I #PanamaPapers

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

panamapapers.jpg

di M5S Europa

Il nuovo filone di grandi evasori ed elusori che hanno "delocalizzato" le tasse in quel di Panama è solo la punta dell'iceberg di quello che potrebbe essere definito il più grande conflitto d'interessi della storia. L'evasione e l'elusione fiscale sono un malcostume internazionale e il Movimento 5 Stelle è stata l'unica forza politica all'interno dell'Unione Europea a contrastare questa piaga. Ma non scandalizziamoci troppo di fronte alle presunte rivelazioni shock.

Tutti sanno e tutti tacciono. Un segreto di Pulcinella, come lo era stato lo scandalo LuxLeaks che ha coinvolto il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker. Il sistema fraudolento che alimenta gli ingranaggi dei paradisi fiscali coinvolge, in primis, quei politici o quegli uomini di potere che sono chiamati a riformare i cosiddetti "TaxRulings" e l'elusione fiscale a livello internazionale. Sono sempre e costantemente appoggiati dalle forze di Governo dei Paesi membri dell'Unione Europea, in prima linea il Pd.

Panama è sempre stato il Paese dei balocchi degli elusori fiscali, tanto quanto il Lussemburgo: possiede una delle giurisdizioni più opache, non ha praticamente siglato alcun accordo di scambio delle informazioni. È storicamente utilizzato per creare scatole off-shore su cui banchettano, appunto, evasori, trafficanti di droga, di armi e politici corrotti. È una lingua di terra che unisce Nord e Sud America, sotto l'influenza degli USA: ma nell'inchiesta non compare alcun big statunitense. Su chi puntano tutti media? Vladimir Putin. Collegate voi i puntini.
Le domande sono molteplici: perché questa prodigiosa opera giornalistica (copiosamente finanziata da Ford Foundation, Carnegie Endowment, Rockefeller Family Fund, W K Kellogg Foundation, Open Society Foundation - Soros -), viene proposta pesantemente dai media mainstream proprio adesso? Se tutti sanno tutto, come è evidente, chi sceglie le tempistiche e i nomi su cui porre maggiore enfasi? In altre parole, chi possiede le informazioni che hanno il potere di distruggere o meno una personalità politica, piuttosto che un imprenditore o un primo ministro?

VIDEO Mai più speculazione bancaria – La proposta del M5S

In questa inchiesta compaiono i nomi di quasi tutte le principali banche d'affari del mondo. I portavoce M5S in Europa hanno già proposto numerose misure per mettere la parola fine a questo scempio. Abbiamo chiesto trasparenza massima sulle transazioni finanziarie. Abbiamo proposto di negare l'accesso al mercato unico europeo (ovvero a 500 milioni di consumatori) a compagnie che hanno sedi in Paesi come Panama, Svizzera, Lussemburgo e via dicendo. Vogliamo sanzionare in modo pesante e deciso gli istituti di credito scorretti, con multe che arrivano fino al ritiro della licenza bancaria per chi viene "beccato" in questi giri mafiosi. E vogliamo impedire, specialmente a chi opera all'interno dell'UE, di aprire "filiali" nelle cosidette "giurisdizioni non cooperative".

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 1 anno fa
    Caro Ecologista....prendi fiato a facce parlà! Io non sono un ecologista,non sono un geologo,non sono un estrattore,non sono un trivellista,sono solo un cittadino che ha una vettura che va a benzina(petrolio). Il mio desiderio sarebbe: 1-Non dipendere dal petrolio. 2-Dipendere da una fonte che non costa nulla. 3-Difendere l'ambiente e non inquinarlo. 4-Avere un piano strategico a medio termine per arrivare a costo zero(fotovoltaico). Tutto il tuo impegno(post attuale) mi risolve i problemi o è solo un bla,bla,bla, Re-zi docet!
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 1 anno fa
      Siiii,infatti non si possono mai fare,manco però si inzia a cambiare....ma che cazzo capisci! I programmi di tutti questi governi e soprTUTTO DI QUESTO è: SFRUTTARE IL PETROLIO,CON TUTTE LE CONSEGUENZE,POI DELL'ENERGIE ALTERNATIVE SE NE RIPARLA. iNFATTI I FINANZIAMENTE PER TALI ENERGIE SONO STATI ELIMINATI! Quindi cosa mi vuoi dire...contuinuare a bruciare fossili tanto della salute e dell'ambiente nun ce ne frega un cazzo. Qui dove abito si sta continuandi a bruciare con ENEL carbone...i tumori sono aumentati,parlo di circa 60 anni fa...ora ne abbiamo le conseguenze...tutti i giorni muoiono giovani di 40 anni! Ecco detto questo...i bla,bla, bla, possono andare a cagare! E allora chi ha ragione?
    • Ecologisti di casa propria 1 anno fa mostra
      E' una riflessione importante, non un bla bla bla. Non ti smentisci mai, vero?! Infatti chi ha scritto quell'articolo desidera le tue stesse cose, peccato che però or ora, oggi come oggi, non si possono fare! Con l'unico risultato di sputtanare più soldi, inquinare di più e sfruttare maggiormente i soliti paesi del terzo mondo. Contento tu, contenti tutti. Votate si e poi vedremo cosa cambia
  • Ecolologisti di casa propria 1 anno fa mostra
    Referendum Trivelle, una geologa: “ecco perché io non andrò a votare e se proprio fossi costretta, voterei NO” Referendum Trivelle, l'esperta spiega perché ha deciso di non andare a votare. "E se proprio fossi costretta, voterei no" di Michela Costa – Ho letto tutti i vostri post sulle trivelle. Ho guardato tutte le sfilate delle immagini più o meno toccanti e più o meno simpatiche (l’ultima delle quali, “trivella tua sorella”, oltre che essere sfacciatamente maschilista, è stata proprio un epic fail, complimenti agli ideatori!). Immaginavo già che alcuni dei più famosi brand italiani arrivassero anche ad approfittare del momento caldo per le proprie campagne pubblicitarie (ed ecco infatti che “le uniche trivelle che ci piacciono” hanno per protagonisti un fusillo di pasta che si tuffa nel ragù e un cavatappi che affonda nel sughero di un nero d’avola). Mi rendo conto di quanto possa essere abbastanza facile restare impressionati da una campagna di Greenpeace che ci fa vedere le immagini del povero gabbiano tutto sudicio di petrolio che tenta disperatamente di aprire le ali. Ci vengono le lacrime agli occhi, vero? Ma siccome sono chiamata a dare un voto e mi piace pensare e agire con la mia testa, ho deciso di prendermi del tempo per informarmi e andare oltre le immagini e le informazioni che fonti “orientate” ci propinano in rete, soprattutto in materia ambientale, visto il tipico vizio che hanno certe campagne ambientaliste di puntare i piedi e otturare le orecchie. E quello che ho trovato in rete mi ha molto stupita. Sono partita da un paio di articoli (Il Post e Le Scienze) per poi approfondire saltellando da link a link fino a farmi un’idea mia che, per necessità di chiarezza, sento il bisogno di condividere. continua sotto
    • Ecologisti di casa propria 1 anno fa mostra
      Il resto ve lo cercate sull'articolo, perchè non il blog non lo fa passare (guarda caso, articolo troppo intelligente!!!), se vi interessa, se no fate come vi pare
    • Ecologisti di casa propria 1 anno fa mostra
      7) …e non è vero neanche che l’estrazione di combustibili dal sottosuolo può innescare terremoti come quello avvenuto anni fa in Emilia. Questa è un’argomentazione piuttosto tecnica di cui non auguro la lettura integrale nemmeno al mio peggior nemico, ma se volete trovate le conclusioni del rapporto a pagina 56 e successive di questo documento.
    • Ecologisti di casa propria 1 anno fa mostra
      6) Non è vero che la presenza degli impianti abbia ostacolato il turismo… Se così fosse, il litorale romagnolo (dove ci sono il maggior numero di impianti) non registrerebbe ogni stagione i flussi turistici che sono invece ben noti. Così anche la Basilicata. In poche parole il turista da peso ad altre cose, e non alla presenza delle piattaforme.
    • Ecologisti di casa propria 1 anno fa mostra
      5) Il referendum è illegittimo, fa leva sulla disinformazione dei cittadini e sulla cattiva immagine che una trivella ha nell’immaginario comune. Non è un referendum lo strumento più adatto per risolvere un tema così complesso e così tecnico. O meglio, potrebbe esserlo se fossimo tutti degli esperti di coltivazione d’idrocarburi, ma non lo siamo. Trivellare non vuol dire necessariamente essere contro le politiche green, anzi, la normativa di settore è piuttosto severa e restrittiva nei confronti delle concessioni e degli adempimenti a cui le compagnie devono prestare attenzione
    • Ecologisti di casa propria 1 anno fa mostra
      4) La vittoria del SI non si traduce in una politica immediata a favore delle energie rinnovabili che a conti fatti da sole non possono ancora bastare. Cosa vi aspettate, che all’indomani della cessazione delle attività nelle piattaforme, l’Italia magicamente si sosterrà solo con le rinnovabili? Siamo d’accordo che l’utilizzo dei combustibili fossili non sia una pratica sostenibile. Ma appunto per questo bisognerebbe puntare non alla costruzione di altri impianti, bensì allo sfruttamento residuo di quelli già esistenti che devono fare da supporto alle energie rinnovabili sempre più in crescita ma non ancora autonome. In un futuro (credo ancora troppo lontano) si auspica l’utilizzo esclusivo di energie rinnovabili ma ciò deve essere fatto un passo alla volta, con la consapevolezza che un periodo di “transizione” è fisiologico e l’utilizzo delle fonti fossili, soprattutto del gas, ci dovrà accompagnare in questo passaggio. In poche parole, se togliamo il gas e il petrolio dobbiamo essere in grado di sostenere subito “la baracca” in un altro modo altrettanto efficiente. Le stesse Greenpeace, Legambiente, Marevivo, Touring Club italiano e WWF hanno detto: “quello che serve per difendere una volta per tutte i nostri mari è il rigetto immediato e definitivo di tutti i procedimenti ancora pendenti nell’area di interdizione delle 12 miglia dalla costa e una moratoria di tutte le attività di trivellazione a mare e a terra, sino a quando non sarà definito un Piano energetico nazionale volto alla protezione del clima e rispettoso dei territori e dei mari italiani”. Ok, siamo d’accordo, ma nel frattempo che definiamo il Piano energetico, l’Italia come vivrà?
    • Ecologisti di casa propria 1 anno fa mostra
      3) La vittoria del SI non scongiura un rischio ambientale, anzi, contribuisce ad aumentare l’export petrolifero e quindi anche l’inquinamento. Ora, immaginiamoci un disastro ambientale, un grave incidente a una piattaforma petrolifera posizionata “correttamente” e cioè oltre il limite delle 12 miglia. Pensate davvero che un miglio, 5 miglia o anche 20 miglia possano fare la differenza? Sarebbe comunque una catastrofe e nessun vascello di Greenpeace o panda del WWF potrà correre avanti e indietro e fare da barricata all’avanzare del petrolio verso le coste. In più lo stop delle piattaforme esistenti si tradurrebbe in un maggiore traffico di petroliere che vanno a spasso per i nostri mari per portarci i combustibili che noi abbiamo deciso di non estrarre più ma di cui avremo ancora bisogno. Petroliere alimentate a petrolio, che trasportano petrolio e che possono esplodere o essere soggette a perdite e sversamenti. Senza dimenticarci che, sempre in Adriatico, anche la Croazia e la Grecia trivellano e, in futuro, potrebbero attingere ai giacimenti che l’Italia abbandonerà in caso di vittoria del SI. Insomma, a livello di rischio ambientale non cambia proprio nulla.
    • Ecologisti di casa propria 1 anno fa mostra
      2) la vittoria del SI porterà comunque alla costruzione di altri impianti. La costruzione di piattaforme entro le 12 miglia è vietata per legge dal 2006 (comma 17 dell’art. 6 del D.Lgs 152/06) e su questo possiamo stare sereni. La vittoria del SI non potrà, però, impedire alle compagnie di spostarsi e costruire nuovi impianti poco oltre questo limite. Praticamente con il SI quello che vogliamo dire alle compagnie e: >. Si, significa questo, ridotto ai minimi termini. La compagnia allora potrà scegliere se non cambiare stessa spiaggia stesso mare, dismettere l’impianto entro le 12 miglia e farne, per esempio, uno nuovo a 12,5 miglia (li dove nessuno potrà lamentarsi di nulla) oppure andare a cercare giacimenti altrove, sulla terraferma o in altri paesi. Ma inevitabilmente, altri impianti saranno costruiti e altri saranno potenziati, per sopperire al fabbisogno energetico. Se vietiamo l’utilizzo degli impianti esistenti, da qualche altra parte questo gas dovremo andarlo a prendere, no?
    • Ecologisti di casa propria 1 anno fa mostra
      1) Lo stop che prevede il referendum riguarda più il gas metano che il petrolio. In Italia il petrolio, l’oggetto più demonizzato dalle campagne “No-Triv”, viene estratto per la maggior parte a terra e non in mare. Gli impianti che saranno oggetto del referendum estraggono fondamentalmente metano, che sebbene fossile, è una fonte di gran lunga meno dannosa del petrolio e ancora per molti versi insostituibile (attualmente il 54% dell’offerta energetica mondiale). In questa pagina del sito dell’Ufficio Nazionale Minerario per gli Idrocarburi e le Georisorse, vi è l’elenco completo delle piattaforme oggetto del referendum (quelle entro i limiti delle 12 miglia), la profondità del fondale (dato spesso sottovalutato, ma molto importante) e il tipo di combustibile estratto. Nonostante Greenpeace si faccia portavoce di immagini con ragazzi in costume da bagno ricoperti di catrame e poveri pennuti starnazzanti nel petrolio, scorrere velocemente l’elenco degli impianti farà capire brevemente come la percentuale di impianti a GAS sia in netta maggioranza rispetto a quelli a OLIO. Questo si traduce con una sola frase: Siamo disinformati e pronti ad abboccare a qualsiasi cosa, basta che sia green.
    • Ecologisti di casa propria 1 anno fa mostra
      Premetto che ho molto a cuore l’ambiente ma rifiuto la definizione di ambientalista (parola che come “fondamentalista” e “integralista” denota un estremismo spesso privo di qualsiasi tipo di raziocinio). E no, non sono un geologo che lavora in piattaforma, sono un geologo disoccupato che manco ci pensa ad andare a lavorare in piattaforma, per carità. E non ho nessuno in famiglia che lavora alla Eni. Insomma nessun interesse personale nelle mie opinioni. Lasciando stare le motivazioni occupazionali (in caso di vittoria del SI, circa settemila lavoratori impiegati nel settore perderebbero il posto di lavoro, motivo per cui diversi sindacati si sono schierati a favore del NO) e le motivazioni economiche (dismettere gli impianti prima del tempo significa chiaramente un costo enorme per le spese di ammortamento, perché vuol dire non usare quell’impianto per l’intera vita operativa per cui era stato progettato) voglio discutere di seguito i motivi per cui non andare a votare nella speranza che non venga raggiunto il quorum, mi sembra la soluzione “più sostenibile”: continua
  • Aldo Masotti Utente certificato 1 anno fa
    a)USA: non hanno bisogno dei paradisi fiscali : Delaware ed altri stati fanno la bisogna . Ricordo che fino al 2012 era possibile anche per gli italiani aprire conti in USA senza formalita' . b)Girerei il problema pensando alla curva di Laffer: -se le tasse sono lo 0% lo stato incassa zero -se le tasse sono il 100% lo stato incassa zero perche' nessuno lavora gratis . La misura della oppressione da tassazione e' un fattore psicologico se tale valore scatta avvengono due cose: il non fare degli imprenditori e l'evasione / elusione di chi puo' . In medio stat virtus Per coloro che "e' tutta colpa dell'evasione" aggiungo: Noli mingere contra ventum Per coloro che "speriamo che me la cavo": In omnia pericula, tasta testicula :)
    • Max Stirner Utente certificato 1 anno fa
      "In omnia pericula, tasta testicula" Segue poi.. digito in culo missis, magna sfortuna fugata est. Tu ha provveduto a concludere la cabala? Ciao
    • uno del dissenso 1 anno fa mostra
      infatti non capisco perché ti confondi con questi idioti! cambia!
  • Angelo Sodali Utente certificato 1 anno fa mostra
    L'intervista che Grillo ha rilasciato al Corriere della Sera.mi ha fatto vergognare di essere iscritto al M5S Ormai la misura è colma da stasera consideratemi un ex
    • silo so Utente certificato 1 anno fa mostra
      che intervista hai ascoltato? O mangi la memoria a breve?
    • uno del dissenso 1 anno fa mostra
      se posso permettermi io l'ho capito alle parlamentarie del 2013 e pensavo pure di essere sprovveduto ... probabilmente ci sono più sprovveduti di me.
    • Daniele C. Utente certificato 1 anno fa mostra
      ma ancora non ti hanno ricoverato in un manicomio? certo che hai proprio una vita di merda!
    • Angelo Sodali Utente certificato 1 anno fa mostra
      Grillo: "I giovani di oggi vogliono comunicare il mio ideale invece è sempre stato quello di fare la grana" "Se volete sapere il resto venite a vedere il mio spettacolo" "Voglio che a Teatro non vengano a vedermi solo i grillini" Grazie al cazzo a 40 euro a biglietto ti prostituiresti anche davanti ad una platea di soli Piddini
    • FranK.Fo. 02 Utente certificato 1 anno fa mostra
      Klikk
    • Gino 1 anno fa mostra
      .............. "consideratemi un ex". E R A O R A! D E O G R A T I A S!
    • Mauro B. 1 anno fa mostra
      perchè sostenevi o fingevi di sostenere il m5s per Beppe?
    • Angelo Sodali Utente certificato 1 anno fa mostra
      Grillo: "Parlo da persona normale" "Se la Raggi non vince mi do fuoco"
    • Gino 1 anno fa mostra
      "consideratemi un ex". E R A O R A! D E O G R A T I A S!
    • Angelo Sodali Utente certificato 1 anno fa mostra
      Capisco anche che si sia rimangiato quello che ha detto sul Governo."scherzavo" La querela del PD si annuncia milionaria e se da politico può permettersi di fare passi di lato,da Comico se si tratta di cacciare i soldi di tasca propria la marcia indietro è d'obbligo
    • Angelo Sodali Utente certificato 1 anno fa mostra
      Per favore voi che rimanete organizzate una colletta.Il povero Beppe stavolta l'intervista al giornale di regime l'ha rilasciata gratis Si potrebbe rifare cedendo il marchio del M5S ma per il momento preferisce ancora tenerlo, se vinciamo a Roma il prezzo schizzerebbe alle stelle
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 1 anno fa mostra
      ma va a cagare! Clik...il solito troll certisfigato!
  • Charlemagne Clovis Utente certificato 1 anno fa mostra
    Bravi mettete le mani avanti!! Tanto si sa bene che Beppe Grillo e Casalegno hanno più di un conto a Panama!!
    • FranK.Fo. 02 Utente certificato 1 anno fa mostra
      Uhauuuu! puro la suspense ... AZZZ!!!
    • Charlemagne Clovis Utente certificato 1 anno fa mostra
      Aspettate venerdì....
    • FranK.Fo. 02 Utente certificato 1 anno fa mostra
      LINKS? Altrimenti taci ... sporcaccione ... Una buona serata. ^_^
    • Clesippo Geganio Utente certificato 1 anno fa mostra
      davvero non lo sapevo illustraci.
  • vietatoentrare 1 anno fa mostra
    SE SI POTESSE CANCELLARE IL M5S ARRIVEREBBE UN NUOVO SCALTRO A PIGLIARE I VOTI DEGLI STESSI RINCOJONITI?
  • pubblicitario infame 1 anno fa mostra
    Oreste quello di spegia proviene da una famiglia che ha sempre percepito stipendi statali per attività inutili perciò non dategli retta
  • pubblicitario infame 1 anno fa mostra
    Aspetta che grillo i suoi risparmi non li protegge ma li da ai sinistri per spolparli a cazzi
  • vietatoentrare 1 anno fa mostra
    https://pbs.twimg.com/media/CfSNi5zWIAANQOF.jpg SE LA TV E' MORTA VOI VILIPENDIATE UN CADAVERE!
  • Angelo Sodali Utente certificato 1 anno fa mostra
    Non è per criticare ma ogni volta che vengo sul blog mi sembra sempre di leggere il giornale di ieri. Ma possibile che con tutti i Politici di professione che ha, il Movimento 5 stelle è sempre l'ultimo a sapere le cose? Io vorrei che il M5S facesse qualcosa di diverso dal ripetere il giorno dopo quello che già sanno tutti.Gli scandali di questi ultimi tre anni vi sono passati sotto il naso e non vi siete accorti di niente. E solo grazie alla magistratura e alle forze dell'ordine che tutto questo marciume è venuto a galla A che è servito mandare il M5S in Parlamento? Se al suo posto ci mettevano un pappagallo il risultato era lo stesso
    • FranK.Fo. 02 Utente certificato 1 anno fa mostra
      KLIKK ... ^_^ ... Lei mio caro Sig. Angelo è realmente cacofonico nelle sue esternazioni. Una volta W M5S, un'altra abbasso M5S ... Essendo lei un troll, altro non merita che essere klikkato. Una buona serata a lei.
  • vietatoentrare 1 anno fa mostra
    Carabiniere perquisisce 4 rom. Il giudice vuole mandarlo in galera Un maresciallo die carabinieri è finito sotto indagine per aver "perquisito arbitrariamente" quattro nomadi presunti borseggiatori DOVETE METTERVI NELLA TESTA CHE IL PROBLEMA IN ITALIA NON SONO GLI STRANIERI!
  • vietatoentrare 1 anno fa mostra
    GRULLOIDI, SIETE PRONTI A ROMPERCI I COGLIONI ANCHE QUESTA SERA IN TV? A BALLARO' O A DI MARTEDI' O IN ENTRAMBE LE SOAPOPERA DELLA POLITICA? BUAAAAAH AH AH AH AH AH SE VOLETE VIVERE MEGLIO CAMBIATE CANALE O PORTATE LA TV IN DISCARICA!
    • Andrea F. Utente certificato 1 anno fa mostra
      Chi è questo balordo?
    • vietatoentrare 1 anno fa mostra
      IL CANONE? BUAAAH AH AH AH AH NON SO NEMMENO CHE CAZZO E'! INFATTI ALLA BOLLETTA FATIDICA PAGHERO' SOLO LA CORRENTE ELETTRICA CONSUMATA PERCHE' IO HO UN CONTRATTO CON L'ENEL DI SOLO FORNITURA ENERGIA ELETTRICA. NON DEVE FARE L'ESATTORE DI UNA TASSA. P.S. UN 22 POLLICI E' GIA' PRONTO DA TIRARE IN TESTA A CHIUNQUE SI PRESENTI DAVANTI CASA MIA!
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 1 anno fa mostra
      Tanto il canone lo paghi lo stesso! hahahahah!!!!
  • vietatoentrare 1 anno fa mostra
    VETRO ROTTO E COMPUTER DI BORDO STRAPPATO A NOGARN. BUAAAH AH AH AH AH AH E VOLETE FARLO PASSARE PER QUALCOSA RICONDUCIBILE ALLA POLITICA? A QUALCUNO SERVIVA UN COMPUTER DI BORDO DI QUELL'AUTO, COME SERVIVA A QUALCUNO QUELLO DEL MERCEDES ML RUBATO AD UN MIO COLLEGA NEL PARCHEGGIO DI UNA NOTA FIERA DI PIATTAFORME AEREE: LAVORO IMPECCABILE, VE LO GARANTISCO! AL CONTRARIO, I DISPETTI SI FANNO TAGLIANDO TUTTI I SEDILI O IMMERGENDO UN CEPPO DI LEGNO NELLA NAFTA PER UN GIORNO COLLOCANDOLO POI VICINO AD UNA RUOTA ANTERIORE E ACCESO!
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 1 anno fa mostra
      A Mantovà,Romano,Milanese,Bolognese,Friulano, ....sei esperto in materia....scrivi un libro! Andrebbe a RUBAAAAAA! hahahha!
  • vietatoentrare 1 anno fa mostra
    Tempa Rossa, la denuncia M5s: "Ci hanno impedito di entrare" ++++++++++ E' CONCESSO A QUALCHE "AUTOREVOLE" GRILLINO DI ENTRARE ALLA CASALEGGIO ASSOCIATI QUANDO SONO IN CORSO LE OPERAZIONI DI VOTO ON-LINE?
  • Deux Machina 1 anno fa mostra
    "I POST SUL BLOG:" SOLO FUMO NEGLI OCCHI !" Ieri alle ore 18,00 una delegazione del M5S comprendente l'ormai famigerato "Direttorio", ed altri grilloidi si è materializzata in quel di Viggiano (PZ) in Val D'Agri, nei pressi dei siti estrattivi petroliferi, al fine di fomentare la battaglia dei lucani, rinnovare lo sdegno sull'affaire del Min. dimissionario Guidi e cavalcare (ovviamente) l'ondata di protesta al fine di fare pressione sulle dimissioni del governo (almeno a parole). Oggi a 12 ore dall'evento, il BLOG (sapientemente) tira fuori un altro post che (come sempre accade) distoglie l'attenzione sul precedente, nel segno de "altro giro altra corsa". Nessuno si domanda come mai, non viene mai lasciato un post importante per più di 2 giorni. Che dite lo spieghiamo ? No eh ? Tanto i talebani sempre e comunque mi banneranno e diranno che sono del PD. Ormai non c'è più speranza di farli ragionare. Solo fra 20 anni, ormai vecchi e stanchi...guardandosi intorno e vedendo che non è cambiato assolutamente niente, capiranno quanto li hanno presi per il culo. Prontamente il BLOG
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 1 anno fa mostra
      deve essere il segretario di una sezione del PD partito dei Delinquenti,pagato con le tessere dei pecoroni!
    • Gino 1 anno fa mostra
      Famigerato? Grulloidi? Fomentare? Talebani? Modera il linguaggio; e pretendi pure che non ti schiaccino come una blatta??
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 1 anno fa mostra
      Clik!
    • Clesippo Geganio Utente certificato 1 anno fa mostra
      perchè nella lista PANAMA PAPERS ci sono nomi di società che hanno a che fare con fattacci nostrani non lontani dalle famiglie al governo e relative banche.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus