroregioni"),gli iscritti e gli elettori del Movimento 5S riscoprissero il valore delle ideologie e arrivassero alla conclusione che il movimento è chiaramente di destra. E se domani, mettiamo dopo le elezioni europee di maggio, si toccasse con mano che il Movimento 5S ha perso consensi elettorali e che la previsione del "vinciamo noi" è del tutto sbagliata e che occorra rivedere la strategia del "sempre e solo da soli" e che la prospettiva di un'allenza per le prossime elezioni "nazionali" fosse necessaria al fine di evitare l'implosione del movimento. E se domani le defezioni parlamentari dal Movimento 5S dovessero, come appare quasi inevitabile se non si correggono alcune distorsioni nella gestione stessa del movimento, continuare. E se domani tutte queste possibilità, o parte di essere, si avverassero e ci trovassimo a dover convivere con la prospettiva, dopo il ventennio berlusconiano, di un ventennito renziano, cosa ci resterebbe da fare? La rivoluzione? Ho come l'impressione che la comunanza ideale (o "ideologica") con la destra e gli errori di strategia (vincere da soli era e resta una pia - e neppure tanto pia - illusione) produrranno una grande disillusione sociale che non è facile capire, oggi, dove andrà a sfociare. E se domani il Movimento 5S rivedesse, con il concorso di tutte le sue "componenti", tattica e strategia del cambiamento sociale in Italia... Cambiare la realtà dei fatti è più difficile che cambiare la facciata: lo scoprirà presto il ragazzotto di Firenze; dovremmo riuscire a capirlo prima di lui e proporre un'alternativa credibile al governo del Paese. E se domani...
    • diego r. Utente certificato 3 anni fa
      veramente l'uscita dall'euro dovrebbe essere una battaglia della sinistra...poiché i vincoli monetari scritti nei trattati europei costringono i governi a politiche liberiste di riduzione dei salari e di precarizzazione del mondo del lavoro! Se ancora non l'hai capito ti consiglio di leggere un qualsiasi manuale di macroeconomia per capire cosa succede nelle unioni monetarie tra stati più competitivi e stati meno competitivi.
    • Aldo B. TN 3 anni fa
      E SE OGGI TI DICO: TU NON HAI CAPITO PROPRIO UNA MAZZA DI NIENTE DEL POST? E CHE TU NON HAI UNA VISIONE POLITICA LUNGIMIRANTE? RESTA FOSSILIZZATO DOVE SEI E CONTINUA A SOSTENERE IL NULLA CHE TI RAPPRESENTA!..SALUTAMI IL RENZISAURO BABBEOREX!
  • Arturo Gatto 3 anni fa
    Nessun pericolo. Non succederà' mai a meno che quel potere forte (singolo) che ha voluto che.l'Italia da espressione geografica diventasse nazione non cambi idea. Non dovete credere ad una sola parola delle balle sul Risorgimento che vi hanno insegnato a scuola! Alla gente comune, poi, dell'unità' d'Italia non è' mai importato nulla, anzi. A Torino si cantava per la strada: Garibaldi e' sbarcato a Marsala. Ohi che bala! Ohi che bala!
  • CRES 3 anni fa
    Le rassegne stampa della giornata di domenica 9 marzo sono significative per conefermare l'informazione italiana al 70^ posto della stampa libera italiana. Complimenti non si smentiscono mai. Salvini della lega e e i giornali berlusca gridano ''finalmente anche Grillo leghista''... ora puo' vemire a votare anche lui in Veneto per la secessione.Cio' senza riflettere che probabilmente Grillo voterebbe per un Veneto a 5 stelle, che non avrebbe niente della cosiddetta Lega. ABOLIAMO I FINANZIAMENTI AI PARTITI MADIAMO A CASA CHI ORMAI VIVE A TEMPO INDETERMINATO SULLE SPALE DEGLI ELETTORI FACCIAMO USCIRE FUORI DALLA COSA PUBBLICA INDAGATI E MAFIOSI SMETTIAMO DI GABBARE LA GENTE VOTANDO IN PARLAMENTO LEGGI ELETTORALI INCONSTITUZIONALI E PROVVEDIMENTI FRALLOCCHI LOBBISTI...E COSI' VIA.. e poi vediamo che fine fa la Lega Nord romanizzata e arcorizzata. Dovunque vogliate trascinare il movimento - se rimane fedele ai propri principi - non c'e' trippa per ''gatti'' e i dissidenti se ne sono resi ben conto.A questi dico: ritornate a casa e votate PD-PDL-LEGA-SEL e altro, GARGAROZZONI !
  • Paolo Forte 3 anni fa mostra
    Questo autogol proprio non me lo aspettavo. Sembra di leggere un articolo della padania. Beppe, già immagino i titoli dei giornali di domani...
  • Pietro S. Utente certificato 3 anni fa
    Quanti paroloni, quante critiche. Tutta gente che legge in modo superficiale. Leggete attentamente, e riflettete. Mi rivolgo ai critici in buona fede, non ai vilissimi troll.
  • Aldo B. TN 3 anni fa
    PENSO CHE UNA ITALIA SUDDIVISA IN FEDERAZIONI O MACRO-REGIONI AGGREGATE DA COMUNI IDENTITA' STORICO-CULTURALI SIA UNA DEGNA SOLUZIONE. UNA RISPOSTA DEGNA PER TOGLIERE LA CENTRALITA' DI UN PARLAMENTO ROMANO SEMPRE PIU': 1)EXTRATERRESTRE 2)FUORI DALLA REALTA' DEI BISOGNI DELLA GENTE 3)OPPORTUNISTA PER UNA ITALIA DEI LORO COMODI 4)MANGIATOIA PER INGORDI AFFARISTI 5) HABITAT DEL MALAFFARE NON SI TRATTA DI DIVIDERE L'ITALIA MA SOLO DI SUDDIVIDERLA COME DEL RESTO SONO GIA'SUDDIVISE IN FEDERAZIONI ALTRE NOTE NAZIONI: SVIZZERA,BELGIO, GERMANIA...DOVE LE COSE FUNZIONANO BENE! CAPISCO I COMMENTI PSEUDO-TERRORIZZATI DI COLORO CHE TEMONO DI USCIRE DA UN SISTEMA FOSSILE PALEOPOLITICO... I MEDIA SIN DAL PRIMO DOPOGUERRA CI HANNO INEBRIATO I NEURONI SEDANDOLI DENTRO UN SONNO IPNOTICO DA CUI DOBBIAMO RISVEGLIARCI: GRILLO E' COLUI CHE CI STA SCHIAFFEGGIANDO PER FARCI APRIRE GLI OCCHI! GRILLO HA MESSO UNA CARTINA STORICA DI UNA VECCHIA ITALIA PER INVITARCI A RIPENSARE UNA PLANIMETRIA INTERNA DEL NOSTRO STIVALE IN CHIAVE PIU' MODERNA E VICINA AL CONCETTO DI MACRO-REGIONI. QUESTO PORTEREBBE A GOVERNARE IL PAESE CON UN PARLAMENTO CENTRALE RIDOTTO DI MOLTO NEL NUMERO DEI PARLAMENTARI E CON I SOLI PARLAMENTINI SECONDARI DELLE MACRO-REGIONI: CANCELLEREBBE IN UN SOLO COLPO UN SUPER-AFFOLLAMENTO DI PARLAMENTARI, CONSIGLIERI REGIONALI E PROVINCIALI INUTILI RIDUCENDO DI MOLTO UFFICI E PALAZZI LOCALI INUTILI E CON UN RISPARMIO DELLA SPESA PUBBLICA ENORME! GRILLO NON VUOLE LA SECESSIONE TIPO LEGHISTA MA LA SEMPLIFICAZIONE GEOGRAFICA MODERNA PER UNA ITALIA CHE STIA AL PASSO COI TEMPI!..UN CONCETTO DIREI SUPERIORE PER UN MOVIMENTO SUPERIORE NEL CONCETTO DI VEDERE IL FUTURO.
  • cres 3 anni fa
    per non ripeterci.... riPOSTO: ''Nei tarocchi la carta dell'Appeso raffigura un uomo legato per la caviglia destra a una trave. Le mani incrociate dietro la schiena. Nonostante il supplizio il suo viso è sereno, quasi estatico. Talvolta è circondato da un'aureola. Italo Calvino nel libro "Il Castello dei destini incrociati" fa dire a Orlando, il paladino impazzito, mentre si trova a testa in giù: "Lasciatemi così. Ho fatto tutto il giro e ho capito. Il mondo si legge anche all'incontrario. Tutto è chiaro".''...SEGUE...
  • Matteo S. Utente certificato 3 anni fa
    ATTENTI CHE C'è CHI, COME I GIORNALI, POTREBBE PRENDERE SUL SERIO CERTE PROVOCAZIONI... E SE DOMANI I TITOLI FOSSERO...
  • cres 3 anni fa
    E' STATO GETTATO UN SASSO NELLO STAGNO DEGLI ADDORMENTATI, RESI TALI DALLA MORFINA DI STATO. OTTIMO...QUALCUNO SI E' SVEGLIATO.. E UN PO' DISTRATTAMENTE TENTA DI ALZARSI ANCORA INTORPEDITO E ORA FA CADERE IL BICCHIERE DELL'ACQUA ORA SBATTE CON UN COMODINO O UNA SEDIA...MA PIANO PIANO...SI SVEGLIERA' E QUANDO SI SPECCHIERA' IN BAGNO TRA UNO SBADIGLIO E L' ALTRO TORNERA' ALLA REALTA'- COSI' MI APPARE IL BLOG OGGI. UNA SEMPLICE DOMANDA : PERCHE' NELLA COSSSSTITTTUZZZZIONE C'E' L'ARTICOLO CHE SEGUE ????? ME LO SA DIRE QUALCUNO ILLUMINATO ?????????????????????????????????? Articolo 132 Si può con legge costituzionale, sentiti i Consigli regionali, disporre la fusione di Regioni esistenti o la creazione di nuove Regioni con un minimo di un milione d'abitanti, quando ne facciano richiesta tanti Consigli comunali che rappresentino almeno un terzo delle popolazioni interessate, e la proposta sia approvata con referendum dalla maggioranza delle popolazioni stesse [cfr. XI]. Si può, con l'approvazione della maggioranza delle popolazioni della Provincia o delle Province interessate e del Comune o dei Comuni interessati espressa mediante referendum e con legge della Repubblica, sentiti i Consigli regionali, consentire che Provincie e Comuni, che ne facciano richiesta, siano staccati da una Regione ed aggregati ad un'altra.... IL MOVIMENTO 5 STELLE ANOLISCE LA CORRUZIONE E DOPO DUE MANDATI MANDA TUTTI A LAVORARE E NON VUOLE I FINANZIAMENTI DEI LADRONI....C'E' UNA BELLA DIFFERENZA CON LA PARTITOCRAZZZZZIA.CIAO.
    • Genny G. Utente certificato 3 anni fa
      Ok, purchè il Nord restituisca al Sud ciò che ha depredato in beni e risorse dall'Unità d'Italia, ciò che consenta ai meridionali di ripartire e non continuare ad essere una colonia del Nord.
  • victorio pezzolla Utente certificato 3 anni fa
    I media di stato, lecca come sempre del P.U ( Partito Unico ) non hanno capito un cazzo...O forse fanno finta...
  • Giovanni R. Utente certificato 3 anni fa
    "Troppo spesso si sente dire che il tema delle pari opportunità è superato. Ovviamente non è vero" dice il capo dello Stato in occasione della Giornata della donna, e cita "esempi ignobili come insulti e minacce contro la presidente della Camera". Presidente Napolitano perchè non ha citato la MANO che il questore Dambruoso ha messo AL COLLO della deputata Gambaro del M5S per reprimere brutalmente la sua azione dimostrativa di protesta non violenta (tentare goffamente di salire su un banco del Governo)? Ah già, ma quella è solo violenza fisica... commessa in una istituzione (la Camera dei Deputati)...
  • jb Mirabile-caruso 3 anni fa
    B. Grillo: "Quale Stato? La parola "Stato" di fronte alla quale ci si …………………alzava in piedi e si salutava la bandiera è divenuta …………………un ignobile raccoglitore di interessi privati gestito …………………dalla maîtresse dei partiti"…………………………… Beppe Grillo, nella sua accezione democratica e costituzionale, il termine Stato indica il Popolo nella sua TOTALITÀ. I Partiti politici - così come furono concepiti dalla Costituzione - rappresentano pure loro il Popolo nella sua TOTALITÀ, per cui si può dire che essi siano la rappresentazione materiale dello "Stato", inteso come concetto astratto. Nel momento in cui, però, i Partiti - attraverso un processo DEGENERATIVO che, come noi del Movimento sosteniamo, ha raggiunto la condizione di irreversibilità - diventano i rappresentanti esclusivi della delinquenza e del parassitismo nazionali a totale esclusione della parte ONESTA del Popolo, a questo punto essi - i Partiti, voglio dire - NON rappresentando più il Popolo nella sua totalità, NON rappresentano più neanche lo Stato. E qui perveniamo a questa cruciale considerazione: che i Partiti - divenuti di fatto Partitocrazia - continuino a spacciarsi come rappresentanti costituzionali e del Popolo e dello Stato, fa parte del loro sporco gioco di mistificazione; ma che noi del Movimento ci uniamo a questo loro gioco, lo trovo un assoluto atto di STUPIDITÀ! Noi non dovremmo mai perdere una sola opportunità per mettere in evidenza che laddove gli sciuscià del Potere scrivono "Stato ladro" si legge "Partitocrazia ladra", laddove viene scritto "Stato assente" viene letto "Partitocrazia assente", e laddove viene detto e scritto "il Capo dello Stato" va detto e scritto il "Capo della Partitocrazia". Che il Movimento la SMETTA una volta per tutte di fare il gioco della Partitocrazia: la smetta, cioè, di usare la parola "Stato" invece della parola "Partitocrazia"! Lo Stato è l'antitesi della Partitocrazia: NON senza una ragione il Movimento Cinque Stelle è con essa INCOMPATIBILE!
  • Giuseppe Paradiso 3 anni fa
    Beh, Beppe, l'idea non mi dispiace affatto . Basta che piemontesi,lombardi,veneti co. (verme salvini incluso) mettano mano al portafoglio e restituiscano ciò che è stato trafugato e depredato ai miei Avi nel lontano 1861(comprese le Anime, morte per difendere nelle successive guerre quattro lanzichenecchi che popolavano il nord), per poi entrare (loro) nella mitica rivoluzione industriale di fine del secolo . Fiat inclusa nata nel 1889 (chissà con quali soldi). Da 5 anni ad oggi, la mia piccola e personale psicosecessione già è in atto. Compro dall'estero, vendo da Roma in giù e col nord italia non voglio averci a che fare. Se scrivo vuol dire che sono sopravvissuto e se non fosse per le "ESTORSIONI DELLO STATO italiano" (i cui soldi che intasca spariscono sempre), riuscirei anche a vivere agiatamente , e non sarei il solo. Quindi, ripeto, parliamone, trattiamo con i diretti interessati e dopo un accordo equo , ognuno per la sua strada. Magari viene a galla anche che l'improduttività parte dal nord più che altrove.
    • Luca M. Utente certificato 3 anni fa
      Rileggiamo la storia. L'unità del belpaese fu voluta da una casata pressoché insignificante (i Savoia) e dalla massoneria (Giovine Italia in primis). Culturalmente, socialmente, economicamente e linguisticamente i territori erano assai diversi, ma nessuno volle seguire le idee di Carlo Cattaneo (ipotizzò il federalismo) che venne chiamato in Germania, attratta dalla politica federale. Le differenze tra Italia e Germania sono sotto gli occhi di tutti. Finalmente Beppe hai colto nel segno, una battaglia che possiamo e che dobbiamo combattere insieme. Basta con uno stato che non ci ascolta, che non ci protegge e che da noi pretende ( sono dell'Emilia ). Finalmente le tue parole hanno individuato il problema, perché schiavi di roma.... dio non creò proprio nessuno. Liberi in terre libere, bravo Beppe.
  • Shadow 600 3 anni fa
    Vi ho creduto, sostenuto, votato, difeso oltre l'indifendibile. Mo basta! Ti sei accorto che è difficile mantenere quanto promesso. Allora è più facile epurare e buttarla in caciara. Quest'ultima uscita poi ... La prossima sarà la sterilizzazione dei disabili e dei gay? Mi avete preso per il culo ben bene. Ma io vado avanti per la mia dignità e per i miei figli. Viva la libertà! Viva l'Italia! V!
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Brigata "50 Centesimi"???
    • salvatore i. Utente certificato 3 anni fa
      ma per favore... che hai votato tu??? stai a casa alle prossime elezioni per favore
  • Alessandro B. Utente certificato 3 anni fa
    MA FIGURATEVI!... è "solo" una provocazione: avete visto cosa è successo alla jugoslavia negli anni '90? vedi cosa stà succedendo all'ucraina? Sono paesi soggetti a "sistemi" che, tira e tira e tira e poi implodono... ripiombando ai primi del '900. (cose che stavamo discutendo già dai giorni scorsi!) La storia della Padania, cari concittadini padani (lo scrivo anche a voi se mi leggete), non ha più senso se mai l'avesse avuto negli anni ottanta. Figurati: se entri in Milano e chiedi indicazioni stradali ai passanti, non ne trovi uno che sia, non dico milanese, ma nemmeno italiano. Ma che senso avrebbe oggi la Padania? (e lo dico da Brianzolo e da genitori e nonni Brianzoli e Veneti) Pensare che quando do visto la cartina (e non avevo ancora letto il titolo del post) mi sono detto: "Heilà! forse il movimento stà andando oltre all'eliminazione delle province e il riconoscimento delle sole regioni..." Ho pensato: anvedi che adesso l'italia si divide in territori di province accorpate (hanno raccolto la mia idea "alla francese"!): magari la provincia di lecco con quella di como (come era una volta -li accomuna il lago-), altro esempio Parma e Piacenza e... (bagnate dal fiume po e con il problema del rischio idrogeologico; Varese con Novara; Pavia con Vercelli... E affanculo le regioni con l'idea di salvaguardare e presidiare al meglio i territori. Poi ho messo bene a fuoco i colori della cartina e ho letto prima il titolo e poi il pezzo: "forse" quello che non hanno fatto il resto dei media! ANCHE QUESTA VOLTA, I MEDIA, HANNO VOLUTO PRENDERSI UN BEL GRANCHIO! Ma pensa un pò te che biricchini!
  • Massimo Carabetta 3 anni fa
    Beppe, sei stato avanti in molte battaglie, nessuno ti capiva, tutti di deridevano e poi hai avuto ragione. Quella delle Macroregioni può essere anche un buona idea per togliere poteri allo stato centrale corrotto (a patto che l'Italia continui a esistere a livello superiore delle Macroregioni), ma non è implementabile. Le Macroregioni, se avessero maggiori poteri, sarebbero probabilmente gestite dalla mafia, da multinazionali o sarebbero annesse ad altri Paesi, perché il problema risiede negli interessi personali di uomini senza etica. L'Italia esiste e deve avere la piena sovranità nazionale in quanto ha una Costituzione, una lingua comune e una cultura comune anche se con differenze territoriali. Il problema è la corruzione perpetrata da persone ignobili a livello centrale ma lo anche a livello locale nel più piccolo dei comuni, e il M5S e' già sulla strada giusta nel combattere questo male come strenuo difensore della Costituzione Italiana. Il tuo Post è provocatorio e spiazza tutti (anche iscritti certificati che verranno ingiuriati); sarebbe eccellente se fossi ancora solo un comico, ma ora non piu', soprattutto perché lascia adito a interpretazioni dei media. Ammettendo anche che tu abbia ragione, non si possono arare troppi campi in una notte. PS Questo Post è stato per me un pugno nello stomaco.
  • Max Calabrese 3 anni fa
    Grande Beppe, ti seguiamo da quando sostenesti l'indipendenza delle Due Sicilie ed il ritorno dei Borbone. Noi siamo già attrezzati e già da tempo lavoriamo per cacciare l'odiato invasore, la potenza occupante tricoloruta. A morte l'italia.
  • quarzo Utente certificato 3 anni fa
    Questo è un appello al movimiento: vostra è una psizione privilegiata per raccontare i FATTI che accadono all'interno della gestione del paese, avete doni preziosi: il buon senso, la coerenza, la competenza, l'integrità e l'intelligenza. usateli per informare ai cittadini che hanno tanto bisogno appunto di non farsi ingannare, perchè tale e come stano andando le cose, il tempo ci scorre contro. Ora però vi faccio la critica: nella mia umile opinione non dovete mischiare le vostre opinioni personali, con tanto di adiettivi vezzegiativi anche rivolti a persone fisiche, per quanto possano essere condivisi. Ricoprite un ruolo istituzionale e avete una responsabilità molto seria, e da seri responsabili bisogna agire e parlare. Non vi fate(e ci fate)nessun favore partecipando alla bataglia dialettica dell'insulto e la sminorizzazione gratuita(che tanto piace a chi vi è ostile), non spostate l'atenzione dei FATTI alle opinioni,se la gente semplicemente conoscesse tutto quello che conoscete voi, non ci sarebbero dubbi su di chi si fiderebbe il popolo italiano. E poi, riguardo agli interventi alle camere, vi pregherei anche di svilupare degli interventi meno ostili ma più propositivi nel merito, sò che siete propositivi, ma date anche una mano ai vostri colleghi(che sembrano così smarriti e incompetenti), sperando che attraverso qualcuno le proposte valide arrivino a buon porto, fatevi sentire nel merito e la competenza, richiamate le coscienze dei vostri colleghi! Avete un'occasione d'oro, ORA! Questo mio commento spero che sia accolto come quello che è, un ulteriore appello alla posibilità di costruire senza agressività ma con moltissima fermezza, Grazie tante.
  • andrea 3 anni fa
    mio padre recentemente ha desiso di smettere di votarti . No, non e' "impiegato statale" con due o piu' case, non fa parte della categoria popolo "A" come hai descritto in una delle tue svariate stronzate. Io ho cercato di difenderti. Ma la quantita' e soprattutto la qualita' delle stronzate che vai facendo sale in modo vertiginoso. In un modo realmente preoccupante. Stai raggiungendo posizioni che fra poco diventeranno indifendibili. Da chiunque. Anche dai fedelissimi. Se questo fosse solo un suggerimento favorevole alla decentralizzazione ( che comunque non era ne programma del M5S)si potrebbe anche ingoiare a fatica. Ma non lo e'. E sono proprio coloro che rimproverano gli altri per scarsa comprensione delle tue "provocazioni"...a non aver capito. Io sono iscritto al Movimento 5 stelle, non alla lega. Il semplice fatto che dopo questo post salvini ti venga dietro mi fa schifo. Io non ho nessuna ammirazione verso delinquenti come i savoia, cavour e compagnia bella, non sono spinto sa nessun patriottismo storico nazionale. Tutt'altro. Ma la parola "macroregione" mi fa ancora piu' schifo. Con i politici che abbiamo cosa credi che accadrebbe se il meridione si governasse "da solo" in un neo-regno della due sicilie? Te lo dico io, la realizzazione del piu' inconfessabile dei sogni della mafia. Una patria tutta per se. E' altamente probabile che dopo questo post mafia camorra e ndrangheta faranno confluire tutti i loro voti sul m5s. Tu stai semplicemente perdendo il lume della ragione. Per quanto orrenda e tragica sia la storia di questo paese io sono Italiano. Non cittadino di una "macroregione". Sarebbe utile che tu cominciassi a sparare meno macro-stronzate. Ne va del futuro del movimento. Un giocattolo che finirai per rompere definitivamente di questo passo.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Non vorrei offenderti, ma le tue affermazioni lasciano intendere la superficialità della conoscenza degli avvenimenti storici cui ti riferisci, unita ad un ridotto o malinteso senso della "democrazia": la vicenda jugoslava non ha nulla, assolutamente nulla a che fare con la situazione italiana: in Jugoslavia vi fu una secessione unilaterale di una regione attuata senza rispetto di alcun formale principio di legalità, appoggiata ( o fomentata) in un lampo, da Vaticano, USA e maggiori Stati europei: qui, ci si chiede se gli Italiani, dopo oltre 150 anni di unità imposta, possano esprimere se questa unione non possa/ debba essere in qualche modo rivista, seguendo un percorso pacifico e democratico: come Sardo, ad esempio, non mi sta assolutamente bene che debba subìre il 90% delle servitù militari nazionali, non mi va affatto bene che nei suoi poligoni si sia sperimentato l'uso dell'uranio impoverito, non posso non incazzarmi se non mi posso liberamente spostare allo stesso perezzo degli altri Italiani, non mi va giù d'avere una disoccupazione giovanile al 54%, non posso sentirmi parte d'una "famiglia" che mi dice sei "speciale", ma che poi mi tratta come uno zerbino....
    • Alessandro B. Utente certificato 3 anni fa
      Se leggi questo post come un "incitamento al seccessionismo": o sei stanco e piuttosto che scrivere il tuo commento alle due e trenta di notte saresti dovuto andare a dormire, o sei ubriaco, o sei strafatto. MA FIGURATI!... è "solo" una provocazione: hai visto cosa è successo alla jugoslavia negli anni '90? vedi cosa stà succedendo all'ucraina? Sono paesi soggetti a "sistemi" che, tira e tira e tira e poi implodono... ripiombando ai primi del '900. La storia della Padania, cari concittadini padani (lo scrivo anche a voi se mi leggete), non ha più senso se mai l'avesse avuto negli anni ottanta: figurati: se entri in Milano e cerchi indicazioni stradali dai passanti, non ne trovi uno che sia, non dico milanese, ma nemmeno italiano. Ma che senso avrebbe oggi la Padania? (e lo dico da Brianzolo e da genitori e nonni Brianzoli e Veneti) Pensa: quando do visto la cartina (e non avevo ancora letto il titolo del post) ho pensato: Heilà! forse il movimento stà andando oltre all'eliminazione delle provincie e il riconoscimento delle sole regioni... Ho pensato: anvedi che adesso l'italia si divide in territori di province accorpate (hanno raccolto la mia idea "alla francese"!): magari la provincia di lecco con quella du como (come era una volta -li accomuna il lago-), altro esempio Parma e Piacenza e... (bagnate dal fiume po e con il problema del rischio idrogeologico; Varese con Novara; Pavia con Vercelli... E affanculo le regioni... Poi ho messo bene a fuoco i colori della cartina e ho letto prima il titolo e poi il pezzo: "forse" quello che non hanno fatto il resto dei media! ANCHE QUESTA VOLTA, I MEDIA, HANNO VOLUTO PRENDERSI UN BEL GRANCHIO! Ma pensa un pò te che biricchini! Ce ne vuole a dire che questo post "grida alla seccessione"!
  • Aldo 3 anni fa
    che vergogna, che tristezza, che populismo, che bassezza, TI PREGO TACI! Torna semmai a parlare di cose serie, come la crisi ambientale.
  • luca candela 3 anni fa
    Inizialmente Grillo mi ha fatto una gran buona impressione. Voglia di cambiare, un linguaggio più a portata della gente, modi non troppo formali di esporsi. Dopo alcuni anni devo decisamente rivedere il mio punto di vista. Sig. Grillo non crede che forse ora come ora la vera dittatura la stia facendo lei? Cambiamo governo, mandiamo tutti a casa (compresi i suoi adepti che non sono d'accordo con lei), insulti a destra e a manca, dividiamo l'Italia. Le espongo un altro punto di vista! Italiano all'estero da due anni in una zona decisamente diversa per cultura, sistema di governo, ecc.). Non ha idea di come mi fa piacere essere riconosciuto ora come italiano, quello che arriva dal paese pieno d'arte, bei posti da vedere, ottimo cibo e soprattutto brava gente (a volte un po' scemotti ma brava gente). Se attuassimo la sua scissione (mi sembra di rivedere un Bossi d'annata ma in peggio. Bossi ricercava il federalismo in realtà non la scissione e la distruzione di un paese) come mi dovrei chiamare (di dove sei?... Piemonte.... Dove?) e tutta la nostra cultura esportata all'estero dove andrebbe a finire? Le do un consiglio . provi a trasferirsi un po' all'estero, dall'altra parte del mondo e poi vedrà come dopo un po' le ritornerà la voglia di essere chiamato italiano. come saà fiero di rappresentare questo paese che seppur caciarone , con poche attuali idee chiare, difficoltà economiche ( ma quale paese non le ha adesso????) rimane comunque un bel paese e all'occorrenza più unito che mai. Non succederà e nessuno lo vuole, ma se mai dovessimo avere problemi con i nostri vicini di casa francesi o tedeschi , scommetto qualsiasi cosa che anche i defunti uscirebbero fuori dalle tombe per difendere il nostro territorio o meglio la nostra patria. Io rientrerei all'istante!!! Per concludere : le idee di base ci sono ovvero cambiare l'italia attuale, ma nei contenuti non nell'aspetto. E ma per cortesia cerchi di essere meno volgare e meno intransigente.
  • Matteo Renzies 3 anni fa
    Signori miei, sono qui a casa mia e vi sto parlando col cuolo,(cuore) la mi moglie mi sta frustando per par condicio, io mi duolo risonando dentro mè stesso! Se voi signori miei voleste opportunizarmi a chiedere un rinvio del discuzionale della legge che ancora non ho coscienza....:( ma forse elettorale :)) Io sarei anche pronto a tornare a fare lo sguattero di provincia!! :) Oppure il zindaco di Firenze :))))
  • Alessandro Bonanno 3 anni fa
    P.S.: A tutti quelli che hanno interpretato il post di Beppe Grillo come una ruffianata nei confronti degli elettori leghisti: il post non è un'incitazione alla secessione, ma una semplice considerazione sul fatto che, così come è ridotto il paese, basterebbe poco un giorno per far balenare in testa a non pochi cittadini di una qualsiasi regione, territorio, comprensorio, l'idea di abbandonare al suo destino lo stato italiano (quale stato?) per provare a cavarsela da soli. Per esempio, è opinione diffusa quella secondo la quale se la Sicilia fosse indipendente, la mafia la governerebbe. Ma non mi pare che dal punto di vista della lotta alla mafia, la Sicilia, dalla sua appartenenza alla nazione italiana abbia tratto particolari vantaggi: Capaci e via d'Amelio ci dicono ancora qualcosa? E la famosa Trattativa di cui non si può parlare, dove la mettiamo? In quegli avvenimenti (ritornando al mio post precedente) è venuta via un bel po' di "malta" (vi ricordate le scene dei funerali?). Pensate poi a tutta quella che è venuta via negli ultimi 50 anni costellati di stragi impunite, tangenti (in gran parte impunite), mala amministrazione, devastazione ambientale, etc... Alla prima spintarella, al primo alito di vento....
  • Guerino D. Utente certificato 3 anni fa
    Beppe, spero che questa sia stata una tua forte provocazione e che i media stiano mal interpretando questo post vocato alla secessione. Non posso credere che tu voglia disfare questo paese e trasformarlo in tante piccole Repubbliche! Ho sempre odiato partiti o movimenti politici come la lega che inneggiano alla secessione. Ora che finalmente mi sento rappresentato in parlamento e sono fiero di far parte del M5S, non mi deludere!!!
    • Alessandro B. Utente certificato 3 anni fa
      MA FIGURATI!... è "solo" una provocazione: hai visto cosa è successo alla jugoslavia negli anni '90? vedi cosa stà succedendo all'ucraina? Sono paesi soggetti a "sistemi" che, tira e tira e tira e poi implodono... ripiombando ai primi del '900. La storia della Padania, cari concittadini padani, non ha più senso se mai l'avesse avuto negli anni ottanta: figurati: se entri in Milano e cerchi indicazioni stradali ai passanti, non ne trovi uno che sia, non dico milanese, ma nemmeno italiano. Ma che senso avrebbe oggi la Padania? (e lo dico da Brianzolo e da genitori e nonni Brianzoli e Veneti) Pensa: quando do visto la cartina (e non avevo ancora letto il titolo del post) ho pensato: Heilà! forse il movimento stà andando oltre all'eliminazione delle provincie e il riconoscimento delle sole regioni... Ho pensato: anvedi che adesso l'italia si divide in territori di province accorpate (hanno raccolto la mia idea "alla francese"!): magari la provincia di lecco con quella du como (come era una volta -li accomuna il lago-), altro esempio Parma e Piacenza e... (bagnate dal fiume po e con il problema del rischio idrogeologico; Varese con Novara; Pavia con Vercelli... E affanculo le regioni... Poi ho messo bene a fuoco i colori della cartina e ho letto prima il titolo e poi il pezzo: "forse" quello che non hanno fatto il resto dei media! ANCHE QUESTA VOLTA, I MEDIA, HANNO VOLUTO PRENDERSI UN BEL GRANCHIO! Ma pensa un pò te che biricchini! Ce ne vuole a dire che questo post "grida alla seccessione"!
  • Massimo Lafranconi Utente certificato 3 anni fa
    Prima di scrivere cose a vanvera e imbecillaggini varie, ricalcando tutte le più bieche strumentalizzazioni usate dai media di regime, consiglio di leggere la Costituzione italiana: Articolo 132 Si può con legge costituzionale, sentiti i Consigli regionali, disporre la fusione di Regioni esistenti o la creazione di nuove Regioni con un minimo di un milione d'abitanti, quando ne facciano richiesta tanti Consigli comunali che rappresentino almeno un terzo delle popolazioni interessate, e la proposta sia approvata con referendum dalla maggioranza delle popolazioni stesse [cfr. XI]. Si può, con l'approvazione della maggioranza delle popolazioni della Provincia o delle Province interessate e del Comune o dei Comuni interessati espressa mediante referendum e con legge della Repubblica, sentiti i Consigli regionali, consentire che Provincie e Comuni, che ne facciano richiesta, siano staccati da una Regione ed aggregati ad un'altra.
  • Ivan Solinas Utente certificato 3 anni fa
    Non è che è un obbligo scrivere qualcosa sul proprio blog. Se un giorno non si ha nulla da dire, si può a mio avviso anche fare passare la giornata. Con tutto il rispetto e la eterna gratitudine per Grillo se domani si mettesse ai voti sulla piattaforma del movimento una minchiata del genere prenderebbe 4 voti. Lo vogliamo ricostruire questo paese anche dalle macerie in cui questa classe politica lo sta portando o vogliamo solo leggerne l'epitaffio? Se mi dite in alto i cuori e poi tirate fuori queste scemate da risiko dei poveri i cuori vanno sotto terra.
  • immagina nuovi orizzonti 3 anni fa
    Arlecchino servitore di due padroni, muore di fame noi servitori di Grillo e Casaleggio, che fine faremo?
    • Alberto DEIANA (alberto deiana m5s) Utente certificato 3 anni fa
      Io non sono servitore di nessuno ma al limite compagno di lotta consapevole di ciò che faccio. Forse tu sei servitore di qualcuno. In tal caso invece di perdere tempo a scrivere prova ad emanciparti da tale condizione verificando tu personalmente chi ti vuole schiavo e che mezzi usa. Forse la tua mente, i tuoi sensi sono ottenebrati dai continui bombardamenti a cui sei sottoposto dagli antichi mass media. Libera la tua anima e fai un check, forse potrai scorgere la differenza tra compagni di lotta e servitori. Cordiali saluti.
  • Fabrizio Salvini 3 anni fa
    Idea interessane II Macroregioni e Veneto orientate ad East darebbero una lezioncina anche ai sinistri burocrati di Bruxelles...
  • Matteo Renzi 3 anni fa
    Io vi dico signori miei che siete chiusi psic cologicamente, avete chiuso la vostra breccia, siete uniformizzati dal vostro io, Dovete unirvi per consolidare le vostre emozioni!! Dovete disccutere della vostra realtà individuale ottimistica!! Dovete pensare di essere quello che non siete mai satati!!!!!
    • immagina nuovi orizzonti 3 anni fa
      La verità è una terra senza sentieri Jiddu Krishnamurti filosofo indiano.
    • Carlo B. Utente certificato 3 anni fa
      Leggendo il tuo post, non capivo cosa volessi dire, poi ho letto la firma e tutto mi è stato chiaro...lol
  • Fabrizio Salvini 3 anni fa
    Idea Interessante Una indipendenza veneto, poi unita a Croazia, Slovenia Ecc. Il tutto orientato ad East, verso Asia e China. Verso una nuova Silk Road che sta nascendo. Ma anche verso Poland e Russia, anche loro in crescita. Vista impossibilita' di fare qualcosa a Roma e con i SINISTRI BUROCRATI...
  • luigi notaro 3 anni fa
    ....ogni giorno diciamo basta è ora di cambiare, ma quando arriverà questa "ora"?..è da piu di vent'anni che destra e sinistra ci riempiono di chiacchere, promesse e quan'altro, in pubblico fanno la parte di litigare e dietro le quinte fanno i compromessi per i rispettivi interessi. Ogni giorno sentiamo che consiglieri e assessori di Comuni, Provincie, Regioni e parlamentari, indagati per corruzione, rimborso spese, peculato, ecc..., ma come puo' esistere uno Stato cosi, spiegatemi come puo'..io non lo accetto e mi piacerebbe che queste persone patissero la fame per comprendere chi veramente ha fame. SOLO UN MOVIMENTO LIBERO, TRASPARENTE, CON VOGLIA DI FARE E CAMBIARE LE COSE COME IL M5S PUO' DARE VERAMENTE UNA SVOLTA TALE DA POTER DIVENTARE UN PAESE NORMALE MANDANDO A CASA TUTTA QUESTA GENTE ATTACCATA SOLO ALLA POLTRONA ED ESALTANDO TUTTE LE POTENZIALITA DELL'ITALIA, CHE E' IL PAESE PIU' BELLO DEL MONDO, PER CULTURA, OPERE, STORIA, CIBO, PAESAGGI, MARE, MODA, AUTO, MOTO, SPORT, CHE TUTTI CI INVIDIANO. ....i media non fanno altro che parlare degli espulsi, perchè non parlano delle proposte di legge del M5S bloccate nelle commissioni..... FORZA, CONTINUARE AD ANDARE AVANTI COME UN TRENO.
  • G. 3 anni fa
    A tutti coloro sostengono che molti non abbiano capito:il punto non è cosa si è capito il punto è che intanto il post è stato scritto così com'è,poi in seconda istanza le sue motivazioni,e infine la mancanza di un pronto passo indietro,oppure un ulteriore chiarimento rapido. Tralascio volontariamente invece la questione sul chi sia ad aver frainteso tra i lettori,ma solo perchè sarebbe troppo da troll,e chi non lo è non sta certo godendo per tutti gli ultimi accadimenti,anzi! Con amore G.
    • Francesco L. Utente certificato 3 anni fa
      Giuseppe, ti ringrazio per la considerazione :) Ribadisco che, non essendo “sconvolto” dal post, non riesco a intravedere il vero problema. Inoltre, credo che se Beppe si fosse cimentato su un post dell’”8 Marzo”, sarebbe andata molto peggio :D Forza, che tutti gli onesti siano coesi, perché dobbiamo cambiare il paese! Cari saluti e Buona Domenica, Giuseppe.
    • G. 3 anni fa
      Ciao Francesco,sono Giuseppe D.(CAGLIARI),certo che sarei d'accordo,soprattutto a discutere,ma anche dell'argomento più ostico. Però so anche che se te scrivessi i post centrali sul blog,oggi coerentemente con tutte le problematiche attuali,un post come quello non l'avresti scritto mai e poi mai,a maggior ragione senza rendere conto a nessuno. Mi sbaglio?
    • Francesco L. Utente certificato 3 anni fa
      Caro/a G., sentendomi chiamato in causa per un mio commento precedente, ti rispondo senza alcun rancore o polemica. Secondo me il post è molto chiaro: si ipotizza uno scenario possibile (magari improbabile), vista la reale situazione del nostro paese, ovvero quello che si creino movimenti spontanei secessionisti e che abbiano successo, specialmente nelle regioni del Nord. La soluzione proposta è semplice: si dia nuovamente dignità territoriale, insieme alla realizzazione dei nostri piani per liberarci della rappresentanza politica corrotta. Non saresti d’accordo ad eliminare quasi 20 consigli regionali? Forse, unica pecca a mio parere, non aver specificato che con questa riforma delle macroregioni, faremmo saltare immediatamente anche i parassiti di 110 consigli provinciali.
  • maurizio tesei Utente certificato 3 anni fa
    ...Dopo le allusioni del Presidente Napolitano, ed (ancora) della Boldrini, si corre il rischio che fra non molto diranno, calunniando, che gli autori dei femminicidi...Potrebbero essere molto probabilmente simpatizzanti....Del M5S....!!!!!! (...Hai visto mai...?) Maurizio Tesei
    • maurizio tesei Utente certificato 3 anni fa
      ...Si Luigi Pietro, forse hai ragione. Lo abbiamo già visto messo all'angolo e ridotto al silenzio dal sig...Renzi ! ...Si Luigi Pietro forse hai ragione, sarà la storia a parlare...Aspettiamo allora, vediamo che dice...Va bene ? Ciao Luigi Pietro...! Maurizio Tesei
    • Mauro T. Utente certificato 3 anni fa
      Forse, luigi pietro marchitelli, sulla riva del fiume c'è proprio Beppe invece ad aspettare che tutte le ipocrisie, le porcate e le menzogne su di lui fuoriescano e si renda nota la verità. E ormai ci siamo basta ancora poco e per l'ennesima volta, Beppe avrà ragione!
    • luigi pietro marchitelli Utente certificato 3 anni fa
      Beppe Grillo è ammalato, non sta molto bene. Ha preso il virus dell'americanismo e si cura con confettini CIA per destabilizzare il Paese e portarlo alla rovina. Basta vedere che non porta nessuna proposta seria ed evita sistematicamente i confronti pubblici dove sarebbe messo all'angolo e ridotto in silenzio. Amatelo pure come un capo d'epoca romana, come un centurione d'annata, tutti dietro a seguire un altro dei tanti RICCHI pieni di SOLDI in tasca che vogliono insegnare alla gente comune e impoverita come vivere. Dato che sarà la storia a parlare, facendo come insegnava il buon Mao Tse Tung aspettiamo sulle rive del fiume... non tarderà molto a passare... Altro che Regno di Venezia, RICCO che parla PESTE lo colga.
  • Rosaria Oddone 3 anni fa
    Per favore ,non potresti creare un giornale cartaceo ?! (magari con l'aiuto degli iscritti al movimento ) perchè troppe persone non hanno il pc, e non sono in grado di accedere a internet. E' importantissimo !La tv ti depista, ma un quotidiano o un mensile lo leggi a casa , con calma. PER FAVORE aiuta la gente ad informarsi !Ci conto perchè non riesco a riportare tutto tenendo a mente!La gente è abituata , cioè gli adulti ,sono abituati al giornale del mattino, . Dagli la possibilità di informarsi.Sono una entusiasta 5s che lotta da sola !!!! GRAZIE
  • Nando 3 anni fa
    Ma uno normale dico....uno che pensa con la sua testa c'è o no? State tutti bene?
  • Bruno Marioli 3 anni fa
    E' triste leggere queste riflessioni che hanno una loro base di verità ! Dalla mondializzazione allo sbriciolamento ! Divide et impera! Mentre Colossi mondiali sono risorti dalle loro ceneri come Cina e India, l'Europa è miseramente naufragata per colpa dei due paesi(Francia e Germania) che per primi l'hanno voluta, ma non per ideale, ma per interesse, sperando di crearsi un vasto mercato ed un territorio al di fuori del loro, per esercitarvi un'egemonia che già hanno esercitato nel medioevo prima della scoperta dell'America. Noi italiani dobbiamo ammettere che non sappiamo governarci scegliendo sempre la mossa sbagliata, l'ultima delle quali è stata la rinuncia alla sovranità monetaria che almeno in quei tempi lontani aveva tenuto a galla gloriosamente il comune di Firenze, tanto per fare un esempio ! Allora un Pier Capponi poté allontanare l'esercito francese dalla sua città,solo minacciando di suonare le campane, mentre quello di oggi sottostà alle ingiunzioni di una nuova kommandantur che chiede solo più sacrifici di quelli che il popolo puo' sostenere e che lo spinge anche al suicidio! E tutto questo avviene mentre una classe di prevaricatori e usurpatori del potere politico ed economico sfrutta a piacimento le ultime roccheforti di un paese devastato e ridotto all'osso !
  • Diego Isidori 3 anni fa
    Condivido il fatto che l'Italia sia davvero unica e debba essere una, ma in pochi hanno il coraggio di volgere lo sguardo indietro ed andare a scoprire la verità di come l'Italia fu fatta 150 anni fa: inganno, sopraffazione, corruzione, mistificazione, falsità, violenza e persecuzioni inaudite contro innocenti. E chi l'ha fatta l'Italia? La massoneria. E oggi chi è al potere in Italia? La massoneria. Quindi nn meravigliamoci se vengono usati gli stessi metodi che vennero messi in campo per unire l'Italia (vedi sopra). Prima che quel delinquente di Cavour ripescasse Garibaldi e i 1000 dalle GALERE, si era cercato un accordo per creare uno stato federale. Ma questo progetto fu boicottato, anche con OMICIDI dall'allora gran Ducato di Savoia. Chissà perché?
  • Gigi S. 3 anni fa
    Sono italiano, mi sento italiano. Ho bisogno di una politica politica pulita, una politica "dei fatti". Le provocazioni di questo tipo non fanno altro che scavare più profondo il solco tra il movimento e il popolo italiano. Ho votato 5S contro il regime e adesso dovrei portare avanti le istanze di Bossi jn.Borghezio, Salvini e Duemaroni? No grazie, non ho votato M5S per condividere il mio pensiero e la mia incazzatura coi legisti ladri che a Bergano gridano "Roma ladrona" e poi a Roma si riempiono le tasche... Se si continua così preferisco votare scheda bianca. E' più utile così che un voto a favore di una disgregazione/secessione che non serve proprio a nessuno. In primis a noi.
  • maurizio tesei Utente certificato 3 anni fa
    ...Un post alquanto provocante...Direi ! Domanda: A chi è indirizzato ? A noi ? O al di fuori del Blog ? Mah ! ...Comunque sia, ogni tanto una cavolata ci stà...Si si, ci stà, ci stà...!!! (se qq ha capito lo scopo del post,faccia un cenno. Io non ci arrivo. Grazie) Maurizio Tesei
    • Maria Y. Utente certificato 3 anni fa
      Anche per me è un rebus... Mmahh...
  • Francesco L. Utente certificato 3 anni fa
    Probabilmente molti utenti hanno frainteso (spero in buonafede): Beppe scrive di recuperare l’identità degli antichi stati, non l’indipendenza! Vi prego, leggete con calma e attenzione (e non pensate alla Lega!). Il MoVimento vuole l’ITALIA UNITA, SANA, ONESTA E FUNZIONANTE.
  • Peppe Todaro Utente certificato 3 anni fa
    Signori si capisce che è una provocazione. Il senso è, che per noi italiani è meglio dividerci come un tempo anzichè continuare a farci governare da questa massa di pidocchiosi parassiti. Vedete di finirla e votate Movimento.
  • Salvatore I. Utente certificato 3 anni fa
    Caro Beppe basta guardare una mappa della rete ferroviaria o della autostrade italiane o le politiche di investimento e di sviluppo del paese per capire che l'Italia unita non è mai esistita. Le macroregioni possono essere una opportunità per convivere e condividere la cultura italica in ottica di responsabilità e rispetto reciproco mettendo fine alla colonizzazione selvaggia delle regioni del sud.
  • libera p. Utente certificato 3 anni fa
    Capisco, si fa per dire, i troll che sono pagati per screditare Beppe ed il M5S, non capisco invece come si possano sparare così tante idiozie per non essersi sforzati neanche di capire il significato del post. Come si può pretendere di salvare l'Italia se prima non si combatte contro la stupidità imperante, contro le persone che non hanno moralità, lealtà, onestà, come si può?
  • Alessandro Bonanno 3 anni fa
    Ormai lo penso da tempo. Una nazione non si mantiene in vita sul nulla, sulle commemorazioni vuote, o addirittura beffarde. Un popolo si sente unito, se lo stato lo unisce veramente, rispettando e facendo rispettare il patto sociale che è alla base della convivenza civile e democratica. Ma nella storia dell'Italia, fin addirittura dalla sua unificazione, sovente lo stato questo patto lo ha tradito consentendo ai più potenti, alle oligarchie, alle "caste", di tradirlo a loro volta. Se poi prendiamo in considerazione il periodo che va dal II dopoguerra ad oggi, ci rendiamo conto che pezzi ponderanti di stato, di istituzioni hanno praticamente tramato alle nostre spalle, rispondendo agli interessi più svariati, ma mai a quelli veri del paese, non ci si dovrà poi meravigliare un giorno del fatto che la sua stessa integrità territoriale si possa improvvisamente sgretolare, sbriciolare; un po' come in questi giorni accade per Pompei. E' la malta che tiene insieme i mattoni; ma in Italia questa malta è scomparsa da tempo. Alla prima spintarella....
  • fabrizio castellana Utente certificato 3 anni fa
    Non vedo motivi per rinunciare anche a solo una regione italiana. Vedrei bene piuttosto il contrario, tipo eliminare anche i confini fra stati. Comunque si può votare. Mi sembra più uno zuccherino per elettori leghisti che una proposta seria. Un po' di poteri si possono anche delocalizzare se è il caso, non c'è bisogno di secessioni direi.
  • Peppe Todaro Utente certificato 3 anni fa
    E SE DOMANI.....Prendessimo semplicemente a calci i culi di coloro che hanno e continuano a banchettare sul Paese?
  • Fabio A. Utente certificato 3 anni fa
    Sicuro che mi debba curare io? Proprio sicuro?
  • al rossi Utente certificato 3 anni fa
    La retorica PRO-ITALIOTA come prevedibile impazza su questo blog. Uno dei problemi più grossi dell'italia è ''l'italia''negarlo è negare l'evidenza. Se Roma non avesse tutto il potere che ha di vessare e rubare;e se la responsabilità dei politici fosse più controllabile dalla gente come nelle macroregioni le cose andrebbero molto meglio. TUTTO IL RESTO SONO GIGANTESCHE CAZZATE. ANCHE LA NOSTRA IDENTITA' NAZIONALE E' UNA CAZZATA,SIAMO UNO STATO,NON UNA NAZIONE,PUNTO.
  • Marco M. Utente certificato 3 anni fa
    Per cortesia Beppe, non distoglierci dai problemi attuali che stiamo correttamente evidenziando, con queste cazzate leghiste! Il localismo, positivo all'inizio, significa in molti casi doversi sorbire DUCETTI molto mediocri che fanno solo danni, o leggi bigotte come a Verona. STIAMO CONCENTRATI SU QUESTA CASTA DI MAFIOSI E MANDIAMOLA A CASA!
  • Carlo B. Utente certificato 3 anni fa
    Guardate l'ex URSS cosa è diventata dopo lo spezzatino: Bielorussia, Ucraina, Kazakistan, dittature a gogo qua e là e la gente che muore di fame. Guardate l'ex Jugoslavia cosa è diventata dopo lo spezzatino: chiedete ai bosniaci che muoiono di fame com'è bella la divisione! Guardate, viceversa, cosa ha significato per la Germania la sua riunione. Beppe, sei il capo politico del M5S: chiarisci immediatamente quali sono le tue intenzioni che io mi sento male. Grazie.
  • Giulio C. Utente certificato 3 anni fa
    Beppe dicci che questo post è una provocazione. Domani tutti i media parleranno di un m5s non solo fascista, inconcludente, sfacsista, che congela i voti degli elettori ... Ma anche scissionista. Vedo scritti, nero su bianco, il maggior desiderio di sovranità territoriale, sovranità monetaria, fiscale. Sovranità di uno stato che nel post si fa capire è alla frutta. Il contrario dello scissionismo. Quando si parla di decentralizzare poteri e funzioni a livello di macroregioni mi viene da pensare per prima cosa a MIGLIO e poi non allo scissionismo ma a più di 8000 comuni, con un numero di abitanti che varia dalle poche decine dei comuni montani ai 2,6 milioni di Roma. Ma più decentralizzazione di questa? Io ancora non ho capito se alle prossime o lontane elezioni quel ca77o di 37% lo vuoi raggiungere oppure no.
    • stefano Iacopini 3 anni fa
      Io ora riesco a capire perché ci troviamo in un paese come il nostro, dove nn si riesce a capire il contenuto di un discorso,la visione di un, potrebbe accadere, si estrapola sempre la parte che poi nn si vuole dire, per creare confusione, in chi come te, che voglio sperare in buona fede, si confonde. Sono tanti credimi che si confondono, passo ore al lavoro a cercare di spiegare delle cose banali, semplici, come questo post, forse per questa situazione che ora si vive in Italia veramente tragica…. E se domani tutte le più grandi aziende italiane delocalizzassero, lasciando senza lavoro milioni di persone,il discorso nn vuole dire che si vuole delocalizzare, ma che potenzialmente, con il sistema politico, economico, lo potrebbero fare.
    • Francesco L. Utente certificato 3 anni fa
      Infatti, caro Giulio, non si parla di scissione! ITALIA UNITA E FUNZIONANTE. Ci bastano i comuni e le macroregioni. Elimineremmo quasi 20 governi regionali e le 110 province!
  • Fabio A. Utente certificato 3 anni fa
    Questo post è da trogloditi. Goethe nel settecento varca le Alpi, attraversa lo stivale e scrive VIAGGIO IN ITALIA. Shakespeare nel seicento scrive le sue tragedie e spesso le ambienta in Italia. L'Italia esiste da duemila anni, caproni. Non è nata centocinquanta anni fa. C'è una lingua, una cultura, un cibo, un carattere, un'arte che da duemila anni si sviluppa in questo paese. E poi, porcocane, preferisco l'Italia con la sua puzza, le sue miserie, le sue mafie, che però ci ha regalato i Dario Fo, i Fellini, i Sergio Leone, i Lucio Battisti, i Roberto Baggio, che la linfa e asettica Svizzera dove non nasce un cavolo. Noi abbiamo vinto quattro di mondiali di calcio, la piccola Svizzera se lo può sognare di vincere quattro mondiali di calcio. Fatevi una dormita, schiaritevi le idee e tornate in voi stessi. E che non legga più post di questo tipo, o torno all'astensionismo.
    • Fabio A. Utente certificato 3 anni fa
      Perché, non possiamo essere inferiori agli stati africani? Sei pure razzista? Ho fatto l'esempio dei mondiali di calcio, anche in chiave ironica, per dire che più un paese è grande è più conta, più è forte in tutti i campi, artistico, politico, sportivo. Ad ogni modo, è tardi ed io ho sonno, fatevi pure i vostri staterelli, basta che lasciate a me il nome Italia. Quello mi piace. PS - L'argomento calcio mi ha fatto venire in mente un meraviglioso striscione dei tifosi del Pescara di un paio di anni fa. LA PADANIA NON ESISTE, ZEMANLANDIA SI'.
    • Giulio C. Utente certificato 3 anni fa
      D'accordo con te.Ma ... quando gli stati africani vinceranno un mondiale dopo l'altro, perché sono più bravi di noi a giocare a pallone, l'Italia sarà inferiore anche agli stati africani? Curati.
    • Francesco L. Utente certificato 3 anni fa
      Caro Fabio, le tue prime parole sono in piena sintonia con il post, in realtà. Se lo (ri)leggi attentamente, fino alla fine, scoprirai che si vuole proprio SALVARE L’UNITA’ D’ITALIA. La proposta (ipotetica) di macroregioni non dovrebbe sconvolgere nessuno, eccetto i politici e i trollini piddini…di cui stasera abbondiamo.
    • Fabio A. Utente certificato 3 anni fa
      L'incubo è questo post e quelli che lo prendono sul serio. Ma cosa mi tocca leggere, dico io.
    • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
      Mondiali di CAlcio... Torna nel tuo Incubo.
    • Fabio A. Utente certificato 3 anni fa
      non "linfa", linda
  • Luigi Pigoli 3 anni fa
    Magari.....distruggere questa cosa orribile che è l'Italia sarebbe stupendo. Ma secondo me col cazzo che la Svizzera si annette la Lombardia.
  • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
    Comunque, fra le righe, ho colto un'Amarezza. LA MAfia ha Ucciso l'M5s. Italians, preparatevi ad una gita in Yogoslavia. Ve la siete Guadagnata. Notte, Profonda. Dove, Buona? LA vostra KAssandra PreFerita. KAssandra Crossing.
  • Michele Gallo 3 anni fa
    Io sono nato italiano e mi sento italiano così come tutte le generazioni attualmente viventi. L'Italia è una e tale la voglio, ma voglio anche la mia memoria. Voglio chiedere scusa e vorrei che venisse chiesta scusa a nome di tutto il popolo italiano a quelle generazioni che hanno subito le ingiustizie maggiori. Quelle generazioni che hanno subito e subito e subito nel silenzio fino alla morte cosicché nessuno potesse più ricordare da dove la povertà era iniziata. Perdonateci padri , perdonateci per non avervi ricordato abbastanza. Perdonateci per non ricordare più quello che avete subito e così facendo non riconoscendo più quello che continuiamo subire. In 150 anni di storia il meridione è stato prima ingannato, poi saccheggiato, poi sfruttato e adesso inquinato. Non chiediamo rivincite non chiediamo risarcimenti chiediamo semplicemente che questo venga ricordato. Chiediamo che la verità venga spiegata a tutti quanti , ai nostri figli: chiediamo che la verità venga scritta sui libri di storia in maniera netta e semplice così come tutte le verità accettate da tutti. Chiediamo semplicemente la verità.
  • libera p. Utente certificato 3 anni fa
    Ho l'impressione che tra coloro che scrivono su questo blog ci siano anche extraterrestri. Adesso cerco di comunicare con loro: da quale pianeta arrivate? Forse non vi hanno informato che l'Italia sta morendo per colpa di italiani idioti o corrotti che hanno votato e continuano a votare sempre gli stessi politici criminali. Forse non vi hanno informato che esiste un movimento di cittadini onesti che si chiama Movimento Cinque Stelle. Dovete sapere che questo movimento lotta contro le ingiustizie, contro le ruberie dei politici, contro la mafia ecc. ed è per questo molto scomodo al punto che viene combattuto e boicottato in tutti i modi. Sappiate, che al governo abbiamo un condannato per danno erariale, di nome Renzi, figlio di un gran maestro della massoneria. Questo Renzi ha preso accordi con Berlusconi, altro condannato massone. L'Italia è ostaggio di questi due condannati che hanno avuto l'ordine, da parte di potenti che gestiscono l'economia mondiale, di impoverirla così che possano appropriarsene.... Come si sta da voi?
    • teodora a Utente certificato 3 anni fa
      E tu da quale pianeta arrivi, pensando di essere l'unica informata su fatti e misfatti italiani?! Qui, si sta parlando d'altro. Sai leggere?
    • Alberto DEIANA (alberto deiana m5s) Utente certificato 3 anni fa
      Ciao, spero che tu legga questa risposta al tuo commento. Non ti preoccupare dei troll del blog, il tuo post è condiviso dagli attivisti del M5S in quanto siamo a conoscenza e consci di tante cose, tra cui quelle di cui tu parli. Dobbiamo andare avanti. Uno degli sforzi che possiamo/dobbiamo fare è proprio quello di continuare a spiegare e diffondere consci che per questo potremmo non essere sostenuti ma addirittura attaccati. Cordiali saluti.
    • Nando 3 anni fa
      Ciao, io sono Nando che mi inchiappetto da solo camminando, ma in quanto tu dici è realtà totale, nel senso che apprezzo la vaselina ma disapprezzo l'approccio se sei non consenziente di ciò che avviene!
    • Domenico Cacciato Utente certificato 3 anni fa
      HAI PERFETTAMENTE RAGIONE MA SUL BLOG NON CI SONO EXTRATERRESTRI MA GENTE/POPOLO CHE SE ROTTA LE PALLE DEL 40% DI POPOLO COLLUSO CHE DA OSSIGENO A QUESTI ULTIMI STRONZI!!!
  • denny leo 3 anni fa
    Ma sarebbe più facile unirci, da nord a sud e andare a prendere ciò che è nostro, le ISTITUZIONI e gestirle nel migliore dei modi,la secessione porterebbe altri guai tanto dei governanti disonesti si troverebbero benissimo in un nord libero o in un sud libero.
  • Francesco C. Utente certificato 3 anni fa
    "La vita di un popolo non consiste nel diritto di eleggere i propri rappresentanti, ma nell'invigilarli, nel dirigerli sulla via, nel trasmettere loro la propria ispirazione." Avanti con i commenti...
  • marco e Utente certificato 3 anni fa
    NON SO SE QUESTA IPOTESI SARA' LA FINE DELL'ITALIA. RESTA IL FATTO CHE COSI' NON PUO' CONTINUARE. SE I CAPITALI SE NE VANNO, SE NON SI PUO' PIU' FARE IMPRESA LEGALMENTE PERCHE' VESSATI DA COSTI INSOSTENIBILI E TASSE SULLE PERDITE ANZICHE' SUI PROFITTI. SE CHI HA UN IMMOBILE SFITTO NON HA PIU' UN VALORE MA UNA DISGRAZIA SU CUI PAGARE MIGLIAIA DI EURO PUR NON AVENDO REDDITI. SE GLI UNICI REDDITI, ANCORA PER POCO, SONO QUELLI DERIVANTI DA STIPENDI PUBBLICI SOTTO DIVERSE FORME. SE L'ITALIA DI FATTO E' STATA SEMPRE DIVISA IN DUE VOLUTAMENTE PERCHE' IL NORD DOVEVA PRODURRE E PAGARE LE TASSE PER GLI STIPENDI PUBBLICI IN CAMBIO DI VOTI CHE HANNO GARANTITO IL POTERE DI UNA CASTA POLITICA TRASVERSALE. L'ITALIA COSI' COM'E' NON PUO' PIU' SOPRAVVIVERE O TIRARE A CAMPARE COME HA FATTO PER 60 ANNI. CHI NON HA NULLA SCAPPERA' PER CERCARE LAVORO E FORTUNA ALTROVE. CHI HA QUALCOSA, QUALCHE RISPARMIO DOVE HA GIA' CONTRIBUITO PAGANDO TASSE NON SARA' PIU' DISPOSTO A FARSI DERUBARE DA QUESTA CLASSE BUROCRATICA DEGNA DELLE PEGGIORI DITTATURE DELLA STORIA.
  • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
    CARO BEPPE SE TU SPUTI A CASA TUA, POI NON PUOI LAMENTARTI E DIRE CHE LA CASA E' SPORCA. NE' PUOI DIRE CHE LA COLPA E' DELLA CASA, DAL MOMENTO CHE SEI STATO TU A INSOZZARLA. DI CONSEGUENZA, CAMBIARE RESIDENZA SERVIREBBE PURE A POCO, PERCHE' RIPRENDERESTI A SPUTARE IN TERRA E SI TORNEREBBE AL PUNTO DI PARTENZA. A QUESTO PUNTO, CHE COSA FARE? SEMPLICE, IMPARARE A NON SPUTARE PIU' PER TERRA! PER CAPIRCI, SE I POLITICI DANNEGGIANO LA NOSTRA ITALIA, NON E' DANDO LA COLPA ALL'ITALIA O ALLA SUA FORMA DI GOVERNO O AL SENATO ECC CHE SI RISOLVONO LE COSE. L'ITALIA, POVERETTA, E' STATA MARTORIATA E INSULTATA FIN TROPPO. LASCIAMOLA IN PACE, PERCHE' E' IL BERSAGLIO SBAGLIATO. LA SOLUZIONE E' CACCIARE I POLITICI CHE L'HANNO IMBRATTATA, CIOE' FARE PULIZIA INTERNA E RIMPIAZZARLI TUTTI. CON CHI, MI CHIEDI TU? CON PERSONE CHE AMANO L'ITALIA E LA RISPETTANO, CITTADINI ONESTI COME QUELLI DEL M5S PERCHE' QUELLA CASA, L'ITALIA, UN DOMANI VERRA' DATA COME PREZIOSA EREDITA' IN MANO AI FIGLI DEI NOSTRI FIGLI E SARANNO LORO A DOVERSENE OCCUPARE. EVVIVA L'ITALIA, UNA E INDIVISIBILE.
    • Francesco L. Utente certificato 3 anni fa
      Quindi concordi che il POST NON PARLA DI SCISSIONE? Ed allora devo assumere che oltre al dissenso, in te ci sia malafede (!?): non concordare con l’idea di macroregione (che eliminerebbe quasi 20 governi regionali, con altrettanti inutili e dannosi politici che si appropriano di fondi pubblici, si costruiscono palazzi, etc.), non corrisponde a scrivere che Beppe vuol dividere l’Italia! Suvvia!
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      GRAZIALCAZZO VA, VA A RADDRIZZAR LA TORRE DI PISA CON LE CHIAPPE...
    • graziano . Utente certificato 3 anni fa
      i tuoi maroni te li puoi mettere nel culo che ti fanno tanto bene e impara ha leggere bischero
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      FRANCESCO, LE ULTIME RIGHE SONO SULLE MACROREGIONI E NON C'E' PUNTO INTERROGATIVO, NON E' UNA DOMANDA, E' UNA SUA CONSTATAZIONE, UN AFFERMAZIONE E IN QUESTO, MI DISPIACE DIRLO, NON MI CI VEDO.
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      GRAZIANO, E A TE PREOCCUPANO I MIEI POST, LEGHISTA DEI MIEI MARONI?
    • Francesco L. Utente certificato 3 anni fa
      Caro Zampano, stai imperversando sul blog con commenti che lasciano intendere, senza ombra di dubbio, che tu, questo post, non lo hai capito! Beppe ha proposto una soluzione – ipotetica - per IMPEDIRE che l’Italia sia divisa (e che non vada in malora). Il MoVimento vuole l’ITALIA UNITA, SANA, ONESTA E FUNZIONANTE. Cito dalla sestultima riga del post: “Per far funzionare l'Italia è necessario decentralizzare poteri e funzioni a livello di macroregioni,…”. Per favore, senza polemica, rileggiti il post e rifletti.
    • graziano . Utente certificato 3 anni fa
      cacchio hai paura che i libici chiedano l'annessione di metà italia? non ti preoccupare non lo faranno mai, e che se ne farebbero hanno già abbastanza problemi in casa loro
    • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
      Bravo, sputa addosso al Prossimo. Come i politici. ...
  • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
    FAntasiland fu, nell'Immaginario Collettivo, una Bella Donna. Tutti la Volevano, nessuno la Sposava. Il BAbbo era un vetusto Sordo, Intrallazzone e Rimbambito, la mamma una regina con le pezze al Culo( e oltre), lo Zio ( preferisco glissare), il Fratello MAggiore, un Puttaniere, i Fratelli, autentici figli di Puttana, come FAntasyland appunto. Dunque, tra una MArketta ed un Pompino, un po' di Culo, TAnto Culo... si sbarcava il Lunario. Or la VAcca è morta, ma si Espone la Santa VAgina pei Pellegrini. Buonanotte, FAntasylandiaci.
  • romeo c. Utente certificato 3 anni fa
    La prima conseguenza dello smantellamento dello stato italiano è che tutti i debiti terrificanti dei poveri cittadini nei confronti di EQUITALIA cesserebbero automaticamente di esistere venendo meno l'esistenza dello stato italiano CHE GODURIA! CHE SALVEZZA PER TUTTI!!!!!!! VIVA GRILLO!
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      QUA SBAGLI, EQUITALIA CAMBIEREBBE NOME MA LE TASSE AUMENTEREBBERO PER GARANTIRE I PRIVILEGI A CHI GIA' COMANDA LA REGIONE...
  • Antonio* °Cataldi (capisc'a me) Utente certificato 3 anni fa
    Italia unita ? Nella realtà dei fatti a sud del Lazio, l'Italia é un deserto, solo che nessuno se ne accorge perché la tv non dice niente.... Vivono tutti in un sogno. Capisc'a me
    • Antonio* °Cataldi (capisc'a me) Utente certificato 3 anni fa
      Scusate gli errori ortografici scrivo con il telefono... Capisc'a me
    • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
      Solidarieta' ai Camorristi, anche. RAmmenti l'episodio dello scippo alla Donna ed il testimone, cacciato in malo modo? Aiutavan il CAmorrista a salire sulla moto... Un po' come lo stato che Regala Miliardi alle BAnche del Nord...
    • Antonio* °Cataldi (capisc'a me) Utente certificato 3 anni fa
      Zampano, si vede che sei nuovo e si vede che comunque non hai capito niente. La solidarietâ e solo una parola. Capisc'a me
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      TU NON FAI SOLIDARIETA' PERCHE' SEI UN POVERO TROLL DEL MENGA, MA NAPOLI E' BEN NOTA PER LA SUA SOLIDARIETA'...
    • Antonio* °Cataldi (capisc'a me) Utente certificato 3 anni fa
      Caro Zampano, spari più puttanate di Renzi..... Se io perdo il lavoro, della solidarietà, come la chiami tu quella virtuale, a me me passa per l'anticamera della úalléra.... E poi avete rotto con la munnezza, digita su you tube mondezzai e il nome del mio paese e scoprirai che della solidarietá dalle parti mie c'è n'è sbattiamo. Capisc'a me
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      L'ITALIA E' UNITA SI, BASTA VEDERE QUANTA SOLIDARIETA' QUANDO SUCCEDONO PROBLEMI DI OGNI SORTA (MONNEZZA A NAPOLI INCLUSA).
  • Paolo Passoni Utente certificato 3 anni fa
    ...e poi vendiamo il regno delle due sicilie agli arabi, così magari tagliano la testa ai mafiosi, la Sardegna alla Francia (forse un buona affare per entrambe), il regno pontificio no perché c'è il Papa e il Vaticano che sono il centro di riferimento per 1.3 miliradi di cattolici nel mondo (qualcosa di importante a livello internazionale ancora l'abbiamo e quarda caso non fa parte dello stato italiano)...il nord a chi lo diamo? Agli austrici? Contano meno del due di picche. Alla Germania?...potrebbe essere un affare...per loro! Alla Svizzera? Hanno appena votato che non ci vogliono. Alla Francia? Ma poi, quello delle due venezie che ha sposato una delle due sicilie che fa? La moglie viene naturalizzata? E se non vuole? E i loro figli? Doppio passaporto? E se tutti quelli delle due sicilie volessero essere annessi alle due, tre, quattro venezie? Costruiamo un muro? Però se assegnamo la costruzione alla Impregilo siamo daccapo
  • graziano . Utente certificato 3 anni fa
    i simpatizzanti pdini dovranno farsene una ragione il m5s non lo ferma piu nessuno, auguro ha tutti, escluso i giuda, una buonanotte in alto i cuori e sempre M5S
  • Domenico Cacciato Utente certificato 3 anni fa
    REGNO DELLE DUE SICILIE...SE FATTO BENE POTREBBE RITORNARE IL PASSATO!...MA OGGI CARO BEPPE NON CI SONO PIÙ I NOBILI AL COMANDO DEI SUDDITI PURTROPPO OGGI CI SONO LE FAMIGLIE DI MAFIA MODERNA CHE COMANDANO GLI SCHIAVI!QUELLA MEDIA BORGHESIA MAFIOSA CHE PRETENDE RISPETTO SUCCHIANDOTI IL DESTINO!...MAFIA CHE SI È PERSA UN TRENO ANTICO!!OGGI IL REGNO DELLE DUE SICILIE NON PUÒ ESISTERE! NON VOGLIO FAR POLEMICA CON TE BEPPE ANZI SAREBBE MOLTO BELLO SOTTO MOLTI PUNTI DI VISTA DIVIDERE L'ITALIA IN DUE O IN TRE NE RICONOSCIAMO I MOTIVI!MA IL PROBLEMA REALE A MIO MODO DI VEDERE STA PROPRIO NELLA MAFIA DEL III MILLENNIO!...CON MOLTE REGOLE CHE NESSUNO DI LORO RISPETTA!DOVE ORMAI NON CI STA NESSUN PRINCIPE CHE LI TIENE CALMI CON I SOLDI!OGGI HANNO SOSTITUITO QUELLO PER CUI COMBATTEVANO "I NOBILI"!QUEI NOBILI CHE TUTTO POTEVANO PERCHÉ POTENTI MA CHE DOVEVANO STAR MOLTO ATTENTI AI BEATI PAOLI!OGGI ANZI ALMENO DAL 1950HANNO FATTO SOLDI A PALATE CON LA COCA VENDUTA IN AMERICA FIN DAL'50E CONTINUANO ADESSO NEL MONDO! UNA DOMANDA:MA CHI SI BATTE OGGI AL SUD E IN SICILIA AL FIANCO DEI PIÙ DEBOLI??? CI VORREBBE UN SUD MILITARIZZATO PER SRADICARE L'ERBA CHE ORMAI NON CRESCE PIÙ VERDE IN SICILIA MA BLU!CI VORREBBE UNA COSCIENZA CONDIVISA AL SERVIZIO DEGLI ALTRI!L'ITALIA DIVISA CON I SOLDI A NAPOLI PIUTTOSTO CHE A PALERMO VORREBBE DIRE SOLO UNA COSA CON LA SITUAZIONE ATTUALE... VI DIAMO I SOLDI, FATE CIÒ CHE VOLETE MA RIMANE NELLA VOSTRA TERRA! IO SONO PER UNA ITALIA LIBERA ED ANCHE PERCHÉ NO PER UN REGNO DELLE DUE SICILIE LIBERO DA NOBILI E MAFIOSI...SONO ANCHE PER COMBATTERE I PREPOTENTI E GLI INCAPACI MA QUESTO ADESSO E DOVREMMO PENSARCI PRIMA BEPPE PERCHÉ POI SAREBBE TROPPO TARDI! IL SUD ED IL POPOLO SICILIANO HA PAGATO TANTO ALMENO DAL 1847-48 AD OGGI! NON UCCIDIAMO COSÌ TANTO PER FARE...LA SPERANZA DELLA GENTE ONESTA DEL SUD!!!PER FARE BISOGNA PENSARE E PENSARE BENE PER FARE MEGLIO SI PUÒ! GRAZIE BEPPE PER QUESTO SOGNO DIVENTATO REALTÀ! GENTE PARTECIPAZIONE! LUCA
    • Domenico Cacciato Utente certificato 3 anni fa
      MANDIAMO A FANCULO LA POLITICA CHE HA AFFOSSATO L'ITALIA E LA MAFIA CHE DA ANTICA S'È FATTA MODERNA DIVORANDO TUTTO QUELLO CHE NON HANNO PRESO I POLITICI DI MERDA ED IL FUTURO DEGLI ITALIANI TUTTI!!! GENTE PARTECIPAZIONE!...VOTIAMO E FACCIAMO VOTARE IL MOVIMENTO 5 STELLE QUESTA È UNA LOTTA COMUNE PER TUTTA LA GENTE ONESTA D'ITALIA!QUELLI CHE NON CAPISCONO O FANNO FINTA DI NON CAPIRE PERCHÉ COLLUSI CON IL SISTEMA VADANO A FANCULO! GRAZIE BEPPE E CASALEGGIO PER QUESTO SOGNO DIVENTATO REALTÀ! LUCACACCIATO
    • Domenico Cacciato Utente certificato 3 anni fa
      Scusami ho sciacciato male! GIORGIO NAPOLITANO UNA PEDINA IN UNA ITALIA BASTARDA COME LA NOSTRA E COME UN GRANELLO DI SALE NELLA SABBIA DEL MARE! CI SONO TANTE MA DICO TANTE PERSONE DA MANDARE VIA E SUBITO!
    • graziano . Utente certificato 3 anni fa
      ma abbimo pur sempre il conte napolitano di savoia re giorgio d'italia, e ti sempra poco?
  • Massimiliano Princigalli Utente certificato 3 anni fa
    Trovo questa di Beppe, una provocazione. E' infatti indubbio che se fossimo per assurdo un "Land tedesco" conquistato, quanto meno non avremmo a che fare con questa classe politica collusa e schiava dei poteri forti e dei propri privilegi a cui non si può rinunciare... Qui il vice-direttore dell'Atac assume senza concorso e con i nostri soldi, una segretaria che fa la cubista, pensate che all'estero sia così? Io spero che Renzi che "corre" per mettersi seduto nella sedia a sinistra della Merkel, rappresenti l'ultimo governo fatto in questa maniera...e spero che finisca presto. Vogliamo tornare al voto. Chissà che si possa liberare l'Italia (finalmente unita) una seconda volta. Siete il nulla. Forza M5S.
  • Gian Carlo 3 anni fa
    Ogni tanto Beppe si diverte a sfidare la nostra intelligenza con qesti post. Ha messo una cartina geografica che c'entra niente con qel che scrive. La Corsica, come Nizza e savoia sono beatamente francesi. La Dalmazia è croata. Siena e Firenze sono divise... Cosa vuole dirci allora? oltre che qesta Italia si sta sfasciando? Penso che ci sta proponendo un sistema federale fatto da macroregioni più che la disgregazione territoriale che aventa. Mancano "piccoli dettagli" NON DA POCO. Con qali poteri? Inoltre: privilegia la divisione proposta dalla Fondazione Agnelli o la divisione proposta dall'istituto Geografico Italiano? Infine: le popolazioni avranno diritto di scegliere a qale territorio appartenere?
  • Lorenzo Mercurio 3 anni fa
    La storia non si fa con i 'se' e con i 'ma', o diventa utopia. La storia si fa con la consapevolezza che un giorno, se lo vogliamo, le cose potranno cambiare, grazie a un processo da innescare OGGI e in PRIMA PERSONA, senza deleghe. Eppure moltissimi, oggi, continuano a dire "Sarebbe bello ma rimane un sogno": rimane un sogno perché siamo noi a volere che resti tale. Basta volerlo realizzare, per far sì che diventi realtà... un giorno forse non troppo lontano. Viva la Sicilia.
  • Danilo Petrozzi Torino 3 anni fa
    Beppe la lega ha detto che ti aspetta... Ahagaha Mamma mia quanto so finti e fanno finta di non capire un cazzo di quello che dici.. So proprio ridicoli... Se prima dicevo tutti a casa e tutti a fare in culo ora dico tutti a studiare ma fuori da questo paese.. Ti voglio bene Beppe anche a Roberto.. Un abbraccio a voi e alle vostre famiglie... Dato che vi saluto sempre come se vi conoscessi, voglio far presente che non sono un folle, anzi, ma è per affetto perché so quello che siete e quello che vivete per noi..
  • Nando 3 anni fa mostra
    Dal momento che scrivete tutti come forsennati, perchè non vi prendete una piccola pausa e andate fare la cacca!! Visto che ultimamente nel blog si respira aria demenziale!!
  • Rita L. Utente certificato 3 anni fa
    Ma i troll del pd sanno leggere? Penso di sì, visto che scrivono. Ma capiscono ciò che leggono? Secondo me no.
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      GRAZIANO, TI HANNO MAI MANDATO A FARE IN CULO? E' LA VOLTA BUONA, APPROFITTANE!
    • graziano . Utente certificato 3 anni fa
      ciao zampano, un consiglio prova ha rileggerti il tutto con calma senza pisciarti nei calzoni e vedrai che forse capirai meglio il significato del post
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      SE L'ARGOMENTO E' LA SECESSIONE, IL M5S NON SI AFFERMERA' ALLE EUROPEE, PUOI STARNE CERTO.
    • graziano . Utente certificato 3 anni fa
      cara rita, apparentemente hanno la vista offuscata e una paura matta di vedere il m5s sorpassare il pd alle europee cosa che li farebbe implodere
  • gianfranco ferroni Utente certificato 3 anni fa
    Caro Beppe Grillo ! Finalmente si incomincia a sentire qualcosa di serio. D'accordissimo ,
  • graziano . Utente certificato 3 anni fa
    grande beppe fai uscire allo scoperto tutti gli infiltrati che sono nel mv solo ed esclusivamente x un loro tornaconto personale, anche un post provocatorio come questo li fa uscire allo scoperto, hanno la bava alla bocca non riescono ad addentare nessun osso, dovranno tornare nelle file del pd con la coda fra le gambe e la pancia vuota
  • Josef Dzugashvili (stalin) Utente certificato 3 anni fa
    Beppe ti prego: scrivi un post in cui spieghi che era uno scherzo.. Insultaci, me e quelli come me che non hanno capito la tua sottile ironia..
    • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
      Gia' non hai capito, perchè insultarti? Una sola Disgrazia, basta ed Avanza... HAi bisogno di Affetto e Calore. BAci, tanti BAci Appassionati. Dai, scongelati, Signore del Gelo... ;)
  • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
    Ecco, pongo formale Dichiarazione della Costituzione della Repubblica di Figonia. Per ora circoscritta alla mia umida Dimora... Quale giornata piu' idonea? Notte, pistolini. Se non osate, non Montate... :)
    • immagina nuovi orizzonti 3 anni fa
      grazie per avermi risposto con le sue idee, sempre frizzanti. mi piacciono le persone frizzanti e colte. Li auguro una piacevole notte di fantasie.............immagina nuovi orizzonti
  • VITO 3 anni fa
    Le nazioni europee non contano più a nulla nel panorama mondiale,figuriamoci quanto conterebbero questi staterelli con i colossi USA, Russia, Cina, India ecc.. questo post è fuori dalla storia, l'Italia del passato è finita, adesso si parla di Stati Uniti D'Europa, il mondo va avanti non indietro. L'Italia aveva il Regno Delle Due Sicilie che era ricco e prospero, superato solo da Francia e GB, fu conquistato da un nord povero e sull'orlo del fallimento, derubato e martoriato fino al 1945. dopo aver costretto il sud a diventare Italia a forza di massacri, è spiacevole ridividersi, specialmente con il seme delle mafia che fu trapiantato. Se il sud diventasse indipendente diventerebbe come la Nigeria, Congo o Messico,la guerra civile insomma. L'unica soluzione è restare uniti e combattere mafie e corruzione con leggi molto più severe, abbiamo i mezzi per essere un grande paese.
    • Salvatore I. Utente certificato 3 anni fa
      Condivido la premessa ma non la conclusione. Le regioni dell'ex regno delle due sicilie con la propria indipendenza si libererebbero del nord colonizzatore e dialogando direttamente con la UE riuscirebbe finalmente a svilupparsi secondo un piano economico sostenibile
    • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
      Ogni Bonta', lascia un segno nell'Animo poichè Dolce... Altro che Severita'. MMe Boldrins in Incognita?
  • Beppe Da Monaco (odio la mafia) Utente certificato 3 anni fa
    Il Cap de lo Stat se chiamm Napolitan. Il Cap de lo Stat se chiamm Napolitan. E s'è fottut la Costituzion. Il Cap de lo Stat ha volato Low Cost. Il Cap de lo Stat ha volato Low Cost. E s'è tenuto pure il Rest. Il Cap de lo Stat attac i cinq stel. Il Cap de lo Stat attac i cinq stel. E guadagn più di Obama e Merkel. Il Cap de lo Stat difend la Boldrin. Il Cap de lo Stat difend la Boldrin. Lei si che è una Istituzion.
  • marco e Utente certificato 3 anni fa
    IO CON LO STATO PONTIFICIO NON CI STO, CARO BEPPE!!!!
  • JACK A. Utente certificato 3 anni fa
    non capisco tutte queste critiche al post di Beppe.. a me l'idea di decentralizzare i poteri non dispiace affatto. Chi ci affianca alla Lega prob. non ha capito
  • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
    Queste TAsse son Insostenibili. Equiparabili all'Omicidio. Viva l'italietta dell'Operetta. Piu' che una Scenata, ormai una Sceneggiata. NApoletana. Quadripolitania, la si direbbe. Un passo oltre la Tripolitania...
  • romeo c. Utente certificato 3 anni fa
    Grillo ha capito una cosa fondamentale: è impossibile destabilizzare uno stato mafio-massonico come quello italiano che è parte integrante di strutture internazionali potenti come UE e NATO. C'è solo un modo per farlo e che è tollerato da tali organizzazioni: le secessioni!
    • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
      Affatto. Tanti piccoli staterelli rafforzerebbero le Difficolta' a pianificare dittatorelli. Sarebbe un MArasma caotico, pieno di ribellioni. Sarebbe unArcipelago GAza. Un Inferno per le amministrazioni colonialiste. Un po' come Dieci Afghanistan contemporaneamente. Conflitti inarrestabili e Salme da rimpatriare . Sai l'opinione pubblica che culo farebbe al governo? Nemmeno lo immagini.
    • Josef Dzugashvili (stalin) Utente certificato 3 anni fa
      si bravo. è tollerato perché per loro è MEGLIO : se hanno qualche difficoltà a controllare uno Stato come l'Italia, divisa in tanti piccoli staterelli non avrebbero più alcuna difficoltà...
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      BRAVO, COSI' LA SECESSIONE DA IN PASTO A MAFIOSI E CAMORRISTI L'INTERO TERRITORIO! SE LA LEGA AVESSE GESTITO LA PADANIA (E NON UNA PARTE D'ITALIA) ROMA NON AVREBBE MAI SCOPERTO LE SUE RUBERIE! VOGLIAMO PARLARE DI BASSOLINO IN CAMPANIA E DEL FATTO CHE IN SICILIA 1 DEPUTATO SU 3 E' INDAGATO? SENZA UNO STATO, OGGI QUELLE TERRE DIVISE SAREBBERO IN BOCCA AI PEGGIORI CRIMINALI, GENTE CHE SCIOGLIE LE PERSONE NELL'ACIDO O CHE LE FA SPARIRE PER SEMPRE. BISOGNA UNIRSI E CACCIARE QUESTI CRIMINALI FUORI DAI CONFINI. SOLO COSI' L'ITALIA POTRA' RISORGERE PIU' GRANDE E BELLA DI PRIMA!
  • Pietro Melis Utente certificato 3 anni fa
    La divisione dell'Italia in 3 macroregioni fu un'idea del costituzionalista Gianfranco Miglio, ispiratore della Lega sino a quando Bossi abbandonò questo progetto per l'indipendetismo, che fu poi abbandonato per ritornare al federalismo ma senza più macroregioni. Insomma: un continuo ondeggiare senza un progetto politico che non fosse quello di lasciare quasi tutte le tasse al nord.E questo sarebbe anche giusto. Se io vivessi nel nord che interesse avrei a inviare trasferimenti alla Sardegna dove vivo? Non ho mai capito perché nel nord la Lega non sia diventata mai partito di maggioranza almeno relativa se non assoluta. Sono quasi tutti masochisti quelli del nord oppure dei sentimentali che coltivano il mito dell'Italia unita? Comunque, il regionalismo attuale non funziona perché serve solo a dissipare danaro pubblico. O divisione dell'Italia sulla base di referendum che permettano ad ogni regione di decidere di continuare a far parte di un'Italia con un governo centrale oppure un forte governo centrale che spazzi via anche le regioni oltre che le province. Senza via di mezzo. Ma se Grllo si pone sulla via di un federalismo confinante con la secessione non avrà più voti al sud ormai abituato a vivere alle spalle del nord. Se vuole fare concorrenza alla Lega non prenderà maggiori voti nel nord e ne perderà nel sud. L'unità d'Italia è stata fatta male dai Savoia dividendo l'Italia in due parti: un nor industriale e un sud agricolo. Il sud stava meglio sotto il regno borbonico e subì le conseguenze negative di una falsa unità d'Italia.
  • PAOLA M. Utente certificato 3 anni fa
    CHE SIA NECESSARIO UN CAMBIAMENTO RADICALE DI UN SISTEMA PUTRIDO CHE STA IMPLODENDO ORMAI ANCHE L'ULTIMO ADDORMENTATO SE NE STA ACCORGENDO...ANCHE SE CONTINUA A FARE LO STRUZZO PER PAURA...I CAMBIAMENTI NON PIACCIONO E INDUCONO PAURA E ANSIA...ALLORA IL VERO CAMBIAMENTO DEVE AVVENIRE PRIMA DI TUTTO DENTRO DI NOI, SE NON CRESCIAMO NOI COME ESSERI INTELLIGENTI E PENSANTI E LIBERI, CI SARA' SEMPRE QUALCUNO CHE DA FUORI CERCHERA' DI MANIPOLARCI E FREGARCI...EVOLVIAMOCI E SENTIAMOCI PARTE DI UNA COMUNITA' FATTA DI PERSONE SERIE E LEALI, CAPACI DI ESSERE COERENTI E SOLO ALLORA POTREMO PRETENDERE LA COERENZA ANCHE DAGLI ALTRI...E FACCIAMOLO QUESTO SALTO EVOLUTIVO...NON SE NE PUO' PIU' DI TUTTA QUESTA IGNORANZA SPIRITUALE CHE CI IMPEDISCE DI VEDERE OLTRE IL NOSTRO NASO...NOI SIAMO MOLTO DI PIU' DI QUELLO CHE CI HANNO FATTO CREDERE FINO AD ORA...SE DIVENTIAMO TUTTI CONSAPEVOLI DI QUESTO ALLORA IL MONDO FINALMENTE COMINCERA' AD ESSERE MIGLIORE...E SOLO ALLORA POTREMO VEDERE REALIZZATO IL SOGNO DI UNA SOCIETA' PIU' GIUSTA, BASATA SULLA VERITA', SULL'AMORE, SULLA COOPERAZIONE ANZICHE' SULLA GRANDE TRUFFA DELLA COMPETITIVITA' IDEATA SOLO PER MANTENERCI SEPARATI NELLA NOSTRA IGNORANZA INDIVIDUALE...L'UNIONE FA LA FORZA E SPAVENTA MOLTO CHI CI VUOLE CONTROLLARE E MANIPOLARE...UNITI POSSIAMO FARCELA, NOI SIAMO MILIONI, LORO MOLTO MENO ANCHE SE CI FANNO CREDERE DI AVERE IL POTERE...IL VERO POTERE E' DENTRO DI NOI...SVEGLIA ITALIANI, E' ORA DI ALZARE LA TESTA E APRIRE IL CUORE, SPEGNIAMO LA TV E ACCENDIAMO IL CERVELLO...
  • Leopoldo Leopo Utente certificato 3 anni fa
    E se domani .... potessi pagare il 19% di tasse in Italia? Non è domani che potrai pagare il 19% di tasse, E' GIA' REALTA OGGI CHE PUOI PAGARE IL 19% DI TASSE IN ITALIA. I dipendenti pagano il 50%. Le aziende (e liberi professionisti) pagano il 50%. TU VUOI CONTINUARE A PAGARE IL 50% O Vuoi pagare il 19%? http://www.umarcocali.com/2014/03/ecco-come-pagare-il-19-di-tasse-sulla.html
  • Giovanni D. Utente certificato 3 anni fa
    NON E' MANDANDO QUESTA CLASSE POLITICA A CASA CHE SI RISOLVE IL PROBLEMA ITALIA.. PERCHE' NE VERREBBERO DOPO ALTRETTANTI UGUALI E MAGARI PEGGIORI.. E' IL SISTEMA CHE VA CAMBIATO RADICALMENTE.. OGGI DIVENTARE POLITICO E DIRIGENTE DI UN'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA.. CHE SIA A LIVELLO NAZIONALE O LOCALE.. DA LA POSSIBILITA' DI ACCEDERE A GRANDI PRIVILEGI.. BISOGNA FAR SI CHE QUESTI PRIVILEGI VENGANO ABOLITI.. RIFORMANDO TUTTA LA MACCHINA DELLO STATO.. IL M5S STA FACENDO UN OTTIMO LAVORO IN QUESTO SENSO.. MA LA RIVOLUZIONE E' APPENA INIZIATA.. QUESTI SONO PROCESSI LUNGHI CHE RICHIEDONO TEMPO.. IDEE NUOVE.. L'IMPORTANTE E' AVER COMINCIATO.. NON DOBBIAMO AVER FRETTA.. NON SI RICOSTRUISCE UNA NAZIONE IN MACERIE MATERIALI E MORALI COME L'ITALIA IN POCHI MESI..
  • Tattu Turiddu 3 anni fa
    Beppe ed i suoi "sostenitori a prescindere" mi ricordano molto una scena del film "Il Gladiatore", quando Maximus, in una arena polverosa a Zuccabar, nord-africana, provincia romana, dopo avere ucciso rapidamente una serie di gladiatori, lancia la sua spada verso la platea, poi grida "Vi siete divertiti ? Vi siete divertiti ?", sputando per terra. Ecco... l'immagine è perfetta. Grillo urla alla divisione d'Italia e molti plaudono a questi vaneggiamenti. Vorrei suggerire a Beppe di studiarsi un pò di storia, per capire in quanti sono morti per difendere la nostra unità italiana ed i nostri confini nazionali (Vedi ad es. "I ragazzi del '99 " ). P.s. A meno che la vera strategia sia quella di affossare il M5S e consegnare un'altro bel pò di senatori e deputati al governo Renzi. Avallando, fra l'altro così, l'ipotesi dei detrattori che vedrebbero Grillo e Casaleggio al servizio dei poteri forti.
    • Tattu Turiddu 3 anni fa
      Ed io invece credo che ci siano troppi indizi che vanno nella direzione del pensiero unico, portato avanti dai detrattori del duo dell'apocalisse GC. Il trattato di Lisbona paventa la nascita degli Stati Uniti d'Europa, l'annullamento dei confini nazionali e degli stati ridotti a macroregioni dipendenti da Bruxelles, un rafforzamento della moneta unica e la costituzione di un corpo di Polizia unico europeo, individuato da numeri di serie sulle divise di ciascun milite. Se due indizi fanno una prova... mi sembra che qui siamo ben oltre.
    • pietro big stone 3 anni fa
      A parte che stiamo parlando di qualcosa di diverso dalla provocazione di Grillo, vorrei ricordarti che il Regno delle Due sicilie, prima della conquista da parte dei Savoia era uno stato che vantava alle sue spalle diverse centinaia di anni di storia così come lo Stato della Chiesa nel centro Italia. I vincitori scrivono la storia ma non sempre la ragione.
  • Gianluca S. Utente certificato 3 anni fa
    Non siamo noi a studiare ciò che sta scritto nei libri. Piuttosto sono gli scrittori che, dopo aver studiato cosa la gente vuole, scrivono i libri. Non sono gli italiani a fare l'Italia, ma è un costrutto burocratico chiamato Italia che ha fatto gli italiani. Vandrake
  • teodora a Utente certificato 3 anni fa
    ABBIAMO CAPITO:"per far funzionare l'ITALIA, è necessario decentralizzare poteri e funzioni a livello di macroregioni", si avete capito bene ITALIA. Si, ITALIA. Proprio così, ITALIA." S’E INCANTATO IL DISCO. L’Italia funziona se viene decentralizzata in macroregioni. Sembra un nuovo farmaco, che annienta corruzione, collusioni e rende tutti onesti per gestire le miracolose macroregioni. Ma siamo svezzati o rimbecilliti?!
    • teodora a Utente certificato 3 anni fa
      Che brutta cosa è la presunzione. Non tollera la libertà di pensiero, spinge all’insulto istintivo, alle più stupide congetture senza fondamento alcuno. Decreta impulsivamente giudizi avventati ed autosanna le proprie barriere Libera, impara la riflessione e il rispetto, prima di sparare a zero su chiunque non armonizza con i tuoi impulsi. Io vivo sulla terra e di esperienze di vita ne ho fatto a iosa, tu sei esperta della vita sulla luna tanto bene da attribuirla a chiunque non rifletta il tuo "pensier£(!!)
    • libera p. Utente certificato 3 anni fa
      Dove vivi sulla luna? Forse non ti hanno informata che l'Italia sta morendo per colpa di italiani idioti o corrotti che hanno votato e continuano a votare sempre gli stessi politici criminali? Forse non ti hanno informata che esiste un movimento di cittadini onesti che si chiama Movimento cinque stelle. Devi sapere che questo movimento lotta contro le ingiustizie, contro le ruberie dei politici, contro la mafia ecc. ed è molto scomodo al punto che lo stanno boicottando in tutti i modi. Inoltre, sappi, che al governo abbiamo un condannato massone, Renzi, che ha preso accordi con Berlusconi, altro condannato massone, praticamente uguali, che hanno avuto l'ordine dai grandi della finanza di impoverire l'Italia, perché se ne devono impossessare.... sulla luna come si sta?
  • immagina nuovi orizzonti 3 anni fa
    Ricordiamoci che siamo una Colonia Americana. Siamo sudditi, abbiamo perso la Guerra. Lascio a Voi le deduzioni.......Notte
    • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
      Appunto una serie di rivendicazioni Repubblicane, Libertarie ci porrebbero al piano dell'Ukraina. Sai che smacco diplomatico per gli USa, con l'Onu a vagliar le Richieste? GAuarda che nessuno lo puo' Impedire. Nemmeno Obama. Sarebbe un po' come le Ex repubbliche BAltiche. Ne scaturirebbe una Crisi e magari anche Concessioni. Certo, chi mangia alla solita cuccia...
  • Nando 3 anni fa
    Avete tutti nick fittizi, siete critici non avete conoscenza diretta se non il cuscino che vi supporta per non stressare le natiche! Io sono renziano perchè ho scritto la verità! Scherzo..... Ma voi da che parte state?
  • fulvio pedroni 3 anni fa
    E se dopodomani ti mandassi a quel paese?? La Serenissima e il Regno delle Sicilie, ma per favore va'..
  • romeo c. Utente certificato 3 anni fa
    sono un attivista duosiciliano e posso assicurare a tutti una cosa fondamentale che è questa: quando i popoli italici erano slegati da roma e indipendenti questi popoli erano tra loro molto più uniti e solidali che dopo l'unificazione del 1860. GRILLO, FINALMENTE! VIVA IL REGNO DELLE DUE SICILIE VIVA I POPOLI ITALICI INDIPENDENTI
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      MA VAFFANCULO TE E CHI T'HA MESSO AL MONDO...
  • Paolo B. Utente certificato 3 anni fa
    …forse sara’ solo una semplice provocazione,..o forse è solo un anticipare i tempi, o forse è una reazione dettata da dei segnali di cambiamento che altri non possono percepire. Occorre ..che uno (Beppe) si ponga un obiettivo cioè quello del miglioramento di una società …forse occorre un sogno..una visione …quello che gli altri possono solo giudicare come una semplice sciocchezza o una……… follia. Chi si appresta come Beppe Grillo, ad inseguire un obiettivo sociale elevato , è totalmente diverso di chi ha solo l’ambizione di ricchezza…e di onori per sentirsi ammirato e rispettato . E’ totalmente diverso da chi in modo fanatico vuol imporre ad una società …il suo credo…violando le volontà altrui. Uno come Beppe …. lo ritengo vicino più alla creazione di un progetto per gli altri …che al dominio degli stessi. Il progetto per gli altri (a sua volta) si avvicina di più al “dare”con altruismo,…… Il dominio degli altri invece, si avvicina di più al “prendere”con egoismo. Sembra quasi che Beppe …ci stia chiamando, ma non con una forma di comando…...ma scandendo un appello con determinazione ,…un appello per adunare le nostre coscienze……..!!!! ***** Eposmail
    • Andrej Mussa Utente certificato 3 anni fa
      complimenti Paolo! A presto! Buona domenica! Andrej
  • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
    Scusate, ma se Km Zero per le Produzioni Alimentari, si impone per qualita', economia, tracciabilita', cosa contiene di Satanico per non esser applicato alla convivenza delle Persone? Continua alla noia; se la Repubblica di VAl di Susa ponesse una Costituzione Formale alle NAzioni Unite, come sarebbe possibile la TAv? LA MAfia sarebbe spiazzata in quel versante. Perchè l'Onu Accetta la Sovranita' alla Krimea e non a Chiomonte? Invii i caschi Blu al Cantiere, in vista di un PAlese Genocidio, piuttosto. I Princìpi, non son Opinioni.
    • antonella g. Utente certificato 3 anni fa
      grethe garbus, spero che tu, oltre a vivere all'estero, sia anche straniera....: ci fosse UNA volta che capisco quello che scrivi!
    • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
      HAi ragione. Non è necessario Volare, camminare erette. Si puo' continuare benissimo a quattrozampe, è piu' comodo e permette di mostrare la Figa da di dietro ai Cani.
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      MA TANTO TU VIVI ALL'ESTERO, QUINDI PENSA AL PAESE TUO...
  • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
    SE LA PADANIA FOSSE TERRA A SE' STANTE, BOSSI IL TROTA, BELSITO Co. AVREBBERO CONTINUATO CON I LORO GIOCHINI E SENZA INTERVENTO DELLO STATO CHISSA' QUANTE PORCATE NON SAREBBERO MAI VENUTE ALLA LUCE! NEMMENO LE MUTANDE DEL COTA! ITALIA UNA E INDIVISIBILE.
    • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
      Mi pare che tu stia facendo un trattato di Zoologia. Se nel 2014 fosse davvero come tu affermi, meglio sarebbe Morire che non Vivere. Antigua, Isle of MAn, Belize , Lichtenstein, non mi pare che sian Bombardati e Deportati gli Abitanti. Svegliati...
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      DITTATURA? NON TI SEI ACCORTO CHE LA DITTATURA C'è GIA'? SI CHIAMA UE, UNIONE EUROPEA, E MENO VALI SULLA SCENA EUROPEA E INTERNAZIONALE E' PIU' FACILMENTE VIENI SODOMIZZATO DALLE GRANDI POTENZE! DIVIDE ET IMPERA, DICEVANO I ROMANI ED E' QUELLO CHE STA SUCCEDENDO IN ITALIA PER VOLERE DI UN BRANCO DI IDIOTI. CREDI CHE L'UE O LA FRANCIA O QUALSIASI ALTRO STATO RISPARMIEREBBE TERRITORI PICCOLI E DEBOLI, CHE NON POSSONO OPPORSI NEMMENO MILITARMENTE? VERREBBERO INGLOBATI E LA POPOLAZIONE POTREBBE PURE ESSERE CANCELLATA, COME E' GIA' SUCCESSO AGLI ITALIANI DI ISTRIA E DALMAZIA! STUDIATE LA STORIA, CAZZO!
    • grethe garbus (white venus) Utente certificato 3 anni fa
      Non sono daccordo. LA comunicazione al tempo del Web è Supersonica. Divulgato l'inganno, in loco, sarebbero partiti i Linciaggi. ... Veri, non Mediatici. Mi par ovvio che il rischio Dittatura sarebbe fortissimo, ma comunque limitato a quella superficie, circoscritto. Un Antidoto all'Infezione. Il Mondo Globalizzato, ha esteso l'Abnorme. Occorre tornare a misure piu' Umane, a partire dalle dimensioni delle Comunita'. Insieme ad un Disarmo Plurilaterale. ALtrimenti: Puff! L'egoismo ci portera' all'Isola di PAsqua...
  • luca mezzalira 3 anni fa mostra
    Ah che bello leggere queste cose caro Beppe. Il primo partito d'Italia recitavi qualche mese fa, eh già, eppure come partito non avete combinato proprio niente a parte nascondervi dietro alle stronzate del premio di maggioranza e dei 4 soldi che avete restituito a questo paese non cambiando assolutamente niente. Perchè si avete ridato 4 denari, ma cosa avete cambiato per questo paese? non mi pare che siano arrivati i salvatore della patria. Purtroppo o per fortuna le persone vanno misurate con i fatti, quelli che voi non state facendo e tanto meno vi interessa fare e poco importa se a puttane ci mandate il paese giusto? voi siete coerenti, "tutti a casa" avete detto, ma chi dovrebbe governare poi... voi? Abbiamo visto tutti come vi state comportando all'interno del "gruppo", sembra di vedere il bimbo viziato Grillo che quando si stanca di giocare con qualcuno lo mette alla gogna, che metodologia profonda e matura di affrontare i problemi, sarebbe divertente vedere come gestiresti un'azienda con dipendenti... Ma per piacere, guardiamo in faccia la realtà caro Beppe, sei il dittatore del sotto scala, uno ce n'era che veramente lo sapeva fare ed è inutile che provi ad imitarlo perchè ti riesce proprio male, la tua favola da aizzatore di folle finirà presto e proprio perchè i fatti non ci sono e non ci saranno. Per concludere caro Beppe, mi spiace solo che per l'ennesima volta molta gente ha creduto in qualcuno che di loro non glie n'è mai fregato niente e anche di questo se ne accorgeranno presto. Come direbbe qualcuno, ti abbraccio fortissimo, ciao Beppe
  • libera p. Utente certificato 3 anni fa
    Come attivista sarda del M5S sono testimone del complotto contro il M5S da parte di infiltrati di politici corrotti e collusi sardi. In Sardegna vige la ruberia totale, zero controlli. Amministrazioni pubbliche che sperperano il denaro dei cittadini tra politici, dirigenti, funzionari, impiegati, amici, parenti, società esterne, enti e agenzie, con speculazioni di ogni sorta, di tutto e di più.. mentre la Sardegna sta morendo con inquinamento, povertà, maltrattamento degli animali, dell'ambiente, speculazioni edilizie, centrali a biomasse, a carbone, servitù militari, industrie petrolchimiche, malattie cancerogene in aumento... Beppe, io sono decisamente per le macroregioni così qualcuno metterebbe loro dei paletti..
    • libera p. Utente certificato 3 anni fa
      Come puoi rispondere a delle ipotesi? Stai mettendo il carro davanti ai buoi, intanto leggiti il significato di macroregioni. Una vasta area che potrebbe comprendere anche una regione a statuto speciale del nord, perché no? In tutti casi non soltanto due regioni... le chiacchiere restano a zero. Se vogliamo salvarci si deve uscire da questo sistema politico marcio e stagnante. L'unica salvezza è il M5S.
    • Zampano . Utente certificato 3 anni fa
      MACROREGIONI? PENSA ALLA TUA ISOLA. SE VENISSE ACCORPATA ALLA SICILIA, LA SARDEGNA PRENDEREBBE ANCORA MENO SOLDI E CI SAREBBERO PIU' DISOCCUPATI CHE MAI! BISOGNA CACCIARE CHI GESTISCE E SMETTERLA DI CHIEDERE LA DISTRUZIONE DELLA COSTITUZIONE ITALIANA!
  • Beppe Da Monaco (odio la mafia) Utente certificato 3 anni fa
    Il Grande Vampiro va ammazzato con un piolo conficcato dritto dritto in mezzo al cuore. Il Mostro a più teste, CL Mafie e Banche, Logge massoniche più o meno segrete, poche famiglie che controllano l'informazione, lo stermini se distruggi il sistema di potere dei partiti, distruggendo i partiti stessi. Questi sono in stato avanzato di decomposizione, vanno trapiantati e non riformati dall'interno. Ne possono esservi alleanze alcune neanche di convenienza con chi ha sfasciato le fondamenta dello Stato minandole alla base con comportamenti irresponsabili oppure vigliacchi. Basta ridere, basta satira da quattro soldi viscida come il venditore di aspirapolvere porta a porta. Vogliamo la purificazione, siam pronti alla Morte per risorgere più forti e belli di prima.
  • piero 3 anni fa
    Beppe, ti prego, rallenta un attimo. Quello che dici può essere condiviso, ma però c'è troppa carne al fuoco....rallenta un pochino...ciao
  • Emma bonatto 3 anni fa
    Sull'onda lunga dell'Ucraina può sembrare realistico. Se dovessimo fare un referendum tutte le regioni di confine vorrebbero passa dall'altra parte. Però, però ricordiamoci i recenti disastri provocati dalla Lega e dagli amici del Pdl che per avere i voti dei leghisti hanno avallato la follia della secessione. Così facendo abbiamo dato una spinta incredibile alle regioni che oggi viaggiano da sole e non é raro trovare regole e norme che cambiano entro pochi metri dai vari confini. No vi prego restiamo uniti, uniti si é più forti. Io da pura piemontese non voglio rinunciare ai babbá e alle sfogliatelle e alla cultura siciliana, allo strudel o alla grolla. Siamo italiani, dobbiamo riconquistare l'unitá perduta non dividerci.
  • rino lagomartino Utente certificato 3 anni fa
    Caro Beppe, in quest'era dagli strafalcioni dei giornalisti che "formano" attraverso la ridondanza mediatica svergognata di oggi, la cultura di massa più becera della storia d'Italia, grazie alla quale neppure il più umile dei nostri concittadini sente più di appartenere a questo nostro paese divenuto mostruosamente surreale, profondamente ingiusto, una volta nobile e bello da morire e oggi guazzabuglio inverecondo d'interessi mondiali, crocevia di mafie e di malaffare sempre più sordido e zozzo, patria di passaggio e provvisoria usata da immigrati d'ogni razza e colore... Come Gambardella mi verrebbe da chiedere al mago della giraffa: "Fa sparire anche me, ti prego". Ma è tutto è un trucco. Tutto ormai è fasullo, tutto è opinabile, tutto è sconfessabile, niente ha senso, nulla è sicuro, certo se non la china verso cui stiamo slittando. Quello che i governanti hanno detto ieri verrà contraddetto domani nel nome di una perversa coerenza nel prendere per il culo i cittadini Tutto è menzogna. Vanità delle vanità tutto è vanità. In questo marasma di babele ho trattenuto un commento letto in qualche post del movimento, scritto da non so chi e che parrebbe uno dei tanti slogan ad effetto di questo periodo: "Io che sono un cittadino qualunque ho scelto di aderire al movimento di Grillo non perché la penso come lui ma perché è lui che mi ha dimostrato di pensarla come me". Grande. E difatti poco fa leggendo questo post "E se domani" ho sorriso. Qualche mese fa avevo scritto la stessa, identica, sputata cosa : "Sogno di tornare ad un'epoca pre carbonara, al regno delle due Sicile, di Napoli... e rifare tutto da capo," Andrò a cercare quel mio commento e