A Torino è lotta alla sosta selvaggia

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Chiara Appendino

Questo video è il primo passo di una campagna di sensibilizzazione per un maggior rispetto del codice della strada e contro la sosta selvaggia che porteremo avanti nelle prossime settimane.

Non si tratta in alcun modo di voler intraprendere una guerra contro gli automobilisti, anche perché sappiamo bene che il codice della strada non lo rispettano nemmeno i pedoni che attraversano con il semaforo rosso né i ciclisti che sfrecciano sul marciapiede. Si tratta semplicemente di esigere da tutti il rispetto di quelle regole di civiltà che la maggior parte degli automobilisti già rispetta tutti i giorni.
Perché la "malasosta" di alcuni causa danni a tanti: pedoni, ciclisti, motociclisti e automobilisti stessi.

Un'auto lasciata in doppia fila, oltre a rallentare il traffico, può bloccare a lungo un mezzo pubblico con decine di persone a bordo, causando ritardi e disguidi all'intera collettività. Un veicolo accostato su una pista ciclabile mette a rischio la sicurezza dei ciclisti. Un'auto parcheggiata sulle strisce pedonali può bloccare a un disabile, o a una mamma con il passeggino, la rampa di accesso al marciapiede.
Negli ultimi anni il fenomeno è scappato di mano e noi abbiamo intenzione di invertire la rotta con decisione. Questa iniziativa riguarda la sicurezza stradale di tutti e non sarà sporadica né isolata ma verrà affiancata da altre. Saranno tutti tasselli che verranno assemblati per comporre un quadro di maggior decoro urbano, sicurezza e vivibilità della nostra Città, e io vi garantisco il mio personale impegno in questa direzione.

P.S.: ringrazio il gruppo Malasosta per i materiali messi a disposizione per la realizzazione di questo video

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus