I dati condannano la Rai

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Roberto Fico, M5s Camera

Finalmente dopo le mie reiterate richieste siamo riusciti ad ottenere dall'AGCOM i dati sull'informazione che la Rai sta fornendo in merito al referendum costituzionale.
Sono preoccupanti e confermano quello che era già evidente a tutti.

Nei telegiornali della televisione pubblica dal 20 aprile al 6 giugno 2016:

- I sostenitori del "SI" hanno avuto quasi l'80% del tempo di notizia (ovvero 8 ore pari al 78%).
- I sostenitori del "NO" hanno avuto il 22% (ovvero 2 ore e 20 minuti).

Ricordo che il tempo di notizia è il tempo dedicato da un giornalista all'illustrazione di un argomento. Si certifica così un netto squilibrio tra le posizioni in campo ingiustificabile e impensabile per un servizio pubblico. La Rai deve rimediare e riequilibrare immediatamente e deve assicurare ai cittadini un'informazione degna di questo nome, ovvero imparziale ed equilibrata.

>>> Il Blog delle Stelle ora è anche su Telegram con tutte le news e i commenti.
Rimani aggiornato ---> Clicca qui https://telegram.me/blogdellestelle e UNISCITI.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Sidney Jahnsen Medling Utente certificato 1 anno fa
    E' normale che la RAI sia dalla parte del governo e' una TV di regime, come quelle in Nord Corea e Cuba. Quello che e' strano e che nessuno abbia fatto ancora niente per sopprimerla, sopratutto dopo l'ultimo sopruso contro il popolo inserendo il canone nella bolletta energetica, obbligandolo a pagare per un servizio che non ha richiesto, per coprire i mega vergognosi guadagni di Fazio, Littizzetto, Gubitosi, del Noce, ecc.
  • Paolo M. Utente certificato 1 anno fa
    Sono curioso di vedere i dati in modo tale da poter rispondere a chi dice che noi del m5s non pubblichiamo mai nulla.
  • sebastiano b. Utente certificato 1 anno fa
    Buongiorno Ne riparliamo dopo il referendum, sta arrivando il mare sul castello di sabbia, si dovranno appianare tutte queste differenze, dovrà diventare pubblica, lo Stato dovrà sostenerla e il surplus tutto a casa. L'emittente di Stato dovrà essere imparziale, austera, una emittente da cui l'Italiano deve poter ricevere informazione sicura e precisa. La sera intrattenimento pulito, pacato,serio come si auspica alla buona televisione in quanto rappresenterà lo Stato. daltronde
  • marco mariani 1 anno fa
    Salve..vorrei dirvi Che la tv italiana-Rai e' politicizzata....da SEMPRE, con la suddivisione delle varie reti.Quindi non facciamo finta di scandalizzarci.....sappiamo benissimo tutti come vengono ripartite le reti televisive!!!!!
    • Gennaro G. Utente certificato 1 anno fa
      ma davvero ? allora perke lo e da sempre x te e una cosa normale e giusta?
  • Agostino Carnevale Utente certificato 1 anno fa
    Ho fiducia in voi in quanto vi ho visto all'opera in tutti questi anni e puntualmente quando le situazioni lo richiedevano ( sostegno ai candidati sindaco di queste ultime amministrative) avete sempre presidiato giorno e notte dando una informazione dettagliata, approfondita.Adesso col referendum saro' fiero di partecipare a diffondere con i mezzi che mi sono a disposizione tutte le informazioni che saranno utili a farne comprendere l'intricato procedimento che rischia di farci sprofondare in una dittatura.
  • Erminio Ottonee Utente certificato 1 anno fa
    http://www.ilpost.it/2016/02/09/contratto-roma-m5s/ kastaaah!!!1!1!!
  • Paolo C. Utente certificato 1 anno fa
    Bisogna organizzare una manifestazione di massa sotto la RAI!
  • Domenico Pasquariello 1 anno fa
    Ritengo che il massimo sforzo debba essere fatto con la presenza sui territori: vie, piazze, campagne, fabbriche; e tutto questo in più della rete! Ogni cittadino (deputato, senatore, attivista, simpatizzante...) deve mettere del suo, naturale e sociale, per la vittoria del "NO"!
  • Alessandro P. Utente certificato 1 anno fa
    un modo per protestare sarebbe invitare i cittadini con internet a disfarsi della televisione (e risparmierebbero pure la tassa sul possesso tv). Se lo dico io non mi fila nessuno ma se lo dite voi qualcosa cambierebbe subito...
  • Steve 1 anno fa
    Quelli del canone sono soldi estorti vista la faziosità del servizio pubblico. Ieri c'era su Euronews un intervista alla Raggi, che ho visto casualmente facendo zapping sui canali satellitari. Vorrei tanto chiedere ai signori che hanno allocato le frequenze sul digitale terrestre per quale motivo NON hanno previsto un canale per Euronews, che è la tv della Comunità europea finanziata con soldi comunitari. Forse per lasciare spazio a tele capri, o a bergamo tv, o a tele padre pio ???
  • samuele m. Utente certificato 1 anno fa
    Incapaci fregoni
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 1 anno fa
    Ma che strano, che novita', che meraviglia! Vuoi vedere che la RAI e' governativa (dalla nascita) ?
  • harry haller Utente certificato 1 anno fa
    Ed allora che si fa, per costringerli a riequilibrare la situazione??....
  • issu illu 1 anno fa
    "La Rai deve rimediare e riequilibrare immediatamente e deve assicurare ai cittadini un'informazione degna di questo nome, ovvero imparziale ed equilibrata." E se non lo fa?
  • Margherita Palomba 1 anno fa
    Sono una dipendente regionale della Basilicata. Vorrei mettere la mia esperienza al servizio del M5S per cui ho già votato nelle precedenti occasioni. Ritengo di potervi essere utile anche se preferisco lavorare dietro le quinte perché alla mia età e' giusto lasciare spazio ai giovani.
  • Gianni Comini 1 anno fa
    scusate la mia ignoranza.ma non abbiamo nessuno nel CDA della RAI che rappresenti l'opposizione (vedi Freccero) che si opponga a questo sistema ?? di male informazione ???
  • old dog 1 anno fa
    e noi condannati a pagare il canone senza avere un servizio xchè se la Rai non informa è complice saluti ai monelli del blog ▌│█║▌║▌║ σℓ∂ ∂σg ║▌║▌║█│▌
  • Bernabe' Giovanni Stefano 1 anno fa
    per favore mettere sempre la data (gg/mm/aaaa) all'inizio del testo di ogni intervento grazie
  • sil sotgiu Utente certificato 1 anno fa
    Ma cosa vi aspettate da uno dei tanti carrozzoni inutili usato come poltronificio di questa vergognosa classe politica se non fanno i leccapiedi del potere quale altro lavoro potrebbero fare?
    • maurizio d. Utente certificato 1 anno fa
      Non poltronificio, BANCOMAT, loro in giro con scorta ed il resto, case e ville su tutto il territorio, servizi ed altro non pagati, e noi OBBLIGATI a pagare il canone rai, altrimenti EQUITALIA PRONTA ALLE SPALLE. VERRA' IL GIORNO CHE ANCHE VOI VI DOVRETE ABBRACCIARE UNA BELLA VANGA PER POTER MANGIARE. SALUTI A TUTTE LE STELLE. PS. LE NOSTRE DUE PRIME DONNE SONO GRANDI, AVANTI COSI.
  • Giovanni lipari Utente certificato 1 anno fa
    La rai e sempre e sara un voltagabbana percio cerca sempre di difendere i propri interessi, d'altronte si chiama tv di stato!!!!
  • Katia Tuscia 1 anno fa
    WM5S.....
  • Tullio Marra 1 anno fa
    Sono per il SI unico modo per battere gli inciuci che continuerebbero come adesso tra destra e sinistra.
  • Andrea F. Utente certificato 1 anno fa
    La si potrebbe quasi definire propaganda di regime.
  • Rosa 1 anno fa
    Caro Roberto, senz'altro è faticosissimo aver a che fare con questa banda strutturata dal sig. eletto da nessuno. Ma tieni duro e soprattutto il fiato sul collo a questi direttori poco professionali. Il servizio pubblico è pagato dai cittadini che hanno diritto di avere un'informazione il più possibile imparziale. Fai tutto quello che puoi, noi ti ringraziamo.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus