La carne di balena è fuori legge

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle Europa

Oggi è stato fatto un piccolo passo verso la definitiva abolizione dell'assurda, inspiegabile e anacronistica caccia alle balene. Una pratica barbara, che viola in tutto e per tutto la legge e trova alibi solo in qualche cavillo, praticata in particolare da Giappone e Norvegia. Grazie a una mozione di risoluzione spinta anche dal MoVimento 5 Stelle è stato messo nero su bianco il divieto a condurre simili politiche non solo marittime, ma anche commerciali. Uno dei maggiori problemi, infatti, è che grazie all'immobilismo dell'UE (la stessa Commissione europea stenta a fornire dati ufficiali su questo business) la carne di balena transita in grandi quantità tra i porti del Continente, per finire soprattutto in Giappone. La Norvegia - che è fuori dall'UE - aggira il divieto di caccia e si appoggia proprio agli Stati membri per continuare questo abominevole commercio.

Un commercio che da anni porta ad un progressivo peggioramento della qualità ambientale da cui dipende la vita marina. In particolare a seguito dello sversamento di sostanze tossiche che si accumulano nel tempo negli organismi viventi, dall'acidificazione delle acque a conseguenza dei cambiamenti climatici, e per il prelievo indiscriminato di risorse ittiche. Le peculiari caratteristiche dei grandi cetacei, quali l'elevato contenuto di grasso in cui si accumulano molti inquinanti, la longevità, il basso tasso riproduttivo e la lunga permanenza dei piccoli con le madri, li rendono particolarmente vulnerabili. Le popolazioni di balene sono crollate a livelli drammatici per la caccia che hanno subito, soprattutto per il prezioso olio e per la carne.

Per evitare la scomparsa di intere specie, la Convenzione di Washington sulla caccia alle balene ha introdotto una moratoria internazionale entrata in vigore nel 1986. Alcuni paesi a tradizione baleniera, con in testa Giappone e Norvegia, si sono rifiutati di firmare la parte dell'accordo e, in virtù di ciò, non sono obbligati al rispetto della moratoria. Nel 1993, dopo anni di caccia condotta per presunti scopi scientifici, la Norvegia ha riaperto formalmente la caccia a scopo commerciale.

Lo stesso anno il Parlamento Europeo ha adottato una risoluzione di condanna ed una richiesta di intervento. Da allora ad oggi non solo la caccia è continuata nonostante lo sdegno dei cittadini europei, ma la quota è stata progressivamente aumentata. Nel 2017 si potranno uccidere 119 balenottere minori in più rispetto allo scorso anno passando da 880 esemplari a 999. Secondo un documentario trasmesso in Norvegia nel marzo 2017, oltre il 90% degli esemplari uccisi legalmente era di sesso femminile, la quasi totalità delle quali in gravidanza.

Per apprezzare il danno biologico di questo dato si deve partire dalla complessa fisiologia dei cetacei e delle strategie di riproduzione. Le balenottere raggiungono la maturità sessuale dopo 6-8 anni e la gravidanza dura 10 mesi. Si conclude con la nascita di un solo piccolo. L'uccisione di femmine, ancor più se in gravidanza, rappresenta un prelievo insostenibile per qualsiasi popolazione animale, ma ancor più per le balene ed altri cetacei. L'aumento delle catture sembra essere legato al redditizio commercio della carne verso il Giappone dove viene venduta come leccornia a prezzi da capogiro.

Il problema è che per arrivare fino a lì, come detto in apertura, le navi transitano spesso per i porti dell'UE. Nell'ottobre del 2016, ad esempio, sono transitate circa 3 tonnellate per almeno tre porti dell'UE. Dal momento che in UE la caccia alle balene è vietata e che l'UE e gli Stati membri sono parte della Convenzione internazionale per il commercio di specie animali e vegetali in pericolo (CITES), il transito di carne di balena può avvenire solo in presenza di certificati di autorizzazione che devono essere presentati alle autorità portuali.

Se non possiamo obbligare la Norvegia a interrompere i suoi programmi di caccia alle balenottere, possiamo però applicare le norme riconosciute a livello EU e bandire completamente questo transito.

SCARICA LA MOZIONE DI RISOLUZIONE APPROVATA OGGI DAL PARLAMENTO EUROPEO.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Zampano . Utente certificato 4 mesi fa
    In Danimarca invece vengono massacrati globicefali per puro divertimento della popolazione. La festa tradizionale si chiama Grindadráp, e nonostante la carne non venga consumata e l'UE abbia anche proibito tale tradizione, i danesi continuano a praticarla. https://www.youtube.com/watch?v=QayUjPoiTmE
    • sergio girelli Utente certificato 4 mesi fa
      Una delle troppe tradizioni troglodite che la politica locale difende per legittimarsi il consenso, come la caccia in italia o la corrida in spagna, per divertire la solita bestia umana.
    • Asprigno P. Utente certificato 4 mesi fa
      A me risulta che la consumano, viene data gratuitamente alle famiglie dei villaggi. E' una tradizione centenaria.
  • AGOSTINO FRANCO Utente certificato 4 mesi fa
    Ho inviato questa mail all'ambasciata norvegese : Ho letto che nonostante l'opinione pubblica mondiale difenda le balene, voi per motivi solamente ed esclusivamente economici continuate ad effettuarne la caccia. Io e la mia famiglia siamo liberi di boicottare tutti i vostri prodotti e di fare propaganda in tal senso. E' iniziata una guerra economica , vediamo se in futuro avrete ancora un qualche vantaggio da questo sterminio di cetacei. Agostino Franco & famiglia. Indirizzo ambasciata : emb.rome@mfa.no Fatelo anche voi.
  • massimo m. Utente certificato 4 mesi fa
    Mentre la Balena, essenziale per l'Eco sistema, è in via d'estinzione, le lobby non si estingueranno mai e ci faranno estinguere tutti se non si combattono seriamente. Ottima iniziativa del MoVimento. Continua a ripetersi l'annuale strage di cetacei in Giappone, giustificata ora da cosiddetti scopi di ricerca. Secondo i piani del governo in 12 anni saranno uccisi 4 mila esemplari. Il bello è che i giapponesi non mangiano più quella carne o almeno sono talmente pochi a farlo che essa va a finire, oltre che nei congelatori, in succulenti mangimi per cani e gatti. Ovviamente lo "scopo scientifico" è una truffa scientifica per mantenere ex funzionari e politici del ministero della Pesca che in Giappone è potentissimo.
  • ANNA PONISIO Utente certificato 4 mesi fa
    Come sempre,grazie per il vostro impegno a favore degli Animali!!!!!
  • Elisabetta d. Utente certificato 4 mesi fa
    .. ottimo e quando saran fuori legge la carni di mucca, maiale, cavallo, gallina, coniglio, pecora, capra, ecc.. e di tonno, acciuga, e di migliaia e migliaia di altri esseri viventi sfruttati martoriati e uccisi?
    • Rob Vianello Utente certificato 4 mesi fa
      elisabetta sforzati, dài: magari riesci a capire....
    • Asprigno P. Utente certificato 4 mesi fa
      uee, mangiati il tofu e non rompere i zebedei, l'uomo ha sempre mangiato carne. (l'uomo normale)
    • Zampano . Utente certificato 4 mesi fa
      ...ti risulta che anche le acciughe e i polli siano in via d'estinzione?
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus