Il silenzio sullo scandalo derivati

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Carla Ruocco

Nel silenzio generale del governo e delle istituzioni, in questi anni il Movimento 5 Stelle ha combattuto una lunga e difficile battaglia per far emergere uno scandalo che sta costando agli italiani miliardi e miliardi di euro. Si tratta dei contratti derivati sottoscritti dal Tesoro, i cui risultati a dir poco negativi stanno azzerando i risparmi per le casse pubbliche resi possibili dal “quantitative easing” della Banca centrale europea. A rompere questo silenzio arriva ora un libro documentato e ricco di retroscena, intitolato “La voragine”, scritto dal giornalista Luca Piana, che si basa in parte sul lavoro fatto dai nostri deputati nella Commissione Finanze della Camera, attraverso numerose interrogazioni parlamentari e l'indagine conoscitiva del 2015. I dati raccolti da Luca Piana sono devastanti.

Dal 2011 al 2015 il Tesoro ha dovuto sborsare alle banche internazionali 23 miliardi di euro. Il peggio però deve ancora venire: secondo i calcoli riportati nel libro, c'è una probabilità altissima (vicina al 100 per cento nei primissimi anni, e comunque superiore al 90 per cento per quelli dopo) che i derivati costino allo Stato italiano altri 23,5 miliardi soltanto nel periodo che va dal 2016 (i cui dati ufficiali non sono ancora noti) al 2021.

Il fatto che emerge con grande chiarezza nel libro è che le giustificazioni addotte dai dirigenti del Tesoro e dai ministri per spiegare le speculazioni effettuate con i derivati sulla pelle degli italiani non reggono a un'analisi indipendente e approfondita. Perché, ad esempio, nel 2004 il Tesoro ha venduto alla banca americana Morgan Stanley un contratto chiamato “swaption”, incassando la miseria di 47 milioni, se poi nel 2011 in virtù di quello stesso contratto la banca ha potuto esigere dallo Stato italiano il pagamento di 1,3 miliardi di euro? Le cifre le avete capite bene: nel 2004 l'Italia ha incassato 47 milioni, nel 2011 è stata costretta a pagare 1.300 milioni. Non c'era nessun motivo legittimo per fare quell'operazione, se non abbellire il bilancio pubblico del 2004 e sperare che le cose non si mettessero troppo male per il futuro. Ma questa come può essere chiamata, se non speculazione? Infatti le cose non sono andate bene per nulla, e sui cittadini italiani si è abbattuta una stangata senza senso.

Abbiamo più volte chiesto di poter accedere ai contratti ma il Tesoro e il governo ci hanno sempre negato questo nostro diritto. Il libro di Luca Piana documenta che la segretezza è stata fin dall'inizio un'ossessione dei ministri e dei dirigenti. La sberla subita da Morgan Stanley alla fine del 2011, che assieme a quella “swaption” ha potuto chiudere altri contratti, costringendo il governo di Mario Monti a sborsare complessivamente 3,1 miliardi in un momento in cui l'Italia già rischiava il default, è infatti una notizia che non avrebbe mai dovuto arrivare ai cittadini. Lo rivela una testimonianza resa nel corso di un'inchiesta giudiziaria condotta dalla procura di Trani su un'altra vicenda (il processo alle agenzie di rating) dalla responsabile della direzione debito pubblico del Tesoro, Maria Cannata.

La dirigente con i magistrati parla chiaro: Morgan Stanley aveva assicurato al Tesoro che avrebbe gestito l'operazione in modo da garantire il silenzio più totale. Se la notizia venne fuori, fu soltanto perché le autorità americane in virtù di alcuni tecnicismi del pagamento obbligarono la banca a mettere una nota quasi incomprensibile nel bilancio, facendo drizzare le antenne ai giornalisti più attenti (in Inghilterra, naturalmente non in Italia). «Che questo avrebbe comportato una nota dove praticamente tutte le assicurazioni di riservatezza andavano a farsi benedire, noi non lo sapevamo», dice Maria Cannata nel verbale riportato sul libro, in cui spiega che il Tesoro si vendicò della banca: «Non ha più preso un mandato da noi». Il sospetto che viene, dunque, è che agli occhi del governo l'importante non fosse pagare miliardi di euro alla banca, quanto tenere l'opinione pubblica all'oscura di quanto stava avvenendo.

Contro questi contratti segreti il Movimento 5 Stelle si è battuto con ogni forza, domandando spiegazioni su varie operazioni che ancora incombono sulla testa degli italiani, e che fanno svanire risorse preziose proprio nel momento in cui mancano fondi per questioni molto più importanti. Grazie al libro, ora i veri motivi che hanno causato questo scandalo sono più chiari. Per questa ragione non ci fermeremo, continuando a chiedere la verità su quanto è davvero accaduto.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Francesco C. Utente certificato 11 mesi fa
    La Tempesta di Draghi...2 Se poi decidiamo di pensar male ricordando Andreotti e il suo "a pensar male si fa peccato ma a volte ci si prende" , allora maligniamo pure. Draghi e' uomo del sistema, e' membro di questo e di quello e fa parte del mondo della finanza. Difendera' sempre la finanza e quanto ad essa collegato, difficile pensare che non sia almeno poco poco di parte anche considerando le migliori eventuali buone intenzioni. La difesa della finanza va a scapito dell' economia reale, almeno nel breve medio termine. Noi al contrario difendiamo le nostre famiglie, il lavoro, l'occupazione, il potere d' acquisto, il pagamento del fitto, delle bollette, dell' assicurazione auto, del bollo, delle spese condominiali ordinarie e straordinarie, delle tasse sulle piccole proprieta' prima che siano vendute alle banche e, perche' no, di uno straccio di vacanza e di qualche vestito nuovo di tanto in tanto. Della finanza ce ne freghiamo altamente se per la finanza siamo costretti a vivere da bruti. Vedi Dante. Virtute e conoscenza ci impongono di mandare tutti a farsi benedire a cominciare da euro e europa. IMO
  • Francesco C. Utente certificato 11 mesi fa
    La Tempesta di Draghi. Salvini: l' euro non e' irreversibile. Ritengo sia nel giusto anche perche' e' difficile condividere il grande entusiasmo di Draghi. I fatti, non le ipotesi: 1. l'euro ci ha affossato e e non ci ha salvato e siamo in buona compagnia, vedi Portogallo, Irlanda, Spagna e Italia. 2. Siamo ancora diffidenti? Partiamo dal presupposto che i mercati, quando la situazione diventa difficile e Draghi non ha avuto difficolta' a riconoscerlo, i mercati dicevo reagiscono al contrario perche' la finanza tende a compensare l'economia reale. E infatti se osserviamo i grafici settimanali delle maggiori borse europee dal 2009 ad oggi { Mib escluso perche' il nostro indice, che e' estrEmamente prudente, ha limitato tutti i max ed i min} noteremo un' eterna salita. Deinde le economie sono andate male e VANNO male. Deduzione: l' asserto di Draghi, l' euro ha salvato le economie, e' come min molto discutibile. Tanto e' vero che ha riconosciuto che continuera' inutilmente nel suo Quantitative Easing 3. l'Inghilterra non ha avuto difficolta' a perdere la fiducia e le speranze ed e' fuggita perche' il concetto di Draghi, l'euro ci tiene uniti, e' da masochisti. Allora: l'euro si DEVE toccare : via dall' euro e dall' Europa e lasciamo l' euro a Draghi e che se lo tenga caro caro. Compreso le due velocita' : per la Germania tutto bene e per gli altri tutto male. :))
  • Giuseppe Inguscio Utente certificato 11 mesi fa
    Sarei curioso se il comune di Roma ha in essere,o ha avuto,contratti di derivati visto che,in passato,molti comuni come Napoli hanno sottoscritto tali contratti pur di fare un operazione di maquillage ai propri bilanci!
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Non sarebbe da escludere. Comunque simili contratti sarebbero stati sottoscritti dalle giunte precedenti: PD - AN Saluti Talelbano
  • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
    Per vostra informazione, l'ex ministro Domenico Siniscalco, sette mesi dopo aver cessato l'incarico di ministro del tesoro, è diventato, il 24 aprile 2006, managing director e vicepresidente di Morgan Stanley International. Il 1º dicembre 2007 ha assunto la carica di Country Head per l'Italia, sempre di Morgan Stanley la quale è un'emanazione della J.P Mrgan. Saluti Talelbano .
  • Aldo Masotti Utente certificato 11 mesi fa
    Nota: Siniscalco approdo' a Morgan Stanley , Tremonti orno a fare il commercialista (o quasi ): http://www.ilsole24ore.com/fc?cmd=art&codid=20.0.1872920655&chId=30 Onny soit qui mal y panse . (Se ho sbagliato il francese perdonatemi sono andato a "orecchio" )
  • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
    Normalmente, in un pese civile (non sto parlando del nostro), i soldi pubblici vengono utilizzati nel pubblico interesse. Non ci sono ragioni per le quali questi utilizzi dovrebbero essere segreti. La segretezza, in questi casi, è un chiaro indice di attività sporche, che nascondono interessi privati illeciti, dei quali, qualcuno dovrebbe render conto (cosa di cui non ha dubbi che non avverrà). Cosa sono, in sintesi, i derivati? I derivati sono titoli senza valore proprio il cui valore intrinseco deriva da altri prodotti finanziari, ovvero da beni reali alla cui variazione di prezzo essi sono agganciati, questo rigiro genera il valore del titolo derivato. I derivati sono titoli speculativi, una scommessa, nella quale lo scommettitore perde sempre. Questi prodotti sono esplosi, guarda caso, dopo che gli USA (Clinton) nel 1999 hanno unificato il sistema bancario con la “ banca universale”. Che la banca universale, sia all’origine dei disastri del sistema bancario, lo sanno anche i muri, le ragioni per le quali non si voglia correre ai ripari sono abbastanza evidenti: la quantità di derivati in circolazione è talmente spaventosa che, nemmeno quei criminali che li hanno inventati ne conoscono l’entità. Per quanto mi riguarda, definirei il derivato in questo modo: un titolo dal quale DERIVA la povertà pubblica e privata. Saluti
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Dipende sempre da quanti risparmi hai. Lasciare oltre l’indispensabile in banca e come lasciare il sangue in custodia ai vampiri. Purtroppo nessuno, finché non scoppia la bomba, sa quali siano effettivamente le condizioni delle banche. Comunque, pur non essendo nessuno, se hai pochi soldi, meglio sotto il materasso. Se hai qualcosa in più, mettilo in terreni, immobili. Sicuramente nessuno ti verrà a dire che "purtroppo si sono svalutati del 90%". Vedi ultima vicenda dei titoli immobiliari di poste italiano: da 2000 € a poco più di 300 €. Un vero affare. Ciao Talelbano
    • sergio girelli Utente certificato 11 mesi fa
      Gianfranco, so che sei un grande in materia finanziaria .. Ma a tutela dei comuni risparmi hai qualche suggerimento da fornire? (escluso il materasso!). Con affetto, ciao.
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Certo, un derivato lo è di qualsiasi altro titolo, incluso i titoli di stato. A mio parere, sarebbe molto più importante far capire che i derivati sono una malattia cronica, irreversibile, data dal virus BANCA UNIVERSALE. Più andremo avanti, con questo sistema, più ci avvicineremo al collasso. Ciao Talelbano
    • sandro d. Utente certificato 11 mesi fa
      si dovrebbe far capire a tutti che un fondo e un derivato di qualcosa per esempio un fondo obbligazionario e un derivato di un debito pubblico.
  • Aldo Masotti Utente certificato 11 mesi fa
    Nel 2004 era ministro del tesoro Tremonti fino al 3/7/04 , dopo tale data fu Siniscalco. Perche' non si domanda pubblicamente ai due se ricordano qualcosa sul perche' fu sottoscritto ? Se il perche' non tiene e' evidente la truffa . Quantomeno a livello politico si puo' indicare chi sta con l'Italia e chi con le banche estere. Qualora fosse stata una scelta del presidente del consiglio di allora e' bene renderlo pubblico in quanto e' una arma politica non indifferente.
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Ciao Aldo, l'ex ministro Domenico Siniscalco, sette mesi dopo aver cessato l'incarico di ministro del tesoro, è diventato, il 24 aprile 2006, managing director e vicepresidente di Morgan Stanley International. Il 1º dicembre 2007 ha assunto la carica di Country Head per l'Italia, sempre di Morgan Stanley la quale è un'emanazione della J.P Morgan. Sicuramente è pura coincidenza. Saluti Talelbano .
  • Ezio D'Alessandro Utente certificato 11 mesi fa
    Oronzo Barberio, quel che Lei riferisce, lo riferisce correttamente, ma mancano altre informazioni a Lei non pervenute, per cui la sua notizia è lacunosa, come lo è il contratto di "swaption" stipulato dal Tesoro con la banca Morgan Stanley. Manca la cognizione fondamentale dell'oggetto: Derivato. Il Derivato è un titolo derivato da un titolo originario: il Titolo. Lo Stato per finanziare il suo debito pubblico emette Titoli e li mette all'asta; questi trovano dei compratori che alla scadenza indicata nel titolo andranno a riscuotere il controvalore del titolo in euro, più l'interesse maturato ad un determinato tasso, detto montante. La varietà di Titoli li possiamo comprendere in due tipi: a tasso fisso e a tasso variabile. Consideriamo i primi. (mi raccomando controllate quello che affermo) Il Ministero del Tesoro emette e vende i Titoli a tasso d'interesse fisso nel mercato primario; tale è quello regolato e controllato da CONSOB. Il tesoro ne vende ad una Banca affinché le collochi nel mercato secondario a rischio, a tasso variabile; questo è il contratto di "swap", ovviamente la Banca si fa pagare questa operazione. Qui sorge subito la questione se la Banca è stata chiamata regolarmente o contro le regole amministrative: a trattativa privata Per il resto mi devo documentare meglio. La saluto sig. Oronzo Barberio di Mesagne (Brindisi).
    • Oronzo Barberio Utente certificato 11 mesi fa
      Grazie della risposta. Ho già scritto che non me ne intendo, per me l'economia bancaria è ostrogoto. Rilevo, da cittadino normale che vive normalmente, che indebitarsi come ho sentito da Report mi sembra una cosa da folle, e soprattutto penserei che chi maneggia soldi pubblici lo faccia per svolgere attività pubbliche, indebitarsi alla follia, tanto paga un altro domani, mi sembra troppo da .... stronzi?
  • Oronzo Barberio Utente certificato 11 mesi fa
    Io non me ne intendo, ma tempo fa la trasmissione della Gabanelli "Report" fece un'inchiesta tirando fuori tanti paesi in Italia che hanno i derivati. Ricordo un sindaco che per avere circa 40.000 euri aveva impegnato il comune per una spesa, dopo pochi anni, superiore al milione! Io sono inorridito, ma tutto mi sembra passato nell'indifferenza generale. Dopo qualche tempo ho sentito che lo stesso problema si era creato in Inghilterra dove un'alta Corte di Giustizia dichiarò tali contratti nulli perché non rientra nelle competenze di una struttura pubblica giocare con i derivati. Il mio pensiero è quello classico italiano, cioè io mi becco questi soldi subito e mi prendo la mia tangente tanto chi paga saranno i miei lontani (non troppo) successori. Quando scoppieranno tutti i derivati di cui parlava Report cosa succederà? Chiedo agli esperti del blog, io riporto, spero correttamente, quanto ho sentito in Tv.
  • EGIDIO fabi Utente certificato 11 mesi fa
    in una trasmissione di Reporter, si chiedeva alla Cannata delle delucidazioni, purtroppo non ho potuto seguire la trasmissione per intero, sarebbe interessante poterla visionare.
  • Claudio M. Utente certificato 11 mesi fa
    Sono ormai 2 gli esposti M5S che giacciono presso la Procura di Roma, in mano a Pignatone, che riguardano la truffa accertata sui contratti derivati. E altri 2 presso la Corte dei Conti Lazio. Depositati a ottobre 2015 e novembre 2016. Esposti supportati da dati certi, portati all'attenzione del Governo e del Parlamento a mezzo di decine di atti parlamentari. La Prucura romana così attenta a poche decine di migliaia di euro PRESUNTE della Raggi, insabbia DECINE DI MILIARDI DI EURO TRUFFATE AGLI ITALIANI. E' una VERGOGNA!!
  • Carlo A. Utente certificato 11 mesi fa
    E adesso che lo sappiamo cosa si puo' fare? Denunciare qualche nostro ministro o ex ministro, sbatterlo in galera per attentato all'economia? Oppure stare in silenzio, incassando il colpo tanto non possiamo fare niente. Grazie a Carla Ruocco per averci informato e averci fatto venire un ulteriore magone ...........................
  • Paolo Immovilli 11 mesi fa
    Se è cosi' perchè non inoltrate i dati alla corte dei conti in modo che possa verificare se vi è qualche responsabilità di danno erariale? In Italia tutti criticano, purtroppo c'è bisogno di fatti, le critiche finora non ci hanno aiutato.
  • rosaria marsano Utente certificato 11 mesi fa
    Ma proprio noi abbiamo una classe politica di cialtroni , ignoranti , incompetenti son solo bravi a spremerci fino all'ultimo come limoni ; ma sti vergogniosi dalla fognia sono usciti?.
  • FABRIZIO P. Utente certificato 11 mesi fa
    SCONTATO IL SILENZIO .. IL " CERCHIO" ..NON MAGICO ...è PIUTTOSTO GRANDE ..
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Purtroppo non si tratta di un cerchio comune, ma di garrota vera e propria sul nostro collo. Ciao Talelbano
  • Walter Borchia 11 mesi fa
    basta mettere nei posti di commando persone non proprio all'altezza del compito e magari facilitare la carriera dei loro familiari che poi tutto diventa possibile. Poi questi poco capaci si circonderanno di persone ancora meno capaci. da qui il sistema ingessato. quanti avrebbero rifiutato il posto da ministro dell'istruzione se fossero stati nei panni della fedeli ? una religione sacra o laica si potra' comunque trovare per eccitare gli animi e tacitare il subconscio.
  • donatella savasta fiore Utente certificato 11 mesi fa
    i contratti derivati vengono classificati, in base alla legge, fra i contratti aleatori, cioè fra le scommesse. Quindi in Italia c'è qualcuno che si permette di scommettere con i nostri soldi, cioè si permette di giocare d' azzardo, mentre ai terremotati, dopo tanti proclami, sono pervenute solo un paio di settimane fa 25 casette. E non parliamo della situazione dell' edilizia scolastica o delle pensioni abolite dalla legge Fornero. L' Italia è come una famiglia dove il padre - padrone gioca al casinò, perdendo regolarmente, mentre moglie e figli muoiono di fame. E' solo per disinformazione che i vecchi nomi della politica e le loro farraginose organizzazioni riescono a prendere ancora qualche voto. Liberalizziamo l' informazione e vedremo tornare la democrazia.
    • Enzo Pane 11 mesi fa
      Complimenti ha descritto in modo semplice una reale verità, di cui purtroppo in pochi ne sono a conoscenza.Un sistema non si può reggere sulla menzogna basta informare e crolla tutto
  • Aiuto finanziario Utente certificato 11 mesi fa
    Siamo un ente di regolamentazione economica e finanziaria. Assistiamo persone in difficoltà finanziarie per completare la loro richiesta di prestito, da istituti di credito speciale efficace e affidabile. Stiamo vedendo i mutuatari (individuo, azienda, società, ecc.) nelle procedure per l'adesione al loro prestito. Ci potete raggiungere a questo indirizzo: assistance.particulier@gmail.com
  • Riccardo F. Utente certificato 11 mesi fa
    Ci vuole tanto a capire che, in questo Paese, chi dovrebbe fare l'interesse dell' Italia fa invece l'interesse di alcune multinazionali estere? FUORI DALL'EURO!
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      E' vero, ma fanno anche l'interessi propri, alla grande, gli schifosi. Ciao Talelbano
  • gianpiero m. Utente certificato 11 mesi fa
    Chi ha firmato quei contratti? Chi li ha autorizzati? Chi ha autorizzato I pagamento delle perdite? Quale capitolo di spesa è stato utilizzato nel bilancio dello Stato? Se sono atti di esborso dovevano essere autorizzati dal Parlamento! La Cannata va sostituita perché da troppo tempo ricopre quell'incarico e il sospetto che si sia fatta corrompere dalle Banche estere è reale. Quindi Parlamentari 5 Stelle approfondite e denunciate. È' gia' 3 anni che siete in Parlamento e dovete far notare che questi ammanchi sono stati rubati ai cittadini per i quali i fondi non ci sono mai. Vedi per il terremoto.
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Mi risulta che il movimento abbia fatto 2 esposti alla prcura e 2 esposti alla corte dei conti. Nessuno ne parla, nessuna risposta. Non credo e non so se sepotessero fare di più. Ciao Talelbano
  • Rosa 11 mesi fa
    Ma avete interpellato il ministro preposto con interrogazioni parlamentari sulla situazione derivati, cosa vi ha risposto? Poi la questione della situazione finanza non si compone solamente di derivati. Come mai il rischio dei titoli di stato italiani sono equiparati al rischio dei derivati detenuti dalle banche germaniche? E' vero ciò che si legge, che si sono manomesse parti del bilancio Italia per fare apparire più debiti? E ancora, cosa succederà con l'applicazione dell'accordo interbancario di Basilea 4? Dovete organizzarvi maggiormente in questa materia, tanto importante, in modo da tracciare una visione completa di ciò che sta succedendo. E poi informateci.
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Rosa, mi risulta che il movimento abbia fatto 2 esposti alla procura di Roma e 2 esposti alla corte dei conti. Nessuno ne parla, nessuna risposta. Non credo e non so se sepotessero fare di più. Per quanto rigurada i bilanci, è molto più prbabile il contrario, che certe partite, tipo i debito con l'imprese e cose simili, siano fuori bilancio Ciao Talelbano
  • cosimo calabrese Utente certificato 11 mesi fa
    OLTRE LA BANCA AMERICANA MORGAN STANLEY, CHI DEI NOSTRI POLITICI BENEFICIA IN QUESTE ATTIVITA' SPORCHE CHE HANNO PORTATO L'ITALIA AL FALLIMENTO. MI VIENE DA PENSARE NAPOLITANO, CON LA SUA COCCIUTAGGINE A IMPORCI GOVERNI FINTI E MANIPOLANTI, RIENTRA IN CAMPO NAPOLITANO ANCORA OGGI, AD IMPORRE LE NON VOTAZIONI PUR ESSENDO FUORI DA OGNI CARICA GOVERNATIVA, TUTTE QUESTE ATTIVITA' FUORI DAL NORMALE DA PARTE DI NAPOLITANO LA DICE LUNGA, BEN VENGA UN CHIARIMENTO DA PARTE DEI 5 STELLE, UN MOTIVO IN PIU' PER ANDARE PRESTISSIMO AL VOTO E SCEGLIERCI UN GOVERNO A 5 STELLE UNICA SPERANZA PER GLI ITALIANI, CHE CI PUO' GARANTIRE CONCRETAMENTE DEMOCRAZIA E LIBERTA' W IL MOVIMENTO 5 STELLE.
  • francesca Marcellino Utente certificato 11 mesi fa
    SPAVENTOSO SE E' vero
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      E' verissimo. Talelbano
    • donatella savasta fiore Utente certificato 11 mesi fa
      è vero, è vero...
  • Alessandro P. Utente certificato 11 mesi fa
    E per quale motivo i politici non dovrebbero regalare miliardi di euro tramite derivati se nessuno li appende all'albero più alto?? nemmeno un giorno di carcere?? nemmeno il NOME di chi materialmente rifiuta? Ma scusate, il m5s a chi ruba un miliardo cosa farebbe? domiciliari? Servizi sociali? Insomma qual è la posizione del m5s rispetto a tali reati? Applicare le leggi che hanno scritto gli stessi criminali cioè applauso in standing ovation? Non mi risulta che il m5s abbia mai proposto in commissione alcun divieto totale dei derivati (né alcun aumento di pene per gli abusi connessi ai reati finanziari): un governo pentastellato continuerebbe ad usarli?? Cioè si critica un comportamento che non si intende nemmeno vietare? Se accedere ai contratti è un diritto e il tesoro ve lo nega chiamatemi e a suon di mazzate nei denti gli faccio sputare fuori i contratti di tutto l'universo ma se questo diritto non c'è (poiché c'è una commissione accesso atti) allora è necessario pensare di accedere ai contratti tramite altra via (probabilmente l'economico raid zingaro notturno): usare solo le vie legali va bene solo in un contesto legale e mi pare che la giungla italia ove comanda il più forte non sia più ambiente per fare gli schizzinosi sui metodi. http://www.commissioneaccesso.it/la-commissione/composizione-attuale.aspx La commissione d'accesso agli atti che rifiuta di fornire i contratti sui derivati è una lista di nomi pubblici: Maria Elena Boschi, Enrico Piccinelli, Claudio Moscardelli, Laura Castelli, Gian Mario Fragomeli, Giampiero Lo Presti,Ignazio Francesco Caramazza, Aristide Police, Eugenio Musumeci. Sarebbe carino vedere il rifiuto per iscritto e i riferimenti normativi.... insomma se qualcuno fa lo str###o io vorrei proprio sapere il suo nome e cognome specie se personaggio pubblico e quali scusanti porta.
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Pur confermando la mia stima per Alessandro, ritengo che questi problemi, transnazionali, richiedano molto, ma molto di più che la semplice determinazione di un singolo. Ciao Talelbano
    • gino folletti 11 mesi fa
      Occorre la determinazione di Alessandro, per affrontare questi corrotti ! Forza M5S !!!
  • angelo n. Utente certificato 11 mesi fa
    Quindi il Tesoro effettua operazioni finanziarie atte a trasferire ingenti somme dalle casse del nostro Paese a soggetti altri che ne traggono beneficio mentre noi siamo sempre più in ristrettezze economiche? E tutte queste operazioni, rigorosamente segrete, vengono fatte in buona fede e se a guadagnare sono appunto gli altri si tratta solo di errori? Possiamo con certezza escludere che, ad es., gli autori delle suddette operazioni non abbiano nessun tipo di interesse in comune con i beneficiari, tipo partecipazioni a Società, o altri canali di personali vantaggi? Come mai la nostra Legislazione consente di fare impunemente cose simili? I Poteri Finanziari dello Stato e i Poteri Finanziari sovranazionali in che relazioni sono?
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Ad essere precisi non sarebbe consentito, ma è ormai evidente a tutti che i primi a non rispettare costituzione e leggi siano i nostri politici. Comunque vai a vederti i curriculum di molti dei nostri politici, scoprirai che sono passati o hanno ricevuto incarichi prestigiosi in queste banche: Banca Goldman e Sachs - J.P. Morgan. Incarichi strapagati, solo per la generosità di queste Banche, non per altro. Saluti Talelbano
    • donatella savasta fiore Utente certificato 11 mesi fa
      veramente, per quanto ne so, c'è qualcuno dei responsabili di questa situazione che ha un figlio che ricopre o ha ricoperto, nella stessa banca americana che ha dato alcune di queste mazzate all' Italia, il ruolo di vice presidente. con equo e adeguato stipendio, suppongo.
    • andrea a44 Utente certificato 11 mesi fa
      la stessa relazione di chi ruba e chi fa il palo
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 11 mesi fa
    Speriamo almeno che oggi il Governo o peggio gli Enti locali abbiano smesso di giocare d'azzardo con i soldi degli italiani. I derivati sono roba da specialisti che giocano a fregarsi a vicenda, finché' non arriva un pollo da spennare. L'epoca dei giocatori d'azzardo dovrebbe essersi chiusa con il Bomba.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus