100 impianti fotovoltaici per le famiglie più disagiate

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

articolo tratto da gse.it

La sostenibilità ambientale può essere declinata in diversi contesti, non solo in quello energetico con l'efficienza e le fonti rinnovabili. Un altro contesto importantissimo è quello sociale, o meglio dell'inclusione sociale.

Quando abbiamo deciso di intraprendere la strada della sostenibilità, promuovendo progetti con i Comuni italiani, a partire dalle realtà più piccole e radicate nel territorio, pensavamo proprio a questo: a realizzare un qualcosa che avesse un riscontro concreto ed immediato per i cittadini.

Da qui la scelta di avviare un percorso con il Comune sardo di Porto Torres, siglando un accordo che consente di fornire a 100 famiglie più disagiate un impianto fotovoltaico (sotto i 20 kW di potenza) da installare sul tetto dell'abitazione, in modo tale che le stesse famiglie possano risparmiare circa 200 euro ogni anno sulla bolletta elettrica. Il protocollo d'intesa tra Porto Torres (in provincia di Sassari) e il Gse porta la data del 27 luglio 2017 e prevede un investimento da parte del Comune di 500 mila euro in due anni, attraverso un fondo rotativo che verrà poi sostenuto dalla vendita dell'elettricità solare alla rete. Il Comune dovrà anche selezionare le famiglie beneficiarie dell'iniziativa, mentre il GSE effettuerà tutte le pratiche per valorizzare l'energia prodotta dagli impianti attraverso lo Scambio sul posto. Il rapporto di Comodato attraverso il quale le famiglie riceveranno gratuitamente i pannelli fotovoltaici, durerà inizialmente 9 anni, rinnovabile per altri 9 e poi ulteriori 7. Complessivamente non più di 25 anni. Le famiglie beneficeranno dello Scambio sul posto (circa 200 euro l'anno), mentre il surplus ricavato dalla vendita dell'energia alla rete elettrica andrà al fondo rotativo attivato dal Comune di Porto Torres, in modo tale che anche altre famiglie possano beneficiarne.

Quello di Porto Torres è solo un piccolo esempio di come la collaborazione tra Pubblica amministrazione, Enti locali e privati, possa portare a un qualcosa di immediato e tangibile per la collettività. Un esempio, è questo il nostro auspicio, che speriamo possa essere replicato su scala nazionale, coinvolgendo altri comuni italiani.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Pierangelo Sardi ieri
    A Pescara ho potuto verificare che nel M5S è ben nota l'assurdità del divieto italiano di accumulare a scambiare energia solare fra vicini. L'abolizione di questo divieto, che sta nel programma M5S, sarebbe molto più utile che dare incentivi ai singoli. L'Italia è l'ultimo Paese a boicottare la proposta di direttiva europea che vieterebbe di vietare le comunità energetiche, proposte anche dall'Enciclica Laudato si'.
  • CARLO A. Utente certificato ieri
    Sì. Iniziativa lodevolissima. Cominciata ormai 6 mesi fa. Quante famiglie avete gia' allacciato? quanto quanto vi costa in media installare, al KW ? Con il GSE avete un contratto normale o vi pagano qualcosa in più, visto che la quantità si prospetta interessante? Bravo sindaco.!!! ma per favore, aggiornate i dati. E' belli sapere che andate avanti.
  • Paola 2 giorni fa
    Tutti dovremmo avere questa opportunità, di produrre energia e di vendere il surplus. E' bellissimo quello che avete fatto a Porto Torres.
  • Anna Speranza 2 giorni fa
    ciao Grillo. Vorrei scriverti una lettera per raccontarti la mia storia. sono sicura che ti piacerebbe. ci sono troppi fatti privati e non posso mettere in rete. Dove posso spedirtela ? Grazie per l'ascolto.
    • niko d. Utente certificato 2 giorni fa
      C'è il nuovo blog di Beppe. Prova a scrivere a info@beppegrillo.it Ciao
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus