Lo scandalo del voto all'estero continua e il governo non muove un dito

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Vito Crimi

Qualche settimana fa le Iene denunciavano il caso di Mario Caruso, deputato che sarebbe stato eletto nel 2013 grazie a voti "comprati" all'estero. Adesso spuntano accuse anche per il senatore Aldo Di Biagio. Perfino Razzi, a modo suo, conferma l'esistenza di questo sistema criminale. Insomma sul voto all'estero si sta delineando uno scandalo senza precedenti.

Ma nessuno dice niente, NESSUNO HA IL CORAGGIO DI PARLARE. Da oltre un anno stiamo aspettando che il governo risponda alle nostre interrogazioni e richieste di chiarezza e d'intervento. L'anno prossimo si terranno elezioni cruciali per il futuro del paese e l'esercizio del voto deve essere protetto fino all'ultima scheda elettorale. Condividete il più possibile questa vergogna, continuiamo a chiedere giustizia.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus