Banche e paradisi fiscali

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

da Euronews.com

Le principali banche europee traggono enormi profitti nei paradisi fiscali a scapito delle finanze pubbliche. La nuova denuncia arriva dall’ultimo rapporto Oxfam secondo cui i 20 maggiori istituti di credito della zona euro realizzano circa un quarto dei propri profitti, circa 25 miliardi di euro, in queste giurisdizioni.

Tra le banche citate troviamo Unicredit, HSBC, Barclays, RBS, BNP Paribas, Crédit Agricole, Société Générale, Deutsche Bank, Santander.

Le stranezze non mancano, a analizzare le cifre, queste banche dichiarano utili nei paradisi fiscali pari al 26%, una ciffra d’affari del 12% e un tasso di impiego del 7%. Tra le le altre “stranezze” c‘è anche il fatto che nel 2015 queste banche hanno generato ben 628 milioni di euro di utili in Paesi dove non hanno neanche un dipendente.

Così, per esempio, BNP Paribas ha guadagnato 134 milioni di euro, tax free, alle Caiman, dove non ha alcun dipendente.

E ancora,le banche che operano nelle giurisdizioni con più bassi livelli d’imposizione risultano due volte più redditizie della media e i loro dipendenti hanno un livello di produttività quattro volte maggiore che altrove. Irlanda e Lussemburgo registrano circa un terzo dei profitti generati nelle giurisdizioni compiacenti. Solo nel Lussemburgo, i big delle banche, nell’esercizio fiscale 2015 hanno registrato 4,9 miliardi di euro di utili, “più che nel Regno Unito, Svezia e Germania messe insieme”..

In Lussemburgo e Irlanda si concentrano il 29% dei profitti fatti dalle banche nei paradisi fiscali. Secondo Oxfam, il rapporto è stato possibile grazie alle nuove regole sulla trasparenza dell’Unione europea.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Mario Are 8 mesi fa
    Peccato che in Italia non abbiamo un Macron, ma solo della mezze pippe!!
  • corine marta Utente certificato 9 mesi fa
    Grazie alla signora Josina lei mio aiuto per l'acquisto di casa a due in Francia e in Italia con il suo prestito è una donna di Dio ringrazio lei per sono aiuto e so dirti per 600.000 euro 600,00 euro con un tasso del 2% non manca la possibilità di voto è presso il prestitobancario2017@gmail.com
  • Carles Antonia Utente certificato 9 mesi fa
    La vita è molto semplice se noi non cerchiamo di rendere complicato. Questo è così è rendere la vita più facile e aiuta voi di non perdere la speranza che il signor DelBARIO Alexio mette ha disposizione di coloro che possono pagare di nuovo e ha chiunque soddisfano le condizioni dei prestiti che vanno da 500 a 50.000.000 milioni di euro. Interviene anche per investimenti a breve termine, le risorse e a lungo termine al fine di aiutare a pagare i tuoi debiti. Signor DelBARIO è in relazione a una banca per facilitare e rendere sicure le transazioni. È in collaborazione con il Ministero delle finanze e dell'economia, che lo rende più affidabile. Si lascia una possibilità di dialogo tra le procedure di pagamento e tasso. Per ulteriori informazioni vi preghiamo di contattarci da E-mail: delbarioalexio@gmail.com
    • Chistiana de dravo Utente certificato 9 mesi fa
      Io sono un particolare ragioniere pubblico certificato con il nome di DelBARIO sembrava che fornisce prestiti a international. Con un capitale che verrà utilizzato per fare prestiti tra privati a breve e lungo termine che vanno da 500 a 50000 milioni a tutte le persone a grave essendo nei bisogni reali, il tasso di interesse è definito in un dialogo aperto con il cliente. . I fornisce prestiti finanziari in tutte le aree seguenti dopo: casa prestito, prestito auto, prestito personale, prestito di investimento. Offro prestiti a breve, medio e lungo termine in collaborazione con il Ministero delle finanze e dell'economia e un periodo di rimborso a prezzi accessibili. Sono disponibile a soddisfare i miei clienti in un periodo fino a 72 ore dal ricevimento del modulo di domanda. Persona non grave astenersi cordialmente. Per ulteriori informazioni si prega di contattare: E-mail: delbarioalexio@gmail.com
  • Gino Sighicelli Utente certificato 9 mesi fa
    serra, donno, crimi, cari miei cretinetti, parlamentari di merda, voi non mi rappresentate; voi non state rispettando il vostro mandato cari miei cretinetti (serra, donno, crimi), parlamentari di merda, ve la metteremo nel culo; vi metteremo in grave imbarazzo il mandato è soprattutto tradito per il seguente motivo cari miei cretinetti, a proteggervi il culo in italia c'è un solo piccolo fatto: una legge referendaria con quorum del 50% cari miei cretinetti, avete fatto l'errore di smentire il mandato talmente clamorosamente che un quorum del 50% non vi sarà sufficiente (a proteggervi il culo) cari miei cretinetti, io so che in relazione all'immigrazione, seppure con un quorum pesante, l'italia è in tal caso come se svizzera fosse, poiché un 50% non sarà sufficiente a proteggervi il culo l'elettorato vi smentirà, clamorosamente. Il vostro arbitrio verrà deriso e vanificato cari miei cretinetti, sicuramente non verrete rieletti cari miei cretinetti, siete la rovina di un movimento che seppe dare speranza dicendosi democratico, mandò in parlamento gentaglia come voi: del solito tipo; del tipo che fa i soliti giochetti ipocrisia di chi, dicendosi democratico, continua a ignorare la volontà del suo popolo ipocrisia di chi pretende di essere lui a dover venire interpretato dal popolo (quasi che fossero preti) cari cretinetti serra, donno, crimi. vi siete coperti d'infamia cari cretinetti serra, donno, crimi, vi siete infilati in un mare di merda (e un cappio al collo)
  • dsdsds ghfrghfreza Utente certificato 9 mesi fa
    Grazie gentilmente entrare in contatto con questa donna, perché lei mi ha dato un prestito di 149.000 euro. Ecco il suo indirizzo e-mail personale:...... beatriceballey@hotmail.com
    • id &as Utente certificato 9 mesi fa
      smetto quando voglio! https://www.youtube.com/watch?v=XwgtfBDHwhk
  • lauriane dupont Utente certificato 9 mesi fa
    Popolazione e circa. Passiamo per il vostro canale per lanciare una chiamata li ha. Non lasciate fuorviare più da parte dei suoi prestatori che pubblicano i loro avvisi. Secondo le verifiche, le persone che potevate contattare così realmente volete un prestito senza problemi sono: - davilla.navarro@gmail.com - andersen.oliver12@gmail.com - developpement.aide@gmail.com Ecco le persone capace di voi aiutate e riempirsi. Io dirvelo e ve lo ripeto. Si sono i veri prestatori ha che potevate fare fiducia ed avere ciò che chiedete. Grazie a voi e volete in parlate alla vostra conoscenza per ridurre insieme i prestatori falsi.
  • Lorenzo P. Utente certificato 9 mesi fa
    Il punto è che in Europa non c'è nemmeno unità nella volontà di eliminare i paradisi fiscali, non ha alcun senso che nella UE ci siano diversi livelli di tassazione sulle imprese, ad esempio il Lussemburgo o l'Irlanda erano un vero e proprio paradiso su questo, peccato che fossero nella UE come noi e quindi non facessero una concorrenza tanto leale in materia fiscale. Si eliminino una volta per tutte i paradisi fiscali a livello internazionale e si stabilisca l'obbligo di avere la sede fiscale e legale nel paese di origine dove c'è davvero il cuore operativo dell'azienda.
  • Nicola Nicolini Utente certificato 9 mesi fa
    C'è un libro importantissimo su questi argomenti: "Poteri Forti-la morte di Calvi e lo scandalo del Banco Ambrosiano" scritto dal giornalista d'inchiesta Ferruccio Pinotti. Si leggono cose documentate e attendibili che dalla tv o dai quotidiani di regime non sapremo mai. Un esempio: "La Banca Vaticana può eseguire qualsiasi operazione finanziaria e spostare capitali in tutto il mondo al di fuori di qualsiasi controllo." Un vero e proprio paradiso: fiscale!
  • Alessandro P. Utente certificato 9 mesi fa
    visto che nessun giornale riporta mai la fonte ecco il link (52 pagine ma scritto grande e con tante immagini): https://www.oxfam.org/sites/www.oxfam.org/files/bp-opening-vaults-banks-tax-havens-270317-en.pdf Bisognerebbe prima leggere e poi farsi l'opinione sui documenti, non viceversa o peggio farsi un'opinione solo sulle opinioni altrui.
  • Costantino Rover 9 mesi fa
    Io il conto in banca l'ho chiuso nel 2011, ma dire di chiudere il conto non basta se non si possono preparare alternative al sistema bancario vigente a cui fare accedere le famiglie e i percettori del credito.
    • Gino Sighicelli Utente certificato 9 mesi fa
      dovresti anche però spiegare cosa poter utilizzare in alternativa
  • Ezio D'Alessandro Utente certificato 9 mesi fa
    Perdonatemi, ma non ci ho capito niente; forse a causa dei termini tecnici che non conosco. Allora provo a enunciare la funzione corretta di una banca. Una banca deve servire a raccogliere Risparmio remunerato e renderlo disponibile a chi Investe in Impresa, sotto forma di prestito remunerato; la differenza tra i tassi d'interesse da il profitto della banca che tolte le spese di gestione ha un guadagno. Divieto alle banche di giocare in Borsa con i nostri risparmi. Divieto al Ministero del tesoro di swappare le tasse pagate dai contribuenti. Errore! direte. No, nessun errore. Il debito pubblico si paga con il debito pubblico in parte; questo sono veri soldi che scompaiono nelle tasche dei creditori; l'effetto è che c'è meno moneta in circolazione, allora si swappa dal mercato finanziaro primario regolato a quello a rischio, il Tesoro incamera un pò di soldi e poi perde tutti i nostri soldi che gli ha dato con le tasse e i servizi pubblici si restringono sempre di più con il raggiro dell'efficienza che riduci riduci non ci sarà mai se non quando i servizi non ci saranno più. Spendo zero e non vado più in rosso con zero servizi.
    • Gianfranco B. Utente certificato 9 mesi fa
      Vai a cederti Brignagno in banca, mi pare in gennaio 2017 ospite di Proietti. Oltre a divertire da un'idea molto vicina al vero della banca. Ciao Talelbano
    • Gino Sighicelli Utente certificato 9 mesi fa
      te la metto semplice semplice: l'unico modo che in italia hai per poter tenere nelle tue tasche i tuoi profitti, è far figurare che i profitti li hai fatti all'estero, poiché all'estero puoi far figurare ciò che ti pare ad esempio: vendi macchinari di packaging automatico cibi e bevande in vari altri paesi (meglio extra EU)? fai 1000 di utili? basta far figurare che ne hai spesi 900 in vari svariati servizi (di consulenza, trasporto, montaggio e installazione, ecc.) e il gioco è fatto: 900/1000 (90% dei tuoi profitti) è diventato esentasse (magari ti toccherà pagare un 1% del 90% esentasse, ma il gioco vale comunque (alla grande) la candela) sicché infine abbiamo ottenuto che il mercato interno è totalmente inchiodato (su livelli di sussistenza) mentre quello import/export continua a marciare allegramente mistero buffo di un altro miracolo all'italiana
  • Gianfranco B. Utente certificato 9 mesi fa
    Inutile quanto capzioso girarci intorno. Se non riprendiamo possesso delle banche centrali, che debbono essere pubblichi per almeno 2/3, se non riformiamo le attuali e criminogene leggi, bancarie, se non rimettiamo in ordine al valore dei poteri, tutto quello potremo fare sarà vanificato dal potere tumorale che le banche esercitano a danno della società. Società che dovrebbe essere civile ma che sta, sempre di più, scadendo nell’inciviltà, nella barbarie, sociale, etica e morale. Talelbano
  • fidita gatuso Utente certificato 9 mesi fa
    Ciao Per la realizzazione dei vostri progetti che si cura di cui non hai abbastanza fondi, la soluzione è che la signora Josina gomez offerte di prestito diversi per i vostri progetti prima fino a 70.000 euro con un tasso del 2% -Viaggi e project financing per studi all'estero -costruzione sfondo imprese e gli investimenti in vari commercio e costruzione progetto e altro -Acquisto di affitto casa e appartamento -Acquisto di auto e prestito per la salute e l'educazione dei vostri figli -pronto soccorso per chiunque in pericolo -settore agricolo e mondo degli affari -finanziamento del progetto milioni Contattare il nostro servizio e-mail prestitobancario2017@gmail.com
    • Alessandro P. Utente certificato 9 mesi fa
      stavamo proprio parlando di banche ladre....
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 9 mesi fa
    È' questa l'Unione Europea che non ci piace. Possibile che una situazione talmente abnorme non si possa o voglia sanare?
  • Pierluigi Moggia 9 mesi fa
    Per chi volesse sostenere la causa degli attivisti genovesi a cui è stato negato il simbolo, questo il conto: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1358738774191877&set=a.639272389471856.1073741827.100001673035875&type=3&theater questa la conferenza di oggi: https://www.facebook.com/marika.cassimatis?fref=ts
    • Gino Sighicelli Utente certificato 9 mesi fa
      io non intendo sostenerli
  • Ermanno Faccio Utente certificato 9 mesi fa
    esponenti sono specializzati ormai solo nel cambia Casacca o nel cambia Nome. Come uscirne? Col cambia Sistema ovvero con la costituente di una nuova nazione basata sulla Democrazia Diretta e non rappresentanti, ma ausiliari a turnover ad essa. L’europa si sta già organizzando con un modello di parlamento virtuale, come in Italia solo il MoVimento dei Cittadini a 5 Stelle, si è organizzato con Rousseau. Appena giunti lì, parleremo solo di una del Basta Cambi.
  • Ermanno Faccio Utente certificato 9 mesi fa
    Non penso siano necessari commenti ad un fenomeno ormai decodificabile in termini di piacere del guadagno facile, e sprezzo per chi non ce la può fare, perché manca proprio una politica salvaguardista di chi resta al di fuori della perversione per le scommesse borsistiche - perché non ha neanche 2000 euro da investire, o perché non sa che rpotrebbero essere un bel gioco redditizio - , restando relegato, per l’altra grande escoriazione opportunistica della ludopatia, al gioco del #10eLotto o del #GrattaeVinci. Bisogna provare per credere e capire come mai le Banche favoriscono il mercato del trading, e dei paradisi fiscali, ove esso trova tipicamente dimora. Le Banche, gestite da privati scaltri, non ci mettono niente ad azionare le leve del credito statale come faceva Agnelli, con la Fiat. Se vanno in crisi, come #MPS, lo Stato deve intervenire. E chi paga? Noi, complessivamente. Ovvero sia che noi siamo non abbienti, oppure che lo siamo, paghiamo sempre i salvataggi che lo Stato fa, sia ad istituti bancari, che a grandi aziende di interesse abbastanza esteso. E le altre aziende intermedie? Come recuperano i loro deficit, resi impossibili da non raggiungere a causa dell’usura sistemica, e della iperfiscalizzazione italiana? Con la Borsa. Ovvero mettendo in vendita proprie quote di prestito azionario, od obbligazionario, su uno o più mercati, promettendo determinate rendite, ma purtuttavia compiendo l’ennesima mera operazione di svendita del proprio debito, o del proprio bisogno di liquidità immediata. Ecco quindi che tra le Borse, il Trading on Line ove può partecipare chiunque, i Mercati Ristretti, o le sovvenzioni o salvataggi Statali, non passa molta differenza. Il sistema finanziario globale è basato infatti sulla massima tensione finanziaria possibile, perché, alla fine, il tanto deprecato mestiere del cambia Valute, del cambia Titoli, ed ora pure del cambia Crediti, è sempre quello più remunerativo. E i cittadini? Si appoggiano ancora oggi ai partiti i cui ..
  • ferdinando santoro 9 mesi fa
    ..poi però se il PIL manca di uno 0,2%, i loro rappresentanti prezzolati presso le istituzioni europee strepitano come falchi!
  • Ermete Sestili Utente certificato 9 mesi fa
    Quando la gente comune capirà meglio questo mercato globale della finanza e del commercio sarà già troppo tardi per riprendersi la loro vita, la loro dignità, la loro libertà, perché i recinti di questo villaggio globale saranno già chiusi a doppia e tripla mandata. Salvare le banche per salvare noi è come allevare un leone in casa pensando che poi non ci sbranerà perché lo abbiamo cresciuto. Non so se abbiamo perso il senno o non lo abbiamo mai avuto, di sicuro non ci aiuteranno a ritrovarlo questi fatti. Salut!
  • Mario Are 9 mesi fa
    E' inutile stracciarci le vesti se i capitali vanno dove sono più liberi e redditizi. Volere il contrario è come fare andare a monte invece che e valle l'acqua dei fiumi. Il nostro Stato, anzichè disincentivare le attività economiche ed industriali, con aliquote mostruose di tassazione, dovrebbe ridurle drastiscamente riducendo ovviamente le spese, in primis quelle del sevizio sanitario nazionale come sta facendo in USA Trump abolendo la Obama Care. Tanto se si ha necessità di cure serie si va da un medico o da un struttura privata.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus