La palude italiana

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

paluditalia.jpg

dal rapporto del World Economic Forum sulla crescita e lo sviluppo del 2015

"L'Italia deve affrontare un problema significativo, che ha implicazioni in molti settori, si tratta del suo alto livello di corruzione, combinato a una scarsa etica negli affari e nella politica, tra il peggiore di tutte le economie avanzate. La disoccupazione è alta e accompagnata da un gran numero di lavoratori part-time involontari e persone in situazioni informali e vulnerabili di occupazione. La partecipazione delle donne alla forza lavoro è estremamente bassa, rinforzata da un divario retributivo di genere che è uno dei più ampli tra le economie avanzate.

VIDEO Beppe Grillo e il dramma del lavoro in Italia

La creazione di imprese per favorire nuove opportunità di lavoro è limitata, e i finanziamenti per farlo non sono facilmente reperibili. Un sistema di protezione sociale né particolarmente generoso né particolarmente efficiente si aggiunge al senso di precarietà ed esclusione nel paese ".

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • gian.gutti 2 anni fa
    L'ITALIA E' IN FALLIEMNTO PER COLPA DELLA DISONESTA'DEI NOSTRI GOVERNATI. PERCHE' DICO QUESTO??? ECCONE ALCUNI MOTIVI : VI RICORDATE MONTI??? CI DISSE CHE CON LA SPENDIG REVIEV" RIDUZIONE DELLA SPESA" AVREBBE RISOLTO I PROBLEMI . IL MONTI POVERINO HA UN REDDITO ANNUO DI 1.140.OOO,OO EURO E POI PER RISPETTO ALLA POPOLAZIONE INVECE DI USARE LA LINGUA INGLESE AVREBBE DOVUTO USARE L'ITALIANO. EBBENE IL MONTI RADDOPPIO LA TASSA SULLA CASA " PRIMA ERA ICI DOPO IMU+TAS" POI AUMENTO' L'IVA, POI IMPOSE L'IMU SUI TERRENI AGRICOLI E I CAPANNONI SIA INDUSTRIALI CHE AGRICOLI, INSOMMA CI MASSACRO' I TASSE. E POI IL MONTI?? BE LUI HA UN FIGLIO GIOVANNI MONTI CHE ERA DIRIGENTE NELLA PARMALAT, I FRANCESI DOPO L'ACQUISTO DELLA PARMALAT LO LICENZIARONO E IL PAPARINO PER DARGLI UN LAVORO LO FECE ASSUMERE COME VICE PRESIDENTE ALLA MORGAN STANLEY BANK ALLA QUALE GLI DONO 2.000.0000.000 DI TITOLI DERIVATI DELLE NOSTRE BANCHE. BEL PARASSITA IL MONTI.
  • FABRIZIO 2 anni fa
    CIAO BEPPE ALLORA NON DOBBIAMO CREDERE AI DATI CHE ARRIVANO? dicendo che tutto va per il meglio dall occupazione ai consumi che sono tornati a crescere alla produzione industriale ecc....
  • Clesippo Geganio Utente certificato 2 anni fa
    non è l'Italia nel pantano, è l'intero occidente che è morto culturalmente suicidandosi lasciando libero arbitrio alla finanza creativa per regolare un fittizio benessere collettivo.
  • Andrea Cammarota Utente certificato 2 anni fa
    L'Italia era rotta; è rotta e continua ad essere sempre più rotta e scassata. Quello che non manca mai in questo schifo di Paese sono le parole, parole, sempre parole. Uno si chiede..., parole utili? Parole che vengono sempre messe in pratica? Parole fattibili, chiare, semplici e comprensibili da tutti? Nooo! In questo schifo di Paese si dicono sempre parole inutili, incomprensibili, contraddittorie, infamanti e controproducenti;... l'un contro l'altro armati di solo chiacchiere per esibizionismo verso i deboli e pecoronite acuta verso i luridi grandi truffatori che lasciamo sempre ai posti di comando, lasciandoci poi da loro prendere sempre per i culetti in un ciclo di sadomasochismo infinito, correndo da idioti dietro a simboli e bandiere sporche di sangue, mentre una massa di mosche, zanzare, vespe, calabroni, iene, vampiri, vipere, sanguisughe, ecc., ecc., ci porta ad atroci sofferenze e morte, mentre i grandi che abbiamo, noi, noi, messi e lasciati a quei posti con parenti ed amici compiacenti se la ridono godendo delle nostre sofferenze... L'Italia è il Paese che non c'è; l'Italia è una fiaba scritta con la morte di quelli che valevano; scritta con la distruzione di tutto ciò che di buono e di bello c'era rimasto. Adesso che abbiamo? Nulla. Tra non molto non avremo neppure il Nulla. Quindi l'Italia è il Paese che non esiste.
  • Ernesto✰✰✰✰✰ - La Habana 2 anni fa
    http://www.narcomafie.it/2015/09/09/loperazione- in-mare-eunavfor-med-e-la-fase-due-contro-i- trafficanti/ « È sconcertante la parte dell’intervista rilasciata da Federica Mogherini (nella foto), alto rappresentante dell’Ue per gli Affari esteri e la politica di sicurezza, con cui annuncia l’imminente nuova fase delle operazioni navali contro gli scafisti nelle acque internazionali, pubblicata sul Corriere della Sera lo scorso 6 settembre. Il riferimento è alla operazione Eunavfor iniziata, verso la fine di luglio, nel Mediterraneo, che aveva come primo obiettivo la ricognizione (!) delle reti criminali che trafficano i migranti, per poi passare alla loro neutralizzazione mediante l’uso della forza. Ora, pensare che sia sufficiente sequestrare le imbarcazioni e arrestare chi pilota (scafista) le barche per “smantellare le reti dei trafficanti” è un’ingenuità o, meglio, una storiella che non sta in piedi, raccontata soltanto per cercare di tranquillizzare una opinione pubblica scossa dai tragici eventi delle migrazioni marine e terrestri. Si tratta dei soliti proclami e piani “aria fritta” che ripetono, da anni, a turno, ora Dimitri Avramopouols, commissario UE alle migrazioni (gennaio 2015), ora Alfano, ministro dell’Interno ( sempre gennaio 2015), ora la stessa pigra e miope Ue con la inconcludente “strategia per l’eradicazione della tratta di esseri umani 2012/2016”. Non basta arrestare i passeurs e gli scafisti (dal 2012 all’8 settembre 2015 oltre mille, di cui 365 nel corrente anno) che sono quelli più esposti e quelli più facilmente identificabili, dato che vengono indagati, quasi sempre, nella flagranza del delitto previsto dall’art.12 del testo unico sull’immigrazione (favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, nelle varie ipotesi previste dalla norma). Peraltro, dopo un breve periodo di carcerazione preventiva, queste persone sono state rimesse in libertà... ».
  • edoardo beltrame 2 anni fa
    Mentre l’interesse dei media si concentra sui profughi, Gazprom ha prima ridotto il suo impegno sul Turkish Stream e poi ha scelto clienti molto più affidabili, la Germania e il nord-europa. E’ di questi giorni la firma dell’intesa per la realizzazione del raddoppio di Nord Stream, un gasdotto che già porta gas direttamente in Germania, passando attraverso il Baltico, senza rischi di transito. L’obiettivo è aumentare la capacità annua dagli attuali 55 miliardi di metri cubi a 110 miliardi. Verrà costituita una società di cui i russi avranno il 51% e che vedrà tra i soci anche Shell ed E.On con il 10%, più Engie (ex Gdf Suez) con il 9%. A dimostrazione che per l’Europa non ci saranno in futuro tante alternative al gas russo che, alla fine, risulterà sempre il più competitivo. Dimostra anche che il vero hub del gas non sarà più l’Italia, come i vari governi ci avevano fatto credere imponendo le solite opere inutili, ma il nord europa. Grazie a uno scambio di assets con la tedesca Basf, Gazprom assumerà il controllo di una quota importante del sistema di distribuzione e stoccaggio del gas nell’Europa centrale, oltre a quote di giacimenti nel Mare del Nord. Analoghe operazioni di swap sono previste con l’austriaca Omv e con l’olandese Shell. A Gazprom andrà il 100% di Wingas che distribuisce gas in Europa centrale e possiede stoccaggi in Austria e Germania. Oltre ad altre società di distribuzione, Gazprom rileverà il 50% di Winz, attiva nell’estrazione offshore in Olanda, Danimarca e Gran Bretagna. In cambio Gazprom cederà quote di due blocchi del ricco giacimento siberiano di Urengoy. Quindi, mentre l’Europa deve mantenere l’embargo a Mosca, imposto da Bruxelles, tedeschi e nordeuropee ci fanno ottimi affari e si garantiscono l’approvvigionamento di gas che potranno eventualmente indirizzare anche a sud. Quando venne firmato il protocollo d’intesa sul raddoppio di Nord Stream, Bruxelles l’aveva definita un’opera superflua.
    • Ernesto✰✰✰✰✰ - La Habana 2 anni fa
      Edoardo, informazioni preziose ma... per umana comprensione sarebbe richiesto il link a qualche sito di riferimento, grazie.
  • randa V Utente certificato 2 anni fa
    L'Italia è un paese morto... fallito... estinto... l'Italia non ha più futuro... l'Italia ha perso tutto il suo patrimonio lavorativo.. ha perso le menti e la mano d'opera specializzata... ha perso anche il futuro... nessuno più in italia insegna o tramanda un lavoro... non insegna perché i nostri politicanti non hanno più permesso questo... non si tramanda più perché chi poteva si trova senza lavoro... da giovane la ricchezza era l'apprendistato... tu insegnavi ai giovani ad avere futuro... oggi non più... oggi la politica ha tolto a tutti la dignità .. oggi e domani la sola cosa che rimane in italia è lo schiavismo.. Peccato... povera Italia
  • alvise fossa 2 anni fa
    SEMPRE PEGGIO,SECONDO IL WORD ECONOMIC FORUM
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus