Il Bomba sfrutta le imprese e poi non le paga

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.


di MoVimento 5 Stelle

65 miliardi di euro. Sono i debiti della Pubblica amministrazione verso le imprese fornitrici di beni o servizi. Erano 68 miliardi nel 2008. I dati, elaborati dalla Cgia di Mestre sulle rilevazioni di Banca d’Italia, testimoniano l’ennesimo fallimento di una delle tante rivoluzioni politiche annunciate dal Bomba in questi anni.

Se guardiamo questi debiti nel dettaglio scopriamo anche di peggio: nel 2008 solo 21 miliardi dei 65 totali erano debiti dovuti a ritardi della Pa nel pagamento, mentre gli altri 44 erano fisiologici, perché doveva ancora scadere il termine. Nel 2015, invece, i debiti causati dal ritardo della Pa sono saliti del 62%, a quota 34 miliardi, nonostante una direttiva europea del 2013 abbia fissato il limite massimo di pagamento a 30 giorni (60 per i debiti sanitari). Persino il Governo Berlusconi, in confronto all’attuale, era un fulmine di guerra nel pagare i fornitori.

Nel contesto europeo l’Italia si posiziona come al solito in fondo alla classifica: alla Pa servono in media 131 giorni per saldare i suoi debiti con le imprese (dati 2016), mentre in Francia si scende a meno della metà (58 giorni), nel Regno Unito a meno di un quarto (30 giorni), e in Germania a una piccola frazione (15 giorni).
Va detto che se il Governo è colpevole di giocare con la vita di migliaia di imprese creditrici, la sua colpa più grande è di non mettere in discussione i vincoli di bilancio europei. Già, perché se da una parte l’Unione europea ci punisce con una procedura d’infrazione per i ritardi della Pa, dall’altra il Fiscal Compact e la regola del 3% impediscono all’Italia di uscire dalla stagnazione economica, con la conseguenza che il bilancio pubblico ha sempre maggiori difficoltà a far fronte ai suoi debiti.

Una vera ripresa dell’occupazione, invece, garantirebbe alle casse pubbliche maggior gettito fiscale e quindi più flessibilità per soddisfare le imprese fornitrici. Si innesterebbe un circolo virtuoso che oggi è tecnicamente irrealizzabile.

Nel 2016 per le imprese creditrici, oltre al danno, potrebbe esserci anche la beffa. Dato che il Pil crescerà meno di quanto previsto dal Governo, per tenere in equilibrio i conti pubblici servirà liquidità aggiuntiva. La Cgia teme che lo stock dei debiti della Pa si amplierà proprio per garantire al bilancio pubblico di rimanere in piedi.

Il M5S è deciso a rompere il prima possibile questo circolo vizioso che tiene in ostaggio migliaia di imprese ogni anno, costringendone una buona parte al fallimento. Abbiamo già ottenuto in Parlamento una parziale vittoria, consentendo alle imprese fornitrici di utilizzare i crediti verso la Pa a compensazione delle tasse dovute, ma non ci basta. Il sistema finanziario che soffoca il nostro tessuto produttivo va cambiato dalla A alla Z.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Rose Violini Utente certificato 1 anno fa mostra
    O.T. http://www.fanpage.it/che-fine-ha-fatto-il-nuovo-non-statuto-del-movimento-5-stelle/ Ad oggi, quante richieste di certificazione rimangono da soddisfare?
  • Rose Violini Utente certificato 1 anno fa mostra
    “una delle tante rivoluzioni annunciate dal Bomba in questi anni”: gli yes men hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero, e di mandare liberamente afc i punti di vista critici. https://disqus.com/home/discussion/forummovimento5stelle/punti_di_vista_critici/best/
  • Rosa 1 anno fa
    La Raggi va lasciata scegliere i suoi collaboratori come lei ritiene di averne bisogno. Non capite che altrimenti sarebbe impossibile risollevare una situazione dove non funziona nulla. Ci vogliono persone capaci e queste vanno pagate per quel che costano. Lei non può sapere tutto. Non saranno soldi spesi male in quanto ne gioverà tutta la comunità con servizi funzionanti, caccia allo spreco e alla malavita.
    • Rose Violini Utente certificato 1 anno fa mostra
      http://www.beppegrillo.it/2013/03/gli_esperti_e_l.html
    • marcello acquaviva 1 anno fa
      Credo che traguardi, che ha indicato e che sono esatti, non siano compatibili con quelli che interessano i partiti che ci governano o che ci hanno governato!!!!!!!!!!!
  • Dario Genovese Utente certificato 1 anno fa
    Post dello stesso tenore delle chiacchiere che sento al bar. Ancora una volta, per vostra scelta POLITICA, non viene indicata la vera causa dei nostri problemi, cioè che l'olio della nostra economia (la moneta) è gestito dallo Straniero. Come si fa impresa se quello che si produce qui viene fatto all'estero e costa di meno? Semplice! Delocalizzando, licenziando e abbassando i salari, con buona pace dell'occupazione Italiana. All'interno dell'Euro, per l'Italia, NON C'E' ALTRO MODO (ancora non ve ne siete accorti??) Fuori dall'Euro e sovranità Monetaria al Popolo e ai Lavoratori come recita l'art. 1! Subito! Che fine ha fatto tutto il discorso sul referendum? Perchè non si parla più dell'Euro? 30 anni fa si stava bene e l'Italia era molto più corrotta e 'sprecona' di oggi, è l'Euro il Problema.
    • FABIO B. Utente certificato 1 anno fa
      decerebrati in preda a buffet allucinatori, causati dalla peggior droga- l'azzardo delle putride macchinette mangiacervello
    • FABIO B. Utente certificato 1 anno fa
      da 25 anni ,sono pochi i bar dove sentire certi discorsi, adesso nei bar trovi zombi inebetiti
    • Rose Violini Utente certificato 1 anno fa mostra
      appena Rousseau consentirà un Programma elettorale “deciso dagli iscritti”, sottoporrò alla votazione dell’Assemblea la seguente proposta, dove espongo il mio punto di vista, che intende valere ne più ne meno di uno, anche il tema di moneta italiana Titolo del Programma La sovranità appartiene al popolo – Democrazia Diretta – ognuno conta uno Testo 1) Il M5S si impegna ad operare gli interventi necessari affinchè la Costituzione italiana consenta al popolo una reale e piena sovranità, attraverso - il metodo della Democrazia Diretta-. 2) Qualsiasi accordo internazionale che comporti anche una parziale cessione di sovranità, sarà sottoposto a referendum popolare. 3) A ogni elettore sarà fornita gratuitamente una propria firma digitale, valida, al pari di quella manuale, a) per i referendum e le leggi di iniziativa popolare, b) per esprimersi annualmente sia sull’ ammontare del gettito fiscale, sia su come e dove vadano investite tali risorse pubbliche (Bilancio Partecipato). 4) La riserva aurea appartiene al popolo sovrano. Dovrà dunque essere custodita in una Banca italiana totalmente pubblica, il cui Dirigente sarà eletto dal popolo, in concomitanza con l’elezione dei PortaVoce, e avrà il compito di stampare -moneta del popolo italiano- e di gestirla in base a un Programma etico - sociale, approvato dal popolo.
    • Zampano . Utente certificato 1 anno fa
      Concordo e a questo va aggiunto che la grande richiesta da parte politica di immigrati in Italia è il desiderio che hanno le multinazionali di rimpiazzare i nostri lavoratori italiani con manodopera a basso costo, così da ammortizzare le spese e lasciare le tasse inalterate. In questo modo l'Italia diventerà cio' che una volta era l'URSS, dove il popolo aveva una paga bassa e faceva la fame per i prezzi inaccessibili del cibo e dei beni più necessari, quello stesso popolo che prendeva in rubli l'equivalente di 1 dollaro al mese, mentre i politici comunisti radical-chic parlavano di welfare, di solidarietà e di altre menate mentre si godevano da ricchi le vacanze sul mar nero...
  • ite 1 anno fa mostra
    Dopo aver sfogliato la rosa dei papabili per l’ennesima volta, i 5Stelle hanno deciso. Il nuovo direttore generale di Ama sarà Stefano Bina e a nominarlo sarà la sindaca Virginia Raggi, questa sera a sopresa in giunta. L’ingegnere ora ai vertici di Asm, municipalizzata dei rifiuti che serve Voghera e la corona di comuni attorno alla cittadina lombarda, arriverà a Roma con un incarico a tempo. Tre, al massimo quattro mesi. Poi, all’inizio 2017, l’azienda di via Calderon de la Barca selezionerà con un bando il suo dg. Al concorso potrà partecipare lo stesso Bina, che al Nord guadagna 140mila euro l’anno (a cui vanno ne vanno sommati altri 12mila per incarichi minori) e che nel 2011, attraverso la Asmt Servizi Industriali, ha sponsorizzato per mille euro il Pd. Sul suo nome sarebbe arrivato il placet della Casaleggio Associati. Un sigillo di qualità ritenuto fondamentale dalla base del Movimento e dai 29 consiglieri grillini, sempre divisi sulla prima tranche di nomine della giunta e sull’opportunità di inserire nello staff della prima cittadina elementi legati alla vecchia politica. La promessa dell’inquilina di palazzo Senatorio di non sforare i 5 milioni di spese ha mitigato solo in parte la delusione di chi, in ferie, è venuto a sapere dai giornali dello stipendio garantito al capo della segreteria politica, Salvatore Romeo. Attivista 5Stelle e funzionario del Comune, ha visto la sua busta paga gonfiarsi fino a raggiungere quota 105 mila euro. Perché continua a lasciare l’amaro in bocca (e a generare fitti scambi di messaggi sulle chat WhatsApp a 5 stelle) anche la decisione di promuovere Raffaele Marra, fedelissimo dell’ex sindaco Alemanno, a vice capo di gabinetto. Virginia Raggi, alle prese con altri quattro casi. Il primo porta il nome di Andrea Mazzillo: per 90mila euro all’anno vigilerà sull’attuazione delle linee programmatiche, ma è un ex Pd. Il secondo riguarda Gianluca Viggiano, pronto a prendere il posto di Laura Benente alle risorse umane.
    • ite 1 anno fa mostra
      ......Gianluca Viggiano, pronto a prendere il posto di Laura Benente alle risorse umane. Vicino a Marra, è considerato un alemanniano. Tripletta con le nomine dell’assessore al Bilancio Marcello Minenna: gli esperti della Consob che vorrebbe al suo fianco costerebbero quasi 500mila euro all’anno. Più dei quasi 300mila a disposizione di ogni assessore. L’idea? Caricare i costi in eccesso sul portafoglio della prima cittadina. Chiusura con i comunicatori a 5Stelle. Qui i dubbi sono legati al tipo di accordo. I diretti interessati si aspettano un contratto di tipo giornalistico. La giunta non sarebbe dello stesso parere. = schifo
  • Jarod 1 anno fa mostra
    ALDEBARAN – mt 42 Lunghezza fuori tutto 42,00 metri Larghezza massima 8,50 metri Immersione massima 2,40 metri Scafo in Acciaio ad Alta Resistenza AH 36 Sovrastruttura in Alluminio 5083 H32 Classifica Lloyd's Register ✠ 100 A1 SSC 
"YACHT" MONO G6 - ✠ LMC -
 MCA COMPLIANT Dislocamento 325 tonnellate Motori principali 2 Caterpillar 3508B (1300 HP @ 1830 giri al minuto) Generatori 2 Northern Lights da 80 Kw cad.
 
Generatore di emergenza 1 Northern Lights da 55 Kw Eliche 2 Finnscrew a 5 pale Classe S Velocità massima 16,00 nodi Autonomia 3.000 miglia @ 14 nodi Capacità gasolio 61.000 litri Capacità acqua dolce 11.000 litri Cabine ospiti 1 Suite Armatore 2 Cabine Matrimoniali 2 Cabine a due letti (+ 1 letto a scomparsa) Cabine equipaggio 1 Cabina Comandante 1 Cabina Direttore di Macchine (a 2 letti) + 1 a scomparsa 2 Cabine a due letti M5S oltre 100 deputati, è il primo partito, ma fino ad ora è riuscito a fare solo un'opposizione blanda e inconcludente.
    • Jarod 1 anno fa mostra
      Si, c'è uno sconto per noi vecchi militanti e un gran risotto agli scampi di regalo. Per Luca posto da mozzo.
    • old dog 1 anno fa mostra
      Ricordarsi che ora chi è al governo approva leggi x decreto l'opposizione c'è ma è x confermare che esiste la parola quando una classe politica si ispira alla mafia tu di opposizione non ne puoi più fare saluti
    • old dog 1 anno fa mostra
      ma è in vendita sto yacht?
  • Giuseppe . Utente certificato 1 anno fa mostra
    Ma come si fa a stare dalla parte di questa feccia che ci invade? Grillo ma quanto ti hanno pagato per farci invadere? Quanti soldi prendi dalle cooperative che mangiano sui falsi migranti? voi grillini siete complici di ren-zi e insieme a lui state mandando a picco l'Italia. FATE SCHIFO
    • Giuseppe . Utente certificato 1 anno fa mostra
      Grillo vaffanculo tu Ren-zi Alfano Boldrini e tutta l'africa
  • Giuseppe . Utente certificato 1 anno fa mostra
    Chi li paga i 65 miliardi Beppe grillo? Ma andate affanculo buffoni. avete rotto il cazzo con le vostre promesse irrealizzabili
    • Massimo Trento (orbo e semisordo) Utente certificato 1 anno fa mostra
      ...il cerchio si stringe, anico mio, e il Suo profilo appare evidente. Ci saluti caramente i Suoi accoliti di sezione...
    • Alex 1 anno fa mostra
      Ahahahah giuseppe detto il ribomba. ohgrullo la paghetta già l hai presa o fai passà la tò mamma?
    • Giuseppe . Utente certificato 1 anno fa mostra
      i mandanti li hai tu deficiente.Riguardo al turpiloquio, sei ridicolo voi grillini riguardo al linguaggio siete da vomito Arivaffanculo
    • Alessandro L. 1 anno fa mostra
      Massimo, ma gli dai pure retta ?
    • Massimo Trento (orbo e semisordo) Utente certificato 1 anno fa mostra
      E Lei, tanghero, chi dei Suoi mandanti politici vorrebbe pregare con tal turpiloquio di pagare i 65 miliardi?
  • romolo 1 anno fa mostra
    La sindaca Raggi non usa twitter dal 4 agosto scorso. L’Appendino ben 11 volte, rispondendo ai cittadini e facendoli sentire coinvolti. La Raggi non risponde mai su twitter, l’ultima risposta risale al 23 febbraio, da quando ha vinto le comunarie. Da allora ogni sollecito su twitter resta senza risposta. Con fb è più presente, tuttavia lo strano sta nel mantenere il profilo privato accanto a quello pubblico, per la qual cosa non si sa se quanto si legge è roba sua o dello staff. È un’emorragia di credibilità che, per un sindaco d’una città così importante come Roma, non è giustificabile. Senza considerare Instagram che facilita anche follower stranieri, praticamente la Raggi rinuncia a promuovere se stessa e la città anche agli occhi stranieri. È un danno che non paga solo la sindaca, ma tutta la cittadinanza, soprattutto nella sua immagine ormai compromessa.
    • undefined 1 anno fa mostra
      ...oltretutto deve fare anche da mamma e da moglie, mica la mignotta come la tua, al videopoker dalla mattina alla sera ad adescare i clienti.
    • Alessandro L. 1 anno fa mostra
      Il vero danno di Roma è il malgoverno dei sindaci delle passate edizioni, non la Raggi.
    • undefined 1 anno fa mostra
      Se è per questo non usa neancheGoogle+ Meetup VKontakte QZone Pixnet Facenama Tumblr Flickr Swarm Posterous Telegram LinkedIn Pinterest Formspring Bebo Friendster Hi5 Ning Tagged MySpace ecc... Fa la sindaca di una metropoli mica un cazzo dalla mattina alla sera da segretaria alle scuole quattro ore al mattino fino a venerdì, come te.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus