Uno sviluppo economico a 5 stelle

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle

Martedì 23 maggio dalle ore 11 si terrà, nella sala Protomoteca del Campidoglio, il terzo convegno del MoVimento 5 Stelle sullo sviluppo economico. L’obiettivo è perfezionare, insieme ad autorevoli esperti nazionali e internazionali, il programma di Governo che sarà presto votato sul blog.

Il MoVimento 5 Stelle sogna un nuovo modello di sviluppo economico, che tenga insieme lavoro, ambiente e benessere sociale. In questo terzo incontro i parlamentari Giorgio Sorial, Barbara Lezzi e l’eurodeputato Ignazio Corrao dialogheranno insieme a diversi relatori di prestigio su due temi fondamentali: lo sviluppo tecnologico e gli investimenti privati (prima parte del convegno) e il ruolo dello Stato nello sviluppo, attraverso le partecipate pubbliche (seconda parte del convegno).

Per rendere realtà il nuovo modello è urgente infatti una riconversione produttiva trainata dallo sviluppo tecnologico. C’è quindi bisogno sia di investimenti pubblici che di investimenti privati. Se i primi getteranno le basi del nuovo corso, intervenendo nei settori strategici e stimolando la produttività, i secondi seguiranno a ruota all’interno del nuovo recinto disegnato dallo Stato. L’impresa tornerà così ad essere motore di sviluppo compatibile con i fini sociali, come prevede la nostra Costituzione. Il nuovo modello sarà fondato sul consumo sostenibile e consapevole e non sull’offerta ipertrofica di multinazionali votate all’abbattimento selvaggio dei salari e all’aumento smisurato dei profitti. Basta obsolescenza programmata, basta spreco dei materiali e inutile inquinamento; l’artigianato sarà al centro del progetto industriale, ponendosi verso le imprese in un rapporto di collaborazione per riutilizzare e riparare i materiali usati nel precedente ciclo produttivo. Lavoro, ambiente e benessere sociale torneranno ad essere compatibili con lo sviluppo tecnologico e gli aumenti di produttività.

Nella prima parte interverranno:
Gianmarco Carnovale, Presidente Roma Startup
Ishak Waguih, Vice Presidente Corning West Technology Center, Palo Alto (California)
Marco Gay, Vicepresidente Digital Magics
Paolo Anselmo, Presidente Italian Business Angels Network
Alessandra Bechi, Direttore Affari Istituzionali Associazione Italiana del Private Equity, Venture Capital e Private Debt
Filippo Corsini, S.Anna Pisa
Daniele Giangiulli, Direttore Generale Confartigianato Imprese Chieti
Alessio Presenti, Nord Zinc SpA

Nella seconda parte interverranno:
Andrew Cumbers, University of Glasgow
Maria Teresa Polito, Consigliere della Corte dei conti
Stefano Sylos Labini, Enea
Angelo Lalli, Università La Sapienza di Roma
Daniele David, Università degli Studi di Perugia
Massimo Colomban, Assessore partecipate Roma

La seduta mattutina sarà introdotta dal Sindaco Virginia Raggi e quella pomeridiana dal vicepresidente della Camera Luigi di Maio.

Vi aspettiamo numerosi!

Qui il link per accreditarvi.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Piombi 7 mesi fa
    Questo messaggio si rivolge alla persona avente bisogno di prestito per affrontare le difficoltà finanziarie per uscire dal vicolo cieco che causano l'economia al giorno d'oggi. Siamo in grado di farvi prestiti in tutti i domini o che siate e con condizioni che vi faciliteranno la vita e un tasso annuale da partire dal 2%. se avete bisogno di prestito non esitate a contattarle per ulteriori informazioni sulle nostre condizioni. Personale Mail: piombiipatrizia@gmail.com Invia la nostra azienda loanprivate.invest@gmail.com ecco il nostro numero di WhatsApp: +33755015299 Grazie e buona giornata.
  • sandra alexandri Utente certificato 7 mesi fa
    Io sono sandra grazie Josina Gomez posso ottenere un prestito di 200.000 euro con un tasso del 2% in 72 ore bonifico bancario ho avuto difficoltà a credere sono stato truffato più volte tutti questi documenti sono approvati in Europa America Asia e certificano perché le imprese europee signora Gomez vi offre qualsiasi tipo di prestito per il vostro progetto di viaggio finanziamento progetto , si prega di studiare nelle Università di contatti si sarebbe non essere delusi dalla posta prestitobancario2017@gmail.com
  • Shahab Shirakbari Utente certificato 7 mesi fa
    LA PICCOLA BORGHESIA E' DECLASSATA Italia è cambiato, la disuguaglianza aumenta è legata in gran parte ai redditi, e alle pensioni. I figli della classe dirigente diventano classe dirigente, i figli dei laureati diventano laureati, gli altri lasciano la scuola. La povertà assoluta riguarda 1,6 milioni di persone, il 6,1% delle famiglie, povertà assoluta individuale è più alta, arriva al 7,6% della popolazione.Il 6,5% della popolazione rinuncia a visite mediche. Le disuguaglianze in Italia si spiegano soprattutto con il reddito, la mancanza di meccanismi di redistribuzione adeguati, cresce l'occupazione di bassa qualità e il lavoro part-time. L'Italia ha perso 1,1 milioni tra 18-34 anni cioè la maggiore forza trainante per il paese, il 70% vive ancora con i genitori, fuggono dal Italia in media 40 mila all'anno i giovani spesso con la qualifica e istruiti per lavorare all'estero. Mentre l'Italia il Paese più vecchio d'Europa , al 1° gennaio 2017 la quota di individui con oltre 65 anni raggiunge il 22%. GLOBALIZZAZIONE DELLA PRODUZIONE E DEL LAVORO CONCORRENZA SLEALE... La globalizzazione della produzione ha fatto fallire o delocalizzare molte aziende "concorrenza sleale". Tocca adesso assalto al costo del lavoro abbassare il costo della mano d'opera attraverso la deportazione forzata del esercito di immigranti disposti a fare qualsiasi lavoro senza nessun diritto, le possibili aree di conflitto tra immigrati e lavoratori residenti, parte un conflitto potenziale tra lavoratori locali marginali ed immigrati irregolari e la probabile concorrenza tra disoccupati di entrambi i gruppi,.... "concorrenza sleale", anche sulla mano d'opera. Simili conflitti comportano delicati problemi per le politiche economiche e sociali, la lotta tra i poveri non più con padroni. Per rilanciare economia prima bisogna abbassare il costo dell'apparato Statale, sprechi, la corruzione...dopo possiamo stabilire aliquota fissa per la tassazione.
  • Aldo Masotti Utente certificato 7 mesi fa
    Concordo con Marco e Lino. @Mauro: Sylos Labini e' "critico con l'euro" ma non e' "decisamente per l'uscita dall'euro" . Ci stanno bollendo come la rana: dobbiamo saltare fuori dalla pentola prima di finire bolliti come la grecia.
  • Marco S. Utente certificato 7 mesi fa
    In tutta franchezza trovo bislacca e imbarazzante la presenza, fra gli altri molti dei quali non conosco, del sig. Marco Gay, non perchè imprenditore ma perché esponente istituzionale di Confindustria, una di quelle consociazioni d'interessi - e non la più insignificante - che nella logica di una opportuna disintermediazione dei rapporti sociali idealmente nemmeno dovrebbero esistere se è vero, come credo, che "interessi nazionali" si considerano, e come tali si perseguono, quelli riferibili alla comunità formata da tutti i cittadini italiani a pari merito e non quelli di lobby, circoli di potere e gruppi di pressione, apparati palesi e occulti che formano il complesso sempre inquietante del cosiddetto Deep State. Non volendo nemmeno pensare che si tratti di una marchetta preelettorale, mi sembra assai opinabile che personaggi di questo tipo possano contribuire al progetto di uno "Sviluppo a 5 Stelle". Marco Signori, Milano/Bagnolo in Piano
  • Lino V. Utente certificato 7 mesi fa
    per non dimenticare : l’IVA italiana verrà aumentata. E non di poco. Capisco che siete increduli ma è così; so anche che i giornali parlano di tutto ma non di cose importanti come questa. Di seguito l’aumento DECISO e NON Previsto. L’aliquota Iva ad oggi del 10% passerà al: • 11,5% dal 01.01.2018 (+1.5% rispetto al 2017) • 12,0% dal 01.01.2019 (+2% rispetto al 2017) • 13,0% dal 01.01.2020 (+3% rispetto al 2017) Mentre l’aliquota ad oggi Iva del 22% passerà al: • 25,0% dal 01.01.2018 (+3% rispetto al 2017) • 25,4% dal 01.01.2019 (+3.4% rispetto al 2017) • 24,9% dal 01.01.2020 (+2.9% rispetto al 2017) • 25,0% dal 01.01.2021 (+3% rispetto al 2017) L’EU VUOLE FARE IN MODO DI FAR ARRIVARE LA TROIKA IN ITALIA; STANNO CERCANDO DI FARLO DAL 2011 CON BERLUSCONI (CHE POI HANNO ABBATTUTO CON UN GOLPE BIANCO PERCHE’ SI RIFIUTAVA) Si noti bene: se la situazione dei conti statali dovesse peggiorare, cosa praticamente certa, sono pronto a scommettere che le aliquote IVA già approvate – quelle sopra – saliranno ulteriormente rispetto a quanto indicato. Chiaro, prima delle mazzate ci saranno le elezioni, poi bastonerannno: vorrete mica che Vi diano la giusta ragione per incazzarvi votando contro l’EUropa austera... Ora capite perchè Il Bomba (alias Matteo Renzi, a nome del PD) voglia andare alle elezioni entro fine anno…. altrimenti le balle che hanno detto verranno fuori al momento sbagliato!! E pensare che Matteo Renzi, nel marzo del 2016, aveva promesso di abolire il Bollo Auto. “Vogliamo ricordare che in Francia, il costo del Bollo Auto si dimezza al 5° anno di possesso del mezzo sino ad azzerarsi al compimento del 10° anno ”. Ricordiamolo.
    • Gino Sighicelli Utente certificato 7 mesi fa
      forse entro il 2018 infine mi deciderò ad espatriare finora a trattenermi è stata soprattutto la pigrizia pro e contro, ma pro crescenti costantemente a fronte di contro invece costanti non mi va, ma so che infine mi ci troverò costretto ad ogni modo, è anche l'unica cosa che rimane alla mia portata (almeno smettere di essere complice - anche per il solo miserabile fatto di dover comunque in qualche modo contribuire al finanziamento di un tal sistema di super pidocchi) finché si è in tempo ...
  • Nicola Catenacci (akirapunk) Utente certificato 7 mesi fa
    Bene, iniziativa molto interessante. Complimenti!
  • Umberto Tordone Utente certificato 7 mesi fa
    è chiaro che ognuno di noi ha la propria personalissima ricetta per uscire dalla crisi... ma credo che su una cosa si possa e si debba essere d'accordo: porre fine all'immane sperpero di denaro pubblico !! Per questo SONO COMPLETAMENTE INUTILI I RIDICOLI SVICOLAMENTI UN PO DI TUTTI I POLITICI finalizzati AD ACCONTENTARE TUTTI ... quindi bisogna per forza cominciare con il deciso sfoltimento nel pubblico impiego (una VERA riforma della P. A. deve contemplare l'elimininazione della burocrazia inutile oltre che criminale, la qual cosa avrebbe la logica conseguenza di consentire il necessario sfoltimento); la eliminazione del milione di pensioni di invalidità fasulle al sud e nelle isole; il taglio netto delle pensioni retributive da un certo importo in su; la fine VERA della libertà di sperpero da parte di TUTTI gli enti pubblici meridionali ATTRAVERSO la corresponsabilizzazione degli amministratori locali per gli sfori di bilancio da loro determinati, previo il sequestro del loro patrimonio privato. Con moltissima modestia, credo che non esistano altre strade da seguire PRELIMINARMENTE ad ogni buona proposta per attuare il rilancio economico VERO di cui abbisogna questo sciagurato paese...
  • Aldo Masotti Utente certificato 7 mesi fa
    L'obbiettivo lo condivido. Questi esperti non mi convincono. Abbiamo provato ad invitare Bagnai , Barra Caracciolo e magari Borghi Aquilini ? Comunque la domanda che porrei a tutti loro e': vogliamo uscire dall'euro o no ? Se solo rispondono titubando e parlando "alla Macron" sarebbero da cacciare in quanto parlano con lingua biforcuta. Tanto farebbe invitare direttamente il ministro Padoan .
    • Mauro FERRANDO Utente certificato 7 mesi fa
      Aldo, questione di gusti. Per me Stefano Sylos Labini (peraltro molto critico verso l'Euro) è molto più interessante e originale di Bagnai (che ritengo peraltro sia offeso con il Movimento per non aver ottenuto carta bianca, ma noi siamo così, siamo democratici): unisce solide competenze professionali in materia di energia (Cer, Enea) a profonde conoscenze economiche. Mi ha sempre risposto tempestivamente ed esaurientemente a mie osservazioni su blog e su Twitter. Considero BAGNAI troppo teorico, legato a serie storiche econometriche su cui basa le sue teorie senza considerare innumerevoli nuovi fattori: è come se si volesse prevedere il tempo considerando le statistiche passate senza osservare la situazione attuale e l'influenza dei cambiamenti climatici!
  • Andrea Pollice 7 mesi fa
    Come mai se la strada è quello dello sviluppo tecnologico, il M5S si è schierato con la lobby dei taxisti a discapito di realtà come Uber? Il M5S ritiene si DEBBA introdurre in Italia questo tipo di servizio, o la sua posizione resta quella legata ad una unica corporation oltretutto "arcaica" a livello tecnologico. A questo proposito, inoltre, sono interessanti i vari servizi delle Iene riguardo modalità di operare ed evasione fiscale di una grande fetta di operatori del settore.
    • Gino Sighicelli Utente certificato 7 mesi fa
      il paradigma uber è monopolistico non ti bastano FB, Google, MicroSoft, ...
  • bigvalue 7 mesi fa
    Ma com'è che sul blog si parla di futuro 2.0, sostenibilità, tecnologie avanzate ed economie digitali e a Roma invece ci avete rifilato anche voi i bancarellai mutandari in prima fila davanti ai monumenti? Un Suq medioevale degno di città di mille anni fa? Cosa abbiamo fatto di male?
  • Franco Mas 7 mesi fa
    Questi convegni sono più utili dopo aver vinto alle elezioni, ovviamente se il Movimento vince, altrimenti rimangono buone intenzioni che non troveranno sbocco. Ma se si vince il primo obiettivo è mettere mano alla crisi che attanaglia il Paese e per un lungo periodo non ci sarà spazio per altri argomenti. Avremo una rivoluzione virtuale e il nuovo governo pentastellato sarà attaccato da tutti i fronti. In questo momento è impossibile sapere quando si potrà lanciare un nuovo modello di sviluppo economico, ma di certo ci vorrà l’aiuto del Signore…
    • Gino Sighicelli Utente certificato 7 mesi fa
      "se il Movimento vince" ... oramai credo sarebbe vittoria totalmente vana ... tanto comunque non vincerà ... (secondo il naso mio, ovviamente)
  • gian piero sciarrone 7 mesi fa
    "Senza nulla togliere alle persone invitate: MI CHIEDO, MA QUESTE PERSONE SARANNO IN GRADO DI SOSTENERE LE RELAZIONI CON I RIMANENTI 19 MILIONI DI PMI PRESENTI NEL RESTO DELL'EUROPA?
  • gian piero sciarrone 7 mesi fa
    Senza nulla togliere alle persone invitate: Gianmarco Carnovale; Ishak Waguih; Marco Gay; Paolo Anselmo; Alessandra Bechi; Filippo Corsini; Daniele Giangiulli; Alessio Presenti; .... ed alcuni ACCADEMICI..... MI CHIEDO MA QUESTE PERSONE POSSONO SOSTENERE OLTRE 4 MILIONI DI PMI ITALIANE?
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus