Il futuro dell'Enav a rischio

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle Senato

Ennesima svendita delle società pubbliche italiane.Questa volta è l'Enav a cadere sotto la scure di logiche orientare all'esclusivo interesse privatistico, a scapito di quello pubblico. L'Enav, infatti, nonostante la Corte dei Conti la consideri una società in salute a livello finanziario,viene quotata in Borsa, consentendo ad investitori privati, di decidere sul suo destino. L'operazione che porterebbe alle casse dello Stato forse circa 800 milioni di euro, cifra di poco conto se rapportata al valore attuale della società rischia di essere un clamoroso flop. Infatti neanche il momento di turbolenza finanziaria, legato al Brexit, ha fermato l'avidità di fare affari con la cosa pubblica. A pagare la scelta scellerata saranno come al solito i lavoratori, lo Stato, la collettività che vedono di volta in volta smantellate il patrimonio pubblico, per gli interessi dei soliti noti.

Il M5S con un'interrogazione, a prima firma del portavoce Santangelo, vuole spiegazioni, vuole capire perché nonostante i bilanci dell'Enav, nonostante il critico momento finanziario, nonostante il parere negativo di autorevoli analisti finanziari, si mette a repentaglio questa società.Il Movimento vuole sapere quando questo Governo comincerà a lavorare per il bene comune anziché per le lobby che lo sostengono.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 1 anno fa
    Svendita piu' svendita meno, l'importante e' dare da mangiare al "mercato" perche' da quelle parti sono gli amici del governo.
  • Nic 1 anno fa
    Tremo all'idea di ENAV privato, i privati vogliono solo guadagnare, i cieli sono trafficatissimi e richiedono un controllo preciso e puntuale con personale adeguato e addestrato perfettamente, non mi fido di privati guardate al drammatico incidente delle ferrovie private pugliesi che catastrofe !! Niente investimenti perché costano e quindi ci si affidava a sistemi di 100 anni fa....occhio gente e divulgate queste cose in modo di sensibilizzare più persone possibili a questi importanti temi riguardanti la nostra sicurezza
  • pietro denisi Utente certificato 1 anno fa
    Questo Governo è il cavallo di troia delle multinazionali e delle lobbyes finanziarie. Prima gli italiani lo sfrattano e meglioè.
  • Mirko 1 anno fa
    Enav, io lo continuo a ripetere, tutte le società pubbliche o con quotazioni sempre statali, in Italia, falliranno una alla volta per colpa della corruzione, del malaffare dilgante e dello sperpero enorme di danaro pubblico.
  • raffaela piccolo Utente certificato 1 anno fa
    quello che più inquieta è che Rothschild, sappiamo bene chi sia, su incarico di Padoan(eminenza grigia del NWO) sarà l’advisor finanziario del ministero dell’Economia per la privatizzazione dell’Enav. e lostudio Shearman & Sterling consulente legale in questa operazione. Ormai i poteri occulti non sono più tali e si tanno sempre più palesando con le loro trame...Perchè nessuno ne parla ?? Questo è alto tradimento ..un ennesimo colpo alla sovranità popolare a all'art.1 della Costituzione ..C'è da denunciare Padoan per questo .
    • bruno r. Utente certificato 1 anno fa
      Questo fa parte di quello che ho scritto sopra.
  • mario 1 anno fa
    Avevo infatti notato come nell'ultimo mese sui mezzi di disinformazione di massa passava una pubblicità che elogiava il lavoro svolto dalla società nazionale di assistenza voli italiana (ENAV) Ieri poi ho letto su un giornale di questa ennesima SVENDITA di un ente pubblico. Si, perchè mi pare che seppur essendo S.p.A ed essendo quotata in borsa (dopo tutto dal 2001 è S.p.A.) rimaneva pur sempre un ENTE PUBBLICO https://it.wikipedia.org/wiki/ENAV Al che ho capito il perchè per un mese (e forse più) sulla tv nazionale passavano questi spot di elogio dell'ente, proprio per attirare l'attenzione di qualche possibile investitore privato. Chi subentrerà, acquistando a prezzo di SOTTOCOSTO, come proprietario dell'ente? Inizialmente ci diranno che la maggioranza delle quote rimarrà pubblica per poi pian piano SVENDERE la maggioranza (quando non tutte) le azioni, che ne so .... al primo mafioso cinese di turno che sborsa qualche miliardino cash (dopo tutto loro possono anche farlo tanto chi vende non va certo a guardare la provenienza delle finanze dell'acquirente). Per le poste sta avvenendo la stessa identica cosa. Con dispiacere (visto che sono stato anche un loro cliente) dico che io sarei preoccupato se fossi in chi ha conti correnti e/o libretti di risparmio nelle poste perchè la loro gestione sta pian piano passando nelle mani di privati, gente che guarda solo al mero profitto. Ed infatti noto come ultimamente le poste siano nel marasma più generale, uffici chiusi e/o aperti a giorni alterni, postamat che non funzionano, impiegati che per fare una semplice operazione ci mettono le mezze ore in quanto hanno le linee di connessione che non funzionano e/o funzionano male e chi più ne ha più ne metta. Sinceramente non so come andrà a finire, ma per tutti questi servizi (che una volta erano totalmente pubblici) la vedo male, MOLTO MALE. Tutto per fare cassa, il governo non sa più come raccattare liquidità. Che abbiano trovato questa soluzione per coprire buco mps???
  • Raffaele Casetti 1 anno fa
    Ne parlavo in famiglia l'altro giorno. Ci chiedevamo che senso avesse privatizzare un ente gestore della sicurezza di un sistema di trasporti. E come se privatizzassimo le capitanerie di porto. Inoltre ENAV non è solo un gruppo di operatori davanti ad uno schermo a smistare aerei, ma una grande macchina tecnologica, con un know-how incredibile sulle telecomunicazioni ed i sistemi radar. Andate a visitare il radar del M.te Lesima in provincia di Pavia, gestito dall'ENAV, e capirete quale patrimonio ingegneristico stiamo mettendo sulla bancarella del mercato per essere fatto a pezzi.
    • marcello f. Utente certificato 1 anno fa
      sappiamo tutti che la svendita del patrimonio di tutti gli italiani tra cui l'ENAV è solo una offerta agli appetiti criminali assassini di miliardari assetati di denari a qualunque costo. Sono soddisfatti quando possono distruggere una nazione si sentono potenti e siccome sono anche sadici vedere la povertà crescere gli da un piacere particolare. A chi siamo in mano? i manutengoli come i nostri attuali vertici politici nazionali non contano niente, sono marionette. Il potere si nasconde all'estero e come possiamo fermarlo?? Ci vorrebbe una concordia nazionale, una determinazione come poche volte nella storia d'Italia, una alleanza vera con un paese potente. Le vedi queste condizioni? Che fare? io per ora vorrei sputare in modo non violento sui piedi dei nostri campioni nazionali di tradimento ed in prospettiva facendo l'attivista 5 stelle come una attività di volontariato civile lavorare per tagliare l'erba sotto i piedi ai nostri attuali schifosi governanti. Ciao
  • Franco Della Rosa 1 anno fa
    INVECE DI STATALIZZARE VENDIAMO !!! INVECE DI PROMUOVERE l'INTERESSE COMUNE FAVORIAMO IL SINGOLO !!! L'IMPOVERIMENTO GENERALE AUMENTA !!!
    • Pier 1 anno fa
      Abbiamo dato fiducia al Movimento 5 Stelle perché facesse queste cose e bisogna continuare così. Il mercato ed il profitto non devono diventare una sorta di fede laica, che si è sostituita alla fede religiosa ed alle ideologie. Non ci inchiniamo alla Borsa, tempio del dio denaro, con la passività di un credente; vogliamo sapere perché una società sana come ENAV debba essere data in pasto a speculatori privati per un piatto di lenticchie. C'è dell'altro e sarebbe il caso di scoprirlo.
  • Pietro Rotai 1 anno fa
    Signori miei, qui non si tratta di un Ente qualsiasi, con una missione qualsiasi, tipo Poste Italiane; qui si tratta dell'Ente che controlla il traffico aereo civile, cioè colui a cui ci affidiamo (oltre al Buon Dio) per volare con sicurezza nei cieli. Dovrebbe essere vietato mettere a profitto la sicurezza. Se esistesse la Politica Etica. Ma non c'è, e poi si piangono i morti.
  • Oreste Grani 1 anno fa
    La "privatizzazione" dell'ENAV non può non riguardare la Sicurezza nazionale. Anzi è certamente questione di sicurezza nazionale cioè materia che dalle parti del Copasir, dell'Intelligence diffusa e condivisa che Angelo Tofalo porta avanti (ma con dei gradi di timidezza che la materia delicatissima non si merita) dovrebbe diventare una priorità assoluta. Forza ragazzi, le reti (non solo quelle per twittare e mostrare foto dei propri cani e gatti), sono il terreno su cui si giocherà la residua sovranità del Paese. Si potrebbe ad esempio, lanciare un'acquisto atipico dell'ENAV da parte di centinaia di migliaia di grillini e stupire il mercato. Comprare e mettere al sicuro per poi quando si dovesse avere la responsabilità del governo centrale, restituire l'ENAV alla collettività facendo nuovamente intervenire la Repubblica. Oppure, da subito, incazzarsi e impedire "democraticamente" questo alto tradimento. Perché, sappiatelo, chi controlla l'ENAV tiene sotto schiaffo "la rete delle reti" aerea. Chi vuole privatizzarla o è cretino o serve interessi terzi e questo un COPASIR attento potrebbe scoprirlo. Ma per scoprirlo, bisogna essere attenti. Grazie comunque di quello che fate. Oreste Grani/Leo Rugens
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 1 anno fa
    Se non si ha fiducia nel pubblico, nello Stato, nei cittadini, allora si sceglie la via della privatizzazione dei servizi sociali oltre che di quelli economici. E' l'impostazione ideologica che guida l'azione del governo in carica, sbagliata perche' impoverisce il pubblico e ingrassa il privato e, cosa piu' importante, si priva di qualunque strumento di indirizzo dell'economia. Cosi' i privati hanno mano libera nel perseguire i propri interessi di parte se za alcun riguardo oer l'interesse pubblico.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus