Aboliamo l'impignorabilità degli stipendi dei parlamentari

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.




di Maurizio Buccarella, portavoce M5S Senato

E' in discussione su Rousseau la proposta di legge del MoVimento 5 Stelle sull'abolizione dell'impignorabilità degli stipendi dei parlamentari, un insopportabile privilegio della casta.
In Italia se sei in ritardo con il pagamento del mutuo, la Banca viene e ti prende casa o ti sequestra il capannone della tua impresa. Se hai un debito o devi risarcire qualcuno e non lo fai, ti pignorano la macchina, i mobili e i conti correnti. E se non hai altri beni, sui quali i creditori possono soddisfarsi, ecco allora che ti pignorano lo stipendio o, addirittura, anche la pensione. Questo vale per tutti. Tranne che per la casta dei politici parlamentari. Ed infatti i membri del Parlamento hanno quale ulteriore privilegio quello della impignorabilità e della insequestrabilità delle proprie indennità e delle proprie diarie (art. 5, legge n. 1261 del 1965).
Ne deriva, dunque, che un parlamentare qualora per esempio venisse condannato a risarcire un danno e non fosse intestatario di altri beni aggredibili, godrebbe di un trattamento differente e di favore rispetto a tutti gli altri cittadini, posto che nessun creditore potrebbe effettivamente pignorare o sequestrare i propri compensi da parlamentare.
Questa è una vera e propria ingiustizia. Per questo motivo il M5S ha presentato una proposta di legge di poche righe finalizzata ad abrogare definitivamente la legge attuale e rendere lo stipendio del parlamentare pignorabile e sequestrabile come per tutti i cittadini. Partecipa anche tu su Rousseau proponendo miglioramenti e modifiche. Grazie a tutti coloro che ci stanno sostenendo con una donazione. Sostienici anche tu!

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • A L. Utente certificato 1 anno fa
    Non servono assemblee per sospendere un signore eletto per fare il sindaco ma palesa troppe voglie da capobastone. Il M5S non è stato fondato semplicemente per governare, ma per cambiare il Paese. Chi non sa stare al suo posto è fuori. Io non ho votato Pizzarotti che farebbe bene a pensare alla sua città, che ha meno abitanti di uno solo dei 15 municipi di Roma. Lui rappresenta solo i suoi cittadini e non il Movimento.Continui a curare le rubriche su Repubblica e lasci stare la politica nazionale che non è nelle sue corde. Parma non è l'Italia, ma una piccola città di provincia coi suoi problemi e di quelli Pizzarotti si deve occupare.
    • (A)rjцna Utente certificato 1 anno fa mostra
      Perchè tu sai stare al tuo posto? Ma che cazzo stai dicendo? Hai 10 giorni di tempo per farmi le scuse a questa mail: staff.comando.io@capobastonedestaminkjia.grog
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus