E se stracciando il TTIP Trump salvasse l'Europa?

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Tiziana Beghin, Efdd - Movimento 5 Stelle Europa

L'amministrazione Trump ha bloccato il TPP perché il dibattito americano intorno a questo trattato è più sviluppato di quello europeo sul TTIP e il tema era diventato importante durante la campagna elettorale. Oltre agli USA, il TPP unisce undici paesi delle sponde del Pacifico (Giappone, Malaysia, Vietnam, Singapore, Brunei, Australia, Nuova Zelanda, Canada, Messico, Cile e Peru) in un unico mercato senza dazi doganali. La ragione è che il TPP era progettato per rendere meno costosa l'importazione di quei beni utilizzati dalle imprese americane nella loro catena di approvvigionamento e per rendere meno costosa la produzione delocalizzando il lavoro oltreoceano.

Nella pratica il TPP era diventato una "lista della spesa" dove le multinazionali avevano ottenuto molti privilegi a scapito dei cittadini: riduzione dei salari, ulteriore delocalizzazione, ingresso di merci scadenti a basso costo, perdita di potere d'acquisto e di posti di lavoro. Viste queste premesse, Trump ha costruito una campagna elettorale (vincente) sulla produzione in America e ha coerentemente deciso di proseguire su quella strada. Il TPP avrebbe continuato a portare a molte delocalizzazioni, come è stato con il NAFTA.

Se adesso Trump decidesse di non stringere la mano tesa di Cecilia Malmström, Commissario europeo per il Commercio, per i cittadini europei sarebbe una bella notizia: si salverebbero le eccellenze dell'agricoltura e al contempo la salute dei cittadini, si metterebbe ko lo strapotere delle multinazionali che vogliono appropriarsi di servizi pubblici essenziali e condizionare la democrazia con arbitrati figli delle lobby.

Per il Movimento 5 Stelle il commercio è uno strumento per diminuire le disuguaglianze, deve rispettare l'ambiente e non compromettere le regole e gli standard che proteggono i cittadini, deve essere funzionale al benessere dell'Italia.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Francesco C. Utente certificato 11 mesi fa
    La verita' `per quanto riguarda le elezioni di Trump. Meglio sarebbe dire: vizi privati e pubbliche virtu' della concorrente. #I dodici scandali della Clinton, vale a dire le 12 cose da sapere prima di andare a votare. Dling-link : http://viraliq.com/12-hillary-clinton-scandals-know-elections?utm_source=revcontent&utm_medium=cpc&utm_campaign=conservative%20news&utm_term=6004
  • Francesco C. Utente certificato 11 mesi fa
    Comunque nessun problema, Sally era gia' in cerca di un nuovo lavoro, davvero. :) Resta da vedere: e ora, chi l' assumera'?
  • Francesco C. Utente certificato 11 mesi fa
    Aspettate, adesso mi "oppongo fermamente" anch'io agli Executive Orders di Donald Trump' (cosi' come hanno fatto tutti gli altri stando a quanto riportato dai media nazionali). Vuoi vedere che riusciamo a bloccarli? :))
  • gaetano raffa 11 mesi fa
    ragazzi sicuramente sono uno scemo che non capisce che avere migliaia di tonnellate di oro,o brillanti, che non servono a niente non e una risorsa per l'umanità, o possedere migliaia di vagoni di euro o dollari solo per il piacere di averli e un follia ,però io sono uno scemo e quindi non posso capirlo saluti gaetano
  • Gabriele Favro Utente certificato 11 mesi fa
    Trump stai sereno!!!
  • Roberto Ricci 11 mesi fa
    Trump sta mettendo in discussione i pochi passi fatti per preservare il clima e il delicato genere umano. Dopo l'estinzione di Homo sapiens, sempre più vicina grazie a Trump, la salvezza dell'Europa potrà interessare solo gli insetti.
  • Francesco C. Utente certificato 11 mesi fa
    Ah...lo sapevo che era semplice da risolvere...C' e' Soros dietro tutta questa (inutile) messinscena. George Soros FUNDING Protests/Lawsuits to Stop Trump’s Temporary Refugee Halt Order By Pamela Geller - on January 29, 2017 Link-dling : http://pamelageller.com/2017/01/87947.html/
  • Francesco C. Utente certificato 11 mesi fa
    Meno male: sono emersi altri 15 procuratori generali da sostituire che, altrimenti sarebbero rimasti nell'ombra.
  • Francesco C. Utente certificato 11 mesi fa
    Purtroppo e' andata :) Ci si puo' sempre affannare ad esprimere sconcerto ed indignazione ma e' andata :) La piu' sconcertata ed indignata rimane la gente italiana che ha ormai compreso la debolezza della classe politica :) Le volonta' che hanno condotto gli eventi recenti sono talmente forti e potenti che si puo' solo bere o affogare o perdere gli ultimi posti di lavoro che sono stati distribuiti a coloro che si ostinano a negare l' evidenza :) Solo la mia opinione
  • saverio battaglia 11 mesi fa
    Meglio TRUMP che tutti i buffoni che abbiamo in Europa ed in Italia. Ha ragione da vendere di non fare entrare negli Stati Uniti persone provenienti da determinati paesi, mentre noi italiani, che a parole ci vantiamo di essere democratici, andiamo a prenderli a casa loro per farci assassinare, stuprare per poi mantenerli in alberghi a 4 e 5 stelle. Siamo bravi ma ci dimentichiamo dei nostri connazionali che si impoveriscono, muoiono di freddo. Da chi sono amministrati i comuni e la regione Abruzzo dove abbiamo visto assassinate le persone a causa delle nevicate? Come al solito non pagherà nessuno. Errani deve andarsene è un incapace come tutto il suo partito.
    • carlo p. Utente certificato 11 mesi fa
      Pensa a quanto inefficiente di cervello è salvini
  • paolo marabelli 11 mesi fa
    Allora non continuate a non capire nulla di politica. Adesso questo amore per Trump e le sue politiche di protezionismo. Trump è già partito all'attacco dell'Europa, è chiaro il suo obiettivo di distruggere l'euro. Poi la storia della chiusura degli accessi agli USA, per i cittadini provenienti da 7 nazioni islamiche, escludendo accuratamente altri paesi con cui è in affari. E' notizia di oggi del primo intervento militare ordinato da Trump, nello Yemen, che per uccidere alcuni terroristi, ha perso il primo militare americano della sua gestione e c'è stato il primo danno collaterale: 16 morti fra donne e bambini. Spero che gli stessi americani se lo tolgano dai piedi. Basta che il fisco indaghi......... Trovo una cosa politicamente orrenda, che adesso 5 stelle si sia invaghito di un personaggio simile, che si è dichiarato favorevole all'uso della tortura. Il vostro movimento non ha più una linea, non ha più una guida lucida, non tollerate la libertà di opinione. Siete sulla via del declino.
    • sdsda 11 mesi fa
      magari riesce a distruggere l'euro. questo euro cosi come è stato concepito è la rovina per l'italia
  • gian piero sciarrone 11 mesi fa
    "Come sempre il detto DARE per RICEVERE TROVA LA SUA COLLOCAZIONE, nessuna debolezza da parte di Trump ma solo una precisa valutazione degli equilibri e probabilmente il desiderio di essere uno dei salvatori dell'UMANITà. GPS"
  • FABIO B. Utente certificato 11 mesi fa
    peggio di trump, c'e' solo la clinton https://www.youtube.com/watch?v=roAtRUIHIl0
  • gianfranco ferroni Utente certificato 11 mesi fa
    Caro Fabrizio Trivellin, Abbi fiducia nel M5S ! Per quanto riguarda Trump fa bene a fare come sta facendo. Anzi prendiamolo ad esempio anche noi.
  • Claudio . Utente certificato 11 mesi fa
    Su Trump non sono d'accordo con chi lo difende a spada tratta. Se sul TTIP magari ci torna comodo (ma lo fa solo per interessi nazionalistici), su tutto il resto non mi piace. Non mi piacciono le sue azioni contro l'ambiente, non mi piacciono le sue recenti decisioni di ristabilire a pieno ritmo la tortura, per esempio. Non mi faccio influenzare dai media ma questi sono fatti certi e la cosa non mi piace per nulla.
    • Vittorio 11 mesi fa
      Condivido in toto, occhio a supportare certi elementi per puro comodo, è quello che facevano e fanno certi partiti che i 5 stelle combattono. Trump è una mina vagante, basta vedere cosa ha fatto B. con molto meno potere.
  • Paolo B. 11 mesi fa
    Se ribalto il mio Notebook, se guardo l'etichetta della cravatta a pois, in seta, ex regalatomi da qualche presunto insospettabile, ci leggo Made in China, i pedalini (calze) della Fila, forse, ma non ne sono sicuro, erano fatti a Biella, gli attrezzi sportivi sono Made in China, le mutande: non ho voglia di denudarmi ma, probabilmente, sono Made in China; e dire che apprezzo la qualità ?!? Morte annunciata per la nostra Arte e Regola.
    • Paolo B. 11 mesi fa
      La Liabel è stata italiana fino al 1993, poi americana.La FILA quella dell'abbigliamento sportivo ex di Biella, dal 2003 è diventata americana e dal 2007 Koreana con sede principale a Seul. Da noi anno lasciato il museo :)
    • Paolo B. 11 mesi fa
      Ecco: le mutande "Liabel" sono Made in Bangladesh :)
  • Fabrizio Crivellin 11 mesi fa
    Confesso di non capire la ragione che spinge Grillo (e dunque il M5s ; va da se) a stare dalla parte di un personaggio squallido, ignorante e pericoloso come Trump. Visto che nemmeno Clinton sarebbe stata il massimo, chi glielo fa fare ad appoggiare una schifezza del genere ? A meno che.........!!!
    • gianfranco ferroni Utente certificato 11 mesi fa
      Caro Fabrizio siam da anni governati da stolti in questo nostro povero e disgraziato paese: Non penso assolutamente che Grillo sbaglia nel giudicare positivamente Trump Dico solo che Trump potrebbe e dovrebbe anzi essere un modello da prendere ad esempio anche da noi che, ripeto siamo , non governati ma schiavizzati da personaggi che niente di buono hanno fatto per il nostro Paes ma solo danni e ora non sanno neppure come risolverli . Coraggio Fabrizio ! C'e' rimasta solo una speranza, il M5S. Se falliranno anche loro (ma per colpa nostra) non dando fidicia, sara' davvero la fine !
  • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
    Cara Tiziana Beghin a me di salvare l'Europa non me frega una cippa! A me interessa salvare l'Italia! Fuori dall'euro e dall'UE!!
  • Aldo B. 11 mesi fa
    E' ammirevole vedere come dalle parole della campagna elettorale, Trump faccia seguire e da subito i fatti! Questo è ciò che manca in Italia. Qui dalle parole fanno seguire altre parole per allontanare i fatti! Se oggi Trump dovesse dire agli italiani: Chi vuole venire in America gli daremo (per il momento) lo stesso tipo di lavoro che aveva in italia e in più, casa studio e lavoro all'intero nucleo famigliare che in italia non lo aveva, sono certo che ci sarebbe un esodo di massa di milioni e milioni di italiani!
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Per forza, i politici italiani stanno facendo l'opposto, stanno applicando le leggi del piano Kalergi e sostituendo i lavoratori italiani con i clandestini...
  • ILVO ROCCHI 11 mesi fa
    PERCHE' MI AVETE CANCELLATO QUELLO CHE AVEVO SCRITTO? A CHI DAVA FASTIDIO?
  • Aldo Masotti Utente certificato 11 mesi fa
    Sia il post che i commenti denotano una scarsa conoscenza dell etica "USA" . Stando la abbastanza a lungo , in tempi diversi ed in stati diversi ci si rende conto che il modello di percezione della realta' e' diverso dal nostro . Sono simili ai tedeschi ma solo piu di buon senso . La principale migrazione dall europa agli usa avvenne dalla germania nel 1600 , gli americani di origine germanica formano la maggior parte dei bianchi in USA . Come in tutte le migrazioni uscirono i migliori ed i peggiori , lasciando bacchettoni e duri di zucca al loro posto . Gli inglesi ( contro cui i coloni americani combatterono una guerra) dominavano il mare ed i commerci ma formarono la prima classe dirigente che dura tutt ora .
  • Nicola Nicolini Utente certificato 11 mesi fa
    Ecco, cominciamo a dire le cose in maniera CHIARA: Il TTIP (che è già saltato grazie alle proteste dei popoli tedesco ed austriaco principalmente) dicevo il TTIP è pensato per favorire le Multinazionali. TUTTO in UE, se si guarda alla sostanza dei fatti, è a favore di Banche e Multinazionali. Il CETA con il Canada però è passato e anche questo è un grosso danno. Cominciamo a dichiararlo in maniera chiara e netta, senza giri di parole o frasi da interpretare che lasciano spazio a dubbi.
  • Emiliano Russo 11 mesi fa
    Francamente io mi preoccuperei di trovare delle strategie per uscire presto fuori dall'euro...Non capisco Grillo perché continua ad osannare Trump che tanto difende il petrolio. Una contraddizione deplorevole. Inoltre sono daccordo con chi pensa che Trump voglia dividere l'Europa e dare così il contentino alla Russia per tenersela buona in caso in cui i rapporti USA_Cina degenerino (e così sarà inevitabilmente). Mi dispiace ammetterlo ma temo che il mondo con Trump sarà molto peggio di quello che immaginiamo. Ma inesorabilmente finiremo per rientrare in una sorta di alleanza con amwericani e inglesi nonappena usciremo da quest'incubo di Europa e andremo a votare (spero presto).
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      errata corrige= trascinando*
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      No no, il contrario. Con la Clinton noi adesso eravamo polvere, a causa della terza guerra mondiale contro la Russia che avrebbe scatenato tradcinando l'UE e che ci avrebbe coinvolti in prima persona! Grazie a Trump questo fatto non è successo, quindi riconosciamoglielo. Riguardo il petrolio, ti ricordo che i precedenti presidenti hanno scatenato guerre in Iraq, Libia etc proprio per togliere il mercato a noi europei e obbligarci a comprare da loro. Hanno tentato pure con Putin ma gli è andata male. Ora, l'ideale sarebbe uscire dall'euro e UE e attaccarci al carrozzone vincente (USA-UK-Russia) prima che lo facciano altri. In questo modo, ci mettiamo al riparo anche dagli eventuali dazi che Trump vuole ''regalare'' a questo carrozzone di ladri banchieri e massoni chiamato UE.
  • Marco 11 mesi fa
    Mi sembra molto naïf pensare che Trump possa andare contro le multinazionali...
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Sono le multinazionali contro di lui e hanno provato a schiacciarlo più di una volta. Lui lo sa e si difende.
  • flavio guglielmetto mugion Utente certificato 11 mesi fa
    Il meglio verra' . Adda venir il bene europeo.
  • Paolo Camillo Magnani 11 mesi fa
    Non facciamoci eccessive illusioni: Trump non vuol salvare l'Europa,vuole dividerla in due. Il nord con la Gran Bretagna e la Germania, il Sud con la Russia e contro gli integralisti dell'Islam.Noi siamo in mezzo ,come al solito...verremo divisi in due? Forse sì, comunque divide et impera! E va bene sia a Trump che a Putin. E a noi????
  • Paolo Porcina Utente certificato 11 mesi fa
    Purtroppo l'Europa ci sta fregando nuovamente con l'approvazione del CETA. Chi mi può smentire che i prodotti americani non trasiteranno attraverso il Canada.
  • Aldo B. 11 mesi fa
    L'Europa per salvarsi avrebbe bisogno di un altro Trump con i poteri presidenziali di Trump. Purtroppo i politicanti europei hanno dimostrato la propria follia durante la campagna di Trump fatta in favore di Obama-Hyllary. Quei due dementi che se avessero vinto oggi saremmo già in guerra contro la Russia di Putin. Trump salverà l'America e l'Inghilterra perché si è staccata dall'europa. L'Europa ha troppi cretini a bordo per potersi salvare.
  • Riccardo Alasia (riccardoalasia) Utente certificato 11 mesi fa
    Non vi si regge più con 'sto Trump di qui e di là ... Sperare nel vento di cambiamento portato da chi sta dentro al sistema con tutte le scarpe (Trump), è come sperare che qualcuno tiri una scoreggia per cambiare l'aria viziata dentro una stanza. Tiziana Beghin, ci sei o ci fai?
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 11 mesi fa
    Con l'aria che tira bell'Amministrazione americana è' probabile cheTrump annulli tutti i trattati commerciali e imponga dazi a tutto il mondo . Dopodiché' gli altri Paesi risponderanno con altri dazi e il commercio mondiale si bloccherà' o quasi. Sarà' a quel punto che qualcuno incomincerà' a sparare.
  • Eddy B. Utente certificato 11 mesi fa
    Beh, ormai cpn il CETA, accordo Canada EU approvato, non gli serve neanche il TTIP è come se già ci fosse...
    • Alessandro Poggi 11 mesi fa
      Non é che tra USA e Canada sia sempre tutto rose e fiori. Gli USA hanno sempre attuato una politica dei prezzi ritorsiva nei riguardi del Canada, perché non ha mai accolto l'embargo contro Cuba. Pensare che un bene passi da USA a Canada, per essere triangolato in UE é semplicistico. Che lo stesso bene arrivi in UE dal Canada, dopo una tappa in un Paese Comunitario, dipende dal bene, e dalle regole del Paese di destinazione. Potrebbero arrivare OGM, come già ci pervengono, ma non le carni di animali, trattati con sostanze delle quali non consentiamo l'uso. E' necessario tenere alto il livello d'attenzione e d'informazione, per non essere travolti.
  • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
    Viva Trump- Abbasso Trump- Sono sempre stato convinto che qualsiasi presidente USA, democratico o repubblicano che fosse , dovesse e debba, sempre e comunque, rispondere a certe logiche consolidate e molto più forti dei suoi poteri. Come tali, sono due facce della stessa medaglia. Il problema era, è e sarà la qualità del metallo della medaglia di turno: ferro, alluminio, stagno, rame, argento, oro o platino. La qualità del metallo, farà la reale differenza, a prescindere dall’area di provenienza. Noi speriamo sempre che la medaglia sia d’oro, poi ci accontenteremo anche del rame e magari dovremo constatare che è solo ferro. Oggettivamente, non riesco a capire ne l’entusiasmo ne la preventiva condanna per TRUMP. Facciata a parte, le parole le porta via il vento, i fatti restano. Personalmente, prima di pronunciarmi su TRUMP aspetterei qualche fatto concreto. Vorrei verificare la qualità del metallo della medaglia. Verba volant, et remanere facts. Saluti Talelbano
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Aldo hai ragione, volevo esprimere un altro concetto che mi è rimasto monco n.t Ciao Talelbano
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Zampa, tu la fai più semplice di quanto no lo sia. Ciao Talelbano
    • Zampano . Utente certificato 11 mesi fa
      Gianfranco Trump è difeso "anche" dai servizi segreti russi, proprio perchè non si fida troppo di quelli americani e ha assunto pure quelli che Obama disprezzava e che aveva licenziato. Immagina un po'.
    • Aldo Masotti Utente certificato 11 mesi fa
      Facta manent .
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      In tutta la vicenda Trump, non bisogna dimenticare che quattro presidenti USA, deviati, sono stati assassinati, dalle più fantasiose organizzazioni. Altri quattro presidenti sono morti di malattie sospette. Saluti Talelbano
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Per ora Trump a minacciato di tassare del 35% l’industria automobilistica americane, intenzionata a delocalizzare, sell’importazione dei mezzi prodotti fuori degli USA. Ottenendo un risultato positivo per lavoratori americani. A dichiarato di voler spostare lì’ambasciata americana a Gerusalemme. Se questo avverrà, le ricadute saranno drammatiche.
  • Roberto S. 11 mesi fa
    Scusate, ma qual'è la posizione del M5S nei confronti dei cambiamenti climatici? Ho apprezzato e condiviso la sua posizione sul referendum contro le trivelle, ora con il sostegno a Trump che ritiene i cambiamenti climatici una bufala e che vuole costruire gli oleodotti sono un po' confuso...anche se il dietrofront sul TTIP è un bene ma non credo che sia per le ragioni che sosteniamo noi..Boh?
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Nicola, tutte le colpe no ma gran parte assolutamente si. Ti faccio un esempio banale tra desideri e disponibilità: io vorrei comprarmi un’auto TESLA ma costando 80000 € non posso permettermela. Quindi sorò costretto ad accontentarmi, in ragione delle mie possibilità economiche. Cosi funziona in tutto il mondo. La Danimarca, erogava incentivi enormi sulle auto ad emissione 0 , ha fatto marcia indietro, almeno fino al 2020. Questo ha dimostrazione che, oltre la buna volontà, sono sempre le risorse a dire l’ultima parola. Ciao Talelbano
    • Alessandro Poggi 11 mesi fa
      Il motivo per cui il Movimento può avere una visione positiva del Governo Trump (tutta da verificare) é determinata dall'intenzione di pacificazione con la Russia di Putin e di maggiore collaborazione senza le modalità dell'embargo, che gli USA continuano ed hanno continuato ad utilizzare, nel periodo del Governo Obama. Credo che sia troppo sperare nella chiusura di Guantanamo, non solo come prigione, ma anche come base militare. L'area fu acquisita dagli USA con la prepotenza e mai restituita. In ogni caso, se "E' dei saggi cambiare opinione", é presto per tirare le somme, come fanno i giornali di regime con Virginia Raggi. Vogliamo almeno attendere un anno di governo Trump, senza remare contro, come stanno facendo a Roma?.
    • Nicola T Utente certificato 11 mesi fa
      D'accordissimo con te: prima penso al buco nello stomaco, poi a quello dell'ozono. Non farei, però, ricadere tutte le colpe sul corrotto e decadente Occidente. I nostri ricconi sarebbe ben felici di realizzare profitti, maggiori, esportando e vendendo mezzi tecnologicamente avanzati, anche dal punto di vista della compatibilità ambientale. Pensiamoci: un trattore Same del 1964 è una carrozza a motore di cui ti liberi volentieri, ma di soldi ne scuci pochini. Molto più succulento sarebbe esportare mezzi e processi produttivi a know-how avanzato, con cui realizzare di più dal punto di vista economico. Tanto per buttare il Same ci sono sempre le discariche abusive ed un cesso del genere prima o poi impareranno pure a produrselo e probabilmente ad aggiustarselo. Solo che, al momento, non è una loro priorità. Non credo la si possa ricondurre comunque alle cattive intenzioni dei capitalisti di casa nostra.
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Nicola, se escludi la Cina, che sta dando il suo contributo, le altre economie emergenti, in pratica, si preoccupano di crescere. Del resto l'importa poco. Tieni inoltre presenti che tutti i mezzi di trasporto, agricoli, di movimento terra ecc. provengono dall'occidente, evoluto e sensibile, che però, in onore al profitto, non inviano mai i mezzi di ultima generazione, ma sempre quelli più inquinanti di vecchia generazione. A mio avviso, alcuni dei paesi emergenti potranno e cominceranno ad allinearsi, seriamente, quando avranno risolto i lori problemi primari. Ciao Talelbano
    • Nicola T Utente certificato 11 mesi fa
      Veramente, Taleb, a mio modo di vedere, di grinze ne fa parecchie. Anche volendo, le grandi potenze occidentali, dalla Rivoluzione industriale fino agli anni '60, ben poco sapevano e potevano contro i cambiamenti climatici e l'inquinamento ambientale. Ora le tigri asiatiche, così come altre economie emergenti, hanno gli strumenti e le possibilità di intervenire a tutela. Tutto ciò ha ovviamente un costo. La Cina, onestamente, sta in parte contribuendo. Però tecnologicamente parlando, le economie emergenti, si sono trovate molte pappa e conoscenza pronte. Direi che non è proprio possibile sottovalutarlo. L'Occidente ha fatto anche molti errori per poter imparare, loro hanno la possibilità di programmare su solide basi conosciute.
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Ricordati una cosa semplice: in politica non esiste, nei fatti, il sostegno totale o il rifiuto totale. Si cerca di prendere il buono che si presume possa esserci e si va avanti. Per l'inquinamento globale, problema sacrosanto, sarà poco probabile il poter convincere i paesi emergenti a ridurre emissioni e utilizzare energie alternative che non siano a buon mercato. Il loro ragionamento non fa una grinza: voi occidentali avete smerdato il globo per 150 anni per il vostro benessere. Vorreste impedirci di poter smerdare il globo, per la quota che ci compete, per il nostro benessere? Prova a rispondergli, o a offrirgli una soluzione alternativa praticabile. Ovviamente il movimento continuerà la sua battaglia, in tutti gli ambiti dove questo sarà possibile. Ciao Talelbano
  • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
    Per salvare l’Europa ci vuole ben altro. Trump, ha fatto due conti veloci ed ha capito che il TPP non sarebbe stato conveniente per gli USA paese. Il CETA (Canada UE), fratello minore del TTIP intanto è passato. Perché è passato? Perché loro tirano avanti per la loro devastante strada, mentre noi continuiamo a far chiacchiere, spesso sul sesso degli angeli, ma no ho rilevato uno straccio di azioni concrete contro queste, ed altre, mostruosità. Il TTIP, essendo molto più complesso e articolato, dato che sarebbe l’inno al modalismo più bieco, ottuso e sfrenato, è stato messo, dall’amministrazione Trump, in frigo e sarà oggetto di ulteriori approfondimenti da parte loro. Da quanto ho capito, l’indirizzi di Trump sono la tutela certa, molto autarchica, degli interessi USA. La speranza che il TTIP naufraghi definitivamente, è nelle mani dei francesi e dei tedeschi i quali, fino a oggi, hanno mostrato le loro perplessità e le loro riserve su questo TTIP. Per l’Italia, non vi preoccupate, ha già dato io via libera al TTIP per voce del sig. Calenda. Del resto, in questo paese, tenuto per lo scroto da tutti, non sappiamo più a che santo votarci per accelerare la nostra autodistruzione. Saluti Talelbano
  • Alessandro P. Utente certificato 11 mesi fa
    Chi se ne frega del tpp NOI ABBIAMO IL CETA CHE HA PERFETTAMENTE SOSTITUITO IL TTIP (quindi mi pare ovvio che il ttip non serva più a niente). ceta: libero scambio usa/canada + libero scambio canada/Ue = libero scambio usa/Ue
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Alessandro, credimi, non è come dici tu. Il CETA, pur essendo un trattato di merda, coinvolge, teoricamente, CANADA e UE. Rispetto al TTIP è molto meno invasivo pesante e vessatorio nei confronti degli stati/cttadini, pur rimanedo di merda.. Poi le soc. USA potranno avvalesi del CETA aprendo una loro sede in Canada. Ma il problema è un altro: come è che permettiamo, senza reagire, che questi possano continuare a fare i loro porci comodi sulle nostre teste? E noi? Noi, zitti e buoni. Talelbano
    • Alessandro P. Utente certificato 11 mesi fa
      invece è proprio così ... cioè si può fare (che non sia conveniente è un altro discorso)
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Non è così, ma la strada è quella. Ciao Talelbano
  • Taipan X Utente certificato 11 mesi fa
    Trump farà crollare la maledetta UE UE. Il 2017 è l'inizio della fine,ottimo
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Speriamo. Ma che anche per questo processo, che dovrebbe essere voluto e gestito dagli europei, si dabba sperare negli USA, non mi sembra normale. Ciao Talebano
  • Gerardo Di Cola Utente certificato 11 mesi fa
    Ognuno deve fare il suo gioco non in rifarimento a quello che fanno gli altri, ma rispetto a quello che ognuno è capace di fare. Se l'America si ritira nel protezionismo e non cerca d'imporsi agli altri come ha fatto per 70 anni, mi sta bene! Se siamo arrivati a questo punto è anche per demerito dell'America che ha sempre badato prima ai suoi interessi. Quindi, ben venga che si tolgano dalle palle. Dalle mie parti si dice che: più scuro di mezzanotte non può essere. Abituiamoci a non dipendere più dall'America e, magari, riusciremo a imporre la nostra cultura che tutti ci invidiano. Prima, però, dobbiamo liberarci di coloro che poco dignitosamente hanno guidato e conservato l'Italia nell'abbraccio asfittico con gli Stati Uniti.
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Sono d'accordo in generale. Non lo sono affatto sull'imporre la nostra cultura. Le culture non debbno essere imposte ma rese fruibili. Vedi cosa abbiamo fatto in medioriente ed in africa per voler imporre la nostra cultura. Quindi, tutti amici: americani a casa loro, russi a casa loro, asiatici a casa loro, africani a casa loro ecc. Ciao
  • Eposmail. ,, Utente certificato 11 mesi fa
    Se Trump salvasse l'europa ? Bhe' sul blog più di qualcuno avrebbe il mal di pancia.
  • Ernesto✰✰✰✰✰ - La Habana 11 mesi fa
    Se Donald stracciasse il TTIP sarebbe un bene ma rimarrebbe comunque da convincere l'€uropa dei criminali!
  • massimo f. Utente certificato 11 mesi fa
    Nessuno puo essere sicuro se Trump sarà un buon Presidente o un cattivo presidente, ma quello che è certo è che sta invertendo la rotta. E infatti il braccio armato del "sistema" cioè i media gli stanno facendo la guerra. Esattamente quello che sta succedendo con Virginia a Roma. Hanno rubato tutto il rubabile, buttato nel cesso milioni di euro fra "Vele" e "Nuvole" e non mi risultano interventi rilevanti della magistratura, ma per una nomina del caxxo la procura si muove come mai prima d'ora!! Virginia va difesa ad oltranza perchè sta rimettendo Roma in linea di galleggiamento pronta a riavviare il motore...
    • matteo m. Utente certificato 11 mesi fa
      Concordo su Virginia, ma Trump contro il braccio armato del sistema assolutamente no, lui è parte del sistena , solo ha un'altra faccia, basta vedere le nomine della sua squadra di governo
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus