LEX Iscritti: trattati internazionali, informazione e partecipazione dei cittadini

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Stefano Lucidi, M5s Senato

Presentiamo oggi una nuova proposta di legge che è stata tra le più votate sul nostro sistema operativo Rousseau, in particolare nella sezione LEX Iscritti. Vi ricordo che questa sezione è quella che permette ai cittadini iscritti al sistema operativo di inserire una proposta di legge, quindi una cosa assolutamente innovativa per lo Stato italiano. L’argomento che è stato presentato in questa occasione è molto importante per il MoVimento e ce lo presenta oggi Oriana.

Ciao a tutti, sono Oriana Drosghig ho presentato un progetto di revisione della Costituzione su LEX. Sono iscritta dal Movimento da qualche anno e ho aderito al Movimento perché mi sento molto più rappresentata, perché dà la possibilità anche ai cittadini di poter dire la loro. Nel merito ho presentato una proposta di revisione costituzionale per dare la possibilità al popoli di esprimersi riguardo ai trattati internazionali. Attualmente la nostra Costituzione non ce lo permette e io credo invece che di questi tempi, considerando che i trattati che vengono firmati vanno veramente a toccare e incidere sulle nostre vite personali, direi che il popolo ha diritto di esprimersi. Mi auguro che questa proposta, una volta presentata, venga accolta in maniera positiva. Speriamo bene.

Il MoVimento 5 Stelle ha sempre tenuto in grande considerazione l’argomento dei trattati internazionali, la loro discussione, la loro revisione e la loro approvazione. Molto spesso, anzi sempre, i cittadini non sono stati coinvolti nella ratifica dei trattati internazionali e li abbiamo sempre subiti. Ringraziamo Oriana per questa proposta e ringraziamo tutti gli iscritti che hanno espresso parere favorevole. Adesso inizierà la seconda fase e quindi insieme a Oriana provvederemo a scrivere il testo finale di questo disegno di legge, in una forma giuridicamente corretta, e quindi alla fine procederemo depositando un disegno di legge scritto da un cittadino. Grazie a tutti!

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Antonio . Utente certificato 1 anno fa
    purtroppo è complicato essere rappresentato. ad oggi non mi sento adeguatamente tutelato e mi resta difficile difendere le cazzate fatte da chi viene messo nei posti di potere anche non essendo uno iscritto al movimento (assessori di roma). la comunicazione con la base è piena di falle e il web non può essere l'unico strumento. vorrei un congresso e cominciare a stabilire le regole per costituire dei veri centri di ascolto della base. vorrei vorrei vorrei ,ma credo che nemmeno questo post venga letto e preso in considerazione.
    • Franco Franchi 1 anno fa
      Rispondo ad alcuni per quel poco che credo di sapere di Costituzione e di Trattati Internazionali. La Costituzione Italiana non prevede referendum popolari per i Trattati Internazionali, perché deriva tutto purtroppo, dalle conseguenze della seconda guerra mondiale. Lo so che andiamo molto indietro nel tempo ma la Costituzione italiana è nata poco dopo. Il 10 febbraio 1947, a Parigi, viene firmato il Trattato di Pace con l’Italia, il paese aggressore (ITALIA) e membro dell'Asse si era ARRESA SENZA CONDIZIONI al termine della seconda guerra mondiale, e quindi è stata obbligata a firmare il Trattato di Pace, come le altre nazioni che hanno perso la guerra. Se leggete la traduzione del Trattato di Pace del 1947 la sola parte che riguarda l'Italia si possono capire tante cose. Da quel momento non siamo più stati liberi, ci sono state delle imposizioni da rispettare che hanno obbligato l'inserimento di certi paletti nella Costituzione italiana, tra cui la grossa difficoltà, (permettetemi il termine non sono un esperto), di "recedere" dalla ratifica dei trattati internazionali. Lo so che molti dicono, sanno o pensano che il Trattato di Pace del 1947 sia vecchio, e non abbia più valore, scaduto come le conserve, oppure decaduto con l'Accordo Bilaterale di Osimo del 1975, ma non è così, anche la Costituzione italiana è di quegli anni, il Trattato del 1947 definisce i confini di tutti gli stati, dal dopoguerra ad oggi, altrimenti i confini non sarebbero più validi, definisce i debiti di guerra di tutti i paesi che hanno perso, per esempio la Germania ha finito il pagamento nel 2010, un altro esempio tra i tanti è la storia della provincia autonoma di Trento e Bolzano ( http://www.provinz.bz.it/729212/it/storia/alto-adige-1945.asp ) leggete le quattro pagine della crono storia fino ad oggi. Il Trattato di Pace del 1947, per la politica italiana è argomento scomodissimo, è colpa della politica se ci è stato imposto di firmarlo come paese sconfitto, ed E' TUTTORA VALIDO!!!
  • Alfredo Bonfiglio 1 anno fa
    Sono contento che vi sia stato un iscritto che abbia presentato tale proposta. Soprattutto per ciò che ho letto nel MES (meccanismo europeo di stabilità https://www.esm.europa.eu/legal-documents/esm-treaty) negli articoli dal 32 al 36. Spero che, tra le modifiche, venga modificato l' art. 75 della costituzione. Grazie Sig.ra Grosghig. Ma soprattutto a Rousseau e all' inventore.
  • Elio A. Utente certificato 1 anno fa
    Vergognoso, ci pensi bene, è mentire così agli Italiani. La nostra Costituzione NON si applica in caso di Trattati Internazionali (art.11) né questi sono assoggettabili a referendum popolare. Noi ne abbiamo quasi 350. Quindi il dettato costituzionale è carta straccia in ben 350 casi circa. Altro che sovranità nazionale, per piacere! Come pensa di risolvere? Seriamente?
  • Alessandro Meucci Utente certificato 1 anno fa
    ma possibile che ci date così poco tempo per votare ! scusate ma non mi sembra corretto!
  • daniel djimmy Utente certificato 1 anno fa
    Buona sera a tutti. La ringrazio, signora. Anissa KHERALLAH ( developpement.aide@gmail.com per il vostro gentile aiuto oggi.All'inizio non avevo preso sul serio il vostro business, ma oggi quando ho visto il credito che ho voluto nel mio account , grande è la mia gioia e sinceramente chiedo scusa per aver dubitato di te e la tua abilità per aiutare le persone. Grazie e grazie per la vostra attenzione. Grazie a voi ho dovuto pagare i miei debiti .
  • Aldo Masotti Utente certificato 1 anno fa
    Rispondo ad alcuni prendendo a ricordo: a) Prodi sapeva che il cambio non era giusto, ma si fido' di Khol che gli garanti opportuni aggiustamenti. E' un professore prestato alla politica non un mafioso prestato alla politica. b)Con le produttivita' e le tecnologie del 1930 non si poteva essere autarchici , con quelle del 2016 si , sopratutto in un contesto di equilibri internazionali multipolare . c)Anche Trump accusa la Germania di usare il tasso di cambio per squilibrare la bilancia dei pagamenti verso USA . @Max: Io qui esprimo la mia opinione , utile a solleticare volonta' di approfondimento in chi interessa : scrivere saggi di economia, econometrica, tecnologia, ricerca operativa per provare i miei interventi e' fuori dalle dimensioni del blog ed e' un investimento di tempo che ritengo inutile . Tanto non cambia nulla.
    • Gianfranco B. Utente certificato 1 anno fa
      Aldo caro, con me non sfondi una porta aperta ma passi sotto l'arco di “TROIANO” (non è un errore di battitura). Ormai mi sono convinto, da tempo, che destra, sinistra eccc. siano tutte forme pregiudiziali, ottuse e arcaiche per gestire, al meglio, le fazioni dei coglioni. Senso etico, morale, sociale e dello stato, debbono essere le uniche ideologie da perseguire. Che si sia colpevoli nell’averlo permesso, è scolpito nelle situazioni in essere. Il resto………………. Ti ho già detto. Ciao Talelbano
    • Aldo Masotti Utente certificato 1 anno fa
      Certo: la responsabilita' e' loro. La colpa (purtroppo) e' nostra che abbiamo consentito che cio' avvenisse. Tale colpa non e' equamente distribuita: la sinistra (PCI , Ulivo, PD ) ne deve sopportare il peso maggiore. Per questo un loro governo e' improponibile a governare l'uscita dal casino . Con buona pace del M5S con il cuore a sx solo l'alleanza a dx potra' dare un governo stabile non coinvolto con il fallimento passato.
    • Gianfranco B. Utente certificato 1 anno fa
      Ciao Aldo, ammesso e non concesso che Prodi, Ciampi, Draghi, Amato, Andretta, Monti & C. siano in perfetta buona fede. Dobbiamo prendere atto che la loro fede sia sempre stata totalmente liberista, sfociata in liberticidio. Vogliamo considerare che il prof Prodi, ha cominciato, a mio parere, a fare danni ben prima dell'€. liquidando l'IRI. (leggi la relazione della corte dei conti al riguardo) Tutti questi signori hanno permesso cessioni inaudite, quanto sconsiderate, di sovranità. Inoltre se uno statista si fida, delle chiacchiere di un altro statista, è bene che faccia altre cose; li statisti passano gli atti rimangono. Concludi dicendoti che la politica è una cosa molto diversa dal tecnicismo economico o di altro tipo. La politica è un passeggero nella storia, i tecnicismi sono i taxi che la politica utilizza per il suo viaggio, paga la corsa e scende. Buon anno a te. Taalelbano
  • elena guerini Utente certificato 1 anno fa
    Ottimo grazie signora
  • Shahab Shirakbari Utente certificato 1 anno fa
    TRATTATI INTERNAZIONALI; L’uscita dall’euro il popolo a decidere se restare nell’Eurozona o meno, non è da confondere con l’appartenenza all’Europa unita, da considerare che bisogna modificare dei trattati UE andrebbe presentato un disegno di legge costituzionale, farlo approvare in Parlamento e poi se non si ottengono i due terzi ricorrere a un referendum costituzionale confermativo. Una volta uscito dall'UE Si dovrebbe rinegoziare per un nuovo ingresso nell'Eurozona come il Regno Unito dopo la Brexit. Richiede tempi lunghi e quali sono le conseguenze per Italia sulla economia, ritorno della lira, i conti correnti ad azioni e obbligazioni, ai titoli di Stato ai mutui e i tassi di interesse, l’inflazione, Per le banche e le istituzioni finanziarie, che possiedono circa la metà del debito, l'effetto sui bilanci sarebbero tragiche, soprattutto per quelle che hanno passività in valuta, Le imprese esportatrici farebbero affari, ma quelle che producono per il mercato interno subirebbero gli effetti della contrazione di consumi. Costi enormi, che genererebbero disordini civili e rivolte popolari, e la storia dell’Europa insegna che da crisi di questa portata si esce a destra. "E' necessario uscire dalla crisi e far ripartire economia, poi affrontare questa tema, altrimenti sarà una trappola." Forse sarebbe stato meglio non entrare, ma una volta dentro è difficile uscire. https://www.facebook.com/shahab.shirakbari.5
    • Gianfranco B. Utente certificato 1 anno fa
      Ciao Roberto, cosa ti fa pensare che il legislatore sia stato avveduto nel non permettere al popolo di potersi esprimere su certi temi? Cosa ti fa pensare che chi prende queste decisioni abbia la necessaria competenza, unita al senso sociale, libertà d’azione e di pensiero e senso dello stato ? Cosa ti fa pensare che alcuni popoli, dove per certi quesiti importanti, il referendum e una normale prassi, siano più preparati a capirli più del popolo italiano? Messa così, potremmo anche evitare di eleggere i nostri rappresentanti politici, in quanto se uno è un imbecille lo è a prescindere dal tema. Diversamente da te, io penso che su tutte le questioni che andranno a incidere sulla vita dei cittadini, questi abbiano il sacrosanto diritto di potersi esprimere, anche sbagliando, e pagandone le conseguenze. Se consideri che i danni fatti, dai cosiddetti esperti, sono sotto gli occhi di tutti forse sarebbe il caso di modificare la costituzione e prevedere il referendum anche per trattasti che limitano la sovranità ma che in compenso darebbero una serie di vantaggi. Per ora la sovranità e fortemente limitata ma i vantaggia si devono ancora vedere. Buon anno Talelbano
    • Aldo Masotti Utente certificato 1 anno fa
      Sbagli. A meno che tu non abbia interessi nella permanenza nell euro i piu sono diventati poveri a seguto della appartenenza all euro in quanto i tedeschi non rispettano gli impegni e impongono agli altri di rispettarli.
    • Roberto Abbattista 1 anno fa
      Uscire dall'euro con un referendum per l'Italia, a parte che è impossibile, perché, grazie a Dio ed al legislatore illuminato, in Italia certe decisioni non possono essere prese dal popolo bue, come è successo nel Regno Unito che sta iniziando a pagarne le conseguenze e se prima pagava venti miliardi di euro all'Europa ora dovrà sborsarne almeno quaranta di miliardi per avere un accordo sugli scambi commerciali ( e solo quelli), sarebbe un disastro in termini economici e bancari.Chi ancora crede che uscendo dall'euro si possa ritornare alla lira che si svaluta a piacere, deve andare a vedere quanto si pagava un litro di benzina nel 1965 (120 lire, costo del barile 3,05 dollari) e quanto nel 1995 (1875 lire, costo del barile 20 dollari). Oggi il fixing del Brent è di circa 45 dollari al barile: facendo le dovute proporzioni il lire pagheremmo 4220 al litro, mentre paghiamo 1,5 euro , cioè le vecchie 2905 lire. Quindi usciamo dall'euro e vedremo aumentare il costo della vita almeno del 50% con gli stessi stipendi, sempre che non decidano di cambiare un euro= mille lire. Allora sarebbe un ulteriore perdita di potere d'acquisto.Fatevi un po' di conti e potrete vedere che disastro sarebbe fuori dall'euro, considerando anche chi ha il nostro mostruoso debito pubblico.
  • daniel djimmy Utente certificato 1 anno fa
    La ringrazio, signora. Anissa KHERALLAH per il tuo aiuto oggi.All'inizio non avevo preso sul serio il vostro business, ma oggi quando ho visto il credito che ho voluto nel mio account , grande è la mia gioia e sincerment chiedo scusa per aver dubitato di te e la tua abilità per aiutare le persone. Grazie e grazie per la vostra attenzione. Grazie a voi ho dovuto pagare i miei debiti .
  • Marilena Pravisani 1 anno fa
    È illuminante, mi piace veramente mlt.
  • Gianfranco B. Utente certificato 1 anno fa
    Per Rosa & C. Premesso che l’Europa non esiste se non per il sistema bancofinaziario e la protezione della grande industria, stessa cosa. Premesso che ci sarebbero più modi di fare una seria federazione europea, basterebbe aver lavorato in tal senso, anziché per la progressiva schiavizzazione dei popoli. Premesso anche che la nostra costituzione è già stata violata più volte. Sono convinto che la nostra costituzione debba essere ammodernata in alcune parti se non, fatti salvi i principi fondanti, resa dinamica.(ovviamente non fare proposte oscene e oscure come quella del 04/12/’16) Quando fu scritta la C. certe cose non potevano essere previste ne prevedibili. La sostanza è che non dovremmo mai dare una delega totale su trattati internazionali, che poi andranno ad incidere pesantemente sulle nostre vite. Per fare un esempio, sul trattato TTIP il sig. "Calendula" aveva già dato il via libera del governo Italiano. Se il TTIP è naufragato lo dobbiamo ai tedeschi ed i francesi. Per fare alcuni esempi, nella nostra costituzione mancano, i vincoli sulla proprietà pubblica, su sistema bancario, sul vincolo di mandato, sul vincolo di elezione ditretta della rappresentaza politica, sulle regole dei rapporti tra istituzioni e cittadini. Il divieto di referendum sui trattati internazionali e norme fiscali, forse aveva un senso nel 1947, dati i mezzi di comunicazione e la cultura media. Oggi,se l’obiettivo è, come deve essere, la democrazia diretta, qualsiasi trattato internazionale deve essere sottoposto, in tutti i suoi aspetti, ai cittadini o alle categorie interessate. Non possiamo, non vogliamo, non dobbiamo fidarci di nessun governo, anche se fosse a 5 o 10 stelle, quando si deve decidere delle nostre sorti. Di danni ne sono stati fatti abbastanza, Di sovranità ne abbiamo concessa oltre ogni limite, manca solo che si conceda un fetta di c… e il diritto di ius primae noctis, e si fa tombola. Saluti Talelbano
    • Gianfranco B. Utente certificato 1 anno fa
      Ciao Daniele C. Non è necessario essere d’accordo o meno. A prescindere dall’apice di sfiducia propagato da questi ultimi governi, il problema e d’ordine generale. Se mai è necessario analizzare le cose su base realistica e non idealistica o ideologica; questi sono sempre stati criteri fuorvianti. Secondo il tuo ragionamento i nostri rappresentanti “eletti” dovrebbero essere affidabili e competenti: Ti dimentichi del condizionale: "DOVREBBERO”. Ma nei fatti, non solo in Italia, non si sono dimostrati tali. I meccanismi di scelta e di elezione, dei rappresentanti, sono costruiti per non permetterci, oggi, di scegliere in modo consapevole. Secondo il tuo ragionamento, puramente teorico: regole serie-persone serie; dovremmo dare per certi dei requisiti etico morali e di competenza. Non è così, non è mai stato cosi. Io eleggo i miei rappresentanti perché amministrino le mie volontà, non perché decidano, arbitrariamente del mio destino, sulla base di una delega in bianco. L’ultima parte è la più pericolosa: NON SI PUO’ CHEDERE ECC. Allora perché, a chi non ne capisce niente, dovremmo chiedergli di eleggere chi? Qualsiasi quesito può essere posto, in entrata ed in uscita, in modo semplice, succinto e chiaro. Stai tranquillo, il buon senso farà il resto. Ovviamente il percorso dovrà essere, sempre di più e nei limiti del possibile, la democrazia diretta. Talelbano
    • Daniele Campagna 1 anno fa
      Non sono d'accordo. La peggiore eredità che questo sistema di governo ci lascia è la SFIDUCIA nel governo. In un paese sano i governanti sono eletti per tutelare gli interessi della nazione e sono solidali con essa. Le decisioni tecniche, di politica internazionale, di economia sono prese da chi è stato eletto e ne ha la delega e le capacità, e gode della fiducia degli elettori, che si dovrebbe preoccupare di non tradire. Questo se esistessero regole serie, persone serie e vincoli seri a quello che i governi fanno o possono fare. Sarà loro cura eventualmente sondare il popolo, capire le implicazioni e decidere di conseguenza. Eleggiamo persone serie, di cui ci fidiamo e che siano capaci. E fidiamoci delle loro decisioni. Non si può chiedere a chi non ne capisce nulla di decidere.
  • A L. Utente certificato 1 anno fa
    A tutti gli illusi, a quelli che parlano al vento. Ai pazzi per amore, ai visionari, a coloro che darebbero la vita per realizzare un sogno. Ai reietti, ai respinti, agli esclusi. Ai folli veri o presunti. Agli uomini di cuore, a coloro che si ostinano a credere nel sentimento puro. A tutti quelli che ancora si commuovono. Un omaggio ai grandi slanci, alle idee e ai sogni. A chi non si arrende mai, a chi viene deriso e giudicato. Ai poeti del quotidiano. Ai “vincibili” dunque, e anche agli sconfitti che sono pronti a risorgere e a combattere di nuovo. Agli eroi dimenticati e ai vagabondi. A chi dopo aver combattuto e perso per i propri ideali, ancora si sente invincibile. A chi non ha paura di dire quello che pensa. A chi ha fatto il giro del mondo e a chi un giorno lo farà. A chi non vuol distinguere tra realtà e finzione. A tutti i cavalieri erranti. In qualche modo, forse è giusto e ci sta bene… a tutti i teatranti. Miguel de Ivan Cervantes Don Chisciotte
  • Oronzo Barberio Utente certificato 1 anno fa
    Per Daniela Tosca. Sono perfettamente d'accordo. Prima o poi bisognerà anche cominciare a parlare di democrazia diretta, ho l'impressione che moltissimi fraintendono
  • MY Hassan Bouskraoui Utente certificato 1 anno fa
    Ben venga per tutti i lavori Che possono rafforzare la democrazia e il controllo diretto del popolo sovrano su ogni manovra e decisione prese dai dipendenti dello stato in qualsiasi livello di responsabilità. Basta privililegi e menefreghismo, basta corruzione e furbizie . Noi cittadini poveri ma onesti , vogliamo andare al voto subito,vogliamo cambiare al meglio la nostra patria e cancellare per sempre tutte le porcherie...con il movimento5stelle in prima linea e tutti cittadini di buona volontà rendiamo libertà al popolo Italiano e daremo gioia e sorriso a tutti bambini del mondo .Buon anno a tutti gli italiani e a Beppe Grillo e a tutti i bravi di questo mondo.
  • Rosa Anna 1 anno fa
    Con tutto il mio rispetto per l'iniziativa Sono dell'idea che è di scarsissima attuazione Inoltre essendo contraria a mutazioni genetiche della costituzione, non voterò La lotta sui trattati europei va fatta a Bruxelles. Ho sempre chiesto ed auspicato di combattere per una costituzione europea Se ci troviamo in queste condizioni internazionali lo dobbiamo agli errori commessi dal protagonismo della grandeur su cui misero il cappello anche i bassi paesi nove anni fa dopo 4 anni a sprecare carta e guarda caso oggi sbuca dalla serratura un partito fatto dai discendenti dei collaborazionisti e si prende il consenso Collaborano sempre con chi conviene da Yorktown mentre al di là della manica fanno sempre i loro affari come ai tempi della compagnie delle indie ed i teutonici si sa non sono mai accondiscendenti Le convenzioni europee sono diventate solamente un agglomerato di burocrati per colpa dei paesi membri incapaci di considerare l'Europa come una confederazione Eppure era sufficiente capire che con la globalizzazione saremmo andati a sbattere contro i nazionalismi Ecco le sentite le grasse risate d'oltre oceano ? A questo punto chiedetevi come mai tutti quelli che tengono il portafoglio sono usciti dal cilindro a stelle e strisce. E dove lo trovate l'esercito europeo a proteggere i suoi confini ? Pessima idea tenere a libro paga una nato dopo la faccenda del Vietnam Si voleva risparmiare gli spiccioli in tasca per paura di perdere il portafoglio .
    • Rosa Anna 1 anno fa
      Ho risposto a Massimo Ora rispondo ad Angelo La sovranità si dà alle cose serie Ovvero se fosse stata creata la confederazione le legittime sovranita sarebbero state rispettate sopratutto quelle locali Ad esempio non si sarebbe potuta approvare la Tav in Val di Susa se i cittadini fossero stati contrari Spiegarle il perché sarebbe troppo in questo breve spazio si deve andare a cercare nei testi delle vecchie disposizioni della comunità Poi vennero quelli che decidevano di distruggere elargendo rimborsi ai contadini montani e obbligando agli allevamenti intensivi in pianura e non racconto altro .... Quelli che dicevano che dovevamo importare il burro dall'Olanda come ricatto per le vendite della auto Fiat E prima c'erano quelli che avevano scambiato schiavi al Belgio per ottenere il carbone Questa non era Europa dei popoli con le sovranità era meglio non non dica quello che penso
    • Rosa Anna 1 anno fa
      No ormai è troppo tardi per il sogno di Spinelli Per realizzarlo occorreva inserire negli anni sessanta la lingua esperanto come lingua universale europea nelle scuole e crescere generazioni di europei diversi da quelli che siamo Poi la disorganizzazione ed il caos dovuto all'euro non può produrre che disastrose conseguenze non perché è una moneta, è stata inserita in un contesto di sistemi bancari dediti al signoraggio fuori controllo delle regole del potere politico la commissione europea è ormai un oligarchia non rappresenta i cittadini europei Noi negli anni sessanta gridavamo a gran voce siamo solo cittadini del mondo ! La globalizzazione che in se poteva essere buona ha distorto tutto ciò in cui credevamo trasformando il sogno in incubo
    • Angelo P. Utente certificato 1 anno fa
      Quindi per te può essere accettabile, che anche un governo come questo qui di Gentiloni-Renzi (o qualsiasi altro), ceda ulteriore nostra sovranità all'UE, soltanto con atti parlamentari e contro la volontà popolare http://www.byoblu.com/post/notiziedalweb/gentiloni-presidente-del-consiglio-vuole-cedere-sovranita-alleuropa-diego-fusaro
    • Massimo Trento (orbo e semisordo) Utente certificato 1 anno fa
      D'accordo sulla Nato, ma sei certa che un confederalismo europeo possa funzionare? Parlo da amante della confederazione, ma spesso mi pare che le persone si facciano prendere dalla suggestione degli Stati Uniti d'Europa (gia' sogno Radicale), immaginandoseli come riflesso degli States... Errore quest'ultimo imperdonabile.
  • Antonella Policastrese 1 anno fa
    Finalmente viene presa in considerazione la revisione dei trattati compreso il famigerato art. 81 della Costituzione. È tempo di essere propositivi e di non lasciarsi più raggirare da questi politici che agiscono con metodi mafiosi.
  • manuela 1 anno fa
    Anche il Bomba sapeva dell'inchiesta Consip. Scusate ma queste notizie le scrive solo Il Fatto Quotidiano.
  • undefined 1 anno fa
    Non ho nulla contro il Cristianesimo come non ho nulla contro la Beatlesmania, hanno entrambe ispirato e ispirano miliardi di persone, piccoli e grandi, scemi e intelligenti, brutti e belli; la diatriba nasce una volta morti t Non ho nulla contro il Cristianesimo come non ho nulla contro la Beatlesmania, hanno entrambe ispirato e ispirano miliardi di persone, piccoli e grandi, scemi e intelligenti, brutti e belli; la diatriba nasce una volta morti tutti gli interpreti: qualsiasi corporation di figli di puttana abbastanza vecchi e abbastanza ricchi può averne acquisiti i diritti e rifarsi all'ufficio SIAE.
  • Massimo Trento (orbo e semisordo) Utente certificato 1 anno fa
    Sicche' Grillo non puo' scrivere quel che vuole sul suo blog? E quando lo fa senatori e deputati cinquestelle si permettono i loro irrinunciabili distinguo in mondovisione. Mentre quando sono loro a postare i loro "illuminati" contributi sul sito del genovese e' lesa maesta' se Grillo ricambia con la stessa moneta. Cosa e' che non va con Nugnes, Colonnese, Giordano e Brindisi? Cosa e' che induce lorsignori a cassare il post di Beppe sull'imigrazione dell'altro ieri, come se fosse una posizione massimalista di uno che spara fesserie a nastro? E se la sua posizione, nella ipotesi di questi paladini della democrazia diretta alla "uno vale uno", fosse opinione di un singolo, perche' mai la loro di opinione dovrebbe valere di piu'? Quel che poi e' peggio, e' la loro supponenza nel sottolineare il loro studio indefesso dell'argomento imigrazione, come se il resto dei 9 milioni di elettori pentastellati fossero tutti meritevoli di precettori. Capiamoci: il Movimento si e' opacamente salvato in corner, astenendosi nella votazione sullo ius soli dell'anno scorso... Ma se la gestione del gigantesco problema socio-culturale dell'imigrazione si dovesse nuovamente arenare nei bassi fondali ideologici senza tener conto del parere "vincolante"del popolo italiano, qualcuno dovra' spiegare accuratamente quale senso abbia allora riempirsi la bocca di referendum, potere del popolo e altre vuote espressioni d'effetto.
    • Aldo Masotti Utente certificato 1 anno fa
      Concordo con Massimo Trento. Molti esponenti M5S hanno posizioni ideologiche che non coincidono con gli interessi nazionali .
    • Massimo Trento (orbo e semisordo) Utente certificato 1 anno fa
      Per assurdo, non sono neppure loro il problema piu' grosso... Quello ce l'abbiamo con gli iscritti autorizzati al voto sulla piattaforma, i quali sono per la maggiore ex appartenenti all'area di sinistra. E' una semplice constatazione dei fatti, non un giudizio qualitativo. Cio' significa che su troppi temi fondamentali le decisioni di Russeau saranno diametralmente opposte al volere della maggioranza degli italiani. Un caso evidente di antidemocrazia o, se preferisci, di oligarchia. Cosa contro la quale il Movimento ebbe in origine a trarre la sua linfa esistenziale, finendo tuttavia per elaborarne una sua peculiare forma. Intenzionalmente o meno, non ha importanza. Soluzione? Su questi e altri grandi temi il Movimento valuti di incaricare sondaggi su scala nazionale. Mai soldi pubblici furon spesi meglio. Altrimenti, da questa sorta di vincolo tecnico di minoranza non si uscira' mai.
    • gianfranco chiarello 1 anno fa
      Sono oltre tre anni che i parlamentari pubblicamente prendono le distanze dalle posizioni di Beppe Grillo, tanto da spingerlo a fare numerosi passi indietro. Sinceramente li prenderei a calci in bocca, fino a farli restare senza denti. Questi perfetti signor nessuno, che tutto devono a Beppe Grillo, appena sono state messe in discussione le loro ideologie, non hanno esitato un attimo a pugnalare alle spalle il Fondatore del Movimento.
    • Massimo Trento (orbo e semisordo) Utente certificato 1 anno fa
      Al 99% non coincidono Eposmail... Non stiamo neanche a perder tempo nel ricercare i motivi, altrimenti facciam notte (oppure no). Per questo ho parlato dell'opinione del popolo... Mi basterebbe pure quello dei 9 milioni di nostri elettori. Perche' la democrazia referendaria su questi e altri temi dovrebbe uscire dal blog, ricorrendo, se non bastasse il fiuto, alle indagini demoscopiche su scala nazionale....
    • Eposmail. ,, Utente certificato 1 anno fa
      ..bisogna vedere se il parere del popolo è la fotocopia di chi ha votato in rete l'abolizione del reato di immigrazione clandestina (grave errore almeno per me ) E non mi si venga a dire che il tutto semplifica le procedure di legge, o anche il fatto che a tutt'oggi non è applicabile. I trafficanti di esseri umani in africa,...mica spiegano alle loro prede certi dettagli , anzi incitano alla loro merce umana ad approfittarne ,..con tanto di TITOLONE sul WEB, ..evidenziando che l'ITALIA APRE LE PORTE ALL'IMMIGRAZIONE CLANDESTINA in quanto non più reato. Ripeto : l'italia non è in grado di badare a se stessa, e ci mettiamo a risolvere tutti i problemi del mondo ?...oooohhh!!!! DDDdioCaro!!!!
  • Aldebrando Fitozzi Utente certificato 1 anno fa
    **V*** Cari Stefano ed Oriana Ma certamente in una nazione civile il popolo dovrebbe essere sempre interpellato. Nelle elezioni politiche ed amministrative dovrebbero essere inseriti numerosi referendum riguardanti le diverse politiche locali e nazionali in modo che i politici eletti non dovrebbero far politica nel senso di interpretare ed orientare loro il volere popolare, ma essere soltanto dei semplici rappresentanti ed esecutori di questo volere finalmente espresso. Molti si riempiono la bocca di democrazia ( etim.: governo del popolo), quindi di essere di questo dei rappresentanti, dimenticando che la democrazia in Grecia, dove nacque, era diretta e non rappresentativa. Purtroppo questi stessi pensano e agiscono come altezzosi aristocratici (etim.: governo dei migliori) nel senso di essere i migliori e quindi solo loro sanno cosa è bene per il popolo, gregge infantile e demente che deve essere guidato da chi conosce e sa. Il potere degli attuali politici, specialmente se sono incapaci, corrotti ed inadeguati, è tutto qui, sono disposti a spartirselo tra loro, e soprattutto a non farci entrare altri: il popolo. Si legge infatti nel S. Vangelo in Matteo 23,13 “ Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che chiudete il regno dei cieli davanti agli uomini; perché così voi non vi entrate, e non lasciate entrare nemmeno quelli che vogliono entrarci.” Come andrà a finire? La vittoria è nostra, del popolo. Si legge infatti nel S. Vangelo in Marco 10,13-16: “Gli presentavano dei bambini perché li accarezzasse, ma i discepoli li sgridavano. Gesù, al vedere questo, s'indignò e disse loro:- Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite, perché a chi è come loro appartiene il regno di Dio. In verità vi dico: Chi non accoglie il regno di Dio come un bambino, non entrerà in esso-. E prendendoli fra le braccia e ponendo le mani sopra di loro li benediceva.”
  • Fabrizio Lino 1 anno fa
    Salve mi chiamo fabrizio Lino nato A Palermo invalido civile con una percentuale pari al 67% penso che bisogna rivedere e rivalutare l'assegno ordinario di invalidità civile considerando Che è un assegno pari quasi a 290 € sia insufficiente per chi abbia dei problemi di salute soprattutto per tutte le persone iscritta al collocamento mirato legge 68 69 dove oggi come oggi non si hanno possibilità per un inserimento ai fini lavorativi per quanto penso che si potrebbe aumentare l'importo dell'assegno. Mensile di cui usufruiscono le persone e fare un accertamento migliore per tutte le persone che ingiustamente ricevono l'assegno di invalidità Mentre chi ha veramente delle patologie prendeva un infarto a 26 anni durante una partita di calcetto nel marzo del 2011 e ancora non percepisco questo assegno perché Il sistema che si occupa della valutazione dell'invalidità viene svolta da personale che cerca sempre di tirare a favore dell'Inps non considerando i problemi realistici delle personse Che si apprestano a presentare la domandina con tempi di attesa di quest'ultima lunghissimi per colpa di un sistema sbagliato. Le persone sono costrette a fare un ricorso dove la maggior parte delle volte viene riconosciuto un diritto Che per colpa delle persone che effettuano le prima visita non viene mai concesso facendo tale che molte persone che non hanno la possibilità economica di farsi assistere da un proprio legale rinunciano un diritto che spesso dovrebbe essere riconosciuto Quindi la mia proposta sarebbe l'aumento di quest'ultimo per tutte le persone invalide con un determinato punteggio che potranno usufruire di un sussidio che renderebbe la vita un po' più dignitosa Cordiali saluti Fabrizio
  • Er caciara ...... Utente certificato 1 anno fa
    @ harry haller a Roma ce sta 'n ordinanza che vieta li botti dar 29.12 al 01.01..... ma te che penzi....? si passo pe via Nazionale e me scappa 'na scureggia, me fanno contravvenzione?
    • Pietro Z. Utente certificato 1 anno fa
      Ti mettono i ceppi alle ruote, pardon il tappo al ....
  • gianfranco chiarello 1 anno fa
    Uno dei punti forti del programma del 2013, è stato quello sulla Democrazia Diretta. Anche su questo punto, nove milioni di elettori si sono espressi a favore del Movimento. Adesso, perchè si intende sezionare la proposta di Democrazia Diretta? A cosa serve ridimensionare il tutto a limitate e personali proposte di modifica, se il Movimento ha già ottenuto il consenso dei cittadini? Senza perdere ulteriore tempo, si porti avanti una globale proposta di Democrazia Diretta, comprensiva sia di Referendum propositivi e consultivi, ma anche di elezione Diretta del Capo dello Stato, o del Primo Ministro. Se poi una buona parte degli Eletti non è più in sintonia con una globale proposta di Democrazia Diretta, abbandoni immediatamente il Movimento, perchè i cittadini non vogliono più perdere tempo con chi persegue altri obiettivi.
  • raffaello raffaelli Utente certificato 1 anno fa
    Ritengo questa proposta di legge assolutamente giusta e rispettosa della volontà popolare che è sempre stata elusa dal politico del momento. E' assurdo che una commissione europea o altro argano elitario decida per noi cittadini privati della nostra sovranità. Chi gestisce il potere è un nostro dipendente e non viceversa. E' ora di cambiare mentalità.
  • gianfranco chiarello 1 anno fa
    Con tutto il rispetto per le modalità utilizzate dal M5S, ma i dibattiti sulle eventuali Leggi da approvare, devono avvenire alla luce del sole, in assemblee pubbliche locali, regionali e nazionali. Fino a quando tutto resta nella disponibilità di pochi, i dubbi non cesseranno di esistere. Se non vi strutturerete sul territorio come un partito politico, chiunque verrà eletto potrà decidere per conto suo, su tutti gli innumerevoli argomenti non trattati nel programma elettorale. Questo non è difficile da comprendere, ma forse non conviene a tutti modificare lo status quo.
    • Angelo P. Utente certificato 1 anno fa
      Ma di cosa parli! La legge sul "referendum su trattati internazionali" è stata proposta da ORIANA DROSGHIG, ed è stata anche tra le più votate dagli iscritti. Ora serve fare quella legge ed i Parlamentari l'hanno presa in considerazione. Accedi a Rousseau? A cosa ti servirebbe per questo riunirti territorialmente. DI quale forma di "democrazia diretta" parli. Cosa ti manca. Le idee chiare?!! https://rousseau.movimento5stelle.it/lex/lex_list_3.html
  • Kastiga Matti Utente certificato 1 anno fa
    L'abolizione dell'Art.10, quella pesante spada di Damocle che da un nefasto dopoguerra del secolo scorso ci costringe a cedere ad altri la nostra Sovranità, doveva essere una sacrosanta riforma Costituzionale, così da riconquistare di nuovo una nostra Indipendenza in questo Eterno Risorgimento e lotta di liberazione contro lo straniero. Le fragili utopie multiculturaliste, terzomondiste, pace e amore, fratellanza fra i popoli etc.. sono state ridotte in pezzi dall'islam dilagante che ha il chiaro piano di sottomettere il Mondo, così come ordina il corano, che poi secondo loro è un'ordine perentorio di dio, quindi inderogabile per tutti i musulmani. Chi non ottempera a questo ordine non è da considerarsi musulmano, anzi è a tutti gli effetti un infedele condannato all'inferno. Costoro continueranno finchè sarà morto l'ultimo del miliardo e mezzo di musulmani presenti sul pianeta, sostenuti fra l'altro anche dalla nostra chiesa cristiana e da tutte le altre confessioni, in quanto se cade una religione crollano tutte le altre. Occorre diffondere nel mondo ilpensiero laico-illuminista, creare un movimento di liberazione da tutte le religioni così da portare l'Uomo verso una consapevolezza e una emancipazione guidata esclusivamente dall'Arte, dalla Cultura e dalla Scienza Occidentale...
  • Pietro Z. Utente certificato 1 anno fa
    I blog diventano sempre più impegnativi politicamente, sempre raffinati di alte considerazioni filosofiche, sempre più proponenti soluzioni difficilmente realizzabili, in sisntesi sempre più lontani dal popolo. M5S trattate cose reali, serie e fprse realizzabili per dare fiducia al popolo sovrano il quale ha visto e constatato che non conta assolutamente nulla per cui questo è il vostro primo compito: dare fiducia al popolo che ormai si è reso conto che per la politica non esiste neanche quando vota. Referendum finanziamento pubblico ai partiti: cambiato nome e tutto come prima. Referendum modifica Costituzione ha prodotto un governo fotocopia anzi peggiore con ministri che si sono qualificati quali spregevoli mentitori. Fra questi due referendum ce ne sono stati altri non rispettati quindi la volontà del popolo sovrano dalla politica è valutata zero. La realtà dimostra che sono soldi buttati via e che il popolo non conta ma ci sarà un giorno in cui presenteremo il conto, dopo libere elezioni, si spera prima di settembre. M5S non date l'impressione di voler sviare i veri problemi dell'italia, per es. sull'immigrazione clandestina vi siete pronunciati troppo tardi, altrimenti perderete il consenso della base popolare a favore di altri partiti che curano molto la vicinanza col popolo.
  • Giuseppe C. Budetta 1 anno fa
    GLI ASSISTENTI DEL M5S Come prof. universitario di lunga data, avrei le credenziali per consigliare efficienti rettifiche di legge sull’università e la ricerca scientifica. Le nostrane università, a parte le lodi discutibili, sono tra le ultime al mondo per resa scientifica e didattica. Il mio curriculum non è mai stato preso in considerazione. Ho precisato che il mio contributo sarebbe stato gratis. Chi sono gli assistenti degli onorevoli del M5S e con quali criteri obiettivi sono stati scelti? La risposta standard fu: i nostri assistenti sono stati assunti per pubblico concorso (come i prof. universitari). Essendo il M5S differente dai partiti storici, propongo che per le prossime elezioni di non confermare come capi-lista gli onorevoli del M5S che abbiano avuto per assistenti, fidanzate, mogli, parenti con scarsa esperienza amministrativa, irrisori titoli e credenziali.
    • Gianfranco B. Utente certificato 1 anno fa
      Sono d'accordo con l'abolizione del valore legale del titodo studio. Ciuao Talelbano
    • Aldo Masotti Utente certificato 1 anno fa
      Sono d' accordo con te . Ma la soluzione non e' di sinistra: tutti i prof a partita iva , buono scuola ( in denaro) a chi passa gli esami e si iscrivano dove vogliono a studiare cio' che vogliono . Test da passare ogni anno per validare i risultati degli esami , lista dei punteggi delle scuole pubblica . Ovviamente fine del valore legale del titolo di studio .
  • Josef 1 anno fa
    L'art. 75 della Costituzione Italiana recita: "Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio [cfr. art. 81], di amnistia e di indulto [cfr. art. 79], di autorizzazione a ratificare trattati internazionali" AL CONTRARIO, la Costituzione Svizzera all'art. 141 recita: Art. 141 Referendum facoltativo 1 Se 50.000 aventi diritto di voto o otto Cantoni ne fanno richiesta entro cento giorni dalla pubblicazione ufficiale dell'atto, sono sottoposti al voto del Popolo: a. le leggi federali; b.le leggi federali dichiarate urgenti e con durata di validità superiore a un anno; c.i decreti federali, per quanto previsto dalla Costituzione o dalla legge; d.i trattati internazionali: d.1.di durata indeterminata e indenunciabili, d.2.prevedenti l'adesione a un'organizzazione internazionale, d.3.comprendenti disposizioni importanti che contengono norme di diritto o per l'attuazione dei quali è necessaria l'emanazione di leggi federali.
  • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 1 anno fa
    Mi chiedo perchè modificare la Costituzione? Bhe...certo visto che i parlamentari non rappresentano più i cittadini, ma solo i loro partiti e i loro interessi,ritengo giusto che si intervenga nell'istituto del Referendum. Quei galantuomini dei Costituenti avevano posto dei limiti al referendum perchè l'alfabetizzazione del popolo Italiano( 1946)era scarsa e i politici allora rappresentavano veramente i cittadini. Ebbene è ora che il "cittadino" si riprenda il proprio ruolo ed a esso venga sempre chiesto il parere su tutte le materie possibili senza limiti. Inoltre come proposto dal Movimento il Referendum dovrà essere "propositivo"senza quorum...visto che i governanti si fanno solo i fattacci loro! Democrazia diretta...non più deleghe,visto che sono state tradite!
    • antonello c. Utente certificato 1 anno fa
      ;) https://youtu.be/7u47ubuLNvQ Ciao & Buon pomeriggio Oreste
  • Antonio* D. Utente certificato 1 anno fa
    O.T. un paio di palle: Se andiamo alle elezioni prima di settembre (data alla quale maturano il Vitalizio)hanno fatto un provvedimento che prevede il rimborso dei contributi (pagati da noi): 50.000 euri CADAUNO DI LORO. Così imparate! E che cavolo, solo io mi devo sempre strozzare mentre pranzo!
  • vincenzodigiorgio 1 anno fa
    Prodi non ci ha ancora spiegato perchè contrattò il cambio lira - euro al doppi del vero valore . Non contento ci promise che saremmo stati meglio e che avremmo lavorato un giorno in meno e guadagnato un giorno in più . Berlusconi non vigilò sul cambio effettivo e , a causa di questi grandi politici stiamo come stiamo ! Le banche falliscono a ripetizione rubando due volte i soldi alla plebe , prima ai correntisti , poi direttamente con il prelievo di denaro dallo Stato per rifocillarle e impedirne la bancarotta ! Infine veniamo a sapere che queste banche hanno come dirigenti politici di altissimo livello parenti stretti . Ci tolgono letteralmente il denaro mettendoci platealmente le mani in tasca mentre noi stiamo studiando il modo di far diventare legislatori il panettiere sotto casa e il tecnico dei televisori !
    • Gianfranco B. Utente certificato 1 anno fa
      Prodi,a parte la nefasta scelta di entrare nell'€ a certe condizioni, dovrebbe spiegare molte altre cose, a partire dalla sua presidenza all'IRI con la vendita di aziende, a certe condizioni e la perdita di oltre 250000 posti di lavoro in pochi anni. Ciao. Talelbano
    • Path Walker Utente certificato 1 anno fa
      buondí, la stessa cosa (cambio al doppio del valore) successe in spagna, francia, portogallo e germania.....questo è certo.....immgino sia stato cosí per tutti i primi 12 (se ricordo bene) paesi entrati a far parte di questa unione di criminali quindi immagino il cambio sia stato deciso dai piani alti ancora una volta....e prodi era uno dei gioppini che doveva metterci la faccia ho letto qui da qualcuno che è stato fatto il cambio marcokrukko/euro 1a1....bugia ....il cambio è a 1,958
    • harry haller Utente certificato 1 anno fa
      Nun è assolutamente vero: Prodi, prima de accettà er cambio a 1936,27, prima ha chiesto ar barbiere suo cosa ne pensava de' quei 27 centesimi..." che dice, facciamo cifra tonda a 1936?" -" No, sor Prodi; ce metta pure 'i 27 centesimi, che così, pare che ce sia pure stata 'na dura contrattazzione...."
  • Path Walker Utente certificato 1 anno fa
    o.t. oh oh ....mi è palso di vedele Paolo Ferraro magistrato scatenato denuncia i politici italiani (capodanno 2017) https://m.youtube.com/watch?v=YNLQWfaOdqw qualcuno può dire se il video è recente? (postato in YT il 26/12/2016)
    • Path Walker Utente certificato 1 anno fa
      buondí e grazie Oreste!...sempre sul pezzo ;) buondí Fabio, si è lui .....leggevo che è segretario di rifondazione comunista dal 2008 e si candida con forza nuova.... bah .....non capisco, ma mi adeguo :) buona giornata
    • Fabio T. Utente certificato 1 anno fa
      http://www.ilmioprimoministro.it/paolo-ferraro-magistrato-di-sinistra-si-candida-con-forza-nuova/ È lui ?
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 1 anno fa
      E' un video del 2013 per le elezioni,c'è pure sempre nel 2013 un suo intervento su RAI2 in tribuna elettorale.
  • vincenzodigiorgio 1 anno fa
    Il limite del lecito è stato superato , il popolo non è più rappresentato e la democrazia , in Italia , è finita . Di che parliamo ? Dobbiamo catturare e ammazzare l'orso prima di venderne la pelle ! Tra brogli , imbrogli , prepotenze varie e decisionismo d'accatto hanno messo in un angolo 59 milioni di italiani senza diritto e diritti ! Ci prendono per il culo facendoci morire di fame mentre i clandestini vengono coccolati . Si prendono una banca e la prosciugano , poi la rimpinguano con 5 miliardi nostri , la riprosciugano e , visto che tutto tace , la imbottiscono di 20 miliardi ! E tutto tace ! Noi a filosofeggiare sulla grandezza della possibilità del singolo cittadino di proporre una legge ! Non ci credo , non è il primo Aprile !
    • harry haller Utente certificato 1 anno fa
      ...'o so, me sembra che pe' te, è er 24 Maggio.... https://www.youtube.com/watch?v=YNqcK2boZLM
  • Antonio Crecca 1 anno fa
    Argomento molto interessante visto l'evolversi della situazione e visto tutto ciò che si nasconde dietro un rapporto internazionale, TTIP e CETA insegnano
  • Franco Mas 1 anno fa
    Fidarsi delle decisioni dei governi sui problemi internazionali? Di quale governo parliamo, di sinistra, di destra o a 5Stelle? Tre opzioni diverse per uno stesso problema, magnifico! Datemi retta, più regole condivise si scriveranno e meglio sarà.
  • Rosa 1 anno fa
    Ottimo, voglio ricordare a coloro che scrivono di non essere d'accordo, che questa proposta è stata votata da tantissime persone. Quindi astenetevi dal fare polemica, molto probabilmente questo non è il vostro blog. Ricordo che in molti paesi, senz'altro l'Inghilterra, i cittadini hanno la possibilità di esprimersi sui trattati internazionali. Siamo stanchi di far decidere a dei coglioni la nostra vita. Tenete presente che ci siamo appena schivati di farci togliere la sovranità.
  • cattolici e non cattolici 1 anno fa
    Riflessione sul cattolicesimo.... Da studioso di tutto quello che sta fuori dal visibili e misurabile tecnologicamente.. Avete un problema d'animo? provate il cattolicesimo! Funziona? Dal mio punto di vista funziona così e così... Qualcosa funziona... Qualcosa non troppo e qualcosa niente. Ma loro dicono che funzionano e tutto il resto è... satana! Funzionano alcuni pellegrinaggi...funziona il rosario... Funzionano poco gli esorcismi perché preti CIL carisma e la fede sufficiente oramai sono pochi .... Ma non sono qui per fare critiche.. Dico solo che se funziona OK...ma se non funziona con voi? Posso soli darvi un consiglio... Diffidate da quelli che sino giusti solo loro e tutto il resto è merda.... Stesso ragionamento vale anche per i partiti politici.
  • Oronzo Barberio Utente certificato 1 anno fa
    Ragazzi, ogni tanto devo intervenire per cercare di portare un po' di buon senso. Capisco la buona volontà, l'entusiasmo e la giovinezza, ma ci sono dei paletti che non si possono né debbono essere superati, L'essere del 5 stelle non può significare abbandono del buon senso, semmai l'opposto. Neppure i grandi teorizzatori del settecento della democrazia hanno lasciato la gestione dei problemi internazionali agli organi democratici, lasciandoli all'autorità di governo. Non dico che sono contrario, né che non bisogna discuterne, io sono per sentire la gente come in svizzera su più cose possibili, così chi governa sa a cosa va incontro. Ricordate quando D'Alema, che mi sta molto sulle palle, dovette dare il via ai bombardamenti in Serbia? L'uomo è un delinquente, ma sicuramente maturo e intelligente. Chi governa in campo internazionale non può da millenni dire tutto e spesso deve accettare compromessi irriferibili. Discutiamone, ma con molta calma.
    • Gianfranco B. Utente certificato 1 anno fa
      Ciao Oronzo, tuttei i frutti prima di essere maturi sono acerbi. Ciò non toglie che il contadino debba curarli fino a maturazione. Il confro permette di capire e far capire. Quindi, sia semopre il benvenuto. Talelbano
    • Oronzo Barberio Utente certificato 1 anno fa
      Possiamo parlare dei massimi sistemi, ma ci sono dei limiti e dei "sine qua non", sono sicuro che capisci. La democrazia diretta, ammesso che sia possibile, abbisogna di: 1 informazioni a tutti. 2 possibilità per tutti di dire la propria. Esempio, quanti, me compreso, non hanno votato oggi e perché?? Posso discutere per anni delle qualità del mio matrimonio, ma se non sono sposato che valore dare alle argomentazioni? Cmq sempre grazie che mi hai dato anche troppo retta. Penso che nel 5 stelle il problema sia ancora prematuro. P.S. Perfino sui due mandati ho già sentito cose problematiche da vari promoters......
    • Gianfranco B. Utente certificato 1 anno fa
      Scusami Oronzo: Oreste, nome di mio nonno, voleva essere ORONZO. Ciao
    • Gianfranco B. Utente certificato 1 anno fa
      P.S. Per Oreste. Ti sembra normale che un ministro e un alto burocrate decidano, ipso facto, nel 1981, tra il silenzio dei media e di una classe politica già marcia (mai come quella attuale), la separazione tra ministero del tesoro e Bankitalia? Ti sembra normale che 1993 il governo Amato con l’allora direttore del tesoro Draghi, attuino la legge sulla BANCA UNIVERSALE, con le stesse modalità di cui sopra. Anticipando, addirittura di sei anni, la stessa legge, approvata da Clinton negli usa nel 1999? Ormai, tutti sanno, che una delle cause principali dei disastri finanziari e bancari è stata originata dal sistema BANCA UNIVERSALE. Ti sei mai chiesto perché in Francia, Germania, UK, hanno cominciato, fin dal 2012, a metter mano sull’ordinamento bancario in modo da rivedere il SISTEMA BANCA UNIVERSALE, mentre in Italia nemmeno se ne parla? Comincia a risponderti a queste semplici domande e magari riparliamo di democrazie diretta. . Ciao Talelbano
    • Gianfranco B. Utente certificato 1 anno fa
      Ciao Oreste, non so se mi sono espresso male o altro. Come avrai notato ho scritto: NEI LIMITI DEL POSSIBILE. Questo implica, tra le altre cose, un estensione e un utilizzo dei sistemi informatici massiccio, confronti e spiegazioni pubbliche tra esperti. L’ignoranza, in generale e specifica, non potrà mai essere sconfitta. Il mezzo dovrà essere utilizzato, oltre che per scegliere i propri rappresentanti, per decidere sui temi fondamentali, il resto dovrebbe essere il perseguimento di un tracciato/programma per il quale hai eletto, sempre e comunque, direttamente i tuoi rappresentanti o portavoce. Esempio, se devi decidere tra la limitazione del mercato o la protezione dello stesso, dovranno essere chiarite tutte le implicazioni, Stessa cosa per qualsiasi altro tema che vada ad incidere sulla vita delle persone. Quando dico che il buon senso farà il resto, intendo questo Del resto, anche i più esperti in qualche materia, non potranno mai essere dei tuttologi e anche loro avranno bisogno, del prof, Giannuli di turno. Poi che il processo sia lungo, difficile e da affinare, non ci sono dubbi. Ma per arrivare ad una vera e sana democrazie, evitare conflitti, limitare potere e ricchezza di alcuni, non ci sono alternative. Tieni presente che il potere vigente, nel mondo occidentale, è stato costruito, con tenacia e pazienza, in oltre trecento anni. La rivoluzione francese è arrivata dopo 100 anni. Ma i mezzi non erano quelli attuali. Talelbano
    • Oronzo Barberio Utente certificato 1 anno fa
      Del resto anche prima di votazioni ho visto Giannuli spiegare le cose Prima del voto, ci sarà stato un motivo. Cmq per evitare fraintesi io sono per consultazioni massicce e numerose.. ma la democrazia diretta, su cui insisto molti hanno le idee confuse (forse anche io) presenta i suoi problemi che prima o poi andranno affrontati
    • Oronzo Barberio Utente certificato 1 anno fa
      D'accordo su tante cose. Giustamente dici che gli attuali mezzi di comunicazione permetterebbero cose impensabili pochi decenni or sono. E sono d'accordo come prospettiva, infatti da anni tutto il mondo studia il 5 stelle per vedere se finalmente esiste un sistema che permetta la democrazia diretta. Quella rappresentativa nasce da problemi oggettivi insuperabili, per es. dal fatto che milioni di persone hanno difficoltà ad esprimersi etc. Il divieto di mandato imperativo nasce dalla rivoluzione francese (gli anglosassoni tuttora ce l'hanno, come modo di pensare) visto che la "democrazia diretta" era la plebaglia parigina armata, senza freni ed ignorante. Però vedo, oltre ai problemi nei meetup, che milioni di persone si devono affidare in questo momento a poco più di 90.000 iscritti certificati dei quali votano spesso meno di un terzo perché i soliti vecchi sistemi "democratici" di imbroglio (o ingenuità) sono perfettamente vigenti. Se i tempi di preavviso e di votazione sono ridotti al minimo solo chi campa di computer o gli amici degli amici voteranno, quelli che si passano le informazioni. In un mondo ideale (altro che Orwell) saremo connessi tutti quanti e decideremmo tutti quanti insieme, forse, ma non lo vedo dietro l'angolo, e vedo che l'uomo è sempre uomo, strumenti o no. E sarebbe ora che il 5 stelle si attivasse per inviare nei punti giusti non solo esperti di computer, ma anche esperti nelle materie da modificare, non ne posso più di spiegare ai miei colleghi attivisti i fondamentali di qualcosa, ignoranza vera che secondo me è la nostra principale nemica. Non posso pensare a proposte in campo sanitario dove due contadini battono un professore universitario della materia....
    • Gianfranco B. Utente certificato 1 anno fa
      Ciao Oronzo, premesso che i pensatori del settecento non avevano nessuna idea ne del liberismo ne del socialismo, mentre la globalizzazione non poteva essere concepita nemmeno dai più visionari. Tutti questi eventi, fondamentali, sono successivi al quel periodo di pensiero. Inoltre i parametri di riferimento, di quel pensiero filosofico, erano basati sugli strumenti di comunicazione dell’epoca. Considera che il progresso ha avuto un andamento lento, lentissimo, fino al XIX secolo per poi esplodere nel XX secolo tanto da superare le capacità cognitive umane. Permetterai che potranno esserci evoluzioni coerenti all’epoca anche in politica? La mia opinione personale e che un politico eletto debba amministrare "le mie volontà" e che non ha nessuna delega in bianco. L’opinione di molti, e anche la mia, e che su temi fondamentali, non temporanei o dati da necessità impellenti, i cittadini debbano poter esprimere la loro volontà. Qualsiasi quesito può essere posto, in entrata e in uscita, in modo semplice, succinto e chiaro. Stai tranquillo che il buon senso farà il resto. Non possiamo, non vogliamo, non dobbiamo fidarci di nessun governo, anche se fosse a 5, 10, 100 stelle, quando si deve decidere delle nostre sorti e del nostro futuro. Di danni ne sono stati fatti abbastanza, Di sovranità ne abbiamo concessa oltre ogni limite. Credo sia sufficiente per capire che così, come sono, le cose non funzionano. Ovviamente il percorso dovrà essere, sempre di più e nei limiti del possibile, verso la democrazia diretta. Talelbano
    • Daniela Tosca Utente certificato 1 anno fa
      Oronzo, verità assolute non ne conosco, cazzate e bugie si, più o meno strillate. Concordo che non sono gli slogan ma i fatti concreti che portano da qualche parte. Tutto dipende da che parte si vuole andare. Se si vuole solo dar fastidio alla piramide di potere lasciandola però in piedi, gli slogan possono bastare, anche l’uno vale uno. Se si vuole rovesciarla servono invece azioni concrete come ad esempio attivare la Piattaforma, uno spazio dove ognuno, qualsiasi sia il suo punto di vista, conta uno. La storia a me ha insegnato che azioni violente, magari intraprese da chi studia i problemi, hanno solo fatto il gioco dei potenti/prepotenti.
    • Oronzo Barberio Utente certificato 1 anno fa
      Sull'uno vale uno avrei infinite cose da dire, ma fin d'ora ti garantisco che tutti quelli che lo strillano non lo credono neanche un pò.. e del resto non è umanamente possibile... un giorno ne parlerò meglio
    • Oronzo Barberio Utente certificato 1 anno fa
      Da sempre il fatto che tante persone dicano una cosa non ne fa una verità assoluta, né strillando una cazzata ottanta volte se ne fa una cosa seria o una calunnia diventa una verità. Bisogna piantarla con gli slogan... non portano da nessuna parte. La piramide che governa come le pare lo fa perché ha di fronte gente che non da fastidio, chi ragiona a slogan e non studia i problemi non da nessun fastidio a chi comanda... p.s. sono vecchio ed ho fatto il 68 e sento le stesse cose che non hanno portato a molto........ si vuole imparare dagli errori o semplicemente farne altri?
    • Daniela Tosca Utente certificato 1 anno fa
      Grazie “ragazzo” Oronzo per aver condiviso questo tuo punto di vista. Concordo sul discutiamone. Prima di iniziare la discussione che proponi sarei interessata a sapere se, secondo te, la piramide del potere che il rivoluzionario M5S dice di voler rovesciare, si rivoluziona lasciando al vertice qualcuno che conta più di tutti quelli che stanno alla base, oppure facendo in modo che ognuno conti uno. Ovvero se, secondo il tuo punto di vista, sia più interessante discutere su come siamo stati governati fino ad oggi oppure su come rivoluzionare la piramide di potere affinché sia il popolo ad auto governarsi Direttamente, ognuno contando uno. Grazie di nuovo e ciao per ora... :)
    • Rosa 1 anno fa
      Non intervenire, non ci interessa quello che pensi. La proposta è stata votata da tantissime persone, quindi va bene così.
  • Psichiatria. 1 1 anno fa
    ottima iniziativa solo che considerato come viene preso in considerazione il voto dei cittadini sembra sempre di combattere contro i mulini a vento. OT. chiedo qui, altri "posti" non li frequento... Andrea Quartini M5S Vicepresidente segretario della Commissione d’inchiesta finalizzata alla individuazione e analisi delle responsabilità politiche e istituzionali relative alla vicenda Il Forteto se possibile un aggiornamento sulla vicenda. Grazie
  • Gianfranco B. Utente certificato 1 anno fa
    I trattati internazionali, incidono profondamente sulla nostra vita. Molte volte sono redatti e sottoscritti da soggetti che hanno tutt’altri interessi dagli interessi comuni e sociali di una nazione. Ringrazio Oriana Drosghig di essersi fatta portatrice di questa fondamentale istanza e offro la mia disponibilità a collaborare, nei limiti delle mie competenze, in tutti i sensi. Che poi debba essere rivista e ammodernata la nostra Costituzione, in questo ed in altri aspetti, sarà lo scoglio più duro. Basta insistere ed essere determinati. Saluti Talelbano
  • kirios omega 1 anno fa
    semplice questa idea- Per evitare presenze "anomale" in parlamento attuare test psicoattitudinali per tutti i candidati elettorali! Per comodità tali test potrebbero essere espletati alla fine della scuola media superiore (profili ottenuti da non valutare con le attività scolastiche)- I non idonei alla cura della res publica non potranno essere eletti! kiriosomega
  • Davide e. Utente certificato 1 anno fa
    se ho ben capito di fronte alla necessita di ratificare un trattato internazionale il parlamento italiano, democraticamente eletto, dovrebbe astenersi e portare il popolo alle urne con un referendum, questo ovviamente per tutti i trattati altrimenti bisognerebbe creare un organo ad hoc che decide quali devono essere sottoposti a questo iter e quali no... GOVERNARE VUOL DIRE PRENDERSI DELLE RESPONSABILITA' PREMIARE CHI FA BENE E CACCIARE CHI SBAGLIA.
  • Daniela Tosca Utente certificato 1 anno fa
    Concordo con la proposta e suggerirei di inserirla al punto 2) di un Programma “deciso dagli iscritti” così articolato: Titolo La sovranità appartiene al popolo - Democrazia Diretta - Ognuno conta uno Premessa Il M5S, nato per realizzare la Democrazia Diretta, si impegna ad operare gli interventi necessari affinché la Costituzione conferisca al popolo una reale e piena sovranità. Sovranità esercitata attraverso PortaVoce - terminali dei cittadini nelle Istituzioni- locali, nazionali od europee. Per agevolare l’esercizio della sovranità, ad ogni elettore verrà fornita gratuitamente una firma digitale di accesso alla Piattaforma e-democracy anti delega, uno spazio dove ognuno conta uno in cui potrà dar Voce ai PortaVoce, sia proponendo e votando proposte, sia esprimendosi annualmente sull’ammontare del gettito fiscale e su come vadano reperite e investite tali risorse pubbliche. 1) Il M5S intende promuovere un ordinamento Europeo di tipo confederale e realizzare un ordinamento statale di tipo federale. Ordinamenti in cui il potere sia esercitato dal basso verso l'alto. (Vedi dettaglio nel sotto commento) 2) Qualsiasi accordo internazionale che comporti anche una parziale cessione di sovranità, sarà sottoposto a referendum popolare. 3) La riserva aurea appartiene al popolo e verrà dunque custodita in una Banca italiana pubblica il cui Dirigente, eletto in concomitanza con l’elezione dei PortaVoce, avrà il compito di stampare - moneta del popolo italiano - e di gestirla in base a un programma etico-sociale approvato dal popolo. 4) Il M5S procederà alla semplificazione delle procedure amministrative e della vigente normativa. 5) La Magistratura verrà dotata di strumenti e personale tali da abbreviare la durata dei processi specie per reati nella P.A. quali la corruzione e la criminalità economica. 6) Sarà ridiscussa la Convenzione fiscale che esenta da tributi gli immobili del Vaticano situati sul territorio Italiano. Buongiorno!
    • Daniela Tosca Utente certificato 1 anno fa
      - Italia Federazione di Regioni - Europa Confederazione di Stati - Tenendo ben presenti i “doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale” 1) I cittadini di ciascuna Regione decidono direttamente sull’ammontare del gettito fiscale regionale e su come vadano reperite e investite tali risorse, sia per gli interventi locali sia per quelli -extra locali- nazionali o sovra nazionali, che li coinvolgono. 2) Per il coordinamento degli interventi -extra locali- ognuna delle 20 Regioni elegge da 2 a 5 Portavoce regionali (in proporzione ai suoi abitanti) per un totale di 80 Portavoce. Ciascuno candidato Portavoce si presenta alle elezioni nella propria Regione, affiancato da un Collaboratore Ufficiale di sua fiducia. 3) Gli 80 Portavoce eleggono poi in Parlamento - i 60 incaricati del lavoro Legislativo sugli interventi -extra locali- indicati dalle Regioni, - e i 20 che svolgeranno il conseguente lavoro Esecutivo. 4) In caso di interventi -sovra nazionali- la cui discussione e votazione in sede Confederele sia richiesta dalla maggioranza dei Portavoce - verranno designati in Parlamento 73 fra i Collaboratori Ufficiali, i quali affronteranno il caso nel Parlamento Europeo, ognuno sotto la responsabilità diretta del Portavoce di riferimento. 5) Trascorso un anno dalle elezioni, se la maggioranza dei cittadini di una Regione si dichiara insoddisfatta di un proprio Portavoce, ha diritto di esercitare il recall e di sostituirlo con il primo nella lista degli esclusi.
  • Vedo Tondo (vedotondo) Utente certificato 1 anno fa
    Molto complesso da fare, allo stato attuale difficilmente percorribile.
  • antonello c. Utente certificato 1 anno fa
    grazie di cuore per il bellissimo messaggio mandato al popolo Italiano , a Tutto il resto del Mondo , tramite questi esempi .. .. onorato di partecipare al progetto 5 Stelle . Cari Saluti
  • Lalla M. Utente certificato 1 anno fa
    http://solangemanfredi.blogspot.it/2016/12/larroganza-del-potere.html Il 9 giugno 2015, è stato presentato un disegno di legge «in materia di istruttoria e trasparenza dei giudizi di legittimità costituzionale» (in atti senato n. 1952) Questo disegno di legge, partendo dall'assunto che “tutto il sistema istituzionale deve essere vincolato al rispetto formale e sostanziale dei vincoli derivanti dall'articolo 81 vigente, ossia il pareggio di bilancio” – e che - questi vincoli non possono essere ignorati dalle varie Corti, neanche dalla Corte Costituzionale” prevede che, ove dall'esecuzione di sentenze definitive di organi giurisdizionali o della Corte costituzionale possano derivare oneri non contabilizzati nei bilanci approvati, il Governo (attenzione, non il Parlamento) deciderà modalità e tempi della loro esecuzione[3]. In altri termini, le varie corti, anche la Corte costituzionale, potranno continuare a emettere sentenze per tutelare i diritti fondamentali dei cittadini violati dalle varie decisioni o leggi ma, quando renderle esecutive, cioè efficaci, spetterà al Governo. Insomma, con questa proposta di legge, il potere esecutivo si vuol porre al di sopra anche della Corte Costituzionale. La cosa è di una gravità assoluta solo ove si rifletta sul fatto che la Corte costituzionale è la custode della nostra Costituzione, legge fondamentale dello Stato che riconosce i diritti spettanti ai cittadini e detta le regole entro le quali il potere può e deve agire, ossia è il limite che viene dato al potere.
  • Franco Mas 1 anno fa
    Riprendersi un briciolo di sovranità non guasterebbe.
  • Rosa Anna 1 anno fa
    Deve diano prima il testo E se compatibile con gli accordi della prima Europa dei trattati di 40 fa
  • harry haller Utente certificato 1 anno fa
    Ammirevoli primi passi de 'na Democrazia "dar basso"; (c'avemo avuto ggià vent'anni de Democrazia "dar Nano" e perciò, questo, è ggià n' ber mijoramento....)
    • antonello c. Utente certificato 1 anno fa
      :))
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus