Lo zaino dei bambini, l'ignoranza dei legislatori

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
zaino_bimbi.jpg

"Che il governo favorisca la carta stampata agli ebook lo si vede anche dalla differenze di IVA:
4% per i libri cartacei e 22% per l'equivalente elettronico. Inaudito!
Inoltre, mentre il resto del mondo manda i figli a scuola con un leggero tablet noi continuiamo a caricarli come sherpa di inutile e costosissima cartaccia come un Paese del terzo mondo.
Anche l'informatizzazione scolastica è slittata, per mano del PD e quindi di questo delinquente dalla rotativa facile, dal 2015 a data da destinarsi. Una vergogna, davvero." Mario C.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Enrica P. Utente certificato 4 anni fa mostra
    Gentile sig. Marco, il lavoro deve prima rendere a chi lo fa, altrimenti è la collettività che ne paga le conseguenze. Ci sono una montagna di esuberi in questo stato: provincie, comuni, regioni, aziende parastatali, scuole, ospedali che hanno esuberi e sprechi di costi inauditi. L'editoria dei giornali è un esubero costante, senza i finanziamenti l'editoria sarebbe già finita da un pezzo. Ci sta, ma per vivere e mangiare devo lavorare. Non c'è posto per tutti(posto di lavoro a tutti i costi)? Ok, come facciamo? Tralascio il fatto che un Apple Imac costa ben più di un pc standard...e dei libri per un anno di medie. Se poi il problema è il peso della cartella, ok. ci sono molte soluzioni e non passano tutte per forza attraverso l'e-book. Una l'ho citata nel precedente post. Un'altra sono i libri usati che possono essere integrati con le nuove note, le fotocopie esistono ancora, anche la carta riciclata è un'ottima invenzione. Poi ok, inseriamo anche un e-book, costo medio? Credo che a questi ragazzi si voglia rendere la vita sempre più semplice, meno faticosa, l'e-book è più qualcosa per non fargli fare fatica che per aiutarli. Vado un pò fuori tema ma mi chiedo: gli stimoli da dove gli arriveranno se trovano sempre tutto alla portata di mano con questa facilità? E se invece di farli ragionare, troviamo noi la soluzione? Quesi ragazzi non si "scornano" più. Al contrario di quelli che provengono da paesi con meno possibilità economiche. Non sono contro l'ebook, ma non credo nè che che si possa sempre sparare a a zero su una classe lavorativa, vista la situazione in cui ci troviamo in questo stato, senza pensare alle conseguenze, nè che per i nostri ragazzi sia così giusto trovare sempre una soluzione comoda a qualche fastidio, quale può essere lo zaino pesante.
  • Nicola Dolfi 4 anni fa
    Usare i libri in tutte le forme secondo il mio umile pensiero non è giusto e' uno spreco di risorse naturali ed in più molto costoso per il cittadino quindi , spero finalmente che i parlamentari dei 5 stelle riusciranno a sensibilizzare la ns vecchia politica ad abbandonare l' uso della carta in moltissimi settori facendo semplicemente un emendamento alle leggi ancora vigenti non ci vuole molto , basta la volontà
    • Enrica P. Utente certificato 4 anni fa mostra
      Spesso si tratta di carta riciclata, e la risorsa naturale che si usa è l'acqua. Che guarda caso è la stessa utilizzata nella produzione di un miliardo di altre cose come: tinte per l'edilziia, autovetture, bevande gassate, microchip,abbigliamento etc etc...che facciamo un emendamento per tutto e torniamo a vivere come l'uomo delle caverne?
  • Enrica P. Utente certificato 4 anni fa mostra
    Anche in quelle aziende che producono libri c'è gente che lavora e con uno stipendio da € 1.200,00 al mese. Vogliamo metterli tutti in mezzo ad una strada, loro e l'indotto che generano? Vogliamo far guadagnare costantemente solo le aziende made in Taiwan e far morire definitivamente anche quel poco che resta della nostra editoria manifatturiera? Chi credete che ci lavori dentro, i fantasmi che vivono di aria? L'Iva al 4% è stata formulata perchè, si sa, in Italia si è sempre letto poco. L'e-book andrà anche bene, ma non deve essere il fac totum! Avete notato come le calligrafie dei vostri figli siano peggiori delle vostre, e non sono passati 80 anni. Non sono più abituati a scrivere, a creare un grafico, a ragionare per disporre manualmente quello che hanno in testa. Pigiano solo dei tastini, e-book, tablet, smart hone, play station, ma non vedete che si sta esagerando? La soddisfazione di creare qualcosa non esiste più, esiste solo il gesto automatico e freddo del pigiare i tastini. Ma dove vogliamo andare, verso una pigrizia mentale infinita? Gentile lettore esistono anche gli zaini trolley, e se proprio non le piacciono sarebbe ora che i ragazzini cominciassero ad imparare ad organizzarsi dalla fine della lezione del lunedì il lavoro da fare per il Martedì o Mercoledì; i libri che non usano potrebbero lasciarli anche a scuola, o no?. Vogliamo anche tappargli il buco del culo e trovare una soluzione alternativa per non fargli fare fatica a fare la cacca?!
  • Antonello S. Utente certificato 4 anni fa mostra
    Mi chiedo...... Perche' devo fare la caccia al tesoro per trovare il link per poter scrivere, forse xche' devo vedere tutta la pubblicità ... Così scrocchi.... Mi chiedo....... Perché vi siete interessati in maniera spettacolare tu e tutta la tua muta di cani ammaestrati del decreto roma e nn hai sprecato le stesse energie per l' aumento delle tasse agli italiani non ammaestrati.... Cioè noi che vediamo trasformato il balzello.. Capisci questa parola... Dell' imu in altre tasse. Mi chiedo........ Perché il tuo branco ammaestrato non abbai..... Ed abbaia solo contro NAPOLITANO, CHE MERITA RISPETTO..... mi auguro che possa passare un felice2014
    • MARCO DI PIETRANTONIO 4 anni fa mostra
      Resistere alle provocazioni non e' facile,restare calmi e illustrare la propria opinione credo sia la cosa migliore.In questo blog leggi tu stesso e valuta se vi è un pensiero uniformato e filtrato come in tutte le altre fonti mediatiche.Io vedo critiche sane,dure come la tua... Quindi smettila,entra nel merito del tema.Preferisci avere l'armadio pieno di vecchi testi a cui i padroni dell'editoria amici dei politici,cambiano la copertina e giudicano inadatti costringendo i cittadini a comprarne di nuovi con costi per te, per l'ambiente e per la schiena di tuo figlio o passare al tablet?
    • Tukko67 aka (acronik-nauta) Utente certificato 4 anni fa mostra
      Noi abbaiamo tanto quanto muggisce tua....
    • roberto01 m. Utente certificato 4 anni fa mostra
      Ma non è vero!! Io commento sia da smartphone che da PC senza problemi... Ma perché scrivere tutte queste baggianate, basta! Comprati un quotidiano qualsiasi che oltre a prendere soldi pubblici sono alla continua ricerca di pubblicità che se non riesci ad accedere su questo blog non riesci neanche ad accedere alla posta elettronica o a qualsiasi altro sito con registrazione...
  • Giovanni G. Utente certificato 4 anni fa
    siccome questo e' il futuro, cosa volete che ne sappiano i nostri legislatori che di futuro non ne hanno? E soprattutto: cosa volete che gliene importi?
    • Mauri 4 anni fa mostra
      Con la robotica e le nanotecnologie il futuro è roseo mentre l'era informatica ci ha regalato un mondo privo di privacy cmq per chi conosce l'inglese consiglio di leggere questo articolo dello Scientific America, The reading brain in the digital age, uno dei tanti articoli che mettono in dubbio l'utilizzo di questo metodo per la lettura. http://www.scientificamerican.com/article.cfm?id=reading-paper-screens
  • Mauri 4 anni fa mostra
    Non sono daccordo, i libri di carta rimangono per sempre mentre quelli digitali saranno inutilizzabili in futuro. Se il signore vuole vivere di Ebooks libero di farlo ma senza rompere i marroni al prossimo. Per quanto riguarda il resto del mondo, direi che sia un affermazione opinabile. Volendo e concludo il signore può avvalersi di una libreria digitale sul suo ultimo gingillo informatico ma nelle scuole la carta deve rimanere se vogliamo che i nostri figli sappiano ANCHE scrivere. Per l'iva sono daccordo che la conoscenza non dovrebbe essere tassata. Ma come si fà a parlare di cartaccia, il mondo lo conosciamo grazie a lei e non agli ultimi 20 anni di rincoglionimento digitale!! .
    • Tukko67 aka (acronik-nauta) Utente certificato 4 anni fa mostra
      Spero per lei che il suo sia uno sfogo dettato da astio nei confronti di Grillo o di noi 5 stelle perché affermare che l'era informatica sia "rincoglionimento digitale" è da pazzi. Quanto all'uso della carta non so se ha presente cosa si macini per produrla, e per ultimo la carta sarebbe più duratura di un file digitale ? Questa è semplice ignoranza.
    • oreste l. Utente certificato 4 anni fa mostra
      può darsi che lei abbia anche ragione sulle maggiori capacità di scrittura che si hanno ad usare libri di carta (ma non credo), però il mondo lo conosciamo sicuramente di più grazie agli ultimi 20 anni di "rincoglionimento digitale"
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus